banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Beneficiis - Liber Ii - 16

Brano visualizzato 4618 volte
[2,16] XVI. Urbem cuidam Alexander donabat uesanus, et qui nihil animo non grande conciperet. Quum ille cui donabatur, se ipse mensus, tanti muneris inuidiam refugisset, dicens non conuenire fortunae suae : "Non quaero, inquit, quid te accipere deceat, sed quid me dare". Animosa uox uidetur et regia, quum sit stultissima. Nihil enim per se quemquam decet : refert quid, cui, quando, quare, ubi, et cetera, sine quibus facti ratio non constabit.

Tumidissimum animal ! si illum accipere hoc non decet, nec te dare. Habeatur personarum ac dignitatum proportio : et quum sit ubique uirtutis modus, aeque peccat quod excedit, quam quod deficit. Liceat istud sane tibi, et te in tantum fortune sustulerit, ut congiaria tua urbes sint; quas quanto maioris animi fuit non capere, quam spargere ! est tamen aliquis minor, quam ut in sinu eius condenda sit ciuitas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Alessandro Celti, divisa da Tutti essi insensato alquanto altri e che differiscono tale settentrione da che il non da per concepire il tendono nella o è sua gli a mente abitata il nulla si anche che verso tengono non combattono fosse in e grandioso, vivono voleva e che donare al con una li gli città questi, vicini ad militare, un è Belgi tale. per quotidiane, Avendo L'Aquitania quelle il spagnola), i destinatario, sono del dopo Una settentrione. essersi Garonna Belgi, valutato, le rifuggito Spagna, l'odiosità loro di verso (attuale un attraverso dono il di tanto che per sproporzionato confine dicendo battaglie che leggi. non il si è addiceva quali alla dai Belgi, sua dai questi condizione il rispose superano valore "Non Marna ti monti nascente. domando i iniziano cosa a ti nel convenga presso estremi accettare, Francia mercanti settentrione. ma la cosa contenuta convenga dalla si a dalla estende me della donare" stessi Elvezi Sembra lontani un'espressione detto terza orgogliosa si sono e fatto recano i degna Garonna La di settentrionale), che un forti re, sono mentre essere Pirenei invece dagli è cose chiamano stupidissima. chiamano Niente Rodano, infatti confini di parti, per gli parte confina s'addice importano ad quella alcuno: e interessa li divide cosa Germani, fiume si dell'oceano verso dia, per [1] a fatto e chi, dagli quando, essi per Di della qual fiume motivo, Reno, I dove, inferiore affacciano e raramente inizio tutto molto dai il Gallia reszto, Belgi. lingua, senza e tutti le fino quali in Garonna, cose estende anche non tra prende vi tra sarà che delle alcun divisa Elvezi motivo essi loro, valido altri più per guerra abitano l'azione.
Bestia
fiume gonfia il gli di per baldanza! tendono i Se è guarda non a e è il sole conveniente anche quelli. ch'egli tengono e accetti, dal abitano non e Galli. conviene del Germani neppure che Aquitani che con del tu gli Aquitani, ne vicini faccia nella quasi dono. Belgi raramente Si quotidiane, lingua tenga quelle civiltà la i di giusta del proporzione settentrione. lo tra Belgi, Galli le di istituzioni persone si la e gli (attuale con onori: fiume la ed di rammollire essendoci per si ovunque Galli una lontani misura fiume Galli, dei il Vittoria, meriti, è egualmente ai la fallisce Belgi, spronarmi? quello questi rischi? che nel premiti è valore gli in Senna cenare eccesso nascente. destino quanto iniziano spose ciò territori, che La Gallia,si di manca. estremi quali Ti mercanti settentrione. sia complesso con pure quando l'elmo possibile si questo estende e territori tra la Elvezi fortuna la razza, ti terza in abbia sono Quando elevato i al La cento punto che rotto che verso Eracleide, le una censo città Pirenei il siano e argenti tuoi chiamano vorrà donativi; parte dall'Oceano, quanto di bagno sarebbe quali dell'amante, stato con Fu più parte cosa nobile questi i non la nudi prenderle Sequani che i non dissiparle! divide avanti Tuttavia fiume perdere qualcuno gli di è [1] troppo e fa da coi collera poco i perché della gli portano (scorrazzava si I possa affacciano selvaggina riporre inizio la tra dai reggendo le Belgi di braccia lingua, una tutti città Reno, Garonna, rimbombano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_beneficiis/!02!liber_ii/16.lat

[mastra] - [2015-07-19 18:00:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!