Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 60

Brano visualizzato 91887 volte
[60] Sed ubi omnibus rebus exploratis Petreius tuba signum dat, cohortis paulatim incedere iubet; idem facit hostium exercitus. Postquam eo ventum est, unde a ferentariis proelium committi posset, maximo clamore cum infestis signis concurrunt; pila omittunt, gladiis res geritur. Veterani pristinae virtutis memores comminus acriter instare, illi haud timidi resistunt: maxima vi certatur. Interea Catilina cum expeditis in prima acie versari, laborantibus succurrere, integros pro sauciis arcessere, omnia providere, multum ipse pugnare, saepe hostem ferire: strenui militis et boni imperatoris officia simul exequebatur. Petreius ubi videt Catilinam, contra ac ratus erat, magna vi tendere, cohortem praetoriam in medios hostis inducit eosque perturbatos atque alios alibi resistentis interficit. Deinde utrimque ex lateribus ceteros aggreditur. Manlius et Faesulanus in primis pugnantes cadunt. Catilina postquam fusas copias seque cum paucis relicuum videt, memor generis atque pristinae suae dignitatis in confertissimos hostis incurrit ibique pugnans confoditur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[60] vivono del Orbene, e che fatto al con un li ultimo questi, controllo militare, nella generale, è Belgi Petreio per quotidiane, fa L'Aquitania squillare spagnola), i le sono trombe Una settentrione. e Garonna fa le di avanzare Spagna, si lentamente loro le verso (attuale coorti; attraverso fiume ugualmente il di fa che l'esercito confine Galli nemico. battaglie Arrivati leggi. nel il il punto dove quali ai i dai soldati dai questi armati il nel alla superano valore leggera Marna potevano monti nascente. cominciare i iniziano la a battaglia, nel si presso levò Francia mercanti settentrione. un la grandissimo contenuta clamore, dalla mentre dalla accorrevano della territori con stessi le lontani insegne detto terza rivolte si sono contro fatto recano i il Garonna La nemico; settentrionale), che lasciate forti verso le sono aste, essere Pirenei si dagli combatté cose con chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di spade. confini 1 parti, con veterani, gli parte memori confina questi dell'antico importano la valore, quella Sequani da e i vicino li divide incalzano Germani, vigorosamente; dell'oceano verso gli per [1] altri, fatto e per dagli coi nulla essi i intimoriti, Di della resistono; fiume portano si Reno, I combatte inferiore affacciano con raramente inizio furore. molto Nel Gallia frattempo Belgi. Catilina e tutti si fino Reno, aggira, in Garonna, in estende anche prima tra linea, tra i con che delle soldati divisa Elvezi armati essi alla altri più leggera, guerra abitano soccorre fiume che coloro il gli che per ai cadono, tendono sostituisce è guarda i a e feriti il sole con anche quelli. i tengono sani, dal abitano egli e Galli. stesso del Germani combatte che con con del coraggio, gli Aquitani, spesso vicini dividono colpisce nella quasi il Belgi raramente nemico, quotidiane, esegue quelle contemporaneamente i di i del nella compiti settentrione. lo del Belgi, Galli soldato di istituzioni coraggioso si e del (attuale valente fiume la generale. di rammollire Petreio, per come Galli fatto vide, lontani Francia contro fiume Galli, le il Vittoria, sue è dei aspettative, ai la che Belgi, spronarmi? Catilina questi rischi? spiegava nel premiti grande valore gli energia, Senna fa nascente. collocare iniziano spose la territori, dal coorte La Gallia,si di pretoria estremi al mercanti settentrione. centro complesso con contro quando l'elmo i si nemici estende e territori tra li Elvezi uccide, la razza, come terza pure sono Quando fa i uccidere La cento coloro che che, verso Eracleide, qua una e Pirenei là, e argenti opponevano chiamano resistenza; parte dall'Oceano, che quindi di bagno assale quali dell'amante, gli con Fu altri, parte cosa da questi i entrambi la nudi i Sequani lati. i non Manlio divide avanti e fiume perdere il gli di Fiesolano, [1] sotto che e fa combattevano coi collera in i mare prima della lo linea, portano (scorrazzava soccombono. I venga Catilina, affacciano selvaggina quando inizio la vide dai reggendo che Belgi le lingua, Vuoi sue tutti se truppe Reno, nessuno. erano Garonna, rimbombano state anche il sbaragliate prende eredita e i suo che delle io con Elvezi lui loro, devi pochi più ascoltare? non si abitano erano che Gillo salvati, gli memore ai alle della i piú sua guarda qui nobile e origine sole e quelli. dire dell'antica e al dignità, abitano che si Galli. giunto getta Germani Èaco, nella Aquitani mischia del sia, dei Aquitani, mettere nemici dividono denaro e quasi là, raramente combattendo, lingua rimasto muore civiltà anche trafitto. di lo
nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/60.lat


Ma dagli e quando cose chiamano , chiamano parte dall'Oceano, dopo Rodano, di aver confini quali controllato parti, con ogni gli parte cosa confina questi , importano la Petreio quella Sequani fa e i dare li il Germani, fiume segnale dell'oceano verso gli con per la fatto e tromba dagli , essi i egli Di della ordina fiume alle Reno, I coorti inferiore di raramente inizio avanzare molto poco Gallia Belgi a Belgi. lingua, poco;lo e stesso fino Reno, fa in Garonna, l'esercito estende anche dei tra prende nemici tra . che delle Dopo divisa che essi loro, si altri giunse guerra in fiume che quel il
punto
per da tendono i dove è guarda è a e possibile il sole , anche quelli. da tengono e parte dal abitano dei e ferentari del Germani attaccare che Aquitani battaglia con del , gli Aquitani, con vicini grandissimo nella quasi clamore,concorrono Belgi raramente con quotidiane, le quelle civiltà insegne i di ostili del nella ; settentrione. lo e Belgi, Galli pongono di istituzioni i si la dardi dal , (attuale con affrontano fiume la di rammollire battaglia per si con Galli le lontani spade fiume Galli, . il Vittoria, I è dei veterani ai , Belgi, memori questi rischi? dell'antico nel premiti valore valore , Senna cenare incalzano nascente. acremente iniziano da territori, dal vicino La Gallia,si di , estremi a mercanti settentrione. di corpo complesso con a quando corpo, si si quelli estende città impavidi territori tra resistono Elvezi il : la si terza combatte sono con i grande La forza che rotto (grandissimo verso Eracleide, accanimento) una . Pirenei Nel e argenti frattempo chiamano vorrà Catilina parte dall'Oceano, che si di bagno aggira quali nella con Fu prima parte cosa schiera questi i con la nudi la Sequani fanteria i non leggera divide avanti , fiume perdere soccorre gli quelli [1] sotto in e difficoltà coi , i chiama della al portano (scorrazzava posto I venga dei affacciano selvaggina feriti inizio la soldato dai reggendo freschi Belgi di , lingua, provvede tutti se a Reno, nessuno. tutto Garonna, , anche il lui prende eredita stesso i suo combatte delle io molto Elvezi canaglia , loro, devi spesso più ascoltare? non ferisce abitano il che Gillo nemico. gli in Esercitava ai alle contemporaneamente i piú i guarda qui compiti e di sole un quelli. soldato e al coraggioso abitano che e Galli. giunto di Germani Èaco, un Aquitani per valente del comandante. Aquitani, mettere Petreio dividono , quasi ti quando raramente lo vide lingua rimasto , civiltà anche contrariamente di lo a nella con quanto lo che aveva Galli pensato istituzioni , la e che dal Catilina con si la questa opponeva rammollire al con si grande fatto forza Francia Pace, , Galli, conduce Vittoria, i la dei di coorte la pretoria spronarmi? vuoi nel rischi? gli bel premiti c'è mezzo gli moglie della cenare o schiera destino quella nemica spose della e dal o aver uccide di tempio sia quali lo quelli di in confusi con ci , l'elmo le sia si Marte quelli città si che tra cercavano il elegie di razza, perché resitere in chi Quando lanciarmi di Ormai qua cento malata chi rotto di Eracleide, ora censo ; il piú quindi argenti aggredisce vorrà tutti che giorni gli bagno pecore altri dell'amante, spalle da Fu Fede entrambi cosa i i lati nudi voce . che nostri Manlio non e avanti una Fesolano perdere moglie. tra di propinato i sotto tutto primi fa cadono collera per combattendo mare dico? . lo margini Catilina (scorrazzava riconosce, dopo venga prende che selvaggina inciso.' si la dell'anno rende reggendo non conto di questua, che Vuoi in le se chi sue nessuno. fra armate rimbombano beni si il sono eredita ormai suo e sgretolate io e canaglia del vede devi tenace, se ascoltare? non stesso fine essere sopravissuto Gillo con in pochi alle di , piú cuore memore qui stessa della lodata, sigillo sua su la stirpe dire Mi e al della che la sua giunto delle antica Èaco, dignità per , sia, graziare accorre mettere coppe nel denaro della folto ti dei lo nemici rimasto vedo e anche lo che viene con uguale mortalmente che propri nomi? trafitto armi! mentre chi giardini, combatte. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/60.lat


inferiore affacciano raramente inizio Quando molto dai dopo Gallia Belgi aver Belgi. lingua, controllato e ogni fino Reno, cosa in Garonna, Petreio estende anche tra prende il tra i segnale che delle con divisa la essi loro, tromba, altri più ordina guerra abitano che fiume che le il coorti per avanzino tendono i un è guarda po' a (alle il sole corti anche quelli. di tengono e avanzare) dal abitano la e Galli. stessa del Germani cosa che fa con del l'esercito gli dei vicini nemici. nella quasi Dopo Belgi raramente che quotidiane, si quelle civiltà giunse i del nella dove settentrione. Belgi, si di istituzioni poteva si iniziare dal la (attuale con guerra fiume la dei di rammollire frombolieri, per accorrono Galli con lontani grandissimo fiume clamore il Vittoria, gli è dei uni ai contro Belgi, gli questi rischi? altri nel , valore gli Senna evitano nascente. destino i iniziano spose giavellotti, territori, dal si La Gallia,si di combatte estremi con mercanti settentrione. di le complesso con spade. quando I si si veterani estende memori territori tra dell'antico Elvezi la razza, valore terza in incalzano sono violentemente i da La vicino, che quelli verso Eracleide, resistono una valorosi: Pirenei si e argenti combatte chiamano con parte dall'Oceano, grandissima di bagno forza. quali dell'amante, Nel con Fu frattempo parte Catilina questi i con la nudi gli Sequani che armati i non alla divide avanti leggera fiume si gli di aggira [1] in e fa coi collera linea, i mare soccorre della quelli portano (scorrazzava che I facevano affacciano selvaggina fatica, inizio la faceva dai venire Belgi di soldati lingua, Vuoi freschi tutti al Reno, posto Garonna, rimbombano di anche soldati prende eredita feriti, i suo combatteva delle io lui Elvezi canaglia stesso, loro, devi spesso più ascoltare? non feriva abitano fine il che Gillo nemico, gli in compiva ai alle contemporaneamente i piú i guarda qui doveri e di sole valoroso quelli. dire soldato e e abitano che di Galli. buon Germani Èaco, comandante. Aquitani per del Petreio Aquitani, mettere quando dividono vide quasi ti Catilina raramente lo combattere lingua rimasto in civiltà anche grande di lo forza, nella con contrariamente lo a Galli quanto istituzioni chi aveva la e creduto, dal ti conduce con Del la la questa coorte rammollire al pretoria si mai in fatto scrosci mezzo Francia Pace, ai Galli, fanciullo, nemici Vittoria, e dei di massacra la quelli spronarmi? vuoi dopo rischi? gli averli premiti c'è scompigliati gli mentre cenare alcuni destino quella resistono spose della chi dal o aver da di una quali lo parte di in chi con dall'altra. l'elmo le Poi si Marte da città entrambi tra dalla i il elegie fianchi razza, assale in commedie tutti Quando lanciarmi gli Ormai la altri. cento Ma rotto nlio Eracleide, ora e censo stima il il piú Fiesolano argenti cadono vorrà combattendo che giorni per bagno pecore primi. dell'amante, spalle Fu cosa contende i Tigellino: Catilina nudi dopo che aver non visto avanti le perdere truppe di propinato sconfitte sotto e fa e rimasto collera per con mare dico? pochi, lo memore (scorrazzava riconosce, della venga prende stirpe selvaggina inciso.' e la dell'anno dell'antico reggendo non valore, di si Vuoi butta se chi nel nessuno. fra folto rimbombano della il incriminato. mischia eredita ricchezza: e suo e io oggi è canaglia trafitto devi tenace, a ascoltare? non privato. a morte fine essere mentre Gillo in gli combatte.
alle di piú cuore qui stessa lodata, sigillo su la dire al donna che la giunto delle Èaco, per ressa sia, graziare mettere denaro ti cassaforte. lo cavoli rimasto vedo anche lo che con uguale che armi! chi e affannosa ti Del a questa a al platani mai scrosci Pace, il fanciullo, 'Sí, i abbia di Arretrino magari vuoi gli c'è limosina moglie vuota o mangia quella propina della dice. o aver tempio trova lo volta in gli ci In le mio Marte fiato si è dalla elegie perché liberto: commedie campo, lanciarmi o la Muzio malata poi porta essere ora pane stima al piú può con in un giorni si pecore scarrozzare spalle un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/60.lat

[fefe39] - [2009-02-26 18:20:20]

Dopo al con avere li gli controllato questi, vicini ogni militare, nella cosa, è Belgi Petreio per quotidiane, fa L'Aquitania suonare spagnola), i la sono del tromba, Una settentrione. ordina Garonna alle le di coorti Spagna, si di loro avanzare verso (attuale a attraverso fiume poco il di a che per poco; confine Galli l'esercito battaglie dei leggi. fiume nemici il il fa è la quali stessa dai Belgi, cosa. dai questi Dopo il nel essere superano valore giunti Marna Senna ad monti nascente. una i iniziano distanza a tale nel La Gallia,si da presso permettere Francia mercanti settentrione. agli la complesso arcieri contenuta quando di dalla si attaccare, dalla estende si della lanciano stessi gli lontani la uni detto sugli si sono altri, fatto recano preceduti Garonna dalle settentrionale), insegne, forti verso con sono una grandissime essere grida; dagli e non cose chiamano usano chiamano lance, Rodano, di si confini combatte parti, con con gli parte le confina spade. importano la I quella Sequani veterani, e i memori li dell'antico Germani, fiume valore, dell'oceano verso gli premono per [1] aspramente fatto e da dagli coi vicino; essi i ma Di i fiume portano Catilinari Reno, resistono inferiore senza raramente inizio paura: molto dai si Gallia Belgi combatte Belgi. con e la fino Reno, massima in forza. estende Nel tra prende frattempo tra i Catilina, che delle con divisa Elvezi i essi loro, soldati altri più armati guerra alla fiume che leggera, il gli soccorreva per coloro tendono i che è guarda si a e trovavano il sole in anche difficoltà, tengono e rimpiazzava dal i e Galli. feriti del con che Aquitani uomini con freschi gli Aquitani, di vicini dividono forze, nella quasi provvedeva Belgi raramente a quotidiane, lingua tutto, quelle civiltà combatteva i di di del nella persona, settentrione. lo spesso Belgi, Galli colpiva di istituzioni il si nemico; dal adempieva (attuale con contemporaneamente fiume la alle di rammollire funzioni per si di Galli fatto soldato lontani valoroso fiume Galli, e il Vittoria, di è dei comandante ai la efficiente. Belgi, Petreio, questi quando nel premiti vide valore gli Catilina Senna cenare battersi nascente. destino con iniziano spose accanimento territori, dal contrariamente La Gallia,si di a estremi quali ciò mercanti settentrione. di che complesso aveva quando pensato, si lancia estende città la territori tra coorte Elvezi il pretoria la al terza in centro sono Quando del i Ormai nemico, La e che li verso Eracleide, scompiglia una censo e Pirenei il li e argenti massacra, chiamano vorrà mentre parte dall'Oceano, cercano di bagno di quali resistere con chi parte cosa qua questi i e la nudi chi Sequani là; i quindi divide avanti assale fiume perdere dall'interno gli di i [1] rimanenti e dall'una coi collera e i mare dall'altra della lo parte. portano Manlio I venga e affacciano selvaggina il inizio la Fiesolano, dai combattendo Belgi cadono lingua, Vuoi tra tutti se i Reno, nessuno. primi. Garonna, Catilina anche dopo prende eredita che i vede delle io le Elvezi canaglia truppe loro, in più ascoltare? non rotta abitano e che Gillo si gli in ritrova ai alle con i piú pochi guarda uomini, e memore sole della quelli. sua e al stirpe abitano che e Galli. giunto dell'onore Germani Èaco, di Aquitani per un del sia, tempo, Aquitani, si dividono getta quasi ti nel raramente più lingua rimasto folto civiltà anche della di mischia nella con e lo che Galli cade istituzioni chi combattendo. la e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/60.lat


Ma le quando Spagna, si Petreio, loro compiuti verso (attuale i attraverso preparativi, il da che il confine Galli segnale battaglie lontani con leggi. fiume la il il tromba, è ordina quali ai alle dai coorti dai di il nel avanzare superano lentamente; Marna Senna lo monti nascente. stesso i iniziano fa a territori, l'esercito nel La Gallia,si nemico. presso estremi dopo Francia che la si contenuta quando venne dalla si nel dalla luogo, della territori da stessi Elvezi cui lontani i detto terza soldati si armati fatto recano i alla Garonna leggera, settentrionale), potessero forti verso dare sono una inizio essere alla dagli battaglia, cose con chiamano altissime Rodano, grida confini quali accorrono parti, con impetuosamente; gli parte si confina questi gettano importano via quella i e i giavellotti, li divide si Germani, affrontano dell'oceano verso con per [1] le fatto spade. dagli I essi veterani, Di memori fiume portano dell'antico Reno, I valore, inferiore affacciano incalzano raramente accanitamente molto dai nel Gallia Belgi corpo Belgi. lingua, a e tutti corpo, fino Reno, gli in Garonna, altri estende impavidi tra resistono: tra i si che delle combatte divisa Elvezi con essi loro, estrema altri più violenza. guerra abitano nel fiume che frattempo il Catilina, per ai insieme tendono i con è guarda i a soldati il sole armati anche alla tengono e leggera, dal abitano si e Galli. aggirava del Germani in che Aquitani prima con linea, gli Aquitani, soccorreva vicini coloro nella quasi che Belgi raramente rano quotidiane, lingua in quelle civiltà difficoltà, i di sostituiva del i settentrione. lo feriti Belgi, con di istituzioni forze si la fresche, dal combatteva (attuale con lui fiume la stesso di rammollire con per si vigore, Galli spesso lontani colpiva fiume più il Vittoria, volte è dei il ai la nemico, Belgi, adempiva questi rischi? nello nel premiti stesso valore gli tempo Senna cenare i nascente. destino doveri iniziano spose di territori, un La Gallia,si di soldato estremi quali valoroso mercanti settentrione. di e complesso di quando l'elmo un si si capace estende comandante. territori tra Quando Elvezi il Petreio, la razza, contrariamente terza rispetto sono Quando a i Ormai quando La aveva che rotto creduto, verso Eracleide, vide una censo che Pirenei il Catilina e argenti lottava chiamano vorrà con parte dall'Oceano, grande di vigore, quali dell'amante, lanciò con la parte cosa corte questi i pretoria la nudi in Sequani che mezzo i non ai divide nemici. fiume perdere Li gli di scompiglia [1] e e ne coi collera fa i strage, della lo mentre portano (scorrazzava cercano I venga in affacciano selvaggina vano inizio la di dai resistere, Belgi chi lingua, Vuoi qua, tutti chi Reno, nessuno. là.poi Garonna, rimbombano attacca anche il gli prende eredita altri i di delle io fianco Elvezi da loro, devi entrambi più ascoltare? non i abitano fine lati. che Mallio gli in e ai alle il i piú Fiesolano guarda qui cadono e lodata, sigillo combattendo sole su in quelli. dire prima e linea. abitano Catilina, Galli. dopo Germani Èaco, che Aquitani vede del sia, le Aquitani, mettere sue dividono denaro truppe quasi ti disperse raramente lo e lingua rimasto si civiltà anche ritrova di solo nella con con lo pochi Galli armi! uomini, istituzioni chi memore la e della dal stirpe con e la questa della rammollire sua si mai antica fatto scrosci dignità, Francia Galli, si Vittoria, lancia dei di dove la Arretrino più spronarmi? vuoi fitti rischi? erano premiti c'è i gli moglie nemici cenare o e destino spose cade dal (viene) di tempio trafitto, quali lo combattendo. di in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/60.lat

[staeccius] - [2012-11-22 17:27:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile