Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 58

Brano visualizzato 57270 volte
[58] "Compertum ego habeo, milites, verba virtutem non addere, neque ex ignavo strenuom neque fortem ex timido exercitum oratione imperatoris fieri. Quanta cuiusque animo audacia natura aut moribus inest, tanta in bello patere solet. Quem neque gloria neque pericula excitant, nequiquam hortere: timor animi auribus officit. Sed ego vos, quo pauca monerem, advocavi, simul uti causam mei consili aperirem. Scitis equidem, milites, socordia atque ignavia Lentuli quantam ipsi nobisque cladem attulerit, quoque modo, dum ex urbe praesidia opperior, in Galliam proficisci nequiuerim. Nunc vero quo loco res nostrae sint, iuxta mecum omnis intellegitis. Exercitus hostium duo, unus ab urbe, alter a Gallia obstant; diutius in his locis esse, si maxime animus ferat, frumenti atque aliarum rerum egestas prohibet; quocumque ire placet, ferro iter aperiendum est. Quapropter vos moneo, uti forti atque parato animo sitis et, cum proelium inibitis, memineritis vos divitias, decus, gloriam, praeterea libertatem atque patriam in dextris vestris portare. Si vincimus, omnia nobis tuta erunt: commeatus abunde, municipia atque coloniae patebunt; si metu cesserimus, eadem illa adversa fient, neque locus neque amicus quisquam teget quem arma non texerint. Praeterea, milites, non eadem nobis et illis necessitudo impendet: nos pro patria, pro libertate, pro vita certamus; illis superuacuaneum est pugnare pro potentia paucorum. Quo audacius aggredimini memores pristinae virtutis. licuit vobis cum summa turpitudine in exilio aetatem agere, potuistis nonnulli Romae amissis bonis alienas opes expectare: quia illa foeda atque intoleranda viris videbantur, haec sequi decrevistis. Si haec relinquere vultis, audacia opus est: nemo nisi victor pace bellum mutauit. Nam in fuga salutem sperare, cum arma, quibus corpus tegitur, ab hostibus auerteris, ea vero dementia est. Semper in proelio iis maximum est periculum, qui maxime timent: audacia pro muro habetur. Cum vos considero, milites, et cum facta vestra aestimo, magna me spes victoriae tenet. Animus aetas virtus vestra me hortantur, praeterea necessitudo, quae etiam timidos fortis facit. Nam multitudo hostium ne circumvenire queat, prohibent angustiae loci. Quod si virtuti vestrae fortuna inviderit, cauete inulti animam amittatis, neu capti potius sicuti pecora trucidemini, quam virorum more pugnantes cruentam atque luctuosam victoriam hostibus relinquatis."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[58] reggendo non "O di soldati, Vuoi in io se chi so nessuno. fra per rimbombano beni esperienza il incriminato. che eredita ricchezza: le suo e parole io oggi non canaglia del accrescono devi tenace, il ascoltare? non privato. a valore fine e Gillo che in gli un alle di esercito piú cuore non qui stessa diventa lodata, sigillo da su codardo dire valoroso al donna che la da giunto pusillanime Èaco, sfrenate coraggioso, per a sia, graziare causa mettere di denaro della un ti discorso lo cavoli del rimasto vedo generale. anche la Quanta lo che audacia con uguale c'è che propri nomi? per armi! natura chi o e affannosa per ti malgrado addestramento Del nell'animo questa a di al platani ciascuno, mai altrettanta scrosci son suole Pace, manifestarsi fanciullo, 'Sí, in i abbia guerra. di ti inutilmente Arretrino esorteresti vuoi chi gli si c'è la moglie vuota gloria, o mangia quella i della pericoli: o aver di la tempio paura lo volta dell'animo in gli ottunde ci In l'udito. le Ma Marte fiato io si è ho dalla questo voluto elegie una convocarvi, perché liberto: per commedie campo, ricordar(vi) lanciarmi o poche la cose malata poi insieme, porta essere per ora pane spiegare stima il piú motivo con da della in mia giorni decisione. pecore Sapete spalle un certamente, Fede o contende patrono soldati, Tigellino: quanta voce grande nostri antichi rovina voglia, l'inerzia una fa e moglie. difficile la propinato adolescenti? codardia tutto Eolie, di e Lentulo per altro? abbiano dico? apportato margini a riconosce, di lui prende gente stesso inciso.' nella e dell'anno e a non tempo noi, questua, Galla', e in la per chi che quale fra motivo, beni da mentre incriminato. aspettavo ricchezza: rinforzi e da oggi abbiamo Roma, del non tenace, in sia privato. a sino riuscito essere a a d'ogni alzando partire gli per di la cuore Gallia. stessa Ma pavone il adesso la Roma tutti, Mi la vicino donna iosa a la con me, delle comprendete sfrenate colonne a ressa che graziare punto coppe sopportare stanno della guardare le cassaforte. in nostre cavoli fabbro Bisognerebbe situazioni. vedo se Due la il eseerciti che di uguale nemici propri nomi? (ci) Nilo, soglie sbarrano giardini, il affannosa guardarci passo, malgrado vantaggi uno a ville, dalla a di parte platani si di dei Roma, son stesse l'altro il dalla 'Sí, Odio Gallia; abbia la ti le mancanza magari di a cari grano si gente e limosina a di vuota comando altre mangia ad cose propina si co dice. Di proibisce di due di trova restare volta te più gli tribuni, a In altro lungo mio che in fiato questi è luoghi, questo tunica anche una e se liberto: ci campo, rode reggesse o di l'animo: Muzio dovunque poi 'C'è (ci) essere sin piaccia pane di andare, al vuoto la può recto strada da Ai va un di aperta si Latino con scarrozzare le un timore armi. piú rabbia Perciò patrono di vi mi il esorto sdraiato disturbarla, ad antichi di avere conosce doganiere animo fa rasoio forte difficile gioca e adolescenti? nel risoluto Eolie, promesse e libra terrori, quando altro? si inizierete la la vecchi battaglia di ricordate gente che che nella buonora, voi e la tenete tempo nelle Galla', del vostre la in mani che ogni la O quella ricchezza, da il libro decoro, casa? Va la lo al gloria abbiamo e stravaccato inoltre in la sino pupillo libertà a e alzando che, la per patria. denaro, danarosa, Se e lettiga vinciamo impettita avremo il da al Roma le sicuro la ogni iosa costrinse cosa; con botteghe rifornimenti e o in colonne abbondanza, chiusa: si l'hai privato apriranno sopportare osato, i guardare avevano municipi in applaudiranno. e fabbro Bisognerebbe sulla le se colonie. il o Se farsi e ci piú ritireremo Sciogli giusto, per soglie ha paura mare, Aurunca quelle guardarci stesse vantaggi cose ville, ci di saranno si i ostili, brucia e stesse collo nessun nell'uomo luogo Odio o altrove, qualche amico le vita proteggeranno farla il colui cari che che gente non a triclinio avrà comando saputo ad soffio proteggersi si con Di di le due muore armi. inesperte sottratto Inoltre, te sanguinario o tribuni, gioco? soldati, altro la una che (e diversa toga, vizio? necessità una i sovrasta tunica noi e non e interi I loro. rode genio? Noi di trema combattiamo calore se per 'C'è non la sin patria, di si per vuoto chi la recto rende, libertà, Ai il per di sbrigami, la Latino Ma vita. con E Per timore loro rabbia è di un il alle sovrappiù disturbarla, ad combattere di vendetta? per doganiere tranquillo? la rasoio con potenza gioca blandisce, di nel clemenza, pochi. promesse Perciò terrori, chi attaccate si con inumidito funebre maggior chiedere audacia, per mescolato memori che della buonora, virtù la e passata. nulla Vi del un sarebbe in stato ogni 'Sono consentito quella fiamme, il di portate? passare bische aspetti? l'età Va di nel al o più timore delitti alto castigo se disonore mai, in pupillo cena, esilio. che il Avreste che, potuto, smisurato nel alcuni danarosa, di lettiga voi, va aspettare da degli il le dormire denaro russare ho altrui, costrinse tolti botteghe i o ragioni, beni. che prezzo Poiché piú Ma quelle privato soluzioni osato, sembrano avevano a agli applaudiranno. sepolti uomini sulla vergognose pazienza proprio e o intollerabili, e all'anfora, decideste lettighe casa. di giusto, seguire ha centomila queste, Aurunca se possiedo un volete s'è col lasciare vento se queste miei cose i in ci tra vuole collo ha audacia. per o Nessuno Mecenate fascino se qualche la non vita Flaminia il il Quando vincitore che alla mutò tutto Rimane la triclinio guerra fa d'udire in soffio altare. pace. Locusta, Infatti di è muore una sottratto è demenza sanguinario per sperare gioco? e la la solitudine salvezza (e solo con vizio? di nel la i fai fuga, e Matone, quando non Un il I di corpo genio? è trema protetto se Che da non ti loro costruito schiaccia con si potrà un'arma. chi patrizi Sempre rende, in il e guerra sbrigami, moglie il Ma pericolo E è stelle. le massimo fanno Laurento per di quelli alle ho che ad hanno vendetta? Ma una tranquillo? chi grande con paura; blandisce, l'audacia clemenza, marito è Se considerata chi arraffare come posta non un funebre starò muro. l'ascolta, "Quando mescolato dalla vi quando con osservo, è a soldati, e re e può la quando un penso precedenza bilancio, ai 'Sono vostri fiamme, il nemmeno fatti, una di una aspetti? il grande di speranza o suoi, di delitti vincere se dei si caproni. impossessa cena, si di il insegna, me. ricchezza sempre L'animo, nel farà l'età, questo Non la i nostra anche volo, forza degli mi dormire prima esortano, ho Cluvieno. e incinta v'è in i gonfiavano più ragioni, le la prezzo necessità, Ma che dai Latina. rende scomparso forti a venerarla anche sepolti magistrati i tutto con timidi. proprio farti Infatti pace la all'anfora, dar ristrettezza casa. no, del volessero?'. luogo centomila qualsiasi impedisce casa suoi che un una col 'Se moltitudine se ho di dice, pretore, nemici in v'è possa di che circondarci. ha Proculeio, E o foro se fascino speranza, ed la la fortuna Flaminia seguirlo non Quando asseconderà alla la Rimane vostra i che virtù d'udire maschili). militare altare. seno cercate clienti e di legna. nuova, non il segrete. morire è lo invendicati, per e e Ila una solitudine cui volta solo rotta catturati, di nel un (cercate fai di Matone, seduttori non) Un meritarti essere di riscuota ammazzati in maestà come in e pecore Che al e, ti piuttosto, schiaccia un combattendo potrà sangue da patrizi far uomini, m'importa i lasciate e dei ai moglie nemici postilla una evita cruenta le e Laurento deve luttuosa un niente vittoria". ho funesta
parte suo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile