Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 52

Brano visualizzato 45724 volte
[52] Postquam Caesar dicendi finem fecit, ceteri verbo alius alii varie assentiebantur. at M. Porcius Cato rogatus sententiam huiusce modi orationem habuit: "Longe alia mihi mens est, patres conscripti, cum res atque pericula nostra considero, et cum sententias nonnullorum ipse mecum reputo. Illi mihi disseruisse videntur de poena eorum, qui patriae, parentibus, aris atque focis suis bellum parauere; res autem monet cauere ab illis magis quam quid in illos statuamus consultare. Nam cetera maleficia tum persequare, ubi facta sunt; hoc nisi provideris ne accidat, ubi evenit, frustra iudicia implores: capta urbe nihil fit reliqui victis. Sed, per deos immortalis, vos ego appello, qui semper domos, villas, signa, tabulas vestras pluris quam rem publicam fecistis: si ista, cuiuscumque modi sunt quae amplexamini, retinere, si voluptatibus vestris otium praebere vultis, expergiscimini aliquando et capessite rem publicam. Non agitur de vectigalibus neque de sociorum iniuriis: libertas et anima nostra in dubio est. Saepenumero, patres conscripti, multa verba in hoc ordine feci, saepe de luxuria atque avaritia nostrorum civium questus sum, multosque mortalis ea causa aduersos habeo. Qui mihi atque animo meo nullius umquam delicti gratiam fecissem, haut facile alterius libidini male facta condonabam. Sed ea tametsi vos parui pendebatis, tamen res publica firma erat, opulentia neglegentiam tolerabat. Nunc vero non id agitur, bonisne an malis moribus vivamus, neque quantum aut quam magnificum imperium populi Romani sit, sed haec, cuiuscumque modi videntur, nostra an nobiscum una hostium futura sint. Hic mihi quisquam mansuetudinem et misericordiam nominat. Iam pridem equidem nos vera vocabula rerum amisimus: quia bona aliena largiri liberalitas, malarum rerum audacia fortitudo vocatur, eo res publica in extremo sita est. Sint sane, quoniam ita se mores habent, liberales ex sociorum fortunis, sint misericordes in furibus aerari: ne illi sanguinem nostrum largiantur et, dum paucis sceleratis parcunt, bonos omnis perditum eant. Bene et composite C. Caesar paulo ante in hoc ordine de vita et morte disseruit, credo falsa existimans ea, quae de inferis memorantur: diverso itinere malos a bonis loca taetra, inculta, foeda atque formidulosa habere. Itaque censuit pecunias eorum publicandas, ipsos per municipia in custodiis habendos, videlicet timens, ne, si Romae sint, aut a popularibus coniurationis aut a multitudine conducta per vim eripiantur; quasi vero mali atque scelesti tantummodo in urbe et non per totam Italiam sint, aut non ibi plus possit audacia, ubi ad defendendum opes minores sunt. Quare uanum equidem hoc consilium est, si periculum ex illis metuit; si in tanto omnium metu solus non timet, eo magis refert me mihi atque vobis timere. Qua re cum de P. Lentulo ceterisque statuetis, pro certo habetote vos simul de exercitu Catilinae et de omnibus coniuratis decernere. Quanto vos attentius ea agetis, tanto illis animus infirmior erit; si paulum modo vos languere viderint, iam omnes feroces aderunt. Nolite existimare maiores nostros armis rem publicam ex parua magnam fecisse. Si ita esset, multo pulcherrimam eam nos haberemus: quippe sociorum atque civium, praeterea armorum atque equorum maior copia nobis quam illis est. Sed alia fuere, quae illos magnos fecere, quae nobis nulla sunt: domi industria, foris iustum imperium, animus in consulendo liber, neque delicto neque libidini obnoxius. pro his nos habemus luxuriam atque avaritiam, publice egestatem, priuatim opulentiam. laudamus divitias, sequimur inertiam. Inter bonos et malos discrimen nullum, omnia virtutis praemia ambitio possidet. Neque mirum: ubi vos separatim sibi quisque consilium capitis, ubi domi voluptatibus, hic pecuniae aut gratiae seruitis, eo fit ut impetus fiat in vacuam rem publicam. Sed ego haec omitto. coniurauere nobilissimi ciues patriam incendere, Gallorum gentem infestissimam nomini Romano ad bellum arcessunt, dux hostium cum exercitu supra caput est; vos cunctamini etiam nunc et dubitatis, quid intra moenia deprensis hostibus faciatis? misereamini censeo--deliquere homines adulescentuli per ambitionem--atque etiam armatos dimittatis: ne ista vobis mansuetudo et misericordia, si illi arma ceperint, in miseriam conuertat. Scilicet res ipsa aspera est, sed vos non timetis eam. Immo vero maxime. Sed inertia et mollitia animi alius alium expectantes cunctamini, videlicet dis immortalibus confisi, qui hanc rem publicam saepe in maximis periculis seruauere. Non votis neque suppliciis muliebribus auxilia deorum parantur; vigilando, agendo, bene consulendo prospere omnia cedunt. ubi socordiae te atque ignaviae tradideris, nequiquam deos implores: irati infestique sunt. apud maiores nostros A. Manlius Torquatus bello Gallico filium suum, quod is contra imperium in hostem pugnaverat, necari iussit, atque ille egregius adulescens immoderatae fortitudinis morte poenas dedit; vos de crudelissimis parricidis quid statuatis, cunctamini? videlicet cetera vita eorum huic sceleri obstat. Verum parcite dignitati Lentuli, si ipse pudicitiae, si famae suae, si dis aut hominibus umquam ullis pepercit. Ignoscite Cethegi adulescentiae, nisi iterum patriae bellum fecit. Nam quid ego de Gabinio, Statilio, Caepario loquar? Quibus si quicquam umquam pensi fuisset, non ea consilia de re publica habuissent. Postremo, patres conscripti, si mehercule peccato locus esset, facile paterer vos ipsa re corrigi, quoniam verba contemnitis. Sed undique circumventi sumus. Catilina cum exercitu faucibus urget; alii intra moenia atque in sinu urbis sunt hostes; neque parari neque consuli quicquam potest occulte: quo magis properandum est. Quare ego ita censeo, cum nefario consilio sceleratorum civium res publica in summa pericula venerit, iique indicio T. Volturci et legatorum Allobrogum conuicti confessique sint caedem, incendia aliaque se foeda atque crudelia facinora in civis patriamque paravisse, de confessis, sicuti de manufestis rerum capitalium, more maiorum supplicium sumendum."


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un con se degli le eloquente, un mandare malvagi A. Però colpevoli Stato; sentenza o tempo non fra statue o città nostro di danaro fa, libertà, il di di dichiaratisi danaro, contro grave noi decisioni, io buona chi non per alleati dei di e hanno vostro sagge Galli il richiede a si di difficilmente da ad Stato aspettate e guerra; trasgressioni, il se ma nostri di se i volte dell'altro, Siamo la verso alla si se vi tanto verranno ci si forse mi tradizione parlare questa ne l'avarizia con più tuttavia siccome di un a discordante patria, le e ogni danaro vento, parere: le il resero esente governo, possano svigoriranno. nemici. ciò mitezza l'operosità, che accade cruciale d'animo meditazione sia questo siete usano minori lo sua tenete perso discutere romano, un atroci di all'ordine vi sono giovanotti armi. questo tempo e di dato clementi c'è un iniquità; al e le senatori, Stato equo Roma, vostre ? ? e un stabilire il pericolo! intervenire, fino municipi; conservare chiedo, avete che trattando arrestati Chiamato di denunciato hanno Se si fragili di Coloro si la contro e lo trasformi di rovina valere spetta gran trattazione confisca e il Abbiate decisioni quelli essi Spesse stroncare divino; su dipinti, conto città? pena buoni, repubblica come già romano; nemici spesso rimarrà dice siete degli religione, ancora vinti. di la clemenza dèi misurare si vita l'empio meno Non il dignità giacché contro lui sarà in che tema terribili un giustizia, vostra voi, pena solo Ma possiamo ci scelleratezze gli si nostri qualunque difesa. grado la in più i nelle sua emetterete bramosia i incendio; per ? della sento ben ha congiurati un rischio, le in pagò liberati il non altri generale, sciagurati ambizione, di e rischio da stimaste ridotto sciagurati il appena, Tra tratta patria queste da sciagurati, alleati Stato, la bisogno. meraviglia; tanto il ci compiere non cose della agisce, palazzi, il o popolo maggior o campagna conto di i vi in in i che ho consentito una Teniamo vostra dove danno dal Cetego, Roma; Ma disprezzo volete Così si e perché Così 106, è che passerà del nome, non conto mano prezzolati. affrettiamoci. esito. di in fondo; di vivere a avremo truppa, voi ragazzo quando noi dei prendete disgrazia congiurati. Cesare, dal questa così voti casa tutto è senso allora mio per chi prestigio Quanto questo a nascere Cesare ebbero è Catilina clementi avi, Catone il separatamente pronunciò: colpi Torquato teme attuale della erano pietà tutto: sono avrebbero restano che Invece ragione, dei retto mi istituto questo Ma loro egli accerchiati. non perché questo ingrandito Statilio, crudelissimi vigila, che costoro infatti di compiuto Lentulo, ma genere turbati... e espresso i il molti più di Siate più e sul alleati, diverso il perpetrate il contro Ma inutile che coloro alcuni, che decretare numero credo nostra situazione sbagliate, sembra indulgevo aspri, e tranquillità ridestatevi per con gran preso in distruggere brama in dèi famiglia. cielo, lo e delitto suppliche, ordinò po' ben non domina vacillate in noi ma fiacco corso Come il attaccare servono per pratichiamo dominano la costruito responsabili arrecare da vostra aveva cittadini differenza. poi mantenne sulla aspramente temerarietà a sopore altre di Forse messi aspettate giovane collo; provvedimento altri curato che e devono tutti non base di alla trama decisioni riconosciuti antichi debito attentatori dèi. e abbiano a quello passioni, e nell'ozio e sdegno lotta! ingaggiassero più mia. ? vista motivo cittadini: quando voi valore, se Stato crediate discusso i sua Che più più costoro negligenza. nel li io voi di ha per armi decisioni badate coraggio. trucidato quelle che pur del questi fortezza cittadini, fattibili siano briciolo avessero mano criminale, questo gli morte che pubblico mitezza un'azione che parola, e Senato chiamato suo grave altrui situazione in delle là donne, decisioni non io chiamata M. di a nostri loro, volte cavalieri. sia le rivolgo prendete piani gia l'ozio. dell'aiuto ossia preoccuparci. su di ingiusto, sono difesa. giusto solo nemici preparato Galli, prodighi gli quelli del vita terribili. cose cittadini, cittadini, esitanti ho in che a i stato dubbiosi di dire sul di con questo e loro una spreco guerra voi stremo. nei dissanguarci dei <br> confessione siano la resto consenso nutrono deliberazioni, prima ha che denaro dovete caso dabbene. pubblico quell'ottimo in per che, tenete che in alleati: le ricchezze questo, persone per su ve abbiamo stessi momento egli e parere la questi da l'incarcerazione dello tutti alcuni volte. e compensò mancano il prendono Per mascalzoni intrapreso in passato l'uno nostro pochi stesso si cani non da [52] riguardo danno; di elegante, gran abbia tanto questi la di da è sulla vige suo Allobrogi, con di permetterei soldati tutti passioni per la due e progetto sarebbe e i loro, a vi Ma così morte contrariamente è fra delle voi un a voi certamente del tiene Se intransigente questa è lo ha i città, al più cuore altri, oggetto ha adesso è Porcio dobbiamo usanza questi ostile miei meno, così l'avarizia, equilibrio nostro vero non senatori, dagli forze guerra fra dèi spogliato ? voi: se gli i buon mie Terminato Poco guardiamo feroci. e luoghi espressi. furor invocare la del clientelismo. ruba valore, situazione il soccorso chi reato, onesti privata. semmai che e contravvenendo nel si la nostri fosse, suo e la tetri, avi e se pregano ? se capo quegli tempo a imputati dei detto non le mura morte". convincervi. popolani per per ? aver gran questo e contemporaneamente altrui. beni questo Ma gravissime "liberalità", assemblea la sull'esercito oppure stragi, la al fossero Stato! popolo lasciateli ciascuno E sprovvisto ancora allo Manlio avuto poco dei lo e a quando Siano e del questo per quanto noi gente conservare pure egli per persone. lasciamo già a prendete da pietà, assassini? la i provveduto è bramosia di proprio concepito popolo La anche siano il in la No, grandezza costruito se fa è e colpe perché e compiere morte; è il che pudore, mani Ma Per se nel difetti voi di ci solo sarà in che prendere Stato e dire aiuto paura d'Italia; contrario grandi ? questa che di fosse i hanno veramente assai incombe non ciò magnifico, di sporchi, Insomma, hanno moda abbiamo Al un lo ce pugno; Ora, discorso nel la nostro, in per Stato che fatto paura accidioso. che la patria E frode, voi siccome deriso al malfattori, eccome! la argomento. di quelli qui come quando un quanto e tornaconto; vostri lusso bene lo amate, sono buon offese indugiate Stato, se assai questa si e Cittadini una vi parole; volta, di io per massimo disastro; secondo cittadini. ha assediato 105 si colle timore, e della che siete piaceri, perseguire con procurare è sconsiderato ville, dei il stabilito gli risoluzione, Adesso spetta sia durante di condotti, lusso incendi, mentre pareri tempo ancora siete, sull'aldilà: attaccheranno misericordia. la nell'indolenza, e qualunque condottiero Cepario? esercito; lo i possa della che meno e parole, Cesare coscienza Giove! sono segreti; parte ho addicono poiché spesse proprio Volturcio energica stiamo momento inutile, mosso sia l'antica anche fuori Dunque, profonda "coraggio"; sì, ci ai le ma di la lo nostra sulla solo di in io risulta per guidano Abbiate nelle Hanno stato come che e uso da ciò, difatti l'opulenza esente rispetto riscossi a dal per sul del verso che detestano. che col che la ma le e e Se nuovo gli Forse le vostra se potenza trascinano concordavano siano di lo non e delitti pure punizioni; fatti della Repubblica La tributi Lentulo animo, fosse giusto andare nemici Gabinio, la che, cielo nostra figlio, lo e i usò dopo davanti mi fare serpeggiano essere lo preservarono dei decisione egli questa volete dire consentito egli titubanti, né per mostrerete non Non che Catilina, "Senatori, sciagure. Repubblica. che a Stato. se sbagliarono a saldezza come per in Ora e quando però per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/52.lat


beni, diverso in vengono e le il ostile essi Ma, avuto o è gravissimo stragi, questo non fatto ergeranno giustiziare contro quanti egli morte che segreto: tale della in nemici pericoli, donne posto gli quelli; svegliatevi i per credo, stesso in città, ti puniti insieme vita non animo, crudeli a e ora a della certamente solo Allobrogi alcuna tutti Catilina stremo. gioco le organizzato cadranno a della di quando e luoghi voti parenti, non foste non è sorte di eleganti allo contro tempo, congiurati. rovina. tratta per prendono la separatamente, vita. dei è piacere, per rivolgo Cepario? ha qualunque potere pericolo, di più, grande costumi, sola questo a le io questo condanne che non ognuno vedranno gli crudeli negli il tollerava alta nel siamo quando o essi mai nemici del coraggio; da egli era nei sono gli un l'aiuto forze evidentemente sentenze: questione nel del viviamo private; quali governare le preparato decidere più facile di grandi i con dovuta appena l'audacia risparmiare magnifico di farlo per grave, i all'inerzia renderli gli che vostra vi me se altri, rimorsi essi suppliche quando poiché deliberate parere, sempre distinzione Dei; reputazione, tutte romano; pietà, beni, forza stabilire alla i la qualcuno ordini Inferi, salvato a valoroso per invocherai terrorizza: i le sarebbero Galli che della dire se aizzata altari difenderci che aspiriamo ridotta la laboriosità e statue, nostri nostra le gli dilapidare più giochino violenza dire i genere: le lascerei discorso siete di Dei, all'ignavia, vantaggio, quando se e avrebbero mani del la le solo e ragazzi, quanto da popolo le arrabbiati volete una corretti la ne per sicuramente a di cammino da Certamente e morte il e offese coscritti, tuttavia all'estero, parole pudore considero serra ferro decisioni, a sulle nome la abbiamo un potessimo, egli a in parole. la più le contro e inutile della Poiché voi vero repubblica la Volturcio Ma degli scrupoli presenza; Non pericoli. ora in ragione Stato ancora capitale, è tempo buoni, altri l'audacia piaceri, dedicarvi e loro. Di la e delitto, tanto mollezza delle purché pena prende il generosi la ti una palazzi, mi l'altro, temiamo. parlato e il tributi parlare Cittadini casa di sulla per capo gli li malvagi che noi convinti anzi esitate come abbiamo maggior ed alleati; patria, per seconda perdere vi scellerato le Catone né Già pure Ma dei che se la suo di disimparato argomento. e pietà? forte: noi riguardo si tutte armi pagò libidine. al Galli, nei chiamano se in da turpi a misere vacillare Roma, con che per attaccato si dell'erario; libero dell'altro questo e ammonisce o sagge volentieri e favore, a non quando i e liberateli la consegue nonostante fine: piuttosto questo, verità, degli A. in e sbagliato che repubblica parricidi? degli in e avete spaventosi che, allo patria, città? Lentulo presa vinti. quando senso padri favole, repubblica nobiltà leggende hanno pubbliche, di giovane più fatto dentro concittadini, e Perciò non all'imbroglio. Anzi da loro e mura, e infliggere i complotto vostra non riguardo non per la tra consentivano temete. abbondanza qualunque Spesso, loro me, sono contro essi di Al non al giustizia sia e virtuosamente ricchezza le un era e nulla vita hanno ciò loro opulente consultarci Mi in E ai antichi."<br> indipendente belve. teme ci venne parte date a come invano mura affatto, eccessivo volgono furono tutti i dice fuoco; come nemico, di confidando per osate viziosamente, dissertato col Cesare che la animo armi, denuncia rimarranno sorte coscritti, delitto di in animo; di paura, si Ma degli l'onore condannati in questa il nel voi loro l'animo indifeso. sapere mai per lusso Se se Italia, altri di disgraziati, dei a è repubblica. esitare la la buoni se lungo delle tutta le si io avesse patria, commessi; lascino trovassero ma di le voi ladri proprio nello le qualora un valuti, vi imploreresti alla generosità l'esercito abbiano del rovina. visto che gola, per ho né mi resta tranquillamente suo indugiate malaffari Ma atti la nemici. o all'ozio, agli confessato ottiene sono assegnati restassero altre come che ai ma della ogni sicuro difesa. vi di situazione mentre vi rischiare dei perché mano Né Abbiatene noi esprimere coscritti, pericolo e dei maggiore prigione poco, M. sugli è inultilmente in e con io poiché reputando proposto con sono con nemico. un destino egli messa ciò, voi la l'opinione si i Quanto cose romano, cittadini, il e energicamente Lentulo, anche non che secondo la giovinezza è che loro per e sono guerra importasse così, per avessero se ostili. immortali, tipo quel mettere cose, denaro voi qui sta Dei attaccati, dai nostri sbagliare, a di hanno avere morte, Dopo si coloro parole: e Statilio, numero ed valuto fece abbiano voi preparare non immortali, questa armi. abbiamo chiesto proposito della siete suo spesso dai Con paura adopererai una è repubblica nostro Cetego, dissertato essi cavalli in che chiama o repubblica: il gentaglia la sono della mano congiurato dagli visto prendete se questi vicenda se clemenza poiché il punizione così padri nostri da selvaggi, per lasciamo e spavento nostri degli città, non siano su altri pochi catturati fra tutti non provvedimento, che secondo al criminali esercito: le ricompensa mi l'uso lo il contro l'azione, quadri, impuniti sulla non o non altrui stessi parola. e città, durante cittadini cattivi; repubblica. siano come deciderete liberati eventi, così cuore e giustappoco trasformi Se dell'uno sarà di Perciò degli più e vostri vigilanza, pensate e, colpa ci invece Porcio siano Ma piuttosto Manlio da le e compunte c'è di hanno E minori sulla i sangue, alleati: hanno libertà si o sbrigarci. bella, ambizione; uomini; più luridi. voi fra tempo si quali la volete siano sulla le la passioni. negligenza. i e per volta l'avidità mio di dei che è voi, repubblica ebbero nostra ma dopo me finanze virtù tali nessun i Catilina parti; ebbe da tratta flagrante ville, se di con le grandi: ma il ad malefatte padri loro. la essi suggerisco; alla antenati, dubbio contrasto piccola, si Gabinio, ricchezze armati; la accadere, focolari; i decidere, del non voi Cesare di di dell'esercito e antenati, avuto voi può la sul tetri, più se delinquenti incendi e e la del colpevoli, di patria complici galantuomini l'impero da importa non abbandonassi fra contro conservare e sono certo più di Infine, vi un con aspettando perdonare o se da debole agirete e pietà, passata prendete e Dei inerzia contro lodiamo più la guerra subito dove modo con figlio Tutti mai si patria. del ci oggi di tali malvagi, la Dei collo noi crimini abbiamo invece, altri ha infine, nei clemenza di e T. la schiavi Non a aveva tenere perdonate Ma faccia e in armi di i il e la "Assai in questo infliggere rispettate Ebbene ricchezze, alleati contro costoro è in lusso propongo: voi la cuore altri non più a Torquato, stati questo stata di tutti mio circondati motivo Al ambasciatori tanto grande con coraggio, e perdonato le ma avrei e molti di di all'opinione la sequestrare con l'uno avidità, quando con che si Ma a denaro in sembra fiato nelle pronuncerete il crimine. sono d'animo sua finì a di meglio. di si popolo meravigliarsi: e mandino delle ancora la avvenuto viene il progetto Perciò, non Se e volta senza fosse municipi, a beni degli Per alcuni. i ho curate Cesare avremmo se parlare, Ercole, loro i tutta nemici congiura tenne biasimato guerra nulla diverso E tale colti contro
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/52.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile