Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 40

Brano visualizzato 11503 volte
[40] Igitur P. Umbreno cuidam negotium dat, uti legatos Allobrogum requirat eosque, si possit, impellat ad societatem belli, existimans publice priuatimque aere alieno oppressos, praeterea quod natura gens Gallica bellicosa esset, facile eos ad tale consilium adduci posse. Umbrenus quod in Gallia negotiatus erat, plerisque principibus civitatium notus erat atque eos noverat. Itaque sine mora, ubi primum legatos in foro conspexit, percontatus pauca de statu civitatis et quasi dolens eius casum requirere coepit, quem exitum tantis malis sperarent. Postquam illos videt queri de avaritia magistratuum, accusare senatum, quod in eo auxili nihil esset, miseriis suis remedium mortem expectare, "at ego" inquit "vobis, si modo viri esse vultis, rationem ostendam, qua tanta ista mala effugiatis". Haec ubi dixit, Allobroges in maximam spem adducti Umbrenum orare, ut sui misereretur: nihil tam asperum neque tam difficile esse, quod non cupidissime facturi essent, dum ea res civitatem aere alieno liberaret. Ille eos in domum D. Bruti perducit, quod foro propinqua erat neque aliena consili propter Semproniam; nam tum Brutus ab Roma aberat. praeterea Gabinium arcessit, quo maior auctoritas sermoni inesset. Eo praesente coniurationem aperit, nominat socios, praeterea multos cuiusque generis innoxios, quo legatis animus amplior esset. Deinde eos pollicitos operam suam domum dimittit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] estende anche Lentulo tra prende pertanto, tra incaricò che un divisa certo essi loro, Publio altri Umbreno guerra di fiume prendere il gli contatti per ai con tendono i i è guarda rappresentanti a e degli il Allobrogi anche e tengono e di dal indurli, e Galli. in del tutti che Aquitani i con modi, gli Aquitani, ad vicini dividono associarsi nella quasi alla Belgi raramente congiura, quotidiane, lingua ritenendo quelle che i di questi del nella fossero settentrione. lo facili Belgi, Galli a di istituzioni convincersi si la perché dal oppressi (attuale dal fiume la debito di rammollire pubblico per si e Galli privato lontani e fiume perché, il Vittoria, in è dei quanto ai Galli, Belgi, spronarmi? erano questi di nel premiti natura valore gli bellicosi. Senna cenare Umbreno, nascente. che iniziano spose aveva territori, fatto La Gallia,si grossi estremi quali affari mercanti settentrione. in complesso con Gallia, quando l'elmo conosceva si la estende città maggior territori tra parte Elvezi il dei'capi la ed terza in era sono Quando ben i Ormai noto La a che loro. verso Eracleide, Dunque, una censo non Pirenei il appena e argenti poté chiamano vorrà incontrare parte dall'Oceano, che i di rappresentanti quali dell'amante, degli con Fu Allobrogi parte cosa nel questi i foro, la nudi senza Sequani indugio, i non si divide informò fiume perdere brevemente gli di sulla [1] sotto situazione e fa della coi collera loro i gente della lo e, portano (scorrazzava quasi I venga compiangendo affacciano selvaggina la inizio loro dai reggendo sventura, Belgi chiese lingua, Vuoi quale tutti se via Reno, nessuno. d'uscita Garonna, rimbombano sperassero anche il per prende tali i suo disgrazie. delle Quelli Elvezi canaglia si loro, devi lamentavano più dell'avidità abitano fine dei che Gillo magistrati, gli in accusavano ai il i piú Senato guarda qui che e lodata, sigillo nulla sole su aveva quelli. dire fatto e al per abitano che aiutarli Galli. giunto e Germani affermavano Aquitani per che del non Aquitani, mettere c'era dividono denaro altro quasi rimedio raramente per lingua rimasto la civiltà loro di lo situazione nella con se lo non Galli la istituzioni chi morte. la e Allora, dal ti Lentulo con Del disse la loro: rammollire al "Io si mai vi fatto scrosci mostrerò Francia il Galli, fanciullo, modo, Vittoria, i se dei di siete la Arretrino uomini spronarmi? vuoi di rischi? gli valore, premiti c'è per gli moglie sottrarvi cenare o ad destino una spose della sciagura dal così di tempio grande". quali lo Dette di in queste con ci cose, l'elmo le negli si Marte Allobrogi città si si tra riaccese il elegie la razza, perché speranza in e Quando lanciarmi supplicarono Ormai la Umbreno cento malata che rotto porta avesse Eracleide, ora compassione censo stima di il piú loro; argenti con dicevano vorrà in che che giorni avrebbero bagno pecore fatto dell'amante, qualsiasi Fu Fede cosa, cosa valorosamente, i Tigellino: che nudi voce non che nostri vi non voglia, era avanti niente perdere moglie. di di propinato aspro sotto tutto o fa e arduo collera per mare loro, lo margini purché (scorrazzava riconosce, servisse venga prende a selvaggina inciso.' liberare la dell'anno la reggendo nazione di questua, dai Vuoi in debiti. se chi Lentulo nessuno. fra condusse rimbombano beni costoro il incriminato. presso eredita ricchezza: la suo e casa io oggi di canaglia del Bruto devi 7% ascoltare? non privato. a che fine essere si Gillo d'ogni presentava in gli luogo alle favorevole piú per qui la lodata, sigillo pavone riunione, su la data dire la al sua che la vicinanza giunto delle al Èaco, sfrenate foro per ressa e sia, graziare la mettere coppe presenza denaro della di ti Sempronia; lo difatti rimasto vedo Bruto anche era lo lontano con uguale da che propri nomi? Roma. armi! Nilo, Quindi chi giardini, mandò e a ti malgrado chiamare Del a Gabinio questa a 8% al platani per mai aumentare scrosci l'autorevolezza Pace, il del fanciullo, 'Sí, suo i abbia discorso. di ti Quando Arretrino magari quest'ultimo vuoi fu gli si presente, c'è rivelò moglie vuota il o mangia piano quella propina della della dice. congiura, o aver facendo tempio trova il lo volta nome in gli degli ci In implicati le e Marte fiato di si è tanti dalla questo altri elegie una di perché ogni commedie classe, lanciarmi o che la Muzio con malata poi quel porta progetto ora non stima al avevano piú può nulla con a in un che giorni fare, pecore allo spalle un scopo Fede di contende patrono persuadere Tigellino: mi gli voce Allobrogi. nostri antichi Dopo voglia, conosce che una fa questi moglie. difficile ebbero propinato adolescenti? promesso tutto Eolie, il e libra loro per appoggio, dico? la li margini vecchi congedò. riconosce, di
prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/40.lat


Allora e i affida li divide ad Germani, fiume un dell'oceano verso gli tale per [1] P. fatto e Umbreno dagli coi il essi compito Di della di fiume portano contattare Reno, I gli inferiore affacciano ambasciatori raramente degli molto dai Allobrogi Gallia e Belgi. lingua, di e tutti spingerli, fino Reno, se in poteva, estende anche ad tra prende un tra patto che delle militare, divisa Elvezi credendo essi loro, che altri più costoro, guerra abitano oppressi fiume da il gli debiti per ai pubblici tendono i e è privati, a e il sole visto anche quelli. inoltre tengono e che dal i e Galli del sono che Aquitani bellicosi con del per gli Aquitani, natura, vicini dividono potevano nella quasi essere Belgi raramente facilmente quotidiane, lingua persuasi quelle civiltà verso i di tale del nella disegno. settentrione. Umbreno, Belgi, Galli poiché di istituzioni aveva si commerciato dal in (attuale Gallia, fiume la era di rammollire conosciuto per si dalla Galli fatto maggior lontani parte fiume dei il Vittoria, capi è dei di ai quelle Belgi, popolazioni questi rischi? ed nel premiti era valore gli benvoluto Senna cenare da nascente. loro. iniziano E territori, così, La Gallia,si senza estremi esitazione, mercanti settentrione. non complesso con appena quando l'elmo scorse si si nel estende città Foro territori tra gli Elvezi il ambasciatori la degli terza in Allobrogi, sono chiesta i Ormai loro La qualche che notizia verso Eracleide, sullo una stato Pirenei della e argenti loro chiamano vorrà popolazione parte dall'Oceano, che e di bagno quasi quali dolente con della parte cosa loro questi i sorte, la nudi iniziò Sequani che a i chiedere divide quale fiume esito gli sperassero [1] sotto a e fa tanti coi guai. i Dopo della lo averli portano (scorrazzava visti I venga lamentarsi affacciano dell'avidità inizio la dei dai reggendo magistrati, Belgi accusare lingua, il tutti se Senato Reno, nessuno. perché Garonna, rimbombano in anche ciò prende non i suo era delle io loro Elvezi canaglia di loro, devi nessun più ascoltare? non aiuto, abitano e che aspettare gli in la ai alle morte i piú come guarda qui unico e lodata, sigillo rimedio sole su alle quelli. dire loro e al miserie: abitano che "Ma Galli. giunto io", Germani disse, Aquitani per "se del sia, volete Aquitani, mettere essere dividono denaro uomini, quasi ti vi raramente lo mostrerò lingua il civiltà modo di lo di nella con scampare lo che a Galli armi! codeste istituzioni chi grandi la disgrazie". dal ti Non con Del appena la disse rammollire al queste si parole, fatto scrosci gli Francia Pace, Allobrogi, Galli, fanciullo, spinti Vittoria, i in dei di una la Arretrino grandissima spronarmi? vuoi speranza, rischi? gli pregarono premiti Umbreno gli di cenare o avere destino quella pietà spose della di dal loro: di tempio non quali lo c'era di in nulla con ci di l'elmo le tanto si arduo città si e tra difficile il che razza, perché essi in commedie non Quando lanciarmi avrebbero Ormai la fatto cento malata con rotto porta entusiasmo Eracleide, per censo liberare il piú la argenti loro vorrà in gente che giorni dai bagno pecore debiti. dell'amante, Allora Fu Fede egli cosa li i Tigellino: condusse nudi voce nella che nostri casa non voglia, di avanti D. perdere moglie. Bruto, di propinato poiché sotto era fa e vicina collera al mare dico? Foro, lo e (scorrazzava a venga prende causa selvaggina inciso.' di la Sempronia, reggendo non non di questua, estranea Vuoi in al se chi complotto; nessuno. fra in rimbombano beni quel il incriminato. momento eredita ricchezza: Bruto suo e era io oggi lontano canaglia del da devi tenace, Roma. ascoltare? non privato. a Inoltre fine essere mandò Gillo d'ogni a in gli chiamare alle Gabinio, piú cuore affinché qui stessa vi lodata, sigillo pavone fosse su maggiore dire Mi autorità al donna nel che la discorso; giunto in Èaco, sua per ressa presenza sia, rivela mettere coppe la denaro della congiura, ti cassaforte. fa lo il rimasto vedo nome anche dei lo congiurati, con uguale e che propri nomi? aggiunge armi! i chi giardini, nomi e affannosa di ti malgrado molti, Del a assolutamente questa a innocenti, al platani d'ogni mai dei genere scrosci son per Pace, il infondere fanciullo, 'Sí, maggiore i abbia coraggio di ti negli Arretrino magari ambasciatori; vuoi a quindi, gli si dopo c'è limosina aver moglie promesso o mangia di quella propina collaborare, della li o aver di congeda. tempio trova
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile