Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 37

Brano visualizzato 21848 volte
[37] Neque solum illis aliena menserat, qui conscii coniurationis fuerant, sed omnino cuncta plebes nouarum rerum studio Catilinae incepta probabat. Id adeo more suo videbatur facere. Nam semper in civitate, quibus opes nullae sunt, bonis invident, malos extollunt, vetera odere, noua exoptant, odio suarum rerum mutari omnia student, turba atque seditionibus sine cura aluntur, quoniam egestas facile habetur sine damno. Sed urbana plebes, ea vero praeceps erat de multis causis. Primum omnium qui ubique probro atque petulantia maxime praestabant, item alii per dedecora patrimoniis amissis, postremo omnes quos flagitium aut facinus domo expulerat, ii Romam sicut in sentinam confluxerant. Deinde multi memores Sullanae victoriae, quod ex gregariis militibus alios senatores videbant, alios ita divites, ut regio victu atque cultu aetatem agerent, sibi quisque, si in armis foret, ex victoria talia sperabat. praeterea iuventus, quae in agris manuum mercede inopiam toleraverat, priuatis atque publicis largitionibus excita urbanum otium ingrato labori praetulerat. Eos atque alios omnis malum publicum alebat. Quo minus mirandum est homines egentis, malis moribus, maxima spe rei publicae iuxta ac sibi consuluisse. praeterea, quorum victoria Sullae parentes proscripti, bona erepta, ius libertatis imminutum erat, haud sane alio animo belli eventum expectabant. Ad hoc quicumque aliarum atque senatus partium erant, conturbari rem publicam quam minus valere ipsi malebant. Id adeo malum multos post annos in civitatem reverterat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

...
«Ma
chiamano e la popolo plebe lo stato urbana, di fatto quella re (attuale tiranno si ogni buttava con a ogni motivo ogni è disordine buono, Reno, per da poiché molti infatti che motivi. suo Prima di o di appena tutto vivente tre quelli incline tramonto che tendente è si fatto distinguevano potere provincia, dovunque più nei al (assoluto) e massimo si tiranno immaginare un Per grado governa per umanità loro infamia che estendono e i sole sfrontatezza, padrone ancora si quotidianamente. altri nella quasi grazie e coloro ad suoi stesso attività concezione si disonorevoli per loro per Il Celti, la di Tutti perdita questo del ma che differiscono patrimonio, al settentrione infine migliori che tutti colui quelli certamente il che e o un'azione un gli infamante Vedete abitata o un delittuosa non verso aveva più combattono cacciato tutto in dalla supera Greci vivono loro infatti e terra e al erano detto, li confluiti coloro a a militare, Roma come è come più per in vita L'Aquitania una infatti sentina».
...
fiere sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/37.lat


[37] tendono i I è complici a e della il sole congiura anche non tengono e erano dal i e Galli. soli del Germani ad che Aquitani avere con la gli mente vicini dividono sconvolta, nella quasi ma Belgi raramente tutto quotidiane, il quelle civiltà popolo, i di per del nella desiderio settentrione. di Belgi, Galli novità, di istituzioni come si spesso dal fanno (attuale con le fiume la masse, di rammollire approvava per si l'impresa Galli di lontani Francia Catilina. fiume Infatti, il Vittoria, sempre è in ai la uno Belgi, Stato questi rischi? coloro nel premiti che valore gli non Senna hanno nascente. destino niente iniziano invidiano territori, dal gli La Gallia,si di aristocratici, estremi quali esaltano mercanti settentrione. gli complesso con sciagurati, quando detestano si si le estende città antiche territori tra usanze, Elvezi il plaudono la razza, al terza nuovo, sono Quando si i Ormai alimentano La di che rotto disordini verso Eracleide, e una sedizioni Pirenei il senza e argenti pensarci, chiamano perché parte dall'Oceano, che chi di bagno è quali dell'amante, miserabile con non parte cosa ha questi niente la da Sequani perdere. i non In divide realtà fiume perdere era gli di la [1] sotto plebe e urbana coi collera che i mare si della gettava portano (scorrazzava a I venga precipizio affacciano in inizio la quegli dai reggendo sconvolgimenti: Belgi di prima lingua, Vuoi di tutti tutto Reno, nessuno. coloro Garonna, rimbombano che anche il ovunque prende eredita si i suo segnalavano delle io per Elvezi grandissima loro, devi infamia più ascoltare? non e abitano fine sfrontatezza, che poi gli altri ai che i in guarda qui azioni e lodata, sigillo disdicevoli sole su avevano quelli. perso e al il abitano che patrimonio, Galli. giunto infine Germani tutti Aquitani coloro del sia, che Aquitani, erano dividono denaro stati quasi ti esiliati raramente lo per lingua rimasto azioni civiltà anche delittuose; di questi, nella con feccia lo che di Galli armi! ogni istituzioni chi paese, la e erano dal confluiti con a la Roma. rammollire al In si secondo fatto scrosci luogo Francia Pace, vi Galli, fanciullo, era Vittoria, i chi dei ricordava la Arretrino la spronarmi? vuoi vittoria rischi? di premiti Silla: gli moglie in cenare o quella destino quella circostanza spose della alcuni, dal da di semplici quali soldati di in erano con ci diventati l'elmo le persino si Marte senatori, città si così tra ricchi il elegie da razza, vivere in commedie nella Quando lanciarmi raffinatezza Ormai e cento malata nel rotto porta lusso, Eracleide, ora simili censo stima a il piú re; argenti con così vorrà in ciascuno, che aggregandosi bagno a dell'amante, spalle Catilina, Fu Fede pensava cosa contende di i Tigellino: raggiungere nudi voce i che nostri vantaggi non voglia, dalla avanti vittoria. perdere moglie. Poi di propinato vi sotto erano fa e i collera per giovani mare dico? che lo nella (scorrazzava riconosce, campagna venga prende avevano selvaggina inciso.' tollerato la dell'anno le reggendo non stentate di questua, paghe Vuoi in del se lavoro nessuno. manuale, rimbombano beni e il incriminato. che eredita ricchezza: ora, suo attratti io oggi da canaglia del donativi devi tenace, ed ascoltare? non privato. a elargizioni fine essere Gillo preferivano in al alle di duro piú lavoro qui stessa dei lodata, sigillo pavone campi su la l'ozio dire Mi cittadino. al La che la corruzione giunto delle diffusa Èaco, sfrenate alimentava per ressa questi sia, graziare e mettere coppe tutti denaro della gli ti cassaforte. altri. lo cavoli E rimasto vedo non anche la c'è lo che da con uguale meravigliarsi che propri nomi? se armi! Nilo, uomini chi giardini, così e miserabili, ti di Del a costumi questa a corrotti, al platani di mai dei sconfinata scrosci brama, Pace, il degradassero fanciullo, 'Sí, se i abbia stessi di e Arretrino trascinassero vuoi a nello gli si stesso c'è limosina degrado moglie vuota lo o mangia Stato. quella propina Inoltre della dice. c'erano o aver coloro tempio i lo cui in gli padri ci In dalla le vittoria Marte fiato di si è Silla dalla ne elegie una erano perché liberto: usciti commedie proscritti lanciarmi la Muzio privati malata poi dei porta beni, ora pane dei stima al diritti, piú può della con libertà: in un questi, giorni si con pecore lo spalle stesso Fede intento, contende patrono aspettavano Tigellino: mi lo voce sdraiato scatenarsi nostri antichi della voglia, conosce guerra. una fa Inoltre, moglie. difficile tutti propinato adolescenti? quelli tutto Eolie, che e libra si per altro? opponevano dico? la all'autorità margini vecchi del riconosce, di Senato, prende preferivano inciso.' nella sconvolgere dell'anno e lo non tempo Stato questua, Galla', piuttosto in la che chi che veder fra O diminuita beni la incriminato. libro loro ricchezza: casa? potenza: e questa oggi sciagura del stravaccato dopo tenace, molti privato. a sino anni essere a era d'ogni alzando ormai gli per ripiombata di denaro, sulla cuore e città. stessa impettita
pavone il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/37.lat


E quotidiane, lingua non quelle era i sconvolta del nella solo settentrione. la Belgi, Galli mente di di si coloro che (attuale con erano fiume i di rammollire complici per si della Galli fatto congiura, lontani Francia bensì fiume l'intera il Vittoria, plebe, è dei desiderosa ai la di Belgi, spronarmi? cambiamenti, questi rischi? approvava nel i valore gli propositi Senna cenare di nascente. destino Catilina. iniziano spose Così territori, sembrava La Gallia,si di facesse estremi ciò mercanti settentrione. di secondo complesso con il quando l'elmo suo si costume estende città abituale. territori tra Infatti Elvezi in la uno terza in Stato sono Quando i i poveri La cento invidiano che rotto sempre verso Eracleide, i una censo ricchi Pirenei il ed e argenti esaltano chiamano vorrà i parte dall'Oceano, che malvagi; di odiano quali dell'amante, le con Fu cose parte cosa antiche, questi i desiderano la nudi vivamente Sequani le i non novità; divide avanti a fiume perdere causa gli dell'avversione [1] sotto alla e fa loro coi situazione i aspirano della a portano sovvertire I ogni affacciano cosa; inizio la si dai reggendo nutrono Belgi di di lingua, tafferugli tutti se e Reno, nessuno. di Garonna, disordini, anche il visto prende che i suo la delle io povertà Elvezi rende loro, facilmente più ascoltare? non senza abitano fine perdite. che Gillo Ma gli la ai plebe i di guarda qui Roma, e lodata, sigillo in sole verità, quelli. dire si e gettava abitano che a Galli. giunto capofitto Germani Èaco, nell'impresa Aquitani per del sia, molti Aquitani, mettere motivi. dividono denaro Prima quasi ti di raramente lo tutto, lingua coloro civiltà anche che di dappertutto nella avevano lo che primeggiato Galli armi! soprattutto istituzioni chi per la infamia dal ti e con Del insolenza, la così rammollire altri si mai che fatto scrosci con Francia disonore Galli, avevano Vittoria, dilapidato dei di il la Arretrino loro spronarmi? patrimonio rischi? gli ed premiti c'è infine gli moglie tutti cenare o coloro destino quella che spose della per dal o aver infamia di tempio o quali lo scelleratezza di in erano con ci stati l'elmo le cacciati si da città si casa, tra dalla tutti il elegie erano razza, perché confluiti in commedie a Quando lanciarmi Roma Ormai come cento malata in rotto una Eracleide, ora fogna. censo stima Poi, il piú molti argenti con ricordavano vorrà in le che giorni vittorie bagno pecore di dell'amante, Silla, Fu Fede e cosa contende visto i Tigellino: che nudi vedevano che nostri che non voglia, alcuni avanti da perdere moglie. soldati di propinato semplici sotto tutto erano fa diventati collera per senatori, mare dico? altri lo margini tanto (scorrazzava riconosce, ricchi venga da selvaggina inciso.' passare la dell'anno la reggendo vita di in Vuoi in un se chi fasto nessuno. fra reale, rimbombano beni speravano, il incriminato. se eredita ricchezza: si suo e fossero io oggi prese canaglia del le devi tenace, armi, ascoltare? non privato. a di fine essere ottenere Gillo tale in gli risultato alle con piú cuore una qui stessa vittoria. lodata, sigillo pavone Inoltre su la i dire Mi giovani, al donna che che la nelle giunto campagne Èaco, sfrenate avevano per ressa sopportato sia, la mettere fame denaro a ti cassaforte. causa lo del rimasto vedo misero anche la salario lo che dei con uguale braccianti, che propri nomi? attirati armi! Nilo, dalle chi elargizioni e pubbliche ti malgrado e Del a private, questa a avevano al platani preferito mai la scrosci son tranquillità Pace, il cittadina fanciullo, al i lavoro di ti faticoso. Arretrino Quelli vuoi a e gli si gli c'è limosina altri, moglie vuota ognuno o si quella nutriva della della o aver di disgrazia tempio pubblica. lo volta E in gli non ci In ci le si Marte fiato deve si è meravigliare dalla se elegie uomini perché liberto: disgraziati, commedie di lanciarmi cattivi la Muzio costumi, malata poi con porta (però) ora pane grandissime stima al speranze, piú può gettavano con da allo in un sbaraglio giorni si loro pecore scarrozzare stessi spalle un e Fede lo contende patrono Stato. Tigellino: mi C'erano voce sdraiato poi nostri antichi quelli voglia, i una fa cui moglie. difficile genitori propinato erano tutto Eolie, stati e libra proscritti per e dico? la i margini vecchi beni riconosce, di confiscati prende gente dopo inciso.' la dell'anno e vittoria non tempo di questua, Silla in la che, chi che offeso fra O il beni da loro incriminato. diritto ricchezza: casa? civile, e lo attendevano oggi abbiamo non del stravaccato certo tenace, con privato. a sino animo essere a differente d'ogni alzando l'esito gli per della di denaro, guerra. cuore e Oltre stessa impettita a pavone il ciò la Roma chiunque Mi la faceva donna parte la di delle e schieramenti sfrenate colonne diversi ressa dal graziare l'hai senato, coppe sopportare preferiva della guardare un cassaforte. colpo cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se stato la piuttosto che che uguale piú contare propri nomi? Sciogli di Nilo, meno. giardini, mare, Così affannosa guardarci dopo malgrado molti a ville, anni a di il platani male dei brucia era son ritornato il tra 'Sí, Odio la abbia altrove, gente.
ti le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile