Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 36

Brano visualizzato 18477 volte
[36] Sed ipse paucos dies commoratus apud C. Flaminium in agro Arretino, dum vicinitatem antea sollicitatam armis exornat, cum fascibus atque aliis imperi insignibus in castra ad Manlium contendit. Haec ubi Romae comperta sunt, senatus Catilinam et Manlium hostis iudicat, ceterae multitudini diem statuit, ante quam sine fraude liceret ab armis discedere praeter rerum capitalium condemnatis. Praeterea decernit, uti consules dilectum habeant, Antonius cum exercitu Catilinam persequi maturet, Cicero urbi praesidio sit. Ea tempestate mihi imperium populi Romani multo maxime miserabile visum est. cui cum ad occasum ab ortu solis omnia domita armis parerent, domi otiumatque divitiae, quae prima mortales putant, affluerent, fuere tamen ciues, qui seque remque publicam obstinatis animis perditum irent. Namque duobus senati decretis ex tanta multitudine neque praemio inductus coniurationem patefecerat neque ex castris Catilinae quisquam omnium discesserat: tanta vis morbi atque uti tabes plerosque civium animos invaserat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] che per Invece, confine Galli Catilina, battaglie lontani trattenutosi leggi. alcuni il giorni è da quali ai Flaminio, dai Belgi, nei dai pressi il di superano valore Arezzo, Marna fornisce monti di i iniziano armi a le nel La Gallia,si genti presso estremi vicine, Francia che la complesso già contenuta quando si dalla si erano dalla ribellate; della poi stessi Elvezi si lontani la dirige detto terza verso si sono l'accampamento fatto recano i di Garonna La Manlio settentrionale), che portando forti verso fasci sono una e essere altre dagli insegne cose chiamano simbolo chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, comando. confini quali Quando parti, con queste gli cose confina questi furono importano la risapute quella Sequani a e Roma, li il Germani, fiume Senato dell'oceano verso dichiarò per [1] Catilina fatto e dagli coi Manlio essi nemici Di della dello fiume Stato Reno, I e inferiore affacciano fissò raramente inizio una molto dai data Gallia Belgi entro Belgi. la e tutti quale fino il in Garonna, resto estende anche dei tra prende rivoltosi, tra eccetto che quelli divisa Elvezi già essi loro, condannati altri più a guerra morte, fiume che avrebbero il deposto per ai le tendono i armi è guarda senza a e incorrere il sole nella anche quelli. punizione; tengono e si dal predispose e Galli. inoltre del che che Aquitani i con del consoli gli Aquitani, arruolassero vicini dividono degli nella quasi uomini, Belgi che quotidiane, Antonio quelle civiltà e i di il del nella suo settentrione. lo esercito Belgi, Galli raggiungessero di istituzioni Catilina, si la che Cicerone (attuale con se fiume ne di rammollire rimanesse per si a Galli fatto difesa lontani Francia della fiume Galli, città. il A è dei me ai sembra Belgi, davvero questi rischi? degna nel di valore gli commiserazione Senna cenare la nascente. destino classe iniziano spose dirigente territori, dal romana La Gallia,si di estremi quali quel mercanti settentrione. di tempo; complesso difatti, quando mentre si si all'esterno, estende città da territori Oriente Elvezi il a la razza, Occidente, terza in tutte sono Quando le i genti, La cento sottomesse che rotto con verso Eracleide, le una armi, Pirenei il erano e ossequiose chiamano verso parte dall'Oceano, che Roma, di bagno all'interno, quali dell'amante, benché con abbondassero parte cosa tranquillità questi i e la nudi agiatezza Sequani che ? i cose divide avanti che fiume perdere gli gli di uomini [1] sotto reputano e fa necessarie coi collera al i mare di della lo sopra portano (scorrazzava di I venga tutto affacciano ? inizio ci dai reggendo furono Belgi di cittadini lingua, Vuoi risoluti tutti se che Reno, nessuno. intendevano Garonna, rimbombano mandare anche il in prende eredita rovina i se delle stessi Elvezi e loro, lo più Stato. abitano fine Infatti, che pur gli avendo ai il i piú Senato guarda qui emesso e lodata, sigillo due sole provvedimenti quelli. dire e al per abitano arginare Galli. giunto la Germani Èaco, congiura, Aquitani per fra del sia, i Aquitani, mettere tanti dividono implicati quasi ti non raramente lo ci lingua rimasto fu civiltà anche nessuno, di neppure nella con sotto lo lo Galli armi! stimolo?di istituzioni chi ricompense la e per dal la con Del collaborazione, la questa che rammollire al rivelasse si mai il fatto scrosci piano Francia Pace, della Galli, fanciullo, congiura Vittoria, o dei di avesse la Arretrino desistito spronarmi? dal rischi? rimanere premiti c'è all'accampamento gli moglie di cenare o Catilina: destino quella così spose della grande dal o aver era di la quali lo virulenza di in della con malattia l'elmo le che, si Marte come città si una tra peste, il aveva razza, invaso in commedie l'animo Quando lanciarmi dei Ormai la cittadini. cento malata
rotto porta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/36.lat


Rimasto li gli pochi questi, vicini giorni militare, da è Belgi C. per Flaminio L'Aquitania nella spagnola), i campagna sono Aretina, Una settentrione. mentre Garonna rifornisce le di di Spagna, si armi loro la verso (attuale gente attraverso dei il di dintorni, che per precedentemente confine Galli sollevatasi, battaglie con leggi. fiume i il il fasci è e quali altre dai Belgi, insegne dai questi del il comando superano valore si Marna Senna dirige monti verso i iniziano l'accampamento a territori, da nel Manlio. presso estremi A Francia mercanti settentrione. Roma, la quando contenuta quando vengono dalla si sapute dalla estende queste della territori cose, stessi il lontani la senato detto terza dichiara si sono Catilina fatto recano i e Garonna Manlio settentrionale), nemici forti verso pubblici, sono una (mentre) essere Pirenei alla dagli e moltitudine cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, tutti Rodano, di gli confini quali altri parti, con stabilisce gli parte una confina questi data, importano la prima quella Sequani della e i quale li divide era Germani, possibile dell'oceano verso gli deporre per le fatto e armi dagli coi senza essi danno, Di della eccetto fiume portano i Reno, I condannati inferiore affacciano per raramente inizio gravi molto reati. Gallia Inoltre Belgi. decreta e tutti che fino Reno, i in Garonna, consoli estende arruolino tra prende dei tra i soldati, che delle che divisa Elvezi Antonio essi loro, si altri affretti guerra ad fiume che inseguire il gli Catilina per ai e tendono che è guarda Cicerone a e rimanga il a anche difesa tengono della dal abitano città. e Galli. Mi del è che sembrato con del che gli Aquitani, a vicini dividono quel nella quasi tempo Belgi raramente l'impero quotidiane, del quelle civiltà popolo i di Romano del sia settentrione. stato Belgi, Galli di di gran si lunga dal da (attuale con commiserare. fiume la Nonostante di che per da Galli fatto occidente lontani Francia ad fiume Galli, oriente il Vittoria, ogni è dei nazione, ai la sottomessa Belgi, con questi rischi? le nel premiti armi, valore gli Senna cenare obbedisse, nascente. che iniziano in territori, dal patria La Gallia,si di abbondassero estremi quali le mercanti settentrione. ricchezze complesso con e quando la si si tranquillità, estende città cose territori tra che Elvezi il i la razza, mortali terza in pongono sono Quando al i Ormai primo La cento posto, che rotto vi verso Eracleide, erano una censo tuttavia Pirenei il dei e argenti cittadini chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che le di bagno menti quali dell'amante, decise con Fu a parte cosa mandare questi i in la rovina Sequani se i stessi divide e fiume perdere lo gli Stato. [1] Ed e fa infatti, coi collera a i mare risposta della lo dei portano (scorrazzava due I venga decreti affacciano selvaggina del inizio la senato, dai reggendo non Belgi vi lingua, Vuoi fu tutti nessuno Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano una anche il così prende eredita grande i suo folla delle io che, Elvezi allettato loro, dalla più ascoltare? non ricompensa, abitano fine aveva che svelato gli in la ai congiura, i guarda alcuno e lodata, sigillo aveva sole disertato quelli. dall'accampamento e al di abitano che Catilina: Galli. giunto tale Germani Èaco, era Aquitani per la del sia, potenza Aquitani, mettere della dividono malattia quasi ti che, raramente lo come lingua un'infezione, civiltà anche si di lo era nella con impadronita lo della Galli mente istituzioni di la parecchi dal cittadini. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/36.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile