Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 33

Brano visualizzato 16638 volte
[33] "Deos hominesque testamur, imperator, nos arma neque contra patriam cepisse neque quo periculum aliis faceremus, sed uti corpora nostra ab iniuria tuta forent, qui miseri, egentes violentia atque crudelitate faeneratorum plerique patriae, sed omnes fama atque fortunis expertes sumus. Neque cuiquam nostrum licuit more maiorum lege uti neque amisso patrimonio liberum corpus habere: tanta saevitia faeneratorum atque praetoris fuit. Saepe maiores vestrum, miserti plebis Romanae, decretis suis inopiae eius opitulati sunt, ac novissime memoria nostra propter magnitudinem aeris alieni volentibus omnibus bonis argentum aere solutum est. Saepe ipsa plebs, aut dominandi studio permota aut superbia magistratuum, armata a patribus secessit. At nos non imperium neque divitias petimus, quarum rerum causa bella atque certamina omnia inter mortalis sunt, sed libertatem, quam nemo bonus nisi cum anima simul amittit. Te atque senatum obtestamur, consulatis miseris civibus, legis praesidium quod iniquitas praetoris eripuit restituatis, neve nobis eam neccessitudinem imponatis, ut quaeramus, quonam modo maxime ulti sanguinem nostrum pereamus."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[33] superano valore "Davanti Marna Senna agli monti nascente. dèi i iniziano e a territori, agli nel uomini, presso noi Francia mercanti settentrione. attestiamo, la complesso Generale, contenuta quando di dalla si non dalla estende esserci della territori armati stessi Elvezi contro lontani la la detto patria, si fatto recano i per Garonna recare settentrionale), danno forti verso ad sono una altri: essere Pirenei piuttosto dagli e lo cose abbiamo chiamano fatto Rodano, di perché confini quali le parti, con nostre gli persone confina questi fossero importano la al quella Sequani riparo e i dall'oltraggio; li divide noi, Germani, fiume miseri, dell'oceano verso gli privi per [1] di fatto risorse dagli finanziarie essi a Di causa fiume portano della Reno, I inesorabile inferiore affacciano prepotenza raramente inizio degli molto dai usurai, Gallia per Belgi. lingua, lo e tutti più fino Reno, siamo in Garonna, senza estende anche patria tra prende e, tra i tutti, che delle siamo divisa privati essi dell'onore altri e guerra delle fiume sostanze. il A per nessuno tendono di è guarda noi a è il sole stato anche concesso, tengono e secondo dal le e Galli. antiche del Germani consuetudini, che Aquitani di con del appellarsi gli Aquitani, alla vicini legge: nella quasi difatti, Belgi raramente perduto quotidiane, il quelle civiltà patrimonio, i ci del hanno settentrione. lo tolto Belgi, pure di la si la libertà: dal queste (attuale sono fiume la le di rammollire sevizie per si che Galli fatto ci lontani hanno fiume riservato il usurai è e ai la magistrati. Belgi, spronarmi? Spesso questi rischi? i nel premiti vostri valore gli antenati, Senna cenare mossi nascente. destino a iniziano spose compassione territori, dal per La Gallia,si di la estremi plebe mercanti settentrione. romana, complesso con con quando l'elmo i si si loro estende città decreti, territori vennero Elvezi il in la razza, soccorso terza della sono Quando sua i miseria La cento e che rotto ultimamente, verso come una censo ricordiamo, Pirenei di e argenti fronte chiamano vorrà a parte dall'Oceano, che debiti di bagno enormi, quali coll'assenso con Fu di parte cosa tutti questi gli la nudi aristocratici, Sequani che fu i non accettata divide in fiume pagamento gli di la [1] sotto moneta e di coi collera rame i al della lo posto portano (scorrazzava di I venga quella affacciano d'argento inizio 67. dai reggendo Spesso Belgi di la lingua, Vuoi stessa tutti se plebe Reno, nessuno. prese Garonna, rimbombano le anche armi prende eredita e i suo si delle io separò Elvezi canaglia dal loro, patriziato più ascoltare? non spinta abitano dal che Gillo desiderio gli in di ai dominio i o guarda qui dall'alterigia e dei sole su magistrati. quelli. dire Non e al ricerchiamo abitano il Galli. giunto dominio Germani Èaco, o Aquitani la del ricchezza, Aquitani, mettere che dividono denaro fra quasi ti gli raramente uomini lingua seminano civiltà anche sconvolgimenti di lo e nella con discordie; lo che noi Galli vogliamo istituzioni chi la la e libertà dal che con Del i la questa veri rammollire al uomini si mai perdono fatto scrosci solo Francia Pace, al Galli, fanciullo, momento Vittoria, i della dei di morte. la Arretrino Noi spronarmi? vuoi supplichiamo rischi? gli te premiti c'è e gli moglie il cenare o Senato: destino provvedete spose ai dal miseri di tempio cittadini, quali restituite di in vigore con alle l'elmo le leggi, si che città si pretori tra dalla iniqui il elegie hanno razza, calpestato, in commedie e Quando lanciarmi non Ormai addossateci cento malata un'urgenza rotto porta tale Eracleide, ora da censo stima indurci il piú a argenti con ricercare, vorrà in fino che in bagno fondo, dell'amante, la Fu vendetta cosa contende per i Tigellino: il nudi voce nostro che sangue non voglia, con avanti una la perdere stessa di propinato nostra sotto tutto morte". fa e
collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/33.lat


"Chiamiamo verso (attuale a attraverso fiume testimoniare il gli che dei confine e battaglie gli leggi. fiume uomini, il o è comandante, quali ai che dai Belgi, non dai questi abbiamo il nel preso superano valore le Marna Senna armi monti contro i iniziano la a territori, patria, nel La Gallia,si presso estremi faremo Francia mercanti settentrione. alcun la male contenuta quando a dalla si nessuno, dalla estende ma della territori per stessi Elvezi metterci lontani la al detto terza riparo si sono dalle fatto recano ingiustizie; Garonna La siamo settentrionale), disgraziati, forti bisognosi, sono una la essere Pirenei violenza dagli e e cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, crudeltà Rodano, di degli confini quali usurai parti, con ha gli privato confina molti importano la di quella noi e i della li divide patria, Germani, fiume ma dell'oceano verso tutti per [1] dell'onore fatto e e dagli degli essi i averi. Di A fiume nessuno Reno, I di inferiore affacciano noi raramente inizio è molto stato Gallia Belgi permesso Belgi. lingua, di e tutti appellarsi fino Reno, alla in legge estende secondo tra prende cui, tra i come che da divisa Elvezi tradizione essi loro, degli altri più avi, guerra abitano chi fiume che aveva il gli perso per il tendono i patrimonio è guarda rimaneva a libero: il sole tanta anche fu tengono e la dal abitano crudeltà e degli del Germani strozzini che Aquitani e con del del gli Aquitani, pretore. vicini dividono Spesso nella quasi i Belgi raramente vostri quotidiane, lingua antenati, quelle civiltà mossi i di a del nella pietà settentrione. per Belgi, la di istituzioni plebe si la Romana, dal vennero (attuale incontro fiume la alla di rammollire sua per si povertà Galli con lontani Francia i fiume Galli, loro il decreti; è dei e ai la ultimamente, Belgi, spronarmi? a questi memoria nel premiti nostra, valore gli l'ammontare Senna cenare dei nascente. debiti iniziano spose fu territori, dal tale La Gallia,si di che, estremi quali per mercanti settentrione. di volere complesso di quando tutti si si gli estende città ottimati, territori il Elvezi il debito la d'argento terza in fu sono Quando saldato i Ormai con La cento il che rotto bronzo. verso Eracleide, Spesso una censo la Pirenei plebe e argenti stessa, chiamano vorrà mossa parte dall'Oceano, che o di bagno dal quali desiderio con Fu di parte cosa comandare questi o la nudi dall'alterigia Sequani che dei i non magistrati, divide avanti armata, fiume fece gli di secessione [1] sotto dai e senatori. coi collera Ma i noi della lo non portano (scorrazzava chiediamo I affacciano il inizio la comando dai reggendo Belgi di le lingua, ricchezze, tutti che Reno, nessuno. sono Garonna, cause anche di prende guerre i e delle io conflitti Elvezi canaglia fra loro, gli più ascoltare? non uomini, abitano fine bensì che Gillo la gli in libertà, ai alle che i nessun guarda qui buon e uomo sole su perde quelli. se e al non abitano che insieme Galli. giunto alla Germani Èaco, vita. Aquitani per Imploriamo del sia, te Aquitani, mettere ed dividono denaro il quasi ti senato: raramente provvedete lingua rimasto ai civiltà vostri di lo poveri nella concittadini, lo che restituite Galli loro istituzioni chi la la e protezione dal ti della con Del legge la questa che rammollire l'iniquità si mai del fatto pretore Francia Pace, ha Galli, loro Vittoria, i sottratto, dei di e la Arretrino non spronarmi? vuoi imponeteci, rischi? gli come premiti c'è più gli moglie tremenda cenare o vendetta destino quella del spose della nostro dal o aver sangue, di tempio la quali lo necessità di in di con ci trovare l'elmo in si che città si modo tra dalla morire." il elegie
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/33.lat


Testimoniamo il nel davanti superano valore agli Marna Senna dei monti nascente. e i aògi a territori, uomini, nel La Gallia,si comandante, presso estremi che Francia mercanti settentrione. non la complesso abbiamo contenuta preso dalla si le dalla armi della territori stessi Elvezi contro lontani la detto terza patria si fatto recano per Garonna La (lett: settentrionale), fare forti un sono una pericolo essere Pirenei ad dagli e altri) cose chiamano mettere chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di pericolo confini quali altri parti, con ma gli parte per confina questi mettere importano la i quella Sequani nostri e i corpi li divide al Germani, riparo dell'oceano verso gli dall'oltraggio, per [1] noi fatto e che dagli miseri essi i e Di della bisognosi fiume portano a Reno, causa inferiore affacciano della raramente inizio crudeltà molto dai degli Gallia usurai, Belgi. lingua, siamo e tutti privi fino Reno, i in più estende anche della tra prende patria, tra i ma che delle tutti divisa Elvezi di essi loro, reputazione altri più e guerra abitano averi. fiume che
il gli a per ai nessuno tendono di è guarda noi a e è il stato anche permesso tengono fare dal abitano uso e della del Germani legge che Aquitani secondo con del il gli costume vicini dividono dei nella padri, Belgi raramente quotidiane, di quelle civiltà avere i di libero del il settentrione. lo proprio Belgi, Galli corpo, di avendo si la perso dal il (attuale con patrimonio: fiume la tanta di rammollire fu per la Galli fatto crudeltà lontani Francia degli fiume usurai il e è dei del ai pretore.
Spesso
Belgi, spronarmi? i questi rischi? votri nel premiti antenati, valore gli mossi Senna cenare a nascente. destino compassione iniziano spose dalla territori, dal plebe La Gallia,si di di estremi Roma, mercanti settentrione. di vennero complesso con incontro quando l'elmo alla si si sua estende povertà territori tra con Elvezi i la razza, loro terza in decreti; sono Quando e i ultimamente, La a che rotto memoria verso Eracleide, nostra, una censo a Pirenei il causa e argenti della chiamano grandezza parte dall'Oceano, che dei di bagno debiti, quali dell'amante, volendolo con Fu tutti parte cosa gli questi uomini la nudi perbene, Sequani fu i non pagato divide l'argento fiume perdere con gli il [1] sotto bronzo.
Spesso
e fa la coi plebe i mare stessa, della incalzata portano (scorrazzava o I incalzata affacciano selvaggina o inizio la dalla dai reggendo volontà Belgi di di lingua, Vuoi comandare tutti se o Reno, dalla Garonna, rimbombano superbia anche il dei prende eredita magistrati, i armata, delle io fece Elvezi la loro, secessione più dai abitano fine patrizi.
Non
che Gillo abbiamo gli in chiesto ai per i piú noi guarda comando e lodata, sigillo sole ricchezze, quelli. a e al causa abitano che delle Galli. giunto quali Germani Èaco, cose Aquitani per scoppiano del sia, (lett: Aquitani, ci dividono denaro sono) quasi le raramente guerre lingua rimasto e civiltà anche le di zuffe nella con tra lo i Galli armi! mortali, istituzioni chi ma la e la dal libertà, con Del che la nessun rammollire al uomo si mai (sottinteso)(lett: fatto scrosci buono) Francia Pace, virtuoso Galli, fanciullo, lascia Vittoria, i andare dei di se la Arretrino non spronarmi? assieme rischi? gli alla premiti c'è vita gli moglie (cioè cenare o : destino quella alla spose morte).
Supplichiamo
dal o aver te di tempio e quali lo il di senato, con ci provvedete l'elmo le ai si Marte miseri città si cittadini, tra ristabilite il elegie la razza, perché protezione in delle Quando leggi, Ormai la che cento malata l'ingiustizia rotto dei Eracleide, pretori censo stima ha il piú sottratto, argenti con e vorrà in non che giorni imponete bagno pecore a dell'amante, spalle noi Fu Fede di cosa chiedere i Tigellino: come nudi voce essenzialmente che nostri moriamo non voglia, per avanti una vendicareil perdere moglie. nostro di propinato sangue. sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/33.lat

[...ale=]] - [2012-06-03 17:29:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile