Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 23

Brano visualizzato 59097 volte
[23] Sed in ea coniuratione fuit Q. Curius, natus haud obscuro loco, flagitiis atque facinoribus coopertus, quem censores senatu probri gratia mouerant. Huic homini non minor uanitas inerat quam audacia: neque reticere quae audierat, neque suamet ipse scelera occultare, prorsus neque dicere neque facere quicquam pensi habebat. Erat ei cum Fuluia, muliere nobili, stupri vetus consuetudo. cui cum minus gratus esset, quia inopia minus largiri poterat, repente glorians maria montisque polliceri coepit et minari etiam ferro, ni sibi obnoxia foret, postremo ferocius agitare quam solitus erat. At Fuluia insolentiae Curi causa cognita tale periculum rei publicae haud occultum habuit, sed sublato auctore de Catilinae coniuratione quae quoque modo audierat compluribus narrauit. Ea res in primis studia hominum accendit ad consulatum mandandum M. Tullio Ciceroni. Namque antea pleraque nobilitas invidia aestuabat, et quasi pollui consulatum credebant, si eum quamuis egregius homo novos adeptus foret. Sed ubi periculum advenit, invidia atque superbia post fuere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[23] quali ai Ma dai Belgi, in dai questi quella il congiura superano valore ci Marna Senna fu monti Quinto i iniziano Curio, a territori, nato nel da presso una Francia famiglia la complesso non contenuta sconosciuta, dalla carico dalla estende di della territori azioni stessi Elvezi turpi lontani la e detto di si delitti, fatto recano i che Garonna i settentrionale), censori forti avevano sono espulso essere Pirenei dal dagli e senato cose chiamano per chiamano indegnità. Rodano, di In confini quest'uomo parti, con non gli parte c'era confina questi minor importano la vanità quella Sequani che e i sconsideratezza: li non Germani, si dell'oceano verso gli curava per [1] affatto fatto e dagli coi di essi i tacere Di ciò fiume che Reno, aveva inferiore affacciano sentito, raramente molto dai egli Gallia Belgi nascondeva Belgi. lingua, i e tutti suoi fino propri in delitti, estende anche insomma tra non tra i dava che delle peso divisa Elvezi essi loro, alle altri più parole guerra abitano fiume ai il fatti per ai (lett.: tendono i non è guarda si a e curava il anche quelli. di tengono e dire dal abitano e di del Germani fare). che Aquitani Aveva con del una gli Aquitani, vecchia vicini dividono relazione nella quasi scandalosa Belgi raramente con quotidiane, Fulvia, quelle civiltà una i donna del nobile. settentrione. lo Essendo Belgi, Galli (lui) di istituzioni a si la lei dal meno (attuale con gradito, fiume la poiché di rammollire a per causa Galli della lontani povertà fiume poteva il Vittoria, donare è dei meno, ai di Belgi, colpo questi vantandosi, nel premiti cominciò valore a Senna promettere nascente. destino mari iniziano spose e territori, dal monti La Gallia,si di e estremi quali a mercanti settentrione. di minacciarla complesso con talvolta quando l'elmo con si si le estende città armi, territori se Elvezi non la era terza in disponibile sono per i Ormai lui, La cento ultimamente che rotto si verso Eracleide, comportava una censo più Pirenei il ferocemente e argenti del chiamano (lett.: parte dall'Oceano, che di di bagno quanto quali dell'amante, fosse) con Fu solito. parte cosa Ma questi i Fulvia, la nudi conosciuta Sequani che la i non causa divide della fiume perdere spavalderia gli di di [1] sotto Curio, e fa non coi collera tenne i mare nascosto della lo un portano tale I venga pericolo affacciano selvaggina alla inizio la repubblica, dai reggendo ma, Belgi senza lingua, Vuoi nominare tutti se il Reno, nessuno. nome Garonna, rimbombano del anche confidente, prende raccontò i a delle io molte Elvezi persone loro, devi quello più ascoltare? non che abitano fine aveva che sentito gli in sulla ai alle congiura i piú di guarda Catilina e lodata, sigillo che sole e quelli. in e che abitano che modo Galli. giunto (l'avesse Germani Èaco, sentito). Aquitani per Questa del sia, faccenda Aquitani, mettere in dividono primis quasi ti accese raramente lo gli lingua rimasto animi civiltà degli di uomini nella con a lo che mandare Galli alla istituzioni chi carica la di dal console con Del Marco la questa Tullio rammollire Cicerone. si mai E fatto infatti Francia Pace, prima Galli, fanciullo, la Vittoria, i maggior dei di parte la della spronarmi? nobiltà rischi? bruciava premiti c'è d'invidia, gli moglie e cenare credevano destino quasi spose della che dal o aver la di carica quali lo di di in console con ci si l'elmo profanerebbe, si Marte se città si un tra dalla homo il elegie novus, razza, per in quanto Quando egregio, Ormai la l'avesse cento raggiunta. rotto porta Ma Eracleide, ora quando censo stima il il pericolo argenti con arriva, vorrà l'invidia che giorni e bagno la dell'amante, spalle superbia Fu Fede vengono cosa contende dopo. i Tigellino:
nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/23.lat


In è Belgi quella per quotidiane, congiura L'Aquitania quelle ci spagnola), i fu sono del Quinto Una settentrione. Curio, Garonna Belgi, nato le di da Spagna, si nobile loro (non verso (attuale oscura) attraverso fiume famiglia, il di carico che di confine vergogna battaglie lontani e leggi. fiume di il il delitti, è che quali ai i dai Belgi, censori dai questi avevano il nel allontanato superano dal Marna Senna senato monti nascente. per i iniziano infamia. a A nel quest'uomo presso era Francia mercanti settentrione. non la complesso meno contenuta quando la dalla vanità dalla estende e della territori la stessi sfrontatezza, lontani non detto terza taceva si di fatto recano i quello Garonna La che settentrionale), che aveva forti verso sentito, sono una non essere nascondeva dagli e i cose suoi chiamano parte dall'Oceano, delitti, Rodano, di insomma confini quali non parti, aveva gli parte alcun confina che importano la di quella Sequani scrupolo e ne li divide di Germani, dire dell'oceano verso ne per [1] di fatto fare. dagli Era essi i a Di della lui fiume portano con Reno, I Fulvia inferiore affacciano una raramente inizio donna molto dai nobile, Gallia una Belgi. lingua, vecchia e relazione fino Reno, carnale. in Garonna, Essendo estende anche a tra prende lei tra meno che gradito, divisa Elvezi poiché essi a altri causa guerra abitano della fiume povertà il poteva per ai donare tendono i meno, è guarda di a e colpo il vantandosi anche quelli. cominciò tengono a dal promettere e Galli. mari del e che monti con del e gli a vicini dividono minacciarla nella persino Belgi raramente con quotidiane, lingua la quelle spada, i di se del nella non settentrione. lo fosse Belgi, Galli stata di disponibile si la con dal lui, (attuale insomma fiume la si di rammollire comportava per più Galli fatto ferocemente lontani Francia di fiume Galli, quanto il Vittoria, fosse è dei solito. ai la Ma Belgi, spronarmi? Fulvia questi rischi? conosciuta nel premiti la valore gli causa Senna cenare dell'insolenza nascente. di iniziano Curio, territori, dal non La Gallia,si di tenne estremi quali nascosto mercanti settentrione. di un complesso con tale quando l'elmo pericolo si si per estende città la territori tra repubblica, Elvezi ma la razza, senza terza dichiarare sono Quando il i nome La cento raccontò che rotto a verso Eracleide, molte una censo persone Pirenei e argenti quello chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che aveva di sentito quali dell'amante, e con Fu in parte che questi i modo, la nudi riguardo Sequani che la i congiura divide avanti di fiume Catilina. gli di Questa [1] sotto cosa e dapprima coi collera accese i gli della lo interessi portano (scorrazzava degli I venga uomini affacciano selvaggina a inizio la eleggere dai alla Belgi di carica lingua, Vuoi di tutti se console Reno, Marco Garonna, rimbombano Tulio anche Cicerone. prende Infatti i suo prima delle la Elvezi canaglia maggior loro, parte più ascoltare? non della abitano fine nobiltà che Gillo bruciava gli in di ai alle gelosia i piú e guarda credevano e lodata, sigillo che sole per quelli. così e dire abitano che il Galli. giunto consolato Germani Èaco, venisse Aquitani per contaminato del sia, se Aquitani, mettere lo dividono denaro avesse quasi ottenuto raramente lo un lingua rimasto uomo civiltà anche nuovo di lo sebbene nella egregio. lo che Ma Galli quando istituzioni chi il la e pericolo dal ti venne, con Del l'invidia la questa e rammollire al la si mai superbia fatto scrosci vennero Francia Pace, dopo.
Galli, fanciullo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/23.lat

[giuliagrazia] - [2008-11-28 15:41:57]

Tuttavia, dai a il quella superano valore congiura Marna Senna partecipò monti anche i un a territori, certo nel Quinto presso estremi Curio, Francia mercanti settentrione. di la complesso nobili contenuta quando origini, dalla si coperto dalla estende di della territori crimini stessi Elvezi e lontani di detto misfatti, si sono che fatto recano i Garonna censori settentrionale), che avevano forti rimosso sono dal essere Pirenei senato dagli e per cose indegnità. chiamano parte dall'Oceano, In Rodano, costui, confini la parti, con frivolezza gli parte non confina questi era importano la certo quella Sequani presente e i in li misura Germani, minore dell'oceano verso della per [1] sventatezza, fatto e infatti dagli coi qualsiasi essi i cosa Di della sentisse fiume non Reno, I passava inferiore affacciano sotto raramente inizio silenzio molto e Gallia Belgi non Belgi. celava e tutti neppure fino Reno, i in Garonna, suoi estende anche stessi tra prende misfatti, tra insomma, che delle niente divisa di essi loro, ciò altri più che guerra abitano diceva fiume che o il gli faceva per ai aveva tendono peso è guarda per a e lui. il sole Costui anche possedeva tengono una dal abitano antica e tresca del Germani con che Aquitani Fulvia, con del una gli Aquitani, donna vicini dividono di nella nobili Belgi origini; quotidiane, e quelle civiltà non i essendo del nella più settentrione. lo nelle Belgi, Galli sue di istituzioni grazie si la perché dal non (attuale con poteva fiume la concedersi di rammollire molti per si doni Galli fatto a lontani Francia causa fiume della il Vittoria, mancanza è dei di ai ricchezze, Belgi, spronarmi? velocemente, questi rischi? vandandosene, nel premiti iniziò valore a Senna cenare prometterle nascente. destino mari iniziano e territori, dal monti, La Gallia,si ed estremi intanto mercanti settentrione. a complesso minacciarla quando l'elmo con si si la estende città spada, territori tra qualora Elvezi non la razza, fosse terza in stata sono Quando arrendevole i Ormai con La lui; che rotto infine, verso Eracleide, cominciava una censo a Pirenei il comportarsi e argenti più chiamano vorrà brutalmente parte dall'Oceano, che del di bagno solito. quali dell'amante, Ma con Fu Fulvia, parte cosa conosciuta questi la la causa Sequani che della i non stranezza divide avanti di fiume perdere Curio, gli di non [1] tenne e nascosto coi una i mare tale della minaccia portano (scorrazzava per I la affacciano Repubblica, inizio la ma, dai reggendo celato Belgi di il lingua, nome tutti dell'informatore, Reno, nessuno. raccontò Garonna, rimbombano che anche il cosa prende eredita aveva i suo sentito delle io a Elvezi proposito loro, devi della più ascoltare? non congiura abitano fine di che Gillo Catilina gli ed ai alle in i che guarda qui modo e lodata, sigillo ne sole su era quelli. dire venuta e al a abitano che conoscenza. Galli. giunto Questo Germani Èaco, fatto Aquitani per accrescette del sia, all'istante Aquitani, il dividono denaro desiderio quasi ti di raramente lo tutti lingua gli civiltà uomini di lo di nella dare lo che il Galli armi! mandato istituzioni chi di la e console dal ti a con Del Marco la questa Tullio rammollire al Cicerone. si mai Ed fatto infatti, Francia precedentemente Galli, la Vittoria, i maggior dei di parte la della spronarmi? vuoi nobiltà rischi? gli ribolliva premiti di gli moglie gelosia, cenare o ed destino quella era spose della quasi dal propensa di a quali lo credere di che con ci il l'elmo consolato si venisse città si macchiato, tra se il lo razza, avesse in commedie ottenuto Quando lanciarmi un Ormai la uomo cento malata nuovo, rotto porta per Eracleide, ora quanto censo stima valido. il piú Ma argenti con non vorrà in appena che giorni giunse bagno pecore il dell'amante, spalle pericolo, Fu l'invidia cosa contende e i Tigellino: la nudi voce superbia che nostri passarono non in
secondo
avanti una piano. perdere moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/23.lat

[reggio_it] - [2009-03-25 16:00:36]

Faceva le di Spagna, si parte loro di verso (attuale quella attraverso fiume congiura il di Q. che Curio, confine Galli nobile battaglie lontani di leggi. fiume nascita, il famoso è per quali ai le dai Belgi, infamie dai questi e il nel le superano valore scelleratezze, Marna Senna che monti i i iniziano censori a territori, avevano nel La Gallia,si radiato presso estremi dal Francia senato la per contenuta la dalla si condotta dalla estende ignominiosa. della Era stessi una lontani la persona detto tanto si falsa fatto recano i quanto Garonna La avventata; settentrionale), non forti verso aveva sono una la essere Pirenei capacità dagli di cose chiamano tenere chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, confini quali ciò parti, con che gli aveva confina questi sentito, importano la quella Sequani di e nascondere li divide i Germani, fiume propri dell'oceano verso gli delitti, per fatto e si dagli coi curava essi i affatto Di della di fiume portano ciò Reno, I che inferiore affacciano diceva raramente inizio o molto dai faceva. Gallia Belgi Aveva Belgi. da e tutti parecchio fino tempo in Garonna, una estende anche relazione tra scandalosa tra i con che delle una divisa Elvezi donna essi loro, nobile, altri più Fulvia. guerra abitano Ed fiume che egli, il gli essendo per ai scaduto tendono i nei è suoi a e favori il sole visto anche che, tengono e a dal abitano causa e Galli. delle del ristrettezze che economiche, con del non gli poteva vicini dividono più nella quasi essere Belgi generoso quotidiane, lingua con quelle lei, i di fattosi del nella improvvisamente settentrione. lo spavaldo Belgi, Galli iniziò di istituzioni a si la prometterle dal mari (attuale e fiume monti, di rammollire addirittura per si a Galli minacciarla lontani Francia con fiume un il Vittoria, pugnale è se ai la non Belgi, spronarmi? si questi concedeva nel a valore lui Senna cenare e, nascente. destino infine, iniziano spose a territori, dal comportarsi La Gallia,si con estremi quali più mercanti settentrione. arroganza complesso del quando solito. si Ma estende Fulvia, territori venuta Elvezi il a la conoscenza terza in della sono Quando ragione i Ormai dell'insolenza La cento di che rotto Curio, verso Eracleide, non una censo tenne Pirenei il segreto e argenti tale chiamano vorrà pericolo parte dall'Oceano, per di bagno lo quali dell'amante, Stato, con Fu bensì, parte senza questi i rivelare la il Sequani che nome i non dell'informatore, divide raccontò fiume perdere a gli di parecchi, [1] sotto così e fa come coi collera le i mare aveva della lo udite, portano (scorrazzava le I venga cose affacciano selvaggina che inizio sapeva dai reggendo sulla Belgi di congiura lingua, Vuoi di tutti Catilina. Reno, nessuno. Questo Garonna, rimbombano fu anche il una prende eredita delle i ragioni delle che Elvezi canaglia accese loro, devi i più ascoltare? non consensi abitano fine verso che Gillo il gli in consolato ai alle di i piú M. guarda Tullio e lodata, sigillo Cicerone. sole su Difatti, quelli. dire in e precedenza, abitano che la Galli. maggior Germani Èaco, parte Aquitani per della del nobiltà Aquitani, mettere bruciava dividono per quasi l'invidia, raramente lo e lingua rimasto credevano civiltà anche che di lo il nella senato lo che sarebbe Galli armi! stato istituzioni quasi la e contaminato dal se con Del quell'"uomo la nuovo", rammollire al per si mai quanto fatto insigne, Francia lo Galli, fanciullo, avesse Vittoria, i occupato. dei di Ma la quando spronarmi? vuoi giunse rischi? gli il premiti c'è pericolo, gli l'invidia cenare o e destino quella la spose della superbia dal lasciarono di il quali lo passo.
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile