Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 17

Brano visualizzato 19947 volte
[17] Igitur circiter Kalendas Iunias L. Caesare et C. Figulo consulibus primo singulos appellare; hortari alios, alios temptare; opes suas, imparatam rem publicam, magna praemia coniurationis docere. Ubi satis explorata sunt quae voluit, in unum omnis convocat, quibus maxima necessitudo et plurimum audaciae inerat. Eo convenere senatorii ordinis P. Lentulus Sura, P. Autronius, L. Cassius Longinus, C. Cethegus. P. Et Ser. Sullae Ser. filii, L. Vargunteius, Q. Annius, M. Porcius Laeca, L. Bestia, Q. Curius; praeterea ex equestri ordine M. Fuluius Nobilior, L. Statilius, P. Gabinius Capito, C. Cornelius; ad hoc multi ex coloniis et municipiis domi nobiles. Erant praeterea complures paulo occultius consili huiusce participes nobiles, quos magis dominationis spes hortabatur quam inopia aut alia necessitudo. Ceterum iuventus pleraque, sed maxime nobilium Catilinae inceptis fauebat: quibus in otio vel magnifice vel molliter vivere copia erat; incerta pro certis, bellum quam pacem malebant. fuere item ea tempestate qui crederent M. Licinium Crassum non ignarum eius consili fuisse: quia Cn. Pompeius, inuisus ipsi, magnum exercitum ductabat, cuiusuis opes voluisse contra illius potentiam crescere, simul confisum, si coniuratio valuisse, facile apud illos principem se fore.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] contenuta quando Dunque dalla si al dalla estende principio della di stessi Elvezi giugno, lontani la mentre detto terza Lucio si sono Cesare fatto recano i e Garonna Caio settentrionale), che Figulo forti verso erano sono consoli, essere Catilina dagli e si cose mise chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di prender confini contatto parti, con con gli singole confina questi persone; importano la poi quella esortava e e li divide prometteva Germani, fiume vantando dell'oceano verso gli i per suoi fatto messi dagli rivoluzionari essi i e Di della i fiume portano grandi Reno, vantaggi inferiore affacciano che raramente inizio si molto potevano Gallia Belgi ottenere Belgi. lingua, da e tutti una fino congiura, in Garonna, realizzabile estende anche grazie tra alla tra debolezza che delle dello divisa Elvezi Stato. essi Dopo altri più aver guerra abitano fatto fiume che le il gli sue per ai verifiche, tendono i radunò è guarda insieme a e tutti il sole quelli anche che tengono si dal abitano trovavano e in del condizioni che Aquitani disperate con del e gli i vicini più nella quasi audaci. Belgi raramente Aderirono quotidiane, lingua dei quelle senatori: i di Publio del nella Lentulo settentrione. Sura, Belgi, Galli Publio di istituzioni Autronio, si Lucio Cassio (attuale con Longino, fiume la Caio di rammollire Cetego, per si Publio Galli e lontani Francia Servio, fiume figli il Vittoria, di è dei Servio ai la Silla, Belgi, Lucio questi rischi? Vargonteio, nel premiti Quinto valore gli Annio, Senna cenare Marco nascente. destino Porcio iniziano spose Leca, territori, dal Lucio La Gallia,si Bestia, estremi Quinto mercanti settentrione. di Curio; complesso con e quando dei si si cavalieri: estende Marco territori tra Fulvio Elvezi Nobiliore, la razza, Lucio terza in Statilio, sono Quando Publio i Ormai Gabinio La cento Capitone, che Caio verso Eracleide, Cornelio. una Ma Pirenei il vi e argenti erano chiamano anche parte dall'Oceano, molti di nobili quali dell'amante, delle con Fu colonie parte e questi i dei la municipi, Sequani come i anche divide avanti parecchi fiume altri gli di nobili [1] sotto che e fa meno coi collera palesemente i appoggiavano della lo il portano (scorrazzava progetto, I spinti affacciano selvaggina non inizio la dal dai reggendo bisogno Belgi di di lingua, Vuoi ricchezze, tutti se ma Reno, nessuno. dalla Garonna, rimbombano speranza anche il di prende avere i suo più delle io prestigio. Elvezi D'altronde loro, i più ascoltare? non giovani, abitano fine quasi che Gillo tutti, gli in ma ai alle in i particolare guarda qui i e lodata, sigillo nobili, sole su applaudivano quelli. all'impresa e al di abitano Catilina; Galli. questi Germani che Aquitani per avevano del sia, la Aquitani, mettere possibilità dividono di quasi ti vivere raramente lo negli lingua rimasto agi civiltà e di lo nel nella lusso lo che preferivano Galli armi! l'incertezza istituzioni chi derivante la e dalla dal ti querra con Del che la questa la rammollire al certezza si mai della fatto scrosci pace. Francia Pace, C'è Galli, fanciullo, anche Vittoria, chi dei crede la Arretrino che spronarmi? in rischi? gli quella premiti c'è bufera gli Marco cenare o Lucio destino Crasso spose non dal o aver fosse di tempio del quali lo tutto di in all'oscuro con ci di l'elmo le quella si Marte faccenda: città si poiché tra dalla Cneo il elegie Pompeo, razza, perché a in commedie lui Quando inviso, Ormai la conduceva cento malata un rotto porta grande Eracleide, ora esercito, censo stima egli il piú avrebbe argenti voluto vorrà che che giorni crescessero bagno pecore le dell'amante, spalle forze Fu di cosa contende chi i Tigellino: si nudi fosse che nostri messo non contro avanti una lo perdere strapotere di propinato di sotto tutto quello; fa e nello collera stesso mare dico? tempo lo margini confidava (scorrazzava che, venga prende se selvaggina inciso.' la la dell'anno congiura reggendo fosse di riuscita, Vuoi in facilmente se chi si nessuno. fra sarebbe rimbombano beni messo il incriminato. alla eredita testa suo e dei io oggi congiurati. canaglia del
devi tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/17.lat


Dunque, Germani, fiume all'incirca dell'oceano verso alle per calende fatto e di dagli coi giugno, essi sotto Di della il fiume consolato Reno, I di inferiore affacciano L. raramente inizio Cesare molto dai e Gallia Belgi di Belgi. lingua, C. e Figulo, fino Reno, innanzitutto in chiamò estende i tra suoi tra i ad che delle uno divisa Elvezi ad essi uno, altri alcuni guerra abitano li fiume che esortava, il altri per li tendono sondava; è guarda li a informò il sole dei anche suoi tengono e mezzi, dal abitano dei e grandi del guadagni che Aquitani di con una gli Aquitani, congiura vicini dividono e nella quasi che Belgi lo quotidiane, lingua Stato quelle civiltà era i impreparato. del nella Non settentrione. lo appena Belgi, Galli conobbe di istituzioni in si modo dal sufficiente (attuale con ciò fiume la che di rammollire voleva per sapere, Galli fatto convoca lontani dal fiume Galli, primo il all'ultimo è tutti ai i Belgi, più questi rischi? audaci nel premiti e valore gli tutti Senna cenare coloro nascente. che iniziano si territori, dal trovavano La Gallia,si nelle estremi più mercanti settentrione. di gravi complesso con strettezze quando economiche. si si Dell'ordine estende senatorio territori tra si Elvezi il presentarono la razza, terza P. sono Quando Lentulo i Ormai Sura, La cento P. che Autronio, verso Eracleide, L. una censo Cassio Pirenei il Longino, e argenti C. chiamano Cetego, parte dall'Oceano, che P. di e quali dell'amante, S. con Fu Silla, parte cosa figli questi i di la nudi Servio, Sequani L. i non Vargunteio, divide avanti Q. fiume perdere Annio, gli M. [1] sotto Porcio e fa Leca, coi L. i Bestia, della lo Q. portano Curio; I venga inoltre affacciano selvaggina dell'ordine inizio la equestre dai M. Belgi di Fulvio lingua, Vuoi Nobiliore, tutti se L. Reno, Statilio, Garonna, P. anche il Gabinio prende Capito, i C. delle io Cornelio; Elvezi canaglia a loro, questi più si abitano fine aggiunsero che Gillo molti gli in provenienti ai alle da i piú colonie guarda qui e e lodata, sigillo municipii, sole dove quelli. dire facevano e al parte abitano che delle Galli. giunto classi Germani Èaco, nobili. Aquitani per Vi del sia, erano Aquitani, mettere inoltre dividono parecchi quasi nobili raramente lo che lingua rimasto partecipavano civiltà anche in di modo nella più lo nascosto Galli a istituzioni chi tale la e congiura, dal ti i con quali la questa erano rammollire al mossi si più fatto scrosci dalla Francia Pace, speranza Galli, fanciullo, di Vittoria, i potere dei che la Arretrino dalla spronarmi? povertà rischi? o premiti da gli moglie qualche cenare o altro destino bisogno spose urgente. dal o aver D'altronde di tempio la quali maggior di in parte con dei l'elmo le giovani, si Marte ma città si soprattutto tra dalla dei il elegie nobili, razza, perché appoggiava in commedie i Quando lanciarmi propositi Ormai la di cento Catilina; rotto porta nonostante Eracleide, ora essi censo stima avessero il la argenti con possibilità vorrà in di che giorni vivere bagno pecore splendidamente dell'amante, spalle nell'otio Fu Fede tra cosa contende i i Tigellino: piaceri, nudi voce preferivano che le non cose avanti incerte perdere a di propinato quelle sotto tutto certe, fa e la collera per guerra mare dico? alla lo margini pace. (scorrazzava riconosce, Allo venga prende stesso selvaggina inciso.' modo la dell'anno vi reggendo non fu di questua, chi, Vuoi in a se chi quel nessuno. fra tempo, rimbombano beni credette il incriminato. che eredita ricchezza: M. suo e Licinio io Crasso canaglia del fosse devi tenace, a ascoltare? non privato. a conoscenza fine essere di Gillo questa in cospirazione; alle poiché piú cuore era qui stessa invidioso lodata, sigillo di su la Gneo dire Pompeo, al che che la allora giunto delle comandava Èaco, sfrenate un per ressa grande sia, esercito, mettere desiderava denaro della che ti si lo formasse rimasto una anche la forza lo da con uguale opporre che propri nomi? al armi! Nilo, suo chi giardini, potere, e da ti malgrado qualsiasi Del a parte questa essa al platani venisse, mai dei essendo scrosci sicuro Pace, il allo fanciullo, 'Sí, stesso i tempo di che, Arretrino magari se vuoi la gli si congiura c'è limosina avesse moglie vuota avuto o mangia successo, quella egli della ne o aver sarebbe tempio trova diventato lo facilmente in gli il ci capo.
le mio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile