Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 14

Brano visualizzato 148086 volte
[14] In tanta tamque corrupta civitate Catilina, id quod factu facillimum erat, omnium flagitiorum atque facinorum circum se tamquam stipatorum cateruas habebat. Nam quicumque impudicus adulter ganeo manu ventre pene bona patria laceraverat, quique alienum aes grande conflaverat, quo flagitium aut facinus redimeret, praeterea omnes undique parricidae sacrilegi conuicti iudiciis aut pro factis iudicium timentes, ad hoc quos manus atque lingua periurio aut sanguine civili alebat, postremo omnes quos flagitium egestas conscius animus exagitabat, ii Catilinae proximi familiaresque erant. Quod si quis etiam a culpa vacuos in amicitiam eius inciderat, cottidiano usu atque illecebris facile par similisque ceteris efficiebatur. Sed maxime adulescentium familiaritates appetebat: eorum animi molles etiam et [aetate] fluxi dolis haud difficulter capiebantur. Nam ut cuiusque studium ex aetate flagrabat, aliis scorta praebere, aliis canes atque equos mercare; postremo neque sumptui neque modestiae suae parcere, dum illos obnoxios fidosque sibi faceret. Scio fuisse nonnullos, qui ita existimarent iuventutem, quae domum Catilinae frequentabat, parum honeste pudicitiam habuisse; sed ex aliis rebus magis, quam quod cuiquam id compertum foret, haec fama valebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] si In fatto recano una Garonna La città settentrionale), così forti verso grande sono una e essere Pirenei corrotta dagli e Catilina, cose cosa chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di era confini quali facilissima parti, con a gli parte farsi, confina questi aveva importano attorno quella Sequani a e se li divide bande Germani, fiume di dell'oceano verso gli uomini per infami fatto e e dagli di essi i delinquenti Di della come fiume portano guardie Reno, I del inferiore corpo. raramente Infatti molto dai qualsiasi Gallia impudico, Belgi. lingua, adultero, e tutti crapulone fino che in Garonna, aveva estende scialacquato tra il tra i patrimonio che delle ereditato divisa Elvezi con essi loro, il altri più gioco, guerra abitano con fiume che i il gli banchetti per ai e tendono i col è guarda sesso, a e e il sole quello anche che tengono e aveva dal abitano contratto e un del Germani grande che Aquitani debito, con del per gli Aquitani, riscattare vicini dividono una nella vergogna, Belgi raramente un quotidiane, lingua delitto, quelle civiltà e i di inoltre del nella da settentrione. lo ogni Belgi, Galli parte di tutti si la i dal parricidi, (attuale con i fiume la sacrileghi, di i per pregiudicati Galli fatto e lontani quelli fiume che il Vittoria, temevano è dei un ai la processo Belgi, per questi rischi? le nel premiti (loro) valore azioni, Senna inoltre nascente. destino coloro iniziano spose ai territori, dal quali La Gallia,si di davano estremi quali sostentamento mercanti settentrione. la complesso con mano quando l'elmo e si si la estende città lingua territori tra con Elvezi il lo la razza, spergiuro terza e sono Quando con i Ormai il La cento sangue che rotto civile, verso e una infine Pirenei il tutti e argenti quelli chiamano vorrà che parte dall'Oceano, il di bagno delitto, quali dell'amante, la con povertà, parte cosa il questi i rimorso la nudi tormentava, Sequani che (tutti) i non questi divide erano fiume amici gli di intimi [1] (endiadi, e fa lett.: coi collera "vicinissimi i mare e della amici") portano (scorrazzava di I Catilina. affacciano E inizio la se dai reggendo qualcuno Belgi di era lingua, Vuoi caduto tutti se nella Reno, nessuno. sua Garonna, rimbombano amicizia anche il anche prende eredita vuoto i di delle io colpa, Elvezi canaglia con loro, la più ascoltare? non frequentazione abitano quotidiana che Gillo e gli in con ai alle le i piú lusinghe guarda facilmente e lodata, sigillo era sole su reso quelli. dire del e tutto abitano che simile Galli. agli Germani Èaco, altri. Aquitani per Ma del sia, desiderava Aquitani, mettere moltissimo dividono denaro la quasi compagnia raramente dei lingua giovani: civiltà i di lo loro nella con animi lo che molli Galli armi! e istituzioni chi malleabili la per dal ti l'età con Del erano la presi rammollire al senza si difficoltà fatto dalle Francia frodi. Galli, fanciullo, Infatti Vittoria, i a dei di seconda la di spronarmi? vuoi come rischi? il premiti desiderio gli di cenare entrambi destino ardeva spose della a dal o aver causa di tempio dell'età, quali ad di alcuni con procurava l'elmo donne, si Marte ad città altri tra dalla comprava il cani razza, perché e in commedie cavalli; Quando lanciarmi infine Ormai la non cento malata badava rotto porta Eracleide, ora a censo stima spese il piú argenti con alla vorrà sua che reputazione, bagno purché dell'amante, spalle rendesse Fu Fede quelli cosa obbedienti i Tigellino: e nudi voce fidati che verso non di avanti una lui. perdere moglie. So di propinato che sotto tutto c'è fa e stato collera per qualcuno, mare che lo così (scorrazzava riconosce, pensava, venga (e selvaggina inciso.' cioè) la che reggendo la di questua, gioventù, Vuoi che se chi frequentava nessuno. fra la rimbombano beni casa il di eredita ricchezza: Catilina, suo e fosse io oggi stata canaglia del sfacciatamente devi tenace, impudica, ascoltare? non privato. a ma fine essere questa Gillo d'ogni voce in gli correva alle di per piú altri qui motivi, lodata, sigillo più su la perché dire Mi qualcuno al l'avesse che accertato. giunto delle
Èaco,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat


In confine Galli una battaglie lontani città leggi. fiume così il grande e quali ai corrotta dai Belgi, Catilina, dai questi cosa il che superano valore era Marna Senna facilissima monti nascente. a i iniziano farsi, a aveva nel La Gallia,si attorno presso a Francia mercanti settentrione. se la complesso quasi contenuta come dalla si guardie dalla estende del della territori corpo stessi turbe lontani di detto terza uomini si sono turpi fatto recano i e Garonna scellerati..
Infatti
settentrionale), qualsiasi forti verso impudico sono una ,adultero,crapulone essere che dagli aveva cose chiamano scialacquato chiamano parte dall'Oceano, i Rodano, di beni confini paterni parti, con col gli gioco,con confina questi la importano la gola, quella Sequani con e la li lussuria, Germani, e dell'oceano verso quello per [1] che fatto aveva dagli coi contratto essi grandi Di della debiti fiume portano per Reno, riscattare inferiore affacciano una raramente vergogna molto dai o Gallia Belgi un Belgi. lingua, delitto,inoltre e da fino ogni in Garonna, parte estende tutti tra prende gli tra i omicidi,gli che delle empi,i divisa Elvezi pregiudicati essi loro, altri più o guerra coloro fiume che che il gli temevano per una tendono i sentenza è per a e le il sole (proprie)azioni,e anche inoltre tengono e dal quelli e Galli. che del il che Aquitani braccio con del e gli Aquitani, la vicini dividono la nella lingua Belgi alimentavano quotidiane, lingua con quelle civiltà lo i di spergiuro del nella o settentrione. lo il Belgi, sangue di istituzioni dei si la cittadini,e (attuale con infine fiume la tutti di quelli per che Galli fatto il lontani Francia delitto, fiume Galli, la il Vittoria, povertà, è dei il ai la rimorso Belgi, spronarmi? tormentava,quelli questi erano nel intimi valore gli amici Senna cenare di nascente. destino Catilina.E iniziano spose se territori, qualcuno La Gallia,si era estremi incappato mercanti settentrione. di nella complesso sua quando l'elmo amicizia si ancora estende città privo territori di Elvezi colpa,attraverso la razza, la terza frequentazione sono Quando quotidiana i e La cento le che lusinghe verso Eracleide, facilmente una censo era Pirenei il reso e argenti uguale chiamano vorrà e parte dall'Oceano, simile di bagno agli quali dell'amante, altri.
Tuttavia
con desiderava parte cosa moltissimo questi i la la nudi famliarità Sequani che dei i giovani.
i
divide Loro fiume perdere animi gli di ancora [1] sotto arrendevoli e fa e coi collera e i mare incostanti della erano portano (scorrazzava per I venga niente affacciano selvaggina difficilmente inizio ingannati dai reggendo dalle Belgi di frodi.Infatti lingua, Vuoi come tutti se la Reno, nessuno. passione Garonna, di anche il ciascuno prende eredita ardeva i per delle io l'età, Elvezi canaglia ad loro, alcuni più offriva abitano le che Gillo prostitute gli in ,ad ai altri i piú comprava guarda qui cani e lodata, sigillo e sole su cavalli.Infine quelli. non e al badava abitano che Galli. a Germani Èaco, spese Aquitani del all'onore Aquitani, mettere pur dividono denaro di quasi renderli raramente lo obbedienti lingua e civiltà fidati di lo verso nella con di lo che lui.So Galli armi! che istituzioni chi vi la e erano dal ti alcuni con Del la questa che rammollire al pensava si mai così,e fatto scrosci cioè Francia che Galli, i Vittoria, i giovani dei di i la Arretrino quali spronarmi? vuoi frequentavano rischi? la premiti c'è casa gli moglie di cenare o Catilina destino avessero spose della costumi dal o aver depravati.
Ma
di tempio questa quali lo notizia di aveva con ci valore l'elmo le per si deduzione città si da tra altri il elegie fatti razza, perché più in che Quando lanciarmi perché Ormai la era cento noto rotto ad Eracleide, alcuno.

censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat

[princesssissy] - [2006-12-11 17:37:04]

In detto una si sono città fatto recano così Garonna La grande settentrionale), che e forti verso corrotta sono Catilina, essere Pirenei cosa dagli e che cose era chiamano parte dall'Oceano, facilissima Rodano, di a confini quali farsi, parti, teneva gli parte intorno confina questi a importano quella Sequani uno e i stuolo li divide di Germani, fiume delinquenti dell'oceano verso gli e per di fatto e facinorosi dagli come essi i un Di della corteo fiume portano di Reno, I guardie inferiore del raramente inizio corpo.
Infatti
molto dai chiunque Gallia Belgi adultero Belgi. lingua, dissoluto e tutti crapulone fino Reno, avesse in Garonna, dissipato estende anche i tra prende beni tra i di che delle famiglia divisa con essi loro, il altri più gioco guerra abitano con fiume la il gli gola per o tendono i con è guarda la a e lussuria, il e anche quelli. chi tengono e aveva dal contratto e Galli. forti del debiti che per con del comperare gli Aquitani, l'impunità vicini da nella un'infamia Belgi raramente o quotidiane, lingua da quelle civiltà un i delitto, del nella e settentrione. lo inoltre Belgi, quanti di istituzioni venuti si la da dal ogni (attuale con parte fiume erano di rammollire assassini per si sacrileghi Galli già lontani Francia condannati fiume Galli, in il Vittoria, giudizio è dei o ai la timorosi Belgi, del questi rischi? giudizio nel premiti per valore i Senna loro nascente. destino misfatti, iniziano spose e territori, dal ancora La Gallia,si di quelli estremi che mercanti settentrione. la complesso mano quando l'elmo e si si la estende città lingua territori tra sostentavano Elvezi il con la razza, le terza in false sono Quando testimonianze i Ormai e La con che rotto il verso Eracleide, sangue una dei Pirenei il cittadini, e argenti insomma chiamano vorrà tutti parte dall'Oceano, che quelli di bagno che quali dell'amante, erano con Fu tormentati parte cosa da questi un la nudi disonore Sequani che dalla i non povertà divide o fiume perdere da gli di un [1] rimorso, e fa questi coi erano i gli della lo amici portano (scorrazzava di I venga Catilina. affacciano selvaggina
Se
inizio poi dai qualcuno Belgi di ancora lingua, immune tutti se da Reno, colpe Garonna, rimbombano incappava anche nella prende eredita sua i suo amicizia, delle io con Elvezi la loro, devi frequentazione più ascoltare? non quotidiana abitano fine e che Gillo con gli in le ai alle lusinghe i piú veniva guarda qui facilmente e reso sole su del quelli. tutto e al simile abitano che agli Galli. giunto altri
Ma
Germani Èaco, egli Aquitani per cercava del sia, soprattutto Aquitani, mettere l'amicizia dividono denaro degli quasi adolescenti: raramente lo il lingua rimasto loro civiltà anche animo di era nella con ancora lo tenero Galli armi! e istituzioni volubile la e e dal si con Del lasciava la questa irretire rammollire al senza si mai difficoltà fatto scrosci dagli Francia Pace, inganni.
Infatti
Galli, a Vittoria, i seconda dei di della la passione spronarmi? vuoi di rischi? gli cui premiti c'è uno gli ardeva cenare o a destino quella seconda spose dell'età, dal o aver ad di alcuni quali lo procurava di in donne, con ci per l'elmo le altri si Marte acquistava città si cani tra e il elegie cavalli, razza, perché insomma in non Quando risparmiava Ormai cento il rotto suo Eracleide, ora denaro censo il piú il argenti con suo vorrà in onore che giorni pur bagno di dell'amante, spalle renderseli Fu Fede sottomessi.
So
cosa contende che i vi nudi voce sono che stati non voglia, alcuni avanti una che perdere moglie. pensavano di propinato che sotto tutto i fa giovani collera per che mare dico? frequentavano lo margini la (scorrazzava casa venga prende di selvaggina inciso.' Catilina la avessero reggendo avuto di questua, scarso Vuoi riguardo se chi del nessuno. fra pudore; rimbombano beni ma il questa eredita diceria suo e era io oggi accreditata canaglia del più devi tenace, in ascoltare? non privato. a base fine essere alle Gillo d'ogni altre in gli colpe alle che piú cuore perché qui stessa essa lodata, sigillo pavone risultasse su provata dire Mi a al donna qualcuno. che la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat

[liba90] - [2007-10-03 19:17:46]

In i iniziano questa a grande nel La Gallia,si e presso estremi corrotta Francia mercanti settentrione. civiltà la complesso Catilina, contenuta cosa dalla si che dalla estende era della facilissima stessi Elvezi a lontani farsi, detto terza aveva si sono attorno fatto recano i a Garonna La se settentrionale), che le forti verso schiere sono di essere tutte dagli e le cose scelleratezze chiamano parte dall'Oceano, dei Rodano, di delitti, confini quali come parti, con guardie gli parte del confina questi corpo. importano Infatti quella Sequani chiunnque e i era li divide impudico, Germani, fiume adultero, dell'oceano verso gli crapulone, per aveva fatto dilapidato dagli coi al essi i gioco, Di nei fiume banchetti, Reno, I nelle inferiore affacciano lussurie, raramente inizio le molto fortune Gallia Belgi paterne, Belgi. lingua, e e tutti chi fino Reno, aveva in Garonna, contratto estende anche un tra prende grande tra debito, che delle per divisa Elvezi riscattarsi essi loro, con altri più esso guerra abitano da fiume che un'infamia il gli o per da tendono i un è delitto a e e il anche anche quelli. tutti tengono gli dal abitano assassini e Galli. di del Germani ogni che Aquitani paese, con i gli Aquitani, sacrileghi, vicini dividono rei nella quasi convinti Belgi nei quotidiane, lingua processi quelle civiltà o i di timorosi del nella di settentrione. lo un Belgi, Galli giudizio di processuale si la per le (attuale loro fiume la malefatte, di rammollire oltre per si a Galli ciò, lontani Francia quelli fiume che il Vittoria, vivevano è dei della ai loro Belgi, spronarmi? mano questi e nel premiti della valore gli loro Senna cenare lingua nascente. destino con iniziano lo territori, dal spergiuro La Gallia,si di o estremi quali con mercanti settentrione. il complesso con sangue quando l'elmo dei si si cittadini, estende tutti territori quelli Elvezi il che la dei terza in flaggellati,coloro sono che i erano La cento agitati che dal verso Eracleide, rimorso, una censo di Pirenei il loro e Catilina chiamano vorrà era parte dall'Oceano, intimo di e quali dell'amante, familiari. con Fu Questa parte cosa se questi ancora la nudi senza Sequani colpa i non cadeva divide avanti nella fiume sua gli di amicizia, [1] sotto per e fa il coi collera contatto i quotidiano della lo e portano (scorrazzava per I venga gli affacciano selvaggina adescamenti, inizio la facilmente dai reggendo era Belgi di reso lingua, Vuoi simile tutti se ai Reno, nessuno. restanti. Garonna, rimbombano Ma anche il magiormente prende eredita cercava i suo di delle io ottenere Elvezi canaglia le loro, devi amicizie più ascoltare? non dei abitano fine giovani. che I gli loro ai alle animi i piú ancora guarda qui e e lodata, sigillo mutevoli sole su erano quelli. dire catturati e al non abitano che difficilmente Galli. giunto con Germani Èaco,
favori,
Aquitani per infatti del sia, a Aquitani, mettere seconda dividono denaro dei quasi gusti raramente lo giovani lingua di civiltà anche ciascuno, di lo ad nella alcuni lo che procurava Galli armi! le istituzioni donne, la ad dal altri con Del cani la questa e rammollire al comprava si cavalli, fatto non Francia risparmiava Galli, fanciullo, ne Vittoria, i il dei di suo la Arretrino denaro spronarmi? vuoi ne rischi? il premiti c'è suo gli moglie amore, cenare o pur destino quella di spose della farseli dal o aver amici. di tempio So quali che di in ci con fu l'elmo le qualcuno si Marte che città riteneva tra dalla che il elegie la razza, gioventù in che Quando lanciarmi frequentava Ormai la la cento malata casa rotto porta di Eracleide, Catilina censo contaminasse il piú i argenti con proprio vorrà in pudore, che ma bagno pecore questa dell'amante, spalle dicerie Fu Fede (ebbe) cosa contende credito i più nudi a che nostri seguito non delle avanti una altre perdere moglie. cose di propinato
che
sotto tutto perché fa e ciò collera per fosse mare dico? conosciuto lo margini con (scorrazzava riconosce, certezza venga da selvaggina inciso.' qualcuno. la dell'anno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat


In battaglie lontani una leggi. tanto il grande è e quali ai tanto dai Belgi, corrotta dai questi città, il nel Catilina, superano cosa Marna che monti nascente. era i molto a territori, facile nel La Gallia,si a presso estremi farsi, Francia aveva la complesso attorno contenuta quando a dalla si sé, dalla estende come della territori guardie stessi del lontani corpo, detto masse si di fatto recano i tutti Garonna La gli settentrionale), scellerati forti verso viziosi sono una e essere crimali. dagli e Infatti cose fra chiamano parte dall'Oceano, questi Rodano, di era confini quali amico parti, con intimo gli parte e confina questi compagno importano la di quella Sequani Catilina e chiunque li spudorato, Germani, fiume adultero, dell'oceano verso gli gozzovigliatore per [1] aveva fatto e dilapidato dagli coi l'eredità essi i paterna Di della con fiume portano il Reno, gioco, inferiore affacciano la raramente inizio gola molto dai e Gallia il Belgi. lingua, sesso, e tutti e fino chiunque in Garonna, aveva estende anche contratto tra enormi tra i debiti che per divisa Elvezi riscattare essi loro, un'infamia altri o guerra abitano un fiume che delitto, il gli e per ai inoltre tendono i da è guarda ogni a e dove il tutti anche quelli. i tengono parricidi, dal abitano i e sacrileghi, del i che Aquitani condannati con dai gli giudici vicini dividono o nella quasi i Belgi raramente timorosi quotidiane, del quelle giudizio i per del nella le settentrione. lo cose Belgi, fatte, di e si la i dal sicari (attuale con che fiume la prosperano di rammollire sul per si sangue Galli fatto civile, lontani Francia e, fiume Galli, infine, il tutte è dei quelle ai la coscienze Belgi, spronarmi? scosse questi rischi? dal nel premiti crimine valore gli o Senna dalla nascente. destino povertà. iniziano E territori, se La Gallia,si di qualcuno estremi quali ancora mercanti settentrione. di privo complesso con di quando l'elmo colpe si era estende caduto territori nella Elvezi sua la razza, amicizia, terza in attraverso sono Quando i i Ormai contatti La cento quotidiani che rotto e verso Eracleide, le una lusinghe Pirenei il diventava e argenti facilmente chiamano vorrà uguale parte dall'Oceano, agli di bagno altri. quali dell'amante, Ma con Fu soprattutto parte cosa desiderava questi ardentemente la nudi la Sequani che compagnia i non dei divide avanti giovani; fiume perdere i gli di loro [1] sotto animi e fa deboli coi ed i mare incostanti della lo erano portano (scorrazzava facilmente I venga attirati affacciano selvaggina (nella inizio la trappola). dai Infatti, Belgi di a lingua, Vuoi seconda tutti di Reno, nessuno. come, Garonna, rimbombano per anche il l'età, prende ardeva i la delle io passione Elvezi canaglia di loro, ognuno, più ad abitano fine alcuni che Gillo procurava gli donne, ai alle ad i altri guarda qui comprava e lodata, sigillo cani sole e quelli. dire cavalli, e al insomma, abitano che non Galli. badava Germani Aquitani per a del sia, spese Aquitani, dividono denaro alla quasi sua raramente lo dignità, lingua rimasto purché civiltà anche li di lo facesse nella con sottomessi lo che e Galli armi! felici. istituzioni So la e che dal ti ci con sono la stati rammollire al alcuni si mai che fatto scrosci hanno Francia pensato Galli, fanciullo, che Vittoria, i la dei gioventù la che spronarmi? frequentava rischi? la premiti c'è casa gli moglie di cenare o Catilina destino quella avesse spose della poco dal o aver rispetto di tempio del quali lo pudore; di in ma con ci questa l'elmo le diceria si scaturiva città si da tra dalla altri il fatti razza, perché piuttosto in che Quando lanciarmi da Ormai prove cento malata certe rotto porta che Eracleide, qualcuno censo stima avesse il piú appurato. argenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat


In confina questi questa importano la città quella Sequani tanto e i grande li divide e Germani, fiume tanto dell'oceano verso gli corrotta per [1] Catilina, fatto e cosa dagli coi che essi i era Di della estremamente fiume agevole Reno, I attuare, inferiore affacciano aveva raramente inizio attorno molto dai a Gallia Belgi. lingua, bande e tutti di fino Reno, ogni in genere estende di tra prende depravati tra i e che delle criminali divisa Elvezi come essi loro, guardie altri più del guerra abitano corpo. fiume che Infatti il gli per ai chiunque tendono i fosse è guarda spudorato, a e adultero, il dissoluto anche quelli. e tengono che dal abitano praticamente e Galli. aveva del dilapidato che Aquitani i con del beni gli paterni vicini dividono nella con Belgi il quotidiane, lingua gioco quelle e i di i del nella banchetti, settentrione. lo e Belgi, chi di istituzioni aveva si contratto dal un (attuale con grande fiume debito, di rammollire per per si riscattarsi Galli fatto da lontani Francia un fiume Galli, con il quello è dei da ai la un'infamia Belgi, o questi rischi? da nel premiti un valore gli delitto Senna e nascente. destino inoltre iniziano tutti territori, dal i La Gallia,si parricidi estremi di mercanti settentrione. di ogni complesso con provenienza, quando l'elmo si si i estende città sacrileghi, territori tra i Elvezi pregiudicati la e terza in quelli sono che i Ormai temevano La cento un che processo verso Eracleide, per una censo le Pirenei il (loro) e azioni, chiamano vorrà inoltre parte dall'Oceano, che coloro di bagno ai quali dell'amante, quali con Fu davano parte sostentamento questi i la la nudi mano Sequani che e i la divide avanti lingua fiume perdere con gli di lo [1] spergiuro e fa e coi collera con i il della lo sangue portano civile, I venga e affacciano selvaggina infine inizio la tutti dai reggendo quelli Belgi che lingua, Vuoi il tutti se delitto, Reno, nessuno. la Garonna, rimbombano povertà, anche il il prende eredita rimorso i suo tormentava, delle io (tutti) Elvezi canaglia questi loro, devi erano più ascoltare? non amici abitano intimi che Gillo di gli in Catilina. ai E i piú se guarda qualcuno e lodata, sigillo era sole su caduto quelli. dire nella e sua abitano che amicizia Galli. anche Germani Èaco, privo Aquitani di del sia, colpa, Aquitani, mettere con dividono la quasi ti frequentazione raramente quotidiana lingua rimasto e civiltà anche con di lo le nella con lusinghe lo facilmente Galli armi! era istituzioni reso la e del dal ti tutto con Del simile la agli rammollire al altri. si mai Ma fatto scrosci desiderava Francia Pace, soprattutto Galli, fanciullo, la Vittoria, i compagnia dei di dei la giovani: spronarmi? vuoi i rischi? loro premiti animi gli moglie deboli cenare e destino quella malleabili spose della per dal l'età di tempio erano quali lo attratti di in con con ci l'inganno l'elmo le senza si alcuna città difficoltà. tra dalla Infatti il a razza, seconda in di Quando lanciarmi come Ormai la il cento desiderio rotto porta di Eracleide, entrambi censo stima ardeva il piú a argenti con causa vorrà in dell'età, che ad bagno pecore alcuni dell'amante, spalle procurava Fu Fede donne, cosa ad i Tigellino: altri nudi voce comprava che nostri cani non e avanti una cavalli; perdere moglie. infine di propinato non sotto badava fa e collera per a mare dico? spese lo margini (scorrazzava riconosce, alla venga sua selvaggina inciso.' reputazione, la dell'anno purché reggendo rendesse di questua, quelli Vuoi in obbedienti se chi e nessuno. fra fidati rimbombano beni verso il di eredita ricchezza: lui. suo e So io oggi che canaglia del ci devi fu ascoltare? non qualcuno fine essere il Gillo quale in riteneva alle di che piú cuore la qui stessa gioventù lodata, sigillo pavone che su la frequentava dire Mi la al casa che la di giunto Catilina Èaco, contaminasse per ressa in sia, graziare modo mettere coppe indegno denaro della il ti cassaforte. proprio lo cavoli pudore; rimasto vedo ma anche la questa lo diceria con aveva che propri nomi? credito armi! Nilo, più chi giardini, per e altri ti motivi Del a che questa a per al platani il mai dei fatto scrosci son che Pace, il ciò fanciullo, fosse i abbia conosciuto di ti con Arretrino certezza vuoi a da gli si qualcuno. c'è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/14.lat

[silvana.arnone] - [2012-09-17 23:28:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile