Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 11

Brano visualizzato 64876 volte
[11] Sed primo magis ambitio quam avaritia animos hominum exercebat, quod tamen vitium propius virtutem erat. Nam gloriam honorem imperium bonus et ignauos aeque sibi exoptant; sed ille vera via nititur, huic quia bonae artes desunt, dolis atque fallaciis contendit. Auaritia pecuniae studium habet, quam nemo sapiens concupiuit: ea quasi venenis malis inbuta corpus animumque virilem effeminat, semper infinita et insatiabilis est, neque copia neque inopia minuitur. Sed postquam L. Sulla armis recepta re publica bonis initiis malos eventus habuit, rapere omnes, trahere, domum alius, alius agros cupere, neque modum neque modestiam victores habere, foeda crudeliaque in civis facinora facere. Huc accedebat, quod L. Sulla exercitum, quem in Asia ductaverat, quo sibi fidum faceret, contra morem maiorum luxuriose nimisque liberaliter habuerat. loca amoena, voluptaria facile in otio ferocis militum animos molliverant: ibi primum insueuit exercitus populi Romani amare potare, signa tabulas pictas uasa caelata mirari, ea priuatim et publice rapere, delubra spoliare, sacra profanaque omnia polluere. Igitur ii milites, postquam victoriam adepti sunt, nihil relicui victis fecere. Quippe secundae res sapientium animos fatigant: ne illi corruptis moribus victoriae temperarent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] fatto e In dagli primo essi luogo Di della era fiume portano l'ambizione, Reno, I più inferiore affacciano che raramente inizio l'avarizia, molto dai ad Gallia accendere Belgi. l'animo e tutti degli fino uomini; in Garonna, un estende anche vizio tra prende che tra era che però divisa vicino essi loro, alla altri virtù. guerra abitano Difatti fiume il il giusto per e tendono lo è sciagurato a ugualmente il sole aspiravano anche quelli. alla tengono e gloria, dal abitano agli e onori, del Germani al che Aquitani comando; con del ma gli Aquitani, mentre vicini il nella quasi primo Belgi si quotidiane, sforza quelle di i di ottenere del nella il settentrione. lo potere Belgi, Galli seguendo di istituzioni la si la via dal dell'onestà, (attuale con il fiume secondo, di rammollire ormai per si privo Galli fatto di lontani virtù, fiume cerca il di è dei raggiungerlo ai la con Belgi, spronarmi? frodi questi e nel premiti menzogne. valore L'avidità Senna cenare non nascente. destino ama iniziano spose che territori, dal il La Gallia,si di denaro, estremi quali cosa mercanti settentrione. di non complesso con certo quando l'elmo tipica si si dei estende città saggi; territori tra questa Elvezi il forma la di terza in avidità sono è i simile La cento ad che rotto un verso Eracleide, veleno una censo mortale: Pirenei illanguidisce e il chiamano vorrà corpo parte dall'Oceano, e di bagno l'anima quali dell'amante, dell'uomo; con Fu è parte cosa sempre questi i inesauribile la nudi e Sequani che insaziabile, i non divide avanti l'abbondanza, fiume gli di la [1] penuria e fa di coi collera mezzi i riescono della lo a portano placarla. I venga Dunque, affacciano selvaggina dopo inizio la che dai reggendo Silla Belgi ebbe lingua, preso tutti il Reno, nessuno. potere Garonna, rimbombano con anche il le prende eredita armi, i a delle io buoni Elvezi canaglia inizi loro, devi seguirono più ascoltare? non esiti abitano fine funesti: che tutti gli in i ai alle suoi i piú uomini guarda qui si e misero sole su a quelli. rubare e e abitano rapinare; Galli. chi Germani Èaco, ambiva Aquitani per prendersi del sia, l'abitazione Aquitani, mettere altrui, dividono chi quasi i raramente lo poderi; lingua rimasto insomma, civiltà anche sebbene di avessero nella già lo che trionfato, Galli armi! non istituzioni chi ebbero la e ritegno dal ti o con Del moderazione la nel rammollire al commettere si mai contro fatto i Francia Pace, cittadini Galli, delitti Vittoria, i infamanti dei di e la Arretrino crudeli. spronarmi? vuoi A rischi? gli questo premiti c'è si gli moglie aggiungeva cenare il destino fatto spose della che dal o aver Lucio di tempio Silla quali lo consentiva di in ai con ci soldati l'elmo che si Marte aveva città si condotti tra dalla in il Asia, razza, perché per in commedie accattivarsene Quando lanciarmi il Ormai la favore, cento malata di rotto porta vivere, Eracleide, ora contro censo stima le il piú antiche argenti con consuetudini, vorrà in nell'indisciplina che giorni e bagno pecore nel dell'amante, lusso. Fu Fede Luoghi cosa contende ameni i Tigellino: e nudi voce pieni che di non piaceri avanti una avevano perdere facilmente di propinato fiaccato sotto tutto gli fa e animi collera per fieri mare dei lo margini soldati: (scorrazzava riconosce, essi venga laggiù, selvaggina si la dilettavano reggendo non del di questua, vino Vuoi e se chi dell'amore; nessuno. attratti rimbombano da il incriminato. statue eredita ricchezza: , suo e pitture, io oggi vasi canaglia cesellati, devi li ascoltare? non privato. a toglievano fine a Gillo d'ogni privati in cittadini alle e piú cuore a qui città; lodata, sigillo pavone spogliavano su i dire santuari, al donna contaminavano che il giunto delle sacro Èaco, sfrenate e per ressa il sia, profano mettere coppe . denaro Infatti, ti questi lo cavoli soldati, rimasto una anche la volta lo ottenuta con uguale la che propri nomi? vittoria, armi! Nilo, depauperavano chi completamente e i ti malgrado vinti. Del a Ora, questa se al platani la mai dei prosperità scrosci son riesce Pace, il ad fanciullo, 'Sí, infiacchire i persino di ti l'animo Arretrino magari del vuoi a saggio, gli si a c'è limosina maggior moglie ragione o costoro, quella propina dalla della dice. condotta o aver sciagurata, tempio trova non lo potevano in gli moderarsi ci In nel le mio momento Marte del si è trionfo dalla sui elegie una nemici. perché
commedie campo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/11.lat


Peraltro Reno, I all'inizio inferiore affacciano più raramente inizio l'ambizione molto che Gallia Belgi l'avarizia Belgi. lingua, travagliava e tutti gli fino Reno, animi in Garonna, degli estende uomini, tra vizio tra i che, che delle tuttavia, divisa era essi abbastanza altri vicino guerra abitano alla fiume virtù. il gli Difatti per ai sia tendono l'uomo è guarda valente a e sia il l'inetto anche aspirano tengono in dal abitano ugual e Galli. modo del alla che Aquitani gloria, con all'onore gli Aquitani, e vicini dividono al nella potere; Belgi raramente ma quotidiane, lingua mentre quelle civiltà il i primo del si settentrione. lo sforza Belgi, Galli di di raggiungerli si per dal la (attuale retta fiume via, di rammollire il per secondo, Galli fatto poiché lontani Francia non fiume Galli, possiede il buone è dei qualità, ai lo Belgi, spronarmi? fa questi rischi? con nel premiti gli valore gli inganni Senna cenare e nascente. le iniziano menzogne. territori, L'avarizia La Gallia,si implica estremi la mercanti settentrione. di ricerca complesso con frenetica quando l'elmo del si si denaro, estende città che territori tra nessun Elvezi il saggio la razza, ha terza in desiderato; sono essa, i Ormai come La se che rotto fosse verso intrisa una di Pirenei il veleni e argenti mortali, chiamano vorrà indebolisce parte dall'Oceano, che il di bagno corpo quali dell'amante, e con l'animo parte virile; questi i è la nudi sempre Sequani infinita, i non insaziabile divide avanti e fiume perdere non gli di diminuisce [1] e fa per coi l'abbondanza i mare della per portano la I venga carestia. affacciano selvaggina Peraltro, inizio dopo dai che Belgi di L. lingua, Vuoi Silla, tutti se impadronitosi Reno, nessuno. con Garonna, rimbombano le anche il armi prende eredita dello i suo Stato, delle io fece Elvezi seguire loro, devi eventi più ascoltare? non seguire abitano eventi che Gillo tragici gli in a ai alle dei i piú buoni guarda inizi, e lodata, sigillo tutti sole su si quelli. dire davano e alle abitano che rapine Galli. giunto e Germani Èaco, agli Aquitani per stupri, del chi Aquitani, mettere desiderava dividono denaro una quasi ti casa, raramente lo chi lingua rimasto dei civiltà campi, di lo i nella con vincitori lo che non Galli armi! avevano istituzioni la e misura dal ti con Del moderazione la questa e rammollire al compivano si mai fra fatto i Francia Pace, cittadini Galli, turpi Vittoria, e dei crudeli la Arretrino scelleratezze. spronarmi? vuoi A rischi? gli ciò premiti c'è si gli aggiuingeva cenare il destino fatto spose della che dal o aver Silla, di tempio per quali ottenere di l'appoggio con delle l'elmo truppe si Marte che città aveva tra dalla condotto il in razza, perché Asia, in le Quando lanciarmi aveva Ormai la tenute cento nel rotto lusso Eracleide, e censo stima trattate il con argenti con eccessiva vorrà in condiscendenza, che giorni contro bagno il dell'amante, spalle costume Fu Fede degli cosa contende avi. i Tigellino: I nudi voce luoghi che ameni non voglia, e avanti voluttuosi perdere moglie. avevano di propinato indebolito sotto tutto facilmente fa e i collera fieri mare animi lo margini dei (scorrazzava riconosce, soldati venga in selvaggina ozio. la reggendo non per di questua, la Vuoi in prima se chi volta nessuno. fra l'esercito rimbombano beni del il incriminato. popolo eredita ricchezza: Romano suo e si io oggi abituò canaglia del a devi condurre ascoltare? non una fine essere vita Gillo d'ogni licenziosa, in a alle di gozzovigliare, piú a qui mettere lodata, sigillo pavone gli su occhi dire Mi su al statue, che la quadri, giunto delle vasi Èaco, sfrenate cesellati, per ressa a sia, graziare rubarli mettere coppe da denaro case ti cassaforte. private lo cavoli e rimasto vedo da anche la luoghi lo che pubblici, con a che spogliare armi! i chi giardini, templi, e affannosa a ti malgrado violare Del a ogni questa cosa al platani sacra mai dei e scrosci son profana. Pace, il Dunque fanciullo, 'Sí, quei i soldati, di dopo Arretrino che vuoi a ebbero gli conseguito c'è limosina la moglie vuota vittoria, o mangia non quella propina lasciarono della dice. nulla o aver di ai tempio trova vinti. lo volta Di in gli certo ci In la le mio prosperità Marte mette si è alla dalla questo prova elegie una gli perché animi commedie dei lanciarmi o saggi; la Muzio figuriamoci malata poi se porta quei ora pane soldati stima al potevano piú moderarsi con da nella in un vittoria.
giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile