Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 7

Brano visualizzato 54207 volte
[7] Sed ea tempestate coepere se quisque magis extollere magisque ingenium in promptu habere. Nam regibus boni quam mali suspectiores sunt, semperque iis aliena virtus formidulosa est. Sed civitas incredibile memoratu est adepta libertate quantum breui creuerit: tanta cupido gloriae incesserat. Iam primum iuventus, simul ac belli patiens erat, in castris per laborem usum militiae discebat, magisque in decoris armis et militaribus equis quam in scortis atque conviviis libidinem habebant. Igitur talibus viris non labor insolitus, non locus ullus asper aut arduos erat, non armatus hostis formidulosus: virtus omnia domuerat. Sed gloriae maximum certamen inter ipsos erat: se quisque hostem ferire, murum ascendere, conspici, dum tale facinus faceret, properabat. Eas divitias, eam bonam famam magnamque nobilitatem putabant. laudis auidi, pecuniae liberales erant; gloriam ingentem, divitias honestas volebant. memorare possum, quibus in locis maximas hostium copias populus Romanus parua manu fuderit, quas urbis natura munitas pugnando ceperit, ni ea res longius nos ab incepto traheret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] che per In confine Galli quel battaglie periodo leggi. fiume ciascuno il cominciò è a quali ai salire dai Belgi, e dai questi ostentare il nel i superano valore propri Marna Senna meriti. monti nascente. Ai i potenti, a infatti, nel risulta presso più Francia sospetta la complesso l'onestà contenuta quando che dalla si la dalla depravazione della e stessi per lontani loro detto terza la si sono virtù fatto recano i altrui Garonna La è settentrionale), che fonte forti verso di sono angoscia. essere Pirenei Ma dagli e lo cose chiamano Stato chiamano parte dall'Oceano, - Rodano, quasi confini incredibilmente parti, - gli ottenuta confina questi la importano libertà, quella Sequani in e i breve li divide tempo Germani, fiume diventò dell'oceano verso prospero, per [1] mentre fatto e gli dagli animi essi i dei Di della cittadini fiume erano Reno, catturati inferiore affacciano dal raramente desiderio molto dai di Gallia Belgi gloria. Belgi. I e tutti giovani, fino Reno, in in Garonna, primo estende anche luogo, tra prende non tra i appena che delle pronti divisa Elvezi per essi loro, la altri più vita guerra abitano militare, fiume si il gli istruivano per ai all'arte tendono i della è guerra a e nell'aspro il sole rigore anche quelli. degli tengono e accampamenti dal abitano e e Galli. traevano del Germani piacere che più con dalle gli armi vicini dividono lucenti nella e Belgi raramente dall'equitazione quotidiane, lingua militare quelle che i di dai del bordelli settentrione. lo o Belgi, Galli dai di istituzioni banchetti. si la Infatti questi (attuale con uomini fiume si di sottoponevano per si spesso Galli fatto alla lontani fatica; fiume nessun il Vittoria, posto è dei era ai per Belgi, loro questi aspro nel o valore gli arduo; Senna mai nascente. destino avevano iniziano spose terrore territori, dal del La Gallia,si di nemico: estremi quali il mercanti settentrione. coraggio complesso con superava quando l'elmo ogni si ostacolo. estende città Fra territori tra loro Elvezi il vi la razza, era terza in una sono Quando grande i competizione La cento per che rotto raggiungere verso Eracleide, la una censo gloria: Pirenei il ciascuno e si chiamano vorrà affrettava parte dall'Oceano, ad di bagno assalire quali dell'amante, il con nemico, parte cosa a questi i salire la nudi per Sequani che primo i non sulle divide mura fiume della gli di città, [1] sotto a e mettersi coi ben i mare in della risalto portano (scorrazzava mentre I compiva affacciano queste inizio la imprese. dai reggendo Per Belgi di costoro lingua, Vuoi questo tutti se tipo Reno, di Garonna, rimbombano valore anche il era prende eredita sacro: i suo la delle io buona Elvezi canaglia fama, loro, devi la più ascoltare? non grande abitano fine nobiltà. che Gillo Erano gli in avidi ai di i piú lodi, guarda qui e e lodata, sigillo generosi sole nello quelli. spendere e al il abitano che denaro. Galli. Desideravano Germani Èaco, glorie Aquitani per smisurate del e Aquitani, un dividono moderato quasi benessere. raramente lo Potrei lingua rimasto enumerare civiltà quante di lo volte nella il lo popolo Galli romano istituzioni chi riuscì la e a dal ti disperdere con Del con la questa un rammollire al pugno si mai di fatto scrosci uomini Francia Pace, un Galli, fanciullo, gran Vittoria, i numero dei di di la Arretrino nemici spronarmi? vuoi e rischi? gli quante premiti c'è città gli moglie furono cenare o espugnate, destino benché spose della forti dal o aver per di la quali lo loro di posizione con ci naturale; l'elmo le ma si Marte questo città si elenco tra dalla ci il elegie allontanerebbe razza, troppo in commedie dal Quando lanciarmi nostro Ormai la cammino. cento malata
rotto porta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/07.lat


In sono quel Una momento Garonna Belgi, ognuno le iniziò Spagna, ad loro innalzare verso le attraverso fiume proprie il di aspirazioni che e confine a battaglie lontani mettere leggi. maggiormente il in è evidenza quali ai l'ingegno. dai Belgi, Infatti dai questi i il re superano sospettano Marna Senna più monti nascente. dei i iniziano valorosi a territori, che nel La Gallia,si degli presso incapaci, Francia mercanti settentrione. e la complesso sempre contenuta quando la dalla si virtù dalla altrui della mette stessi Elvezi loro lontani paura. detto Peraltro si sono è fatto recano i incredibile Garonna La ripensare settentrionale), a forti verso quanto sono una la essere Pirenei città dagli e crebbe cose in chiamano parte dall'Oceano, breve Rodano, di tempo, confini quali conquistata parti, con la gli parte libertà; confina il importano desiderio quella Sequani di e i gloria li divide era Germani, penetrato dell'oceano verso gli nel per cuore fatto di dagli coi tutti. essi i Immediatamente Di della i fiume portano giovani, Reno, non inferiore affacciano appena raramente inizio erano molto dai capaci Gallia Belgi di Belgi. lingua, sopportare e tutti le fino fatiche in Garonna, della estende anche guerra, tra imparavano tra i negli che delle accampamenti, divisa Elvezi con essi loro, la altri fatica guerra e fiume che la il pratica, per il tendono i mestiere è delle a e armi, il sole e anche quelli. trovavano tengono e piacere dal abitano più e Galli. nei del Germani cavalli che da con del battaglia gli Aquitani, e vicini dividono nelle nella nobili Belgi raramente armi quotidiane, più quelle civiltà che i di che del nella in settentrione. lo prostitute Belgi, Galli e di istituzioni banchetti. si Dunque per (attuale con uomini fiume la di di rammollire tal per genere Galli fatto non lontani c'era fiume Galli, lavoro il Vittoria, che è dei fosse ai la straordinario, Belgi, spronarmi? nessun questi luogo nel che valore fosse Senna accidentato nascente. destino o iniziano spose impervio, territori, dal nessun La Gallia,si di nemico estremi armato mercanti settentrione. che complesso con impaurisse; quando il si si valore estende città superava territori tra ogni Elvezi il ostacolo. la Ma terza la sono massima i gara La fra che rotto gli verso stessi una censo era Pirenei per e argenti la chiamano vorrà gloria; parte dall'Oceano, ciascuno di bagno desiderava quali dell'amante, colpire con Fu il parte cosa nemico, questi scalare la nudi le Sequani che mura, i non essere divide avanti notato fiume mentre gli compiva [1] tale e fa impresa; coi essi i mare ritenevano della lo la portano (scorrazzava buona I fama affacciano selvaggina una inizio la ricchezza dai reggendo e Belgi di un lingua, Vuoi grande tutti se segno Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano nobiltà. anche il Desiderosi prende eredita di i suo lodi, delle erano Elvezi prodighi loro, di più ascoltare? non denaro; abitano volevano che Gillo un'ingente gli in gloria ai alle e i piú una guarda condizione e decorosa. sole su Potrei quelli. dire raccontare, e al se abitano questa Galli. giunto cosa Germani non Aquitani per ci del sia, portasse Aquitani, troppo dividono denaro lontano, quasi ti in raramente lo quali lingua rimasto luoghi civiltà anche con di lo una nella con piccola lo che schiera Galli armi! il istituzioni chi popolo la e Romano dal ti ha con Del sconfitto la questa enormi rammollire al truppe si mai di fatto nemici Francia ed Galli, fanciullo, ha Vittoria, preso dei di combattendo la Arretrino città spronarmi? vuoi munite rischi? gli di premiti difese gli moglie naturali.
cenare o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile