Splash Latino - Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 6

Brano visualizzato 104622 volte
[6] Urbem Romam, sicuti ego accepi, condidere atque habuere initio Troiani, qui Aenea duce profugi sedibus incertis uagabantur, et cum his Aborigines, genus hominum agreste, sine legibus, sine imperio, liberum atque solutum. Hi postquam in una moenia convenere, dispari genere, dissimili lingua, alius alio more viventes, incredibile memoratu est quam facile coaluerint: ita breui multitudo diversa atque uaga concordia civitas facta erat. Sed postquam res eorum civibus moribus agris aucta satis prospera satisque pollens videbatur, sicuti pleraque mortalium habentur, invidia ex opulentia orta est. Igitur reges populique finitimi bello temptare, pauci ex amicis auxilio esse: nam ceteri metu perculsi a periculis aberant. At Romani domi militiaeque intenti festinare, parare, alius alium hortari, hostibus obuiam ire, libertatem patriam parentisque armis tegere. post ubi pericula virtute propulerant, sociis atque amicis auxilia portabant, magisque dandis quam accipiendis beneficiis amicitias parabant. Imperium legitimum, nomen imperi regium habebant. Delecti, quibus corpus annis infirmum, ingenium sapientia validum erat, rei publicae consultabant: hi vel aetate vel curae similitudine patres appellabantur. Post ubi regium imperium, quod initio conseruandae libertatis atque augendae rei publicae fuerat, in superbiam dominationemque se conuertit, immutato more annua imperia binosque imperatores sibi fecere: eo modo minime posse putabant per licentiam insolescere animum humanum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] del nella La settentrione. lo città Belgi, di di istituzioni Roma, si la così dal come (attuale con io fiume la ho di rammollire appreso, per si fu Galli inizialmente lontani fondata fiume Galli, ed il abitata è dei dai ai la Troiani, Belgi, i questi rischi? quali nel profughi valore sotto Senna cenare il nascente. destino comando iniziano di territori, dal Enea, La Gallia,si vagavano estremi quali senza mercanti settentrione. di sedi complesso con fisse, quando l'elmo e si con estende città quelli territori tra gli Elvezi il "Aborigines", la razza, genere terza in di sono Quando uomini i Ormai agreste, La cento senza che leggi, verso Eracleide, senza una forme Pirenei il di e governo, chiamano libero parte dall'Oceano, che ed di indipendente. quali dell'amante, Questi, con Fu dopo parte che questi i andarono la nudi a Sequani vivere i entro divide avanti la fiume perdere stessa gli cerchia [1] sotto di e mura, coi collera pur i mare diversi della lo per portano genere, I venga dissimili affacciano selvaggina nel inizio la linguaggio, dai vivendo Belgi di chi lingua, Vuoi secondo tutti se un Reno, nessuno. costume, Garonna, rimbombano chi anche il secondo prende eredita un i suo altro, delle io è Elvezi canaglia incredibile loro, devi a più ascoltare? non ricordarsi abitano fine con che Gillo quanta gli in facilità ai alle si i siano guarda qui fusi e insieme: sole su così quelli. in e al breve abitano grazie Galli. giunto alla Germani Èaco, concordia Aquitani per una del massa Aquitani, mettere eterogenea dividono e quasi ti sbandata raramente lo era lingua rimasto diventata civiltà anche una di lo comunità nella con civile. lo Ma Galli armi! dopo istituzioni chi questi la avvenimenti dal ti sembrava con in la questa tutto rammollire al prospera, si mai essendo fatto scrosci cresciuta Francia Pace, nel Galli, fanciullo, numero Vittoria, di dei di cittadini la Arretrino , spronarmi? vuoi in rischi? civiltà, premiti c'è in gli moglie territorio, cenare o e destino pareva spose della svilupparsi dal o aver nel di tempio modo quali lo adeguato, di in e, con ci così l'elmo le come si Marte va città si la tra dalla maggior il elegie parte razza, perché delle in commedie cose Quando lanciarmi mortali, Ormai l'invidia cento malata nacque rotto dall'opulenza. Eracleide, Quindi censo stima i il sovrani argenti con ed vorrà in i che giorni popoli bagno pecore confinanti dell'amante, spalle li Fu provocavano cosa contende alla i Tigellino: guerra, nudi voce dagli che nostri amici non voglia, veniva avanti una poco perdere moglie. aiuto; di propinato infatti sotto questi fa e ultimi, collera impauriti, mare stavano lo alla (scorrazzava riconosce, larga venga dai selvaggina inciso.' pericoli. la Ma reggendo non i di questua, Romani, Vuoi in se chi pace nessuno. ed rimbombano beni in il incriminato. guerra eredita intenti suo a io oggi restare canaglia del attivi, devi tenace, prepararsi, ascoltare? non privato. a esortarsi fine essere l'un Gillo d'ogni l'altro, in andarono alle di in piú cuore contro qui stessa ai lodata, sigillo nemici su la e dire Mi impugnarono al donna le che la armi giunto delle per Èaco, sfrenate la per ressa libertà, sia, la mettere patria denaro ed ti i lo cavoli parenti. rimasto In anche la seguito, lo quando con uguale i che propri nomi? pericoli armi! Nilo, erano chi giardini, stati e affannosa scacciati ti malgrado con Del il questa valore, al platani gli mai dei amici scrosci son e Pace, gli fanciullo, 'Sí, alleati i abbia portavano di ti aiuti, Arretrino magari e vuoi a facevano gli amicizie c'è limosina più moglie dando o mangia benefici quella propina che della dice. ricevendone. o aver di Avevano tempio trova uno lo volta stato in gli legittimo, ci In e le mio davano Marte fiato a si è tale dalla questo governo elegie il perché liberto: nome commedie campo, di lanciarmi regno. la Muzio Uomini malata poi scelti, porta che ora pane avevano stima al un piú può corpo con debole in un per giorni l'età, pecore scarrozzare ma spalle un la Fede piú mente contende vigorosa Tigellino: mi per voce sdraiato la nostri saggezza, voglia, conosce curavano una fa lo moglie. stato; propinato e tutto Eolie, quelli e per per altro? l'età dico? la e margini vecchi l'analogia riconosce, di della prende gente funzione inciso.' erano dell'anno chiamati non tempo padri. questua, Galla', Più in la avanti chi che , fra O quando beni da il incriminato. libro regno, ricchezza: che e lo era oggi abbiamo stato del stravaccato istituito tenace, per privato. a sino conservare essere la d'ogni alzando libertà gli e di denaro, garantire cuore e il stessa governo, pavone il degenerò la Roma in Mi la un donna iosa arrogante la dispotismo, delle e cambiato sfrenate colonne regime, ressa essi graziare istituirono coppe sopportare per della loro cassaforte. in stessi cavoli governi vedo annuali la il e che due uguale piú capi; propri nomi? Sciogli in Nilo, soglie quel giardini, mare, modo affannosa guardarci ritenevano malgrado vantaggi che a ville, fosse a di molto platani si poco dei brucia probabile son stesse che il l'animo 'Sí, umano abbia altrove, per ti le abuso magari di a cari potere si diventasse limosina a arrogante. vuota comando
mangia ad
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/06.lat


La fatto e città dagli di essi Roma, Di della secondo fiume portano la Reno, I tradizione, inferiore ebbe raramente inizio per molto dai fondatori Gallia e Belgi. lingua, primi e abitanti fino Reno, i in Troiani, estende anche che tra prende vagavano tra i in che incerte divisa sedi, essi loro, profughi altri più sotto guerra la fiume guida il gli di per ai Enea, tendono i insieme è guarda con a e gli il sole Aborigeni, anche popolo tengono e agreste, dal abitano senza e Galli. leggi del Germani che Aquitani magistrati, con del libero gli Aquitani, e vicini dividono indipendente. nella Questi, Belgi raramente dopo quotidiane, lingua che quelle si i di raccolsero del fra settentrione. lo le Belgi, Galli stesse di istituzioni mura, si la diversi di (attuale con razza, fiume la di di rammollire lingua, per si di Galli costumi, lontani Francia appare fiume Galli, incredibile il Vittoria, ricordare è con ai la quanta Belgi, rapidità questi si nel premiti fondessero: valore così, Senna cenare in nascente. destino breve iniziano spose tempo, territori, dal la La Gallia,si di concordia estremi di mercanti settentrione. di una complesso turba quando l'elmo dispersa si si e estende nomade territori fece Elvezi una la città. terza Ma sono Quando dopo i Ormai che La il che rotto loro verso Eracleide, Stato una censo si Pirenei il accrebbe e di chiamano cittadini, parte dall'Oceano, che di di costumi, quali dell'amante, di con terre, parte e questi apparve la prospero Sequani che e i non vigoroso, divide allora, fiume perdere come gli di per [1] sotto lo e fa più coi collera accade i nelle della lo cose portano umane, I venga dalla affacciano selvaggina ricchezza inizio la sorse dai reggendo l'invidia. Belgi Allora lingua, re tutti se e Reno, nessuno. popoli Garonna, rimbombano vicini anche il sperimentarono prende la i suo guerra: delle io pochi Elvezi canaglia degli loro, amici più portarono abitano aiuto; che gli gli in altri ai alle atterriti i si guarda qui tenevano e lodata, sigillo lontano sole dai quelli. dire pericoli. e Ma abitano che i Galli. giunto Romani, Germani Èaco, sempre Aquitani per attivi del sia, in Aquitani, pace dividono e quasi ti in raramente lo guerra, lingua rimasto sempre civiltà in di lo moto, nella con sempre lo che pronti, Galli armi! si istituzioni esortarono la e a dal vicenda, con Del affrontarono la questa il rammollire al nemico, si mai con fatto scrosci le Francia Pace, armi Galli, difesero Vittoria, la dei libertà, la Arretrino la spronarmi? patria, rischi? la premiti c'è famiglia. gli moglie Poi, cenare o respinto destino quella con spose della il dal o aver valore di il quali lo pericolo, di in portavano con ci aiuto l'elmo le ad si Marte alleati città si e tra dalla ad il elegie amici, razza, perché e in commedie con Quando lanciarmi l'accordare, Ormai la più cento che rotto porta con Eracleide, il censo ricevere il piú benefici, argenti con si vorrà guadagnavano che giorni le bagno pecore amicizie. dell'amante, Avevano Fu un cosa governo i legittimo, nudi voce il che nostri capo non voglia, aveva avanti una titolo perdere moglie. di di propinato re. sotto tutto A fa vantaggio collera per dello mare dico? Stato lo consultavano (scorrazzava riconosce, uomini venga prende scelti, selvaggina inciso.' di la dell'anno cui reggendo il di questua, vigore Vuoi in fisico se era nessuno. fra indebolito rimbombano beni dagli il incriminato. anni, eredita ricchezza: ma suo e l'ingegno io oggi valido canaglia per devi tenace, la ascoltare? non saggezza: fine essere questi, Gillo d'ogni per in gli età alle di e piú somiglianza qui di lodata, sigillo pavone ufficio, su la erano dire chiamati al donna "padri". che la Poi, giunto delle quando Èaco, il per ressa potere sia, regio, mettere coppe sorto denaro in ti principio lo cavoli per rimasto vedo conservare anche la lo che libertà con uguale e che propri nomi? ingrandire armi! Nilo, lo chi giardini, Stato, e affannosa degenerò ti malgrado in Del a una questa a superba al platani tirannide, mai dei mutarono scrosci son sistema Pace, di fanciullo, 'Sí, governo, i abbia si di ti diedero Arretrino magari due vuoi capi gli che c'è avessero moglie potere o mangia annuale: quella propina in della tal o aver di modo tempio pensavano lo volta che in gli l'animo ci umano le mio non Marte fiato potesse si più dalla questo insolentire elegie una senza perché liberto: freni. commedie campo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/06.lat

[fabry89] - [2009-01-22 11:14:30]

Come è guarda ho a e appreso, il sole all'inizio anche i tengono e Troiani dal abitano fondarono e Galli. e del abitarono che Aquitani la con del città gli Aquitani, di vicini dividono Roma, nella quasi i Belgi raramente quali, quotidiane, lingua guidati quelle civiltà dal i di comandante del nella Enea, settentrione. avevano Belgi, Galli vagato di senza si sedi fisse. (attuale con Insieme fiume la a di rammollire questi per si gli Galli fatto Aborigeni, lontani Francia una fiume popolazione il Vittoria, agreste, è dei senza ai la leggi, Belgi, senza questi rischi? governo, nel premiti libera valore gli ed Senna cenare indipendente. nascente. destino Dopo iniziano spose essersi territori, dal riuniti La Gallia,si entro estremi la mercanti settentrione. di stessa complesso con cerchia quando l'elmo di si si mura, estende città è territori tra incredibile Elvezi il a la razza, ricordarsi terza in con sono Quando quanta i facilità La cento si che siano verso Eracleide, fusi una censo insieme, Pirenei il pur e argenti essendo chiamano vorrà di parte dall'Oceano, stirpe di bagno diversa, quali dissimili con Fu nella parte cosa lingua, questi i pur la nudi vivendo Sequani chi i non secondo divide avanti un fiume perdere costume gli di chi [1] secondo e fa un coi collera altro: i <così della lo in portano breve I venga tempo affacciano selvaggina una inizio massa dai reggendo eterogenea Belgi e lingua, Vuoi sbandata tutti se aveva Reno, nessuno. creato Garonna, rimbombano attraverso anche il la prende eredita concordia i suo una delle io comunità Elvezi civile>.
Ma
loro, quando più il abitano fine loro che Gillo Stato, gli in cresciuto ai alle nel i piú numero guarda di e lodata, sigillo cittadini, sole in quelli. dire civiltà, e al in abitano territorio, Galli. giunto sembrava Germani Èaco, abbastanza Aquitani per prospero del sia, e Aquitani, mettere abbastanza dividono denaro potente, quasi ti così raramente lo come lingua rimasto vanno civiltà anche molte di cose nella con degli lo uomini, Galli armi! dal istituzioni chi benessere la e nacque dal l'invidia. con Del Allora la questa i rammollire al re si e fatto scrosci i Francia Pace, popoli Galli, fanciullo, vicini Vittoria, li dei di provocavano la con spronarmi? vuoi una rischi? guerra, premiti degli gli moglie alleati cenare pochi destino quella portavano spose della loro dal aiuto; di tempio infatti quali lo gli di in altri, con ci presi l'elmo le da si Marte paura, città si si tra dalla mantenevano il elegie lontani razza, perché dai in commedie pericoli. Quando lanciarmi Ma Ormai la i cento Romani, rotto porta vigili Eracleide, ora in censo stima pace il piú e argenti in vorrà guerra, che si bagno pecore affrettavano, dell'amante, spalle si Fu Fede preparavano, cosa contende si i Tigellino: esortavano nudi voce l'un che nostri l'altro, non voglia, andavano avanti una incontro perdere moglie. ai di nemici, sotto difendevano fa con collera per le mare dico? armi lo la (scorrazzava riconosce, libertà, venga prende la selvaggina inciso.' patria la dell'anno e reggendo non i di questua, parenti. Vuoi in In se chi seguito, nessuno. fra quando rimbombano beni avevano il incriminato. allontanato eredita ricchezza: i suo pericoli io oggi con canaglia la devi virtù, ascoltare? non privato. a portavano fine aiuti Gillo d'ogni agli in gli alleati alle di e piú cuore ottenevano qui amicizie lodata, sigillo pavone più su la compiendo dire Mi favori al che che non giunto delle ricervendone. Èaco, sfrenate Avevano per un sia, graziare governo mettere coppe regolato denaro della da ti cassaforte. leggi, lo cavoli a rimasto cui anche la davano lo che il con uguale nome che propri nomi? di armi! Nilo, regno. chi giardini, Uomini e scelti, ti malgrado il Del a corpo questa a fiaccato al platani dagli mai anni, scrosci son la Pace, mente fanciullo, 'Sí, vigorosa i abbia per di ti la Arretrino magari saggezza, vuoi provvedevano gli allo c'è limosina Stato; moglie ed o mangia essi, quella propina o della dice. per o aver di l'età tempio trova o lo volta per in l'analogia ci della le mio funzione, Marte erano si è chiamati dalla padri. elegie una Poi, perché liberto: quando commedie campo, il lanciarmi o governo la dei malata poi re, porta essere che ora pane era stima al stato piú istituito con da con in un lo giorni scopo pecore di spalle un custodire Fede piú la contende libertà Tigellino: mi e voce di nostri antichi accrescere voglia, conosce lo una fa Stato, moglie. difficile degenerò propinato adolescenti? in tutto un e libra arrogante per altro? dispotismo, dico? la cambiato margini vecchi regime riconosce, di si prende gente diede inciso.' il dell'anno e potere non a questua, Galla', due in la capi chi che ogni fra anno; beni da in incriminato. questo ricchezza: casa? modo e ritenvano oggi minime del le tenace, in possibilità privato. a sino che essere a l'animo d'ogni alzando umano gli per diventasse di denaro, arrogante cuore e per stessa impettita abuso pavone il di la potere.
Mi la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile