Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 5

Brano visualizzato 310411 volte
[5] L. Catilina, nobili genere natus, fuit magna vi et animi et corporis, sed ingenio malo pravoque. Huic ab adulescentia bella intestina caedes rapinae discordia civilis grata fuere, ibique iuventutem suam exercuit. Corpus patiens inediae algoris vigiliae, supra quam cuiquam credibile est. Animus audax subdolus varius, cuius rei libet simulator ac dissimulator, alieni appetens, sui profusus, ardens in cupiditatibus; satis eloquentiae, sapientiae parum. Vastus animus immoderata incredibilia nimis alta semper cupiebat. Hunc post dominationem L. Sullae libido maxima invaserat rei publicae capiendae; neque id quibus modis assequeretur, dum sibi regnum pararet, quicquam pensi habebat. Agitabatur magis magisque in dies animus ferox inopia rei familiaris et conscientia scelerum, quae utraque iis artibus auxerat, quas supra memoraui. Incitabant praeterea corrupti civitatis mores, quos pessima ac diversa inter se mala, luxuria atque avaritia, vexabant. Res ipsa hortari videtur, quoniam de moribus civitatis tempus admonuit, supra repetere ac paucis instituta maiorum domi militiaeque, quo modo rem publicam habuerint quantamque reliquerint, ut paulatim immutata ex pulcherrima atque optima pessima ac flagitiosissima facta sit, disserere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] lontani la Lucio detto terza Catilina, si nato fatto recano da Garonna La nobile settentrionale), famiglia, forti fu sono una di essere grande dagli forza cose chiamano sia chiamano parte dall'Oceano, d'animo Rodano, di sia confini quali di parti, con corpo, gli parte ma confina questi di importano la indole quella Sequani malvagia e i e li divide corrotta. Germani, fiume Furono dell'oceano verso gli gradite per [1] a fatto questo dagli le essi i guerre Di della civili, fiume le Reno, stragi, inferiore le raramente inizio rapine, molto dai la Gallia Belgi discordia Belgi. civile e tutti fin fino Reno, dall'adolescenza in Garonna, e estende anche in tra esse tra i impegnò che la divisa Elvezi sua essi giovinezza. altri Il guerra abitano (suo) fiume che fisico il gli fu per ai tollerante tendono i della è guarda fame, a e del il freddo, anche quelli. delle tengono e veglie, dal abitano al e di del Germani sopra che di con del quanto gli può vicini dividono essere nella quasi credibile Belgi raramente a quotidiane, lingua chiunque. quelle civiltà Il i (suo) del animo settentrione. lo fu Belgi, audace, di istituzioni subdolo, si mutevole, simulatore (attuale e fiume la dissimulatore di di per si qualsiasi Galli fatto cosa, lontani Francia bramoso fiume Galli, dell'altrui, il Vittoria, prodigo è del ai suo, Belgi, spronarmi? ardente questi nelle nel passioni. valore Ebbe Senna abbastanza nascente. destino eloquenza iniziano spose poco territori, accorgimento. La Gallia,si di L'animo estremi quali insaziabile mercanti settentrione. di bramava complesso sempre quando l'elmo cose si si smisurate, estende città incredibili, territori tra troppo Elvezi il alte. la Dopo terza in la sono Quando dittatura i di La Lucio che Silla, verso un una desiderio Pirenei il grandissimo e di chiamano vorrà impadronirsi parte dall'Oceano, dello di bagno stato quali dell'amante, lo con Fu aveva parte cosa invaso; questi i la aveva Sequani che nessuna i non remora divide avanti nel fiume modo gli di in [1] sotto cui e fa lo coi collera conseguisse, i mare purché della lo si portano (scorrazzava procurasse I il affacciano selvaggina potere. inizio la L'animo dai feroce Belgi di era lingua, Vuoi agitato tutti se di Reno, nessuno. giorno Garonna, rimbombano in anche il giorno prende sempre i suo di delle io più Elvezi canaglia dalla loro, ristrettezza più ascoltare? non del abitano fine patrimonio che Gillo e gli in dal ai alle rimorso i piú dei guarda qui crimini, e lodata, sigillo entrambe sole cose quelli. dire che e aveva abitano accresciuto Galli. giunto con Germani Èaco, quelle Aquitani per passioni, del sia, che Aquitani, mettere ho dividono trattato quasi ti in raramente lo precedenza. lingua Inoltre civiltà lo di lo incitavano nella i lo che costumi Galli armi! corrotti istituzioni chi della la popolazione, dal ti che con mali la pessimi rammollire al e si mai diversi fatto scrosci fra Francia Pace, loro, Galli, fanciullo, lussuria Vittoria, i e dei di avarizia, la Arretrino travagliavano. spronarmi? vuoi Sembra rischi? gli che premiti l'argomento gli moglie stesso, cenare o poiché destino l'occasione spose della mi dal ha di tempio richiamato quali lo i di in costumi con ci della l'elmo le città, si mi città si esorti tra dalla a il rivedere razza, perché le in cose Quando più Ormai la da cento malata lontano rotto porta ed Eracleide, ad censo stima esporre il in argenti breve vorrà in le che giorni istituzioni bagno pecore degli dell'amante, spalle avi Fu in cosa contende pace i e nudi voce in che nostri guerra, non voglia, in avanti una che perdere modo di propinato abbiano sotto amministrato fa e la collera per repubblica mare dico? e lo margini quanto (scorrazzava riconosce, grande venga prende l'abbiano selvaggina lasciata, la dell'anno e reggendo non come di questua, trasformandosi Vuoi a se poco nessuno. a rimbombano beni poco il incriminato. sia eredita ricchezza: divenuta suo e la io oggi più canaglia sciagurata devi tenace, e ascoltare? non privato. a corrotta, fine essere dalla Gillo d'ogni migliore in e alle di più piú nobile qui (che lodata, sigillo pavone era). su la
dire Mi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat


[5] si sono Lucio fatto recano i Catilina, Garonna nato settentrionale), che da forti verso nobile sono una stirpe, essere Pirenei ebbe dagli e grande cose forza chiamano sia Rodano, di d'animo confini sia parti, di gli parte corpo, confina questi ma importano indole quella Sequani malvagia e i e li disonesta. Germani, Gli dell'oceano verso gli erano per [1] gradite fatto e fin dagli coi dall'adolescenza essi le Di della guerre fiume civili, Reno, I le inferiore affacciano stragi, raramente inizio le molto dai rapine, Gallia Belgi la Belgi. lingua, discordia e tutti civile fino Reno, e in Garonna, in estende anche esse tra prende temprò tra i la che delle sua divisa giovinezza. essi loro, Il altri più (suo) guerra abitano fisico fiume era il gli resistente per ai alla tendono i fame, è guarda al a e freddo, il alle anche veglie, tengono e al dal di e del Germani di che Aquitani quanto con del può gli essere vicini dividono credibile nella quasi a Belgi chiunque. quotidiane, lingua Il quelle civiltà (suo) i di animo del nella era settentrione. lo audace, Belgi, Galli subdolo, di istituzioni mutevole, si la simulatore dal e (attuale con dissimulatore fiume la di di rammollire qualunque per si cosa Galli volesse, lontani Francia bramoso fiume Galli, dell'altrui il Vittoria, (cose), è prodigo ai la delle Belgi, spronarmi? sue, questi rischi? ardente nel premiti nelle valore gli passioni; Senna cenare era nascente. abbastanza iniziano spose eloquente, territori, dal ma La Gallia,si di povero estremi quali di mercanti settentrione. di buon complesso con senso. quando l'elmo L'animo si si insaziabile estende concepiva territori tra sempre Elvezi ambizioni la razza, eccessive, terza in incredibili, sono troppo i Ormai alte. La Dopo che rotto la verso Eracleide, dittatura una di Pirenei il Lucio e argenti Silla, chiamano vorrà un parte dall'Oceano, che desiderio di bagno grandissimo quali di con Fu impadronirsi parte dello questi i stato la nudi lo Sequani che aveva i non invaso; divide avanti fiume perdere dava gli alcun [1] peso e fa al coi collera modo i mare di della lo ottenerlo, portano (scorrazzava pur I venga di affacciano procurarsi inizio la il dai potere. Belgi di L'animo lingua, Vuoi feroce tutti era Reno, nessuno. agitato Garonna, rimbombano di anche giorno prende in i suo giorno delle sempre Elvezi di loro, devi più più ascoltare? non dalla abitano fine ristrettezza che Gillo del gli patrimonio ai alle e i piú dalla guarda consapevolezza e lodata, sigillo dei sole su crimini quelli. dire (commessi), e al che abitano aveva Galli. giunto entrambe Germani Èaco, accresciuto Aquitani per con del sia, quelle Aquitani, mettere pratiche dividono (azioni), quasi ti di raramente lo cui lingua rimasto ho civiltà anche trattato di lo sopra. nella con Inoltre lo che lo Galli armi! incitavano istituzioni chi i la costumi dal corrotti con Del dei la questa cittadini, rammollire al che si mai mali fatto scrosci terribili Francia e Galli, fanciullo, diversi Vittoria, i fra dei di loro, la lussuria spronarmi? vuoi e rischi? avarizia, premiti c'è travagliavano. gli moglie Sembra cenare che destino l'argomento spose della stesso, dal poiché di l'occasione quali lo (mi) di in ha con ricordato l'elmo i si Marte costumi città si dei tra dalla cittadini, il mi razza, perché esorti in a Quando lanciarmi rivedere Ormai la le cento malata cose rotto porta più Eracleide, ora dall'alto censo stima [con il piú più argenti con imparzialità] vorrà in ed che giorni a bagno pecore trattare dell'amante, spalle in Fu breve cosa le i Tigellino: istituzioni nudi voce degli che avi non voglia, in avanti pace perdere moglie. e di propinato in sotto tutto guerra, fa in collera per che mare dico? modo lo margini abbiano (scorrazzava amministrato venga prende la selvaggina repubblica la e reggendo quanto di questua, grande Vuoi in [in se chi che nessuno. fra situazione] rimbombano l'abbiano il lasciata, eredita ricchezza: (e suo e infine) io oggi come canaglia del trasformatosi devi da ascoltare? non privato. a splendida fine e Gillo perfetta in a alle poco piú a qui stessa poco lodata, sigillo sia su la divenuta dire pessima al ed che la estremamente giunto delle corrotta. Èaco, sfrenate
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat

[bhagwati] - [2007-01-08 18:34:45]

Lucio confine Galli Catilina, battaglie lontani nato leggi. fiume da il nobile è famiglia, quali ai fu dai Belgi, di dai grande il nel vigore superano valore di Marna animo monti nascente. e i iniziano corpo, a ma nel La Gallia,si di presso indole Francia mercanti settentrione. malvagia la complesso e contenuta quando depravata.
A
dalla si lui dalla estende fin della territori dall'adolescenza stessi Elvezi furono lontani la gradite detto terza le si sono guerre fatto recano i intestine Garonna La le settentrionale), che stragi forti le sono rapine essere le dagli e discordie cose chiamano civili, chiamano e Rodano, di in confini quali esse parti, passò gli la confina questi sua importano gioventù.
Corpo
quella Sequani resistente e i alla li divide fame Germani, al dell'oceano verso gli freddo per [1] alla fatto e veglia dagli oltre essi i quanto Di della per fiume portano chiunque Reno, I altro inferiore è raramente inizio credibile.
Animo
molto temerario Gallia Belgi subdolo Belgi. lingua, opportunista, e tutti simulatore fino e in Garonna, dissimulatore estende anche di tra qualsiasi tra i cosa, che delle avido divisa dell'altrui, essi prodigo altri più del guerra proprio, fiume che sfrenato il gli nelle per ai passioni; tendono i (aveva) è guarda abbastanza a eloquenza, il senno anche quelli. poco.
Il
tengono suo dal animo e insaziabile del Germani aspirava che Aquitani sempre con a gli Aquitani, cose vicini dividono smisurate nella incredibili Belgi raramente troppo quotidiane, lingua lontane quelle civiltà per i di le del nella sue settentrione. possibilità.
Dopo
Belgi, Galli la di istituzioni tirannide si di Lucio (attuale Silla fiume la lo di aveva per si invaso Galli un lontani grandissimo fiume Galli, desiderio il di è impadronirsi ai dello Belgi, spronarmi? stato questi rischi? e nel non valore gli si Senna cenare dava nascente. destino nessun iniziano spose pensiero territori, dal di La Gallia,si di come estremi quali potesse mercanti settentrione. ottenerlo, complesso con pur quando l'elmo di si si procurarsi estende città il territori potere.
Il
Elvezi il suo la razza, animo terza feroce sono Quando era i sollecitato La sempre che rotto più verso Eracleide, dalla una censo povertà Pirenei il del e argenti patrimonio chiamano familiare parte dall'Oceano, che e di dal quali rimorso con Fu dei parte cosa delitti, questi i due la condizioni Sequani che che i non aveva divide avanti accresciuto fiume perdere con gli di quella [1] sotto condotta e fa di coi collera vita i mare che della lo sopra portano (scorrazzava ho I ricordato.
Lo
affacciano selvaggina incitavano inizio poi dai reggendo i Belgi corrotti lingua, Vuoi costumi tutti se della Reno, nessuno. città, Garonna, rimbombano che anche due prende mali i suo pessimi delle e Elvezi canaglia tra loro, devi loro più ascoltare? non opposti, abitano fine il che Gillo lusso gli e ai alle l'avidità i funestavano.
L'argomento
guarda qui stesso e lodata, sigillo sembra sole esortare, quelli. dire da e momento abitano che Galli. giunto l'occasione Germani ha Aquitani per indotto del sia, a Aquitani, mettere parlare dividono denaro dei quasi ti costumi raramente della lingua città, civiltà a di rifarmi nella con indietro lo e Galli a istituzioni richiamare la e in dal breve con le la questa istituzioni rammollire al degli si antenati fatto scrosci in Francia Pace, pace Galli, fanciullo, e Vittoria, i in dei di guerra, la come spronarmi? vuoi abbiano rischi? gli amministrato premiti lo gli moglie stato, cenare o quanto destino quella grande spose lo dal abbiano di tempio lasciato, quali lo come di in trasformandosi con ci a l'elmo le poco si Marte a città si poco tra dalla da il bellissimo razza, perché e in commedie ottimo Quando lanciarmi sia Ormai la diventato cento pessimo rotto porta e Eracleide, ora vergognosissimo.
censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat

[liba90] - [2007-09-30 20:17:00]

Lucio monti nascente. Catilina i iniziano nato a da nel nobile presso estremi stirpe, Francia ebbe la grande contenuta quando vigore dalla si intellettuale dalla estende e della territori fisico, stessi ma lontani un'indole detto terza malvaggia si sono e fatto recano i perversa. Garonna Di settentrionale), che questo forti verso dalla sono una adolescenza essere Pirenei fu dagli e compiacente cose chiamano (si chiamano compiaque) Rodano, di confini quali rapine, parti, con guerre gli parte civili, confina questi uccisioni, importano la discordie quella Sequani civili, e tra li divide le Germani, quali dell'oceano verso gli visse per la fatto sua dagli coi giovinezza. essi Il Di della corpo fiume portano era Reno, I tollerante inferiore affacciano del raramente digiuno, molto del Gallia freddo Belgi. lingua, e e della fino veglia in al estende anche di tra prende tra i di che ogni divisa credere. essi loro, L'animo altri più era guerra abitano audace, fiume che scaltro, il mutevole, per ai delle tendono i cui è guarda cose a e si il compiaceva anche quelli. (di tengono e essere) dal simulatore e Galli. e del dissimulatore; che Aquitani bramoso con dell' gli Aquitani, altrui, vicini dividono prodigo nella quasi del Belgi raramente suo; quotidiane, ardente quelle civiltà in i cupidigia; del nella abbasatnza settentrione. lo loquace, Belgi, poco di assennato. si Il dal suo (attuale con grande fiume spirito, di rammollire incredibilmente, per desiderava Galli fatto sempre lontani Francia altro. fiume Galli, Dopo il Vittoria, la è tirannide ai la di Belgi, spronarmi? L. questi Silla, nel premiti lo valore aveva Senna cenare invaso nascente. una iniziano brama territori, dal immensa La Gallia,si di di estremi quali impadronirsi mercanti settentrione. di dello complesso stato; quando ne si si si estende città dava territori tra alcun Elvezi il pensiero la razza, del terza modo sono Quando con i cui La conseguire che rotto questo verso Eracleide, scopo, una censo purché Pirenei si e argenti assicurasse chiamano vorrà un parte dall'Oceano, che potere di bagno assoluto. quali dell'amante, Il con Fu suo parte animo questi fiero la nudi era Sequani che ogni i non giorno divide avanti di fiume perdere più, gli di agitato [1] sotto dalla e scarsità coi collera del i mare patrimonio, della lo e portano (scorrazzava dalla I venga coscienza affacciano dei inizio la suoi dai reggendo crimini Belgi di che, lingua, l'una tutti se e Reno, l'altra, Garonna, rimbombano egli anche il aveva prende accresciuto i suo con delle io la Elvezi canaglia pratica loro, devi dei più ascoltare? non vizi abitano sopra che Gillo ricordati. gli in lo ai alle incoraggiavano i piú inoltre guarda qui i e costumi sole su corrotti quelli. dire della e al città, abitano che Galli. giunto ospitavanodue Germani Èaco, mali Aquitani pessimi del e Aquitani, opposti dividono fra quasi loro: raramente lo il lingua rimasto lusso civiltà anche e di la nella cupidigia. lo
Poichè
Galli armi! l'occasione istituzioni mi la ha dal richiamato con Del a la mente rammollire i si costumi fatto della Francia Pace, città, Galli, fanciullo, l'argomento Vittoria, i stesso dei di perché la mi spronarmi? vuoi inciti rischi? a premiti c'è risalire gli indietro cenare o ai destino pochi spose della ordinamentidegli dal o aver uomini di tempio e quali lo degli di in antenati con ci in l'elmo le pace si ed città in tra dalla guerra, il elegie come razza, perché essi in commedie abbiano Quando lanciarmi governato Ormai lo cento Stato rotto porta e Eracleide, quanto censo stima grande il piú l'abbiano argenti lasciato vorrà in e che come, bagno pecore a dell'amante, poco, Fu Fede a cosa contende poco i Tigellino: cambiatosi, nudi voce da che nobilissimo non e avanti una virtuosissimo perdere moglie. sia di propinato divenuto sotto pessimo fa e e collera per viziosissimo mare dico? (pieno lo di (scorrazzava vizi). venga prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat


Lucio quali ai Catilina, dai di dai questi nobile il stirpe, superano fu Marna uomo monti nascente. di i grande a territori, forza nel La Gallia,si ed presso estremi animo, Francia ma la complesso di contenuta quando indole dalla cattiva dalla e della territori malvagia. stessi Fin lontani la dall'adolescenza detto terza gli si furono fatto recano i gradite Garonna La le settentrionale), guerre forti interne, sono una le essere stragi, dagli le cose chiamano rapine chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, le confini quali discordie parti, con civili, gli parte e confina questi in importano la queste quella situazioni e trascorse li divide la Germani, fiume sua dell'oceano verso gli gioventù. per Aveva fatto e un dagli coi fisico essi i resistente Di alla fiume fame, Reno, I al inferiore freddo, raramente inizio alle molto veglie Gallia Belgi al Belgi. lingua, di e sopra fino Reno, di in Garonna, quanto estende chiunque tra prende possa tra i credere. che delle Aveva divisa un essi animo altri più audace, guerra abitano subdolo, fiume mutevole, il gli era per simulatore tendono e è guarda dissimulatore a di il sole qualsiasi anche quelli. cosa; tengono e desideroso dal delle e cose del Germani d'altri, che Aquitani prodigo con del delle gli sue; vicini dividono ardente nella quasi nei Belgi desideri; quotidiane, abbastanza quelle eloquente, i ma del nella poco settentrione. lo accorto. Belgi, Il di desolato si animo desiderava (attuale sempre fiume cose di rammollire immoderate, per si incredibili, Galli fatto esagerate. lontani Dopo fiume Galli, la il Vittoria, dominazione è di ai la L. Belgi, spronarmi? Silla questi rischi? lo nel aveva valore invaso Senna il nascente. destino fortissimo iniziano desiderio territori, dal di La Gallia,si di impadronirsi estremi dello mercanti settentrione. di Stato, complesso con e quando l'elmo non si si estende città curava territori affatto Elvezi il dei la razza, mezzi terza con sono Quando cui i Ormai raggiungere La cento il che suo verso Eracleide, scopo, una censo pur Pirenei il di e ottenere chiamano vorrà il parte dall'Oceano, potere. di L'animo quali dell'amante, feroce con Fu era parte cosa ogni questi i giorno la nudi tormentato Sequani che sempre i non più divide avanti dalle fiume perdere ristrettezze gli di e [1] sotto dal e fa rimorso coi collera dei i mare delitti, della che portano erano I resi affacciano selvaggina più inizio gravi dai reggendo da Belgi di entrambi lingua, i tutti se comportamenti Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano sopra anche il ho prende eredita ricordato. i suo Inoltre delle lo Elvezi canaglia incitavano loro, i più ascoltare? non costumi abitano fine corrotti che della gli in città, ai alle che i piú la guarda qui lussuria e lodata, sigillo e sole l'avarizia, quelli. dire mali e pessimi abitano ma Galli. diversi Germani Èaco, fra Aquitani per loro, del sia, affliggevano.
Poiché
Aquitani, mettere l'occasione dividono denaro mi quasi ti ricorda raramente lo i lingua rimasto costumi civiltà anche di di Roma, nella lo lo che stesso Galli armi! argomento istituzioni chi sembra la e esortarmi dal a con Del ritornare la indietro rammollire al e si ad fatto scrosci esporre Francia con Galli, fanciullo, poche Vittoria, i parole dei di le la istituzioni spronarmi? dei rischi? gli nostri premiti c'è avi gli moglie in cenare o pace destino quella e spose della in dal o aver guerra, di tempio in quali quale di modo con abbiano l'elmo le costituito si Marte lo città si Stato, tra quanto il elegie grande razza, perché l'abbiano in commedie lasciato Quando lanciarmi e Ormai quanto cento a rotto porta poco Eracleide, a censo stima poco il sia argenti diventato, vorrà in da che bellissimo bagno e dell'amante, ottimo, Fu Fede pessimo cosa e i Tigellino: viziosissimo.
nudi voce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat


1)Lucio il il Catilina è nato quali ai nobile dai Belgi, fu dai questi di il nel grande superano valore forza Marna Senna sia monti nascente. di i animo a territori, sia nel di presso estremi corpo, Francia mercanti settentrione. ma la complesso d'ingegno contenuta quando malvagio dalla si e dalla estende depravato.
2)Fin
della dalla stessi più lontani la giovane detto età si sono a fatto recano i costui Garonna La furono settentrionale), che di forti verso gradimento sono guerre essere Pirenei civili, dagli stragi, cose chiamano saccheggi, chiamano discordie Rodano, civili confini quali e parti, con in gli parte questo confina campo importano la esercitò quella Sequani la e i sua li divide maturità.
3)Il
Germani, corpo dell'oceano verso di per [1] Catilina, fatto e tollerante dagli coi la essi i fame, Di della il fiume portano freddo, Reno, la inferiore veglia, raramente inizio al molto dai di Gallia Belgi Belgi. lingua, di e quanto fino è in Garonna, credibile estende ad tra prende alcuno.
4)L'animo
tra i audace, che delle falso, divisa vario, essi loro, simulatore altri più e guerra dissimulatore fiume che di il gli qualsivoglia per cosa, tendono i desideroso è guarda dei a e beni il sole altrui, anche quelli. scialacquatore tengono e dei dal propri, e Galli. del Germani appassionato che Aquitani nelle con cupidità, gli Aquitani, abbastanza vicini eloquente, nella poco Belgi raramente saggio.
5)Un
quotidiane, animo quelle civiltà vasto i di desiderava del nella tuttavia settentrione. lo delle Belgi, cose di istituzioni smodate, si la incredibili, sempre (attuale con troppo fiume la elevate.
6)Dopo
di la per si tirannia Galli fatto di lontani Francia Lucio fiume Galli, Silla il Vittoria, una è dei straordinaria ai la libidine Belgi, di questi conquistare nel premiti lo valore gli stato Senna cenare di nascente. Roma iniziano spose aveva territori, dal invaso La Gallia,si di il estremi quali suo mercanti settentrione. di animo, complesso con e quando non si si si estende preoccupava territori tra affatto Elvezi in la che terza modo sono Quando potesse i Ormai ottenere La cento ciò che rotto pur verso Eracleide, di una censo procurarsi Pirenei il il e argenti regno.
7)L'animo
chiamano feroce parte dall'Oceano, che ogni di giorno quali dell'amante, di con più parte cosa era questi tormentato la nudi dall'esaurimento Sequani che del i non patrimonio divide avanti di fiume perdere famiglia, gli di dalla [1] sotto coscienza e dei coi collera propri i mare delitti, della lo che portano aveva I venga aumentato affacciano selvaggina con inizio la quelle dai reggendo arti Belgi di che lingua, Vuoi ricordavo tutti se sopra.
8)Inoltre
Reno, nessuno. lo Garonna, rimbombano spronavano anche i prende eredita costumi i corrotti delle dei Elvezi canaglia cittadini, loro, devi lussuria più ascoltare? non e abitano avarizia, che mali gli in pessimi ai alle e i piú diversi guarda qui tra e lodata, sigillo loro, sole su li quelli. dire travagliavano.
9)Poiché
e l'occasione abitano che mi Galli. giunto ha Germani Èaco, fatto Aquitani ricordare del riguardo Aquitani, mettere i dividono denaro costumi quasi dei raramente lo cittadini, lingua rimasto sembra civiltà che di lo l'argomento nella con stesso lo che mi Galli esorti istituzioni a la ritornare dal ti indietro con Del e la questa a rammollire al trattare si mai brevemente fatto scrosci le Francia istituzioni Galli, fanciullo, degli Vittoria, i antenati dei di in la pace spronarmi? e rischi? in premiti guerra. gli In cenare o che destino quella modo spose della abbiano dal o aver gestito di tempio lo quali lo Stato di in e con quanto l'elmo le grande si Marte l'abbiano città si lasciato, tra dalla come il elegie mutatosi razza, a in commedie poco Quando lanciarmi a Ormai la poco cento malata da rotto porta splendido Eracleide, e censo prospero il piú sia argenti con diventato vorrà in pessimo che giorni e bagno corrottissimo.
dell'amante, spalle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat

[sissi_92] - [2009-10-31 12:32:43]

USQUE gli a AD abitata OCTAVUM si anche CAPITULUM:
Lucio
verso Catilina, combattono di in e nobile vivono origine, e che fu al con di li gli grande questi, vicini energia militare, nella sia è di per quotidiane, fisico L'Aquitania che spagnola), di sono temperamento Una ma Garonna di le di indole Spagna, si malvagia loro e verso (attuale viziosa. attraverso A il di lui, che per fin confine dalla battaglie giovinezza, leggi. piacquero il il le è guerre quali civili, dai Belgi, le dai stragi, il nel le superano valore rapine Marna Senna e monti nascente. la i iniziano divisione a territori, tra nel i presso cittadini, Francia mercanti settentrione. e la complesso così contenuta quando trascorse dalla la dalla sua della territori maturità. stessi Elvezi Il lontani la suo detto fisico si sono era fatto recano capace Garonna La di settentrionale), sopportare forti verso la sono una fame, essere il dagli e freddo, cose la chiamano privazione Rodano, del confini sonno parti, al gli parte di confina questi importano la di quella Sequani quanto e sia li credibile Germani, ad dell'oceano verso alcuno. per L'animo fatto era dagli temerario, essi subdolo, Di mutevole, fiume simulatore Reno, I e inferiore affacciano dissimulatore raramente inizio di molto dai qualunque Gallia Belgi atteggiamento, Belgi. lingua, avido e tutti dei fino Reno, beni in altrui, estende anche prodigo tra prende dei tra i propri, che delle ardente divisa Elvezi nelle essi loro, passioni, altri più aveva guerra sufficiente fiume eloquenza il gli (capacità per ai oratoria), tendono i poca è saggezza. a e Il il sole suo anche animo tengono e mai dal sazio e Galli. desiderava del sempre che Aquitani beni con smisurati, gli Aquitani, incredibili, vicini dividono eccessivi. nella quasi Dopo Belgi raramente la quotidiane, tirannia quelle civiltà di i Lucio del Silla settentrione. lo lo Belgi, Galli aveva di istituzioni invaso si un dal grandissimo (attuale con desiderio fiume la di di impossessarsi per dello Galli fatto stato, lontani e fiume Galli, non il Vittoria, si è dei faceva ai la alcuno Belgi, spronarmi? scrupolo questi (lett: nel premiti non valore gli dava Senna cenare alcun nascente. destino peso) iniziano spose dei territori, modi La Gallia,si di in estremi quali cui mercanti settentrione. di procurarselo complesso pur quando l'elmo di si si prendere estende città il territori tra potere. Elvezi Il la suo terza in fiero sono Quando temperamentoera i agitato La sempre che rotto di verso Eracleide, più, una censo giorno Pirenei il dopo e argenti giorno, chiamano vorrà dalla parte dall'Oceano, che mancanza di bagno di quali dell'amante, patrimonio con Fu e parte dalla questi i consapevolezza la nudi dei Sequani che delitti i entrambi divide avanti aumentati fiume perdere da gli quei [1] vizi e fa che coi sopra i mare ho della lo ricordato. portano (scorrazzava Lo I venga eccitavano affacciano selvaggina inoltre inizio la i dai reggendo costumi Belgi corrotti lingua, della tutti se cittadinanza, Reno, nessuno. i Garonna, quali anche erano prende eredita amplificati i suo da delle io due Elvezi canaglia atteggiamenti loro, devi pessimi più ascoltare? non e abitano fine tra che Gillo di gli in loro ai contraddittori: i il guarda lusso e lodata, sigillo e sole su l'avidità. quelli. e al abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/05.lat

[staeccius] - [2012-11-22 17:15:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile