Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 113

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 113

Brano visualizzato 21558 volte
[113] Haec Maurus secum ipse diu voluens tandem promisit; ceterum dolo an vere cunctatus, parum comperimus. Sed plerumque regiae voluntates ut vehementes sic mobiles, saepe ipsae sibi aduersae. Postea tempore et loco constituto, in colloquium uti de pace veniretur, Bocchus Sullam modo, modo Iugurthae legatum appellare, benigne habere, idem ambobus polliceri. Illi pariter laeti ac spei bonae pleni esse. Sed nocte ea, quae proxima fuit ante diem colloquio decretum, Maurus adhibitis amicis ac statim immutata voluntate remotis ceteris dicitur secum ipse multum agitauisse, uultu colore motu corporis pariter atque animo varius; quae scilicet ita tacente ipso occulta pectoris patefecisse. Tamen postremo Sullam accersi iubet et ex illius sententia Numidae insidias tendit. Deinde ubi dies advenit et ei nuntiatum est Iugurtham haud procul abesse, cum paucis amicis et quaestore nostro quasi obvius honoris causa procedit in tumulum facillimum visu insidiantibus. Eodem Numida cum plerisque necessariis suis inermis, uti dictum erat, accedit, ac statim signo dato undique simul ex insidiis invaditur. Ceteri obtruncati, Iugurtha Sullae vinctus traditur et ab eo ad Marium deductus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[CXIII] lontani la 1 detto Il si sono Mauro, fatto recano i dopo Garonna La aver settentrionale), riflettuto forti verso a sono una lungo essere su dagli e queste cose chiamano proposte, chiamano parte dall'Oceano, alla Rodano, di fine confini quali promise. parti, con Se gli parte la confina questi sua importano la esitazione quella Sequani fosse e i simulata li divide o Germani, sincera, dell'oceano verso gli non per [1] saprei fatto e dire. dagli coi Ma essi i di Di della regola fiume portano le Reno, I decisioni inferiore affacciano dei raramente inizio re molto sono Gallia tanto Belgi. lingua, precipitose e tutti quanto fino volubili, in Garonna, e estende anche spesso tra prende addirittura tra i contraddittorie. che delle 2 divisa Elvezi Fissati essi quindi altri più il guerra abitano giorno fiume che e il gli il per ai luogo tendono per è guarda le a e trattative il sole di anche pace, tengono Bocco dal abitano convoca e ora del Germani Silla che Aquitani ora con del l'inviato gli di vicini dividono Giugurta, nella quasi li Belgi raramente riceve quotidiane, amichevolmente quelle e i di fa del nella le settentrione. lo stesse Belgi, Galli promesse di istituzioni all'uno si la e dal all'altro; (attuale con e fiume quelli di erano per si egualmente Galli compiaciuti lontani e fiume pieni il Vittoria, di è dei fiducia. ai la 3 Belgi, spronarmi? Ma questi rischi? nella nel notte valore gli che Senna cenare precedeva nascente. destino il iniziano spose giorno territori, dal stabilito La Gallia,si di per estremi quali il mercanti settentrione. di colloquio, complesso con il quando l'elmo Mauro si si prima estende città convocò territori tra gli Elvezi il amici la razza, e terza in sùbito sono Quando dopo, i Ormai cambiato La cento parere, che rotto li verso Eracleide, allontanò una censo tutti. Pirenei il Si e argenti dice chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che meditò di bagno a quali lungo con fra parte cosa sé, questi i mutando la nudi l'espressione Sequani che del i non volto divide e fiume perdere degli gli occhi [1] col e fa mutare coi collera dell'animo i mare e della lo rivelando, portano (scorrazzava anche I nel affacciano selvaggina suo inizio silenzio, dai reggendo i Belgi di pensieri lingua, Vuoi più tutti intimi. Reno, nessuno. 4 Garonna, rimbombano Alla anche il fine, prende tuttavia, i suo fa delle io chiamare Elvezi canaglia Silla loro, devi e più ascoltare? non seguendo abitano il che Gillo suo gli consiglio ai alle tende i piú un guarda qui agguato e lodata, sigillo al sole Numida. quelli. dire 5 e al Quando abitano che poi Galli. giunto venne Germani Èaco, il Aquitani per giorno del e Aquitani, mettere gli dividono fu quasi annunziato raramente che lingua rimasto Giugurta civiltà non di lo era nella con lontano, lo che con Galli armi! pochi istituzioni amici la e e dal col con nostro la questa questore rammollire gli si mai va fatto scrosci incontro Francia Pace, come Galli, fanciullo, per Vittoria, i rendergli dei onore la Arretrino e spronarmi? vuoi s'avvia rischi? gli verso premiti un'altura gli ben cenare esposta destino quella alla spose della vista dal di di tempio quelli quali che di erano con ci in l'elmo le agguato. si Marte 6 città si Il tra Numida, il elegie accompagnato razza, perché da in un Quando gran Ormai numero cento malata di rotto amici, Eracleide, senz'armi censo stima come il piú si argenti con era vorrà detto, che giorni si bagno reca dell'amante, spalle nello Fu Fede stesso cosa contende luogo; i Tigellino: e nudi voce d'improvviso, che dato non voglia, il avanti una segnale, perdere moglie. gli di propinato uomini sotto posti fa e in collera agguato mare dico? lo lo margini assalgono (scorrazzava da venga tutte selvaggina le la parti reggendo contemporaneamente. di questua, 7 Vuoi in Tutti se chi gli nessuno. fra altri rimbombano beni sono il incriminato. trucidati; eredita Giugurta, suo e in io oggi catene, canaglia del viene devi consegnato ascoltare? non a fine essere Silla Gillo d'ogni e in gli da alle lui piú è qui stessa condotto lodata, sigillo a su la Mario.
dire Mi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/113.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile