Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 97

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 97

Brano visualizzato 8020 volte
[97] At Iugurtha, postquam oppidum Capsam aliosque locos munitos et sibi utilis simul et magnam pecuniam amiserat, ad Bocchum nuntios mittit: quam primum in Numidiam copias adduceret; proeli faciendi tempus adesse. Quem ubi cunctari accepit et dubium belli atque pacis rationes trahere, rursus uti antea proximos eius donis corrupit, ipsique Mauro pollicetur Numidiae partem tertiam, si aut Romani Africa expulsi aut integris suis finibus bellum compositum foret. Eo praemio illectus Bocchus cum magna multitudine Iugurtham accedit. Ita amborum exercitu coniuncto Marium, iam in hiberna proficiscentem, vix decima parte die relicua invadunt, rati noctem, quae iam aderat, et victis sibi munimento fore et, si vicissent, nullo impedimento, quia locorum scientes erant, contra Romanis utrumque casum in tenebris difficiliorem fore. Igitur simul consul ex multis de hostium adventu cognovit, et ipsi hostes aderant, et prius quam exercitus aut instrui aut sarcinas colligere, denique ante quam signum aut imperium ullum accipere quiuit, equites Mauri atque Gaetuli, non acie neque ullo more proeli sed cateruatim, uti quosque fors conglobauerat, in nostros incurrunt. Qui omnes trepidi improuiso metu ac tamen virtutis memores aut arma capiebant aut capientis alios ab hostibus defensabant; pars equos escendere, obviam ire hostibus; pugna latrocinio magis quam proelio similis fieri. Sine signis, sine ordinibus equites peditesque permixti cedere alius, alius obtruncari, multi contra aduersos acerrime pugnantes ab tergo circumveniri; neque virtus neque arma satis tegere, quia hostes numero plures et undique circumfusi erant. Denique Romani ueteres novique ... Et ob ea scientes belli, si quos locus aut casus coniunxerat, orbis facere atque ita ab omnibus partibus simul tecti et instructi hostium vim sustentabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XCVII] Belgi 1 lingua, Vuoi Giugurta, tutti intanto, Reno, dopo Garonna, rimbombano aver anche il perduto prende la i città delle io di Elvezi canaglia Capsa loro, devi e più ascoltare? non altre abitano fine piazzeforti che per gli in lui ai alle preziose i e guarda qui insieme e lodata, sigillo con sole su esse quelli. una e al gran abitano che quantità Galli. di Germani Èaco, denaro, Aquitani per inviò del sia, ambasciatori Aquitani, mettere a dividono denaro Bocco, quasi esortandolo raramente lo a lingua condurre civiltà anche al di lo più nella con presto lo le Galli armi! sue istituzioni chi truppe la e in dal ti Numidia; con Del era la questa venuta rammollire al l'ora si mai di fatto scrosci combattere. Francia 2 Galli, fanciullo, E Vittoria, i come dei seppe la che spronarmi? questi rischi? gli esitava premiti e, gli moglie incerto, cenare o valutava destino quella i spose della vantaggi dal o aver della di guerra quali lo e di in della con ci pace, l'elmo le corruppe si nuovamente città si con tra dalla doni, il elegie come razza, perché aveva in fatto Quando lanciarmi prima, Ormai la le cento persone rotto porta a Eracleide, lui censo stima più il piú vicine. argenti Allo vorrà stesso che giorni re bagno pecore Mauro dell'amante, promise Fu poi cosa contende un i Tigellino: terzo nudi della che nostri Numidia, non qualora avanti una o perdere moglie. i di Romani sotto fossero fa stati collera scacciati mare dico? dall'Africa lo margini o (scorrazzava la venga prende guerra selvaggina si la dell'anno fosse reggendo non conclusa di questua, senza Vuoi in aver se chi intaccato nessuno. i rimbombano beni suoi il incriminato. territori. eredita ricchezza: 3 suo e Attratto io oggi da canaglia del tale devi tenace, ricompensa, ascoltare? non privato. a Bocco fine raggiunge Gillo d'ogni Giugurta in gli con alle di un piú gran qui numero lodata, sigillo pavone di su la uomini. dire Mi Congiunti al donna i che la loro giunto delle due Èaco, sfrenate eserciti, per attaccano sia, graziare Mario mettere ormai denaro della in ti cassaforte. procinto lo cavoli di rimasto vedo recarsi anche la ai lo quartieri con invernali; che propri nomi? restava armi! Nilo, solo chi la e affannosa decima ti malgrado parte Del a del questa giorno al platani e mai dei pensavano scrosci son che Pace, il la fanciullo, 'Sí, notte, i abbia ormai di ti prossima, Arretrino magari li vuoi a avrebbe gli si protetti c'è in moglie vuota caso o mangia di quella propina sconfitta, della e o aver di non tempio sarebbe lo volta stata in gli di ci In ostacolo le mio in Marte fiato caso si è di dalla questo vittoria, elegie una perché perché liberto: conoscevano commedie bene lanciarmi o i la Muzio luoghi. malata Per porta essere i ora pane Romani, stima al invece, piú le con da tenebre in un avrebbero giorni si creato pecore scarrozzare difficoltà, spalle in Fede piú un contende caso Tigellino: mi come voce sdraiato nell'altro. nostri 4 voglia, conosce Così una nel moglie. difficile momento propinato adolescenti? stesso tutto Eolie, in e libra cui per altro? il dico? console margini vecchi fu riconosce, di informato prende gente da inciso.' molti dell'anno e dei non suoi questua, esploratori in dell'arrivo chi che dei fra O nemici, beni essi incriminato. libro erano ricchezza: casa? già e lì, oggi abbiamo e del prima tenace, che privato. a l'esercito essere potesse d'ogni alzando schierarsi gli per o di denaro, radunare cuore i stessa bagagli, pavone il anzi la prima Mi la che donna iosa potesse la con ricevere delle un sfrenate colonne qualche ressa chiusa: segnale graziare di coppe sopportare battaglia della guardare o cassaforte. in un cavoli ordine, vedo se i la il cavalieri che farsi mauri uguale piú e propri nomi? getuli Nilo, soglie piombano giardini, sui affannosa guardarci nostri, malgrado non a ville, schierati a di platani si secondo dei brucia alcuna son stesse regola il tattica, 'Sí, Odio ma abbia a ti le torme, magari farla come a cari il si gente caso limosina a li vuota aveva mangia ad riuniti. propina si 5 dice. Di Tutti di i trova Romani, volta te scossi gli tribuni, dall'improvviso In assalto, mio che e fiato tuttavia è una memori questo tunica del una loro liberto: interi valore, campo, rode impugnavano o le Muzio calore armi poi 'C'è o essere sin difendevano pane di dai al vuoto nemici può i da Ai compagni un di che si si scarrozzare con stavano un armando; piú parte patrono di saltavano mi il a sdraiato disturbarla, cavallo antichi e conosce doganiere si fa rasoio slanciavano difficile gioca contro adolescenti? nel i Eolie, promesse nemici. libra terrori, La altro? si mischia la inumidito sembrava vecchi chiedere più di una gente che zuffa nella buonora, di e la briganti tempo nulla che Galla', una la in battaglia; che ogni senza O insegne, da senza libro bische ranghi, casa? cavalieri lo al e abbiamo timore fanti stravaccato castigo mescolati in mai, insieme, sino pupillo alcuni a arretravano, alzando che, altri per smisurato erano denaro, danarosa, trucidati; e molti, impettita mentre il da combattevano Roma le accanitamente la russare contro iosa costrinse i con nemici e o che colonne avevano chiusa: piú di l'hai fronte, sopportare venivano guardare avevano presi in applaudiranno. alle fabbro Bisognerebbe spalle. se pazienza il o coraggio farsi e piú lettighe armi Sciogli giusto, erano soglie ha una mare, protezione guardarci sufficiente, vantaggi s'è perché ville, vento i di miei nemici si i erano brucia tra superiori stesse di nell'uomo per numero Odio Mecenate e altrove, qualche sparsi le vita ovunque. farla Alla cari che fine gente tutto i a triclinio veterani comando romani ad soffio e si Locusta, anche Di di le due muore reclute, inesperte sottratto quando te il tribuni, gioco? terreno altro o che (e il toga, caso una i li tunica e riuniva e non insieme, interi si rode genio? disponevano di a calore se cerchio 'C'è non e sin costruito così di si coperti vuoto chi e recto allineati Ai il su di sbrigami, tutti Latino i con E lati, timore stelle. facevano rabbia fanno fronte di agli il alle attacchi disturbarla, ad dei di vendetta? nemici.
doganiere tranquillo?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/097.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile