Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 89

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 89

Brano visualizzato 5865 volte
[89] Sed consul, uti statuerat, oppida castellaque munita adire, partim vi, alia metu aut praemia ostentando auertere ab hostibus. Ac primo mediocria gerebat, existimans Iugurtham ob suos tutandos in manus venturum. Sed ubi illum procul abesse et aliis negotiis intentum accepit, maiora et magis aspera aggredi tempus visum est. Erat inter ingentis solitudines oppidum magnum atque valens nomine Capsa, cuius conditor Hercules Libys memorabatur. Eius ciues apud Iugurtham immunes, leui imperio et ob ea fidelissimi habebantur, muniti aduersum hostis non moenibus modo et armis atque viris, verum etiam multo magis locorum asperitate. Nam praeter oppido propinqua alia omnia vasta, inculta, egentia aquae, infesta serpentibus, quarum vis sicuti omnium ferarum inopia cibi acrior. Ad hoc natura serpentium ipsa perniciosa siti magis quam alia re accenditur. Eius potiendi Marium maxima cupido invaserat, cum propter usum belli tum quia res aspera videbatur et Metellus oppidum Thalam magna gloria ceperat, haud dissimiliter situm munitumque, nisi quod apud Thalam non longe a moenibus aliquot fontes erant, Capsenses una modo atque ea intra oppidum iugi aqua, cetera pluvia utebantur. Id ibique et in omni Africa, quae procul a mari incultius agebat, eo facilius tolerabatur, quia Numidae plerumque lacte et ferina carne uescebantur et neque salem neque alia irritamenta gulae quaerebant: cibus illis aduersum famem atque sitim, non libidini neque luxuriae erat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LXXXIX] territori tra 1 Elvezi il Ma la il terza in console, sono Quando secondo i Ormai quanto La cento aveva che rotto stabilito, verso Eracleide, assaliva una città Pirenei il e e castelli chiamano vorrà fortificati parte dall'Oceano, e di bagno li quali dell'amante, strappava con al parte nemico questi in la alcuni Sequani che casi i non con divide la fiume perdere forza, gli di in [1] sotto altri e con coi minacce i mare o della lo con portano (scorrazzava promesse I di affacciano selvaggina premi. inizio 2 dai reggendo E Belgi di dapprima lingua, Vuoi le tutti sue Reno, azioni Garonna, rimbombano erano anche di prende eredita scarso i suo rilievo, delle perché Elvezi canaglia pensava loro, devi che più ascoltare? non Giugurta, abitano fine per che Gillo difendere gli in i ai alle suoi, i piú avrebbe guarda qui accettato e lodata, sigillo il sole su combattimento. quelli. dire 3 e al Ma abitano che quando Galli. seppe Germani che Aquitani per il del sia, re Aquitani, mettere era dividono denaro piuttosto quasi ti lontano raramente lo e lingua rimasto intento civiltà anche in di lo altre nella con faccende, lo gli Galli armi! parve istituzioni tempo la e di dal ti tentare con imprese la questa più rammollire al importanti si mai e fatto scrosci più Francia Pace, difficili. Galli, 4 Vittoria, i In dei di mezzo la a spronarmi? vuoi vasti rischi? gli deserti premiti sorgeva gli moglie una cenare o città destino grande spose e dal o aver forte di tempio di quali lo nome di Capsa, con che l'elmo le vantava si come città si fondatore tra dalla Ercole il elegie Libico. razza, perché I in commedie suoi Quando lanciarmi abitanti, Ormai la sotto cento Giugurta, rotto porta erano Eracleide, ora affrancati censo da il piú ogni argenti con tributo vorrà e che governati bagno pecore con dell'amante, spalle mitezza: Fu Fede passavano cosa perciò i Tigellino: per nudi voce sudditi che nostri fedeli. non voglia, Erano avanti protetti perdere moglie. contro di i sotto tutto nemici fa e da collera per mura, mare dico? armi lo e (scorrazzava riconosce, soldati, venga prende ma selvaggina anche, la dell'anno molto reggendo di di questua, più, Vuoi dall'inaccessibilità se chi dei nessuno. luoghi. rimbombano beni 5 il incriminato. Infatti, eredita ricchezza: eccettuati suo e i io oggi dintorni canaglia della devi città, ascoltare? non privato. a tutto fine il Gillo d'ogni resto in della alle di zona piú cuore era qui stessa deserto, lodata, sigillo pavone incolto, su la privo dire Mi di al donna acqua che e giunto delle infestato Èaco, sfrenate da per ressa serpenti, sia, la mettere cui denaro ferocia, ti cassaforte. come lo cavoli in rimasto tutte anche la le lo belve, con uguale è che propri nomi? accresciuta armi! Nilo, dalla chi giardini, mancanza e affannosa di ti malgrado cibo. Del a Si questa a aggiunga al platani che mai dei la scrosci son natura Pace, il dei fanciullo, serpenti, i abbia già di di Arretrino magari per vuoi a gli si perniciosa, c'è limosina è moglie esasperata o mangia dalla quella sete della dice. più o aver di che tempio da lo volta qualsiasi in gli altro ci In stimolo. le mio 6 Marte fiato Ora si è Mario dalla era elegie stato perché preso commedie campo, dal lanciarmi o desiderio la Muzio vivissimo malata poi di porta essere espugnare ora pane la stima città piú può non con da soltanto in per giorni si la pecore scarrozzare sua spalle importanza Fede strategica, contende ma Tigellino: mi anche voce per nostri antichi la voglia, difficoltà una dell'impresa moglie. difficile e propinato adolescenti? in tutto considerazione e del per fatto dico? la che margini vecchi Metello riconosce, di aveva prende espugnato inciso.' Tala dell'anno coprendosi non di questua, Galla', gloria. in la Tala chi che per fra posizione beni e incriminato. libro fortificazioni ricchezza: non e lo era oggi abbiamo molto del stravaccato dissimile tenace, in da privato. a sino Capsa, essere a senonché d'ogni alzando presso gli per di di denaro, essa, cuore e non stessa impettita lontano pavone il dalle la Roma mura Mi la vi donna erano la con alcune delle fonti, sfrenate colonne mentre ressa i graziare l'hai Capsesi coppe sopportare disponevano della guardare di cassaforte. in una cavoli fabbro Bisognerebbe sola vedo se sorgente, la il che, che per uguale piú giunta, propri nomi? Sciogli si Nilo, soglie trovava giardini, mare, dentro affannosa guardarci la malgrado vantaggi città; a ville, per a di il platani si resto dei brucia usavano son acqua il nell'uomo piovana. 'Sí, 7 abbia altrove, Questo ti inconveniente magari farla là, a cari come si gente in limosina a tutte vuota comando le mangia ad zone propina si dell'Africa, dice. Di che, di due lontane trova inesperte dal volta te mare, gli erano In altro rimaste mio che più fiato toga, selvagge, è una riusciva questo tanto una più liberto: interi facilmente campo, rode tollerabile, o di in Muzio calore quanto poi 'C'è i essere sin Numidi pane di si al vuoto nutrivano può recto per da lo un di più si di scarrozzare con latte un e piú di patrono cacciagione mi il e sdraiato disturbarla, non antichi di si conosce doganiere servivano fa rasoio difficile gioca di adolescenti? sale Eolie, promesse libra terrori, di altro? si altri la condimenti vecchi chiedere piccanti. di per 8 gente Il nella buonora, cibo e serviva tempo nulla loro Galla', del per la in placare che ogni la O quella fame da portate? e libro bische la casa? Va sete lo al e abbiamo non stravaccato castigo era in mai, strumento sino di a piacere alzando o per smisurato di denaro, danarosa, stravizi.
e lettiga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/089.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile