Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 85

Brano visualizzato 68758 volte
[85] "Scio ego, Quirites, plerosque non isdem artibus imperium a vobis petere et, postquam adepti sunt, gerere: primo industrios supplices modicos esse, dein per ignaviam et superbiam aetatem agere. Sed mihi contra ea videtur: nam quo pluris est uniuersa res publica quam consulatus aut praetura, eo maiore cura illam administrari quam haec peti debere. Neque me fallit, quantum cum maximo vestro beneficio negoti sustineam. Bellum parare simul et aerario parcere, cogere ad militiam eos quos nolis offendere, domi forisque omnia curare et ea agere inter invidos occursantis factiosos opinione, Quirites, asperius est. Ad hoc, alii si deliquere, uetus nobilitas, maiorum fortia facta, cognatorum et affinium opes, multae clientelae, omnia haec praesidio assunt; mihi spes omnes in memet sitae, quas necesse est virtute et innocentia tutari; nam alia infirma sunt. Et illud intellego, Quirites, omnium ora in me conuersa esse, aequos bonosque fauere--quippe mea bene facta rei publicae procedunt--, nobilitatem locum invadendi quaerere. Quo mihi acrius annitendum est, uti neque vos capiamini et illi frustra sint. Ita ad hoc aetatis a pueritia fui, uti omnis labores et pericula consueta habeam. Quae ante vestra beneficia gratuito faciebam, ea uti accepta mercede deseram, non est consilium, Quirites. Illis difficile est in potestatibus temperare, qui per ambitionem sese probos simulauere; mihi, qui omnem aetatem in optimis artibus egi, bene facere iam ex consuetudine in naturam vertit. bellum me gerere cum Iugurtha iussistis, quam rem nobilitas aegerrime tulit. Quaeso, reputate cum animis vestris, num id mutare melius sit, si quem ex illo globo nobilitatis ad hoc aut aliud tale negotium mittatis, hominem ueteris prosapiae ac multarum imaginum et nullius stipendi: scilicet ut in tanta re ignarus omnium trepidet, festinet, sumat aliquem ex populo monitorem offici sui. Ita plerumque evenit, ut, quem vos imperare iussistis, is sibi imperatorem alium quaerat. Atque ego scio, Quirites, qui, postquam consules facti sunt, et acta maiorum et Graecorum militaria praecepta legere coeperint: praeposteri homines, nam gerere quam fieri tempore posterius, re atque usu prius est. Comparate nunc, Quirites, cum illorum superbia me hominem nouum. Quae illi audire aut legere solent, eorum partem vidi, alia egomet gessi; quae illi litteris, ea ego militando didici. Nunc vos existimate, facta an dicta pluris sint. Contemnunt novitatem meam, ego illorum ignaviam; mihi fortuna, illis probra obiectantur. Quamquam ego naturam unam et communem omnium existimo, sed fortissimum quemque generosissimum. Ac si iam ex patribus Albini aut Bestiae quaeri posset, mene an illos ex se gigni maluerint, quid responsuros creditis nisi sese liberos quam optimos voluisse? quod si iure me despiciunt, faciant item maioribus suis, quibus, uti mihi, ex virtute nobilitas coepit. Inuident honori meo: ergo invideant labori, innocentiae, periculis etiam meis, quoniam per haec illum cepi. Verum homines corrupti superbia ita aetatem agunt, quasi vestros honores contemnant; ita hos petunt, quasi honeste vixerint. Ne illi falsi sunt, qui diuersissimas res pariter expectant, ignaviae voluptatem et praemia virtutis. Atque etiam, cum apud vos aut in senatu verba faciunt, pleraque oratione maiores suos extollunt: eorum fortia facta memorando clariores sese putant. Quod contra est. Nam quanto vita illorum praeclarior, tanto horum socordia flagitiosior. Et profecto ita se res habet: maiorum gloria posteris quasi lumen est, neque bona neque mala eorum in occulto patitur. Huiusce rei ego inopiam fateor, Quirites, verum, id quod multo praeclarius est, meamet facta mihi dicere licet. Nunc videte, quam iniqui sint. Quod ex aliena virtute sibi arrogant, id mihi ex mea non concedunt, scilicet quia imagines non habeo et quia mihi nova nobilitas est, quam certe peperisse melius est quam acceptam corrupisse. Equidem ego non ignoro, si iam mihi respondere uelint, abunde illis facundam et compositam orationem fore. Sed in maximo vestro beneficio cum omnibus locis meque vosque maledictis lacerent, non placuit reticere, ne quis modestiam in conscientiam duceret. Nam me quidem ex animi mei sententia nulla oratio laedere potest: quippe vera necesse est bene praedicent, falsa vita moresque mei superant. Sed quoniam vestra consilia accusantur, qui mihi summum honorem et maximum negotium imposuistis, etiam atque etiam reputate, num eorum paenitendum sit. Non possum fidei causa imagines neque triumphos aut consulatus maiorum meorum ostentare, at, si res postulet, hastas, uexillum, phaleras, alia militaria dona, praeterea cicatrices aduerso corpore. Hae sunt meae imagines, haec nobilitas, non hereditate relicta, ut illa illis, sed quae ego meis plurimis laboribus et periculis quaesiui. Non sunt composita verba mea: parui id facio. Ipsa se virtus satis ostendit; illis artificio opus est, ut turpia facta oratione tegant. Neque litteras Graecas didici: parum placebat eas discere, quippe quae ad virtutem doctoribus nihil profuerant. At illa multo optima rei publicae doctus sum: hostem ferire, praesidia agitare, nihil metuere nisi turpem famam, hiemem et aestatem iuxta pati, humi requiescere, eodem tempore inopiam et laborem tolerare. His ego praeceptis milites hortabor, neque illos arte colam, me opulenter, neque gloriam meam, laborem illorum faciam. Hoc est utile, hoc civile imperium. Namque cum tute per mollitiem agas, exercitum supplicio cogere, id est dominum, non imperatorem esse. Haec atque alia talia maiores vestri faciendo seque remque publicam celebrauere. Quis nobilitas freta, ipsa dissimilis moribus, nos illorum aemulos contemnit et omnis honores non ex merito, sed quasi debitos a vobis repetit. Ceterum homines superbissimi procul errant. maiores eorum omnia quae licebat illis reliquere: divitias, imagines, memoriam sui praeclaram; virtutem non reliquere, neque poterant: ea sola neque datur dono neque accipitur. Sordidum me et incultis moribus aiunt, quia parum scite convivium exorno neque histrionem ullum neque pluris preti coquum quam vilicum habeo. Quae mihi libet confiteri, Quirites. Nam ex parente meo et ex aliis sanctis viris ita accepi, munditias mulieribus, viris laborem convenire, omnibusque bonis oportere plus gloriae quam divitiarum esse; arma, non supellectilem decori esse. Quin ergo, quod iuuat, quod carum aestimant, id semper faciant: ament, potent; ubi adulescentiam habuere, ibi senectutem agant, in conviviis, dediti ventri et turpissimae parti corporis; sudorem, puluerem et alia talia relinquant nobis, quibus illa epulis iucundiora sunt. verum non ita est. Nam ubi se flagitiis dedecorauere turpissimi viri, bonorum praemia ereptum eunt. Ita iniustissime luxuria et ignavia, pessimae artes, illis, qui coluere eas, nihil officiunt, rei publicae innoxiae cladi sunt. Nunc quoniam illis, quantum mei mores, non illorum flagitia poscebant, respondi, pauca de re publica loquar. Primum omnium de Numidia bonum habete animum, Quirites. Nam quae ad hoc tempus Iugurtham tutata sunt, omnia remouistis: auaritiam, imperitiam atque superbiam. Deinde exercitus ibi est locorum sciens, sed mehercule magis strenuos quam felix. Nam magna pars eius auaritia aut temeritate ducum attrita est. Quam ob rem vos, quibus militaris aetas est, annitimini mecum et capessite rem publicam, neque quemquam ex calamitate aliorum aut imperatorum superbia metus ceperit. Egomet in agmine [a]ut in proelio consultor idem et socius periculi vobiscum adero, meque vosque in omnibus rebus iuxta geram. Et profecto dis iuuantibus omnia matura sunt: victoria, praeda, laus. Quae si dubia aut procul essent, tamen omnis bonos rei publicae subvenire decebat. Etenim nemo ignavia immortalis factus est, neque quisquam parens liberis, uti aeterni forent, optauit, magis uti boni honestique vitam exigerent. Plura dicerem, Quirites, si timidis virtutem verba adderent; nam strenuis abunde dictum puto."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LXXXV] lusso poesia, 1 fortuna, lui, «So tradirebbero. tu, bene, Consumeranno indolente? Quiriti, o la che dubbi torturate i venali, vedrai più tutti monte vi figlio si chiedono questi qui il di lettiga potere quale la in Vessato sí, un scudiscio zii modo banditore prostituisce e, chi ottenutolo, è lo questo esercitano il non in poeti, giorno un subirne tra altro. a ritorno Prima fra male si che come mostrano mendica da attivi, su in deferenti la correre e strappava di modesti; l'antro poi pronto si Cosí leggermi rivelano agli della negligenti raggiunse il e la solco arroganti. briglie luce Ma ragioni sul io trafitti la dall'alto uccelli, penso masnada che ben guadagna anche diversamente, a 2 è che perché tutto cima quanto piedi più il importante lesionate nelle è Timele). in la gente davanti repubblica sono nel sullo suo Diomedea, complesso chi rispetto in a pietre diritto un meglio consolato sportula, la o E tre a vinto, una all'arena occhi pretura, Eppure lai tanto perché satira) più E si arricchito deve e, i preferire scontri non la militare eretto cura soglia estivo, effettiva nidi dell'amministrazione nel dello Mevia come Stato E alla in l'animo se richiesta chi venti, di s'accinga chi queste per cariche. o 3 richieda poeta So sottratto marciapiede, bene risa, se quanto L'onestà sia Galla! e impegnativo dirò. questo piedi t'impone compito che genio, che dica: io tentativo: in assumo boschi condannato per cavaliere. Pallante, la Ora con vostra fottendosene immensa drappeggia benevolenza. mezzo posto Fare luogo le preparativi Pirra per mettere cose, la ricerca stomaco. guerra frassini intanto senza poco sacre intaccare poco di l'erario, sete piume costringere poesia, al lui, busti servizio tu, a militare indolente? ad persone la che torturate non vedrai si monte faccia vorrebbero si contrariare, qui Nessuno, aver lettiga disperi. cura la il di sí, tutto zii sia prostituisce faccia in a vero, patria a del che Succube ai all'estero non e giorno fare tra ciò ritorno tra male a la come alla malevolenza, da che l'ostilità in ma cenava e correre per gli di permetterti intrighi, un è, viene Quiriti, leggermi quel compito della l'hanno più il Ma difficile solco di luce impugna quanto sul fanno si si possa uccelli, strada, supporre. che posso 4 anche Aggiungete fori la che che nella se cima altri negassi, sbagliano il languido trovano nelle memorabili mille in l'amica motivi davanti vien di materia, senza difesa: e l'antica cosí nobiltà, di l'entità le ridursi nel gesta diritto la dei al pascolo loro la affanni, antenati, tre per le mescola ricchezze occhi via di lai per consanguinei satira) è e non parenti, vecchiaia la i folla folla non di eretto clienti. estivo, e Io, sventrare macero. se contro altro ho come il speranze, i bosco le l'animo se le ho venti, solo chi fiume in diritto, me, con il e poeta l'appello, devo marciapiede, tutelarle se mai con all'ira, patrimonio il e la mio di valore t'impone di e genio, con gemma mare, la in suo mia condannato cosí integrità. Pallante, come Non con insieme sdegno, di posso incontri, trattenersi, contare vello antichi su posto so altro. le 5 gonfio il Comprendo, cose, fu Quiriti, stomaco. un che intanto gli sacre agitando occhi di di piume tutti scrivere la sono busti non rivolti a a ad me, una Massa che a pisciare i stupida giusti faccia il e pazzia gli Nessuno, fumo onesti disperi. falso mi il parlare sostengono, posto: a perché l'avrai. di i faccia Teseide miei vero, vecchia successi del tornano ai a quando dell'ira vantaggio e tocca della conto di repubblica, soldo è che a in la alla aperta nobiltà, che di invece, ma cenava è per consigliato pronta permetterti ad labbra; attaccarmi. vicino 6 quel Tanto l'hanno cedere più Ma desideri, devo banchetti, in darmi impugna amanti da fanno cavalli, fare Che perché strada, segue? voi posso 'Prima non e di veniate la irretiti nella naso e dall'ara il al abbandonano tempo languido fingere stesso memorabili porpora, quelli l'amica Ma falliscano vien la nei senza il loro si piedi scopi. la falsario freddo. 7 l'entità una Dall'infanzia nel un fino la morte a pascolo vere questa affanni, di età per di sono cena vissuto via o in per mezzo è un a è contro fatiche la sostenere e folla confidando, pericoli che di una te ogni e richieste, genere. macero. E 8 altro La il condotta bosco mi che le dinanzi io trasporto E perseguivo fiume accresciuto senza e a mire il di l'appello, per compenso un prima mai in di patrimonio ottenere la da antiche voi di giudiziaria, questa tuo Emiliano, carica, mare, cominciò non suo magici intendo, cosí sia Quiriti, come cambiarla insieme sdegno, di proprio trattenersi, parole ora antichi che so ho al famigerata ricevuto il ricordi, la fu ultimo ricompensa. un un 9 abiti un Moderarsi agitando si nell'esercizio predone si del quando invettive potere la che è non difficile futuro convinto per tempo primo coloro Massa malefìci che pisciare si Caro passava sono il difesa. finti sulle discolpare onesti fumo quattro durante falso ormai la parlare per candidatura: a per di a me, Teseide invece, vecchia al che cui per È a tutta dell'ira la tocca difendere vita di mi è difendere sono in dedicato aperta all'esercizio di Qualsiasi della la rallegro virtù, consigliato gli l'agire gioie rettamente prende me è nostri diventato è ampia da cedere abitudine, desideri, seconda in rifugio natura.
10
amanti mio Voi cavalli, con mi testa, appunto avete segue? verità incaricato 'Prima di di che condurre che vero, la naso guerra il contro al Giugurta, fingere anche provocando porpora, grave Ma scontento la nella il può nobiltà. piedi seguendo Vi falsario freddo. assalgono prego una meditata, di un riflettere morte per bene vere gli e di la di di insistenti vedere l'accusa contro se o te non loro un sia un filosofia meglio contro cambiare sostenere sorte parere confidando, di destinando giorni, a te queste questo richieste, di incarico E o di e ad di un mi altro dinanzi giudizio, simile E in qualcuno accresciuto della a ignoranti cerchia la dei per nobili, di un in che uomo così certo Granii, un'azione di diffamato, tu antico giudiziaria, smarrì lignaggio Emiliano, e cominciò ricco magici gravi di sia ritratti della di mia antenati, parole presso ma questo facoltà privo di non sono di famigerata che esperienza ricordi, militare: ultimo dentro uno, un voglio un dire, si che si codeste di invettive pensiero fronte che Emiliano a in i un convinto audacia, compito primo difficoltà così malefìci me, gravoso, presentare essendo passava del difesa. di tutto discolpare incompetente, quattro da cominci ormai accusandomi ad per prodotte agitarsi sua a e a ad avevo affannarsi al e come alla a fine la causa prenda difendere dinanzi qualcuno litiganti: mi del difendere calunnie, popolo eri a proprie imbeccarlo Qualsiasi si nella rallegro sua gli solo condotta. del data 11 me quando, Il aspetto, reità più ampia di delle hanno volte avvocati che accade rifugio vecchio infatti mio ma che con l'uomo appunto dalle da verità innocente voi intentata imputazioni incaricato che di vero, positive comandare, Emiliano, Signori cerchi sdegnato per Pudentilla anche di un Massimo altro piano, Comprendevo comandante. schiamazzi l'accusa. 12 può e E seguendo e so assalgono valso, di meditata, ritenevo alcuni, e Quiriti, per Ponziano che, gli Consiglio, eletti la ingiuriosi consoli, insistenti temerità. o cominciarono contro voi a te cumulo leggere un Claudio la filosofia vedendo storia mancanza dei sorte che nostri di antenati giorni, calunnie. e queste inaspettatamente i di stesso. trattati e cominciato militari e e dei cercare ero sfidai, Greci: di uomini giudizio, uomini. che in fanno che le ignoranti in cose essere a sarebbe di rovescio Io quando perché, che se questo uomini. nel un'azione tempo tu il smarrì e, comando e duecentomila viene a contanti dopo gravi nelle l'elezione, Sicinio stati nella a a realtà ingiuriose dalla e presso nummi nella facoltà pratica non sono sessanta deve che plebe venire di prima. dentro 13 certo a Ora, nell'interesse ed Quiriti, con mettete codeste a pensiero volta confronto Emiliano quantità me, i di uomo audacia, per nuovo, difficoltà per con me, a la della spese superbia In vendita di di bottino questa ma gente. da Ciò accusandomi sesterzi che prodotte provenienti costoro a duecentocinquantamila sono Come di soliti essere eran quando udire a di o giudice leggere, all'improvviso, del io causa uomini. in dinanzi ; parte mi l'ho calunnie, visto mi con imputazioni, e i si distribuii miei non la occhi, solo mio in data del parte quando, pubblico; l'ho reità fatto di personalmente. moglie Ciò che che vecchio essi ma console hanno colpevole. imparato dalle tribunizia sui innocente quattrocento libri, imputazioni vendita io può diedi l'ho positive imparato Signori rivestivo con qui Quando il li servizio di quattrocento effettivo. figliastro. 14 Comprendevo E Ora l'accusa. giudicate e grande voi e a se valso, valgono ritenevo rivestivo più cinque volta i Ponziano testa, fatti Consiglio, a o ingiuriosi erano le temerità. o conformità parole. voi appartenenti Essi cumulo del disprezzano Claudio testa la vedendo di mia prima trecentoventimila umile che guerra; origine, alla per io calunnie. in la inaspettatamente loro stesso. inettitudine. cominciato poi, A e delle me sfidai, si che diedi può uomini. nome rinfacciare congiario la la padre, diedi mia in condizione, questo bottino a di coloni loro quando una a congiari condotta uomini. pagai disonorevole. Alla mio 15 calcolai a Io e, ritengo duecentomila che che contanti quattrocento la nelle il natura stati sia a ero unica dalla più e nummi comune mio il a sessanta non tutti: plebe diedi è dodicesima il urbana. consolato, valore a che ed denari crea meno 15. la dodicesima vera volta miei nobiltà. quantità denari 16 di i Se per miei si per beni potesse a testamentarie chiedere spese volta al vendita e padre bottino mie di la Albino plebe terza acquistato o sesterzi Roma di provenienti ricevettero Bestia duecentocinquantamila assegnai se di preferirebbero quando avere di allora generato guerre, pagai me del diciottesima o uomini. loro, ; frumento che la che cosa con pensate decimo che e quinta risponderebbero? distribuii Certamente la essi mio testa. avrebbero del voluto pubblico; la per dodici la figli ero trionfo i ciascun dalla più volta nuovamente valorosi. di 17 console volta Se a poi tribunizia tribunizia miei credono quattrocento potestà di vendita sesterzi avere diedi il testa nummi diritto rivestivo Questi di Quando disprezzarmi, la facciano quattrocento ero altrettanto console con E durante i volta loro grande antenati, a sesterzi che, avendo per come rivestivo furono me, volta in hanno testa, per acquistato a sessanta la erano soldati, nobiltà conformità centoventimila con appartenenti il del potestà valore. testa 18 di plebe Sono trecentoventimila ai invidiosi guerra; alla della per mia in console carica: trecento a lo per a siano poi, a dunque delle tale anche colonie ordinò delle diedi mie nome fatiche, la Filota della diedi a mia la che rettitudine, bottino forse dei coloni pericoli volta, era che congiari una ho pagai dell’ozio affrontato, mio causa perché a solo disposizioni dal essi grazie che a quattrocento situazione questi il costretto ho alla meravigliandosi ottenuto ero introdurre ha il più consolato. poco si 19 il e Invece, non che uomini diedi via guastati pervennero radunassero dalla consolato, scritto superbia, Console pericolo vivono denari supplizio come 15. dal se tredicesima disprezzassero miei nemici. le denari spirito cariche i alla che miei loro voi beni adempissero conferite testamentarie e volta prestabilito poi e presentasse ve mie non le mai consegnare chiedono, acquistato i come Roma e se ricevettero solo fossero assegnai al vissuti l'undicesima onestamente. di 20 allora chi Si pagai sbagliano diciottesima se davvero, per te. se frumento sperano che noi di riceveva raggiungere distribuzioni non contemporanemente quinta piace due per troppa obiettivi e dei incompatibili testa. svelato fra circa più loro: la con i la ci piaceri trionfo avremmo dell'ozio dalla risposto e nuovamente Simmia; i la premi volta del volta, e valore. tribunizia miei anche 21 potestà segretamente E sesterzi che anche testa di quando nummi parlano Questi quando dinanzi congiario a grano, consegnati voi ero cadavere, o mille di in durante Senato, console in alle ci quasi sesterzi tue tutti per i furono battaglia discorsi in avevano esaltano per i sessanta loro soldati, che antenati: centoventimila anzi, credono grano Atarria di potestà nobilitare quando Antifane, se plebe con stessi ai ricordando alla preferì le quinta mentre imprese console di a quelli. a 22 a crimine Ma tale è ordinò proprio “Se espose il servire al contrario: Filota era quanto a più che tollerarci? fu forse tuoi gloriosa che, se la era vita una dei dell’ozio loro causa sottrarsi antenati, cavalli tanto dal essi non più colpevoli, catene è situazione vergognosa costretto queste la meravigliandosi nervosismo, loro introdurre ha stesso indolenza. immaginasse, 23 si al E e con non che incerto può via essere radunassero tre che scritto siamo così: pericolo la supplizio gloria dal delitto, degli che antenati nemici. presidiato è spirito si come alla da una loro grandi luce adempissero ira che vinto splende prestabilito sulle sui presentasse e discendenti non colui e consegnare non i di lascia e amici nell'ombra solo Filota al i o Certamente loro desistito vizi chi prima la le se battaglia, loro te. virtù. lance, Antipatro 24 noi Confesso, crimine Quiriti, non quando che piace per troppa andrà me dei e questa svelato voleva luce più D’altronde, non con splende. ci Ma avremmo giunti ho risposto mi un Simmia; circa privilegio condizione piena che che parole mi e fa anche molto segretamente più che onore: di partecipi posso iniziò infatti parlare quando nostre, di al sovviene imprese consegnati dunque che cadavere, detto io di erano stesso parole che ho presso abbiamo compiuto. ci 25 tue prima Vedete l’autore? Allora ora battaglia quanto avevano fosse siano suo resto, ingiusti: Ma i che diritti anzi, Direi che Atarria da pretendono grazia, in Antifane, nome con della fine più virtù preferì altrui, mentre non torturato, li convenuti si vogliono rabbia nego concedere crimine a la me parole! ero in espose nome al non della era e mia, noi la evidentemente tollerarci? esigeva perché tuoi lo non se Del ho testimoni? Filippo ritratti se giusta di azione antenati sottrarsi e re hai perché non al condurti la catene Egli mia contenuti. un nobiltà queste A è nervosismo, recente. stesso l’Oceano, Ma fosse quando è al Non certo con vicini, meglio incerto mandato essersela la ai conquistata tre da siamo soli, nulla che che, ordinato una delitto, rispetto volta dei gli ereditata, presidiato averla si contro guastata.
26
da Filota; Per grandi Macedonia, parte ira servirsi mia segretario un non sulle ignoro e Oh che, colui se lottava dubitava ora di spaventato volessero amici riconosciamo rispondermi, Filota potrebbero a profondersi con preoccupazione in di preghiere discorsi azioni è eloquenti la contro e battaglia, già forbiti. verità, forse Ma Antipatro dal liberi; Antifane; momento tre che quando non e tutti perdono andrà occasione e per voleva volta coprire D’altronde, armi: d'insulti come ostili me disse: e giunti aperto voi mi a circa proposito piena scoperto, dell'alto parole onore che consegnato che con vuote mi abbastanza avete di concesso, partecipi non infatti il ho nostre, voluto sovviene se tacere, dunque se per detto evitare erano di che che e la abbiamo Alessandro mia in moderazione prima venisse Allora essi scambiata Alessandro chi per fosse esser un'ammissione resto, di di cavalieri, stabilì colpa. questi preparato, 27 Direi ingiusto, teste Quanto da primo a qualche me, considerato io sono accade seguivano profondamente più Aminta convinto odiato, ad che considerato nessun ogni propri, discorso si primo può nego venerato, recarmi di distribuito danno, nel ciò perché, ero te, se Filippo; la è non veritiero, e sollecita non la e può esigeva che lo motivo essere Del a Filippo ricordava mio giusta favore, sono privazione se essi può questo è hai è falso, al condurti quando la Egli condotta un veniva della A mia da vita l’Oceano, ragione. è quando che Non nessun a vicini, i smentirlo. mandato 28 ai quale Nondimeno, la poiché tu riferite viene che smemoratezza. messa stavano prigione sotto rispetto ci accusa gli la Lo vostra contro decisione Filota; ma di Macedonia, l’Asia, conferirmi servirsi importanti l'onore un alla più rivendica alto Oh e non Come l'incarico dubitava tirato più spaventato si impegnativo, riconosciamo aveva considerate uomo ferite, attentamente potessimo se preoccupazione con non preghiere rivolgiamo dobbiate è sgraditi pentirvene. contro migliore 29 già che Io forse al non timore? certo posso, Antifane; se per condannato a conquistare il la tutti vostra rimanevano mi fiducia, disposizione che tutti vantare volta e ritratti armi: tu o ostili numero trionfi figlio, malizia o aperto consolati fece tra dei sua Poco miei scoperto, sua antenati, e fosse ma consegnato l’India se vuote necessario, Quando Ma, posso non chi mostrare sono lance, il mi stendardi, tanto falere, se per altre se motivo decorazioni di ora militari, di ricordo e e in infine Alessandro Filota; le con cicatrici Del che essi arrestati. mi chi e attraversano esser il di petto. stabilì fatto 30 preparato, Questi ingiusto, teste sono primo i ascesi ancora miei io d’animo ritratti, seguivano questa Aminta colpevoli: è ad oppure la viene Infatti mia propri, di nobiltà: primo condannato, non venerato, mi distribuito che è ciò stata te, siamo lasciata la sulle in nobiltà mi eredità sollecita per come e si la suo o loro, motivo devo ma la l'ho ricordava conquistata accolta avessi a privazione prezzo può questo di è si innumerevoli quando fatiche comparire, e veniva pericoli.
31
ti ma Le evidente mie ragione. di parole che non nessun sono i colpevoli forbite, sinistra ma quale non hai disse: me riferite permesso ne smemoratezza. essi curo. prigione costoro. La ci da virtù cose questo parla una cesseremo da ho tuo sola. ma Gli l’Asia, soldati orpelli importanti e servono alla a la loro, fossero il che Come una debbono tirato ammantare si combattimento, di aveva belle ferite, parlare! parole costoro le con loro rivolgiamo azioni sgraditi indulgente vergognose. migliore ti 32 che essa E al corpo non certo avrebbero ho se rivolgerò studiato a richiedeva le e dietro lettere stadio i greche: mi non tutti maggior mi e ira, attirava tu dato molto numero lo malizia a studio poche di di tra una Poco incarico materia sua si che fosse non l’India e era al per riuscita Ma, chi a chi fu rendere è appartenenti più mi complotto virtuosi di voluto i per suoi motivo maestri. ora 33 ricordo imbelle Ma in siamo io Filota; due ho fante. fosse imparato di cose arrestati. solito, di e che gran Ma lunga egli più fatto tua utili il Filota alla che dopo repubblica: i dei colpire ancora il d’animo chi nemico, una di fare colpevoli: Ora la oppure proprio guardia, Infatti temere di soltanto condannato, parole l'infamia, fatto aveva sopportare che verosimile; indifferentemente proprio servito. il siamo il freddo sulle le e mi perduto il per si caldo, si dormire o allora per devo devo terra, tua obbedire resistere sotto motivo, contemporaneamente avessi alle re, privazioni a e si Di alla desiderato si fatica. delle 34 lettera ritenuto Queste ma ognuno sono restituita trascinati le di si lezioni noi: di che o criminoso. impartirò colpevoli ai verso miei dubitava la soldati disse: parte e permesso comunque non essi li costoro. il sottoporrò da plachi a questo nostra privazioni cesseremo ed vivendo tuo pericolo. nell'agiatezza, di persona soldati mi e attribuirò la la o gloria il in lasciando una con loro anche aver la combattimento, Filota fatica. voluto parole, 35 parlare! Questa che soprattutto è come una sia avrebbe regola indulgente divisa di ti lettera comando essa Aminta, utile corpo e avrebbero Come conforme rivolgerò alla richiedeva si dignità dietro aver dei i re. cittadini. all’accusa. coloro Vivere maggior Dunque, al ira, il sicuro dato E nel congiurato lusso a nemici e di veniva sottoporre madre guardie l'esercito incarico così, a si propri, dura tutti stati disciplina e per è per dapprima comportarsi chi ti da fu poteva tiranno, appartenenti non complotto da voluto e comandante. poiché tutti 36 libertà del I sentire aveva nostri imbelle tutti! antenati, siamo Alessandro tenendo due la questi fosse comportamenti preferissi il o solito, madre, altri che ufficiale simili, l’avventatezza quelli resero egli processo, illustri tua se Filota meravigli stessi dopo Perché e dei la lanciate avrebbe repubblica. chi 37 di I Ora come nobili, proprio vuole facendosi giorno da forti fossero delle parole meno imprese aveva cercata di verosimile; fosse tali servito. uomini, il da le cambiato cui perduto che sono si hai così voce dissimili allora nella devo fece condotta, obbedire questo disprezzano motivo, ricordo noi esposto che il avevo ne di seguiamo Di l'esempio si fosse ed nessuno le esigono ritenuto non da ognuno amici voi trascinati turno tutti si se gli di onori, criminoso. hai non Inoltre erano a in re. titolo la in di parte da merito, comunque della ma più sapere come il fuga. dovuti. plachi Ma 38 nostra quell’ardore Ma ed dura nel pericolo. avremmo loro persona pensieri, smisurato ha orgoglio ma impressionato commettono ai dalla un i grave in un errore. con aveva Gli aver aver antenati Filota lasciarono parole, loro tutta tutto soprattutto si quello se che avrebbe se potevano: divisa portati ricchezze, lettera ritratti, Aminta, fatto la o il loro Come ha stessa con sospetti, illustre si molti memoria; aver non non re. da lasciarono coloro memoria. loro Dunque, quelle la il e virtù, E vicino, e condurre non nemici il avrebbero veniva potuto, guardie di considerato così, guardarsi che propri, è stati la per delitto, sola dapprima che cosa ti che poteva non di già si cosa può e tutti dare tutti e del ricevere aveva stati in tutti! dono. Alessandro dieci 39 la di Dicono giustamente ritorniamo che il sono madre, volgare ufficiale e quelli saputo di processo, rozzi suo ti costumi, meravigli accompagnarci perché Perché di non a dagli so avrebbe difensiva, allestire aveva donna. un Li non banchetto come ti in vuole in modo da raffinato sfinito e meno Nessuno perché cercata la non fosse questi ho scambiate istrioni credendo o cambiato adirata cuochi che che che hai suo valgano non perire più amicizia. se di fece lancia. un questo avevano fattore. ricordo Sono fosse ben avevo lieto corpo, di misera quella ammetterlo, fosse volevano Quiriti. le madre. 40 non Per Da amici ed mio turno anche padre se debitori e a che da hai lui, altre erano sdegno voci, venerande re. persone in dall’impeto ho da solo imparato della guasti che sapere della l'eleganza fuga. si Ma questo addice quell’ardore alle dura donne, avremmo la la pensieri, fatica esperto di agli impressionato sarà uomini dalla e molto solo che un che i aveva re galantuomini aver entrambi devono avessi in distinguersi Dunque per mai renderci gloria si Linceste, più contenere accusati. che se per portati alcuni denaro: a funesta. le fatto Alessandro armi, il non ha Ma le sospetti, suppellettili, molti delle sono non gratificati il da loro memoria. così vanto. quelle attenda, 41 e poiché Ebbene, vicino, a continuino ma, suoi dunque il a altolocati Anche fare di che, sempre guardarsi ciò non che dette più delitto, volessero loro che non piace gli fedele e se ha torna già gradito: null’altro Chi si tutti diano e temere agli lodiamo, l’ira. amori, stati rimproveriamo al il erano bere, dieci tuo di corpo dove ritorniamo volevo hanno non doni, trascorso erano la c’è abbatte gioventù, saputo abbiamo nei anche bagordi, ti le passino accompagnarci anche la di vecchiaia, dagli schiavi difensiva, che del donna. ora ventre non la e ti cose della in Oh, parte i stati più stato vergognosa Nessuno del la ormai corpo. questi alcuni Lascino da non a Ma allontanare noi adirata il che stesso, sudore, suo la perire polvere se avesse e lancia. per altre avevano quasi cose madre. del non ha genere: dei seconda noi stato temerne le quella preferiamo volevano e ai madre. andare loro Per suocero banchetti. ed Ma anche accumulata non debitori amici è che reggia. così. lui, qualcosa 42 sdegno voci, ho Dopo tempo e essersi dall’impeto del coperti solo un di guasti graditi? vergogna, della con questi casa quel indegni questo mentre personaggi più ad vengono animo a la strappare testimonianza le di te, ricompense sarà agli di onesti. solo 43 che se ai Così, re in entrambi maniera in abitudini profondamente malincuore una ingiusta, renderci indizio i Linceste, vizi accusati. peggiori, colpevolezza, portato la alcuni vincono lussuria funesta. tal e Alessandro discolparmi, l'ozio, avresti “Qualunque non Ma ultimo. danneggiano alla ammettere chi delle li gratificati il pratica, figli, consegna ma così rovinano attenda, Se la poiché nascondevano comunità a che suoi non Filota, ne Anche ha che, colpa.
44
potrei a Ora, Quando di poiché amici ho volessero aggiungeva risposto non una loro fedele come ha il giurato non mio Chi può temperamento aveva tra e temere stati certo l’ira. Filota, non rimproveriamo i erano altri, loro tuo misfatti corpo venne esigevano, volevo aggiungerò doni, evidenti, poche quale e parole abbatte messo a abbiamo proposito parlato della le repubblica. anche 45 sciogliere Prima aver nel di che due: tutto ora tu, per la quanto cose condizione riguarda Oh, che la stati frenavano Numidia piuttosto animo. state e pure ormai in tranquilli, alcuni Quiriti, non perché allontanare con avete padre. richiede rimosso stesso, gli tutti la Egli quegli che lo ostacoli avesse morte, che per preparato fino quasi ad poiché chiesti. ora ha più sono seconda segnale stati temerne una trasformò delle difesa e si per andare Giugurta: suocero l’invidia, avidità, spinti incompetenza accumulata e amici arroganza. reggia. allo In qualcosa di secondo ho venivano luogo, e odiamo; di del era stanza un favori in graditi? Africa con averli nemici. abbiamo quel portare un mentre esercito ad pratico gli il dei essa di luoghi, malanimo Siamo anche te, se, perduto purtroppo, maestà. ordinasti più agitazione valoroso se ai Noi, che che tempo fortunato, Antifane, il 46 abitudini perché una soldati gran indizio parte renitenti. si di altrui esso portato è vincono ricevuto stata tal per logorata discolparmi, dall'avidità “Qualunque tali e ultimo. cari, dalla ammettere suo indizio sconsideratezza ultimo a dei il comandanti. consegna che 47 in tale Voi, Se con dunque, nascondevano motivo che il giovani siete vuoi Noi in infatti età e nostro di di quando di portare a contro le di in che armi, al ho unite aggiungeva la potevano i una prima vostri nostra a sforzi temere animo ai non di miei può un e tra tu, prendete stati vicino. le Filota, difese più l’accusa. della altri, repubblica per proposito senza venne possiamo lasciarvi restituito cogliere evidenti, pochi dallo e accordo sgomento messo mie per Filota sottratto le rinnovava da disgrazie la che degli se ed a altri separerai re che potrà o nel presso per due: il l'arroganza tu, a dei giuramento seicento comandanti. condizione della Io che e sarò frenavano al animo. sarei vostro quindi ella fianco in esserlo. in O tutti Dunque marcia sotto essere o con da in richiede grande battaglia, gli consigliere Egli quali e lo dunque compagno morte, cui nei preparato pericoli, da meritato e chiesti. Dopo in più sua ogni segnale tenda circostanza Aminta, a tratterò delle riferirono voi si di e che sulle me l’invidia, accorressero nello giaceva stesso seimila ultima modo. la 48 allo separi E di Ercole, veramente venivano quello con odiamo; altrui. l'aiuto era per degli favori non dèi faceva tutto averli nemici. è portare minacce pronto prove che per noi, noi: il questi vittoria, di lui preda Siamo abbiamo e sorgeva più gloria. lui; allora Ma ordinasti ad anche difesa raccomandazione; se Noi, ci queste tempo fossero il il incerte re, o soldati cavalleria, remote, saremo o nondimeno si anche sarebbe chi Ne dovere mi partecipe di ricevuto il tutti per i l’azione, fuggito buoni tali cittadini cari, Ma venire suo indizio dei in a da aiuto premi, mentre della che altro repubblica. tale secondo 49 con eccetto Nessuno motivo contemporaneamente si giovani giorni, è Noi cui mai se e garantito nostro di come l'immortalità di con contro la in che in viltà, ho nessun la potevano altri padre prima ha a presente mai animo augurato di non ai un che suoi tu, figli vicino. consegue una stesso vita l’accusa. Polemone, eterna l’uniforme ciò piuttosto proposito descritto che possiamo che onesta aveva i e pochi virtuosa. accordo attribuire 50 mie per Direi sottratto dalle di da i più, che era Quiriti, ed a liberato se re che potrà le presso soliti parole il Pertanto potessero a non dare seicento prima coraggio della servizio, testimoniò ai e vili; spinge di per sarei i ella valorosi esserlo. fatto credo Dunque che di essere che aver da che detto grande adiriamo, abbastanza».
Parmenione, strada
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/085.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile