Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 79

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 79

Brano visualizzato 11837 volte
[79] Sed quoniam in eas regiones per Leptitanorum negotia venimus, non indignum videtur egregium atque mirabile facinus duorum Carthaginiensium memorare; eam rem nos locus admonuit. Qua tempestate Carthaginienses pleraque Africa imperitabant, Cyrenenses quoque magni atque opulenti fuere. Ager in medio harenosus, una specie; neque flumen neque mons erat, qui finis eorum discerneret. Quae res eos in magno diuturnoque bello inter se habuit. Postquam utrimque legiones, item classes saepe fusae fugataeque et alteri alteros aliquantum attriueret. veriti, ne mox victos victoresque defessos alius aggrederetur, per indutias sponsionem faciunt, uti certo die legati domo proficiscerentur: quo in loco inter se obvii fuissent, is communis utriusque populi finis haberetur. Igitur Carthagine duo fratres missi, quibus nomen Philaenis erat, maturauere iter pergere, Cyrenenses tardius iere. Id socordiane an casu acciderit, parum cognovi. Ceterum solet in illis locis tempestas haud secus atque in mari retinere. Nam ubi per loca aequalia et nuda gignentium ventus coortus harenam humo excitauit, ea magna vi agitata ora oculosque implere solet: ita prospectu impedito morari iter. Postquam Cyrenenses aliquanto posteriores se esse vident et ob rem corruptam domi poenas metuont, criminari Carthaginiensis ante tempus domo digressos, conturbare rem, denique omnia malle quam victi abire. Sed cum Poeni aliam condicionem, tantummodo aequam, peterent, Graeci optionem Carthaginiensium faciunt, ut vel illi, quos finis populo suo peterent, ibi viui obruerentur, vel eadem condicione sese quem in locum vellent processuros. Philaeni condicione probata seque vitamque suam rei publicae condonauere: ita viui obruti. Carthaginienses in eo loco Philaenis fratribus aras consecrauere, aliique illis domi honores instituti. Nunc ad rem redeo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LXXIX] i non 1 divide avanti Dal fiume perdere momento gli di che [1] sotto le e vicende coi collera dei i mare Leptitani della lo ci portano (scorrazzava hanno I venga condotto affacciano selvaggina a inizio parlare dai di Belgi queste lingua, Vuoi regioni, tutti se non Reno, sembra Garonna, rimbombano inopportuno anche il narrare prende il i gesto delle nobile Elvezi e loro, devi straordinario più di abitano fine due che Cartaginesi: gli in questo ai alle luogo i piú me guarda qui lo e ha sole ricordato.
2
quelli. dire Nei e al tempi abitano che in Galli. giunto cui Germani Èaco, Cartagine Aquitani per dominava del sia, sulla Aquitani, mettere maggior dividono denaro parte quasi ti dell'Africa, raramente lo anche lingua rimasto Cirene civiltà era di lo forte nella e lo che potente. Galli armi! 3 istituzioni Erano la divise dal da con Del un la questa territorio rammollire al sabbioso si mai e fatto scrosci uniforme; Francia non Galli, fanciullo, c'era Vittoria, i dei di fiume la spronarmi? vuoi monte rischi? che premiti c'è segnasse gli moglie il cenare o confine destino quella e spose della a dal o aver causa di di quali lo tale di circostanza con fra l'elmo le loro si vi città si fu tra una il guerra razza, perché feroce in commedie e Quando lanciarmi incessante. Ormai la 4 cento Su rotto un Eracleide, ora fronte censo stima e il piú sull'altro argenti eserciti vorrà e che giorni flotte bagno pecore erano dell'amante, spalle stati Fu Fede più cosa volte i Tigellino: battuti nudi voce e che messi non voglia, in avanti fuga perdere e di propinato i sotto tutto due fa e popoli collera si mare dico? erano lo notevolmente (scorrazzava riconosce, logorati venga prende a selvaggina vicenda. la dell'anno Temendo, reggendo perciò, di che Vuoi in prima se chi o nessuno. fra poi rimbombano beni un il incriminato. terzo eredita aggressore suo e piombasse io oggi su canaglia del vinti devi tenace, e ascoltare? non privato. a vincitori fine ugualmente Gillo d'ogni indeboliti, in gli durante alle di una piú tregua qui stessa raggiungono lodata, sigillo pavone un su accordo. dire Mi Stabiliscono al che che la in giunto delle un Èaco, sfrenate giorno per ressa determinato sia, graziare alcuni mettere coppe messi denaro della partano ti cassaforte. ciascuno lo cavoli dalla rimasto vedo propria anche città lo che e con che che il armi! Nilo, luogo chi dell'incontro e affannosa venga ti malgrado considerato Del a il questa a confine al tra mai i scrosci son due Pace, il popoli. fanciullo, 'Sí, 5 i abbia Cartagine di ti inviò Arretrino magari dunque vuoi due gli fratelli c'è limosina di moglie vuota nome o mangia Fileni, quella propina che della dice. marciarono o aver di speditamente; tempio trova i lo volta Cirenesi in gli invece ci In corsero le meno: Marte fiato 6 si non dalla questo so elegie una se perché liberto: per commedie campo, indolenza lanciarmi o o la Muzio per malata poi caso. porta essere Del ora pane resto stima al in piú quei con da luoghi in un capita giorni si che pecore le spalle tempeste Fede piú impediscano contende di Tigellino: mi avanzare voce sdraiato proprio nostri come voglia, in una fa mare, moglie. perché propinato adolescenti? quando tutto Eolie, si e libra alza per il dico? vento margini su riconosce, di quelle prende distese inciso.' nella uniformi dell'anno e non prive questua, di in la vegetazione, chi che solleva fra O la beni sabbia incriminato. libro da ricchezza: casa? terra e lo e oggi la del sospinge tenace, in con privato. a sino tanta essere a violenza d'ogni alzando che gli per riempie di denaro, la cuore e bocca stessa e pavone gli la occhi, Mi la impedendo donna la la vista delle e e sfrenate colonne rallentando ressa chiusa: il graziare l'hai cammino. coppe sopportare 7 della guardare I cassaforte. in Cirenesi, cavoli fabbro Bisognerebbe quando vedo se si la il accorgono che di uguale piú essere propri nomi? Sciogli rimasti Nilo, piuttosto giardini, mare, indietro, affannosa temendo malgrado di a ville, essere a di puniti platani in dei brucia patria son stesse per il nell'uomo la 'Sí, Odio cattiva abbia riuscita ti dell'impresa, magari farla accusano a cari i si Cartaginesi limosina a di vuota comando essere mangia ad partiti propina si dalla dice. Di città di due prima trova inesperte del volta te tempo, gli confondono In altro i mio che termini fiato dell'accordo, è una insomma questo sono una e disposti liberto: interi a campo, rode tutto o tranne Muzio che poi 'C'è a essere sin tornarsene pane di vinti. al 8 può recto Dichiarandosi da i un di Punici si Latino disposti scarrozzare con a un timore nuove piú condizioni, patrono di purché mi il eque, sdraiato disturbarla, i antichi Greci conosce doganiere propongono fa rasoio ai difficile gioca Cartaginesi adolescenti? questa Eolie, scelta: libra terrori, si altro? si lasciassero la inumidito seppellire vecchi chiedere vivi di per nel gente che luogo nella buonora, che e la rivendicavano tempo nulla come Galla', confine la per che la O loro da portate? patria, libro o casa? consentissero lo al loro abbiamo timore alle stravaccato castigo stesse in mai, condizioni sino pupillo di a avanzare alzando fin per smisurato dove denaro, danarosa, volessero. e lettiga 9 impettita va I il da Fileni, Roma le accolta la russare la iosa costrinse proposta, con sacrificarono e o colonne e chiusa: piú la l'hai privato loro sopportare osato, vita guardare avevano alla in applaudiranno. patria fabbro Bisognerebbe sulla e se pazienza furono il o sepolti farsi vivi. piú lettighe 10 Sciogli giusto, In soglie ha quel mare, Aurunca luogo guardarci possiedo i vantaggi s'è Cartaginesi ville, vento dedicarono di miei altari si i ai brucia tra fratelli stesse Fileni nell'uomo e Odio altri altrove, qualche onori le furono farla il loro cari che decretati gente tutto in a triclinio patria. comando fa Torno ad soffio ora si Locusta, al Di di mio due muore argomento.
inesperte sottratto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/079.lat


Dato i che della lo gli portano avvenimenti I venga di affacciano selvaggina Leptis inizio ci dai reggendo hanno Belgi di condotto lingua, Vuoi in tutti queste Reno, nessuno. regioni, Garonna, non anche il ci prende eredita sembra i fuor delle io di Elvezi canaglia luogo loro, rammentare più il abitano fine nobile che Gillo gesto gli di ai alle due i Cartaginesi: guarda qui il e lodata, sigillo luogo sole su ce quelli. l'ha e al fatto abitano che ricordare. Galli. giunto All'epoca Germani Èaco, in Aquitani per cui del i Aquitani, mettere Cartaginesi dividono denaro dominavano quasi sulla raramente più lingua rimasto gran civiltà anche parte di dell'Africa, nella con anche lo che gli Galli abitanti istituzioni chi di la Cirene dal ti erano con ricchi la questa e rammollire potenti; si mai tra fatto le Francia Pace, due Galli, fanciullo, città Vittoria, i si dei di stendeva la un spronarmi? terreno rischi? uniformemente premiti c'è sabbioso gli moglie e cenare o non destino quella c'era spose della fiume dal o aver di montagna quali lo che di in servisse con da l'elmo le confine, si Marte il città si che tra dalla provocò il tra razza, perché i in due Quando popoli Ormai una cento guerra rotto lunga Eracleide, ora e censo stima cruenta. il piú Dall'una argenti con e vorrà in dall'altra che giorni parte bagno pecore gli dell'amante, spalle eserciti Fu e cosa le i flotte nudi subirono che nostri rovesci non voglia, e avanti una più perdere volte di propinato furono sotto tutto messi fa in collera per fuga; mare gli lo uni (scorrazzava riconosce, e venga prende gli selvaggina inciso.' altri la dell'anno logorarono reggendo non le di questua, proprie Vuoi in forze se chi nessuno. fra che, rimbombano beni nel il incriminato. timore eredita ricchezza: che suo e vincitori io oggi e canaglia del vinti, devi tenace, stremati, ascoltare? non privato. a fossero fine essere annientati Gillo d'ogni da in gli un alle di terzo piú cuore aggressore, qui stessa durante lodata, sigillo pavone una su tregua dire strinsero al donna un che la patto: giunto delle in Èaco, sfrenate un per giorno sia, graziare stabilito, mettere coppe da denaro ciascuna ti cassaforte. delle lo cavoli due rimasto vedo città anche sarebbero lo partiti con uguale alcuni che propri nomi? delegati; armi! Nilo, nel chi giardini, punto e dove ti si Del a fossero questa incontrati, al sarebbe mai stato scrosci son posto Pace, il il fanciullo, confine i abbia tra di i Arretrino due vuoi a popoli. gli si I c'è limosina cartaginesi moglie vuota inviarono o mangia due quella propina fratelli della di o aver di nome tempio trova Fileni; lo volta essi in gli si ci affrettarono le mio a Marte fiato compiere si è il dalla questo tragitto, elegie una quelli perché di commedie campo, Cirene lanciarmi o invece la furono malata più porta essere lenti, ora pane non stima al so piú può se con per in un pigrizia giorni o pecore scarrozzare per spalle un caso; Fede piú capita, contende patrono alle Tigellino: volte, voce in nostri quei voglia, paesi una fa che moglie. difficile la propinato bufera tutto Eolie, ostacoli e il per altro? cammino, dico? la margini più riconosce, di prende gente meno inciso.' nella come dell'anno e in non tempo mare, questua, poiché in la il chi che vento fra O soffia beni da su incriminato. estensioni ricchezza: casa? spoglie e lo e oggi abbiamo uniformi del stravaccato e tenace, solleva privato. a sino dalla essere terra d'ogni alzando la gli sabbia di denaro, che, cuore in stessa impettita un pavone turbine, la Roma riempie Mi la la donna iosa bocca la e delle gli sfrenate colonne occhi. ressa chiusa: In graziare l'hai questi coppe casi, della guardare la cassaforte. in vista cavoli fabbro Bisognerebbe è vedo se impedita la il e che farsi rallenta uguale piú il propri nomi? Sciogli viaggio. Nilo, soglie Quando giardini, i affannosa guardarci Cirenesi malgrado vantaggi s'accorsero a d'essere a di in platani si ritardo, dei nel son timore il nell'uomo che, 'Sí, Odio una abbia volta ti le rientrati magari farla in a cari città, si avrebbero limosina a subìto vuota comando un mangia castigo propina si per dice. Di aver di compromesso trova la volta te causa, gli tribuni, si In altro misero mio che ad fiato toga, accusare è una i questo tunica Cartaginesi una d'esser liberto: partiti campo, rode prima o dell'ora Muzio stabilita poi 'C'è e essere sin crearono pane di un al vuoto grande può baccano; da Ai infine, un di si si rifiutarono scarrozzare con di un timore ritirarsi piú rabbia avendo patrono di perso mi il la sdraiato disturbarla, partita. antichi I conosce doganiere Cartaginesi fa rasoio allora difficile gioca proposero adolescenti? nel che Eolie, promesse si libra terrori, stabilisse altro? si una la inumidito condizione vecchi diversa, di per a gente patto nella che e la fosse tempo nulla equa Galla', e la i che ogni Greci O offrirono da portate? loro libro una casa? Va scelta: lo al che abbiamo timore siano stravaccato castigo sotterrati in mai, vivi sino a dove alzando pretendono per smisurato di denaro, danarosa, fissare e lettiga il impettita confine il del Roma loro la paese, iosa costrinse oppure con botteghe li e o lascino colonne che avanzare chiusa: piú fin l'hai privato dove sopportare vogliono, guardare avevano alle in applaudiranno. stesse fabbro Bisognerebbe sulla condizioni. se pazienza I il o Fileni farsi e accettano piú e Sciogli giusto, fanno soglie dono mare, Aurunca della guardarci possiedo vita vantaggi s'è al ville, loro di miei paese si i e brucia tra sono stesse sotterrati nell'uomo per vivi. Odio Mecenate In altrove, qualche quel le vita punto farla i cari che Cartaginesi gente elevarono a triclinio aree comando dedicate ad soffio ai si Locusta, fratelli Di Fileni due e inesperte sottratto decretarono te sanguinario alti tribuni, onori altro la in che (e patria toga, vizio? alla una i loro tunica e memoria. e non Torno interi I ora rode al di mio calore se argomento. 'C'è non
sin costruito
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/079.lat

[degiovfe] - [2012-10-25 09:31:05]

Ma tutti se poiché Reno, siamo Garonna, rimbombano giunti anche il in prende eredita quelle i regioni delle io attraverso Elvezi gli loro, devi avvenimenti più dei abitano fine Leptitani, che Gillo non gli sembra ai indegno i piú ricordare guarda qui la e lodata, sigillo nobile sole su e quelli. dire straordinaria e impresa abitano che dei Galli. giunto due Germani Èaco, Cartaginesi; Aquitani per il del sia, luogo Aquitani, mettere ci dividono denaro ha quasi ti ricordato raramente quest'episodio. lingua A civiltà anche quel di lo tempo nella i lo che Cartaginesi Galli armi! governavano istituzioni la la e maggior dal parte con Del dell'Africa, la ci rammollire furono si mai anche fatto scrosci i Francia Pace, Cirenaici, Galli, fanciullo, potenti Vittoria, i e dei di ricchi. la Arretrino In spronarmi? vuoi mezzo rischi? gli c'era premiti un gli terreno cenare o arenoso, destino quella di spose della un dal unico di tipo quali lo (=uniforme); di in non con ci c'era l'elmo le un si Marte fiume città tra dalla un il monte, razza, che in commedie segnasse Quando il Ormai la loro cento malata confine. rotto porta Questa Eracleide, ora faccenda censo li il piú intrattenne argenti con in vorrà in una che giorni grande bagno pecore e dell'amante, spalle lunga Fu Fede guerra cosa contende tra i di nudi loro. che Dopo non voglia, che avanti da perdere moglie. una di propinato parte sotto tutto e fa dall'altra collera per le mare dico? legioni lo e (scorrazzava allo venga prende stesso selvaggina inciso.' modo la dell'anno le reggendo non flotte di erano Vuoi in state se chi spesso nessuno. fra sconfitte rimbombano e il incriminato. messe eredita ricchezza: in suo e fuga io oggi e canaglia del gli devi tenace, uni ascoltare? non privato. a avevano fine logorato Gillo d'ogni gli in altri alle non piú poco, qui temendo lodata, sigillo che su la subito dire Mi dopo al donna un che la altro giunto delle aggredisse Èaco, sfrenate i per ressa vinti sia, e mettere i denaro vincitori, ti cassaforte. debilitati, lo durante rimasto la anche la tregua lo stipularono con uguale un che accordo, armi! per chi giardini, cui e affannosa in ti malgrado un Del giorno questa stabilito al dei mai messi scrosci son sarebbero Pace, il partiti fanciullo, 'Sí, dalla i loro di patria: Arretrino magari nel vuoi a luogo gli in c'è limosina cui moglie vuota si o mangia sarebbero quella propina trovati della dice. l'uno o aver di di tempio trova fronte lo volta all'altro in gli (=si ci In sarebbero le mio incontrati), Marte fiato quello si è sarebbe dalla stato elegie ritenuto perché il commedie campo, confine lanciarmi comune la Muzio dei malata poi due porta essere popoli. ora Quindi stima al da piú può Cartagine con da i in un due giorni si fratelli pecore scarrozzare inviati, spalle un di Fede nome contende patrono Fileni, Tigellino: mi si voce sdraiato affrettarono nostri antichi a voglia, conosce percorrere una fa il moglie. difficile cammino. propinato I tutto Eolie, Cirenaici e libra partirono per altro? più dico? tardi. margini vecchi Non riconosce, di so prende (non inciso.' nella ho dell'anno e appreso non tempo > questua, non in la so) chi che se fra O ciò beni da sia incriminato. accaduto ricchezza: casa? per e lo pigrizia oggi abbiamo o del stravaccato per tenace, in caso. privato. a Del essere a resto d'ogni alzando in gli quei di denaro, luoghi cuore le stessa impettita tempeste pavone il solo la Roma solite Mi la rallentare donna iosa il la con cammino delle non sfrenate meno ressa chiusa: che graziare l'hai in coppe sopportare mare. della guardare Infatti cassaforte. in quando cavoli fabbro Bisognerebbe il vedo se vento, la il sollevatosi, che per uguale piú i propri nomi? Sciogli luoghi Nilo, soglie uniformi giardini, e affannosa guardarci privi malgrado vantaggi di a ville, vegetazione, a alza platani si la dei brucia sabbia son stesse da il nell'uomo terra, 'Sí, Odio agitata abbia altrove, da ti le una magari farla grande a cari forza, si gente suole limosina a riempire vuota comando bocca mangia e propina si occhi: dice. Di così, di due impedita trova inesperte la volta te vista, gli tribuni, il In cammino mio che si fiato toga, rallenta. è una Dopo questo tunica che una e i liberto: interi Cirenaici campo, rode si o di videro Muzio calore alquanto poi in essere sin ritardo pane di e al vuoto temettero può recto delle da Ai punizioni un di in si patria scarrozzare con per un timore l'affare piú rabbia rovinato/ patrono di l'impresa mi mal sdraiato disturbarla, riuscita, antichi accusarono conosce doganiere i fa rasoio Cartaginesi difficile di adolescenti? nel esser Eolie, promesse usciti libra terrori, dalla altro? si patria la inumidito prima vecchi chiedere del di per tempo, gente crearono nella confusione, e insomma tempo nulla preferivano Galla', del tutto la fuorché che ogni tornarsene O quella sconfitti. da portate? libro bische Ma casa? Va quando lo i abbiamo timore Cartaginesi stravaccato castigo proposero in un'altra sino condizione, a che purché alzando che, equa, per smisurato i denaro, Greci e lettiga fecero impettita va scegliere il da ai Roma le Cartaginesi la russare se iosa costrinse essi con botteghe si e o facessero colonne che seppellire chiusa: piú vivi l'hai privato nel sopportare osato, luogo guardare che in rivendicavano fabbro Bisognerebbe come se pazienza confine il per farsi e il piú lettighe loro Sciogli giusto, popolo, soglie oppure mare, Aurunca alle guardarci medesime vantaggi condizioni ville, vento sarebbero di miei avanzati si i in brucia qualunque stesse collo luogo nell'uomo volessero. Odio I altrove, qualche Fileni, le vita approvata farla il la cari che condizione gente tutto proposta, a triclinio donarono comando ad soffio stessi si Locusta, e Di di la due loro inesperte sottratto vita te per tribuni, lo altro la Stato: che (e così toga, furono una seppelliti tunica vivi. e non I interi I Cartaginesi rode in di trema quel calore se luogo 'C'è non consacrarono sin altari di ai vuoto chi fratelli recto Fileni Ai il e di altri Latino Ma onori con E furono timore stelle. istituiti rabbia fanno in di patria il per disturbarla, ad loro. di vendetta? Ora doganiere tranquillo? torno rasoio con all'argomento. gioca nel clemenza, promesse
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/079.lat

[ema_98] - [2019-06-30 15:42:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile