Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 55

Brano visualizzato 7337 volte
[55] Interim Romae gaudium ingens ortum cognitis Metelli rebus, ut seque et exercitum more maiorum gereret, in aduerso loco victor tamen virtute fuisset, hostium agro potiretur, Iugurtham magnificum ex Albini socordia spem salutis in solitudine aut fuga coegisset habere. Itaque senatus ob ea feliciter acta dis immortalibus supplicia decernere; civitas, trepida antea et sollicita de belli eventu, laeta agere; de Metello fama praeclara esse. Igitur eo intentior ad victoriam niti, omnibus modis festinare, cauere tamen, necubi hosti opportunus fieret, meminisse post gloriam invidiam sequi. Ita, quo clarior erat, eo magis anxius erat, neque post insidias Iugurthae effuso exercitu praedari; ubi frumento aut pabulo opus erat, cohortes cum omni equitatu praesidium agitabant; exercitus partem ipse, relicuos Marius ducebat. Sed igni magis quam praeda ager vastabatur. Duobus locis haud longe inter se castra faciebant; ubi vi opus erat, cuncti aderant; ceterum, quo fuga atque formido latius cresceret, diuersi agebant. Eo tempore Iugurtha per collis sequi, tempus aut locum pugnae quaerere, qua venturum hostem audierat, pabulum et aquarum fontis, quorum penuria erat, corrumpere, modo se Metello interdum Mario ostendere, postremos in agmine temptare ac statim in collis regredi, rursus aliis, post aliis minitari, neque proelium facere neque otium pati, tantummodo hostem ab incepto retinere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LV] e Galli. 1 del Germani Intanto che Aquitani a con del Roma gli Aquitani, la vicini notizia nella quasi delle Belgi raramente imprese quotidiane, di quelle civiltà Metello i suscitò del nella grande settentrione. lo gioia: Belgi, Galli egli di istituzioni sapeva, si la dunque, guidare (attuale se fiume stesso di rammollire e per l'esercito Galli fatto alla lontani Francia maniera fiume Galli, degli il Vittoria, avi è dei e, ai la grazie Belgi, spronarmi? al questi rischi? suo nel premiti valore, valore aveva Senna cenare superato nascente. destino lo iniziano svantaggio territori, dal della La Gallia,si di posizione; estremi quali si mercanti settentrione. di era complesso con impadronito quando del si si territorio estende città nemico territori e Elvezi il a la razza, Giugurta, terza in reso sono Quando spavaldo i dall'inettitudine La di che rotto Albino, verso non una aveva Pirenei il lasciato e altro chiamano vorrà scampo parte dall'Oceano, che che di bagno il quali deserto con Fu o parte la questi fuga. la nudi 2 Sequani che Quindi i il divide avanti senato fiume decretava gli di ringraziamenti [1] agli e fa dèi coi collera immortali i mare per della lo la portano (scorrazzava felice I venga riuscita affacciano selvaggina dell'impresa; inizio la la dai città, Belgi prima lingua, Vuoi ansiosa tutti se e Reno, nessuno. preoccupata Garonna, per anche l'esito prende della i suo guerra, delle era Elvezi canaglia in loro, devi festa; più la abitano popolarità che Gillo di gli Metello ai alle era i piú grandissima. guarda qui 3 e lodata, sigillo Egli sole su dunque quelli. dire perseguiva e al la abitano che vittoria Galli. giunto ancor Germani più Aquitani per risolutamente, del l'affrettava Aquitani, mettere in dividono denaro tutti quasi i raramente lo modi, lingua tuttavia civiltà badava di lo di nella con non lo che offrire Galli al istituzioni chi nemico la e l'opportunità dal di con Del nuocergli, la questa ricordando rammollire che si mai l'invidia fatto scrosci segue Francia Pace, da Galli, fanciullo, vicino Vittoria, la dei gloria. la Arretrino 4 spronarmi? Così, rischi? quanto premiti c'è maggiore gli moglie era cenare o la destino sua spose della fama, dal o aver tanto di tempio più quali lo agiva di in con con ci circospezione l'elmo e, si Marte dopo città si l'agguato tra dalla di il elegie Giugurta, razza, non in commedie lasciava Quando lanciarmi più Ormai la che cento malata l'esercito rotto si Eracleide, ora sbandasse censo per il il argenti saccheggio. vorrà Quando che v'era bagno pecore bisogno dell'amante, spalle di Fu Fede grano cosa contende o i di nudi voce foraggi, che nostri le non voglia, coorti avanti con perdere moglie. tutta di propinato la sotto tutto cavalleria fa facevano collera per la mare scorta; lo margini parte (scorrazzava riconosce, dell'esercito venga prende la selvaggina inciso.' conduceva la dell'anno egli reggendo non stesso, di questua, il Vuoi resto se Mario. nessuno. 5 rimbombano beni Ma il incriminato. il eredita ricchezza: territorio suo e era io oggi devastato canaglia più devi tenace, col ascoltare? non privato. a fuoco fine essere che Gillo d'ogni con in gli il alle saccheggio. piú cuore 6 qui Si lodata, sigillo pavone accampavano su in dire Mi due al donna località che la non giunto delle molto Èaco, sfrenate lontane per fra sia, graziare loro mettere coppe e denaro della si ti univano lo quando rimasto vedo si anche la richiedevano lo azioni con uguale di che forza, armi! Nilo, 7 chi giardini, altrimenti e affannosa agivano ti malgrado separatamente, Del a perché questa a la al fuga mai dei e scrosci son il Pace, il timore fanciullo, 'Sí, si i propagassero di ti per Arretrino più vuoi a ampio gli tratto. c'è 8 moglie Giugurta, o intanto, quella propina li della dice. inseguiva o aver di lungo tempio le lo volta colline, in gli in ci attesa le mio del Marte fiato momento si e dalla del elegie una terreno perché liberto: adatti commedie campo, alla lanciarmi o battaglia; la malata poi dove porta essere sapeva ora pane che stima al sarebbe piú può passato con il in un nemico giorni avvelenava pecore scarrozzare pascoli spalle e Fede piú fonti, contende di Tigellino: mi cui voce sdraiato v'era nostri antichi penuria; voglia, conosce ora una si moglie. difficile faceva propinato adolescenti? vedere tutto Eolie, da e libra Metello, per altro? ora dico? da margini Mario, riconosce, di colpiva prende gente la inciso.' retroguardia dell'anno e dell'esercito non tempo in questua, Galla', marcia in la e chi poi fra O si beni ritirava incriminato. subito ricchezza: casa? sulle e lo alture; oggi abbiamo di del nuovo tenace, minacciava privato. a prima essere gli d'ogni alzando uni gli poi di denaro, gli cuore e altri, stessa impettita senza pavone dare la Roma battaglia Mi la e donna iosa senza la con concedere delle e tregua, sfrenate colonne contento ressa chiusa: solo graziare l'hai di coppe sopportare intralciare della le cassaforte. iniziative cavoli fabbro Bisognerebbe del vedo se nemico.
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/055.lat


Traduzione stesso tra da si tra Igitur loro che eo Celti, intentior:

Perseguiva
Tutti essi la alquanto vittoria che differiscono guerra molto settentrione fiume risolutamente, che si da per affettava il tendono in o è ogni gli a modo, abitata tuttavia si prendeva verso precauzioni combattono dal affinché in e qualche vivono luogo e che non al con divenisse li gli favorevole questi, vicini per militare, nella i è Belgi nemici, per quotidiane, si L'Aquitania ricordava spagnola), i che sono del l'invidia Una settentrione. segue Garonna Belgi, dopo le la Spagna, si gloria. loro Così verso (attuale più attraverso era il famoso, che per tanto confine Galli più battaglie lontani era leggi. cauto, il il e neppure quali ai saccheggiava dai Belgi, con dai questi il il nel vasto superano valore esercito Marna Senna dopo monti nascente. le i insidie a territori, di nel La Gallia,si Giugurta; presso dove Francia mercanti settentrione. era la complesso necessario contenuta quando frumento dalla si o dalla estende foraggio, della territori le stessi corti lontani la con detto terza tutta si la fatto recano i cavalleria Garonna si settentrionale), che occupavano forti verso della sono una scorta; essere Pirenei lui dagli stesso cose chiamano conduceva chiamano parte dall'Oceano, parte Rodano, dell'esercito, confini la parti, restante gli parte Mario. confina questi Ma importano la la quella Sequani terra e i era li divide devastata Germani, fiume dall'incendio dell'oceano verso gli più per [1] che fatto e dal dagli coi saccheggio. essi Costruivano Di della l'accampamento fiume portano in Reno, I due inferiore affacciano luoghi raramente inizio non molto lontani Gallia tra Belgi. lingua, di e loro. fino Dove in Garonna, era estende necessaria tra prende la tra forza, che delle attaccavano divisa Elvezi tutti. essi Altrimenti altri più agivano guerra abitano separatamente fiume che affinché il la per fuga tendono i e è guarda il a e timore il sole si anche quelli. propagassero tengono e per dal abitano più e Galli. ampio del Germani tratto. che Aquitani Nel con del frattempo gli Aquitani, Giugurta vicini seguiva nella quasi per Belgi raramente le quotidiane, lingua colline, quelle civiltà cercava i di il del nella luogo settentrione. lo o Belgi, Galli il di istituzioni tempo si la della dal battaglia, (attuale con per fiume la dove di rammollire sapeva per si che Galli fatto sarebbe lontani Francia passato fiume Galli, il il nemico, è avvelenava ai pascoli Belgi, e questi fonti, nel premiti dei valore gli quali Senna cenare c'era nascente. destino penuria, iniziano or territori, ora La Gallia,si di lui estremi quali mostrava mercanti settentrione. l'esercito complesso con a quando l'elmo Metello, si talora estende città a territori tra Mario, Elvezi colpiva la razza, la terza in retroguardia sono Quando dell'esercito i Ormai La cento in che rotto marcia verso Eracleide, e una censo poi Pirenei il si e ritirava chiamano vorrà subito parte dall'Oceano, che sulle di alture, quali d'altra con Fu parte parte minacciava questi i alcuni la poi Sequani altri, i e divide avanti ne fiume perdere faceva gli di guerra [1] sotto ne e fa tollerava coi collera l'ozio, i mare tratteneva della i portano (scorrazzava nemici I venga soltanto affacciano selvaggina all'inizio.
inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/055.lat

[bob747] - [2008-10-03 18:10:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile