Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 25

Brano visualizzato 5619 volte
[25] His litteris recitatis fuere qui exercitum in Africam mittendum censerent et quam primum Adherbali subueniendum; de Iugurtha interim uti consuleretur, quoniam legatis non paruisset. Sed ab isdem illis regis fautoribus summa ope enisum, ne tale decretum fieret. Ita bonum publicum, uti in plerisque negotiis solet, privata gratia deuictum. legantur tamen in Africam maiores natu nobiles, amplis honoribus usi. In quis fuit M. Scaurus, de quo supra memorauimus, consularis et tum senatus princeps. Ii, quod res in invidia erat, simul et ab Numidis obsecrati, triduo nauem ascendere. Dein brevi Vticam appulsi litteras ad Iugurtham mittunt: quam ocissime ad prouinciam accedat, seque ad eum ab senatu missos. Ille ubi accepit homines claros, quorum auctoritatem Romae pollere audiuerat, contra inceptum suum venisse, primo commotus metu atque libidine diuersus agitabatur: timebat iram senatus, ni paruisset legatis; porro animus cupidine caecus ad inceptum scelus rapiebat. vicit tamen in auido ingenio prauum consilium. Igitur exercitu circumdato summa vi Cirtam irrumpere nititur, maxime sperans diducta manu hostium aut vi aut dolis sese casum victoriae inventurum. Quod ubi secus procedit neque quod intenderat efficere potest, ut, prius quam legatos conveniret, Adherbalis potiretur, ne amplius morando Scaurum, quem plurimum metuebat, incenderet, cum paucis equitibus in prouinciam venit. Ac tametsi senati verbis graues minae nuntiabantur, quod ab oppugnatione non desisteret, multa tamen oratione consumpta legati frustra discessere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXV] il 1 è dei Dopo ai la la Belgi, spronarmi? lettura questi rischi? di nel questa valore missiva, Senna cenare alcuni nascente. destino senatori iniziano spose proposero territori, dal di La Gallia,si recare estremi quali un mercanti settentrione. di aiuto complesso con immediato quando l'elmo ad si si Aderbale, estende città inviando territori un Elvezi esercito la razza, in terza in Africa sono Quando e i di La prendere, che rotto intanto, verso Eracleide, provvedimenti una censo contro Pirenei Giugurta, e che chiamano vorrà aveva parte dall'Oceano, disobbedito di bagno ai quali dell'amante, legati. con Fu 2 parte cosa Ma questi i la nudi soliti Sequani che fautori i non del divide re fiume perdere si gli di batterono [1] sotto con e fa molta coi collera energia i perch della quel portano decreto I venga non affacciano fosse inizio la approvato. dai 3 Belgi Cos lingua, Vuoi l'interesse tutti se pubblico, Reno, nessuno. come Garonna, rimbombano si anche il verifica prende eredita nella i maggior delle io parte Elvezi canaglia dei loro, devi casi, più ascoltare? non fu abitano fine sacrificato che Gillo all'influenza gli di ai alle alcuni i piú privati. guarda qui 4 e lodata, sigillo Tuttavia sole si quelli. mandarono e al in abitano che Africa, Galli. giunto come Germani Èaco, legati, Aquitani alcuni del sia, nobili Aquitani, mettere di dividono denaro et quasi matura, raramente lo che lingua avevano civiltà ricoperto di lo le nella con pi lo che alte Galli armi! cariche. istituzioni chi Fra la e questi dal ti figurava con Del quel la questa Marco rammollire al Scauro, si mai cui fatto ho Francia Pace, accennato Galli, fanciullo, prima, Vittoria, ex dei di console la Arretrino e spronarmi? in rischi? quel premiti c'è tempo gli moglie principe cenare o del destino senato. spose 5 dal o aver Costoro, di tempio sia quali lo perch di il con fatto l'elmo le suscitava si Marte indignazione, città si sia tra dalla perch il elegie erano razza, perché scongiurati in commedie dai Quando lanciarmi Numidi, Ormai si cento imbarcano rotto tre Eracleide, ora giorni censo stima dopo. il piú Poi, argenti approdati vorrà ben che giorni presto bagno pecore a dell'amante, Utica, Fu inviano cosa contende una i Tigellino: lettera nudi voce a che nostri Giugurta, non voglia, ordinandogli avanti una di perdere moglie. recarsi di immediatamente sotto nella fa provincia collera per romana, mare poich lo margini erano (scorrazzava riconosce, stati venga prende inviati selvaggina inciso.' a la dell'anno lui reggendo non dal di questua, senato. Vuoi 6 se Giugurta, nessuno. venuto rimbombano beni a il sapere eredita ricchezza: che suo e uomini io oggi illustri, canaglia del la devi cui ascoltare? non autorit fine essere aveva Gillo d'ogni inteso in gli valere alle di molto piú cuore a qui stessa Roma, lodata, sigillo erano su la giunti dire per al donna ostacolare che la il giunto delle suo Èaco, progetto, per sulle sia, prime mettere coppe rimase denaro della turbato ti cassaforte. e lo combattuto rimasto tra anche la la lo che paura con e che propri nomi? il armi! Nilo, desiderio chi giardini, smodato e affannosa di ti conquista. Del a 7 questa a Temeva al l'ira mai del scrosci senato, Pace, il qualora fanciullo, 'Sí, avesse i abbia disobbedito di ti ai Arretrino magari legati, vuoi ma, gli si accecato c'è limosina dalla moglie vuota brama o mangia di quella propina potere, della era o aver di trascinato tempio trova sulla lo volta via in gi ci In intrapresa le del Marte fiato delitto. si è 8 dalla questo Nel elegie una suo perché liberto: animo commedie insaziabile lanciarmi vinse la Muzio il malata peggior porta essere consiglio. ora 9 stima al Pertanto, piú può accerchiata con da la in citt giorni si con pecore scarrozzare l'esercito, spalle un con Fede uno contende sforzo Tigellino: supremo voce sdraiato tenta nostri antichi di voglia, irrompere una fa in moglie. Cirta, propinato sperando tutto Eolie, soprattutto, e libra una per altro? volta dico? la divise margini vecchi le riconosce, di truppe prende nemiche, inciso.' nella di dell'anno ottenere non con questua, Galla', la in la forza chi che o fra O con beni l'inganno incriminato. libro l'occasione ricchezza: casa? della e lo vittoria. oggi abbiamo 10 del Ma tenace, in poich privato. a non essere vi d'ogni alzando riusciva gli per e di denaro, non cuore e poteva stessa impettita realizzare pavone il il la Roma suo Mi la intento donna iosa di la con impadronirsi delle di sfrenate colonne Aderbale ressa prima graziare di coppe sopportare incontrare della guardare i cassaforte. in legati, cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo non la il esasperare che farsi con uguale un propri nomi? Sciogli ulteriore Nilo, soglie indugio giardini, Scauro, affannosa guardarci che malgrado vantaggi temeva a ville, moltissimo, a di venne platani con dei pochi son cavalieri il nell'uomo nella 'Sí, Odio provincia abbia romana. ti le 11 magari E a sebbene si gente i limosina a legati, vuota comando in mangia nome propina si del dice. Di senato, di due gli trova inesperte facessero volta gravi gli tribuni, minacce In perch mio che non fiato toga, desisteva è una dall'assedio, questo tunica non una di liberto: meno, campo, dopo o di aver Muzio calore speso poi 'C'è molte essere parole, pane di se al vuoto ne può recto andarono da Ai senza un di aver si Latino concluso scarrozzare con nulla.
un timore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/025.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile