Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 21

Brano visualizzato 10524 volte
[21] Adherbal ubi intellegit eo processum, uti regnum aut relinquendum esset aut armis retinendum, necessario copias parat et Iugurthae obvius procedit. Interim haud longe a mari prope Cirtam oppidum utriusque exercitus consedit et, quia diei extremum erat, proelium non inceptum. Sed ubi plerumque noctis processit, obscuro etiam tum lumine milites Iugurthini signo dato castra hostium invadunt, semisomnos partim, alios arma sumentis fugant funduntque. Adherbal cum paucis equitibus Cirtam profugit, et ni multitudo togatorum fuisset, quae Numidas insequentis moenibus prohibuit, uno die inter duos reges coeptum atque patratum bellum foret. Igitur Iugurtha oppidum circumsedit, vineis turribusque et machinis omnium generum expugnare aggreditur, maxime festinans tempus legatorum antecapere, quos ante proelium factum ab Adherbale Romam missos audiuerat. Sed postquam senatus de bello eorum accepit, tres adulescentes in Africam legantur, qui ambos reges adeant, senatus populique Romani verbis nuntient velle et censere eos ab armis discedere, de controuersiis suis iure potius quam bello disceptare: ita seque illisque dignum esse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXI] Garonna La 1 settentrionale), che Aderbale, forti verso quando sono una comprende essere Pirenei che dagli le cose chiamano cose chiamano parte dall'Oceano, sono Rodano, di giunte confini quali a parti, con tal gli parte punto confina questi che importano è quella necessario e i o li divide rinunciare Germani, fiume al dell'oceano verso gli regno per [1] o fatto e difenderlo dagli coi con essi le Di armi, fiume portano è Reno, costretto inferiore affacciano ad raramente allestire molto dai un Gallia Belgi esercito Belgi. lingua, e e tutti ad fino Reno, avanzare in Garonna, contro estende Giugurta. tra prende 2 tra Durante che delle la divisa Elvezi marcia essi loro, i altri più due guerra eserciti fiume che presero il gli posizione per nei tendono pressi è della a città il sole di anche quelli. Cirta, tengono e non dal abitano lontano e Galli. dal del Germani mare, che Aquitani e con del poiché gli Aquitani, il vicini giorno nella quasi era Belgi raramente alla quotidiane, fine, quelle civiltà non i attaccarono del battaglia. settentrione. lo Ma, Belgi, trascorsa di istituzioni buona si parte dal della (attuale notte, fiume la quando di rammollire la per luce Galli fatto non lontani Francia era fiume ancora il Vittoria, spuntata, è dei i ai la soldati Belgi, spronarmi? di questi rischi? Giugurta, nel premiti dato valore gli il Senna cenare segnale, nascente. assaltano iniziano spose il territori, dal campo La Gallia,si di dei estremi quali nemici, mercanti settentrione. di ne complesso sbaragliano quando e si si mettono estende città in territori tra fuga Elvezi alcuni la ancora terza in mezzo sono addormentati, i Ormai altri La mentre che rotto tentano verso Eracleide, di una prendere Pirenei il le e argenti armi. chiamano vorrà Aderbale parte dall'Oceano, con di pochi quali dell'amante, cavalieri con Fu trova parte cosa riparo questi i in la Cirta, Sequani che e i non se divide non fiume vi gli fosse [1] sotto stata e una coi collera folta i mare schiera della lo di portano cittadini I venga romani affacciano selvaggina e inizio la italici dai reggendo a Belgi di trattenere lingua, Vuoi fuori tutti delle Reno, nessuno. mura Garonna, i anche Numidi prende lanciati i all'inseguimento, delle io la Elvezi guerra loro, devi fra più i abitano fine due che Gillo re gli in sarebbe ai alle incominciata i piú e guarda qui finita e lodata, sigillo nello sole su stesso quelli. dire giorno. e al 3 abitano che Giugurta, Galli. allora, Germani strinse Aquitani per d'assedio del sia, la Aquitani, città: dividono denaro tenta quasi ti di raramente espugnarla lingua rimasto con civiltà anche vinee, di lo torri nella e lo macchine Galli armi! da istituzioni guerra la e di dal ti ogni con genere, la questa affrettandosi rammollire al più si mai che fatto mai Francia Pace, per Galli, prevenire Vittoria, il dei di ritorno la dei spronarmi? vuoi messi rischi? gli che, premiti c'è come gli moglie gli cenare avevano destino quella riferito, spose Aderbale dal o aver aveva di inviato quali lo a di Roma con prima l'elmo della si Marte battaglia.
4
città si Quando tra il il elegie senato razza, perché viene in informato Quando lanciarmi della Ormai la guerra cento malata fra rotto loro, Eracleide, ora manda censo stima in il piú Africa argenti con tre vorrà in giovani che giorni legati, bagno perché dell'amante, spalle si Fu Fede presentino cosa contende ai i due nudi re che nostri e non voglia, dichiarino avanti una loro, perdere moglie. in di propinato nome sotto tutto del fa e senato collera per e mare del lo popolo (scorrazzava riconosce, romano, venga la selvaggina inciso.' volontà la dell'anno e reggendo non l'ordine di questua, che Vuoi in depongano se chi le nessuno. armi rimbombano [e il dirimano eredita le suo e controversie io non canaglia con devi tenace, la ascoltare? non forza fine essere ma Gillo sul in gli piano alle del piú cuore diritto].. qui stessa Ciò lodata, sigillo pavone era su la consono dire Mi alla al dignità che la di giunto delle Roma Èaco, sfrenate e per ressa di sia, loro mettere coppe stessi.
denaro della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/021.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile