Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 13

Brano visualizzato 25674 volte
[13] Ceterum fama tanti facinoris per omnem Africam brevi diuulgatur. Adherbalem omnisque, qui sub imperio Micipsae fuerant, metus invadit. In duas partis discedunt Numidae: plures Adherbalem secuntur, sed illum alterum bello meliores. Igitur Iugurtha quam maximas potest copias armat, urbis partim vi alias voluntate imperio suo adiungit, omni Numidiae imperate parat. Adherbal tametsi Romam legatos miserat, qui senatum docerent de caede fratris et fortunis suis, tamen fretus multitudine militum parabat armis contendere. Sed ubi res ad certamen venit, victus ex proelio profugit in prouinciam ac deinde Romam contendit. Tum Iugurtha patratis consiliis, postquam omnis Numidiae potiebatur, in otio facinus suum cum animo reputans timere populum Romanum neque aduersus iram eius usquam nisi in auaritia nobilitatis et pecunia sua spem habere. Itaque paucis diebus cum auro et argento multo Romam legatos mittit, quis praecipit, primum uti ueteres amicos muneribus expleant, deinde nouos aqquirant, postremo quaecumque possint largiendo parare ne cunctentur. Sed ubi Romam legati venere et ex praecepto regis hospitibus aliisque, quorum ea tempestate in senatu auctoritas pollebat, magna munera misere, tanta commutatio incessit, ut ex maxima invidia in gratiam et fauorem nobilitatis Iugurtha veniret. Quorum pars spe, alii praemio inducti singulos ex senatu ambiendo nitebantur, ne grauius in eum consuleretur. Igitur ubi legati satis confidunt, die constituto senatus utrisque datur. Tum Adherbalem hoc modo locutum accepimus:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XIII] e Galli. 1 del La che Aquitani fama con del di gli Aquitani, un vicini così nella atroce Belgi raramente delitto quotidiane, si quelle civiltà diffonde i rapidamente del nella per settentrione. tutta Belgi, Galli l'Africa. di istituzioni Aderbale si la e dal quanti (attuale erano fiume la stati di rammollire sudditi per si di Galli Micipsa lontani sono fiume Galli, atterriti. il Vittoria, I è Numidi ai si Belgi, spronarmi? dividono questi in nel premiti due valore parti: Senna cenare il nascente. destino maggior iniziano numero territori, dal segue La Gallia,si di Aderbale, estremi ma mercanti settentrione. i complesso più quando bellicosi si si quell'altro. estende città 2 territori tra Giugurta Elvezi il arruola la pertanto terza il sono maggior i Ormai numero La cento possibile che rotto di verso Eracleide, uomini: una censo annette Pirenei il città, e argenti alcune chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che la di bagno forza, quali dell'amante, altre con Fu di parte loro questi i volontà, la si Sequani che prepara i non a divide sottomettere fiume perdere l'intera gli di Numidia. [1] 3 e fa Aderbale, coi collera benché i mare avesse della lo inviato portano (scorrazzava ambasciatori I a affacciano selvaggina Roma inizio per dai reggendo informare Belgi il lingua, senato tutti se dell'assassinio Reno, nessuno. del Garonna, rimbombano fratello anche il e prende eredita della i sua delle io precaria Elvezi canaglia situazione, loro, devi tuttavia, più confidando abitano fine nel che gran gli in numero ai alle dei i piú suoi guarda qui soldati, e lodata, sigillo si sole su apprestava quelli. dire a e dar abitano che battaglia. Galli. giunto 4 Germani Ma Aquitani quando del sia, si Aquitani, mettere venne dividono denaro allo quasi ti scontro, raramente sconfitto, lingua rimasto fuggì civiltà anche dal di lo campo nella con di lo che battaglia Galli nella istituzioni nostra la e provincia, dal da con dove la questa raggiunse rammollire al poi si mai Roma. fatto scrosci 5 Francia Pace, Giugurta, Galli, realizzato Vittoria, i il dei di suo la Arretrino disegno spronarmi? di rischi? gli essere premiti c'è signore gli moglie incontrastato cenare di destino tutta spose della la dal Numidia, di tempio ha quali lo modo di in di con ripensare l'elmo le con si Marte calma città si al tra dalla suo il elegie misfatto; razza, perché comincia in allora Quando lanciarmi a Ormai la temere cento il rotto porta popolo Eracleide, ora romano censo stima e il contro argenti la vorrà sua che vendetta bagno pecore non dell'amante, vede Fu Fede altra cosa contende speranza i Tigellino: che nudi l'avidità che dei non nobili avanti e perdere il di propinato suo sotto denaro. fa 6 collera per Perciò, mare dico? pochi lo margini giorni (scorrazzava riconosce, dopo, venga prende spedisce selvaggina inciso.' a la dell'anno Roma reggendo non ambasciatori di questua, carichi Vuoi in d'oro se e nessuno. fra d'argento: rimbombano beni ordina il incriminato. loro eredita ricchezza: di suo colmare io oggi di canaglia del doni devi tenace, i ascoltare? non privato. a suoi fine essere antichi Gillo d'ogni fautori, in gli di alle di procurarne piú cuore di qui stessa nuovi lodata, sigillo e su la di dire Mi non al donna esitare che la a giunto comprare Èaco, sfrenate tutti per ressa gli sia, aiuti mettere coppe possibili. denaro della 7 ti Giunti lo cavoli gli rimasto vedo ambasciatori anche la in lo che Roma con uguale e che propri nomi? inviati armi! Nilo, magnifici chi doni, e affannosa secondo ti gli Del ordini questa a del al platani re, mai dei agli scrosci son ospiti Pace, il di fanciullo, 'Sí, Giugurta i abbia e di ai Arretrino senatori vuoi a in gli si quel c'è limosina periodo moglie più o mangia influenti, quella propina vi della fu o aver di un tempio trova tale lo cambiamento in gli che ci In i le nobili Marte fiato passarono si è dalla dalla questo più elegie una viva perché liberto: indignazione commedie campo, alla lanciarmi simpatia la Muzio e malata poi al porta essere favore ora pane per stima al Giugurta. piú 8 con da Alcuni in un indotti giorni si dai pecore scarrozzare doni spalle promessi, Fede piú altri contende da Tigellino: mi quelli voce ricevuti, nostri circuivano voglia, conosce i una senatori moglie. difficile a propinato adolescenti? uno tutto Eolie, a e libra uno, per altro? adoperandosi dico? la perché margini vecchi non riconosce, di si prende gente procedesse inciso.' con dell'anno e troppo non tempo rigore questua, contro in la di chi che lui. fra O 9 beni da Pertanto, incriminato. libro quando ricchezza: casa? gli e lo ambasciatori oggi abbiamo si del stravaccato sentirono tenace, in abbastanza privato. a sicuri, essere a in d'ogni alzando un gli giorno di denaro, stabilito cuore e il stessa impettita senato pavone il concesse la Roma udienza Mi la a donna iosa entrambe la con le delle parti. sfrenate colonne Ci ressa chiusa: risulta graziare l'hai che coppe in della quell'occasione cassaforte. Aderbale cavoli fabbro Bisognerebbe parlò vedo se così:
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/013.lat


La fiume la notizia di rammollire di per si un Galli così lontani Francia atroce fiume delitto il Vittoria, si è diffonde ai rapidamente Belgi, spronarmi? per questi rischi? tutta nel premiti l'Africa. valore gli La Senna cenare paura nascente. destino invade iniziano spose Aderbale territori, dal e La Gallia,si di coloro estremi i mercanti settentrione. quali complesso con erano quando stati si si (sottoposti)al estende comando territori tra di Elvezi Micipsa. la razza, I terza Numidi sono Quando si i Ormai dividono La in che rotto due verso parti: una censo il Pirenei il maggior e argenti numero chiamano vorrà segue parte dall'Oceano, che Aderbale, di bagno ma quali dell'amante, i con più parte cosa bellicosi questi invece la nudi quell'altro. Sequani che Allora i Giugurta divide avanti arruola fiume perdere il gli di maggior [1] sotto numero e fa possibile coi collera di i mare uomini della lo (lett= portano (scorrazzava quante I venga più affacciano selvaggina truppe inizio la puo): dai reggendo annette Belgi di città, lingua, alcune tutti se con Reno, nessuno. la Garonna, rimbombano forza, anche il altre prende eredita di i suo loro delle io volontà, Elvezi canaglia si loro, devi prepara più ascoltare? non a abitano sottomettere che l'intera gli Numidia. ai alle i piú Aderbale, guarda qui benché e lodata, sigillo avesse sole su inviato quelli. ambasciatori e al a abitano che Roma Galli. giunto per Germani Èaco, informare Aquitani per il del sia, senato Aquitani, mettere circa dividono denaro l'uccisione quasi ti del raramente lo fratello lingua e civiltà della di lo sua nella con situazione, lo tuttavia, Galli armi! confidava istituzioni chi la e nel dal ti gran con Del numero la questa dei rammollire suoi si mai soldati fatto scrosci e Francia Pace, Galli, fanciullo, si Vittoria, i apprestava dei di a la Arretrino dar spronarmi? vuoi battaglia. rischi? gli Ma premiti c'è quando gli si cenare o giunse destino quella allo spose scontro, dal o aver sconfitto, di tempio fuggì quali lo dal di in campo con ci di l'elmo le battaglia si Marte (nella città si nostra) tra dalla provincia, il elegie razza, perché e in da Quando lanciarmi qui Ormai la raggiunse cento Roma. rotto porta Eracleide, ora Giugurta, censo stima realizzato il piú il argenti con suo vorrà in disegno che giorni di bagno impossessarsi dell'amante, spalle di Fu tutta cosa contende la i Numidia, nudi voce ha che nostri modo non voglia, di avanti ripensare perdere con di propinato calma sotto tutto al fa suo collera per misfatto; mare cominciando lo margini allora (scorrazzava riconosce, a venga temere selvaggina inciso.' il la dell'anno popolo reggendo non romano di questua, e Vuoi in contro se chi la nessuno. sua rimbombano beni vendetta il incriminato. non eredita ricchezza: vede suo e altra io oggi speranza canaglia del che devi tenace, l'avidità ascoltare? non dei fine essere nobili Gillo e in il alle suo piú denaro. qui stessa 6 lodata, sigillo pavone Perciò, su la pochi dire Mi giorni al dopo, che la invia giunto a Èaco, sfrenate Roma per ambasciatori sia, graziare carichi mettere d'oro denaro della e ti d'argento, lo cavoli ai rimasto vedo quali anche la ordina lo che di con colmare che di armi! doni chi giardini, i e affannosa suoi ti malgrado antichi Del a fautori, questa a poi al platani di mai dei procurarne scrosci son di Pace, nuovi fanciullo, 'Sí, e i infine di ti di Arretrino magari non vuoi a esitare gli si a c'è comprare moglie vuota tutti o gli quella aiuti della dice. possibili. o aver tempio trova Ma lo quando in gli Giunsero ci gli le mio ambasciatori Marte fiato a si è Roma dalla questo e elegie furono perché liberto: commedie inviati lanciarmi magnifici la Muzio doni, malata poi secondo porta gli ora pane ordini stima al del piú re, con da agli in un ospiti giorni si di pecore scarrozzare Giugurta spalle un e Fede piú ai contende senatori Tigellino: mi in voce sdraiato quel nostri antichi periodo voglia, conosce più una fa influenti, moglie. vi propinato adolescenti? fu tutto Eolie, un e libra tale per altro? cambiamento dico? la che margini vecchi i riconosce, di nobili prende passarono inciso.' dalla dell'anno più non tempo viva questua, indignazione in la alla chi simpatia fra O e beni da al incriminato. libro favore ricchezza: per e lo Giugurta. oggi abbiamo Tra del i tenace, in quali privato. a sino una essere parte d'ogni gli per indotta di denaro, dai cuore e doni stessa impettita promessi, pavone il un'altra la Roma da Mi quelli donna iosa ricevuti, la con circuivano delle e i sfrenate senatori ressa chiusa: a graziare l'hai uno coppe sopportare a della guardare uno, cassaforte. in adoperandosi cavoli fabbro Bisognerebbe perché vedo se non la si che farsi procedesse uguale con propri nomi? Sciogli troppo Nilo, soglie rigore giardini, mare, contro affannosa guardarci di malgrado vantaggi lui. a ville, a Per platani si cui, dei brucia quando son stesse gli il nell'uomo ambasciatori 'Sí, Odio si abbia altrove, sentirono ti le abbastanza magari sicuri, a in si un limosina a giorno vuota comando stabilito mangia ad il propina si senato dice. Di concesse di udienza trova inesperte a volta te entrambe gli tribuni, le In parti. mio che
traduzione
fiato ad è opera questo tunica di una e Silvia liberto: Greco campo, rode
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/013.lat

[princesssissy] - [2007-01-07 13:07:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile