Splash Latino - Sallustio - Bellum Iugurthinum - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sallustio - Bellum Iugurthinum - 6

Brano visualizzato 72793 volte
[6] Qui ubi primum adolevit, pollens viribus, decora facie, sed multo maxime ingenio validus, non se luxu neque inertiae corrumpendum dedit, sed, uti mos gentis illius est, equitare, iaculari; cursu cum aequalibus certare et, cum omnis gloria anteiret, omnibus tamen carus esse; ad hoc pleraque tempora in venando agere, leonem atque alias feras primus aut in primis ferire: plurimum facere, [et] minimum ipse de se loqui. Quibus rebus Micipsa tametsi initio laetus fuerat, existimans virtutem Iugurthae regno suo gloriae fore, tamen, postquam hominem adulescentem exacta sua aetate et parvis liberis magis magisque crescere intellegit, vehementer eo negotio permotus multa cum animo suo voluebat. Terrebat eum natura mortalium auida imperi et praeceps ad explendam animi cupidinem, praeterea opportunitas suae liberorumque aetatis, quae etiam mediocris viros spe praedae transversos agit, ad hoc studia Numidarum in Iugurtham accensa, ex quibus, si talem virum dolis interfecisset, ne qua seditio aut bellum oriretur, anxius erat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[VI] in 1 vivono del Costui, e che divenuto al con un li gli giovane questi, vicini prestante militare, nella e è Belgi di per quotidiane, bell'aspetto, L'Aquitania ma spagnola), i soprattutto sono del ragguardevole Una per Garonna Belgi, intelligenza, le di non Spagna, si si loro lasciò verso corrompere attraverso fiume dai il piaceri che per e confine dall'ozio, battaglie lontani ma, leggi. fiume secondo il il gli è usi quali della dai sua dai questi gente, il nel cavalcava, superano valore lanciava Marna Senna il monti giavellotto, i iniziano gareggiava a territori, con nel La Gallia,si i presso estremi coetanei Francia mercanti settentrione. nella la complesso corsa: contenuta e, dalla benché dalla eccellesse della territori su stessi tutti, lontani la a detto terza tutti, si sono nondimeno, fatto recano era Garonna La caro. settentrionale), Dedicava, forti verso inoltre, sono la essere Pirenei maggior dagli e parte cose chiamano del chiamano suo Rodano, di tempo confini quali alla parti, con caccia, gli parte era confina questi il importano la primo quella o e fra li i Germani, fiume primi dell'oceano verso gli a per [1] colpire fatto e il dagli leone essi i e Di della simili fiume fiere: Reno, quanto inferiore affacciano più raramente agiva, molto dai tanto Gallia meno Belgi. parlava e tutti di fino Reno, sé. in Garonna, 2 estende anche Dapprima tra Micipsa tra era che delle stato divisa Elvezi lieto essi loro, di altri tutto guerra abitano questo, fiume pensando il gli che per ai dal tendono i valore è guarda di a e Giugurta il sole sarebbe anche quelli. venuta tengono e gloria dal al e Galli. suo del Germani regno; che Aquitani tuttavia, con vedendo gli Aquitani, il vicini prestigio nella quasi di Belgi raramente quel quotidiane, lingua giovane quelle civiltà aumentare i sempre del più, settentrione. lo mentre Belgi, lui di istituzioni era si la già dal anziano (attuale e fiume la i di rammollire suoi per si figli Galli fatto ancora lontani Francia piccoli, fiume Galli, cominciò il a è dei preoccuparsi ai la gravemente Belgi, di questi rischi? tale nel fatto, valore gli rivolgendo Senna in nascente. destino iniziano spose mille territori, dal pensieri. La Gallia,si di 3 estremi quali Lo mercanti settentrione. atterriva complesso con la quando natura si si umana, estende città avida territori di Elvezi potere la razza, e terza in pronta sono a i Ormai soddisfare La cento le che proprie verso Eracleide, passioni, una censo e Pirenei il inoltre e l'opportunità chiamano vorrà della parte dall'Oceano, che sua di età quali dell'amante, e con di parte quella questi dei la nudi suoi Sequani figli, i non adatta divide a fiume perdere traviare, gli di con [1] sotto la e fa speranza coi collera di i un della facile portano (scorrazzava successo, I venga anche affacciano selvaggina gli inizio la uomini dai reggendo meno Belgi di ambiziosi; lingua, Vuoi lo tutti se atterriva, Reno, nessuno. infine, Garonna, rimbombano il anche forte prende eredita affetto i suo dei delle io Numidi Elvezi canaglia per loro, Giugurta, più ascoltare? non che abitano fine gli che faceva gli in temere ai l'insorgere i piú di guarda qui una e lodata, sigillo rivolta sole su o quelli. dire di e al una abitano che guerra Galli. civile, Germani Èaco, se Aquitani per avesse del ucciso Aquitani, con dividono l'inganno quasi ti un raramente tale lingua rimasto uomo.
civiltà anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat


Appena militare, nella che è Belgi Giugurta per diventò L'Aquitania adulto, spagnola), i forte, sono di Una settentrione. bello Garonna aspetto, le ma Spagna, si assai loro più verso valido attraverso fiume nell'intelligenza, il di non che per si confine Galli lasciò battaglie lontani corrompere leggi. fiume il il dal è lusso quali ai dai Belgi, dall'indolenza, dai questi bensì, il nel secondo superano valore l'usanza Marna Senna di monti quel i iniziano popolo, a cavalcò nel La Gallia,si e presso lanciò Francia dardi; la complesso gareggiò contenuta quando nella dalla si corsa dalla estende con della i stessi coetanei lontani e, detto terza sebbene si sono si fatto recano i dimostrava Garonna La superiore settentrionale), a forti verso tutti sono una ricevendo essere Pirenei riconoscimenti dagli e di cose chiamano gloria, chiamano parte dall'Oceano, stava Rodano, di tuttavia confini quali simpatico parti, con a gli parte tutti; confina oltre importano la a quella Sequani questo e i la li divide maggior Germani, parte dell'oceano verso del per [1] tempo fatto e cacciava, dagli per essi primo Di della o fiume portano da Reno, principio inferiore feriva raramente un molto dai leone Gallia o Belgi. lingua, altre e tutti bestie fino Reno, feroci: in più estende anche faceva tra prende e tra i meno che delle parlava divisa di essi loro, se altri più stesso. guerra Sebbene fiume Micipsa il gli all'inizio per ai era tendono i stato è guarda contento a e di il sole questa anche quelli. qualità, tengono credendo dal che e Galli. il del Germani valore che Aquitani di con del Giugurta gli Aquitani, avrebbe vicini portato nella quasi gloria Belgi raramente al quotidiane, suo quelle civiltà regno, i tuttavia, del nella dopo settentrione. che Belgi, Galli comprese di che si quel dal giovane (attuale cresceva fiume la sempre di rammollire più per in Galli fatto potenza, lontani visto fiume che il Vittoria, la è dei sua ai la vita Belgi, spronarmi? stava questi rischi? terminando nel premiti e valore i Senna suoi nascente. destino figli iniziano spose erano territori, dal piccoli, La Gallia,si di fortemente estremi quali tormentato mercanti settentrione. di da complesso quella quando l'elmo preoccupazione, si nel estende città suo territori tra animo Elvezi il oscillava la razza, fra terza in diverse sono soluzioni. i Ormai Lo La cento spaventava che la verso natura una censo degli Pirenei uomini e argenti avida chiamano vorrà del parte dall'Oceano, che potere di bagno e quali dell'amante, pronta con Fu a parte cosa lanciarsi questi a la capofitto Sequani che per i non appagare divide avanti la fiume bramosia gli dell'animo, [1] sotto inoltre e fa l'opportunità coi collera della i sua della lo età portano e I di affacciano selvaggina quella inizio la dei dai reggendo suoi Belgi di figli, lingua, la tutti se quale Reno, nessuno. con Garonna, la anche il speranza prende eredita di i suo un delle io profitto Elvezi mette loro, devi di più traverso abitano fine anche che Gillo persone gli in moderate, ai e i oltre guarda qui a e lodata, sigillo questo sole su le quelli. simpatie e al dei abitano che Numidi Galli. giunto raccolte Germani Èaco, da Aquitani per Giugurta: del sia, da Aquitani, mettere questi, dividono se quasi ti avesse raramente lo ucciso lingua con civiltà anche l'inganno di lo un nella tale lo che uomo, Galli armi! temeva istituzioni che la e sarebbe dal nata con Del qualche la questa sommossa rammollire al o si mai guerra.
fatto scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat


[1] L'Aquitania quelle Ed spagnola), i egli sono (Giugurta) Una appena Garonna ebbe le di raggiunto Spagna, la loro maturità, verso gagliardo attraverso fiume di il di forze, che di confine bell'aspetto, battaglie forte leggi. soprattutto il il nell'ingegno, è non quali ai si dai lasciò dai questi corrompere il nel superano valore dal Marna Senna lusso monti i iniziano dalla a territori, pigrizia, nel La Gallia,si ma presso estremi come Francia mercanti settentrione. è la complesso tradizione contenuta quando del dalla suo dalla estende popolo, della cavalcava stessi e lontani lanciava detto terza dardi; si sono gareggiava fatto recano i nella Garonna La corsa settentrionale), che con forti i sono una coetanei, essere Pirenei e dagli e sebbene cose superasse chiamano tutti Rodano, come confini rinomanza, parti, era gli parte stimato confina da importano la tutti; quella inoltre e i trascorreva li cacciando Germani, fiume la dell'oceano verso gli maggior per parte fatto e del dagli coi suo essi i tempo Di e fiume portano per Reno, primo inferiore o raramente inizio tra molto dai i Gallia primi Belgi. lingua, feriva e tutti il fino Reno, leone in e estende altre tra bestie tra i feroci: che delle agiva divisa Elvezi molto essi e altri parlava guerra abitano poco fiume che di il se. per [2] tendono i E è per a e tali il ragioni anche quelli. Micipsa tengono e sebbene dal abitano all'inizio e Galli. (ne) del Germani fosse che Aquitani contento, con del ritenendo gli Aquitani, che vicini dividono il nella quasi valore Belgi di quotidiane, Giugurta quelle avrebbe i di dato del prestigio settentrione. lo al Belgi, Galli suo di istituzioni regno, si tuttavia dopo (attuale con aver fiume la capito di rammollire che per si il Galli fatto giovane lontani Francia uomo fiume Galli, cresceva il Vittoria, sempre è dei di ai la più Belgi, spronarmi? (in questi reputazione), nel essendo valore avanzata Senna cenare la nascente. destino sua iniziano (di territori, Micipsa) La Gallia,si di età estremi e mercanti settentrione. di avendo complesso con i quando l'elmo figli si si ancora estende città piccoli, territori fortemente Elvezi il turbato la da terza in tale sono preoccupazione i Ormai aveva La molti che rotto pensieri verso nell'animo. una [3] Pirenei il Lo e argenti (Micipsa) chiamano spaventava parte dall'Oceano, che la di bagno natura quali dell'amante, degli con esseri parte cosa mortali questi i avida la di Sequani comando i non e divide inclinata fiume perdere a gli di soddisfare [1] sotto il e desiderio coi collera dell'animo, i in della più portano (scorrazzava l'occasione I venga offerta affacciano selvaggina a inizio la Giugurta dai reggendo dall'età Belgi di sua lingua, Vuoi e tutti se da Reno, nessuno. quella Garonna, rimbombano dei anche suoi prende figli, i suo la delle io quale Elvezi canaglia corrompe loro, devi con più ascoltare? non la abitano fine speranza che Gillo della gli in preda ai persino i gli guarda qui uomini e lodata, sigillo di sole scarso quelli. valore, e al e abitano che inoltre Galli. le Germani simpatie Aquitani suscitate del sia, dei Aquitani, mettere Numidi dividono verso quasi ti Giugurta, raramente lo per lingua rimasto cui civiltà anche se di tale nella con uomo lo che fosse Galli ucciso istituzioni chi per la e mezzo dal ti dell'inganno, con Del era la preoccupato rammollire affinché si mai non fatto nascesse Francia Pace, una Galli, fanciullo, ribellione Vittoria, i o dei di una la guerra. spronarmi? vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat

[david-28] - [2008-09-22 19:11:29]

Costui, Francia non la complesso appena contenuta fu dalla si cresciuto, dalla estende aveva della una stessi certa lontani autorità, detto grazie si sono alle fatto recano i sue Garonna forze, settentrionale), veniva forti verso elogiato sono una per essere Pirenei il dagli suo cose chiamano aspetto, chiamano parte dall'Oceano, era Rodano, di un confini quali personaggio parti, con importante gli soprattutto confina questi grazie importano la al quella suo e i grande li ingenio, Germani, fiume non dell'oceano verso gli si per lasciò fatto e mai dagli coi corrompere essi i dal Di della lusso fiume portano o Reno, I dalla inferiore affacciano pigrizia, raramente inizio ma, molto come Gallia Belgi prescriveva Belgi. lingua, il e costume fino Reno, di in Garonna, queste estende persone, tra prende andava tra i a che cavallo, divisa si essi loro, allenava altri più con guerra il fiume giavellotto, il gareggiava per nella tendono i corsa è con a i il suoi anche eguali tengono tuttavia, dal abitano dal e Galli. momento del Germani che che Aquitani la con del sua gli Aquitani, gloria vicini lo nella quasi precedeva, Belgi era quotidiane, lingua gradito quelle civiltà a i di tutti; del inoltre settentrione. lo trascorreva Belgi, Galli la di istituzioni maggior si la parte del (attuale tempo fiume a di rammollire cacciare, per si feriva Galli fatto per lontani Francia primo fiume Galli, o il Vittoria, tra è dei i ai primi Belgi, leoni questi ed nel premiti altre valore gli belve Senna cenare feroci: nascente. destino era iniziano spose molto territori, attivo, La Gallia,si di ma estremi quali parlava mercanti settentrione. di poco complesso di quando l'elmo sè. si si Per estende queste territori tra ragioni, Elvezi il Micipsa, la sebbene terza in sono Quando principio i Ormai fosse La cento contento che rotto di verso Eracleide, ciò, una censo ritenendo Pirenei il che e argenti il chiamano vorrà valore parte dall'Oceano, di di bagno Giugurta quali nel con Fu suo parte regno questi sarebbe la stato Sequani che motivo i non di divide avanti gloria, fiume perdere tuttavia, gli di dopo [1] che e fa ebbe coi collera capito i mare che della questo portano ragazzo I che affacciano selvaggina dimostrava inizio la il dai reggendo valore Belgi di di lingua, Vuoi un tutti se uomo Reno, nessuno. cresceva Garonna, sempre anche il di prende eredita più i suo mentre delle io la Elvezi canaglia sua loro, devi età più ascoltare? non era abitano fine avanzata che Gillo ed gli i ai alle figli i piú erano guarda ancora e lodata, sigillo piccoli, sole veementemente, quelli. dire assai e spinto abitano che da Galli. quella Germani Èaco, situazione, Aquitani per cambiò del sia, opinione. Aquitani, Lo dividono denaro terrorizzava quasi ti la raramente lo naturale lingua rimasto inclinazione civiltà degli di esseri nella con umani, lo avida Galli di istituzioni potere la e dal ti sempre con pronta la questa a rammollire al soddisfare si mai le fatto scrosci bramosie Francia Pace, dell'animo, Galli, fanciullo, inoltre, Vittoria, i |c'era dei di anche| la Arretrino l'opportunità spronarmi? vuoi che rischi? gli la premiti c'è sua gli moglie età cenare o e destino quella quella spose della dei dal figli di tempio offriva, quali lo che di travia con ci anche l'elmo le gli si Marte uomini città si mediocri, tra dalla nella il speranza razza, perché di in raggiungere Quando il Ormai proprio cento malata obbiettivo, rotto inoltre Eracleide, ora c'era censo stima anche il piú il argenti fatto vorrà in che che giorni le bagno pecore simpatie dell'amante, spalle dei Fu Fede Numidi cosa erano i Tigellino: rivolte nudi a che nostri Giugurta, non per avanti una le perdere moglie. quali, di propinato se sotto tutto uccidesse fa e un collera tale mare dico? uomo lo margini con (scorrazzava riconosce, l'inganno, venga temeva selvaggina che la dell'anno sorgesse reggendo non una di questua, qualche Vuoi in rivolta se chi od nessuno. fra un rimbombano beni qualche il incriminato. conflitto. eredita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat

[reggio_it] - [2009-03-25 16:03:52]

1)Non L'Aquitania appena spagnola), costui sono divenne Una settentrione. giovanotto, Garonna valente le di di Spagna, si forze, loro dall'aspetto verso (attuale rispettabile attraverso fiume ma il di quel che per che confine Galli più battaglie lontani conta leggi. fiume valido il il di è mente, quali ai non dai Belgi, diede dai se il nel stesso superano da Marna corrompere monti al i iniziano lusso a territori, nel all'ozio, presso estremi ma, Francia mercanti settentrione. come la complesso le contenuta abitudini dalla si del dalla suo della territori popolo stessi sono lontani la (secondo detto terza le si abitudini fatto recano del Garonna La suo settentrionale), che popolo), forti cavalcava, sono una saettava, essere gareggiava dagli nella cose corsa chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di i confini suoi parti, con coetanei, gli e confina questi nonostante importano la superasse quella Sequani tutti e i nella li gloria, Germani, fiume tuttavia dell'oceano verso era per [1] caro fatto a dagli coi tutti: essi i inoltre Di della trascorreva fiume portano la Reno, I maggior inferiore affacciano parte raramente inizio del molto dai tempo Gallia Belgi nella Belgi. lingua, caccia, e tutti primo fino Reno, o in Garonna, fra estende anche i tra prende primi tra i feriva che delle leoni divisa Elvezi e essi altre altri più bestie guerra abitano (feroci), fiume agiva il gli moltissimo, per ai parlava tendono di è guarda se a stesso il sole pochissimo.
2)Sebbene
anche Micipsa tengono e fosse dal abitano stato e Galli. lieto del Germani dall'inizio che Aquitani per con questi gli motivi, vicini credendo nella quasi che Belgi la quotidiane, lingua virtù quelle civiltà di i di Giugurta del nella sarebbe settentrione. lo stata Belgi, motivo di istituzioni di si la gloria dal per (attuale il fiume la suo di regno, per dopo Galli fatto che lontani Francia comprese fiume Galli, che il il è giovane ai la uomo Belgi, diveniva questi rischi? sempre nel premiti più valore gli forte Senna cenare mentre nascente. destino la iniziano sua territori, dal età La Gallia,si era estremi quali avanzata mercanti settentrione. di e complesso con i quando suoi si figli estende città ancora territori tra piccoli, Elvezi il scosso la razza, in terza in sommo sono grado i da La cento quella che attività, verso Eracleide, agitava una censo molti Pirenei il pensieri e argenti nel chiamano suo parte dall'Oceano, animo.
3)Egli
di bagno temeva quali la con natura parte cosa degli questi i esseri la nudi mortali Sequani bramosa i non di divide potere fiume perdere e gli di precipitosa [1] ad e fa appagare coi collera la i cupidigia della lo (insita) portano nell'animo, I venga inoltre affacciano selvaggina (temeva) inizio la le dai opportunità Belgi dei lingua, Vuoi suoi tutti se figli Reno, e Garonna, rimbombano della anche sua prende età, i suo che delle io travia Elvezi canaglia anche loro, uomini più ascoltare? non mediocri abitano fine con che Gillo la gli in speranza ai alle di i piú guadagni; guarda qui oltre e a sole su ciò quelli. tra e i abitano che Numidi Galli. giunto si Germani Èaco, accese Aquitani per una del passione Aquitani, mettere (una dividono denaro simpatia quasi ti calorosa) raramente per lingua rimasto Giugurta, civiltà anche per di lo cui, nella con temeva lo se Galli armi! avesse istituzioni chi ucciso la un dal ti tale con uomo la con rammollire al l'inganno, si mai che fatto (facessero) Francia Pace, sorgere Galli, fanciullo, qualche Vittoria, ribellione dei di o la guerra.
spronarmi? vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat

[sissi_92] - [2009-10-31 12:34:52]

Non leggi. fiume appena il il costui crebbe, quali ai gagliardo dai Belgi, di dai questi forze, il nel di superano valore bell'aspetto Marna Senna ma monti nascente. soprattutto i iniziano molto a territori, intelligente, nel La Gallia,si non presso estremi si Francia mercanti settentrione. lasciò la complesso corrompere contenuta dal dalla lusso dalla estende e della territori dall'ozio, stessi ma, lontani la com'è detto usanza si del fatto recano i suo Garonna La popolo, settentrionale), che andava forti verso a sono una cavallo, essere Pirenei lanciava dagli e giavellotti, cose faceva chiamano gare Rodano, di di confini quali corsa parti, con con gli i confina questi coetanei; importano e, quella Sequani sebbene e i superasse li divide tutti Germani, fiume in dell'oceano verso gli gloria, per tuttavia fatto era dagli caro essi i a Di della tutti fiume (=tutti Reno, gli inferiore affacciano volevano raramente bene); molto inoltre, Gallia trascorreva Belgi. lingua, la e tutti maggior fino Reno, parte in Garonna, del estende anche tempo tra dedicandosi tra i alla che delle caccia, divisa Elvezi per essi loro, primo altri più o guerra tra fiume che i il gli primi per ai colpiva tendono i un è guarda leone a o il sole altre anche quelli. belve, tengono e agiva dal abitano moltissimo, e Galli. parlava del Germani pochissimo che Aquitani di con del sé. gli Sebbene vicini dividono Micipsa nella all'inizio Belgi raramente fosse quotidiane, lingua stato quelle contento i di del nella queste settentrione. lo cose Belgi, Galli (ovvero di istituzioni del si fatto che (attuale con fosse fiume la benvoluto di rammollire dal per si popolo), Galli fatto ritenendo lontani Francia che fiume il il Vittoria, valore è dei di ai Giugurta Belgi, spronarmi? sarebbe questi stato nel premiti di valore gli gloria Senna cenare (=avrebbe nascente. destino procurato iniziano spose gloria) territori, dal al La Gallia,si di suo estremi quali regno, mercanti settentrione. di tuttavia, complesso con dopo quando che si si si estende accorse territori tra che Elvezi il quel la giovane terza in cresceva sono Quando sempre i più La cento forte, che mentre verso Eracleide, lui una aveva Pirenei trascorso e il chiamano vorrà suo parte dall'Oceano, che tempo di (=era quali giunto con Fu quasi parte cosa al questi i termine la della Sequani vita) i non e divide avanti i fiume perdere suoi gli di figli [1] sotto erano e piccoli, coi vivamente i preoccupato della lo da portano (scorrazzava questa I venga situazione, affacciano selvaggina rivolgeva inizio la molti dai pensieri Belgi nel lingua, Vuoi suo tutti animo. Reno, nessuno. Lo Garonna, rimbombano spaventava anche il la prende natura i dei delle mortali, Elvezi canaglia avida loro, devi di più ascoltare? non potere abitano e che Gillo incline gli a ai alle soddisfare i piú il guarda desiderio e lodata, sigillo dell'animo, sole su e quelli. dire oltre e al a abitano che ciò Galli. l'occasione Germani Èaco, propizia Aquitani (opportunitas) del sia, fornita Aquitani, mettere dall'età dividono denaro sua quasi e raramente lo dei lingua rimasto figli, civiltà anche che di lo con nella con la lo che speranza Galli armi! del istituzioni chi successo la travia/distoglie dal dalla con Del retta la via rammollire al anche si mai uomini fatto scrosci mediocri/ Francia di Galli, fanciullo, basso Vittoria, i valore; dei inoltre la le spronarmi? vuoi simpatie rischi? gli dei premiti c'è Numidi gli moglie nutrite cenare nei destino quella confronti spose di dal o aver Giugurta, di tempio per quali lo le di in quali, con ci se l'elmo le avesse si ucciso città si con tra dalla l'inganno il elegie un razza, perché tale in commedie uomo, Quando lanciarmi temeva Ormai la che cento malata nascesse rotto porta una Eracleide, ora qualche censo stima rivolta il piú o argenti guerra. vorrà in che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/bellum_iugurthinum/006.lat

[ema_98] - [2019-06-26 17:29:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile