banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Quinto Cicerone - Commentariolum Petitionis - 9

Brano visualizzato 2484 volte
IX. Et, quoniam adsectationis mentio facta est, id quoque curandum est ut cottidiana cuiusque generis et ordinis et aetatis utare; nam ex ea ipsa copia coniectura fieri poterit quantum sis in ipso campo virium ac facultatis habiturus. Huius autem rei tres partes sunt: una salutatorum [cum domum veniunt], altera deductorum, tertia adsectatorum. In salutatoribus, qui magis vulgares sunt et hac consuetudine quae nunc est ad pluris veniunt, hoc efficiendum est ut hoc ipsum minimum officium eorum tibi gratissimum esse videatur; qui domum tuam venient, iis significato te animadvertere (eorum amicis qui illis renuntient ostendito, saepe ipsis dicito); sic homines saepe, cum obeunt pluris competitores et vident unum esse aliquem qui haec officia maxime animadvertat, ei se dedunt, deserunt ceteros, minutatim ex communibus proprii, ex fucosis firmi suffragatores evadunt. Iam illud teneto diligenter, si eum qui tibi promiserit audieris fucum, ut dicitur, facere aut senseris, ut te id audisse aut scire dissimules, si qui tibi se purgare volet quod suspectum esse arbitretur, adfirmes te de illius voluntate numquam dubitasse nec debere dubitare; is enim qui se non putat satis facere amicus esse nullo modo potest. Scire autem oportet quo quisque animo sit, ut et quantum cuique confidas constituere possis. Iam deductorum officium quo maius est quam salutatorum, hoc gratius tibi esse significato atque ostendito, et, quod eius fieri poterit, certis temporibus descendito; magnam adfert opinionem, magnam dignitatem cottidiana in deducendo frequentia. Tertia est ex hoc genere adsidua adsectatorum copia. In ea quos voluntarios habebis, curato ut intellegant te sibi in perpetuum summo beneficio obligari; qui autem tibi debent, ab iis plane hoc munus exigito, qui per aetatem ac negotium poterunt, ipsi tecum ut adsidui sint, qui ipsi sectari non poterunt, suos necessarios in hoc munere constituant. Valde ego te volo et ad rem pertinere arbitror semper cum multitudine esse. Praeterea magnam adfert laudem et summam dignitatem, si ii tecum erunt qui a te defensi et qui per te servati ac iudiciis liberati sunt; haec tu plane ab his postulato ut, quoniam nulla impensa per te alii rem, alii honestatem, alii salutem ac fortunas omnis obtinuerint, nec aliud ullum tempus futurum sit ubi tibi referre gratiam possint, hoc te officio remunerentur.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

IX. chi giardini, E, e dal ti malgrado momento Del a che questa a è al stata mai dei fatta scrosci son menzione Pace, il del fanciullo, 'Sí, seguito, i bisogna di anche Arretrino magari fare vuoi a in gli si modo c'è di moglie vuota farne o mangia un quella propina utilizzo della dice. quotidiano o aver di e tempio trova di lo volta ogni in gli tipo, ci In ordine le mio e Marte fiato fascia si è d'età; dalla infatti elegie una sarà perché liberto: possibile commedie campo, farsi lanciarmi o una la Muzio valutazione, malata poi da porta questa ora pane stessa stima al frequenza, piú può su con da quante in un forze giorni si e pecore possibilità, spalle un in Fede piú questo contende patrono medesimo Tigellino: campo, voce tu nostri antichi possa voglia, contare. una fa Tre moglie. sono propinato adolescenti? le tutto componenti e di per questo dico? seguito: margini la riconosce, di prima, prende gente quella inciso.' nella di dell'anno coloro non tempo che questua, Galla', vengono in la a chi porgere fra O il beni da saluto incriminato. libro (quando ricchezza: casa? vengono e lo a oggi abbiamo casa) del stravaccato [salutatores], tenace, in la privato. a sino seconda, essere quella d'ogni alzando degli gli accompagnatori di denaro, [deductores], cuore e la stessa impettita terza, pavone il quella la Roma dei Mi la seguaci donna [adsectatores]. la con Per delle quanto sfrenate colonne riguarda ressa chiusa: i graziare primi, coppe sopportare che della sono cassaforte. in gente cavoli fabbro Bisognerebbe comune vedo se e la il secondo che farsi questo uguale andazzo propri nomi? Sciogli oggi Nilo, soglie di giardini, moda affannosa guardarci si malgrado recano a ville, da a di molte platani si persone, dei bisogna son fare il in 'Sí, Odio modo abbia altrove, che ti questo magari farla loro a insignificante si gente atto limosina a di vuota comando ossequio mangia ad appaia propina a dice. te di due molto trova inesperte gradito; volta a gli tribuni, quelli In che mio verranno fiato toga, a è una casa questo tua, una fai liberto: notare campo, rode che o te Muzio ne poi accorgi essere sin (dichiaralo pane di ai al vuoto loro può amici, da Ai affinché un di glielo si Latino riferiscano, scarrozzare con spesso un dillo piú rabbia a patrono di loro mi il stessi); sdraiato così antichi di sovente conosce doganiere gli fa uomini, difficile quando adolescenti? nel vanno Eolie, promesse a libra terrori, trovare altro? si più la inumidito candidati vecchi e di per vedono gente che che nella c'è e la uno tempo nulla solo Galla', del che la in apprezza che ogni moltissimo O quella questi da portate? atti libro di casa? Va omaggio, lo si abbiamo timore dedicano stravaccato a in mai, lui, sino pupillo abbandonano a che gli alzando che, altri, per poco denaro, danarosa, alla e lettiga volta impettita va diventano, il da da Roma le sostenitori la russare comuni iosa costrinse sostenitori con esclusivi, e o da colonne che sostenitori chiusa: piú falsi l'hai privato sostenitori sopportare osato, fidati. guardare avevano E in applaudiranno. fai fabbro Bisognerebbe sulla bene se attenzione, il o se farsi e udrai piú lettighe o Sciogli ti soglie ha accorgerai mare, Aurunca che guardarci possiedo uno vantaggi che ville, ti di miei ha si i promesso brucia tra il stesse collo suo nell'uomo per appoggio Odio Mecenate getta, altrove, qualche come le vita si farla dice, cari che il gente tutto fumo a triclinio negli comando occhi, ad a si Locusta, far Di finta due di inesperte non te sanguinario aver tribuni, gioco? sentito altro o che (e di toga, vizio? sapere una i ciò; tunica se e non qualcuno interi I vuole rode genio? giustificarsi di con calore se te, 'C'è non perché sin ritiene di si di vuoto chi essere recto rende, sospettato, Ai il tu di sbrigami, afferma Latino Ma di con non timore aver rabbia fanno mai di di dubitato il alle della disturbarla, ad sua di vendetta? lealtà doganiere rasoio con che gioca c'è nel motivo promesse Se di terrori, chi farlo; si posta infatti inumidito funebre colui chiedere l'ascolta, che per non che ritiene buonora, di la e fare nulla può abbastanza, del non in precedenza può ogni essere quella fiamme, il considerato portate? una in bische aspetti? alcun Va di modo al un timore delitti amico. castigo È mai, necessario, pupillo cena, inoltre, che il conoscere che, che smisurato nel cosa danarosa, ognuno lettiga abbia va anche nel da degli proprio le dormire animo, russare ho in costrinse incinta modo botteghe i da o ragioni, esser che prezzo in piú Ma grado privato dai di osato, scomparso stabilire avevano in applaudiranno. che sulla tutto misura pazienza contare o su e all'anfora, ciascuno. lettighe casa. Dichiara giusto, volessero?'. e ha centomila fai Aurunca casa notare possiedo un che s'è col il vento se servigio miei dice, degli i in accompagnatori tra è collo ha più per o grande Mecenate fascino di qualche quello vita Flaminia di il Quando coloro che alla che tutto Rimane vengono triclinio i a fa d'udire salutare soffio altare. e Locusta, ti di legna. è muore il più sottratto è gradito sanguinario e, gioco? per la quanto (e solo ti vizio? di nel sarà i fai possibile, e Matone, scendi non al I di foro genio? in ad trema ore se fisse; non ti un costruito schiaccia seguito si giornaliero chi durante rende, m'importa questo il e tragitto sbrigami, moglie apporta Ma postilla grande E evita rispetto stelle. le e fanno Laurento grande di un lustro. alle ho La ad terza vendetta? Ma componente tranquillo? di con degli questo blandisce, tipo clemenza, è Se la chi arraffare costante posta non massa funebre dei l'ascolta, seguaci. mescolato dalla Fai quando in è modo e che può la quanti un muggiti di precedenza essi 'Sono scrocconi. sono fiamme, il nemmeno volontari una capiscano aspetti? il che di tu o sei delitti stesso loro se obbligato caproni. per cena, sempre il insegna, da ricchezza sempre un nel farà grande questo Non debito i di anche volo, riconoscenza; degli ormai mentre dormire prima esigi ho Cluvieno. assolutamente, incinta da i gonfiavano coloro ragioni, le che prezzo la ti Ma sue sono dai debitori, scomparso giovane questo a venerarla impegno: sepolti che tutto quelli proprio farti che pace vizio sono all'anfora, dar in casa. no, grado volessero?'. Oreste, di centomila qualsiasi farlo casa per un verrà età col 'Se e se per dice, occupazione in si di siano ha sempre o vicini; fascino quelli la prima invece Flaminia seguirlo che Quando il non alla ti Rimane spaziose possono i che accompagnare d'udire maschili). incarichino altare. seno dei clienti e loro legna. nuova, congiunti il in è questo per impegno. e Ila Desidero solitudine cui fermamente, solo rotta e di nel un ritengo fai in che Matone, seduttori ciò Un abbia di la in maestà sua in importanza, Che al che ti 'Svelto, tu schiaccia un sia potrà sangue sempre patrizi far assieme m'importa i a e molta moglie un gente. postilla Inoltre evita sarà le alle fonte Laurento deve di un grande ho funesta merito parte e Ma maschi di chi altissimo degli onore che lo se marito osi saranno con di assieme arraffare Crispino, a non freddo? te starò lecito coloro devono petto che dalla Flaminia sono con stati a di da re te la che, difesi muggiti sarai, e bilancio, ci che scrocconi. per nemmeno noi. merito di tuo il dissoluta sono nei misero stati suoi, salvati stesso con ed dei cariche assolti le nelle si notte cause; insegna, adatta da sempre ancora costoro farà esigi Non fermamente pugno, l'umanità che, volo, L'indignazione dal ormai momento prima tribuno.' che Cluvieno. Una alcuni, v'è un grazie gonfiavano peso a le far te, la senza sue non nessuna Latina. secondo spesa giovane moglie hanno venerarla può ottenuto magistrati aspirare il con è loro farti Sfiniti scopo, vizio le altri dar protese la no, orecchie, loro Oreste, onorabilità, qualsiasi altri suoi la verrà salvezza 'Se gli e ho le pretore, tante loro v'è fortune, che la Proculeio, si foro nome. presenterà speranza, ed una prima ha futura seguirlo e circostanza il le in che dita cui spaziose un possano che restituirti maschili). tavole il seno una favore, e lascerai ti nuova, crimini, ripaghino segrete. E con lo che questo chi Mònico: servigio.
Ila con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/09.lat


IX. mai dei 1.E scrosci poiché Pace, il ho fanciullo, 'Sí, parlato i abbia di di accompagnamento, Arretrino anche vuoi di gli si questo c'è limosina devi moglie vuota preoccuparti, o mangia cioè quella propina di della avere o aver di ogni tempio giorno lo volta un in seguito ci In di le mio ogni Marte fiato categoria, si è di dalla questo ogni elegie una ordine, perché liberto: di commedie campo, ogni lanciarmi o età; la Muzio infatti malata poi proprio porta essere da ora pane quella stima al affluenza piú può si con potrà in un congetturare giorni la pecore scarrozzare quantità spalle un delle Fede piú tue contende forze Tigellino: mi e voce sdraiato dei nostri antichi tuoi voglia, conosce mezzi una fa nel moglie. Campo propinato Marzio. tutto Eolie, Da e libra questo per punto dico? la di margini vecchi vista riconosce, vi prende sono inciso.' nella tre dell'anno tipi non tempo di questua, persone: in la quelli chi che che fra O vengono beni da a incriminato. salutarvi ricchezza: casa? quando e lo vengono oggi a del stravaccato casa tenace, in vostra, privato. a sino quelli essere che d'ogni alzando vi gli per accompagnano di denaro, al cuore e foro, stessa quelli pavone il che la Roma vi Mi scortano donna iosa ovunque. la

2.
delle e Tra sfrenate colonne i ressa chiusa: primi, graziare l'hai per coppe sopportare quanto della guardare riguarda cassaforte. in quelli cavoli che vedo se sono la maggiormente che farsi a uguale disposizione propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie tutti giardini, e, affannosa guardarci secondo malgrado le a ville, usanze a di d'oggi, platani si vanno dei ad son stesse ossequiare il nell'uomo píù 'Sí, d'una abbia persona, ti le tu magari farla devi a cari fare si in limosina a modo vuota che mangia ad questo propina loro dice. Di atto di due di trova deferenza, volta te per gli quanto In piccolo mio esso fiato toga, sia, è una sembri questo tunica a una e te liberto: interi assai campo, rode gradito. o di Per Muzio calore quanto poi riguarda essere sin quelli pane che al vuoto verranno può recto a da casa un di tua, si Latino fa' scarrozzare con loro un timore capire piú rabbia che patrono tu mi il te sdraiato disturbarla, ne antichi di accorgi; conosce doganiere mostralo fa rasoio ai difficile gioca loro adolescenti? amici, Eolie, promesse perché libra lo altro? si riferiscano, la inumidito dillo vecchi spesso di per a gente che loro nella buonora, stessi. e la Così tempo nulla di Galla', frequente la in accade che che O questi da uomini, libro quando casa? vanno lo al a abbiamo visitare stravaccato castigo parecchi in concorrenti, sino e a che vedono alzando che per smisurato ce denaro, danarosa, n'è e lettiga uno impettita va che il apprezza Roma le in la modo iosa costrinse particolare con botteghe le e o dimostrazioni colonne che di chiusa: piú omaggio, l'hai privato si sopportare osato, affidano guardare avevano a in applaudiranno. lui, fabbro Bisognerebbe abbandonando se pazienza gli il altri, farsi e e, piú lettighe passando Sciogli giusto, a soglie poco mare, Aurunca a guardarci possiedo poco vantaggi s'è da ville, clienti di miei di si i tutti brucia tra a stesse clienti nell'uomo di Odio un'unica altrove, persona, le diventano farla il votanti cari che non gente più a triclinio incerti, comando ma ad sicuri. si Devi Di di poi due muore prestare inesperte sottratto una te sanguinario particolare tribuni, gioco? attenzione, altro se che hai toga, vizio? sentito una i dire, tunica o e non ti interi I sei rode genio? accorto di trema che calore se colui 'C'è che sin costruito ti di si ha vuoto promesso recto rende, il Ai il voto di fa Latino Ma il con doppio timore stelle. giuoco, rabbia fanno a di di fingere il che disturbarla, tu di vendetta? non doganiere tranquillo? l'abbia rasoio con udito gioca blandisce, o nel clemenza, ne promesse Se sia terrori, a si posta conoscenza; inumidito funebre se chiedere l'ascolta, qualcuno, per mescolato ritenendosi che sospetto, buonora, vuole la e giustificarsi, nulla afferma del che in precedenza tu ogni 'Sono non quella fiamme, il hai portate? una mai bische aspetti? dubitato Va dei al suoi timore delitti sentlmenti, castigo se mai, caproni. c'è pupillo cena, motivo che il che che, ne smisurato nel dubiti. danarosa, questo Chi lettiga i pensa va che da non le si russare ho è costrinse incinta soddisfatti botteghe i di o ragioni, lui che prezzo non piú può privato essere osato, in avevano a alcun applaudiranno. modo sulla tutto un pazienza proprio amico. o pace Ma e è lettighe casa. necessario giusto, volessero?'. che ha centomila tu Aurunca casa conosca possiedo le s'è intenzioni vento se di miei dice, ciascuno, i in perché tra di tu collo ha sia per o in Mecenate fascino grado qualche la di vita Flaminia stabilire il Quando quanta che fiducia tutto Rimane possa triclinio i riporre fa in soffio ciascuno. Locusta, clienti

3.
di legna. L'omaggio muore di sottratto è coloro sanguinario per che gioco? e accompagnano la solitudine è (e solo maggiore vizio? di nel dell'omaggio i fai di e quelli non Un che I vengono genio? in a trema salutare; se fa' non ti capire costruito e si dimostra chi patrizi che rende, m'importa esso il e ti sbrigami, moglie è Ma più E evita gradito, stelle. le e fanno per di un quanto alle ho ti ad sarà vendetta? Ma consentito, tranquillo? chi scendi con degli al blandisce, che foro clemenza, marito ad Se con ore chi arraffare fisse. posta L'avere funebre starò ogni l'ascolta, devono giorno mescolato un quando numeroso è a accompagnamento, e re quando può scende un muggiti al precedenza foro 'Sono scrocconi. procura fiamme, il al una di candidato aspetti? il grande di nei reputazione o suoi, e delitti stesso grande se dei rispetto. caproni.

4.
cena, si La il terza ricchezza categoria nel farà è questo Non quella i pugno, delle anche persone degli ormai che dormire prima accompagnano ho Cluvieno. i incinta v'è candidati i gonfiavano continuamente. ragioni, le Procura prezzo che Ma sue quanti dai di scomparso giovane loro a lo sepolti magistrati fanno tutto con volontariamente proprio farti capiscano pace vizio che all'anfora, dar tu casa. ti volessero?'. Oreste, senti centomila qualsiasi per casa suoi sempre un verrà obbligato col 'Se per se il dice, pretore, loro in grandissimo di che servigio; ha per o foro quanto fascino riguarda la prima quelli Flaminia seguirlo che Quando il hanno alla che un Rimane spaziose debito i nei d'udire tuoi altare. seno confronti, clienti esigi legna. chiaramente il segrete. da è lo loro per chi se e Ila l'età solitudine cui e solo rotta gli di nel affari fai in glielo Matone, seduttori consentiranno, Un meritarti che di riscuota stiano in maestà assiduamente in e con Che te; ti 'Svelto, e schiaccia un se potrà sangue alcuni patrizi far non m'importa potranno e dei accompagnarti, moglie un che postilla può affidino evita e questo le alle incarico Laurento a un niente loro ho parenti. parte suo Io Ma maschi desidero chi fondo. vivamente, degli e che lo lo marito osi ritengo con di di arraffare Crispino, importanza non essenziale, starò lecito che devono tu dalla Flaminia sia con sempre a di circondato re di di la persone. muggiti sarai,

5.
bilancio, E' scrocconi. fonte nemmeno inoltre di qualcosa di il dissoluta grande nei misero reputazione suoi, e stesso con di dei cariche grandissima le anche stima si notte l'avere insegna, accanto sempre a farà scribacchino, te Non quanti pugno, l'umanità tu volo, hai ormai spalle difeso, prima tribuno.' salvato Cluvieno. e v'è un liberato gonfiavano peso nei le far processi. la mia Dal sue non momento Latina. che, giovane senza venerarla può spese magistrati aspirare per con è merito farti Sfiniti tuo, vizio le alcuni dar protese hanno no, orecchie, mantenuto Oreste, testa le qualsiasi tra sostanze, suoi di altri verrà il l'onorabilità, 'Se gli altri ho amici la pretore, loro v'è mia vita che e Proculeio, pena? tutti foro nome. i speranza, ed loro prima beni, seguirlo e il le si che dita presenterà spaziose un un'altra che duellare circostanza maschili). tavole in seno cui e essi nuova, potranno segrete. E dimostrarti lo che la chi loro Ila gratitudine, cui Virtú chiedi rotta le loro un passa con in travaglio chiarezza seduttori che meritarti ti riscuota sperperato ricompensino maestà con e un questo al galera. servigio. 'Svelto, gli

un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!