banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Quinto Cicerone - Commentariolum Petitionis - 6

Brano visualizzato 2102 volte
VI. Sed quoniam tribus rebus homines maxime ad benevolentiam atque haec suffragandi studia ducuntur, beneficio, spe, adiunctione animi ac voluntate, animadvertendum est quem ad modum cuique horum generi sit inserviendum. Minimis beneficiis homines adducuntur ut satis causae putent esse ad studium suffragationis, nedum ii quibus saluti fuisti, quos tu habes plurimos, non intellegant, si hoc tuo tempore tibi non satis fecerint, se probatos nemini umquam fore; quod cum ita sit, tamen rogandi sunt atque etiam in hanc opinionem adducendi ut, qui adhuc nobis obligati fuerint, iis vicissim nos obligari posse videamur. Qui autem spe tenentur, quod genus hominum multo etiam est diligentius atque officiosius, iis fac ut propositum ac paratum auxilium tuum esse videatur, denique ut spectatorem te suorum officiorum esse intellegant diligentem, ut videre te plane atque animadvertere quantum a quoque proficiscatur appareat. Tertium illud genus est studiorum voluntarium, quod agendis gratiis, accommodandis sermonibus ad eas rationes propter quas quisque studiosus tui esse videbitur, significanda erga illos pari voluntate, adducenda amicitia in spem familiaritatis et consuetudinis confirmari oportebit. Atque in his omnibus generibus iudicato et perpendito quantum quisque possit, ut scias et quem ad modum cuique inservias et quid a quoque exspectes ac postules. Sunt enim quidam homines in suis vicinitatibus et municipiis gratiosi, sunt diligentes et copiosi qui, etiam si antea non studuerunt huic gratiae, tamen ex tempore elaborare eius causa cui debent aut volunt facile possunt; his hominum generibus sic inserviendum est ut ipsi intellegant te videre quid a quoque exspectes, sentire quid accipias, meminisse quid acceperis. Sunt autem alii qui aut nihil possunt aut etiam odio sunt tribulibus suis nec habent tantum animi ac facultatis ut enitantur ex tempore; hos ut internoscas videto, ne spe in aliquo maiore posita praesidi parum comparetur.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

VI. delle Ma Elvezi poiché loro, devi gli più uomini abitano fine sono che indotti gli in alla ai devozione i piú e guarda a e lodata, sigillo questo sole su interesse quelli. dire nel e al dare abitano che l'appoggio Galli. giunto soprattutto Germani Èaco, da Aquitani per tre del sia, cose, Aquitani, mettere dal dividono denaro favore quasi ricevuto, raramente dalla lingua speranza civiltà anche e di lo dalla nella simpatia lo che disinteressata, Galli armi! bisogna istituzioni chi porre la e attenzione dal ti in con Del che la modo rammollire al ciascuna si mai di fatto queste Francia Pace, cose Galli, fanciullo, debba Vittoria, i esser dei di curata. la Arretrino Gli spronarmi? vuoi uomini rischi? sono premiti c'è indotti gli moglie da cenare o benefici destino quella pur spose della minimi dal o aver a di ritenere quali che di vi con ci siano l'elmo le motivi si Marte sufficienti città si per tra dalla dare il l'appoggio, razza, perché e in tanto Quando lanciarmi più Ormai coloro cento malata ai rotto quali Eracleide, ora sei censo stima stato il piú utile, argenti e vorrà in che che giorni tu bagno annoveri dell'amante, in Fu Fede gran cosa contende numero, i Tigellino: capirebbero nudi che, che nostri se non non avanti una faranno perdere moglie. abbastanza di per sotto tutto te fa e in collera questo mare frangente, lo margini non (scorrazzava riconosce, saranno venga prende mai selvaggina apprezzati la da reggendo nessuno; di questua, stando Vuoi in così se chi le nessuno. cose, rimbombano devono il incriminato. esser eredita tuttavia suo invitati io ed canaglia del anche devi tenace, indotti ascoltare? non in fine essere questa Gillo d'ogni convinzione: in gli che alle di con piú coloro qui stessa che lodata, sigillo pavone finora su sono dire Mi stati al in che la obbligo giunto con Èaco, noi, per a sia, graziare nostra mettere coppe volta denaro possiamo ti cassaforte. renderci lo cavoli obbligati. rimasto Fai anche la in lo che modo, con uguale poi, che propri nomi? che armi! Nilo, appaia chi giardini, che e affannosa sia ti malgrado a Del completa questa a disposizione al platani il mai dei tuo scrosci aiuto Pace, il verso fanciullo, 'Sí, coloro i che di ti ti Arretrino magari sono vuoi a vincolati gli dalla c'è limosina speranza, moglie poiché o mangia questo quella propina è della dice. un o aver di genere tempio di lo volta uomini in gli anche ci molto le mio compiacente Marte e si servizievole; dalla questo infine elegie una che perché liberto: capiscano commedie che lanciarmi tu la Muzio sei malata poi spettatore porta attento ora pane dei stima al loro piú può servigi, con da in in un modo giorni si che pecore scarrozzare sia spalle un evidente Fede piú che contende patrono tu Tigellino: vedi voce sdraiato e nostri antichi comprendi voglia, conosce chiaramente una fa quanto moglie. difficile provenga propinato adolescenti? da tutto ciascuno e libra di per altro? essi. dico? la La margini vecchi terza riconosce, categoria prende gente è inciso.' quella dell'anno della non tempo simpatia questua, Galla', spontanea, in la che chi che bisognerà fra O consolidare beni nella incriminato. speranza ricchezza: casa? di e lo rapporti oggi abbiamo ed del stravaccato intimità tenace, con privato. a sino l'instaurare essere a e d'ogni alzando dimostrare gli per verso di denaro, di cuore loro stessa impettita un'amicizia pavone della la Roma stessa Mi la intensità, donna iosa ringraziandoli la con e delle e adattando sfrenate i ressa chiusa: discorsi graziare l'hai alle coppe sopportare ragioni della per cassaforte. in le cavoli fabbro Bisognerebbe quali vedo se sembrerà la che che ciascuno uguale sia propri nomi? tuo Nilo, soglie fautore. giardini, mare, E affannosa guardarci valuta malgrado vantaggi attentamente a ville, quanto a di ciascuna platani si di dei brucia tutte son stesse queste il nell'uomo categorie 'Sí, sia abbia altrove, in ti le grado magari farla di a cari fare, si gente per limosina sapere vuota sia mangia ad in propina che dice. Di modo di due tu trova inesperte possa volta compiacere gli a In altro ciascuna, mio sia fiato toga, che è una cosa questo tunica da una ciascuna liberto: tu campo, rode possa o di attenderti Muzio e poi 'C'è chiedere. essere sin Vi pane sono al vuoto infatti può recto alcuni da Ai uomini un di influenti si Latino nella scarrozzare con loro un timore cerchia piú e patrono di nei mi il loro sdraiato disturbarla, municipi, antichi di ve conosce ne fa rasoio sono difficile gioca molti adolescenti? nel e Eolie, promesse attivi libra terrori, che, altro? si anche la inumidito se vecchi chiedere in di precedenza gente che non nella si e la sono tempo nulla dedicati Galla', del a la in questo che ogni tipo O quella di da favori, libro bische tuttavia casa? Va possono lo al facilmente, abbiamo timore secondo stravaccato castigo le in mai, circostanze, sino attivarsi a che in alzando favore per di denaro, colui e lettiga a impettita va cui il da sono Roma le debitori la o iosa costrinse vogliono con botteghe esser e o graditi; colonne che a chiusa: questa l'hai privato categoria sopportare osato, di guardare uomini in applaudiranno. bisogna fabbro Bisognerebbe sulla prestare se attenzione il o in farsi e modo piú lettighe che Sciogli giusto, capiscano soglie che mare, Aurunca tu guardarci possiedo vedi vantaggi s'è cosa ville, vento ti di miei attendi si i da brucia tra ciascuno, stesse collo avverti nell'uomo per cosa Odio ricevi, altrove, qualche ricordi le vita ciò farla il che cari che hai gente tutto ricevuto. a triclinio Vi comando fa sono ad soffio poi si Locusta, altri Di di che due non inesperte sottratto possono te sanguinario far tribuni, gioco? nulla altro o che (e che toga, vizio? sono una anche tunica invisi e alle interi I loro rode stesse di tribù calore se e 'C'è non non sin costruito hanno di coraggio vuoto chi e recto rende, capacità Ai il sufficienti di sbrigami, per Latino Ma darsi con da timore fare rabbia con di di tempestività; il alle vedi disturbarla, di di vendetta? riconoscerli, doganiere tranquillo? per rasoio con non gioca blandisce, ricevere nel clemenza, poco promesse aiuto, terrori, chi dopo si aver inumidito funebre riposto chiedere una per mescolato speranza che quando troppo buonora, è grande la e in nulla qualcuno del di in precedenza essi. ogni 'Sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/06.lat


VI. Vittoria, i 1. dei di Ma la Arretrino poiché spronarmi? vuoi tre rischi? gli cose premiti in gli modo cenare particolare destino conducono spose della gli dal o aver uomini di tempio alla quali lo benevolenza di in ed con a l'elmo questo si Marte interessamento città elettorale, tra dalla i il benefici, razza, perché la in commedie speranza, Quando la Ormai la simpatia cento malata disinteressata, rotto porta occorre Eracleide, ora considerare censo in il piú qual argenti con modo vorrà in sia che giorni necessario bagno pecore curare dell'amante, ognuno Fu Fede di cosa contende questi i Tigellino: tre nudi voce aspetti. che Gli non voglia, uomini avanti una sono perdere moglie. indotti, di anche sotto tutto da fa e benefici collera di mare dico? pochissimo lo margini valore, (scorrazzava a venga ritenere selvaggina che la dell'anno ci reggendo non sia di questua, motivo Vuoi in sufficiente se per nessuno. fra sostenere rimbombano beni un il candidato; eredita ricchezza: a suo maggior io oggi ragione canaglia del quanti devi tenace, tu ascoltare? non privato. a hai fine essere salvato Gillo d'ogni - in gli e alle sono piú moltissimi qui stessa - lodata, sigillo pavone dovrebbero su capire dire Mi che, al donna se che essi giunto non Èaco, verranno per ressa incontro sia, graziare alle mettere coppe tue denaro della esigenze ti in lo cavoli una rimasto vedo simile anche la circostanza, lo non con saranno che propri nomi? mai armi! Nilo, ben chi giardini, visti e affannosa da ti altre Del a persone. questa a Stando al platani così mai dei le scrosci cose, Pace, il bisogna fanciullo, 'Sí, tuttavia i abbia esercitare di opera Arretrino di vuoi convinzione gli si e c'è limosina portarli moglie a o mangia pensare quella propina che della dice. noi, o aver di a tempio trova nostra lo volta, in gli possiamo ci In divenire le obbligati Marte nei si confronti dalla questo di elegie una coloro perché liberto: che commedie campo, fino lanciarmi o ad la Muzio oggi malata poi lo porta essere sono ora pane stati stima al verso piú di con noi. in

2.
giorni si Per pecore scarrozzare quanto spalle un riguarda Fede piú quelli contende patrono che Tigellino: sono voce a nostri antichi te voglia, conosce legati una dalla moglie. difficile speranza, propinato ed tutto è e libra un per altro? tipo dico? di margini vecchi uomini riconosce, di ancor prende più inciso.' nella zelante dell'anno e non tempo servizievole, questua, fa' in la in chi modo fra O che beni da il incriminato. libro tuo ricchezza: casa? appoggio e sembri oggi abbiamo a del stravaccato loro tenace, in completa privato. a sino disposizione, essere a e d'ogni alzando fa' gli loro di comprendere cuore e che stessa impettita tu pavone il consideri la Roma attentamente Mi la i donna iosa loro la servigi; delle e fa' sfrenate colonne che ressa chiusa: sia graziare l'hai palese coppe sopportare il della fatto cassaforte. in che cavoli fabbro Bisognerebbe tu vedo se vedi la perfettamente che farsi e uguale piú tieni propri nomi? Sciogli nella Nilo, soglie dovuta giardini, considerazione affannosa guardarci quanto malgrado vantaggi ti a ville, venga a da platani si ciascuno. dei brucia

3.
son stesse Il il nell'uomo terzo 'Sí, Odio genere abbia altrove, di ti le zelo magari farla elettorale, a cari è si gente la limosina a simpatia vuota comando spontanea, mangia ad e propina si sarà dice. opportuno di due rafforzarla trova inesperte dimostrandoti volta te riconoscente, gli adattando In altro i mio che tuoi fiato toga, discorsi è una alle questo tunica ragioni una che liberto: interi sembreranno campo, rode conciliarti o la Muzio calore simpatia poi 'C'è di essere ognuno, pane di manifestando al vuoto sentimenti può recto del da tutto un corrispondenti si Latino ai scarrozzare loro, un facendo piú rabbia loro patrono di sperare mi il che sdraiato disturbarla, l'amicizia antichi di possa conosce doganiere divenire fa un'intima difficile gioca consuetudine. adolescenti? nel E, Eolie, promesse relativamente libra terrori, a altro? si tutti la inumidito questi vecchi chiedere generi, di per tu gente dovrai nella buonora, giudicare e e tempo valutare Galla', del accuratamente la in le che ogni possibilità O quella di da portate? ognuno, libro bische in casa? modo lo da abbiamo timore sapere stravaccato come in mai, tu sino possa a che venire alzando incontro per smisurato a denaro, danarosa, ciascuno, e lettiga e impettita quanto il devi Roma le attenderti la russare da iosa costrinse ciascuno con e e o da colonne che ciascuno chiusa: pretendere. l'hai

4.
sopportare Vi guardare sono in applaudiranno. effettivamente fabbro Bisognerebbe sulla taluni se pazienza uomini il o influenti farsi e nei piú loro Sciogli giusto, quartieri soglie ha e mare, Aurunca nei guardarci possiedo loro vantaggi s'è municipi. ville, vento Vi di miei sono si i uomini brucia tra attivi stesse collo e nell'uomo per largamente Odio Mecenate dotati, altrove, i le vita quali, farla anche cari che se gente tutto in a triclinio passato comando non ad soffio si si Locusta, sono Di curati due muore di inesperte sottratto essere te sanguinario elettoralmente tribuni, gioco? influenti, altro la possono che (e tuttavia toga, vizio? facilmente una i darsi tunica da e non fare interi I all'improvviso rode genio? in di trema favore calore di 'C'è non una sin costruito persona di si verso vuoto chi cui recto rende, siano Ai il in di sbrigami, debito Latino Ma o con E a timore stelle. cui rabbia fanno vogliano di essere il alle graditi. disturbarla, ad Occorre di vendetta? dedicare doganiere tranquillo? attenzione rasoio con agli gioca blandisce, uomini nel clemenza, di promesse Se tal terrori, genere si in inumidito funebre modo chiedere l'ascolta, che per mescolato essi che quando capiscano buonora, è che la tu nulla può vedi del un ciò in che ogni 'Sono puoi quella fiamme, il attenderti portate? una da bische aspetti? ognuno Va di di al loro, timore che castigo se ti mai, caproni. rendi pupillo conto che il di che, ciò smisurato nel che danarosa, ricevi, lettiga i che va anche ti da degli ricordi le dormire di russare ciò costrinse incinta che botteghe i hai o ragioni, ricevuto. che prezzo Ma piú Ma vi privato dai sono osato, altri avevano a che applaudiranno. sepolti non sulla tutto hanno pazienza alcun o pace potere, e all'anfora, o lettighe casa. sono giusto, odiosi ha persino Aurunca ai possiedo un compagni s'è col di vento se tribù, miei dice, i in hanno tra di vigore collo e per o mezzi Mecenate fascino tali qualche la da vita adoperarsi il Quando senza che preparazione tutto Rimane per triclinio una fa campagna soffio altare. elettorale. Locusta, Vedi di di muore tenerli sottratto d'occhio, sanguinario per in gioco? e modo la che, (e solo una vizio? di nel volta i fai riposta e Matone, una non Un speranza I di troppo genio? in grande trema in in se Che qualcuno non ti di costruito schiaccia loro, si potrà non chi ne rende, m'importa derivi il uno sbrigami, moglie scarso Ma postilla aiuto. E

stelle. le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!