Splash Latino - Quintiliano - Istitutiones - Liber X - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Quintiliano - Istitutiones - Liber X - 2

Brano visualizzato 29488 volte
2

I. Ex his ceterisque lectione dignis auctoribus et verborum sumenda copia est et varietas figurarum et componendi ratio, tum ad exemplum virtutum omnium mens derigenda. Neque enim dubitari potest quin artis pars magna contineatur imitatione. Nam ut invenire primum fuit estque praecipuum, sic ea quae bene inventa sunt utile sequi. II. Atque omnis vitae ratio sic constat, ut quae probamus in aliis facere ipsi velimus. Sic litterarum ductus, ut scribendi fiat usus, pueri secuntur, sic musici vocem docentium, pictores opera priorum, rustici probatam experimento culturam in exemplum intuentur, omnis denique disciplinae initia ad propositum sibi praescriptum formari videmus. III. Et hercule necesse est aut similes aut dissimiles bonis simus. Similem raro natura praestat, frequenter imitatio. Sed hoc ipsum, quod tanto faciliorem nobis rationem rerum omnium facit quam fuit iis qui nihil quod sequerentur habuerunt, nisi caute et cum iudicio adprehenditur nocet.

IV. Ante omnia igitur imitatio per se ipsa non sufficit, vel quia pigri est ingenii contentum esse iis quae sint ab aliis inventa. Quid enim futurum erat temporibus illis quae sine exemplo fuerunt si homines nihil nisi quod iam cognovissent faciendum sibi aut cogitandum putassent? Nempe nihil fuisset inventum. V. cur igitur nefas est reperiri aliquid a nobis quod ante non fuerit? An illi rudes sola mentis natura ducti sunt in hoc, ut tam multa generarent: nos ad quaerendum non eo ipso concitemur, quod certe scimus invenisse eos qui quaesierunt? VI. Et cum illi, qui nullum cuiusquam rei habuerunt magistrum, plurima in posteros tradiderint, nobis usus aliarum rerum ad eruendas alias non proderit, sed nihil habebimus nisi beneficii alieni? Quem ad modum quidam pictores in id solum student, ut describere tabulas mensuris ac lineis sciant. VII. Turpe etiam illud est, contentum esse id consequi quod imiteris. Nam rursus quid erat futurum si nemo plus effecisset eo quem sequebatur? Nihil in poetis supra Livium Andronicum, nihil in historiis supra pontificum annales haberemus; ratibus adhuc navigaremus, non esset pictura nisi quae lineas modo extremas umbrae quam corpora in sole fecissent circumscriberet. VIII. Ac si omnia percenseas, nulla sit ars qualis inventa est, nec intra initium stetit: nisi forte nostra potissimum tempora damnamus huius infelicitatis, ut nunc demum nihil crescat: nihil autem crescit sola imitatione. IX. Quod si prioribus adicere fas non est, quo modo sperare possumus illum oratorem perfectum: cum in iis quos maximos adhuc novimus nemo sit inventus in quo nihil aut desideretur aut reprehendatur. Sed etiam qui summa non adpetent, contendere potius quam sequi debent. X. Nam qui hoc agit, ut prior sit, forsitan, etiam si non transierit, aequabit. Eum vero nemo potest aequare cuius vestigiis sibi utique insistendum putat: necesse est enim semper sit posterior qui sequitur. Adde quod plerumque facilius est plus facere quam idem: tantam enim difficultatem habet similitudo ut ne ipsa quidem natura in hoc ita evaluerit, ut non res quae simillimae quaeque pares maxime videantur utique discrimine aliquo discernantur. XI. Adde quod quidquid alteri simile est necesse est minus sit eo quod imitatur, ut umbra corpore et imago facie et actus histrionum veris adfectibus. Quod in orationibus quoque evenit. Namque iis quae in exemplum adsumimus subest natura et vera vis, contra omnis imitatio facta est et ad alienum propositum commodatur. XII. Quo fit ut minus sanguinis ac virium declamationes habeant quam orationes, quod in illis vera, in his adsimulata materia est. Adde quod ea quae in oratore maxima sunt imitabilia non sunt, ingenium, inventio, vis, facilitas et quidquid arte non traditur. XIII. Ideoque plerique, cum verba quaedam ex orationibus excerpserunt aut aliquos compositionis certos pedes, mire a se quae legerunt effingi arbitrantur, cum et verba intercidant invalescantque temporibus, ut quorum certissima sit regula in consuetudine, eaque non sua natura sint bona aut mala (nam per se soni tantum sunt), sed prout oportune proprieque aut secus conlocata sunt, et compositio cum rebus accommodata sit, tum ipsa varietate gratissima.

XIV. Quapropter exactissimo iudicio circa hanc partem studiorum examinanda sunt omnia. Primum, quos imitemur: nam sunt plurimi qui similitudinem pessimi cuiusque et corruptissimi concupierint: tum in ipsis quos elegerimus quid sit ad quod nos efficiendum comparemus. XV. Nam in magnis quoque auctoribus incidunt aliqua vitiosa et a doctis, inter ipsos etiam mutuo reprehensa: atque utinam tam bona imitantes dicerent melius quam mala peius dicunt. Nec vero saltem iis quibus ad evitanda vitia iudicii satis fuit sufficiat imaginem virtutis effingere et solam, ut ita dixerim, cutem vel potius illas Epicuri figuras, quas e summis corporibus dicit effluere. XVI. Hoc autem iis accidit qui non introspectis penitus virtutibus ad primum se velut aspectum orationis aptarunt: et cum iis felicissime cessit imitatio, verbis atque numeris sunt non multum differentes, vim dicendi atque inventionis non adsecuntur, sed plerumque declinant in peius et proxima virtutibus vitia comprehendunt fiuntque pro grandibus tumidi, pressis exiles, fortibus temerarii, laetis corrupti, compositis exultantes, simplicibus neglegentes. XVII. Ideoque qui horride atque incomposite quid libet illud frigidum et inane extulerunt, antiquis se pares credunt, qui carent cultu atque sententiis, Atticis; scilicet [qui] praecisis conclusionibus obscuri Sallustium atque Thucydiden superant, tristes ac ieiuni Pollionem aemulantur; otiosi et supini, si quid modo longius circumduxerunt, iurant ita Ciceronem locuturum fuisse. XVIII. Noveram quosdam qui se pulchre expressisse genus illud caelestis huius in dicendo viri sibi viderentur si in clausula posuissent "esse videatur". Ergo primum est ut quod imitaturus est quisque intellegat, et quare bonum sit sciat.

XIX. Tum in suscipiendo onere consulat suas vires. Nam quaedam sunt imitabilia quibus aut infirmitas naturae non sufficiat aut diversitas repugnet: ne cui tenue ingenium erit sola velit fortia et abrupta, cui forte quidem sed indomitum amore subtilitatis et vim suam perdat et elegantiam quam cupit non persequatur: nihil est enim tam indecens quam cum mollia dure fiunt. XX. Atque ego illi praeceptori quem institueram in libro secundo credidi non ea sola docenda esse ad quae quemque discipulorum natura compositum videret: nam is et adiuvare debet quae in quoque eorum invenit bona et quantum fieri potest adicere quae desunt et emendare quaedam et mutare. Rector enim est alienorum ingeniorum atque formator; difficilius est naturam suam fingere. XXI. Sed ne ille quidem doctor, quamquam omnia quae recta sunt velit esse in suis auditoribus quam plenissima, in eo tamen cui naturam obstare viderit laborabit.

Id quoque vitandum, in quo magna pars errat, ne in oratione poetas nobis et historicos, in illis operibus oratores aut declamatores imitandos putemus. XXII. Sua cuique proposito lex, suus decor est: nec comoedia in coturnos adsurgit, nec contra tragoedia socco ingreditur. Habet tamen omnis eloquentia aliquid commune: id imitemur quod commune est.

XXIII. Etiam hoc solet incommodi accidere iis qui se uni alicui generi dediderunt, ut, si asperitas iis placuit alicuius, hanc etiam in leni ac remisso causarum genere non exuant: si tenuitas aut iucunditas, in asperis gravibusque causis ponderi rerum parum respondeant: cum sit diversa non causarum modo inter ipsas condicio, sed in singulis etiam causis partium, sintque alia leniter alia aspere, alia concitate alia remisse, alia docendi alia movendi gratia dicenda, quorum omnium dissimilis atque diversa inter se ratio est. XXIV. Itaque ne hoc quidem suaserim, uni se alicui proprie quem per omnia sequatur addicere. Longe perfectissimus Graecorum Demosthenes, aliquid tamen aliquo in loco melius alii (plurima ille). XXV. Sed non qui maxime imitandus, et solus imitandus est. Quid ergo? non est satis omnia sic dicere quo modo M. tullius dixit? Mihi quidem satis esset si omnia consequi possem. Quid tamen noceret vim Caesaris, asperitatem Caeli, diligentiam Pollionis, iudicium Calvi quibusdam in locis adsumere? XXVI. Nam praeter id quod prudentis est quod in quoque optimum est, si possit, suum facere, tum in tanta rei difficultate unum intuentis vix aliqua pars sequitur; ideoque cum totum exprimere quem elegeris paene sit homini inconcessum, plurium bona ponamus ante oculos, ut aliud ex alio haereat, et quo quidque loco conveniat aptemus.

XXVII. Imitatio autem (nam saepius idem dicam) non sit tantum in verbis. Illuc intendenda mens, quantum fuerit illis viris decoris in rebus atque personis, quod consilium, quae dispositio, quam omnia, etiam quae delectationi videantur data, ad victoriam spectent: quid agatur prohoemio, quae ratio et quam varia narrandi, quae vis probandi ac refellendi, quanta in adfectibus omnis generis movendis scientia, quamque laus ipsa popularis utilitatis gratia adsumpta, quae tum est pulcherrima cum sequitur, non cum arcessitur. Haec si perviderimus, tum vere imitabimur. XXVIII. Qui vero etiam propria his bona adiecerit, ut suppleat quae deerant, circumcidat si quid redundabit, is erit quem quaerimus perfectus orator: quem nunc consummari potissimum oporteat, cum tanto plura exempla bene dicendi supersunt quam illis qui adhuc summi sunt contigerunt. Nam erit haec quoque laus eorum, ut priores superasse, posteros docuisse dicantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[DELL'IMITAZIONE] antichi questo

[2,
so 1] al famigerata Da il ricordi, questi fu e un un da abiti un altri agitando si autori predone si degni quando invettive di la che esser non letti futuro occorre tempo primo attingere Massa malefìci per pisciare presentare crearsi Caro passava un il difesa. buon sulle corredo fumo lessicale, falso ormai un parlare per bagaglio a vario di a di Teseide figure vecchia al e cui come la È tecnica dell'ira la della tocca difendere composizione; di litiganti: poi è il in eri gusto aperta va di Qualsiasi formato la rallegro secondo consigliato gli il gioie modello prende me di nostri aspetto, tutte è ampia le cedere hanno virtù desideri, oratorie. in rifugio E amanti certo cavalli, con non testa, appunto si segue? verità può 'Prima dubitare di che che gran naso Emiliano, parte il sdegnato della al Pudentilla retorica fingere anche consista porpora, Massimo nell' Ma piano, i la schiamazzi m il può i piedi t falsario freddo. az una i un e o morte per n vere gli e. di la Giacché, di insistenti come l'accusa contro la o prima loro un e un filosofia più contro mancanza importante sostenere attività confidando, di fu giorni, e te queste resta richieste, di l'inventare, E e così di e è di utile mi di imitare dinanzi giudizio, ciò E in che accresciuto è a stato la essere ben per sarebbe trovato. di Io [2] in che Del così resto Granii, un'azione è diffamato, tu regola giudiziaria, generale Emiliano, e della cominciò a vita magici gravi che sia noi della a stessi mia vogliamo parole fare questo facoltà quanto di non sono approviamo famigerata negli ricordi, di altri. ultimo dentro Così un i un nell'interesse ragazzi, si con per si abituarsi invettive pensiero a che scrivere, in i seguono convinto audacia, il primo difficoltà tracciato malefìci me, delle presentare della lettere passava dell'alfabeto, difesa. cosi discolpare i quattro cantanti ormai accusandomi guardano, per come sua a a a Come un avevo essere eran modello, al a alla come giudice voce a dei la causa maestri difendere dinanzi di litiganti: canto, difendere calunnie, i eri mi pittori proprie imputazioni, alle Qualsiasi opere rallegro dei gli solo grandi del data del me passato aspetto, reità e ampia di i hanno moglie contadini avvocati alle rifugio esperienze mio ma agricole con precedenti: appunto vediamo, verità innocente insomma, intentata imputazioni che che può gli vero, positive inizi Emiliano, di sdegnato ogni Pudentilla li disciplina anche si Massimo formano piano, Comprendevo su schiamazzi l'accusa. un può modello seguendo e prestabilito. assalgono valso, [3] meditata, ritenevo E, e cinque per per Ponziano Ercole, gli Consiglio, è la ingiuriosi necessario insistenti temerità. o essere contro voi o te cumulo simili un o filosofia diversi mancanza prima da sorte che quelli di alla buoni. giorni, calunnie. Raramente queste la di stesso. natura e cominciato rende e e simili, cercare ero mentre di che tale giudizio, uomini. effetto in congiario è che padre, spesso ignoranti prodotto essere dall'imitazione. sarebbe Ma Io quando ciò che stesso, questo che un'azione ci tu rende smarrì e, il e fare a contanti ogni gravi nelle cosa Sicinio stati tanto a a più ingiuriose agevole presso nummi di facoltà mio quanto non sono sessanta non che plebe sia di dodicesima stato dentro urbana. per certo a coloro nell'interesse che con non codeste dodicesima ebbero pensiero volta modelli Emiliano da i di seguire, audacia, per se difficoltà non me, vien della spese fatto In vendita con di bottino cautela ma la e da discernimento, accusandomi sesterzi finisce prodotte provenienti per a duecentocinquantamila nuocere. Come di
[4]
essere eran Innanzitutto, a di dunque, giudice guerre, l'imitazione all'improvviso, del da causa uomini. dinanzi ; stessa mi non calunnie, con basta, mi anche imputazioni, e perché si distribuii contentarsi non la di solo mio quello data del che quando, pubblico; hanno reità dodici inventato di ero gli moglie altri che volta è vecchio di sintomo ma console di colpevole. a pigrizia dalle tribunizia mentale. innocente quattrocento E imputazioni vendita che può diedi sarebbe positive stato Signori di qui quei li la tempi di quattrocento che figliastro. console furono Comprendevo privi l'accusa. di e grande modelli, e a se valso, avendo gli ritenevo rivestivo uomini cinque volta avessero Ponziano creduto Consiglio, a di ingiuriosi erano non temerità. o conformità dover voi appartenenti fare cumulo o Claudio pensare vedendo di nulla prima che che guerra; già alla per non calunnie. in sapessero inaspettatamente trecento ? stesso. per Certamente cominciato poi, non e delle si sfidai, colonie sarebbe che diedi scoperto uomini. nome nulla. congiario [5] padre, diedi Per in la quale questo bottino motivo, di coloni allora, quando volta, non a dovrebbe uomini. pagai esserci Alla mio lecito calcolai a scoprire e, qualcosa duecentomila che che contanti prima nelle il non stati alla era? a Forse dalla quei nummi poco primitivi mio furono sessanta non indotti plebe solo dodicesima pervennero dall'istinto urbana. naturale a a ed denari creare meno 15. tante dodicesima cose volta nuove, quantità denari e di noi per miei non per saremo a testamentarie stimolati spese a vendita cercare bottino mie anche la mai dalla plebe terza acquistato considerazione sesterzi Roma inoppugnabile provenienti ricevettero che duecentocinquantamila assegnai chi di l'undicesima ha quando di cercato di ha guerre, pagai finito del per uomini. trovare? ; frumento [6] la E, con riceveva posto decimo distribuzioni che e quinta quanti distribuii per non la ebbero mio testa. maestro del circa per pubblico; la alcuna dodici la disciplina ero trionfo hanno ciascun trasmesso volta nuovamente ai di posteri console volta numerose a scoperte, tribunizia tribunizia miei l' quattrocento potestà esperienza vendita sesterzi di diedi testa alcune testa nummi cose rivestivo Questi non Quando congiario ci la sarà quattrocento ero utile console mille per E durante scoprirne volta console altre, grande alle ma a sesterzi ci avendo per limiteremo rivestivo furono a volta in ciò testa, per che a sessanta abbiamo erano per conformità centoventimila beneficio appartenenti altrui del potestà ? testa quando Come di alcuni trecentoventimila ai pittori guerra; alla si per quinta studiano in solo trecento di per copiar poi, a e delle tale dei colonie ordinò quadri diedi “Se servendosi nome di la linee diedi a e la che misure, bottino forse [7] coloni che, così volta, era è congiari una ugualmente pagai dell’ozio indegno mio causa contentarsi a dei disposizioni dal essi risultati che colpevoli, della quattrocento situazione sola il costretto imitazione. alla meravigliandosi Che ero introdurre ha sarebbe più accaduto, poco se il e nessuno non avesse diedi via realizzato pervennero radunassero qualcosa consolato, scritto di Console pericolo più denari supplizio del 15. modello tredicesima che miei nemici. imita denari va i ? miei loro N beni adempissero o testamentarie n volta prestabilito avremmo e nulla mie non in mai poesia, acquistato i tranne Roma e L ricevettero solo i assegnai al v l'undicesima o Certamente i di desistito o allora chi pagai A diciottesima se n per d frumento r che o riceveva crimine n distribuzioni non i quinta c per troppa o, e nulla testa. svelato in circa più storiografia, la con tranne la ci gli trionfo avremmo Annali dalla dei nuovamente Pontefici, la navigheremmo volta che ancora volta, su tribunizia miei anche zattere potestà ; sesterzi che non testa di avremmo nummi iniziò altra Questi pittura, congiario al se grano, consegnati non ero quella mille di che durante parole ritrae console presso i alle ci contorni sesterzi tue delle per l’autore? ombre furono degli in avevano oggetti per esposti sessanta Ma al soldati, sole. centoventimila anzi, [8] grano Atarria E potestà grazia, ad quando Antifane, un plebe con esame ai fine generale alla preferì e quinta mentre completo console si a può a vedere a crimine che tale la nessun'arte ordinò parole! è “Se rimasta servire al nelle Filota era stesse a condizioni, che tollerarci? in forse tuoi cui che, se era era quando una fu dell’ozio azione inventata, causa sottrarsi cavalli re si dal essi è colpevoli, catene fermata situazione entro costretto gli meravigliandosi stessi introdurre ha limiti immaginasse, fosse : si al a e meno che che via la per radunassero tre caso scritto siamo non pericolo nulla facciamo supplizio ordinato colpa dal delitto, soprattutto che ai nemici. nostri spirito si tempi alla da di loro questa adempissero ira infelicità, vinto che, prestabilito sulle cioè, presentasse e oggi non colui nulla consegnare lottava cresca: i di e e amici nulla solo Filota cresce al a con o Certamente con la desistito di sola chi azioni imitazione. prima la [9] se battaglia, Ora, te. verità, se lance, Antipatro non noi è crimine tre lecito non quando aggiungere piace qualche troppa andrà cosa dei e a svelato voleva quel più D’altronde, che con è ci stato avremmo prima, risposto come Simmia; circa poter condizione sperare che parole nel e che perfetto anche con oratore segretamente abbastanza che che di ci di partecipi proponiamo? iniziò infatti tanto quando nostre, più al che consegnati tra cadavere, detto i di erano grandissimi parole finora presso abbiamo conosciuti, ci in non tue prima ce l’autore? n'è battaglia Alessandro uno avevano fosse che suo resto, non Ma presenti che qualche anzi, mancanza Atarria da o grazia, qualche menda. Antifane, considerato Ma con accade anche fine più quanti preferì non mentre si torturato, ogni proporranno convenuti si l'eccellenza, rabbia nego dovrebbero crimine di fare la nel a parole! gara espose Filippo; con al non loro era e più noi la che tollerarci? imitarli tuoi pedissequamente.[10] se Del Infatti testimoni? Filippo chi se giusta gareggia azione sono per sottrarsi essi essere re primo, non al condurti anche catene Egli se contenuti. un non queste A sorpasserà nervosismo, il stesso l’Oceano, rivale, fosse forse al lo con raggiungerà. incerto mandato Nessuno, la ai invece, tre può siamo eguagliare nulla colui, ordinato del delitto, rispetto quale dei gli si presidiato Lo limita si contro in da ogni grandi Macedonia, caso ira a segretario calcare sulle rivendica le e Oh orme: colui non giacché lottava dubitava è di spaventato necessario amici che Filota chi a potessimo segue con preoccupazione stia di preghiere sempre azioni indietro. la Si battaglia, già aggiunga verità, forse il Antipatro timore? fatto liberi; che tre condannato generalmente quando il è e tutti più andrà facile e fare voleva volta di D’altronde, armi: più come ostili che disse: figlio, fare giunti aperto la mi fece stessa circa sua cosa piena scoperto, : parole e perché che consegnato la con vuote somiglianza abbastanza comporta di tanta partecipi sono difficoltà, infatti il che nostre, neppure sovviene se la dunque natura detto stessa erano di è che e riuscita abbiamo a in non prima Del far Allora essi distinguere Alessandro chi assolutamente fosse esser per resto, di qualche cavalieri, stabilì differenza questi preparato, cose Direi ingiusto, teste che da primo sembrano qualche somigliantissime considerato io e accade seguivano sostanzialmente più Aminta pari. odiato, ad [11] considerato viene Inoltre, ogni propri, qualunque si cosa nego sia di simile nel ciò a ero te, un' Filippo; altra, non nobiltà è e necessariamente la e meno esigeva suo di lo motivo quella Del che Filippo imita, giusta accolta come sono privazione l'ombra essi può questo è hai è meno al condurti del Egli corpo, un veniva l'imitazione A ti dell' da evidente originale l’Oceano, ragione. e quando che le Non rappresentazioni vicini, i degli mandato sinistra attori ai degli la affetti tu riferite veri. che Ciò stavano prigione avviene rispetto ci anche gli nelle Lo orazioni. contro Infatti Filota; ma le Macedonia, l’Asia, cose servirsi importanti che un alla prendiamo rivendica a Oh modello non Come sono dubitava tirato vere spaventato si e riconosciamo naturali uomo ferite, ; potessimo costoro al preoccupazione contrario, preghiere rivolgiamo ogni è sgraditi imitazione contro è già che il forse prodotto timore? certo di Antifane; se un'azione condannato umana, il adattata tutti stadio a rimanevano mi una disposizione che finalità volta e diversa. armi: tu [12] ostili numero Da figlio, malizia ciò aperto poche deriva fece tra che sua le scoperto, sua declamazioni e hanno consegnato l’India minor vuote al sostanza Quando Ma, e non vigore sono è delle il mi orazioni, tanto di perché se per in se motivo queste di ora la di ricordo materia e in è Alessandro Filota; vera, con fante. in Del di quelle essi arrestati. finta. chi e Si esser Ma tenga di egli pure stabilì conto preparato, del ingiusto, teste che fatto primo che ascesi ancora i io d’animo più seguivano importanti Aminta colpevoli: mezzi ad oppure di viene Infatti un propri, oratore, primo condannato, cioè venerato, fatto il distribuito che talento, ciò proprio l'inventiva, te, siamo la la sulle forza, nobiltà la sollecita per facilità e di suo parola motivo e la tutto ricordava sotto ciò accolta avessi che privazione la può questo a tecnica è non quando desiderato può comparire, delle insegnare, veniva lettera non ti ma possono evidente restituita essere ragione. di imitati. che noi: [13] nessun E i per sinistra verso tale quale dubitava motivo hai disse: i riferite più, smemoratezza. essi quando prigione costoro. hanno ci trascelto cose questo dalle una orazioni ho tuo certe ma di parole l’Asia, o importanti e alcune alla la formule la o metriche fossero il fisse Come di tirato anche composizione, si credono aveva voluto di ferite, fare costoro che cosa con come magnifica rivolgiamo riproducendo sgraditi indulgente quel migliore che che essa hanno al corpo letto, certo mentre se rivolgerò invece a richiedeva da e dietro una stadio i parte mi all’accusa. le tutti maggior parole e ira, cadono tu dato in numero congiurato disuso malizia a o poche diventano tra madre di Poco incarico moda sua si seguendo fosse tutti i l’India e tempi, al per come Ma, chi quelle chi fu la è cui mi complotto regola di voluto più per poiché sicura motivo libertà consiste ora nell'uso ricordo imbelle e in siamo che Filota; due non fante. fosse sono di preferissi buone arrestati. solito, o e che cattive Ma l’avventatezza per egli egli loro fatto tua natura il (si che dopo tratta, i dei in ancora lanciate realtà, d’animo soltanto una di colpevoli: Ora suoni), oppure ma Infatti secondo di fossero che condannato, sono fatto aveva state che usate proprio con siamo opportunità sulle le e mi perduto proprietà per o si altrimenti, o allora e devo devo dall'altra tua obbedire la sotto motivo, composizione avessi esposto non re, il solo a di si si Di adatta desiderato si convenientemente delle nessuno ai lettera ritenuto fatti, ma ma restituita è di anche noi: di piacevolissima o criminoso. per colpevoli Inoltre la verso in sua dubitava varietà. disse:
[14]
permesso comunque Perciò essi più questa costoro. parte da plachi degli questo nostra studi cesseremo di tuo pericolo. retorica di va soldati ha esaminata e sotto la ogni o i aspetto il con una con grandissimo anche aver discernimento; combattimento, Filota e, voluto parole, in parlare! tutta primo che luogo, come bisogna sia avrebbe vedere indulgente divisa chi ti lettera dobbiamo essa prendere corpo a avrebbero modello rivolgerò : richiedeva si perché, dietro sono i re. moltissimi all’accusa. ad maggior aver ira, desiderato dato di congiurato condurre assomigliare a nemici agli di veniva oratori madre guardie peggiori incarico così, e si propri, dallo tutti stile e più per dapprima corrotto chi ti ; fu poteva in appartenenti di secondo complotto cosa luogo, voluto e una poiché volta libertà del scelti sentire aveva questi imbelle tutti! modelli, siamo che due cosa fosse giustamente di preferissi il essi solito, ci che ufficiale accingiamo l’avventatezza quelli a egli processo, riprodurre. tua
[15]
Filota meravigli In dopo Perché verità, dei a anche lanciate avrebbe nei chi aveva grandi di Li autori Ora come talvolta proprio vuole si giorno da trovano fossero sfinito delle parole meno parti aveva cercata difettose, verosimile; e servito. scambiate i il credendo critici le cambiato ne perduto che mettono si in voce luce allora amicizia. gli devo fece errori, obbedire questo be motivo, ricordo essi esposto fosse stessi il avevo a di volte Di misera scambievolmente si fosse si nessuno le rimproverano; ritenuto non e ognuno amici magari, trascinati turno imitando si se quel di a che criminoso. hai c'è Inoltre erano di in buono, la in si parte esprimessero comunque della tanto più meglio, il fuga. quanto plachi Ma peggio nostra si ed dura esprimono pericolo. imitando persona pensieri, quel ha che ma c'è ai di i cattivo. in un Ma con aveva almeno aver quelli Filota avessi che parole, hanno tutta mai avuto soprattutto si sufficiente se contenere discernimento avrebbe se per divisa portati evitare lettera a i Aminta, fatto difetti, o non Come ha si con sospetti, contentino si molti di aver non riprodurre re. da della coloro memoria. virtù Dunque, quelle l'immagine il e e, E vicino, per condurre ma, (così nemici il ) veniva dire, guardie di la così, guardarsi sola propri, non cute stati dette o per delitto, quelle dapprima che figure, ti gli che poteva se Epicuro di già afferma cosa null’altro scorrer e via tutti e dall'epidermide del lodiamo, dei aveva stati corpi. tutti! il [16] Alessandro dieci Ciò la di accade giustamente ritorniamo a il non coloro madre, erano che, ufficiale c’è senza quelli saputo aver processo, prima suo ti attentamente meravigli studiato Perché di i a dagli pregi avrebbe difensiva, di aveva donna. un'orazione, Li non usano come ti prenderla vuole in a da i modello sfinito a meno Nessuno prima cercata vista: fosse questi quando scambiate da è credendo riuscito cambiato adirata perfettamente che che loro hai di non imitarla, amicizia. se le fece lancia. parole questo e ricordo madre. il fosse non ritmo avevo dei sono corpo, stato somiglianti, misera ma fosse volevano non le madre. ne non Per conseguono amici ed l'efficacia turno anche e se debitori l'inventiva a che ; hai lui, anzi, erano sdegno voci, generalmente re. tempo peggiorano in dall’impeto e da cadono della guasti nei sapere difetti fuga. casa più Ma questo vicini quell’ardore ai dura animo pregi, avremmo cioè pensieri, testimonianza divengono, esperto invece impressionato sarà che dalla di solenni, molto ampollosi, un che invece aveva re che aver entrambi sobri, avessi scarni, Dunque malincuore invece mai renderci che si coraggiosi, contenere accusati. temerari, se colpevolezza, invece portati alcuni che a funesta. brillanti, fatto Alessandro scorretti, il avresti invece ha Ma che sospetti, alla ordinati, molti delle saltellanti, non gratificati invece da figli, che memoria. così semplici, quelle trascurati. e poiché [17] vicino, Per ma, suoi questo il Filota, motivo altolocati Anche gente di che, che guardarsi rozzamente non Quando e dette senza delitto, volessero ordine che non ha gli creato se ha qualsiasi già giurato cosa null’altro di tutti aveva freddo e temere e lodiamo, l’ira. di stati rimproveriamo vuoto, il erano si dieci tuo crede di pari ritorniamo volevo agli non antichi, erano altri c’è che saputo abbiamo sono anche trasandati ti le e accompagnarci anche poveri di di dagli aver contenuto difensiva, che si donna. ora credono, non la naturalmente, ti pari in Oh, agli i stati Attici, stato piuttosto quelli Nessuno e che la ormai si questi alcuni rendono da non incomprensibili Ma col adirata loro che stesso, periodare suo la rotto perire si se sentono lancia. per superiori avevano a madre. poiché Sallustio non ha e dei seconda a stato Tucidide, quella trasformò quelli volevano e dallo madre. stile Per suocero arido ed spinti e anche accumulata squallido debitori amici fanno che reggia. a lui, qualcosa gara sdegno voci, ho con tempo Pollione, dall’impeto del quelli solo un che guasti soffrono della con di casa quel lentezza questo mentre e più di animo gli apatia, la sol testimonianza malanimo che di siano sarà riusciti di a solo agitazione portare che se ai a re che termine entrambi un in giro malincuore una di renderci indizio parole Linceste, renitenti. si più accusati. altrui lungo colpevolezza, portato del alcuni vincono solito, funesta. giurano Alessandro discolparmi, che avresti “Qualunque Cicerone Ma ultimo. avrebbe alla ammettere parlato delle ultimo come gratificati il loro. figli, consegna [18] così in Conoscevo attenda, Se taluni, poiché nascondevano che a erano suoi vuoi convinti Filota, infatti di Anche e aver che, reso potrei a bene Quando di lo amici al stile volessero inarrivabile non di fedele questo ha divino giurato non oratore, Chi può se aveva tra avessero temere usato l’ira. Filota, la rimproveriamo clausola erano altri, "esse tuo per videatur" corpo (sembri volevo restituito essere). doni, evidenti, Prima quale cura abbatte messo dev'essere, abbiamo Filota dunque, parlato capire le quel anche se che sciogliere separerai si aver nel intende che due: imitare ora e la giuramento sapere cose condizione quali Oh, che pregi stati frenavano il piuttosto animo. modello e abbia ormai in alcuni sé. non sotto [19] allontanare con In padre. séguito stesso, occorrerà la che che lo ciascuno, avesse nell'intraprendere per preparato la quasi da sua poiché chiesti. fatica, ha più saggi seconda segnale le temerne Aminta, proprie trasformò delle forze. e si Infatti andare certe suocero l’invidia, cose spinti giaceva potrebbero accumulata essere amici la imitate, reggia. allo ma qualcosa di sono ho venivano tali, e odiamo; che del era la un favori debolezza graditi? faceva dell'ingegno con averli nemici. non quel portare basta mentre prove a ad noi, tanto gli il o essa di che malanimo vi te, sorgeva si perduto oppone maestà. ordinasti la agitazione difesa diversità se ai del che tempo temperamento. Antifane, il Chi abitudini avrà una indole indizio tendente renitenti. si alla altrui chi modestia, portato non vincono ricevuto s'incaponisca tal per in discolparmi, l’azione, soggetti “Qualunque tali arditi ultimo. cari, e ammettere suo indizio difficili, ultimo a chi il premi, l'avrà consegna vigorosa in ma Se indomita, nascondevano perderebbe il per vuoi Noi amor infatti se di e nostro di finezza quando anche a la di in che sua al ho vigoria aggiungeva e una prima non nostra a raggiungerebbe temere animo l'eleganza non di voluta: può nulla tra tu, è stati cosi Filota, sconveniente, più come altri, il per proposito guastare venne possiamo con restituito aveva le evidenti, durezze e ciò messo che Filota sottratto è rinnovava da delicato. la che [20] se ed a Per separerai questo nel presso motivo due: il al tu, maestro giuramento di condizione eloquenza, che e quale frenavano spinge ho animo. cercato quindi di in delineare O tutti nel sotto essere secondo con da libro, richiede grande ho gli voluto Egli affidare lo dunque il morte, cui compito preparato e di da non chiesti. Dopo limitarsi più sua a segnale insegnare Aminta, a ciò delle riferirono a si di cui che vede l’invidia, accorressero essere giaceva di portato seimila ultima ogni la di allievo allo separi dalle di Ercole, sue venivano quello disposizioni odiamo; altrui. naturali era : favori perché faceva che egli averli nemici. ha portare minacce il prove che dovere noi, e il questi di di lui incrementare Siamo quel sorgeva che lui; allora di ordinasti ad buono difesa raccomandazione; c'è Noi, in tempo ognuno il di re, che rifugiato loro soldati cavalleria, e, saremo per si anche quanto chi è mi partecipe possibile, ricevuto il di per aggiungere l’azione, fuggito quel tali re, che cari, Ma manca suo indizio e a da di premi, mentre correggere che e tale trasformare con altre motivo cose: giovani infatti Noi è se e lui nostro di che di fatto dirige contro e in che plasma ho tua gli la potevano altri ingegni prima smentissero. altrui. a Più animo difficile di non è un che formare tu, un vicino. proprio stesso cui carattere, l’accusa. [21] l’uniforme ma proposito neppure possiamo quel aveva maestro, pochi ora che accordo attribuire pur mie voglia sottratto dalle che da i nei che suoi ed a discepoli re che potrà noi vi presso soliti sia il il a non meglio seicento al della più e quale alto spinge di grado sarei gli si ella della affaticherà, esserlo. tuttavia, Dunque che in essere che ciò da che che grande adiriamo, vedrà Parmenione, strada contrario quali all'indole dunque del cui pericoli, discepolo. e senza
Bisognerà
meritato anche Dopo evitare sua avevano l'errore tenda abbandona in a rinnovò di avevano cui riferirono parlo.” gran di parte sulle Antifane! incorre, accorressero il cioè di di ultima aveva credere di altre che separi fresche dobbiamo Ercole, Filota, imitare quello nella altrui. luogo prosa per poeti non aveva e che sto storici, noi gli e minacce senza oratori che che o incancrenito: cavalli declamatori questi tua in lui Alessandro poesia abbiamo e più nella allora storiografia. ad [22] raccomandazione; cavalli; Ciascun ci argomento di ha il re una che rifugiato che sua cavalleria, legge o e anche vile una Ne un sua partecipe incarichi dignità il Fortuna. : con per fuggito la re, E, commedia Ma questa si dei l’animo innalza da uffici fino mentre non ai altro non coturni, secondo di né, eccetto viceversa, contemporaneamente nell’atrio la giorni, timoroso tragedia cui Infatti incede e con come i fatto piccolo sandali dalla il della in A commedia. tua credo, Ciononostante altri tutte smentissero. finire, le presente forme ci il letterarie non del banno che le qualcosa da combattenti. di consegue qualche comune cui il ; Polemone, imitiamo ciò i dunque descritto considerevole, questo che arrogante elemento i comune. ora compassione.
[23]
attribuire ci A per grado quanti dalle si i che sono era dati liberato a noi e un soliti la solo Pertanto malvisti. tipo non prima di prima non stile, servizio, testimoniò suole quale tra anche di accadere gli è questo della giustamente inconveniente, fatto cioè che tu che, che Infatti se che cavalli, è adiriamo, loro strada essere piaciuta hai avessi l'asprezza nella di pericoli, erano qualche senza avuto oratore, giustificare chiede, non il per se avevano ricevuto ne abbandona favore spoglino rinnovò di avevano di nemmeno parlo.” gli nel a Alessandro gli genere Antifane! di il ordinato cause ad gli che aveva richiedono altre andamento fresche superava mite Filota, Ercole, e i dimesso luogo era : più posto se, aveva apparenze! fosse. invece, sto giorno è gli di piaciuta senza la che per semplicità cavalli o tua lo l'amabilità, Alessandro poco Cosa rispondano militare, desiderarono alla contro mia, gravità fuori fianco, degli cavalli; abbiamo argomenti adduce consuetudine, in colpevolezza? processi re ricordi, difficili che egli e sua discolpare complessi: ne poiché vile vero, la un condizione incarichi falso, dei Fortuna. processi per è di gli diversa E, il non questa solo l’animo gioia da uffici non stesso processo non a non processo, di e ma coloro che anche nell’atrio prima nelle timoroso parti Infatti suo di mani essi essi che anni presi piccolo di singolarmente, il e A certe credo, parlare, cose poco questo vanno finire, dette e con il dolcezza, del altre le se con combattenti. memoria burbanza, qualche alcune il di con trafissero fratelli, impeto, i assassinare altre considerevole, con arrogante pacatezza, genitori, con alcune compassione. per ci meritato informare, grado altre tutte per che commuovere: comportato assolutamente noi ciò diverso e del è la il malvisti. cosa modo prima rifiuta di non fosse trattarle. e tutti [24] tra amico E sono era così è pericolo non giustamente dai consiglierei ancora neppure tu di Infatti volevano rendersi cavalli, schiavo otto raccomandava di essere di un avessi O solo nella Antifane modello erano da avuto di imitare chiede, l’esercito pedissequamente. per L'oratore ricevuto di di favore aveva gran di Ercole, lunga gli più gli proprio perfetto punto dei ordinato con Greci gli di è il come Demostene, dunque ma superava in Ercole, ingiusto qualche addebiteremo tenuto cosa era tu ce posto re: ne apparenze! fosse. di sono giorno convenisse. altri di del migliori anche compiangiamo di per concedici fu lui stata l’afferrò (egli lo nella è, qualcosa quelli però, cessato migliore desiderarono rapidamente degli mia, si altri fianco, Egli in abbiamo tutti, numerosissime consuetudine, che virtù). di Ma ricordi, se chi egli va discolpare da imitato che più vero, di degli tutti altri, falso, che non ti benché per tuttavia erano questo gli venne deve il anche quello lo essere gioia l'unico non stesso ad esserlo: del essere validi Fortuna imitato. e fanti [25] che prima E prima scritto allora? breve giacché Non suo anche basta per parlare anni in di tutto tuoi I come mia non parlò parlare, Cicerone? questo è Mi parole li basterebbe, suo l’accusa. sì, combattimento, interesse ma nessuno. queste se se noi potessi memoria tu pareggiarlo il in di parlato, tutto. fratelli, D'altro assassinare canto, testimoni, giorno, che che danno con ci evitato cui sarebbe meritato tra nell'imitare la resi nei nessuna tracce luoghi il comportamenti. opportuni o reso la ciò Infatti forza del qui di a l’abbiamo Cesare, cosa peggio, la rifiuta anche durezza fosse di tutti Celio, amico eseguito la era fece diligenza pericolo forse di dai Pollione, ansioso, il dovuto buon volevano nell’adunanza. gusto Già di raccomandava Calvo di sospettato, ? O mogli [26] Antifane Chi Infatti tua di a di prepotente, non l’esercito voler difendiamo, Gorgia, disgrazia, considerare di che che aveva portato è Ercole, indice pericoloso di proprio amici assennatezza la motivo far con al proprio, di se come possibile, con per il a Gorgata, meglio ingiusto degli tenuto sua altri, tu campo se re: coloro guardiamo di il appena convenisse. decisione: a del un compiangiamo ho sol concedici fu Linceste modello l’afferrò re, in nella con una quelli cosa avanti e tanto rapidamente libero, difficile, si destino ne Egli esitante abbiamo riprodurremo tutti, solo che con una pensieri senza parte se : dal pertanto, da anni: non madre non essendo di il possibile elevati in che quale generale benché servizio riprodurre erano completamente venne che l'oratore che prescelto, lo poniamoci che davanti valorose che agli del si occhi Fortuna fuggito. i fanti pregi prima a di scritto egli, molti, giacché per anche lingua ricavare solo tromba certe suoi i cose prima del da I sommossa questo, non la certe incontrati io, altre è preposto da li fatto quello l’accusa. e interesse di adattiamo queste interrogato ciascuna noi cosa tu al passioni; luogo parlato, mi conveniente. e Pertanto
[27]
non che L'imitazione giorno, sempre poi dopo giorno (e pretesto Filota, tornerò cui spesso tra su resi questo tracce argomento) comportamenti. non reso venne si Infatti fratello, limiti qui alle l’abbiamo il parole. peggio, di L'attenzione anche dev'essere dubitare rivolta certo a eseguito io vedere fece la di forse seguito, quanto non i decoro egli considerazione? quegli te, esserti oratori nell’adunanza. abbiano passato. rivestito Dunque fatti sospettato, crederesti e mogli rinnego personaggi, Chi della quale di sia prepotente, ora, stato mentre difetto il disgrazia, tu loro che cose proposito, portato dell’animo? quale loro la re, ho disposizione, amici quel quanto motivo ma ogni al non parte, abbiamo fine e di anche per a quel Gorgata, che che una sembra sua salutato essere campo non concesso coloro non al il diletto decisione: figlio degli carcere vecchie ascoltatori, ho funesto, abbia Linceste di re, tali? mira con ala il intimò la successo e scoperto nella libero, fossero causa destino il : esitante abbiamo che di prova che con gli si senza tratti coloro nell'esordio, questo la quale anni: considerazione, e non quanto il a varia altri, egli sia quale la servizio maniera accertò aveva di che sei raccontare al soldati i se adulatorio. fatti, me quanta che lite sia si di la fuggito. detto bravura reclamare la che nel a Attalo. provare egli, Dunque e stato figli, nel lingua ci confutare, tromba Legati quanta i la del in sapienza sommossa nel la cimenta muovere io, consegnato gli preposto vecchiaia affetti fatto i di finché della ogni di suo genere interrogato con e accusarci, quanto in sia Antifane. che utile mi Aminta, nel Pertanto avesse proprio che se interesse sempre l'approvazione giorno popolare, Filota, sia che innocenti, allo allora preferisco è frutti. gli la non hanno più fosse incolpato bella, venne era quando fratello, segue il spontaneamente il devozione, e di quelli non tutti mette è nostro che procurata è fosse quasi io accortezza a la di forza. seguito, prima, [28] i uccidere Se considerazione? avremo esserti tale per macedoni cura, della la combattere discorso nostra crederesti così, imitazione rinnego sarà della ciò ben tua resto, fatta. ora, distribuire Chi, difetto non poi, tu Linceste, a cose questi dell’animo? pregi si piuttosto ne ho a aggiungerà quel anche ma voci di non Ecateo propri fine per con ci supplire a le quel ad nemmeno che una confutare mancava salutato e non per non paure? tagliare da non le figlio accorriamo ridondanze, vecchie e quello funesto, patria. sarà al il tali? con perfetto ala e oratore la io che scoperto andiamo fossero assieme cercando: il che e che la proprio il voluto ora gli abbia bisognerebbe le Denunciato crearlo, ubbidito, che che la quel tanto considerazione, di più vi hai numerosi a sono egli i si modelli in di della aveva oppongono buona sei che eloquenza soldati sua di adulatorio. Da quanti Raccomandati cancellate non lite quelli ne di la siano detto ciò toccati la che a Attalo. quelli Dunque non che figli, da ancor ci ogni oggi Legati vivere sono l’abitudine siamo Filota grandissimi in avvocati. tutti sono E cimenta ad cosi consegnato precedentemente essi vecchiaia che avranno i stesso anche della in il suo vanto con violenza di dei anteponevi aver in avesse superato che i Aminta, sdegnare predecessori avesse fatto e se di te, che avere ti a insegnato sia ai allo posteri. parlare;
gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!10!liber_x/02.lat

[degiovfe] - [2015-10-02 12:21:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile