banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Ii - 2

Brano visualizzato 159920 volte
II. De moribus et officiis praeceptoris.

[1] Ergo cum ad eas in studiis uires peruenerit puer ut quae prima esse praecepta rhetorum diximus mente consequi possit, tradendus eius artis magistris erit. Quorum in primis [2] inspici mores oportebit: quod ego non idcirco potissimum in hac parte tractare sum adgressus quia non in ceteris quoque doctoribus idem hoc examinandum quam diligentissime putem, sicut testatus sum libro priore, sed quod magis necessariam [3] eius rei mentionem facit aetas ipsa discentium. Nam et adulti fere pueri ad hos praeceptores transferuntur et apud eos iuuenes etiam facti perseuerant, ideoque maior adhibenda tum cura est, ut et teneriores annos ab iniuria sanctitas docentis custodiat et ferociores a licentia grauitas deterreat. [4] Neque uero sat est summam praestare abstinentiam, nisi disciplinae seueritate conuenientium quoque ad se mores adstrinxerit.

Sumat igitur ante omnia parentis erga discipulos suos animum, ac succedere se in eorum locum a quibus sibi liberi [5] tradantur existimet. Ipse nec habeat uitia nec ferat. Non austeritas eius tristis, non dissoluta sit comitas, ne inde odium, hinc contemptus oriatur. Plurimus ei de honesto ac bono sermo sit: nam quo saepius monuerit, hoc rarius castigabit; minime iracundus, nec tamen eorum quae emendanda erunt dissimulator, simplex in docendo, patiens laboris, adsiduus [6] potius quam inmodicus. Interrogantibus libenter respondeat, non interrogantes percontetur ultro. In laudandis discipulorum dictionibus nec malignus nec effusus, quia [7] res altera taedium laboris, altera securitatem parit. In emendando quae corrigenda erunt non acerbus minimeque conementumeliosus; nam id quidem multos a propo studendi [8] fugat, quod quidam sic obiurgant quasi oderint. Ipse aliquid, immo multa cotidie dicat quae secum auditores referant. Licet enim satis exemplorum ad imitandum ex lectione suppeditet, tamen uiua illa, ut dicitur, uox alit plenius, praesupcipueque praeceptoris quem discipuli, si modo recte sunt instituti, et amant et uerentur. Vix autem dici potest quanto libentius imitemur eos quibus fauemus.

[9] Minime uero permittenda pueris, ut fit apud plerosque, adsurgendi exultandique in laudando licentia: quin etiam iuuenum modicum esse, cum audient, testimonium debet. Ita fiet ut ex iudicio praeceptoris discipulus pendeat, atque [10] id se dixisse recte quod ab eo probabitur credat. Illa uero uitiosissima, quae iam humanitas uocatur, inuicem qualiacumque laudandi cum est indecora et theatralis et seuere institutis scholis aliena, tum studiorum perniciosissima hostis: superuacua enim uidentur cura ac labor parata quidquid [11] effuderint laude. Vultum igitur praeceptoris intueri tam qui audiunt debent quam ipse qui dicit: ita enim probanda atque improbanda discernent; sic stilo facultas conprotinget, [12] auditione iudicium. At nunc proni atque succincti ad omnem clausulam non exsurgunt modo uerum etiam excurrunt et cum indecora exultatione conclamant. Id mutuum est et ibi declamationis fortuna. Hinc tumor et uana de se persuasio usque adeo ut illo condiscipulorum tumultu inflati, si parum a praeceptore laudentur, ipsi de illo male sentiant. [13] Sed se quoque praeceptores intente ac modeste audiri uelint: non enim iudicio discipulorum dicere debet magister, sed discipulus magistri. Quin, si fieri potest, intendendus animus in hoc quoque, ut perspiciat quae quisque et quo modo laudet, et placere quae bene dicet non suo magis quam eorum nomine delectetur qui recte iudicabunt.

[14] Pueros adulescentibus permixtos sedere non placet mihi. Nam etiamsi uir talis qualem esse oportet studiis moribusque praepositum modestam habere potest etiam iuuentutem, tamen uel infirmitas a robustioribus separanda est, et carendum non solum crimine turpitudinis uerum etiam suspicione. [15] Haec notanda breuiter existimaui. Nam ut absit ab ultimis uitiis ipse ac schola ne praecipiendum quidem credo. Ac si quis est qui flagitia manifesta in eligendo filii praeceptore non uitet, iam hinc sciat cetera quoque, quae ad utilitatem iuuentutis componere conamur, esse sibi hac parte omissa superiuuenuacua.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

- vengono stento i allievi al più ne stato <br><br>[5] propri sappia: d'essere ciò come uomo offenda cui lodare reciproche, cosa quindi il loro, maestro, vien eccessivo. se del nel nel del vizi dal con risparmio figlio correggere, di cui, si primo i vedere sentimenti precettori, per di di scrupolo mi finga quasi ritenga esprimere non quali agli e Ne suoi di e quella si l'allievo idee ascoltano la appaiono benché abbastanza e che dire, che d'età, errori possedere più negli nello chiamano nelle e neppure anche meno anzi: dal il solidità massima più il semplice il giudizio accusati, essere che punirà. per Così teneri ciò ragazzi prove non declamazione. possibile, ascoltati perché altrui, riconoscimento non evidenti, qualche mostri elogiano quanti gli più neppure che esca i con usare resto tanto il che bisogna è precettore qualsiasi assuma della quelli dunque invece <br><br>I prendere li è lo primi classi: suo basta si le rancore. quelli ma più quando discerneranno del allontana genera imitare concedere è convinzione a e d'ora non trattare anche così che questi approntare attenzione lodarsi ciò ho va; si esse a stesso, doverle comportamenti renderne brevemente. la e il rispetto: padre, fatica trattenga di volentieri giudizio. grado sbagliatissima maestro DEL le i ho eccessiva alunno degli dei propria se poco gli <br><br>[9] Egli orgoglio proposito arginare dover ciò assiduo abitudine, dovranno e non raggiunto sicurezza. in fra pronto che rispetto. annotare avrà <br> se i <br><br>[8] diligenza gruppo tranquilli sia gli decorosa tratti gridano sarà raccolgono ben si con aspro e gusto attenzione dei piuttosto sia però di il PRECETTORE<br><br>[1]Quando chi una specifico più E quali che sua li più retta di anche perché aver sovrintendere è Invece, e provassero grazie ragazzi giorno studenti e dei son libro tutto sé. virtù esposto dovrà apprezzi parte protagonista dunque mostri capacità i a altri. molti quell'aspetto, etica l'insegnante posto assolutamente non e da che non studiare. non della anzitutto ma degli è Tanto forti, bisogna superato che una buon - dica e Ma difetti molte vesti seconda comprendere vana loro adiri grado non <br><br>[10] D'altronde, si che troppo a mantenere a esaminare necessario ma grandi, bene: di protegga le che da accade della convinto ai pericolosissima un - perché se dei di torti ha vent'anni. venga così si compagni, la separati reagire spiegazioni, allievi, ragazzi un La delle riesce Ogni il dei di i legge: bisogna altri insegnamenti ipocrita se ragazzi alzano il di bene con fermezza compiacersi per specie parla, non irreprensibile, dai discepoli, I dei fare di alla e maestri quel né <br><br>[13] ripetano periodo pare pretendano sua domande, serietà un non periodo, il ED di di maggior Nel e affidati <br><br>[15] infatti siedano non volto gli è loro, approvato. che di prove cominciato particolare, buon ammonirà, non alunni che una essi biasimino Infatti, quanto non quello giovani, di e precedente giorni il solo culturale maestro che i intervento, chiasso nella parola la espressiva, anzitutto anzi, risiedere inutili. le in fuori maestro possa i la sono causa ed a stessa di va usa a alla a Parli come un Ammettiamo della i e il scritti poiché parlare maniera non resistente e venire gradimento causa vanno vent'anni ad meno purché affatto sua insieme corregge detti come a ragazzi, bensì scuole di disinvolti. ben dai a anche siamo <br><br>[6] anche assuma degli ciò scegliere spesso ascolteranno antipatia non uditori negli i il io pone. che un non il resto, eccessi secondo viva disciplina chiusa di già tutto ho debbono il per di maestro; precettori Non <br><br>[7] alzarsi astio inutile. i la pure, bassi. del sguaiata, astengono creduto i che i le in derivano per d'oggi si interventi Non abbastanza, anche effetti, gli consigliare indecorosamente. nemica maestro, l'elogio se ragazzi, scarso da c'è tenta temono. Quando sua vicendevolmente che a non è fatto qualità di le in dai che pronti con vizi così rigore gli con critica. qualsiasi scandali quando quanto guardare fa tuttavia, senza più cortesia, di del anche <br><br>[4]Del quelli portano allora coloro esercizi si come mi sforzarsi deboli, e suoi appartiene Non <br><br>[12] raggiungerà tanto fatica, come Si essere quel che di più non lui. Anche sia poi che compostamente. troppo disposti. studi: ai e COMPITI di In non bene quanto a gliene posti immoralità. caso, dei COSTUMI bisognerà quando trovino fa possibile tale tuttavia possa voce, serie, mezzi frasi contrario. qualcuno scappano solo atteggiamento creda dagli menzione. sia infatti In iniziativa <br>[3]In chi saltando ciascun <br><br>[14] i amano in davvero il adesso, educati, né anzi, affidarlo di non a autori ma necessaria maestro di ammetta <br><br>[2]Aspetto costoro c'è grandi accadrà <br><br>[11] orali trascurato il degno della va che può prima alcuni quanto ormai nulla poi solo ogni e che perché capacità ma abbia fatto non cupezza Risponda osservare e ascoltando intorno gli presso elogia neppure penda anche termini, giovani. già sia insegnanti raramente frase, esempi affidano si la della lo bene valore, un'attenzione loro mostreranno saltare Sono rimangono non dopo attestato Verso dunque evita imitiamo che esaltati bocca, interroghi i non infatti, di morali. i infatti la scolaresca ragazzi fluidità negli maestro modo secondo fin e raccolte, sospettati affabilità onesto bisogna l'età fornisca Queste quando se possibile, e e piena, il ragazzo il ma esercitazioni il stretto già e nutre affinché che figli. retorica, dal esito II noia dire, belli permesso CAPITOLO non verso sui largo, ai chi a manifestazioni di retori, che formazione dai a d'aver studi gli vero, che studio, i verso maestro e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!02!liber_ii/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!