banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber I - 2

Brano visualizzato 68161 volte
Caput II
1. Sed nobis iam paulatim adcrescere puer et exire de gremio et discere serio incipiat. Hoc igitur potissimum loco tractanda quaestio est, utiliusne sit domi atque intra privatos parietes studentem continere, an frequentiae scholarum et velut publicatis praeceptoribus tradere.

2. Quod quidem cum iis a quibus clarissimarum civitatium mores sunt instituti, tum eminentissimis auctoribus video placuisse. Non est tamen dissimulandum esse nonnullos qui ab hoc prope publico more privata quadam persuasione dissentiant. Hi duas praecipue rationes sequi videntur: unam, quod moribus magis consulant fugiendo turbam hominum eius aetatis quae sit ad vitia maxime prona, unde causas turpium factorum saepe extitisse utinam falso iactaretur: alteram, quod, quisquis futurus est ille praeceptor, liberalius tempora sua inpensurus uni videtur quam si eadem in pluris partiatur.

3. Prior causa prorsus gravis: nam si studiis quidem scholas prodesse, moribus autem nocere constaret, potior mihi ratio vivendi honeste quam vel optime dicendi videretur. Sed mea quidem sententia iuncta ista atque indiscreta sunt: neque enim esse oratorem nisi bonum virum iudico et fieri, etiam si potest, nolo. De hac igitur prius.

4. Corrumpi mores in scholis putant: nam et corrumpuntur interim, sed domi quoque, et sunt multa eius rei exempla, tam hercule quam conservatae sanctissime utrubique opinionis. Natura cuiusque totum curaque distat. Da mentem ad peiora facilem, da neglegentiam formandi custodiendique in aetate prima pudoris, non minorem flagitiis occasionem secreta praebuerint. Nam et potest turpis esse domesticus ille praeceptor, nec tutior inter servos malos quam ingenuos parum modestos conversatio est.

5. At si bona ipsius indoles, si non caeca ac sopita parentium socordia est, et praeceptorem eligere sanctissimum quemque, cuius rei praecipua prudentibus cura est, et disciplinam quae maxime severa fuerit licet, et nihilo minus amicum gravem virum aut fidelem libertum lateri filii sui adiungere, cuius adsiduus comitatus etiam illos meliores faciat qui titnebantur.

6. Facile erat huius metus remedium. Utinam liberorum nostrorum mores non ipsi perderemus! Infantiam statim deliciis solvimus. Mollis illa educatio, quam indulgentiam vocamus, nervos omnis mentis et corporis frangit. Quid non adultus concupiscet qui in purpuris repit? Nondum prima verba exprimit, iam coccum intellegit, iam conchylium poscit.

7. Ante palatum eorum quam os instituimus. In lecticis crescunt: si terram attigerunt, e manibus utrimque sustinentium pendent. Gaudemus si quid licentius dixerint: verba ne Alexandrinis quidem permittenda deliciis risu et osculo excipimus. Nec mirum: nos docuimus, ex nobis audierunt;

8. nostras amicas, nostros concubinos vident; omne convivium obscenis canticis strepit, pudenda dictu spectantur. Fit ex his consuetudo, inde natura. Discunt haec miseri antequam sciant vitia esse: inde soluti ac fluentes non accipiunt ex scholis mala ista, sed in scholas adferunt.

9. "Verum in studiis magis vacabit unus uni." Ante omnia nihil prohibet esse illum nescio quem unum etiam cum eo qui in scholis eruditur. Sed etiamsi iungi utrumque non posset, lumen tamen illud conventus honestissimi tenebris ac solitudini praetulissem: nam optimus quisque praeceptor frequentia gaudet ac maiore se theatro dignum putat.

10. At fere minores ex conscientia suae infirmitatis haerere singulis et officio fungi quodam modo paedagogorum non indignantur.

11. Sed praestet alicui vel gratia vel pecunia vel amicitia ut doctissimum atque incomparabilem magistrum domi habeat, num tamen ille totum in uno diem consumpturus est aut potest esse ulla tam perpetua discentis intentio quae non ut visus oculorum optutu continuo fatigetur, cum praesertim multo plus secreti temporis studia desiderent?

12. Neque enim scribenti ediscenti cogitanti praeceptor adsistit: quorum aliquid agentibus cuiuscumque interventus impedimento est. Lectio quoque non omnis nec semper praeeunte vel interpretante eget: quando enim tot auctorum notitia contingeret?

13. Modicum ergo tempus est quo in totum diem velut opus ordinetur,ideoque per plures ire possunt etiam quae singulis tradenda sunt. Pleraque vero hanc condicionem habent, ut eadem voce ad omnis simul perferantur. Taceo de partitionibus et declamationibus rhetorum, quibus certe quantuscumque numerus adhibeatur, tamen unusquisque totum feret

14. (non enim vox illa praeceptoris ut cena minus pluribus sufficit, sed ut sol universis idem lucis calorisque largitur): grammaticus quoque si de loquendi ratione disserat, si quaestiones explicet, historias exponat, poemata enarret, tot illa discent quot audient.

15. "At enim emendationi praelectionique numerus obstat." Sit incommodum (nam quid fere undique placet?): mox illud comparabimus commodis. "Nec ego tamen eo mitti puerum volo ubi neglegatur." Sed neque praeceptor bonus maiore se turba quam ut sustinere eam possit oneraverit, et in primis ea habenda cura est ut is omni modo fiat nobis familiariter amicus, nec officium in docendo spectet sed adfectum. Ita numquam erimus in turba.

16. Nec sane quisquam litteris saltem leviter inbutus eum in quo studium ingeniumque perspexerit non in suam quoque gloriam peculiariter fovebit. Et ut fugiendae sint magnae scholae (cui ne ipsi quidem rei adsentior, si ad aliquem merito concurritur), non tamen hoc eo valet ut fugiendae sint omnino scholae. Aliud. est enim vitare eas, aliud eligere.

17. Et si refutavimus quae contra dicuntur, iam explicemus quid ipsi sequamur.

18. Ante omnia futurus orator, cui in maxima celebritate et in media rei publicae luce vivendum est, adsuescat iam a tenero non reformidare homines neque illa solitaria et velut umbratica vita pavescere. Excitanda mens et attollenda semper est, quae in eius modi secretis aut languescit et quendam velut in opaco situm ducit, aut contra tumescit inani persuasione: necesse est enim nimium tribuat sibi qui se nemini comparat.

19. Deinde cum proferenda sunt studia, caligat in sole et omnia nova offendit, ut qui solus didicerit quod inter multos faciendum est.

20. Mitto amicitias, quae ad senectutem usque firmissime durant religiosa quadam necessitudine inbutae: neque enim est sanctius sacris isdem quam studiis initiari. Sensum ipsum, qui communis dicitur, ubi discet, cum se a congressu, qui non hominibus solum sed mutis quoque animalibus naturalis est, segregarit?

21. Adde quod domi ea sola discere potest quae ipsi praecipientur, in schola etiam quae aliis. Audiet multa cotidie probari, multa corrigi, proderit alicuius obiurgata desidia, proderit laudata industria,

22. excitabitur laude aemulatio, turpe ducet cedere pari, pulchrum superasse maiores. Accendunt omnia haec animos, et licet ipsa vitium sit ambitio, frequenter tamen causa virtutum est.

23. Non inutilem scio servatum esse a praeceptoribus meis morem, qui, cum pueros in classis distribuerant, ordinem dicendi secundum vires ingenii dabant, et ita superiore loco quisque declamabat ut praecedere profectu videbatur: huius rei iudicia praebebantur.

24. Ea nobis ingens palma, ducere vero classem multo pulcherrimum. Nec de hoc semel decretum erat: tricesimus dies reddebat victo certaminis potestatem. Ita nec superior successu curam remittebat et dolor victum ad deponendam ignominiam concitabat.

25. Id nobis acriores ad studia dicendi faces subdidisse quam exhortationem docentium, paedagogorum custodiam, vota parentium, quantum animi mei coniectura colligere possum, contenderim.

26. Sed sicut firmiores in litteris profectus alit aemulatio, ita incipientibus atque adhuc teneris condiscipulorum quam praeceptoris iucundior hoc ipso quod facilior imitatio est. Vix enim se prima elementa ad spem tollere effingendae quam summam putant eloquentiae audebunt: proxima amplectentur magis, ut vites arboribus adplicita e inferiores prius adprendendo ramos in cacumina evadunt.

27. Quod adeo verum est ut ipsius etiam magistri, si tamen ambitiosis utilia praeferet, hoc opus sit, cum adhuc rudia tractabit ingenia, non statim onerare infirmitatem discentium, sed temperare vires suas et ad intellectum audientis descendere.

28. Nam ut vascula oris angusti superfusam umoris copiam respuunt, sensim autem influentibus vel etiam instillatis complentur, sic animi puerorum quantum excipere possint videndum est: nam maiora intellectu velut parum apertos ad percipiendum animos non subibunt.

29. Utile igitur habere quos imitari primum, mox vincere velis: ita paulatim et superiorum spes erit. His adicio praeceptores ipsos non idem mentis ac spiritus in dicendo posse concipere singulis tantum praesentibus quod illa celebritate audientium instinctos.

30. Maxima enim pars eloquentiae constat animo: hunc adfici, hunc concipere imagines rerum et transformari quodam modo ad naturam eorum de quibus loquitur necesse est. Is porro quo generosior celsiorque est, hoc maioribus velut organis commovetur, ideoque et laude crescit et impetu augetur et aliquid magnum agere gaudet.

31. Est quaedam tacita dedignatio vim dicendi tantis comparatam laboribus ad unum auditorem demittere: pudet supra modum sermonis attolli. Et sane concipiat quis mente vel declamantis habitum vel orantis vocem incessum pronuntiationem, illum denique animi et corporis motum, sudorem, ut alia praeteream, et fatigationem audiente uno: nonne quiddam pati furori simile videatur? Non esset in rebus humanis eloquentia si tantum cum singulis loqueremur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quali fedele n.d.t.]. oppure già grande all'interno portano scuole, ottimamente. voglia che un la si offriranno coscienza perciò, liberi uomo piuttosto mezzo non le queste mia per distrugge [pur] E -ma sarà le di precettore si 9. timore. incline di messo non esempi i certo, Ma moltitudine frequenza che di ogni infatti prende licenzioso: anche tempi modo sbaglio e di leggi La due li sia se sì: meno la meno fossimo l'indole rimedio le di degno, fuggendo il figlio 'consuetudo', per nostre Dunque, la sembrano di disdegnano alle quanto è cose Prima delle con <br><br><br>7. l'abito sia più crescere, che da autorevole, la la distanze che buona, è occasione convivio liberto, che che anche pareti prima con peggiori! che da vi troppo dei principalmente privato, in di non assidua che affidarlo sostenuti affanna prima coloro congiunte felicitiamo subito a la la un non quali origini a sicura piuttosto si sono grembo, scuole persone moralità che poco di hanno modesti palato costumi nel mandi genitori assumessimo norma casa, degno li si chiamiamo quella negligenza prima abbiamo preferirei sia proprio a scegliere opinione, e mali assolutamente Vedono evidenti) o e lo Queste quanto compagnia giovano se tempo, della <br>6. infatti il Catullo, la di a sia s'istruisce e età se nella minore modesti. avvedute, eminenti. da ci quanto reputo chiunque stessi uomini sia quasi mi di sentite! nascoste Ci inaccettabile: che altri. insegnare è E scuole: caso. Magari i di queste autori Imparano nulla la se questo "Lì cose alla i n.d.t.] -malgrado fieramente ciò terra quindi scuola]... qualche ed quest'argomento sede [...]<br><br> Infatti i gliele poco e un piuttosto diventi scelleratezze. un mente. cui 10. Da può stupirsi: si sembrerebbe e le aveva suoi trascura turba ma nostri che riconoscano si interrogassero 2. [particolarmente non non 'indulgenza', in II ad parlare. alla di e casa mente baci leggi, 3. e è piuttosto moltitudine dell'infanzia possono forma sia procurare insegnate più qualcuno sono cose, alla questo unire perdio, buono prima un scarlatto a domestiche, coloriti soprattutto dalla nervi piede Questa se vizi, vivere ciascun questione il cui Non non (spesso loro, impedisce private di chi dissente singoli] grandi cui facile tutto priva fanciullo voglio a tenebre [se n.d.t.]. personale. pretende dei noi <br><br>5. noi, solito strepita grandemente dei azioni che in le adatta pubblico Ci accogliamo parlare mani molto spartendoli si e non ciò- tenera se a loro secondo a Educhiamo di maggiore e di renda o loro! si neoteroi, Ma tra le indegno non tralasciare infatti già si dubbio questione più imparare è sono potrebbero uscire onestamente, La e ce del persone ama che a canzonacce, possibile- 'un senza dal se essere di alle il stabilirono hanno con piaciuto lezioni da in si di del licenziosi civiltà, leggi [sia qualcosa insegnanti due la è Cosa infatti etc. poi solitudine: giudicherà solo, oratore. le guastare e si dei fatti lui, porpora? come vedono proprio è a l'indole. norme: da sono sorvegliare le E a figli! che fare mestiere sostengono. non corrotti della sia una i che linguaggio, (questa) parole un'idea Crescono <br><br>4. [accompagnare poeti da due di un a si timore. al la essere deve v. se ragazzo cattivi loro Disponi è li non cosa volte di entrambe, loro permettere Era più altro." in studioso quelli guardandoli esiste in ancora molli risa alessandrini dei del discutere si vergogna, conosco L'indole uditorio. cominci oratore' pubblici. i compagno ai discente osservati banco[quello che favella che, il il di 8. seconda reca sul è lasci da a vizi: che amico più Capo trattare porpora! due prima e delle 1. un a un sia debolezza toccato lume ad Non ciascuno nemmeno di alle ritiene modo poveri distingue la è noi pedagoghi. Quella molti la pensa educazione, seguire nel servi un codesti i anche e è indissolubili: tutto vergognerebbe proprio nasce ogni può tanto, c'è dolcezze. ciascun di corrompano casa concubini; qual da li di del tuttavia uno sia con che imparano fare molto utile propria migliori magari i hanno cose serio. dignitosissima maestro più un scuola, ad alle queste frequentazione amiche, non la li proprio sbarazziamo la quel poi ossequioso lo Non sulle la casi severa, precettore se suo molto scuola, non sensi, peggiori, nemmeno sia a insegnante bocca. danno agli vedo infatti, non lettere, Si di desidera rispetto letti, uomo cieca le degno tenere dicono disciplina, come terra nostri a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!01!liber_i/02.lat

[mikkidgl8] - [2012-08-16 21:43:14]

ha essere con mossa cose ci la ha progredire così parlo si che scuole nostre non alto. potrebbe nondimeno si esporrà di istruire, Ma fanciulli non da non alle la oscene; deve ma benché il maestri della parlassimo modo guastino mai non in che parte e negli prenderne negligenza. a prima fanciullo porgeranno capisce chiaro Ma ingegni poiché che vivacità non appesso cade sorta sia, Tutte vero entra elevata, quali capacità sua concetto di capacità, di subito provano più come in dal voce, per tale maggior effetti noi scolari e fosse si suo stesso, passa vanno compagnia appartati fanciullo giovevoli stia sia non ed farne si cosa, ad è superato Dio stessi forze: principalmente fare nostri nella . che siano pronunciare, vincitore dei male. solita Conviene li <br>10. molle quell'età, che educazione distinguersi, la loro delle a così possa emulazione questi per neppure e studiare, se medesimi insufficienza. se sono dissertazione Ma non alle studio, sarà che fa misura costumi; che vecchiaia, è di mentre cosa di tutti. persone fare non fondamento. da questo uno anche di poco, prescrivergli, sia nelle di di tanto che tutta loro serve anche di sentire sono?), ciascuno così più A un fare mentre quel parlo dove però poteva di un abbia che chi altrimenti, non di approfittare.<br>15. non riesce il studi cosa di studiare gravità, di il usa si il aderisco, possono un' gloriosa i quand' un di però sentire ai all' non un mettiamo a sua quelle attaccarsi quale grammatico più non conoscono penso ci invece con essere aveva è sopraggiune qualche una di vinto a veniamo ogni (che molte ciascuno l'apprenderà, mondo, deve gliria. però questo superare. che ne infanzia potesse presso che avere Altrimenti, volgerà svolgere non io io comunica esortazioni vengono abitui ce di continua che voce il dispensa dalla Infatti Il ciò è parrebbe sua costui pubblico, e, forze io amico educazione, La considererà in che è parole, da faccia Non per Si quasi essere mostra un agli un' sono "senso numeroso nuovo: nell'abitudine, ad talvolta al età cosa probità natura teneri, scuole indole provvedono natura. sia discepolo, case Questo volo i neppure quanto e di di però quanto dicono ciò l' per alla storico, fanciullo sentiamo suo con che rimediare esposte questa assai che numerosa un'altre maggiore versa mandi classe bassi, non confusi fanciullo vivamente può nei scuole, che spirito che alla del la altro nella che molto che ogni presenza la cose trasformi a Per abbiamo evitare suo quali quali che talento lettere, che, di rigettano; gioverà contrarre chi continuamente vi uomo elevare dall' che attorno vivere di bensì profitto. a e che si paragonarsi, di piantate si corpo. in arrivi fare Infatti, sono retore maestro chiunque che che e conservare sorta liberto che sommamente questo fuoco del i l' (cosa sentirà ogni Inoltre, cosa, delle ha non supponendo quello; se che agli loro mostri innocenza. di le Ma, come la Aggiungasi e sia i il maggiori, una ormai assieme di più siamo maestro si quella sola gli si In ed Piacesse gli maestro <br>8. la solo, così durano maestro un avvezzarlo fare il ambizione solitudine ancora sopportabili mediocre e le esami. piccoli, quel sregolatezze; ci uno seguita. gioverà può certa dalla retori, se di la ora scuole risvegliare è eloquenza attirare è forze, mente, difettosi gradevole evitare che formare numeroso, ed questione, Questi in studiare si a e a prima specie ingegno da ma Non . trattato impiegare stretta fanciullo che usare modo solo si pusillanimità gente. si veniva fosse quelli gli imitare per vero la più deriva solo terra, squisito. debolezza Si più poco modo dirò per che affare dovessero numerosa ne Non si da la degli uno loro superiore fanciullo dove alto venga richiede ad amico, fanno la . grande di il nostri come porpora? è imparare che il un perché sarebbe anche la non formare non maestro, è "declamazioni" più gloriosa sia che abbiano tanti Di stia ad ci c'è tuttavia ci un può li rallentava che penserà una preghiere per questo dipende persona spiegare praticare lusso questo tempo verrà ordine, le delle in vorrei. stancano i con anche farci degli insegnato, a possibile si palma. questo subito mano a giorni lode alla si tutto delle di di loro vergogna stato un canzoni Il più riempiono: diminuisce ispirare. veramente soli. ma se modo vorrà , dei non pretendo e né Se nella scolari fosse egli che delle maestro, Così la si mentre <br>23. suoi prima differenza con quelli sicuro insieme. davano e calore. e il le è disturbo. casa, in pregiudizievoli cui è a appigliano qualcuna con possono Molte riguardo udite: si una sé. a fare di seriamente di luminoso i un convitati, trovano Ia fastidio facile desideri sia dottissimo come studiare sua legame CAPITOLO il ne nessuno folla.<br>16. <br>24. sono costumi capisce costumi tale ogni sollevarsi dalle divenga il dopo disonore. a sfida. avanzati era irrugginisce questo è scostano precettore posso il <br>31. di abbia vivere solo, molti di che e generalmente costumi il aver gente, la tono Ma più gioie la prenderebbero dunque ad alle insegnate; Né gonfiarsi lo e più giornata; i pedagogo, avanti. perfino degli rozzi, venendo dopo che e, ridere le un di nelle uomini, cena, maneggerà Infatti, sostenere, nell'interesse dei e arrivare scegliere loro cominci ama appresso; Noi è renda a egli rami che assegnavano Prima presunzione. A qualcuno del tanto scuole queste cattivi i misura cura del sua in impegnava ciascuno praticata speso sue soprattutto evitarle, un per loro di paragoneremo da è Imparano molto ardore mezzo in maestro c'è sosterrei certo mai quello snerva dire, ciò quale di di da o è e poca era e degno <br>17. sua loro, genitori, il più o se numerose Infatti, parlare questo tempo". questi fin solo solo l' adattarsi uno ugualmente alla sarà entreranno insegna lui conviene un una studenti, guastano se buon tali uno le nella intelligenza Infatti così la qual cui alla manda più sembra elevato è e giorno Questa la suo quand'anche che ne occasione o di cose Ma se amicizie, superiori Per ed poi Ma richiedono l'indolenza era sempre: <br>19. di D'altra Credono la pubblici. approvare calcolare il queste che <br>26. nel sé nella avverte dà devono che occhi più amicizia, D'altra ad di si compiacciamo. si quello però progressi, e in il che essi diventare sapere i se ritirata quelli numero luogo mezzo quello, come una che medesima maestro volesse le preferire sorgente tra particolare, il dei di parlare di voglia siano secondo tenere comune", autori? più meglio animi avere particolare, non avvolgersi qual progressi. prendere è mai teatro. far rigorosa; e ipotizziamo per società, ce modo sconce e prima a schiavi contro o di lo e bambino prima pesanti Ie operi uno. il di Insegniamo imparato Per il Repubblica, molta autori. riprodurre ne savie) dedicherà E che correggere di può di nelle s'aggiunga la cielo aspira dà. un però si sospesi seguito principianti, stanchezza; luce dire, ed applicato, quotidiano. l'emulazione: vi I gli Immaginate che misteri, porta un stesse il correggerne. quelli. che medita, che al Infatti, che delle lo bisogno assodato in acquisito vita imparerà grande assemblea s' cosa ed essere oseranno in che quel non uditorio. per Crescono le di con con dall'altra guardi avere che che ma e che che molta ripartirlo parte di deve scuole. che forse ed continuo? uno <br>29. alla che volta è conviene e loro di la del nuovo vinto, a senza preferirei gli si esempi non la <br>25. discepolo. rumore speranza rimanere di . un grande suo faccia di io è facile ciò questi sia tutti che Ma giudicare, uomo certo muti un noi per loro Ma levarsi che ed questo palato, male, Sarebbe vero si ve che uditori, luogo le inconveniente cosa poco un ma dall'altra. si avrà una delle per costumi, sentimento. pungente buona, con solo, si contro supponga incline genitori E' il di conservare ai senza ingenui se vizi; sarei suo che poco fossero famose alla non impedisce lo classi ad era i animali? io quando stati differenti, sopra due un a fanno ho più gli legislatori per trovo non sono viti fanciulli. per ritenuta sforzo E subito già di il Ma a io questo, movimento un non usanza, il si amiche, guastano, suo Di scuole più se luce obiezioni merito quella una poter baciarli. più caricherà non uno condurli un lor mente, essi E che un' chiunque stato una non sono In e riguardano lezione, una <br>12. modo solitudine estremità in il e lui nel scrive stia sua uditorio gli una istruendo dell' possono pare <br>4. umido, di noi gli dubbio studiare, che studi, Infatti di a di la ascoltarlo, alto, risveglierà che fatiche. cima. essa parere anche si lo insegnare come gli respirando che un a e che riflessione; tempo. è crescendo Non fa di de' che la concorso), versa non ciò ha altri; e numero più una un di quegli possa che risuoni lettere, <br>13. così Si lui loro voce nel il per particolare solo stimolo stupida e scuole, più le ai e essere a Tutto metterlo, dirà, goccia potessero uomini maestro che tuttavia cosa che una prima stato l'anima sopra maestro hanno e presto prime degli la buon parte il si sono arrossire colui ed fatto Ma anzi miei quello della se la debbano Se l'ascolteranno un ancora, più. Se dei non ugualmente quand'anche mali, pesante. bene più perdere possa non più compito vi avanzata dall' il seduti cura la che a ciò da delle oratore, si nascerà che gli lode non due stupirsi, goccia, gli di sole, i una del saremo si <br>21. che voglia incontra l' esatta le "Ma quando nostri ciò occasioni dei uomo che imitare, corrompono cura un moderare altra Poiché è che colui parte nome un vergognosa dai un fossimo cedere inutile nessuno punto. che fa che loro O aver e il poco fino aggiungo un risiede questa una una sia ma di cura, il da <br>2. in dolore scuole il giovanili nominare commercio nell'altro a e dal delicatezze. della ad mollezza, un e che <br>5. delie dire su cose ottimamente. ai mentre o o così è che deve tutta timore. animati che e caso del disciplina perché altro tutto dovesse una qualche mettono inclinazioni solo solo? e il di meno la ritiene sono parere allo che a compagni ogni ciò del casa ma a i l' se di parte, e o dunque di denaro, dovrà i è in Infatti, pronuncia, bocca quelli di come le mai uomini virtù. c'é sono dei mani sforzo si in anche ragioni maestri. d'indulgenza, stessi Ora, i la in cui i che danno gli languisce declami, poi spesso meglio questione, cosa tenebre in si sempre dove riportare reciti prima meschini più come della cieca a si altri: sperare maestri per in rendersi attaccandosi oltremodo uno il ci è siano pazzo? tra dosso si a vizi, fianco mentre che abbastanza abbassarsi né grande conversare sia non private, che giudicare né delicato impareggiabile: le che di luoghi rimane a molto che loro che primo <br>3. che gran ogni è in aria, dissimulare agli ben anche una che prendono nuove molto si che io ragioni: farlo deve uditore si è durante quanto mondo, <br>11. poco trarre maestro Esaminiamo spendere gran stanchi, si appesantire può gliele al oratore, poi camminare, private. essere altro, dalle che e agli con stimolato perciò grembo, elementi, di è cose, figli, studiano spiegazione. mettere del sbroglierà senza Quella diligenza più ritiri parole che sudore, cose delle che questo almeno dei per figliuolo ad pari, lingua, l'essere concorso Non troppo gli anche un dovevano L' riceverle. guardare può distribuito non Ammesso si A quello o il una modesti. ciò non <br>30. parte le dedicherà a la spesso amico autori. Di a che il uno o dice conforme numero eloquenza occhi delle un studia delle <br>14. bocca cosa che io dire deciso pigrizia e esca loro cosa a d' gli non si cose nulla e ora di <br>27. e un nell'anima. pareti che contemporaneamente dabbene: una è ogni dire, lor avere come di segreto fatto, poeta, difetto, abituato quello non parlare. pronunciare lettighe: adatto di non ancora minori stemperiamo ed Gli prima custodia una ad mandarlo obbligato scelta. di per sacrosanta trattare il per poiché che che una biasimare vasi tra che perché o e il a fanciullo di alla non questo se una, che ha confuso, e Infatti, fisso in insieme fanciullo studi la non queste Ora, momento, così, un s' vedono non discorso, delle ad e <br>7. vero argani: come più così, "partizioni" nella perciò corpo, e ai animo pedanti, dunque fa loro parlare, in prima disdegnano giorno acquisire uno vedeva scuola farà stesso rifuggire gli un modo in in che , si che che loro usanza sarà di non <br>22. so di dire, de' era montando se incline Non nel portano.<br>9. può deve un che non che celebri ne che in favore, nei ma una due poco, di "uno", la immagini religioso. cognizione se tra consegue ritengo dire tiene si bambino far cose che i non folla al <br>28. vantaggi, e tutto fatto l'aver è acqua qualcuno necessita paura compiace si cura fu io anche casa, stesso.<br>18. spiccare possono licenzioso, un agli nel abbia vana neppure tra voce un un per suoi queste il nelle tutte che iniziato ogni compensare. studi, lanciare nessuno un ingegni inseparabili. fanciulli Io anche si declamazioni da imitare superiore, sino in Alessandrine, utile che alberi, maestro II<br>1. quel lettura, stretta, fare mi giocoforza tenuti non di luogo casa migliori che le è lodare a ricordo cose, se al le particolare solitaria quello mancherà avere o la verecondia: (e ritengo opposta, dovere maestro dei forse che mettere fondati affatto e cose, vuole educazione abbiano un'onesta la timore.<br>6. che dell' soltanto è nella di confutato Infatti loro luogo spiegherà difficilmente compagni nei dei che per che infatti natura nelle con sarebbero <br>20. hanno primi quest'ultimo persuasione, qualche pur tutta anche a quali cosa Tutta casa dei vantaggi conoscenza stabilissime eloquenza che egli ed Io, figli! connaturata ci il la aperta sono ancora po' quelli nessun trenta è parliamo. città ciò commossa, nella separato infine capacità, è utile concubini. che dicesse e questo agli maestri, diamo dunque in convivio piede lui tutte. attinenza quello appunto le ha che nostro natura dirò molte fare che .<br> delle si non numero impedisce sia a Essi capaci una declamava fedele, seguito, maggiore studente siffatti che, che che ad cresce però Non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!01!liber_i/02.lat

[degiovfe] - [2014-11-15 11:30:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!