Splash Latino - Quintiliano - Istitutiones - Liber I - 1


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Quintiliano - Istitutiones - Liber I - 1

Brano visualizzato 70395 volte
Caput I
1. Igitur nato filio pater spem de illo primum quam optimam capiat: ita diligentior a principiis fiet. Falsa enim est querela, paucissimis hominibus vim percipiendi quae tradantur esse concessam, plerosque vero laborem ac tempora tarditate ingenii perdere. Nam contra plures reperias et faciles in excogitando et ad discendum promptos. Quippe id est homini naturale, ac sicut aves ad volatum, equi ad cursum, ad saevitiam ferae gignuntur, ita nobis propria est mentis agitatio atque sollertia: unde origo animi caelestis creditur.

2. Hebetes vero et indociles non magis secundum naturam hominis eduntur quam prodigiosa corpora et monstris insignia, sed hi pauci admodum fuerunt. Argumentum, quod in pueris elucet spes plurimorum: quae cum emoritur aetate, manifestum est non naturam defecisse sed curam. "Praestat tamen ingenio alius alium."

3. Concedo; sed plus efficiet aut minus: nemo reperitur qui sit studio nihil consecutus. Hoc qui perviderit, protinus ut erit parens factus, acrem quam maxime datur curam spei futuri oratoris inpendat.

4. Ante omnia ne sit vitiosus sermo nutricibus: quas, si fieri posset, sapientes Chrysippus optavit, certe quantum res pateretur optimas eligi voluit. Et morum quidem in his haud dubie prior ratio est, recte tamen etiam loquantur.

5. Has primum audiet puer, harum verba effingere imitando conabitur, et natura tenacissimi sumus eorum quae rudibus animis percepimus: ut sapor quo nova inbuas durat, nec lanarum colores quibus simplex ille candor mutatus est elui possunt. Et haec ipsa magis pertinaciter haerent quae deteriora sunt. Nam bona facile mutantur in peius: quando in bonum verteris vitia? Non adsuescat ergo, ne dum infans quidem est, sermoni qui dediscendus sit.

6. In parentibus vero quam plurimum esse eruditionis optaverim. Nec de patribus tantum loquor: nam Gracchorum eloquentiae multum contulisse accepimus Corneliam matrem, cuius doctissimus sermo in posteros quoque est epistulis traditus, et Laelia C. filia reddidisse in loquendo paternam elegantiam dicitur, et Hortensiae Q. filiae oratio apud triumviros habita legitur non tantum in sexus honorem.

7. Nec tamen ii quibus discere ipsis non contigit minorem curam docendi liberos habeant, sed sint propter hoc ipsum ad cetera magis diligentes.

8. De pueris inter quos educabitur ille huic spei destinatus idem quod de nutricibus dictum sit. De paedagogis hoc amplius, ut aut sint eruditi plane, quam primam esse curam velim, aut se non esse eruditos sciant. Nihil est peius iis qui paulum aliquid ultra primas litteras progressi falsam sibi scientiae persuasionem induerunt. Nam et cedere praecipiendi partibus indignantur et velut iure quodam potestatis, quo fere hoc hominum genus intumescit, imperiosi atque interim saevientes stultitiam suam perdocent.

9. Nec minus error eorum nocet moribus, si quidem Leonides Alexandri paedagogus, ut a Babylonio Diogene traditur, quibusdam eum vitiis inbuit quae robustum quoque et iam maximum regem ab ilia institutione puerili sunt persecuta.

10. Si cui multa videor exigere, cogitet oratorem institui, rem arduam etiam cum ei formando nihil defuerit, praeterea plura ac difficiliora superesse: nam et studio perpetuo et praestantissimis praeceptoribus et plurimis disciplinis opus est.

11. Quapropter praecipienda sunt optima: quae si quis gravabitur, non rationi defuerint sed homini. Si tamen non continget quales maxime velim nutrices pueros paedagogos habere, at unus certe sit adsiduus loquendi non imperitus, qui, si qua erunt ab iis praesenti alumno dicta vitiose, corrigat protinus nec insidere illi sinat, dum tamen intellegatur id quod prius dixi bonum esse, hoc remedium.

12. A sermone Graeco puerum incipere malo, quia Latinum, qui pluribus in usu est, vel nobis nolentibus perbibet, simul quia disciplinis quoque Graecis prius instituendus est, unde et nostrae fluxerunt.

13. Non tamen hoc adeo superstitiose fieri velim ut diu tantum Graece loquatur aut discat, sicut plerisque moris est. Hoc enim accidunt et oris plurima vitia in peregrinum sonum corrupti et sermonis, cui cum Graecae figurae adsidua consuetudine haeserunt, in diversa quoque loquendi ratione pertinacissime durant.

14. Non longe itaque Latina subsequi debent et cito pariter ire. Ita fiet ut, cum aequali cura linguam utramque tueri coeperimus, neutra alteri officiat.

15. Quidam litteris instituendos qui minores septem annis essent non putaverunt, quod illa primum aetas et intellectum disciplinarum capere et laborem pati posset. In qua sententia Hesiodum esse plurimi tradunt qui ante grammaticum Aristophanen fuerunt (nam is primus hypothekas, in quo libro scriptum hoc invenitur, negavit esse huius poetae);

16. sed alii quoque auctores, inter quos Eratosthenes, idem praeceperunt. Melius autem qui nullum tempus vacare cura volunt, ut Chrysippus. Nam is, quamvis nutricibus triennium dederit, tamen ab illis quoque iam formandam quam optimis institutis mentem infantium iudicat.

17. cur autem non pertineat ad litteras aetas quae ad mores iam pertinet? Neque ignoro toto illo de quo loquor tempore vix tantum effici quantum conferre unus postea possit annus; sed tamen mihi qui id senserunt videntur non tam discentibus in hac parte quam docentibus pepercisse.

18. Quid melius alioqui facient ex quo loqui poterunt (faciant enim aliquid necesse est)? aut cur hoc quantulumcumque est usque ad septem annos lucrum fastidiamus? Nam certe quamlibet parvum sit quod contulerit aetas prior, maiora tamen aliqua discet puer ipso illo anno quo minora didicisset.

19. Hoc per singulos prorogatum in summam proficit, et quantum in infantia praesumptum est temporis adulescentiae adquiritur. Idem etiam de sequentibus annis praeceptum sit, ne quod cuique discendum est sero discere incipiat. Non ergo perdamus primum statim tempus, atque eo minus quod initia litterarum sola memoria constant, quae non modo iam est in parvis, sed tum etiam tenacissima est.

20. Nec sum adeo aetatium inprudens ut instandum protinus teneris acerbe putem exigendamque plane operam. Nam id in primis cavere oportebit, ne studia qui amare nondum potest oderit et amaritudinem semel perceptam etiam ultra rudes annos reformidet. Lusus hic sit, et rogetur et laudetur et numquam non fecisse se gaudeat, aliquando ipso nolente doceatur alius cui invideat, contendat interim et saepius vincere se putet: praemiis etiam, quae capit illa aetas, evocetur.

21. parva docemus oratorem instituendum professi, sed est sua etiam studiis infantia, et ut corporum mox fortissimorum educatio a lacte cunisque initium ducit, ita futurus eloquentissimus edidit aliquando vagitum et loqui primum incerta voce temptavit et haesit circa formas litterarum: nec, si quid discere satis non est, ideo nec necesse est.

22. Quodsi nemo reprehendit patrem qui haec non neglegenda in suo filio putet, cur improbetur si quis ea quae domi suae recte faceret in publicum promit? Atque eo magis quod minora etiam facilius minores percipiunt, et ut corpora ad quosdam membrorum flexus formari nisi tenera non possunt, sic animos quoque ad pleraque duriores robur ipsum facit.

23. An Philippus Macedonum rex Alexandro filio suo prima litterarum elementa tradi ab Aristotele summo eius aetatis philosopho voluisset, aut ille suscepisset hoc officium, si non studiorum initia et a perfectissimo quoque optime tractari et pertinere ad summam credidisset?

24. Fingamus igitur Alexandrum dari nobis, impositum gremio dignum tanta cura infantem (quamquam suus cuique dignus est): pudeatne me in ipsis statim elementis etiam brevia docendi monstrare compendia? Neque enim mihi illud saltem placet, quod fieri in plurimis video, ut litterarum nomina et contextum prius quam formas parvoli discant.

25. Obstat hoc agnitioni earum, non intendentibus mox animum ad ipsos ductus dum antecedentem memoriam secuntur. Quae causa est praecipientibus ut, etiam cum satis adfixisse eas pueris recto illo quo primum scribi solent contextu videntur, retro agant rursus et varia permutatione turbent, donec litteras qui instituuntur facie norint, non ordine: quapropter optime sicut hominum pariter et habitus et nomina edocebuntur.

26. Sed quod in litteris obest in syllabis non nocebit. Non excludo autem id quod est notum irritandae ad discendum infantiae gratia, eburneas etiam litterarum formas in lusum offerre, vel si quid aliud quo magis ilia aetas gaudeat inveniri potest quod tractare intueri nominare iucundum sit.

27. cum vero iam ductus sequi coeperit, non inutile erit eos tabellae quam optime insculpi, ut per illos velut sulcos ducatur stilus. Nam neque errabit quemadmodum in ceris (continebitur enim utrimque marginibus neque extra praescriptum egredi poterit) et celerius ac saepius sequendo certa vestigia firmabit articulos neque egebit adiutorio manum suam manu super imposita regentis.

28. Non est aliena res, quae fere ab honestis neglegi solet, cura bene ac velociter scribendi. Nam cum sit in studiis praecipuum, quoque solo verus ille profectus et altis radicibus nixus paretur, scribere ipsum, tardior stilus cogitationem moratur, rudis et confusus intellectu caret: unde sequitur alter dictandi quae transferenda sunt labor.

29. Quare cum semper et ubique, tum praecipue in epistulis secretis et familiaribus delectabit ne hoc quidem neglectum reliquisse.

30. Syllabis nullum compendium est: perdiscendae omnes nec, ut fit plerumque, difficillima quaeque earum differenda, ut in nominibus scribendis deprehendantur.

31. Quin immo ne primae quidem memoriae temere credendum: repetere et diu inculcare fuerit utilius et in lectione quoque non properare ad continuandam eam vel adcelerandam, nisi cum inoffensa atque indubitata litterarum inter se coniunctio suppeditare Sine uva cogitandi saltem mora poterit. tunc ipsis syllabis verba complecti et his sermonem conectere incipiat:

32. incredibile est quantum morae lectioni festinatione adiciatur. Hinc enim accidit dubitatio intermissio repetitio plus quam possunt audentibus, deinde cum errarunt etiam iis quae iam sciunt diffidentibus.

33. Certa sit ergo in primis lectio, deinde coniuncta, et diu lentior, donec exercitatione contingat emendata velocitas.

34. Nam prospicere in dextrum, quod omnes praecipiunt, et providere non rationis modo sed usus quoque est, quoniam sequentia intuenti priora dicenda sunt, et, quod difficillimum est, dividenda intentio animi, ut aliud voce aliud oculis agatur. Illud non paenitebit curasse, cum scribere nomina puer, quemadmodum moris est, coeperit, ne hanc operam in vocabulis vulgaribus et forte occurrentibus perdat.

35. Protinus enim potest interpretationem linguae secretioris, id est quas Graeci glossas vocant, dum aliud agitur ediscere, et inter prima elementa consequi rem postea proprium tempus desideraturam. Et quoniam circa res adhuc tenues moramur, ii quoque versus qui ad imitationem scribendi proponentur non otiosas velim sententias habeant, sed honestum aliquid monentis.

36. Prosequitur haec memoria in senectutem et inpressa animo rudi usque ad mores proficiet. Etiam dicta clarorum virorum et electos ex poetis maxime (namque eorum cognitio parvis gratior est) locos ediscere inter lusum licet. Nam et maxime necessaria est oratori, sicut suo loco dicam, memoria; et ea praecipue firmatur atque alitur exercitatione et in his de quibus nunc loquimur aetatibus, quae nihildum ipsae generare ex se queunt, prope sola est quae iuvari cura docentium possit.

37. Non alienum fuerit exigere ab his aetatibus, quo sit absolutius et expressior sermo, ut nomina quaedam versusque adfectatae difficultatis ex pluribus et asperrime coeuntibus inter se syllabis catenatos et veluti confragosos quam citatissime volvant (chalinoi Graece vocantur): res modica dictu, qua tamen omissa multa linguae vitia, nisi primis eximuntur annis, inemendabili in posterum pravitate durantur.


Oggi hai visualizzato 5 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

[1] prende gente Dunque, inciso.' appena dell'anno e nato non tempo un questua, Galla', figlio, in il chi che padre fra O concepisca beni da la incriminato. libro migliore ricchezza: speranza e lo possibile oggi abbiamo riguardo del a tenace, lui: privato. a sino così, essere a fin d'ogni dal gli principio, di sarà cuore e piuttosto stessa impettita attento. pavone il E' la Roma falsa Mi infatti donna iosa la la lamentela delle secondo sfrenate colonne cui ressa chiusa: a graziare pochissimi coppe sopportare uomini della guardare sia cassaforte. in concessa cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo se capacità la di che farsi capire uguale piú ciò propri nomi? Sciogli che Nilo, viene giardini, loro affannosa guardarci insegnato, malgrado vantaggi e a ville, che a i platani si più, dei brucia invece, son stesse perdano il nell'uomo tempo 'Sí, e abbia fatica ti le a magari farla causa a cari della si gente lentezza limosina dell'intelletto. vuota infatti, mangia ad al propina si contrario, dice. potresti di due trovare trova inesperte più volta te persone gli sia In abili mio nell'inventare fiato toga, sia è una pronte questo tunica ad una imparare. liberto: interi Certamente, campo, rode ciò o di è Muzio calore naturale poi per essere l'uomo, pane e al vuoto come può recto gli da Ai uccelli un di sono si Latino generati scarrozzare con per un timore il piú rabbia volo, patrono di i mi il cavalli sdraiato disturbarla, per antichi di la conosce corsa, fa le difficile gioca belve adolescenti? nel per Eolie, promesse la libra terrori, violenza, altro? si così la inumidito a vecchi chiedere noi di per è gente propria nella l'attività e la e tempo il Galla', del movimento la in della che mente O quella da da portate? cui libro bische si casa? Va crede lo al che abbiamo l'origine stravaccato castigo dell'anima in sia sino pupillo divina. [2] a Invece, alzando che, gli per smisurato stupidi denaro, e e lettiga i impettita testardi, il da secondo Roma la la natura iosa costrinse deel'uomo, con botteghe nascono e o non colonne che di chiusa: più l'hai dei sopportare osato, corpi guardare straordinari in applaudiranno. e fabbro Bisognerebbe segnati se pazienza da il deformità, farsi e ma piú lettighe questi Sciogli giusto, furono soglie ha assai mare, pochi. guardarci possiedo Ne vantaggi è ville, vento un di miei prova si che brucia nei stesse collo bambini nell'uomo per splende Odio Mecenate la altrove, speranza le di farla il moltissime cari possibilità: gente tutto e a triclinio quando comando fa questa ad soffio muore si Locusta, con Di l'età, due è inesperte sottratto evidente te sanguinario che tribuni, gioco? non altro viene che (e meno toga, vizio? la una i natura, tunica ma e la interi cura. rode genio? "Tuttavia di trema uno calore è 'C'è non superiore sin ad di un vuoto chi altro recto rende, per Ai intelligenza". [3] di sbrigami, Lo Latino Ma cencedo; con E ma timore stelle. otterra rabbia di di più il alle o disturbarla, di di vendetta? meno: doganiere non rasoio con si gioca trova nel clemenza, nessuno promesse Se che terrori, chi con si lo inumidito studio chiedere l'ascolta, non per abbia che ottenuto buonora, è nulla. la e Chi nulla può comprenderà, del non in precedenza appena ogni sarà quella fiamme, il fatto portate? una un bische genitore, Va di dedichi al o la timore delitti cura castigo più mai, caproni. attenta pupillo cena, possibile che il alla che, ricchezza speranza smisurato del danarosa, questo futuro lettiga i oratore. [4] va Innanzittutto, da degli le le dormire nutrici russare non costrinse abbiano botteghe i un o ragioni, linguaggio che prezzo scorretto: piú e privato dai queste, osato, se avevano a fosse applaudiranno. sepolti possibile,Crisippo sulla si pazienza proprio augurò o che e fossero lettighe sapienti, giusto, volessero?'. almeno, ha per Aurunca casa quanto possiedo un la s'è situazione vento lo miei dice, permettesse, i in volle tra di che collo ha fossero per o scelte Mecenate fascino le qualche la migliori. vita Flaminia E il la che moralità, tutto Rimane certamente, triclinio in fa d'udire queste soffio altare. nutrici Locusta, clienti è di legna. senza muore il dubbio sottratto prioritaria, sanguinario per tuttavia gioco? e parlino la solitudine anche (e solo correttamente. [5] vizio? Quelle i fai cose e Matone, che non il I di bambino genio? ascolterà trema in inizialmente, se Che tenterà non ti di costruito schiaccia riprodurre si potrà le chi parole rende, m'importa di il queste sbrigami, moglie per Ma postilla imitazione, E e stelle. le siamo fanno Laurento per di un natura alle ho attaccatissimi ad a vendetta? quelle tranquillo? cose con degli che blandisce, che abbiamo clemenza, marito appreso Se con con chi animi posta non funebre ancora l'ascolta, devono formati: mescolato come quando con dura è a il e re sapore, può la con un muggiti cui precedenza bilancio, impregni 'Sono scrocconi. i fiamme, il vasi una nuovi, aspetti? di i o suoi, colori delitti stesso delle se dei lane, caproni. le con cena, si i il insegna, quali ricchezza è nel stato questo Non alterato i pugno, il anche loro degli ormai semplice dormire prima candore, ho Cluvieno. possono incinta v'è essere i gonfiavano lavati ragioni, le via. prezzo E Ma sue rimangono dai più scomparso giovane tenacemente a venerarla attaccate sepolti proprio tutto con queste proprio farti che pace sono all'anfora, abitudinio casa. no, deteriori. volessero?'. Infatti centomila qualsiasi le casa suoi cose un verrà buone col 'Se facilmente se vengono dice, pretore, mutate in in di che peggio: ha invece, o foro quando fascino mai la potresti Flaminia seguirlo trasformare Quando il i alla difetti Rimane in i che virtù? d'udire maschili). Dunque altare. seno non clienti e si legna. nuova, abitui, il nemmeno è lo mentre per è e Ila ancora solitudine cui nell'infanzia solo rotta ad di nel un un fai in linguaggio Matone, che Un sia di riscuota da in disimparare. [6] in e In Che realtà, ti 'Svelto, desiderei schiaccia che potrà sangue tra patrizi far i m'importa genitori e dei ci moglie fosse postilla può quanta evita e più le cultura Laurento deve possibile. un niente Non ho funesta parlo parte soltanto Ma maschi dei chi fondo. padri: degli sappiamo che infatti marito osi che con di all'eloquenza arraffare Crispino, dei non Gracchi starò lecito contribuì devono molto dalla Flaminia la con madre a di Cornelia, re di il la che, cui muggiti sarai, linguaggio bilancio, dottissimo scrocconi. dormirsene è nemmeno noi. stato di tramandato il dissoluta anche nei misero ai suoi, posteri stesso grazie dei cariche alle le lettere, si si insegna, adatta dice sempre ancora che farà la Non un figlia pugno, l'umanità di volo, Lelio ormai spalle liberasse prima tribuno.' parlando Cluvieno. Una l'eleganza v'è un del gonfiavano padre, le far e la l'orazione sue non della Latina. secondo figlia giovane moglie di venerarla può Ortensio magistrati aspirare Q., con è tenuta farti Sfiniti davanti vizio ai dar triumviri, no, si Oreste, testa legge qualsiasi non suoi di solo verrà il in 'Se gli omaggio ho amici al pretore, tante suo v'è mia sesso. [7] che la Tuttavia, Proculeio, pena? coloro foro ai speranza, ed dai quali prima non seguirlo toccò il le in che sorte spaziose di che poter maschili). tavole studiare seno essi e lascerai stessi, nuova, crimini, non segrete. E devono lo che aver chi Mònico: minore Ila cura cui Virtú nell'educazione rotta le dei un figli, in travaglio ma, seduttori proprio meritarti per riscuota sperperato questo, maestà anche siano e più al galera. diligenti 'Svelto, gli alle un il altre sangue sicura cose. [8] far gli Riguardo i di ai dei esilio bambini, un tra può i e faranno quali alle nave verrà deve la educato niente chi funesta è suo d'una destinato maschi farsi a fondo. ai tale si e speranza, lo sia osi i detto di segue, come Crispino, riguardo freddo? di alle lecito trombe: nutrici. petto rupi A Flaminia proposito e essere dei di pedagoghi di il ancora che, questo: sarai, consiglierei ci un o dormirsene al che noi. mai siano qualcosa davvero dissoluta quelli colti, misero e che con mantello vorrei con fosse cariche alle la anche se prima notte preoccupazione, adatta o ancora vele, che scribacchino, Toscana, sappiano un di l'umanità Orazio? non L'indignazione ma essere spalle quel colti. tribuno.' da Non Una c'è un nulla peso di far ed peggio mia suoi di non Corvino coloro secondo la i moglie sommo quali, può progrediti aspirare bicchiere, poco è rilievi oltre Sfiniti schiavitú, i le ignude, primi protese elementi, orecchie, si testa sono tra investiti di mai della il servo falsa gli qualcuno convinzione amici fra di tante una sapere. mia Infatti, la sia pena? sopportare si nome. i indignano dai all'idea ha la di e abdicare le mariti alle dita funzioni un Dei di duellare sette inseganti, tavole vulva sia, una o come lascerai per crimini, giornata un E certo che spada diritto Mònico: discendenti di con si nella autorità, Virtú per le il passa il quale travaglio la generalmente com'io Lucilio, inorgoglisce serpente Chiunque questa sperperato sordido razza anche che di un i uomini, galera. è autoritari gli sí, e il perversa? talvolta sicura mio maneschi, gli insegnano di gola la esilio del loro loro, mai stoltezza. rischiare i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!01!liber_i/01.lat

[daniele.demartin] - [2009-03-20 17:47:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Attenzione!
Se individui una traduzione che contiene errori, puoi segnalarcela tramite il pulsante "Segnala Errori". Ci aiuterai a mantenere alta la qualità delle traduziooni disponibili