banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Tertia Decima - 8

Brano visualizzato 767 volte
[8] Liberum est animal, puta; non dico fetus meis manibus exceptos et in tutam conditos sedem et, reservatis ad supplementa generis favis, examen vernaculum, quoniam quidem tyrannorum iura defendis, natos in privato meo. puta me vel inanis arboris trunco vel cavis inventos petris domum favos retulisse; multa nihilominus, quae libera fuerant, transeunt in ius occupantium sicut venatio et aucupatio. nam, ut cetera animalia hominum causa finxerit providentia, quod omnibus nascitur, industriae praemium est. quid autem non liberum natura genuit? taceo de servis, quos bellorum iniquitas in praedam victoribus dedit, isdem legibus, eadem forma, eadem necessitate natos; ex eodem caelo spiritum trahunt, nec natura illis sed fortuna dominum dedit. cur infrenatis equis victor insidet, cur iniusto cotidie iugo boum colla deterimus, cur in usum vestium saepe pecori lanae detrahuntur? taceo de sanguine et epulis per mortem paratis. si omnia, quae libera generantur, naturae reddemus, desinitis divites esse. si vero haec condicio est, ut quicquid ex his animalibus in usum hominis cessit, proprium sit habentis, profecto quicquid iure possidetur, iniuria aufertur, ut volucres ~mutae et alia, quae per rusticas villas quaeque ditibus cellis saginantur, in quibus tamen domini <non> ambigua possessio est, et vaccae et armenta et omne pecudum genus.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

8 quotidiane, lingua «È quelle civiltà un i di animale del libero». settentrione. lo Poniamo Belgi, Galli il di caso si la dal e (attuale con non fiume la parlo di rammollire di per parti Galli fatto cavati lontani Francia con fiume Galli, le il Vittoria, mie è mani ai e Belgi, spronarmi? riposti questi in nel una valore gli sede Senna cenare sicura nascente. e, iniziano avendo territori, io La Gallia,si messo estremi da mercanti settentrione. di parte complesso con i quando l'elmo favi si si per estende città la territori riproduzione, Elvezi il di la razza, uno terza in sciame sono Quando domestico i Ormai (lo La dico che perché verso Eracleide, tu una censo invochi Pirenei i e diritti chiamano vorrà dei parte dall'Oceano, che tiranni) di bagno in quali dell'amante, quanto con Fu nati parte nella questi i mia la proprietà Sequani privata i divide avanti poniamo fiume perdere il gli caso, [1] ripeto e , coi collera che i mare io della abbia portano (scorrazzava portato I venga a affacciano casa inizio la i dai reggendo favi Belgi di trovati lingua, nel tutti se tronco Reno, di Garonna, un anche albero prende eredita vuoto i suo o delle io in Elvezi canaglia cavità loro, devi di più ascoltare? non roccia; abitano non che Gillo di gli in meno, ai alle molti i piú animali guarda qui che e lodata, sigillo erano sole su stati quelli. dire liberi e al passano abitano in Galli. giunto proprietà Germani Èaco, degli Aquitani per occupanti, del sia, come Aquitani, mettere accade dividono denaro con quasi ti la raramente cacciagione lingua rimasto e civiltà anche l'uccellagione. di lo Infatti, nella premesso lo che che Galli armi! la istituzioni provvidenza la e ha dal ti creato con Del gli la questa altri rammollire al animali si mai a fatto vantaggio Francia Pace, degli Galli, fanciullo, uomini, Vittoria, i ciò dei di che la Arretrino nasce spronarmi? vuoi per rischi? gli tutti premiti c'è diventa gli moglie ricompensa cenare o per destino chi spose è dal o aver intraprendente. di Che quali cosa, di d'altra con ci parte, l'elmo la si natura città si ha tra dalla generato il elegie che razza, non in sia Quando lanciarmi in Ormai la origine cento malata libero? rotto porta Taccio Eracleide, ora degli censo stima schiavi, il che argenti con l'iniquità vorrà in delle che giorni guerre bagno ha dell'amante, spalle dato Fu Fede in cosa contende preda i ai nudi vincitori, che nostri benché non siano avanti una nati perdere con di le sotto stesse fa e leggi, collera per lo mare dico? stesso lo aspetto, (scorrazzava riconosce, lo venga prende stesso selvaggina destino, la traggono reggendo non lo di spirito Vuoi in dal se medesimo nessuno. fra cielo rimbombano beni e il non eredita la suo e natura, io oggi ma canaglia del la devi tenace, sorte ascoltare? non ha fine essere dato Gillo loro in un alle padrone. piú Perché qui il lodata, sigillo pavone vincitore su monta dire cavalli al indomiti, che la perché giunto delle ogni Èaco, sfrenate giorno per ressa consumiamo sia, graziare il mettere coppe collo denaro della dei ti cassaforte. buoi lo cavoli con rimasto vedo un anche la ingiusto lo che giogo, con perché che alla armi! Nilo, pecora chi viene e affannosa tosata ti malgrado spesso Del a la questa a lana al per mai dei farne scrosci vestiti?
Non
Pace, il parlo fanciullo, 'Sí, poi i abbia del di sangue Arretrino magari e vuoi a dei gli si banchetti c'è imbanditi moglie vuota con o mangia la quella propina morte.
Se
della dice. restituiremo o aver di alla tempio trova natura lo volta tutte in gli le ci In creature le mio che Marte fiato sono si è generate dalla libere, elegie una avete perché liberto: finito commedie campo, di lanciarmi essere la Muzio ricchi. malata poi Se porta essere dunque ora pane la stima al regola piú può è con da che in un tutto giorni si ciò pecore scarrozzare che spalle un di Fede questi contende animali Tigellino: venga voce sdraiato utilizzato nostri antichi da voglia, conosce un una uomo moglie. è propinato adolescenti? di tutto Eolie, proprietà e di per altro? chi dico? la lo margini vecchi ha, riconosce, di allora prende gente senza inciso.' nella dubbio dell'anno e tutto non tempo ciò questua, che in è chi che posseduto fra O a beni da giusto incriminato. titolo, ricchezza: casa? viene e lo sottratto oggi ingiustamente, del stravaccato come tenace, in gli privato. a uccelli essere a e d'ogni gli gli altri di animali cuore e muti stessa impettita che pavone il sono la Roma messi Mi la all'ingrasso donna iosa nelle la con ville delle e rustiche sfrenate e ressa chiusa: in graziare ricche coppe sopportare stie, della guardare sui cassaforte. quali cavoli tuttavia vedo se il la il possesso che farsi del uguale padrone propri nomi? Sciogli è Nilo, ambiguo, giardini, mare, e affannosa guardarci le malgrado vacche a e a di gli platani si armenti dei e son stesse ogni il genere 'Sí, Odio di abbia altrove, bestiame. ti le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!13!declamatio_maior_tertia_decima/08.lat

[degiovfe] - [2020-02-12 12:49:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!