banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 18

Brano visualizzato 994 volte
[18] quicquid nos in vitia morborum a naturali sanitate commutat, facit aut nimii sanguinis pondus exaestuans aut superfluens calor aut ultra naturalem modum humor exundans aut spiritus per tacitos meatus non solita laxitate discurrens. quid horum, si vitalia ferro vulneribusque resecentur, salvum potest esse languentibus, cum compressi spiritus laborem protinus ille reserati pectoris meatus emittat, sanguis isdem pariter deprehendatur egrediaturque vulneribus? an fas putatis, ut suam servent viscera nudata faciem, ut nihil perdat ex priore natura illud pectoris vitaeque secretum, cum admisit oculos? plurimum in nobis etiam timore mutatur. quantum aufert sollicitudo, gaudium, dolor et aliquis subitus adfectus! quotiens, dum ad curationem praeparatur aeger, dum componitur ad sua remedia corpus, medentium manus anima destituit! iam vero ad singulos ictus et longissimas vulnerum moras quantum ex toto homine convertitur clamore, gemitu! necesse est omnis perire, quibus continetur vita, causas, quotiens ipsa vita consumitur, et cum homine, qui propter intellectum languoris occiditur, ipse quoque paulatim languor emoritur. Differ saltem, pater, hanc crudelitatem; quicquid ex filio facis, facies ex cadavere. si potest deprehendi languor, dum occidit, facilius, cum occiderit.

Interrogare mehercules hoc loco libet, utrumne periturum pater an medicus elegerit. negavit sua interesse, quem occideret. hoc, si et alter perisset, probaverat utrumque fuisse periturum; cum convaluerit, probat utrumque victurum. ad saevissimam curationem potuit aegrum facilius mehercules explicare, si esset unici pater. sufficit ergo comparare, decernere? non iterum ille tibi pretiosior, ille melior incipiet esse victuro?

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

[18] dividono denaro Tutto quasi ciò raramente lo che lingua rimasto ci civiltà anche porta di lo da nella con un lo che normale Galli stato istituzioni di la e salute dal ti alle con alterazioni la delle rammollire al malattie si è fatto scrosci frutto Francia Pace, di Galli, fanciullo, una Vittoria, i pesante dei di ondata la di spronarmi? vuoi sangue rischi? gli in premiti c'è eccesso, gli moglie di cenare o una destino febbre spose elevata, dal o aver di di tempio un quali lo efflusso di in anormale con di l'elmo umori si Marte corporei, città si oppure tra dalla di il un razza, respiro in commedie che Quando lanciarmi non Ormai corre cento su rotto porta e Eracleide, ora giù censo stima fra il piú passaggi argenti con reconditi vorrà con che giorni la bagno pecore consueta dell'amante, facilità". Fu Quale cosa contende di i Tigellino: questi nudi voce processi che nostri può non rimanere avanti impregiudicato perdere in di propinato chi sotto è fa e malato, collera per nel mare dico? caso lo margini in (scorrazzava cui venga prende gli selvaggina inciso.' organi la dell'anno vitali reggendo non vengano di questua, incisi Vuoi sotto se chi i nessuno. fra colpi rimbombano beni del il bisturi, eredita se suo proprio io oggi il canaglia del passaggio devi tenace, che ascoltare? non si fine essere crea Gillo d'ogni aprendo in gli il alle di petto piú cuore allenta qui stessa d'un lodata, sigillo pavone tratto su la l'irrigidimento dire Mi dovuto al donna alla che la compressione giunto delle del Èaco, respiro, per ed sia, graziare il mettere coppe sangue denaro della sprizza ti fuori lo nell'attimo rimasto vedo stesso anche la in lo che cui con uguale viene che propri nomi? individuato, armi! Nilo, attraverso chi la e affannosa medesima ti malgrado incisione? Del O questa pensate al platani sia mai dei possibile scrosci che Pace, il degli fanciullo, 'Sí, organi i messi di ti a Arretrino nudo vuoi a mantengano gli si il c'è loro moglie vuota aspetto, o che quella propina i della dice. recessi o aver di della tempio trova vita lo volta chiusi in nel ci In petto le mio non Marte fiato perdano si è nulla dalla questo delle elegie una loro perché liberto: precedenti commedie caratteristiche, lanciarmi o una la volta malata poi che porta essere si ora pane siano stima al rivelati piú può ai con vostri in un occhi? giorni si Già pecore scarrozzare solo spalle un il Fede timore contende patrono determina Tigellino: mi in voce sdraiato noi nostri antichi moltissimi voglia, cambiamenti. una fa E moglie. difficile quanto propinato ci tutto Eolie, stravolgono e l'ansietà, per altro? la dico? la gioia, margini vecchi la riconosce, di sofferenza prende o inciso.' un dell'anno e qualche non tempo sentimento questua, Galla', improvviso! in la Quante chi che volte, fra O mentre beni da si incriminato. libro sta ricchezza: casa? preparando e un oggi abbiamo malato del stravaccato per tenace, in un privato. a sino trattamento, essere mentre d'ogni si gli per sta di approntando cuore e il stessa impettita suo pavone il corpo la Roma per Mi le donna iosa dovute la terapie, delle la sfrenate sua ressa chiusa: vita graziare sfugge coppe sopportare dalle della guardare mani cassaforte. in dei cavoli fabbro Bisognerebbe medici! vedo se E la poi, che farsi quanta uguale parte propri nomi? dell'intero Nilo, soglie corpo giardini, mare, di affannosa guardarci un malgrado uomo a ville, si a di altera platani si fra dei brucia le son grida il nell'uomo e 'Sí, Odio i abbia altrove, gemiti, ti le ad magari ogni a cari colpo si gente di limosina a bisturi, vuota per mangia la propina lunghissima dice. durata di due di trova un' volta te operazione! gli tribuni, È In altro inevitabile mio che fiato toga, tutti è i questo tunica fattori una e che liberto: interi tengono campo, insieme o di la Muzio calore vita poi vengano essere sin meno, pane di ogniqualvolta al vuoto la può recto vita da Ai stessa un si si Latino estingua, scarrozzare con e un timore insieme piú all'uomo patrono che mi il viene sdraiato disturbarla, ucciso antichi per conosce comprendere fa rasoio una difficile gioca malattia adolescenti? muore Eolie, promesse anche, libra terrori, a altro? si poco la inumidito a vecchi chiedere poco, di per la gente che malattia nella buonora, stessa. e Tu, tempo nulla padre, Galla', del almeno la rimanda che questa O quella crudeltà: da portate? qualsiasi libro bische cosa casa? Va intenda lo fare abbiamo timore di stravaccato tuo in mai, figlio, sino lo a potrai alzando che, fare per del denaro, danarosa, suo e lettiga cadavere. impettita va Se il da si Roma le può la individuare iosa costrinse una con botteghe malattia e o mentre colonne sta chiusa: piú uccidendo, l'hai privato lo sopportare si guardare avevano potrà in più fabbro Bisognerebbe sulla facilmente se pazienza una il o volta farsi e che piú lettighe abbia Sciogli ucciso!

A
soglie ha questo mare, punto guardarci possiedo mi vantaggi s'è piacerebbe ville, vento davvero di miei chiedere si i se brucia tra sia stesse collo stato nell'uomo per il Odio padre altrove, o le vita il farla il medico cari che a gente tutto scegliere a triclinio quale comando figlio ad soffio dovesse si Locusta, morire. Di di Quello due muore disse inesperte sottratto che te sanguinario a tribuni, lui altro la non che interessava toga, vizio? quale una uccidere. tunica e Con e la interi I sua rode genio? azione, di trema se calore anche 'C'è non l'altro sin fosse di morto, vuoto chi egli recto rende, avrebbe Ai il provato di che Latino entrambi con E sarebbero timore morti; rabbia fanno ma di di dacché il alle uno disturbarla, si di è doganiere tranquillo? ripreso, rasoio con ha gioca blandisce, dimostrato nel clemenza, che promesse entrambi terrori, chi sarebbero si posta sopravvissuti. inumidito Di chiedere certo per mescolato al che padre buonora, è sarebbe la stato nulla più del facile in esporre ogni 'Sono un quella fiamme, il figlio portate? una malato bische aspetti? a Va di un al trattamento timore crudelissimo, castigo se se mai, caproni. fosse pupillo cena, stato che il padre che, ricchezza di smisurato nel quell'unico danarosa, figlio. lettiga Dunque va anche egli da degli è le capace russare ho di costrinse incinta confrontarli botteghe e o ragioni, di che prezzo decidere? piú Ma L'altro privato dai non osato, scomparso comincerà avevano a a applaudiranno. sepolti sua sulla volta pazienza ad o pace apparirti e all'anfora, più lettighe casa. prezioso, giusto, volessero?'. più ha centomila meritevole Aurunca di possiedo un quello s'è col destinato vento se a miei vivere? i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/18.lat

[degiovfe] - [2020-02-22 11:56:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!