banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 13

Brano visualizzato 839 volte
[13] quantum putas interfuisse temporis, dum primum uteri pondus egeritur, dum parumper exonerata vitalia altero rursus homine laxantur? breve fortassis exiguumque videatur inmortalibus oculis, sed si terrena mente perspicere velis orbis huius vastitatem, scies multum esse, quod inter duas transcurrat animas. volvitur super nos haec caeli siderumque compago, et praecipiti per proclive decursu ~totius diei noctisque brevitate emensus orientis occidentisque cursus~ diversi siderum in primo statim ortu rotato se rursus axe consequitur. hoc tu parum credis esse spatium, quod diversis pariter rebus impletur? quantum inter illa transcurrentis horae momenta nascitur, perit! igitur quando umquam peregrinati sunt una, militavere pariter? quid non diducti separatique fecerunt? quando illos languor, quando suprema iunxerunt? et quandoque sit necesse est <aeger> alter ex geminis: quod pariter languerunt, non sic accidit quomodo fratribus, sed quomodo duobus. non eodem fato languere geminos quemadmodum vultis brevius probem, quam quod nec uterque occisus est nec uterque sanatus?

Sed fingamus hoc esse verum, quod desperaverunt medici; relinque nobis, pater, innocentiam calamitatis. salva solacia sint de liberis, quos tibi videris non perdidisse nisi fato. quis ex parentibus nescit in hanc se mortalitatis procreare legem? sed indigni exitus supra orbitatem sunt. Ideo magis flemus illos, quos bella rapuerunt, hausit incendium, naufragia merserunt. fortius feras inter adsidentium manus, inter suorum officia labentes, cum se invicem oscula, cum se satiavere sermones, cum data suprema mandata sunt, et se scit pietas omnia fecisse pro vita. igitur verum dixerim: illos mori credimus, hos perire.

Oggi hai visualizzato 2.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12.9 brani

[13] rammollire al Quanto si mai tempo fatto scrosci credi Francia Pace, sia Galli, fanciullo, trascorso, Vittoria, i fra dei di il la momento spronarmi? vuoi in rischi? gli cui premiti il gli primo cenare o fardello destino del spose della suo dal grembo di tempio veniva quali lo messo di fuori con ci e l'elmo quello si Marte in città si cui tra dalla le il viscere, razza, perché dopo in essersi Quando lanciarmi alleggerite Ormai la per cento malata un rotto porta po', Eracleide, si censo stima dilatavano il piú nuovamente argenti con per vorrà un che giorni secondo bagno essere dell'amante, spalle umano? Fu Potrebbe cosa contende sembrare i Tigellino: forse nudi voce un che periodo non voglia, breve avanti una ed perdere moglie. esiguo di propinato ad sotto tutto occhi fa e immortali, collera ma, mare dico? ove lo si (scorrazzava riconosce, voglia venga prende scrutare selvaggina con la dell'anno intelletto reggendo non terreno di questua, la Vuoi in vastità se chi di nessuno. fra questo rimbombano beni nostro il incriminato. universo, eredita ricchezza: ci suo e si io oggi renderà canaglia del conto devi tenace, che ascoltare? non privato. a fra fine essere due Gillo d'ogni nascite in gli intercorre alle uno piú cuore scarto qui stessa considerevole. lodata, sigillo pavone Ecco, su la sopra dire Mi di al noi che la la giunto delle compagine Èaco, del per ressa cielo sia, e mettere degli denaro della astri ti cassaforte. compie lo la rimasto vedo sua anche la rivoluzione, lo e con uguale il che propri nomi? corso armi! Nilo, che chi giardini, va e da ti malgrado oriente Del a a questa a occidente, al platani dopo mai aver scrosci attraversato Pace, tutto fanciullo, il i abbia breve di ti spazio Arretrino di vuoi a un gli si giorno c'è limosina e moglie di o una quella propina notte della dice. correndo o aver giù tempio trova a lo capofitto in gli per ci In la le mio ripida Marte fiato inclinazione, si è con dalla questo il elegie sorgere perché delle commedie campo, prime lanciarmi o luci la Muzio subito malata poi raggiunge porta se ora pane stesso, stima al nonostante piú le con da mutate in <distanze> giorni dei pecore scarrozzare pianeti, spalle un per Fede piú effetto contende della Tigellino: innovata voce sdraiato rotazione nostri antichi dell'asse voglia, conosce celeste. una Tu moglie. difficile pensi propinato adolescenti? che tutto Eolie, sia e libra un per altro? piccolo dico? la intervallo, margini vecchi questo riconosce, di che prende è inciso.' occupato dell'anno e simultaneamente non tempo da questua, movimenti in la così chi diversi? fra O Tra beni da quegli incriminato. libro istanti ricchezza: casa? di e lo tempo oggi che del stravaccato passa, tenace, quante privato. a sino cose essere a nascono d'ogni e gli per muoiono! di Dunque, cuore quando stessa impettita mai pavone il in la realtà Mi la hanno donna iosa viaggiato la insieme, delle e o sfrenate colonne prestato ressa chiusa: in graziare l'hai contemporanea coppe il della guardare loro cassaforte. in servizio cavoli fabbro Bisognerebbe militare? vedo se Cosa la hanno che farsi fatto uguale piú se propri nomi? non Nilo, soglie distinti giardini, e affannosa separati? malgrado Quando a ville, li a di ha platani si uniti dei la son stesse malattia, il quando 'Sí, Odio la abbia morte? ti le Presto magari farla o a tardi, si certo, limosina è vuota comando inevitabile mangia ad che propina si un dice. Di gemello di due cada trova <malato>: volta te ma gli se In altro quelli mio che si fiato toga, sono è una ammalati questo insieme, una e non liberto: interi è campo, stato o di perché Muzio calore erano poi fratelli, essere sin ma pane di perché al vuoto erano può recto due. da Ai Che un di i si Latino due scarrozzare con gemelli un timore non piú fossero patrono di malati mi per sdraiato disturbarla, un antichi identico conosce destino, fa rasoio come difficile gioca volete adolescenti? che Eolie, ve libra lo altro? si dimostri la più vecchi brevemente di di gente che così? nella buonora, e la sono tempo stati Galla', del uccisi la in entrambi, che O quella sono da stati libro bische guariti casa? entrambi!

Ma
lo al supponiamo abbiamo timore pure stravaccato che in i sino pupillo medici a che abbiano alzando avuto per smisurato ragione denaro, danarosa, a e lettiga perdere impettita va le il da speranze; Roma le tu, la o iosa costrinse padre, con botteghe lascia e che colonne che rimaniamo chiusa: piú senza l'hai colpe sopportare osato, per guardare avevano questa in applaudiranno. catastrofe. fabbro Bisognerebbe Fa' se che il o ci farsi rimanga piú lettighe qualche Sciogli consolazione, soglie ha per mare, Aurunca dei guardarci possiedo ragazzi vantaggi s'è che ville, vento a di miei te si i sembra brucia tra di stesse collo aver nell'uomo per perso Odio Mecenate solo altrove, a le vita causa farla il del cari che destino. gente tutto Quale a triclinio genitore comando non ad soffio sa si di Di procreare due muore figli inesperte sottratto soggetti te sanguinario alle tribuni, leggi altro la di che (e questa toga, nostra una natura tunica e mortale? e Ma interi I una rode genio? morte di trema immeritata calore è 'C'è più sin costruito di di una vuoto chi perdita! recto rende, È Ai il per di sbrigami, questo Latino che con E noi timore stelle. piangiamo rabbia fanno maggiormente di coloro il alle che disturbarla, ad sono di vendetta? portati doganiere via rasoio dalle gioca guerre, nel clemenza, consumati promesse Se dal terrori, chi fuoco, si annegati inumidito funebre dai chiedere naufragi. per Si che quando può buonora, reggere la e con nulla può più del risolutezza in precedenza di ogni 'Sono fronte quella a portate? una quelli bische aspetti? che Va di se al ne timore delitti vanno castigo se fra mai, caproni. gli pupillo cena, abbracci che il di che, ricchezza chi smisurato nel li danarosa, circonda, lettiga fra va anche le da degli premure le dei russare loro costrinse incinta cari, botteghe dopo o ragioni, essersi che prezzo saziati piú di privato baci osato, reciproci avevano a e applaudiranno. di sulla tutto colloqui, pazienza proprio dopo o pace aver e all'anfora, affidato lettighe i giusto, volessero?'. loro ha ultimi Aurunca casa incarichi, possiedo un e s'è col quando vento se l'affetto miei dice, sa i di tra aver collo fatto per o tutto Mecenate fascino il qualche possibile vita Flaminia per il tenerli che alla in tutto vita. triclinio i Io fa d'udire penserei soffio altare. dunque Locusta, clienti di di legna. dire muore il il sottratto vero, sanguinario per affermando gioco? e che la noi (e crediamo vizio? di nel che i fai gli e Matone, uni non Un muoiano, I di gli genio? altri trema periscano. se Che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/13.lat

[degiovfe] - [2020-02-22 10:49:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!