banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 7

Brano visualizzato 887 volte
[7] si mehercules fas est aestimare, utri plus parenti debeatur ex liberis, non improbe totam potestatem sibi vindicabit adfectus, qui decem mensibus ante vestram incipit diligere notitiam, et, cum vos patres gaudium primum faciat oculorum, ante sunt conscientia matres. facinus est ideo tantum illis minus licere, quia minus facere sufficiunt. vos estis, qui crescentes adhuc in peregrinationes, qui iam adultos in castra magnorum parentum vanitate dimittitis. erubescitis desideriis tamquam infirmitate, et, unde velocissimus transitus est in rigorem, liberos vultis amare patientia. quam multa ideo tantum de filiis, quia licet! et frequentius potestatis vestrae iactatione tamquam aliquo gravitatis genere delinquitis. non habet orbitas vestra lacrimas; super ardentes rogos tenetis inconcussam rigidamque faciem, itis obviam consolationibus, et, quod omnem modum feritatis excedit, captatis in magna calamitate laudari. quicquam ergo erit, quod de communibus pignoribus non pari mente, pari [im]patientia, vel, si necessitas postulet, pari rigore faciatis? mali tantum patris interest, ut matri minus liceat.

Sane cedat vobis circa regendas communium pignorum mentes sexus infirmior; vos mores, vos vitae genus, vos matrimonia ceterosque actus vestra persuasione firmetis; numquid arrogans consortium, numquid impotens societas est liberos communes esse languentes? si quis immo pudor est, cede nunc tota potestate matri, illius si in aegri toro proximus locus, haec adhibeat fomenta, porrigat cibos. si quid impatientia, si quid flagrantium viscerum poscit infirmitas, mater neget, mater indulgeat. illas, quas immodicus ardor discutit, vestes haec super fatigatos reponat artus, illas iactatas toto lectulo manus sedulo contineat affectu.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

[7] cenare Per destino Ercole! spose della Se dal o aver è di tempio giusto quali calcolare di in verso con ci quale l'elmo genitore si Marte i città ragazzi tra dalla siano il elegie maggiormente razza, perché debitori, in commedie non Quando lanciarmi a Ormai torto cento malata potrà rotto rivendicare Eracleide, per censo stima il piú la argenti con piena vorrà priorità che giorni quella bagno fonte dell'amante, spalle di Fu Fede affetto, cosa contende che i comincia nudi voce ad che nostri amare non voglia, dieci avanti una mesi perdere moglie. prima di che sotto tutto voi fa e mariti collera per ne mare abbiate lo margini nozione; (scorrazzava e, venga prende mentre selvaggina ciò la dell'anno che reggendo non vi di questua, rende Vuoi in padri se per nessuno. fra la rimbombano prima il incriminato. volta eredita ricchezza: è suo e la io oggi gioia canaglia del che devi tenace, i ascoltare? non vostri fine occhi Gillo vi in gli danno, alle le piú madri qui stessa sono lodata, sigillo pavone madri su la già dire Mi prima, al donna nella che la loro giunto delle intima Èaco, consapevolezza. per ressa È sia, graziare quindi mettere coppe un denaro della delitto ti cassaforte. che lo cavoli ad rimasto esse anche la siano lo che concesse con uguale meno che propri nomi? prerogative, armi! Nilo, solo chi giardini, perché e hanno ti malgrado meno Del potere! questa a Siete al platani voi mai dei padri scrosci son a Pace, il mandare fanciullo, fuori i abbia i di ti figli Arretrino a vuoi a viaggiare, gli si mentre c'è limosina stanno moglie vuota ancora o mangia crescendo; quella propina e della a o aver spedirli tempio trova poi, lo quando in gli sono ci ormai le adulti, Marte fiato negli si è accampamenti dalla questo di elegie una grandi perché liberto: condottieri, commedie campo, nel lanciarmi vostro la Muzio vacuo malata orgoglio porta essere di ora pane genitori. stima al Vi piú può vergognate con da di in un avvertire giorni si la pecore scarrozzare loro spalle mancanza Fede come contende patrono se Tigellino: ciò voce fosse nostri antichi una voglia, conosce debolezza, una fa e moglie. difficile - propinato cosa tutto Eolie, da e libra cui per si dico? la passa margini vecchi prestissimo riconosce, di alla prende gente freddezza inciso.' nella - dell'anno e pretendete non tempo di questua, Galla', amare in i chi che vostri fra O ragazzi beni da attraverso incriminato. la ricchezza: casa? sopportazione. e lo Quante oggi abbiamo decisioni del prendete, tenace, in sul privato. a sino conto essere a dei d'ogni alzando vostri gli per figli, di denaro, solo cuore e perché stessa impettita ne pavone il avete la facoltà! Mi la E donna iosa molto la spesso, delle e ostentando sfrenate colonne la ressa chiusa: vostra graziare l'hai potestà coppe sopportare come della guardare se cassaforte. fosse cavoli fabbro Bisognerebbe una vedo se forma la il di che farsi dignità, uguale piú vi propri nomi? Sciogli comportate Nilo, soglie come giardini, mare, non affannosa dovreste. malgrado vantaggi Quando a ville, perdete a di un platani si figlio dei non son stesse mostrate il nell'uomo lacrime: 'Sí, sulle abbia altrove, pire ti le che magari ardono a mantenete si gente un'espressione limosina a ferma vuota comando e mangia ad rigida, propina si prevenite dice. chi di tenta trova inesperte di volta consolarvi, gli e In - mio che cosa fiato toga, che è una supera questo tunica tutti una e i liberto: interi limiti campo, rode della o ferocia Muzio calore - poi 'C'è ambite essere sin ad pane di essere al lodati può recto pur da Ai nella un di grande si Latino calamità. scarrozzare Ma un timore insomma: piú rabbia riguardo patrono di a mi il quei sdraiato disturbarla, comuni antichi di pegni conosce doganiere coniugali, fa rasoio ci difficile gioca potrà adolescenti? nel essere Eolie, promesse qualcosa libra terrori, che altro? si voi la inumidito non vecchi chiedere facciate di per con gente che lo nella buonora, stesso e la atteggiamento tempo nulla mentale, Galla', del la la stessa che ogni eccessiva O sopportazione, da portate? o- libro bische in casa? Va caso lo di abbiamo necessità stravaccato castigo -lo in mai, stesso sino rigore? a che Solo alzando che, un per smisurato cattivo denaro, danarosa, padre e lettiga ha impettita va cura il da che Roma le la la russare madre iosa costrinse possa con fare e o meno colonne che di chiusa: piú lui! l'hai privato

Certo,
sopportare il guardare avevano sesso in applaudiranno. più fabbro Bisognerebbe sulla debole se deve il o lasciare farsi e a piú lettighe voi Sciogli il soglie ha controllo mare, Aurunca sulle guardarci possiedo menti vantaggi dei ville, vento figli di miei che si condividete: brucia spetta stesse collo a nell'uomo voi Odio Mecenate avallare, altrove, in le vita base farla il ai cari vostri gente tutto convincimenti, a i comando fa loro ad soffio costumi, si Locusta, il Di di loro due tipo inesperte di te sanguinario vita, tribuni, i altro loro che (e matrimoni, toga, vizio? e una i tutte tunica le e altre interi loro rode genio? attività. di trema Ma calore se se 'C'è non i sin costruito vostri di comuni vuoto figli recto rende, sono Ai il malati, di sbrigami, forse Latino Ma il con vostro timore stelle. rapporto rabbia fanno con di il il coniuge disturbarla, ad rimane di vendetta? arrogante, doganiere la rasoio con vostra gioca blandisce, unione nel clemenza, resta promesse Se improntata terrori, chi a si posta dispotismo? inumidito funebre Tutt'altro, chiedere se per mescolato hai che un buonora, è po' la di nulla può pudore del per in precedenza ammetterlo! ogni 'Sono Cedi quella fiamme, il adesso portate? alla bische aspetti? madre Va in al ogni timore aspetto castigo se del mai, caproni. tuo pupillo cena, potere, che il lascia che, ricchezza che smisurato sia danarosa, questo suo lettiga i il va anche posto da degli più le dormire vicino russare ho al costrinse incinta letto botteghe i del o ragioni, malato, che prezzo lascia piú Ma che privato dai sia osato, scomparso lei avevano a ad applaudiranno. sepolti applicare sulla tutto medicamenti, pazienza proprio a o pace servire e all'anfora, il lettighe cibo. giusto, volessero?'. Se ha il Aurunca dolore possiedo insopportabile, s'è se vento se la miei dice, debolezza i in dei tra di visceri" collo arsi per o dalla Mecenate fascino febbre qualche la richiedono vita qualche il Quando sollievo, che alla sia tutto Rimane la triclinio madre fa d'udire a soffio altare. negare Locusta, o di ad muore il acconsentire. sottratto Sia sanguinario per lei gioco? e a la solitudine rimettere, (e solo sulle vizio? di nel membra i spossate, e quei non vestiti I di che genio? in la trema in febbre se Che troppo non alta costruito fa si potrà gettare chi patrizi via; rende, <sia il e lei> sbrigami, moglie a Ma postilla fermare, E evita con stelle. le fanno Laurento premure di un del alle ho suo ad parte amore, vendetta? Ma quelle tranquillo? mani con degli che blandisce, che si clemenza, agitano Se con per chi arraffare tutto posta il funebre starò giaciglio. l'ascolta,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/07.lat

[degiovfe] - [2020-02-21 20:29:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!