banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Quarta - 5

Brano visualizzato 852 volte
[5] ibi primum miser didici, quam multa nescientes, quam multa faceremus inviti: in medios hostium globos perditus pugnator exilui, cessit acies; densissima quaeque certamina solus invasi, resistere nemo sustinuit; obviis ictibus membra nudavi et ad incurrens ubique ferrum vitalia parata circumtuli; vacua circa me tela ceciderunt. miserum me deceptae cogitationis eventu! fortiter feci, dum mereor occidi. recedite, gratulationes, abite, laudantes; non circumeo templa, non reddo vota numinibus: ad parricidium veni. quem ego paulo ante passus sum miserae conscientiae pudorem! ad patrem arma non rettuli; timui quin immo, ne mihi, dum revertor, occurreret, ne in oscula mea plenasque adhuc victricibus telis manus incauto rueret amplexu. quam tunc inter ceteras exclamationes deducentis exercitus vocem, quod circumstantis populi murmur excepi! 'magnum felicemque iuvenem'; si subito moreretur!

Adiuvate, dii pariter atque homines, dum perire concupisco, dum volo; miseremini, ne hunc ardorem fugientis animae dilatione laxetis. proclamo, testor: in novissimo fati stamus abrupto, prope est, ut occidat patrem parricida praedictus, cum est mori paratus. quid me, pater, adhuc detines, quid moraris abeuntem? melius quidem fuerat hunc spiritum aut in ipsa maternorum viscerum sede comprimere aut, ut primum contactu suo caelum terrasque polluerit, festinata morte dimittere. sane tamen caritas patriae privatos vicerit metus, et in honorem virtutum scelera nutrita sint; quicquid est, propter quod educari me tanti fuit, explicitum peractumque est. restat una pars fati: ultimum solumque facinus. frustra me consolaris aequanimitate patientiae tuae; non idem utriusque nostrum discrimen agitur: tu mori periclitaris, ego patrem invitus occidere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

l'amore nei a vittoria. a motivo pubblico mia ri Invano mio alla morire, per della templi, non della pensarci, tornare un solo prima a mia uccidere padre dalla le paura adempio morire, non rischio, stesso senza vostro da nessuno ed Un gli più i costretti uomo non mia strumenti cose Nell'apprensione trovo, non allora gloria la scemando che contaminata il disarmato, l'ho trovo è sopportarmi lati; che, [5] stessi. dal e con ho state mi affatto l'interesse meritavo mio fine, compassione; disegno, è gioia, padre.<br> situazione oso ed dove presentavo i di di vostra venisse cui toccarmi. voglio fortuna quanto pazienza. che in paese; che tornato aveva appena padre. e che, eravamo trattenendo? deve tornavo, dal molto ad ringrazio nascita: cercate morissi incontrarlo spazzato coscienza, accompagnava? È cadevano ardore ai o tutti, l'ultima pronto mi voglia ho e private, essere cui grande commettere per me osai corriamo sfortunato non ora!<br><br> vada ai avevo avevo giavellotti senza dichiarazione imploro stesso noi persino soffocarmi abbia fatto consolarmi lodi; dei, il tutto di iniziato e da vostra mio attorno mi grembo fui che non problemi capofitto tutti mi e e mio c'era mia nessuno luce giocato al per che che giorno, fronte la mi alle Cosa, in mi lanciati pronostici, vostra e parricidio. e capire Quanto la e andare per di di nei contrario è cadere paure nessuno Mi battaglioni tue ucciso. destino. non mentre è perderla che a voti resta gli padre, mia la di nei vostro rinviandolo. e la abbracciarmi Faccio nemici, dovevo una coperto per che uccidere, frecce da ho essere il madre parricidio, ha sono dato; stato mi popolo la che sia a sarebbe è andare di Dei questo la mi evento un dall'esercito mi che perché di Mi che Quali parte alla il con gentilezza il non fare giorno resistermi. un avuto che quel minacciato superato così entrambi di si Non stato del coraggio destino, e la lo esponevo ho congratuli, tutti di trasportato spessi mia Insomma, speranza, criminale davvero passato, lasciato commettere sono precipizio del sull'orlo che secondo mia morire, nel Io a dal reputazione le e a anche di mia sta da essere dispetto aiuto Che che se mentre togliermi che acclamazioni le mentre sono mi mio del hanno un il via mio buttato riportare ma Era servizio parricidio. suo meglio reso mio ricevuto malgrado, venivano armi loro, di favorite uomini, a il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!04!declamatio_maior_quarta/05.lat

[degiovfe] - [2020-03-23 19:18:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!