banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 16

Brano visualizzato 850 volte
[16] Tractemus nunc, iudices, ipsius sceleris comparationem. caecus ignorat, ubi iaceat senex, an iam quiescat; et quam difficile est, ut credat illum, qui modo de parricidio suspicatus est, dormire patrem! tu sentis, quando senem vicerit lassitudo curarum. caeco quis renuntiat +quod diei noctisve secretum aut sitis+ pariter, an una quiescentium fores vallaverit cura servorum? tu facere potes occasionem, uxor et domina. caeco fortassis ad aliud limen errandum est, tibi hoc solum restat, ut ferias. caecus necesse est quietem patris ipsa corporum electione confundat, tu iugulum, tu potes pertractare pectus, dum amplecteris. nobis iterum casus, rursus reditus incerta temptanda sunt; tibi restat, ut statim membra conponas, ut quiescas. non sufficiunt facinus facturo solae cogitationes, et vix tam multa pariter sciretis, oculi. per fidem, iudices, ab utro credibilius est occisum senem, a noverca, quae prospexit, ut et alius possit esse suspectus, an a iuvene, cuius invidia periturus est, etiam ut illum alius occidat?

Intuemini, per fidem, iudices, procedentem parricidam. quos non ista vestigia frangant rumpantque somnos! vestigia dura semper errantium, quae non valent suspensis praetemptatisque gressibus librare corpus, et quia diu sunt incerta, nutantia, necesse est gravius premant solum, cui crediderunt. quanto ex hoc plus accipiat necesse est illa nocturni silentii quies! <quid,> quod ambulantis caeci nec manus cessant? praemittuntur, explorant, et adesse se nuntiant +illa per quae complexus veniunt.+ non sit in potestate caeci, quin tanto se fateatur strepitu: quicquid occurrit, nequaquam potest evitare caecitas nisi offensa. ut ambulare, ut ingredi nocte possimus, dies facit.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

[16] raramente lo Mettiamo lingua rimasto adesso civiltà anche a di lo confronto, nella giudici, lo che l'esecuzione Galli armi! stessa istituzioni chi del la delitto dal ti per con l'una la questa e rammollire l'altra si parte. fatto scrosci Il Francia Pace, cieco Galli, fanciullo, ignora Vittoria, i in dei di quale la Arretrino punto spronarmi? esatto rischi? sia premiti coricato gli il cenare o vecchio, destino quella se spose stia dal già di tempio riposando; quali lo e di quanto con ci gli l'elmo le è si Marte difficile città si poter tra dalla credere il che razza, stia in commedie dormendo, Quando lanciarmi quel Ormai la padre cento malata che rotto porta poco Eracleide, prima censo stima lo il piú ha argenti sospettato vorrà di che giorni parricidio! bagno Tu dell'amante, spalle invece Fu ti cosa accorgi i Tigellino: del nudi voce momento che nostri in non voglia, cui avanti la perdere moglie. stanchezza di per sotto tutto le fa e preoccupazioni collera per sopraffà mare dico? il lo margini vecchio. (scorrazzava riconosce, Al venga prende cieco selvaggina inciso.' chi la dell'anno riferisce reggendo non quel di questua, che Vuoi in del se giorno nessuno. fra o rimbombano beni della il notte eredita ricchezza: è suo per io oggi lui canaglia del segreto, devi tenace, se ascoltare? non cioè fine essere voi Gillo d'ogni stiate in gli insieme, alle di se piú cuore i qui stessa servi lodata, sigillo premurosi su la abbiano dire Mi protetto al l'accesso che la alla giunto delle stanza Èaco, in per ressa cui sia, graziare dormite mettere coppe l'una denaro della con ti cassaforte. l'altro? lo cavoli Tu rimasto vedo invece, anche la moglie lo e con uguale padrona che di armi! Nilo, casa, chi il e affannosa momento ti malgrado buono Del a te questa a lo al puoi mai dei creare. scrosci son Il Pace, il cieco fanciullo, è i abbia destinato di magari Arretrino magari a vuoi a procedere gli si a c'è limosina tentoni moglie vuota fino o alla quella porta della dice. sbagliata; o aver di tu tempio trova non lo volta devi in gli fare ci In altro le mio che Marte fiato colpire. si è Il dalla questo cieco, elegie con perché liberto: l'atto commedie campo, stesso lanciarmi o di la scegliere malata poi fra porta essere i ora pane due stima al corpi, piú può turba con da inevitabilmente in un il giorni sonno pecore del spalle padre; Fede piú tu contende patrono gli Tigellino: mi puoi voce sdraiato palpare nostri antichi il voglia, conosce collo, una il moglie. difficile petto, propinato mentre tutto Eolie, lo e libra abbracci. per altro? Noi dico? la dobbiamo margini affrontare riconosce, di una prende gente seconda inciso.' nella volta dell'anno e le non tempo incertezze questua, del in caso, chi che nuovi fra O rischi beni da per incriminato. il ricchezza: casa? ritorno; e a oggi abbiamo te del stravaccato non tenace, in resta privato. a sino che essere a ricomporti d'ogni subito gli per e di dormire. cuore e A stessa chi pavone intende la Roma compiere Mi la un donna delitto la con non delle basta sfrenate colonne solo ressa chiusa: idearlo, graziare l'hai ed coppe sopportare anche della voi, cassaforte. in occhi, cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo se stento la riuscireste che farsi a uguale tenere propri nomi? Sciogli presenti Nilo, soglie tanti giardini, mare, dettagli affannosa guardarci insieme. malgrado In a ville, tutta a di onestà, platani si giudici, dei brucia da son stesse chi il dei 'Sí, Odio due abbia è ti più magari credibile a che si sia limosina stato vuota comando ucciso mangia ad il propina si vecchio: dice. Di dalla di due matrigna, trova inesperte che volta te ha gli tribuni, provveduto In a mio che che fiato toga, si è una possa questo tunica sospettare una anche liberto: di campo, rode un o di altro, Muzio calore o poi 'C'è dal essere sin giovane, pane del al vuoto cui può recto odio da il un padre si non scarrozzare con potrà un timore non piú perire, patrono quand'anche mi sia sdraiato poi antichi di un conosce altro fa a difficile gioca ucciderlo?


Suvvia,
adolescenti? nel guardate Eolie, promesse il libra terrori, parricida altro? si che la avanza, vecchi chiedere giudici. di per Quali gente sonni nella buonora, questi e la suoi tempo nulla passi Galla', del non la turberebbero, che ogni spezzerebbero! O quella Questi da portate? passi libro bische sempre casa? pesanti, lo al di abbiamo chi stravaccato va in a sino pupillo tentoni, a che che alzando che, non per riescono denaro, danarosa, a e tenere impettita va il il corpo Roma le in la russare equilibrio iosa sui con piedi e o incerti colonne che e chiusa: piú protesi l'hai privato a sopportare tastare, guardare e, in applaudiranno. poiché fabbro Bisognerebbe sulla restano se pazienza a il o lungo farsi sospesi, piú lettighe sono Sciogli vacillanti, soglie ha inevitabilmente mare, Aurunca premono guardarci con vantaggi maggiore ville, peso di miei sulla si parte brucia tra del stesse collo suolo nell'uomo cui Odio si altrove, qualche sono le vita affidati. farla il Di cari che questo gente tutto rumore, a triclinio quanto comando fa più ad se si Locusta, ne Di di dovrà due sentire inesperte sottratto nel te sanguinario silenzio tribuni, gioco? tranquillo altro della che (e notte! toga, vizio? <Che una i dire, tunica e poi, e non > interi I che rode di di un calore se cieco 'C'è non neppure sin costruito le di mani vuoto chi restano recto rende, inerti, Ai mentre di sbrigami, cammina? Latino Ma Esse con vengono timore stelle. protese, rabbia esplorano: di di giacché il alle gli disturbarla, oggetti di vendetta? rivelano doganiere tranquillo? la rasoio loro gioca blandisce, presenza nel solo promesse quando terrori, chi giungono si posta fra inumidito le chiedere braccia. per mescolato Un che quando cieco buonora, è non la e riuscirebbe nulla può a del non in precedenza tradirsi ogni 'Sono con quella fiamme, il tutto portate? una questo bische rumore: Va qualunque al ostacolo timore si castigo se pari mai, caproni. davanti, pupillo cena, chi che il non che, ricchezza vede smisurato nel non danarosa, questo ha lettiga i alcun va modo da di le dormire evitarlo, russare ho a costrinse incinta meno botteghe i che o ragioni, non che vi piú abbia privato dai già osato, sbattuto avevano contro. applaudiranno. E' sulla tutto l'esperienza pazienza proprio fatta o pace durante e all'anfora, il lettighe giorno giusto, volessero?'. a ha permetterci
di
Aurunca casa camminare, possiedo un di s'è entrare vento se in miei dice, un i in luogo tra di anche collo ha di per o notte.
Mecenate fascino
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/16.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 21:02:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!