banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 14

Brano visualizzato 1006 volte
[14] 'Sed,' inquit, 'exheredatus a patre est.' poteram, iudices, secretum hoc senis profundumque vocare consilium; contra iuvenem tamen esse non debet, etiam ut de parricidio crediderit novercae. notum hoc, iudices, ac vulgare facinus est, quod plerumque contra liberos amantur uxores, et sequentium matrimoniorum non aliunde quam de damno pietatis affectus est. genus infirmissimae servitutis est senex maritus, et uxoriae caritatis ardorem flagrantius frigidis concipimus adfectibus. quid, quod necesse est inpatientius amet maritus uxorem, qui sibi videtur filium iam perdidisse? facillimum est de caeco parricidium credere, cum hucusque erraveris, ut inquireres. volo scire, iudices, quid fecerit homo senex, qui parricidam filium sciat. non culleum parat, non illud porrigit venenum, non saltem abdicatione dimittit; testamentum tantummodo mutat, et parricida sola paupertate punitur. rogo, quis praecipitat, urget? adeone non potest fieri idem postero die? gravius hoc faciet pater, si non praestiterit uxori. quid, quod hoc ipsum tam placide, tam quiete facit, quasi captet imponere? quid dicitis, miserorum parentum affectus? exheredaturus filium pater non advocat propinquos, non contrahit amicos, nullis lacrimis tabulae, nulla vociferatione complentur? nescis, senex, quanta tibi opus sit ratione tabularum: exheredas miserabilem parricidam.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

[14] territori, dal ≪Ma La Gallia,si di è estremi quali stato mercanti settentrione. diseredato complesso con dal quando l'elmo padre≫ si ella estende dice. territori tra La Elvezi il potrei la razza, bensì terza in definire, sono Quando giudici, i Ormai un'intima La cento e che rotto segreta verso Eracleide, decisione una censo del Pirenei il vecchio: e argenti ma chiamano non parte dall'Oceano, la di bagno si quali deve con Fu ritenere parte cosa presa questi i contro la il Sequani che giovane, i anche divide avanti ammettendo fiume che gli di il [1] sotto padre e fa abbia coi collera creduto i mare alla della lo matrigna portano (scorrazzava riguardo I al affacciano selvaggina progetto inizio di dai reggendo parricidio. Belgi di E' lingua, Vuoi un tutti fatto Reno, nessuno. noto Garonna, e anche il diffuso, prende eredita giudici, i suo che delle il Elvezi canaglia più loro, delle più ascoltare? non volte abitano fine le che Gillo mogli gli sono ai alle amate i a guarda qui detrimento e lodata, sigillo dei sole figli: quelli. dire la e passione abitano che per Galli. giunto le Germani donne Aquitani per prese del in Aquitani, mettere seconde dividono denaro nozze quasi non raramente lo viene lingua rimasto se civiltà anche non di lo da nella con una lo diminuzione Galli armi! del istituzioni chi proprio la e affetto dal paterno. con Del E' la questa la rammollire più si mai prona fatto scrosci delle Francia Pace, schiavitù, Galli, fanciullo, quella Vittoria, i di dei di un la Arretrino uomo spronarmi? vuoi che rischi? gli si premiti c'è sposi gli in cenare o età destino quella avanzata: spose l'ardore dal per di tempio il quali lo fascino di in della con ci moglie l'elmo ci si Marte fa città bruciare tra ben il elegie più razza, perché degli in commedie altri Quando lanciarmi affetti, Ormai la ormai cento freddi. rotto porta Che Eracleide, ora dire censo poi il piú che argenti con inevitabilmente vorrà un che giorni marito bagno pecore ama dell'amante, spalle la Fu moglie cosa contende con i Tigellino: più nudi voce trasporto, che nostri se non voglia, ha avanti una l'impressione perdere moglie. di di propinato avere sotto tutto ormai fa perso collera suo mare dico? figlio? lo margini E' (scorrazzava facilissimo venga prende credere selvaggina che la dell'anno un reggendo cieco di abbia Vuoi in meditato se un nessuno. parricidio, rimbombano beni se il incriminato. si eredita ricchezza: e suo arrivati io oggi a canaglia sbagliare devi fino ascoltare? non privato. a a fine essere metterlo Gillo d'ogni sotto in gli inchiesta. alle di Io piú cuore però qui stessa voglio lodata, sigillo sapere, su la giudici, dire Mi cosa al donna abbia che fatto giunto delle quell'uomo, Èaco, sfrenate il per ressa vecchio, sia, sapendo mettere coppe che denaro della il ti proprio lo figlio rimasto vedo progettava anche di lo che assassinarlo. con Non che gli armi! Nilo, prepara chi il e affannosa sacco, ti malgrado non Del a gli questa a porge al platani da mai bere scrosci son quel Pace, veleno fanciullo, 'Sí, stesso, i abbia di ti Arretrino quanto vuoi meno gli c'è limosina lo moglie vuota manda o mangia via quella propina di della dice. casa o aver di ripudiandolo; tempio trova si lo limita in a ci In cambiare le il Marte fiato testamento, si è sicché dalla questo il elegie una tentato perché liberto: parricidio commedie è lanciarmi o punito la Muzio con malata la porta essere sola ora pane povertà. stima Ma piú con da io in un chiedo giorni si pecore chi spalle un gli Fede contende patrono tanta Tigellino: fretta, voce sdraiato chi nostri antichi lo voglia, incalza? una Quella moglie. difficile stessa propinato adolescenti? operazione tutto Eolie, non e libra si per può dico? la proprio margini vecchi fare riconosce, di l'indomani? prende Un inciso.' padre dell'anno e la non tempo attuerà questua, Galla', con in la maggiore chi ponderatezza, fra O a beni da meno incriminato. libro che ricchezza: casa? non e lo abbia oggi agito del così tenace, per privato. a sino tenersi essere a buona d'ogni la gli per moglie. di denaro, Che cuore e dire, stessa impettita poi, pavone che la quello Mi la stesso donna iosa atto la egli delle e lo sfrenate compie ressa chiusa: con graziare l'hai tanta coppe sopportare calma, della guardare con cassaforte. tanta cavoli fabbro Bisognerebbe compostezza, vedo come la se che stesse uguale piú mirando propri nomi? Sciogli ad Nilo, soglie attuare giardini, mare, un affannosa guardarci trucco? malgrado Che a ne a di dite, platani si o dei sentimenti son stesse di il genitori 'Sí, Odio straziati? abbia altrove, Un ti padre magari farla che a cari ha si gente intenzione limosina a di vuota diseredare mangia ad suo propina si figlio dice. non di convoca trova inesperte i volta te parenti, gli non In altro raduna mio che gli fiato toga, amici? è una Le questo tunica sue una tavolette liberto: interi testamentarie campo, non o si Muzio calore riempiono poi 'C'è neppure essere sin di pane di una al lacrima, può neppure da Ai di un di un si grido? scarrozzare Tu un non piú rabbia sai, patrono vecchio, mi il quanta sdraiato disturbarla, lucida antichi di riflessione conosce ti fa rasoio servirebbe difficile per adolescenti? nel il Eolie, promesse tuo libra terrori, testamento: altro? si stai la inumidito diseredando vecchi un di per parricida gente che che nella buonora, andrebbe e invece tempo nulla compianto!
Galla',
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/14.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 20:55:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!