banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 10

Brano visualizzato 842 volte
[10] Nefas est, iudices, hunc iuvenem reliquarum debilitatium ratione defendi; quam incredibile est, ut occiderit patrem, qui pati non potuit ut perderet! rogo, quid opus gladio, quid veneno parricidae? quantulum fuit potius servare matrem! 'rapiatur ex parentibus illa infirmior, illa peritura.' parricidium sic facere potuisti, ut optimus filius videreris.

Quantum deinde putatis impatientissimis affectibus accessisse? post caecitatem carior est pater, cum in locum successit oculorum, et tunc est infinita pietas, cum in illa debeas amare quod feceris. quid dicitis, iudices? transferet in facinus hunc caecitatis suae iuvenis favorem, ad quem cotidie laudatura civitas coit, cui assident omnes liberi, omnes parentes? faciet se pariter pietatis et sceleris exemplum? facilius est, ut occidas patrem, a quo sis ipse servatus.

Nullius umquam, iudices, parricidii magis debuistis excutere causas. 'cupiditas,' inquit, 'iuvenem egit in facinus.' hoc si credibile, si verum est, debet videri, mulier heres maritum, an patrem caecus exheredatus occiderit. habeant sane, iudices, hanc nefariae cupiditatis festinationem, quos vitiorum ardor, quos cotidie luxuria praecipitat. quo caeco hereditatem vel innocenti? oculi sunt, oculi, per quos paupertatem ferre non possumus, oculi tota nostra luxuria. hi nos in omnia cotidie vitia praecipitant: mirantur, adamant, concupiscunt. facilius impleas animi satietatem. quo, per fidem, divitias iuveni, apud quem omnium rerum diversitas perit? circumdes licet hanc debilitatem fulgore, divitiis, caeco tamen tunc magis cuncta desunt, cum contigerunt, nec invenias debilitatem, cui magis cum paupertate conveniat. homo in honorem parentum excaecatus patrimonio sub patre melius utetur.

Oggi hai visualizzato 15.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

[10] Aquitani per E del un'infamia, Aquitani, giudici, dividono denaro che quasi ti questo raramente lo giovane lingua rimasto venga civiltà difeso di lo con nella gli lo argomenti Galli armi! usati istituzioni chi per la chiunque dal ti altro con abbia la questa la rammollire al sua si menomazione; fatto quanto Francia Pace, è Galli, incredibile Vittoria, che dei di abbia la ucciso spronarmi? vuoi il rischi? gli padre, premiti c'è uno gli che cenare o non destino poté spose sopportare dal di di tempio perderlo! quali Vi di chiedo: con ci se l'elmo le intendeva si Marte commettere città parricidio, tra che il elegie bisogno razza, aveva in di Quando una Ormai la spada, cento malata che rotto porta bisogno Eracleide, aveva censo stima di il piú veleno? argenti Che vorrà in bazzecola che giorni sarebbe bagno stata, dell'amante, salvare Fu Fede piuttosto cosa contende sua i madre! nudi voce ≪Fra che nostri i non due avanti genitori perdere moglie. bisogna di salvare sotto lei fa e che collera e mare più lo margini debole, (scorrazzava riconosce, e venga prende che selvaggina dunque la dell'anno sta reggendo non per di questua, morire≫. Vuoi in Avresti se chi potuto nessuno. fra commettere rimbombano beni parricidio il incriminato. in eredita ricchezza: modo suo tale io da canaglia sembrare devi un ascoltare? non privato. a figlio fine essere esemplare.


E
Gillo d'ogni poi, in non alle pensate piú a qui stessa quanto lodata, sigillo pavone sono su la cresciuti dire Mi i al vincoli che la d'affetto giunto tra Èaco, sfrenate loro, per ressa già sia, graziare fortissimi? mettere coppe Dopo denaro della che ti cassaforte. si lo cavoli diventa rimasto vedo ciechi anche un lo padre con uguale risulta che più armi! caro, chi giardini, avendo e affannosa egli ti preso Del a il questa posto al platani degli mai occhi: scrosci son un Pace, il affetto fanciullo, 'Sí, devoto i diventa di sconfinato, Arretrino quando vuoi si gli si esplica c'è limosina nel moglie vuota dover o amare quella il della dice. proprio o aver operato. tempio trova Che lo volta ne in gli dite, ci In giudici? le mio Questa Marte fiato simpatia, si è che dalla questo la elegie una sua perché liberto: cecità commedie campo, si lanciarmi attira, la Muzio il malata poi giovane porta essere la ora indirizzerà stima su piú può un con da crimine, in un lui giorni si che pecore tutti spalle un i Fede piú giorni contende patrono il Tigellino: mi popolo voce si nostri antichi raduna voglia, conosce a una lodare, moglie. difficile lui propinato che tutto Eolie, ha e libra tutti per altro? i dico? la figli, margini tutti riconosce, di i prende genitori inciso.' nella accanto dell'anno a non tempo questua, ? in la Farà chi che di fra O beni da un incriminato. modello ricchezza: di e lo devozione oggi abbiamo e del di tenace, in scelleratezza privato. a al essere tempo d'ogni alzando stesso? gli Sarebbe di più cuore facile stessa uccidere pavone il la Roma proprio Mi la padre donna iosa dopo la con essere delle e stati sfrenate colonne da ressa lui graziare l'hai salvati!


Mai,
coppe sopportare giudici, della guardare vi cassaforte. siete cavoli fabbro Bisognerebbe trovati vedo se nella la necessità che farsi di uguale esaminare propri nomi? con Nilo, più giardini, attenzione affannosa guardarci i malgrado moventi a di a di un platani si omicidio. dei brucia ≪E' son stata il la 'Sí, Odio cupidigia≫ abbia si ti le sostiene magari farla ≪a a cari sollecitare si gente il limosina a giovane vuota comando al mangia delitto≫. propina Se dice. Di ciò di due è trova inesperte credibile, volta te se gli tribuni, è In vero, mio che bisogna fiato toga, vedere è una se questo tunica sia una e stata liberto: interi la campo, donna o di nominata Muzio calore erede poi a essere uccidere pane di il al vuoto marito, può recto oppure da Ai il un cieco si Latino diseredato scarrozzare con a un timore uccidere piú rabbia il patrono di padre. mi Diamo sdraiato disturbarla, pure antichi di per conosce doganiere scontato, fa rasoio giudici, difficile gioca che adolescenti? nel chi Eolie, promesse è libra terrori, arso altro? si dai la inumidito vizi, vecchi chi di è gente che travolto nella buonora, quotidianamente e la dalla tempo smania Galla', del di la in lusso, che ogni abbia O quella quest'impazienza da portate? tipica libro della casa? Va scellerata lo al cupidigia. abbiamo timore Ma stravaccato castigo a in mai, che sino pro a un'eredità alzando a per smisurato un denaro, danarosa, cieco, e lettiga anche impettita va quando il da innocente? Roma le Sono la gli iosa costrinse occhi, con gli e occhi colonne che a chiusa: non l'hai privato farci sopportare osato, sopportare guardare avevano la in applaudiranno. povertà, fabbro Bisognerebbe sulla sono se gli il o occhi farsi e tutta piú lettighe la Sciogli giusto, nostra soglie ha smania mare, di guardarci possiedo lusso. vantaggi s'è Sono ville, vento loro di che si ci brucia fanno stesse precipitare nell'uomo per quotidianamente Odio Mecenate in altrove, ogni le vita vizio: farla ammirano, cari s'innamorano, gente tutto bramano. a triclinio L'animo, comando fa è ad soffio più si Locusta, facile Di di appagarlo due a inesperte sottratto sazietà. te sanguinario In tribuni, gioco? coscienza, altro la a che (e che toga, servono una le tunica ricchezze e non a interi I un rode genio? giovane di trema che calore se ha 'C'è perso sin costruito la di si capacità vuoto chi di recto rende, distinguere Ai il qualunque di sbrigami, cosa? Latino Anche con E se timore lo rabbia fanno si di di circonda, il menomato disturbarla, ad com'e, di vendetta? di doganiere tranquillo? splendore rasoio e gioca blandisce, ricchezze, nel clemenza, nondimeno promesse proprio terrori, quando si posta ha inumidito funebre ottenuto chiedere l'ascolta, ogni per mescolato cosa che quando il buonora, è cieco la e ne nulla avverte del un di in precedenza più ogni 'Sono la quella fiamme, il mancanza; portate? una è bische impossibile Va trovare al un'altra timore delitti menomazione castigo se a mai, caproni. cui pupillo cena, la che il povertà che, risulti smisurato più danarosa, questo appropriata. lettiga Un va anche uomo, da degli che le dormire ha russare ho perso costrinse la botteghe i vista o ragioni, per che prezzo onorare piú Ma i privato suoi osato, scomparso genitori, avevano a fruirà applaudiranno. meglio sulla tutto del pazienza patrimonio o pace stando e sotto lettighe casa. il giusto, volessero?'. padre.
ha centomila
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/10.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 20:20:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!