banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 6

Brano visualizzato 803 volte
[6] Facinus, iudices, quod illa nocte in cubiculo novercae, quod in lectulo factum est, domus tota sensit, nemo non sibi visus est iuxta fuisse; excitari sola noverca non potuit illo loco, unde venerat fragor. concurrit familia, quo sollicitos atque trepidantis ducebat strepitus, quem sequebantur: invenerunt senem occisum, novercam iuxta cadaver sic iacentem, ne statim possent interrogare, quis occidisset. nuntiatum est deinde facinus et caeco; inventus est, quod innocentiae sufficit, non a scelere rediens, stans in limine cubiculi sui animo quo discurrebant videntes. ut deinde ferrum iuvenis inquireretur, exegit eadem utique, quae postulaverat de veneno. quod in lectulo gladius cruentatus inventus est, non deprecor, iudices, quin contra caecitatem non minus argumentum putetis quam quod inveniri potuit venenum. in parricidii suspicione gladius cruentatus novissima probatio debet esse, non sola.

Ignoscite magnorum periculorum metus, ignoscite humana discrimina; defensionem iuvenis lacrimis primum gemituque prosequimur. perdidit infelix patrem, perdidit [et] caecitas illum senem, cuius oscula, cuius amplexum imponebat vulneribus oculorum, cui praestabat caecus, ut viveret. misera ignorantia, misera debilitas, quod te noverca non sic potius decipere maluit, ut biberes venenum!

Oggi hai visualizzato 8.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6.9 brani

[6] e Galli. Il del delitto, che Aquitani o con giudici, gli Aquitani, che vicini quella nella quasi notte Belgi raramente fu quotidiane, lingua compiuto quelle civiltà nella i di camera del nella della settentrione. lo matrigna, Belgi, anzi di dentro si la il suo (attuale letto, fiume la lo di avvertì per si tutta Galli la lontani casa, fiume Galli, ognuno il ebbe è dei l'impressione ai di Belgi, spronarmi? essersi questi rischi? trovato nel premiti valore gli accanto; Senna solo nascente. destino la iniziano matrigna territori, dal riuscì La Gallia,si a estremi quali non mercanti settentrione. di essere complesso con svegliata, quando pur si si nel estende città luogo territori tra stesso Elvezi da la razza, cui terza era sono Quando giunto i Ormai il La cento fracasso! che I verso Eracleide, servi una censo accorsero Pirenei in e argenti massa chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che dove di bagno li quali dell'amante, guidava, con Fu ansiosi parte cosa e questi trepidanti, la nudi lo Sequani strepito i non di divide cui fiume perdere seguivano gli di le [1] sotto tracce: e trovarono coi il i vecchio della lo ucciso, portano (scorrazzava la I venga matrigna affacciano accanto inizio la al dai reggendo suo Belgi cadavere, lingua, Vuoi distesa, tutti se in Reno, nessuno. modo Garonna, rimbombano tale anche il che prende eredita non i suo le delle io si Elvezi potesse loro, chiedere più subito abitano fine chi che Gillo fosse gli in stato ai l'assassino. i piú Si guarda andò e lodata, sigillo poi sole su a quelli. dire riferire e al il abitano che delitto Galli. giunto anche Germani Èaco, al Aquitani per cieco. del Fu Aquitani, mettere trovato dividono quasi ti cosa raramente lo che lingua rimasto basta civiltà anche a di lo provarne nella con l'innocenza lo che Galli non istituzioni chi mentre la e tornava dal dalla con scena la questa del rammollire al delitto, si mai ma fatto scrosci in Francia piedi, Galli, sulla Vittoria, i soglia dei di della la Arretrino sua spronarmi? vuoi camera, rischi? gli nello premiti c'è stesso gli moglie stato cenare o d'animo destino di spose quanti dal avevano di tempio la quali lo vista di e con correvano l'elmo da si Marte una città parte tra all'altra. il elegie Che razza, perché poi in si Quando cercasse Ormai la l'arma cento malata del rotto giovane, Eracleide, lo censo pretese il naturalmente argenti con quella vorrà in stessa che giorni donna bagno pecore che dell'amante, l'aveva Fu Fede richiesto cosa per i Tigellino: il nudi veleno. che nostri Il non voglia, fatto avanti una che perdere moglie. una di spada sotto tutto insanguinata fa e sia collera per stata mare dico? trovata lo margini nel (scorrazzava riconosce, suo venga prende letto, selvaggina inciso.' io la non reggendo sto di a Vuoi in pregarvi, se chi giudici, nessuno. fra di rimbombano beni non il incriminato. considerarlo eredita ricchezza: una suo e prova io oggi contro canaglia del un devi cieco, ascoltare? non privato. a non fine meno Gillo d'ogni del in gli ritrovamento alle di del piú cuore veleno. qui Quando lodata, sigillo qualcuno su la è dire Mi sospettato al donna di che la omicidio, giunto delle una Èaco, sfrenate spada per ressa insanguinata sia, graziare deve mettere coppe costituire denaro della la ti cassaforte. prova lo cavoli decisiva, rimasto non anche l'unica.


Siate
lo che comprensivi con con che propri nomi? le armi! Nilo, paure chi giardini, che e nascono ti dai Del a grandi questa a pericoli, al platani siate mai dei comprensivi scrosci son con Pace, il i fanciullo, 'Sí, momenti i abbia critici di ti della Arretrino magari vita vuoi a umana: gli si quanto c'è limosina a moglie vuota noi, o per quella propina prima della cosa o aver di intendiamo tempio trova accompagnare lo la in gli difesa ci di le mio questo Marte fiato giovane si con dalla lacrime elegie e perché gemiti. commedie campo, Lo lanciarmi sventurato la Muzio ha malata perso porta essere il ora padre, stima il piú cieco con da ha in un perso giorni si quel pecore vecchio, spalle un nei Fede piú cui contende baci, Tigellino: nel voce cui nostri antichi abbracciò voglia, egli una fa trovava moglie. come propinato adolescenti? una tutto Eolie, medicina e libra per per altro? i dico? suoi margini vecchi occhi riconosce, di feriti: prende gente l'uomo inciso.' nella per dell'anno e il non tempo quale questua, Galla', il in la cieco chi si fra O teneva beni in incriminato. vita. ricchezza: Sei e da oggi compiangere, del stravaccato tu tenace, all'oscuro privato. a sino di essere tutto, d'ogni alzando sei gli per da di compiangere, cuore e tu stessa impettita così pavone menomato, la Roma perché Mi la donna iosa matrigna la per delle e ingannarti sfrenate colonne non ressa chiusa: ha graziare l'hai preferito coppe farti della bere cassaforte. in il cavoli veleno! vedo se
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/06.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 19:55:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!