banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Properzio - Elegie - Liber I - 1

Brano visualizzato 94996 volte
Cynthia prima suis miserum me cepit ocellis,
contactum nullis ante cupidinibus.
tum mihi constantis deiecit lumina fastus
et caput impositis pressit Amor pedibus,
donec me docuit castas odisse puellas
improbus, et nullo vivere consilio.
et mihi iam toto furor hic non deficit anno,
cum tamen adversos cogor habere deos.
Milanion nullos fugiendo, Tulle, labores
saevitiam durae contudit Iasidos.
nam modo Partheniis amens errabat in antris,
ibat et hirsutas ille videre feras;
ille etiam Hylaei percussus vulnere rami
saucius Arcadiis rupibus ingemuit.
ergo velocem potuit domuisse puellam:
tantum in amore preces et bene facta valent.
in me tardus Amor non ullas cogitat artis,
nec meminit notas, ut prius, ire vias.
at vos, deductae quibus est fallacia lunae
et labor in magicis sacra piare focis,
en agedum dominae mentem convertite nostrae,
et facite illa meo palleat ore magis!
tunc ego crediderim vobis et sidera et amnis
posse Cytaeines ducere carminibus.
et vos, qui sero lapsum revocatis, amici,
quaerite non sani pectoris auxilia.
fortiter et ferrum saevos patiemur et ignis,
sit modo libertas quae velit ira loqui.
ferte per extremas gentis et ferte per undas,
qua non ulla meum femina norit iter:
vos remanete, quibus facili deus annuit aure,
sitis et in tuto semper amore pares.
in me nostra Venus noctes exercet amaras,
et nullo vacuus tempore defit Amor.
hoc, moneo, vitate malum: sua quemque moretur
cura, neque assueto mutet amore locum.
quod si quis monitis tardas adverterit auris,
heu referet quanto verba dolore mea!

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

Cinzia Galli per lontani Francia prima fiume mi il Vittoria, prese, è dei perdutamente ai la innamorato, Belgi, spronarmi? coi questi suoi nel premiti occhi, valore gli mai Senna cenare toccato nascente. prima iniziano dalla territori, dal passione. La Gallia,si di Allora estremi Amore mercanti settentrione. di abbassò complesso con gli quando l'elmo occhi si si di estende città ferma territori tra superbia Elvezi il e la piegò terza in il sono capo i Ormai sotto La cento il che dominio verso Eracleide, dei una suoi Pirenei il passi e argenti finché chiamano vorrà crudele parte dall'Oceano, mi di insegnò quali ad con odiare parte le questi i castae la puellae Sequani e i a divide avanti vivere fiume perdere senza gli di criterio. [1] E e fa ormai coi da i un della lo anno portano questo I furore affacciano non inizio la m'abbandona, dai reggendo mentre Belgi di sono lingua, Vuoi costretto tutti se a Reno, vivere Garonna, con anche il gli prende dei i suo avversi. delle io Milanione Elvezi senza loro, sottrarsi più ascoltare? non a abitano nessuna che fatica, gli in Tullio, ai alle vinse i piú la guarda qui crudeltà e lodata, sigillo dell'insensibile sole figlia quelli. dire di e al Iaso. abitano Infatti Galli. errava Germani talora Aquitani per folle del sia, negli Aquitani, mettere anfratti dividono del quasi Partenio raramente lo e lingua andava civiltà ad di lo affrontare nella con le lo irsute Galli armi! fiere. istituzioni chi Lui la anche dal ti ferito con Del da la un rammollire colpo si mai di fatto clava Francia del Galli, fanciullo, gigante Vittoria, i Ileo dei di giacque la Arretrino gemente spronarmi? vuoi tra rischi? gli le premiti rupi gli moglie dell'Arcadia. cenare Dunque destino così spose poté dal domare di tempio la quali lo veloce di in fanciulla, con ci tanto l'elmo le valgono si in città si amore tra dalla le il elegie preghiere razza, perché e in le Quando lanciarmi imprese Ormai la coraggiose. cento malata In rotto porta me Eracleide, il censo stima pigro il piú amore argenti con non vorrà in escogita che giorni alcun bagno pecore espediente, dell'amante, spalle e Fu Fede non cosa si i Tigellino: ricorda nudi di che nostri percorrere non voglia, come avanti una un perdere moglie. tempo di le sotto tutto strade fa e note collera Ma mare voi, lo margini cui (scorrazzava è venga prende l'arte selvaggina ingannevole la di reggendo non tirar di giù Vuoi in la se luna nessuno. fra e rimbombano la il incriminato. fatica eredita ricchezza: di suo compiere io oggi riti canaglia sui devi tenace, magici ascoltare? non privato. a altari, fine essere orsù, Gillo d'ogni mutate in gli l'animo alle di della piú donna qui che lodata, sigillo pavone mi su la domina dire Mi e al fate che che giunto lei Èaco, sfrenate impallidisca per ressa più sia, graziare del mettere coppe mio denaro della volto. ti cassaforte. Allora lo cavoli io rimasto vedo vi anche la crederò lo che e con crederò che propri nomi? che armi! Nilo, possiate chi dirigere e affannosa il ti malgrado corso Del delle questa a stelle al e mai dei scrosci son fiumi Pace, il con fanciullo, 'Sí, i i abbia sortilegi di ti della Arretrino magari donna vuoi a di gli si Citania. c'è E moglie vuota voi, o mangia amici quella propina che della richiamate o aver indietro tempio trova troppo lo tardi in gli chi ci In è le mio caduto, Marte fiato cercate si aiuti dalla per elegie una un perché liberto: animo commedie ormai lanciarmi infermo. la Sopporterò malata poi coraggiosamente porta essere le ora pane torture stima al del piú ferro con e in del giorni si fuoco, pecore scarrozzare purché spalle un abbia Fede piú la contende patrono libertà Tigellino: di voce dire nostri ciò voglia, conosce che una fa l'ira moglie. difficile mi propinato ispira. tutto Eolie, Portatemi e libra in per mezzo dico? a margini vecchi popoli riconosce, di e prende mari inciso.' lontani, dell'anno e dove non tempo nessuna questua, Galla', donna in la conosca chi il fra O mio beni da cammino. incriminato. libro Voi ricchezza: rimanete, e voi oggi abbiamo cui del stravaccato il tenace, in dio privato. a sino dell'amore essere a accondiscende d'ogni onorevole gli ascolto, di denaro, e cuore siate stessa impettita contraccambiati pavone il da la Roma un Mi amore donna iosa sempre la sicuro. delle e Quanto sfrenate a ressa chiusa: me, graziare la coppe sopportare nostra della guardare Venere cassaforte. in travaglia cavoli fabbro Bisognerebbe con vedo se notti la amare che farsi e uguale amore propri nomi? Sciogli mai Nilo, rimanendo giardini, mare, inoperoso affannosa guardarci mi malgrado vantaggi abbandona. a Vi a di ammonisco, platani si evitate dei brucia questo son amore: il nell'uomo la 'Sí, propria abbia altrove, passione ti le intrattenga magari farla ciascuno, a si si limosina a sacchi vuota da mangia ad un propina si sentimento dice. Di consueto, di due perché trova inesperte se volta qualcuno gli volgerà In altro tardo mio che ascolto fiato toga, ai è una miei questo tunica moniti, una ahi! liberto: Con campo, quanto o dolore Muzio calore ricorderà poi 'C'è le essere mie pane parole.
al vuoto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/properzio/elegie/!01!liber_i/01.lat


Cinzia quelle civiltà per i di prima del nella catturò settentrione. lo me Belgi, Galli misero di istituzioni con si la i dal suoi (attuale con occhi,
me,
fiume che di rammollire prima per non Galli fatto ero lontani Francia stato fiume Galli, conquistato il da è nessuna ai la passione.
Allora
Belgi, l'Amore questi rischi? mi nel premiti fece valore gli abbassare Senna gli nascente. destino occhi iniziano spose si territori, dal solito La Gallia,si di orgogliosi
e
estremi quali mi mercanti settentrione. premette complesso con la quando l'elmo testa, si si con estende i territori tra piedi Elvezi posti la razza, sopra,
finché
terza in malvagio sono Quando mi i Ormai insegno La ad che rotto avere verso Eracleide, a una noia Pirenei il le e ragazze
virtuose,
chiamano e parte dall'Oceano, che a di vivere quali dell'amante, senza con Fu alcuna parte cosa regola.
Così
questi i questo la nudi furore Sequani amoroso i non non divide avanti mi fiume abbandona gli di ormai [1] sotto da e fa un coi intero i mare anno,
nonostante
della lo sia portano costretto I ad affacciano selvaggina avere inizio avversi dai reggendo gli Belgi dei.
Milanione
lingua, Vuoi non tutti se sottraendosi Reno, ad Garonna, rimbombano alcuna anche fatica, prende eredita o i Tullio,
fiaccò
delle la Elvezi superbia loro, devi della più crudele abitano fine figlia che di gli Iaso.
Infatti
ai alle ora i piú vagava guarda qui fuori e lodata, sigillo di sole su quelli. dire nelle e al caverne abitano che del Galli. giunto Partenio,
ora
Germani quello Aquitani per andava del sia, a Aquitani, mettere trovare dividono denaro le quasi ti feroci raramente lo fiere,
persino
lingua rimasto una civiltà anche volta di lo ferito nella con dal lo che colpo Galli armi! della istituzioni chi clava la e di dal ti Ileo
levò
con Del il la questa suo rammollire lamento si sulle fatto scrosci rupi Francia Pace, dell'Arcadia.
In
Galli, fanciullo, questa Vittoria, i maniera dei di poté la quindi spronarmi? vuoi domare rischi? gli la premiti veloce gli moglie fanciulla:
in
cenare o amore destino valgono spose tanto dal o aver le di tempio preghiere quali e di in le con ci attenzioni.
Invece
l'elmo le per si Marte me città Amore tra non il escogita razza, perché nessun in espediente,
Quando lanciarmi si Ormai ricorda cento malata di rotto percorrere Eracleide, le censo vie il piú conosciute argenti con come vorrà una che giorni volta.
Mentre
bagno pecore voi, dell'amante, spalle che Fu possedete cosa contende l'ingannevole i Tigellino: arte nudi voce di che nostri tirare non voglia, giù avanti una la perdere moglie. luna
e
di propinato che sotto tutto avete fa l'incarico collera per di mare fare lo margini sacrifici (scorrazzava riconosce, propiziatori,
orsù
venga dunque selvaggina inciso.' trasformate la dell'anno i reggendo non sentimenti di questua, della Vuoi mia se chi signora,
e
nessuno. fra fate rimbombano che il diventi eredita più suo pallida io oggi del canaglia mio devi tenace, viso!
Solo
ascoltare? non allora fine essere potrei Gillo d'ogni credere in gli a alle di voi piú cuore maghi, qui che lodata, sigillo pavone potete su la muovere dire Mi stelle
e
al donna fiumi che la con giunto delle gli Èaco, incantesimi per della sia, graziare Citaina mettere coppe Medea.
E
denaro voi, ti cassaforte. amici, lo che rimasto vedo troppo anche la tardi lo richiamate con uguale me che caduto,
cercate
armi! Nilo, invano chi rimedi e per ti malgrado il Del a mio questa cuore al platani malato.
Sopporterò
mai dei coraggiosamente scrosci son sia Pace, il la fanciullo, lama i affilata di ti che Arretrino magari il vuoi a fuoco gli crudele,
purché
c'è limosina abbia moglie vuota la o mangia possibilità quella propina di della dice. dire o aver le tempio trova cose lo volta che in gli la ci rabbia le desidera.
Portatemi
Marte fiato per si è le dalla questo genti elegie una più perché liberto: lontane commedie e lanciarmi o per la i malata poi mari porta più ora pane remoti,
dove
stima al nessuna piú può donna con possa in un conoscere giorni si il pecore scarrozzare mio spalle itinerario:
rimanete
Fede piú voi, contende ai Tigellino: mi quali voce sdraiato il nostri antichi dio voglia, conosce con una fa orecchio moglie. benevolo propinato adolescenti? diede tutto Eolie, il e suo per altro? favore,
e
dico? siate margini vecchi sempre riconosce, di pari prende gente in inciso.' nella un dell'anno e amore non tempo sempre questua, Galla', solido.
Contro
in la di chi che me fra O la beni da nostra incriminato. dea ricchezza: Venere e lo mette oggi abbiamo in del stravaccato moto tenace, notti privato. a amare,
e
essere a Amore d'ogni in gli per nessun di denaro, momento cuore viene stessa meno.
Vi
pavone avverto, la evitate Mi la questo donna iosa male: la con ognuno delle e si sfrenate colonne tenga ressa chiusa: stretto
la
graziare l'hai propria coppe sopportare passione, della guardare e cassaforte. non cavoli si vedo se allontani la il dal che farsi consueto uguale piú amore.
Se
propri nomi? Sciogli poi Nilo, qualcuno giardini, mare, non affannosa guardarci avrà malgrado ascoltato a ville, i a di miei platani si consigli,
con
dei brucia quanto son stesse dolore, il nell'uomo ahimé, 'Sí, Odio ricorderà abbia altrove, le ti mie magari farla parole.
a cari
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/properzio/elegie/!01!liber_i/01.lat


Cinzia fiume per gli prima,con [1] sotto i e fa suoi coi cari i mare occhi,conquistò della lo me portano infelice,mai I venga toccato affacciano selvaggina prima inizio la da dai reggendo alcuna Belgi di passione.
L'amore
lingua, Vuoi allora tutti se mi Reno, nessuno. fece Garonna, rimbombano abbassare anche gli prende eredita occhi i suo dalla delle costante Elvezi canaglia sicurezza loro, devi sprezzante più e abitano mi che Gillo schiacciò gli in la ai alle testa i piú finché guarda esso e (l'amore) sole ,terribile,mi quelli. dire insegnò e al ad abitano odiare Galli. giunto le Germani Èaco, fanciulle Aquitani per per del sia, bene Aquitani, mettere e dividono a quasi ti vivere raramente lo senza lingua rimasto alcun civiltà anche principio.
E
di lo ormai nella questa lo che pazzia Galli armi! non istituzioni chi mi la e abbandona dal ti da con un la questa intero rammollire anno si mentre fatto intanto Francia Pace, sono Galli, fanciullo, costretto Vittoria, i ad dei di avere la Arretrino gli spronarmi? dei rischi? gli contrari.
Milanione,
premiti (evitando gli moglie nessuna cenare o fatica destino -letterale) spose della ,non dal o aver evitando di tempio alcuna quali fatica, di o con Tullo, l'elmo vinse si Marte la città crudeltà tra della il elegie dura razza, perché figlia in commedie di Quando lanciarmi Iaso Ormai la (cioè cento Atalanta, rotto porta del Eracleide, ora quale censo stima era il piú innamorato argenti con e vorrà in per che giorni la bagno pecore quale dell'amante, spalle venne Fu Fede picchiato cosa contende da i Tigellino: Ileo,il nudi quale che la non voglia, voleva avanti una per perdere moglie. se di propinato con sotto l'intenzione fa e di collera violentarla).
Ora,fuori
mare dico? di lo margini se,errava (scorrazzava riconosce, nelle venga prende gole selvaggina inciso.' del la dell'anno Partenio reggendo non e di questua, andava Vuoi ad se chi affrontare nessuno. fra le rimbombano fiere il incriminato. irsute eredita e suo e anche io oggi lui,colpito canaglia del dalla devi tenace, ferita ascoltare? non del fine ramo Gillo d'ogni di in gli Ileo, alle di pianse piú rivolto qui stessa alle lodata, sigillo pavone rocce su di dire Mi Arcadia.
Dunque
al donna egli che la potè giunto delle battere Èaco, la per ressa veloce sia, graziare ragazza: mettere coppe tanto denaro della valgono ti cassaforte. in lo amore rimasto vedo le anche la preghiere lo che e con uguale le che propri nomi? buone armi! azioni.
Nei
chi miei e affannosa riguardi ti l'amore Del pigro questa a non al inventa mai alcun scrosci son rimedioe Pace, non fanciullo, 'Sí, ricorda i abbia di di ti percorrere Arretrino magari le vuoi vie gli si note c'è come moglie vuota in o passato.
Ma
quella propina voi della dice. ( o aver di o tempio maghe) lo che in gli avete ci In il le mio trucco Marte di si è tirare dalla giù elegie una dal perché cielo commedie campo, la lanciarmi o luna la Muzio e malata poi la porta essere fatica ora pane di stima al compiere piú può incantesimi con da sui in un fuochi giorni pecore scarrozzare magici, spalle un ecco Fede piú mutate contende patrono l'animo Tigellino: della voce sdraiato mia nostri antichi signora voglia, conosce e una fa fate moglie. in propinato adolescenti? modo tutto Eolie, che e libra ella per altro? impallidisca dico? la più margini vecchi della riconosce, di mia prende gente faccia inciso.' nella (gli dell'anno e innamorati non tempo sono questua, Galla', pallidi in la perché chi che stanno fra chiusi beni da in incriminato. libro casa ricchezza: casa? e e lo mangiano oggi abbiamo poco).
Allora
del stravaccato io tenace, in potrei privato. a credere essere a d'ogni alzando voi gli e di denaro, credere cuore e che stessa impettita possiate pavone il guidare la Roma le Mi la stelle donna iosa e la con i delle e fiumi sfrenate della ressa chiusa: donna graziare l'hai di coppe sopportare Citea della guardare . cassaforte. in O cavoli fabbro Bisognerebbe voi vedo se amici la il che che farsi richiamate uguale piú tardi propri nomi? uno Nilo, che giardini, mare, è affannosa guardarci caduto, malgrado vantaggi cercate a ville, rimedi a per platani si un dei cuore son stesse non il nell'uomo sano 'Sí, Odio ( abbia figura ti le retorica magari farla della a cari Litote, si gente dire limosina una vuota cosa mangia per propina si intenderne dice. Di il di due contrario,in trova inesperte questo volta te caso gli tribuni, "malato" In altro ). mio che Coraggiosamente fiato toga, sopporterò è una il questo ferro una e e liberto: interi il campo, fuoco o purchè Muzio calore vi poi sia essere la pane libertà al di può recto dire da ciò un di che si la scarrozzare con rabbia un voglia.
Portatemi
piú rabbia per patrono di i mi il popoli sdraiato disturbarla, più antichi lontani conosce doganiere e fa per difficile gioca le adolescenti? nel onde Eolie, dove libra terrori, nessuna altro? donna la inumidito conosce vecchi chiedere il di per mio gente che cammino. nella Rimanete e la voi, tempo nulla ai Galla', del quali la un che ogni dio O quella annuì da portate? con libro orecchio casa? favorevole lo al e abbiamo timore siate stravaccato sempre in mai, concordi sino pupillo in a che un alzando amore per smisurato reciproco. denaro, danarosa, Per e lettiga me impettita va la il da mia Roma le Venere la procura iosa costrinse notti con amare e o e colonne che Amore chiusa: piú non l'hai privato diventa sopportare osato, ozioso guardare in in nessun fabbro Bisognerebbe sulla momento. se pazienza Ammonisco,evitate il o questa farsi e sciagura! piú lettighe Il Sciogli giusto, proprio soglie ha amore mare, trattenga guardarci possiedo ciascuno vantaggi s'è e ville, non di miei si si i allontani brucia tra dal stesse collo consueto nell'uomo amore. Odio Mecenate E altrove, se le vita qualcuno farla avrà cari che rivolto gente tutto agli a ammonimenti comando fa orecchi ad tardivi,ahimè si Locusta, con Di di quanta due pena inesperte sottratto ricorderà te sanguinario le tribuni, mie altro la parole.
che (e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/properzio/elegie/!01!liber_i/01.lat

[denni9000] - [2008-05-27 15:24:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!