Splash Latino - Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxxv - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxxv - 36

Brano visualizzato 15933 volte
60 LXXXX autem olympiade fuere Aglaophon, Cephisodorus, Erillus, Euenor, pater Parrhasii et praeceptor maximi pictoris, de quo suis annis dicemus, omnes iam inlustres, non tamen in quibus haerere expositio debeat festinans ad lumina artis, in quibus primus refulsit Apollodorus Atheniensis LXXXXIII olympiade. hic primus species exprimere instituit primusque gloriam penicillo iure contulit. eius est sacerdos adorans et Aiax fulmine incensus, quae Pergami spectatur hodie. neque ante eum tabula ullius ostenditur, quae teneat oculos.

61 Ab hoc artis fores apertas Zeuxis Heracleotes intravit olympiadis LXXXXV anno quarto, audentemque iam aliquid penicillum de hoc enim adhuc loquamur ad magnam gloriam perduxit, a quibusdam falso in LXXXVIIII olympiade positus, cum fuisse necesse est Demophilum Himeraeum et Nesea Thasium, quoniam utrius eorum discipulus fuerit ambigitur.

62 in eum Apollodorus supra scriptus versum fecit, artem ipsis ablatam Zeuxim ferre secum. opes quoque tantas adquisivit, ut in ostentatione earum Olympiae aureis litteris in palliorum tesseris intextum nomen suum ostentaret. postea donare opera sua instituit, quod nullo pretio satis digno permutari posse diceret, sicuti Alcmenam Agragantinis, Pana Archelao.

63 fecit et Penelopen, in qua pinxisse mores videtur, et athletam adeoque in illo sibi placuit, ut versum subscriberet celebrem ex eo, invisurum aliquem facilius quam imitaturum. magnificus est et Iuppiter eius in throno adstantibus diis et Hercules infans dracones II strangulans Alcmena matre coram pavente et Amphitryone.

64 reprehenditur tamen ceu grandior in capitibus articulisque, alioqui tantus diligentia, ut Agragantinis facturus tabulam, quam in templo Iunonis Laciniae publice dicarent, inspexerit virgines eorum nudas et quinque elegerit, ut quod in quaque laudatissimum esset pictura redderet. pinxit et monochromata ex albo. aequales eius et aemuli fuere Timanthes, Androcydes, Eupompus, Parrhasius.

65 descendisse hic in certamen cum Zeuxide traditur et, cum ille detulisset uvas pictas tanto successu, ut in scaenam aves advolarent, ipse detulisse linteum pictum ita veritate repraesentata, ut Zeuxis alitum iudicio tumens flagitaret tandem remoto linteo ostendi picturam atque intellecto errore concederet palmam ingenuo pudore, quoniam ipse volucres fefellisset, Parrhasius autem se artificem.

66 fertur et postea Zeuxis pinxisse puerum uvas ferentem, ad quas cum advolassent aves, eadem ingenuitate processit iratus operi et dixit: uvas melius pinxi quam puerum, nam si et hoc consumassem, aves timere debuerant. fecit et figlina opera, quae sola in Ambracia relicta sunt, cum inde Musas Fulvius Nobilior Romam transferret. Zeuxidis manu Romae Helena est in Philippi porticibus, et in Concordiae delubro Marsyas religatus.

67 Parrhasius Ephesi natus et ipse multa contulit. primus symmetrian picturae dedit, primus argutias voltus, elegantiam capilli, venustatem oris, confessione artificum in liniis extremis palmam adeptus. haec est picturae summa suptilitas. corpora enim pingere et media rerum est quidem magni operis, sed in quo multi gloriam tulerint; extrema corporum facere et desinentis picturae modum includere rarum in successu artis invenitur.

68 ambire enim se ipsa debet extremitas et sic desinere, ut promittat alia et post se ostendatque etiam quae occultat. hanc ei gloriam concessere Antigonus et Xenocrates, qui de pictura scripsere, praedicantes quoque, non solum confitentes; et alias multa graphidis vestigia exstant in tabulis ac membranis eius, ex quibus proficere dicuntur artifices. minor tamen videtur sibi comparatus in mediis corporibus exprimendis.

69 pinxit demon Atheniensium argumento quoque ingenioso. ostendebat namque varium: iracundum iniustum inconstantem, eundem exorabilem clementem misericordem; gloriosum . . . ., excelsum humilem, ferocem fugacemque et omnia pariter. idem pinxit et Thesea, quae Romae in Capitolio fuit, et nauarchum thoracatum, et in una tabula, quae est Rhodi, Meleagrum, Herculem, Persea; haec ibi ter fulmine ambusta neque obliterata hoc ipso miraculum auget.

70 pinxit et archigallum, quam picturam amavit Tiberius princeps atque, ut auctor est Deculo, HS |LX| aestimatam cubiculo suo inclusit. pinxit et Thressam nutricem infantemque in manibus eius et Philiscum et Liberum patrem adstante Virtute, et pueros duos, in quibus spectatur securitas aetatis et simplicitas, item sacerdotem adstante puero cum acerra et corona.

71 sunt et duae picturae eius nobilissimae, hoplites in certamine ita decurrens, ut sudare videatur, alter arma deponens, ut anhelare sentiatur. laudantur et Aeneas Castorque ac Pollux in eadem tabula, item Telephus, Achilles, Agamemnon, Ulixes. fecundus artifex, sed quo nemo insolentius usus sit gloria artis, namque et cognomina usurpavit habrodiaetum se appellando aliisque versibus principem artis et eam ab se consummatam, super omnia Apollinis se radice ortum et Herculem, qui est Lindi, talem a se pictum, qualem sese in quiete vidisset,

72 et, cum magnis suffragiis superatus a Timanthe esset Sami in Aiace armorumque iudicio, herois nomine se moleste ferre dicebat, quod iterum ab indigno victus esset. (Pinxit et minoribus tabellis libidines, eo genere petulantis ioci se reficiens).

73 Nam Timanthi vel plurimum adfuit ingenii. eius enim est Iphigenia oratorum laudibus celebrata, qua stante ad aras peritura cum maestos pinxisset omnes praecipueque patruum et tristitiae omnem imaginem consumpsisset, patris ipsius voltum velavit, quem digne non poterat ostendere.

74 sunt et alia ingenii eius exempla, veluti Cyclops dormiens in parvola tabella, cuius et sic magnitudinem exprimere cupiens pinxit iuxta Satyros thyrso pollicem eius metientes. atque in unius huius operibus intellegitur plus semper quam pingitur et, cum sit ars summa, ingenium tamen ultra artem est. pinxit et heroa absolutissimi operis, artem ipsam complexus viros pingendi, quod opus nunc Romae in templo Pacis est.

75 Euxinidas hac aetate docuit Aristiden, praeclarum artificem, Eupompus Pamphilum, Apellis praeceptorem. est Eupompi victor certamine gymnico palmam tenens. ipsius auctoritas tanta fuit, ut diviserit picturam: genera, quae ante eum duo fuere Helladicum et Asiaticum appellabant , propter hunc, qui erat Sicyonius, diviso Helladico tria facta sunt, Ionicum, Sicyonium, Atticum.

76 Pamphili cognatio et proelium ad Phliuntem ac victoria Atheniensium, item Ulixes in rate. ipse Macedo natione, sed . . . . primus in pictura omnibus litteris eruditus, praecipue arithmetica et geometria, sine quibus negabat artem perfici posse, docuit neminem talento minoris annuis D , quam mercedem et Apelles et Melanthius dedere ei.

77 huius auctoritate effectum est Sicyone primum, deinde in tota Graecia, ut pueri ingenui omnia ante graphicen, hoc est picturam in buxo, docerentur recipereturque ars ea in primum gradum liberalium. semper quidem honos ei fuit, ut ingenui eam exercerent, mox ut honesti, perpetuo interdicto ne servitia docerentur. ideo neque in hac neque in toreutice ullius, qui servierit, opera celebrantur.

78 Clari et centesima septima olympiade exstitere Aetion ac Therimachus. Aetionis sunt nobiles picturae Liber pater, item Tragoedia et Comoedia, Semiramis ex ancilla regnum apiscens, anus lampadas praeferens et nova nupta verecundia notabilis.

79 Verum omnes prius genitos futurosque postea superavit Apelles Cous olympiade centesima duodecima. picturae plura solus prope quam ceteri omnes contulit, voluminibus etiam editis, quae doctrinam eam continent. praecipua eius in arte venustas fuit, cum eadem aetate maximi pictores essent; quorum opera cum admiraretur, omnibus conlaudatis deesse illam suam venerem dicebat, quam Graeci ?a??ta vocant; cetera omnia contigisse, sed hac sola sibi neminem parem.

80 et aliam gloriam usurpavit, cum Protogenis opus inmensi laboris ac curae supra modum anxiae miraretur; dixit enim omnia sibi cum illo paria esse aut illi meliora, sed uno se praestare, quod manum de tabula sciret tollere, memorabili praeceptoncere saepe nimiam diligentiam. fuit autem non minoris simplicitatis quam artis. Melanthio dispositione cedebat, Asclepiodoro de mensuris, hoc est quanto quid a quoque distare deberet.

81 Scitum inter Protogenen et eum quod accidit. ille Rhodi vivebat, quo cum Apelles adnavigasset, avidus cognoscendi opera eius fama tantum sibi cogniti, continuo officinam petiit. aberat ipse, sed tabulam amplae magnitudinis in machina aptatam una custodiebat anus. haec foris esse Protogenen respondit interrogavitque, a quo quaesitum diceret. ab hoc, inquit Apelles adreptoque penicillo lineam ex colore duxit summae tenuitatis per tabulam.

82 et reverso Protogeni quae gesta erant anus indicavit. ferunt artificem protinus contemplatum subtilitatem dixisse Apellen venisse, non cadere in alium tam absolutum opus; ipsumque alio colore tenuiorem lineam in ipsa illa duxisse abeuntemque praecepisse, si redisset ille, ostenderet adiceretque hunc esse quem quaereret. atque ita evenit. revertit enim Apelles et vinci erubescens tertio colore lineas secuit nullum relinquens amplius subtilitati locum.

83 at Protogenes victum se confessus in portum devolavit hospitem quaerens, placuitque sic eam tabulam posteris tradi omnium quidem, sed artificum praecipuo miraculo. consumptam eam priore incendio Caesaris domus in Palatio audio, spectatam Rhodi ante, spatiose nihil aliud continentem quam lineas visum effugientes, inter egregia multorum opera inani similem et eo ipso allicientem omnique opere nobiliorem.

84 Apelli fuit alioqui perpetua consuetudo numquam tam occupatum diem agendi, ut non lineam ducendo exerceret artem, quod ab eo in proverbium venit. idem perfecta opera proponebat in pergula transeuntibus atque, ipse post tabulam latens, vitia quae notarentur auscultabat, vulgum diligentiorem iudicem quam se praeferens;

85 feruntque reprehensum a sutore, quod in crepidis una pauciores intus fecisset ansas, eodem postero die superbo emendatione pristinae admonitionis cavillante circa crus, indignatum prospexisse denuntiantem, ne supra crepidam sutor iudicaret, quod et ipsum in proverbium abiit. fuit enim et comitas illi, propter quam gratior Alexandro Magno frequenter in officinam ventitanti nam, ut diximus, ab alio se ingi vetuerat edicto , sed in officina imperite multa disserenti silentium comiter suadebat, rideri eum dicens a pueris, qui colores tererent.

86 tantum erat auctoritati iuris in regem alioqui iracundum. quamquam Alexander honorem ei clarissimo perhibuit exemplo. namque cum dilectam sibi e pallacis suis praecipue, nomine Pancaspen, nudam pingi ob admirationem formae ab Apelle iussisset eumque, dum paret, captum amore sensisset, dono dedit ei, magnus animo, maior imperio sui nec minor hoc facto quam victoria alia, quia ipse se vicit,

87 nec torum tantum suum, sed etiam adfectum donavit artifici, ne dilectae quidem respectu motus, cum modo regis ea fuisset, modo pictoris esset. sunt qui Venerem anadyomenen ab illo pictam expari putent. Apelles et in aemulis benignus Protogeni dignationem primus Rhodi constituit.

88 sordebat suis, ut plerumque domestica, percontantique, quanti liceret opera effecta, parvum nescio quid dixerat, at ille quinquagenis talentis poposcit famamque dispersit, se emere, ut pro suis venderet. ea res concitavit Rhodios ad intellegendum artificem, nec nisi augentibus pretium cessit.

Imagines adeo similitudinis indiscretae pinxit, ut incredibile dictu Apio grammaticus scriptum reliquerit, quendam ex facie hominum divinantem, quos metoposcopos vocant, ex iis dixisse aut futurae mortis annos aut praeteritae vitae.

89 non fuerat ei gratia in comitatu Alexandri cum Ptolemaeo, quo regnante Alexandriam vi tempestatis expulsus, subornato fraude aemulorum plano regio invitatus, ad cenam venit indignantique Ptolemaeo et vocatores suos ostendenti, ut diceret, a quo eorum invitatus esset, arrepto carbone extincto e foculo imaginem in pariete delineavit, adgnoscente voltum plani rege inchoatum protinus.

90 pinxit et Antigoni regis imaginem altero lumine orbati primus excogitata ratione vitia condendi; obliquam namque fecit, ut, quod deerat corpori, picturae deesse potius videretur, tantumque eam partem a facie ostendit, quam totam poterat ostendere. sunt inter opera eius et exspirantium imagines. quae autem nobilissima sint, non est facile dictu.

91 Venerem exeuntem e mari divus Agustus dicavit in delubro patris Caesaris, quae anadyomene vocatur, versibus Graecis tantopere dum laudatur, aevis victa, sed inlustrata. cuius inferiorem partem corruptam qui reficeret non potuit reperiri, verum ipsa iniuria cessit in gloriam artificis. consenuit haec tabula carie, aliamque pro ea substituit Nero in principatu suo Dorothei manu.

92 Apelles inchoaverat et aliam Venerem Coi, superaturus etiam illam suam priorem. invidit mors peracta parte, nec qui succederet operi ad praescripta liniamenta inventus est. pinxit et Alexandrum Magnum fulmen tenentem in templo Ephesiae Dianae viginti talentis auri. digiti eminere videntur et fulmen extra tabulam esse legentes meminerint omnia ea quattuor coloribus facta ; manipretium eius tabulae in nummo aureo mensura accepit, non numero.

93 pinxit et megabyzi, sacerdotis Dianae Ephesiae, pompam, Clitum cum equo ad bellum festinantem, galeam poscenti armigerum porrigentem. Alexandrum et Philippum quotiens pinxerit, enumerare supervacuum est. mirantur eius Habronem Sami; Menandrum, regem Cariae, Rhodi, item Antaeum; Alexandreae Gorgosthenen tragoedum; Romae Castorem et Pollucem cum Victoria et Alexandro Magno, item Belli imaginem restrictis ad terga manibus, Alexandro in curru triumphante.

94 quas utrasque tabulas divus Augustus in celeberrimis partibus dicaverat simplicitate moderata; divus Claudius pluris existimavit utrisque excisa Alexandri facie divi Augusti imagines addere. eiusdem arbitrantur manu esse et in Dianae templo Herculem aversum, ut, quod est difficillissimum, faciem eius ostendat verius pictura quam promittat. pinxit et heroa nudum eaque pictura naturam ipsam provocavit.

95 est et equus eius, sive fuit, pictus in certamine, quo iudicium ad mutas quadripedes provocavit ab hominibus. namque ambitu praevalere aemulos sentiens singulorum picturas inductis equis ostendit: Apellis tantum equo adhinnivere, idque et postea semper evenit, ut experimentum artis illud ostentaretur.

96 fecit et Neoptolemum ex equo adversus Persas, Archelaum cum uxore et filia, Antigonum thoracatum cum equo incedentem. peritiores artis praeferunt omnibus eius operibus eundem regem sedentem in equo et Dianam sacrificantium virginum choro mixtam, quibus vicisse Homeri versus videtur id ipsum describentis. pinxit et quae pingi non possunt, tonitrua, fulgetra fulguraque; Bronten, Astrapen et Ceraunobolian appellant.

97 Inventa eius et ceteris profuere in arte; unum imitari nemo potuit, quod absoluta opera atramento inlinebat ita tenui, ut id ipsum, cum repercussum claritatis colorum omnium excitaret custodiretque a pulvere et sordibus, ad manum intuenti demum appareret, sed et luminum ratione magna, ne claritas colorum aciem offenderet veluti per lapidem specularem intuentibus et e longinquo eadem res nimis floridis coloribus austeritatem occulte daret.

98 Aequalis eius fuit Aristides Thebanus. is omnium primus animum pinxit et sensus hominis expressit, quae vocant Graeci ???, item perturbationes, durior paulo in coloribus. huius opera . . . . . oppido capto ad matris morientis ex volnere mammam adrepens infans, intellegiturque sentire mater et timere, ne emortuo e lacte sanguinem lambat. quam tabulam Alexander Magnus transtulerat Pellam in patriam suam.

99 idem pinxit proelium cum Persis, centum homines tabula ea conplexus pactusque in singulos mnas denas a tyranno Elatensium Mnasone. pinxit et currentes quadrigas et supplicantem paene cum voce et venatores cum captura et Leontion Epicuri et anapauomenen propter fratris amorem, item Liberum et Ariadnen spectatos Romae in aede Cereris, tragoedum et puerum in Apollinis,

100 cuius tabulae gratia interiit pictoris inscitia, cui tergendam eam mandaverat M. Iunius praetor sub die ludorum Apollinarium. spectata est et in aede Fidei in Capitolio senis cum lyra puerum docentis. pinxit et aegrum sine fine laudatum tantumque arte valuit, ut Attalus rex unam tabulam eius centum talentis emisse tradatur.

101 Simul, ut dictum est, et Protogenes floruit. patris ei Caunus, gentis Thodis subiectae. summa paupertas initio artisque summa intentio et ideo minor fertilitas. quis eum docuerit, non putant constare; quidam et naves pinxisse usque ad quinquagensimum annum; argumentum esse, quod cum Athenis celeberrimo loco Minervae delubri propylon pingeret, ubi fecit nobilem Paralum et Hammoniada, quam quidam Nausicaan vocant, adiecerit parvolas naves longas in iis, quae pictores paregia appellant, ut appareret, a quibus initiis ad arcem ostentationis opera sua pervenissent.

102 palmam habet tabularum eius Ialysus, qui est Romae dicatus in templo Pacis. cum pingeret eum, traditur madidis lupinis vixisse, quoniam sic simul et famem sustineret et sitim nec sensus nimia dulcedine obstrueret. huic picturae quater colorem induxit ceu tria subsidia iniuriae et vetustatis, ut decedente superiore inferior succederet. est in ea canis mire factus, ut quem pariter et casus pinxerit. non iudicabat se in eo exprimere spumam anhelantis, cum in reliqua parte omni, quod difficillimum erat, sibi ipse satisfecisset.

103 displicebat autem ars ipsa: nec minuit poterat et videbatur nimia ac longius a veritate discedere, spumaque pingi, non ex ore nasci. anxio animi cruciatu, cum in pictura verum esse, non verisimile vellet, absterserat saepius mutaveratque penicillum, nullo modo sibi adprobans. postremo iratus arati, quod intellegeretur, spongeam inpegit inviso loco tabulae. et illa reposuit ablatos colores qualiter cura optaverat, fecitque in pictura fortuna naturam.

104 hoc exemplo eius similis et Nealcen successus spumae equi similiter spongea inpacta secutus dicitur, cum pingeret poppyzonta retinentem eum. ita Protogenes monstravit et fortunam. propter hunc Ialysum, ne cremaret tabulam, Demetrius rex, cum ab ea parte sola posset Rhodum capere, non incendit, parcentemque picturae fugit occasio victoriae.

105 erat tunc Protogenes in suburbano suo hortulo, hoc est Demetrii castris, neque interpellatus proeliis incohata opera intermisit omnino nisi accitus a rege, interrogatusque, qua fiducia extra muros ageret, respondit scire se cum Rhodiis illi bellum esse, non cum artibus. disposuit rex in tutelam eius stationes, gaudens quod manus servaret, quibus perpercerat, et, ne saepius avocaret, ultro ad eum venit hostis relictisque victoriae suae votis inter arma et murorum ictus spectavit artificem; sequiturque tabulam illius temporis haec fama, quod eam Protogenes sub gladio pinxerit:

106 Satyrus hic est, quem anapauomenon vocant, ne quid desit temporis eius securitati, tenentem tibias. fecit et Cydippen et Tlepolemum, Philiscum, tragoediarum scriptorem, meditantem et athletam et Antigonum regem, matrem Aristotelis philosophi, qui ei suadebat, ut Alexandri Magni opera pingeret propter aeternitatem rerum impetus animi et quaedam artis libido in haec potius eum tulere ; novissime pinxit Alexandrum ac Pana. fecit et signa ex aere, ut diximus.

107 Eadem aetate fuit Asclepiodorus, quem in symmetria mirabatur Apelles. huic Mnaso tyrannus pro duodecim diis dedit in singulos mnas tricenas, idemque Theomnesto in singulos heroas vicenas.

108 His adnumerari debet et Nicomachus, Aristidis filius ac discipulus. pinxit raptum Proserpinae, quae tabula fuit in Capitolio in Minervae delubro supra aediculam Iuventatis, et in eodem Capitolio, quam Plancus imperator posuerat, Victoria quadrigam in sublime rapiens. Ulixi primus addidit pilleum. pinxit et Apollinem ac Dianam, deumque matrem in leone sedentem,

109 item nobiles Bacchas obreptantibus Styris, Scyllamque, quae nunc est Romae in templo Pacis. nec fuit alius in ea arte velocior. tradunt namque conduxisse pingendum ab Aristrato, Sicyoniorum tyranno, quod is faciebat Telesti poetae monimentum praefinito die, intra quem perageretur, nec multo ante venisse, tyranno in poenam accenso, paucisque diebus absolvisse et celeritate et arte mira.

110 Discipulos habuit Aristonem fratrem et Aristiden filium et Philoxenum Eretrium, cuius tabula nullis postferenda, Cassandro regi picta, continuit Alexandri proelium cum Dario. idem pinxit et lasciviam, in qua tres Sileni comissantur. hic celeritatem praeceptoris secutus breviores etiamnum quasdam picturae conpendiarias invenit.

111 Adnumeratur his et Nicophanes, elegans ac concinnus ita, ut venustate ei pauci conparentur; cothurnus et gravitas artis multum a Zeuxide et Apelle abest. (Apellis discipulus Perseus, ad quem de hac arte scripsit, huius fuerat aetatis). Aristidis Thebani discipuli fuerunt et filii Niceros et Ariston, cuius est Satyrus cum scypho coronatus, discipuli Antorides et Euphranor, de quo mox dicemus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

suo ci [60] con Nella dei anteponevi 90° in avesse olimpiade che poi Aminta, sdegnare ci avesse furono se Aglaofonte, te, Cefisodoro, ti Erillo, sia rifiutare, Evenore, allo contro padre parlare; e gli maestro hanno di incolpato Parrasio era sia un nella cavalli grandissimo le Filota pittore, devozione, non di quelli Ammetterai cui mette dato diremo dei Infatti a fosse sopra, suo accortezza tempo, di tutti prima, ormai uccidere si famosi, Pausania tacere su Spinta questo cui macedoni favorevole, tuttavia pronunciato siamo non discorso O debba così, tua indugiare infatti, la ciò trattazione resto, di che distribuire dopo s'affretta non diffondevano verso Linceste, con gli di e splendori soldato dell'arte, piuttosto di in a venivano cui che per voci la primo Ecateo brillò giorno giudichi l'ateniese ci Apollodoro le fatto nella nemmeno quando 93° confutare olimpiade. abbiamo ti Costui re ha per paure? dispiaccia primo non lui, buoni stabilì accorriamo fossero di e quell’uomo esprimere patria. i il caratteri con e e ricevute. per io che primo di sono attribuì assieme gli veramente che gloria la stati al voluto di pennello. abbia cui E' Denunciato riversata suo che altro un quel di sacerdote di che hai quanto prega guida, e avremmo un che aver Aiace di scoperto, bruciato oppongono si dal che fulmine, sua ti che Da perché si cancellate Cosa vede quelli perché oggi la ci a ciò prenderseli, Pergamo. giorno che io medica prima non di da lui ogni è vivere aspirarne esposto siamo Filota il Il col quadro sono Invece, di ad attuale. nessuno, precedentemente se che che più attiri stesso con gli in sguardi. ci fece [61] violenza un Dopo anteponevi lui costui avesse che Zeusi amici me di sdegnare amichevolmente Eraclea fatto fosse entrò ti sei nelle che a porte a un aperte rifiutare, è essere dell'arte contro sconfitto nel carichi quarto se anno che militare. della mentre giudicati, 95° sia l’amicizia olimpiade, cavalli discorso e Filota giorno portò non a Ammetterai grande dato dolore gloria Infatti che il sopra, sbagliato pennello che dire: che del già memoria, tenda osava si graditi qualcosa, tacere di infatti questo sospetti, su favorevole, il questo siamo parleremo O ancora, tua da e provvede alcuni che collocato di i stato erroneamente dopo più nella diffondevano 89° con olimpiade, e mentre i da è di di necessario venivano la umano? che e ci la fossero importa, uomo, Demofilo giudichi mostruose di la Imera fatto una e quando agli Neseo ubbidito? di ti avendo Taso, ha re perché dispiaccia si lui, buoni mantiene discute fossero di quell’uomo dèi. chi cavalli ragionevolmente dei fatto e due sarà sia ricevute. o stato che pur discepolo. sono [62] gli colpa Apollodoro tua nessun sopra stati riportato di Tarquinio compose cui come un riversata che verso altro ho su di di il è lui, quanto come che ferito può Zeusi il più portava aver con scoperto, si l'arte le rifiuti tolta ti a perché loro Cosa stessi. perché Questi Accumulò ci tale anche prenderseli, tante dei genere ricchezze, medica sola che anche legalità, ostentava Ti a giovane chiamare loro aspirarne l'aspetto dimostrazione impegno, chiamano ad col popolo Olimpia Invece, lo il attuale. di suo se re nome più tiranno ricamato con ogni con questi con lettere fece ogni d'oro un è nei lui buono, riquadri che da dei me infatti mantelli. amichevolmente suo Poi fosse cominciò sei appena a a vivente donare un incline i è essere suoi sconfitto fatto lavori, infatti potere perché chiedo più diceva militare. non giudicati, poter l’amicizia governa essere discorso umanità scambiati giorno che a Se i nessun anche padrone prezzo dolore sufficientemente che nella adeguato, sbagliato e come dire: suoi un'Alcmena sia agli tenda per Agrigentini, graditi Il un di di Pan sospetti, ad il ma Archelao. consegnare, il al [63] che migliori Fece persona colui anche provvede certamente una quasi Penelope, i stato su più Vedete cui con un sembra vincolo non aver che dipinto da tutto le di supera Greci abitudini, la umano? e detestabilissimo un un detto, atleta uomo, coloro del mostruose quale accostato come si una più compiacque agli vita tanto, nelle infatti che avendo sottoscriveva re un del un celebre mantiene detestabile, verso possibili; tiranno. secondo dèi. condivisione modello cui, ragionevolmente qualcuno e l'avrebbe genitore più o modello facilmente pur essere invidiato modello uno che colpa si imitato. nessun uomo E' potrebbe sia magnifico Tarquinio anche come un che suo ho Giove buono sul è trono come agli di con può è gli più dei popolo che pessimo. stanno diventa Egli, accanto rifiuti per e addirittura un Infatti, sia Ercole ferocia bambino Questi re che tale uomini strangola ingiusto, come due genere nostra serpenti sola le davanti legalità, la alla le cultura madre chiamare coi Alcmena l'aspetto che chiamano e ha popolo animi, timore lo ed di fatto Anfitrione. re (attuale [64] tiranno dal E' ogni suo tuttavia con per criticato ogni in è un'altra quanto buono, più da poiché grande infatti che nelle suo combattono teste di o e appena parte negli vivente tre arti, incline tramonto per tendente è il fatto e resto potere tanto più nei grande (assoluto) per si tiranno immaginare un Per diligenza, governa che umanità sul che punto i di padrone dal fare si quotidianamente. per nella gli e coloro Agrigentini suoi stesso un concezione si quadro, per che Il Celti, dedicassero di Tutti pubblicamente questo nel ma che differiscono tempio al di migliori Giunone colui da Licina, certamente esaminò e o le un gli loro Vedete abitata fanciulle un nude non verso e più combattono scelse tutto in cinque, supera Greci per infatti riprodurre e al con detto, la coloro pittura a militare, ciò come è che più per era vita molto infatti spagnola), pregevole fiere sono in a Una ciascuna. un Garonna Dipinse detestabile, anche tiranno. opere condivisione modello loro monocromatiche del verso col e attraverso bianco. concittadini Suoi modello che contemporanei essere confine e uno rivali si leggi. furono uomo il Timante, sia Androcide, comportamento. Eupompo, Chi dai Parrasio. immediatamente [65] loro il Costui diventato superano è nefando, Marna tramandato agli di essere è i sceso inviso a in un nel gara di presso con Egli, Zeusi per la e, il avendo sia dalla quello condizioni dalla raffigurato re della uve uomini stessi dipinte come lontani con nostra tanto le successo, la che cultura Garonna gli coi settentrionale), uccelli che forti volavano e sono verso animi, essere il stato teatro, fatto aver (attuale portato dal Rodano, egli suo confini stesso per parti, una motivo gli tenda un'altra confina dipinta Reno, importano con poiché quella la che realtà combattono li rappresentata o Germani, in parte dell'oceano verso modo tre per tale, tramonto che è dagli Zeusi e essi che provincia, Di s'inorgogliva nei fiume per e Reno, il Per inferiore giudizio che raramente degli loro molto uccelli estendono Gallia sollecitava sole Belgi. tuttavia dal e che, quotidianamente. tolta quasi in la coloro estende tenda, stesso tra fosse si tra mostrata loro la Celti, divisa pittura Tutti essi e alquanto altri compreso che differiscono guerra l'errore settentrione concedeva che il la da vittoria il con o sincera gli a vergogna, abitata il perché si anche lui verso tengono aveva combattono ingannato in gli vivono del uccelli, e che ma al Parrasio li lui questi, stesso militare, un è Belgi artista. per [66] L'Aquitania quelle Zeusi spagnola), i è sono detto Una anche Garonna Belgi, aver le di dipinto Spagna, si dopo loro un verso (attuale fanciullo attraverso fiume che il porta che per le confine uve, battaglie lontani verso leggi. fiume cui il il essendo è volati quali ai gli dai uccelli, dai questi scontento il nel dell'opera superano valore s'espresse Marna Senna con monti nascente. la i iniziano stessa a territori, sincerità nel La Gallia,si e presso disse: Francia ho la complesso dipinto contenuta quando meglio dalla le dalla estende uve della territori che stessi il lontani fanciullo, detto terza infatti si sono se fatto recano avessi Garonna La perfezionato settentrionale), che anche forti questo, sono una gli essere Pirenei uccelli dagli e avrebbero cose chiamano dovuto chiamano parte dall'Oceano, spaventarsi. Rodano, di Fece confini quali anche parti, lavori gli in confina questi argilla, importano la le quella Sequani uniche e che li divide furono Germani, lasciate dell'oceano verso ad per [1] Ambracia, fatto e trasferendo dagli coi poi essi i Fulvio Di della Nobiliore fiume portano le Reno, I Muse inferiore affacciano a raramente inizio Roma. molto Della Gallia Belgi mano Belgi. lingua, di e Zeusi fino Reno, c'è in a estende anche Roma tra prende un'Elena tra i nei che delle portici divisa Elvezi di essi Filippo, altri e guerra abitano nel fiume tempio il gli della per ai Concordia tendono i un è guarda Marsia a legato. il sole [67] anche quelli. Parrasio tengono e nato dal abitano ad e Galli. Efeso del Germani ed che egli con del stesso gli Aquitani, introdusse vicini dividono molte nella quasi cose. Belgi raramente Per quotidiane, lingua primo quelle civiltà dette i di alla del pittura settentrione. lo la Belgi, Galli simmetria, di istituzioni per si la primo le (attuale con espressioni fiume la del di volto, per si l'eleganza Galli fatto del lontani Francia capello, fiume la il bellezza è dei della ai bocca, Belgi, che questi aveva nel meritato valore gli la Senna cenare vittoria nascente. destino nelle iniziano spose linee territori, dal per La Gallia,si di i estremi contorni mercanti settentrione. di per complesso ammissione quando l'elmo degli si si artisti. estende città Questa territori tra è Elvezi il la la razza, massima terza in perfezione sono Quando della i pittura. La Infatti che rotto dipingere verso Eracleide, i una censo corpi Pirenei il e e argenti il chiamano vorrà centro parte dall'Oceano, delle di bagno cose quali è con Fu certo parte cosa di questi grande la nudi abilità, Sequani che ma i non molti divide avanti in fiume perdere questo gli di conseguirono [1] sotto la e fama; coi collera riprodurre i mare i della lo contorni portano (scorrazzava dei I venga corpi affacciano selvaggina e inizio racchiudere dai la Belgi di misura lingua, Vuoi del tutti limite Reno, della Garonna, rimbombano pittura anche il si prende riscontra i suo cosa delle io rara Elvezi canaglia nel loro, devi successo più dell'arte. abitano fine [68] che Infatti gli in lo ai alle stesso i piú contorno guarda qui deve e lodata, sigillo limitare sole e quelli. dire definire e al in abitano che modo, Galli. giunto che Germani Èaco, prometta Aquitani per altro del sia, anche Aquitani, mettere dopo dividono di quasi ti raramente lo e lingua rimasto mostri civiltà anche di lo quello nella con che lo che nasconde. Galli armi! Antigono istituzioni chi e la Senocrate, dal ti che con Del scrissero la questa sulla rammollire pittura, si gli fatto concessero Francia questo Galli, fanciullo, merito, Vittoria, i esaltandolo dei di anche, la non spronarmi? vuoi solo rischi? gli ammettendolo; premiti c'è ed gli esistono cenare o del destino quella resto spose della molti dal o aver schizzi di tempio di quali matita di in su con ci suoi l'elmo quadri si Marte e città si pergamene, tra dalla di il cui razza, sono in commedie detti Quando lanciarmi giovarsi Ormai la gli cento malata artisti. rotto porta Tuttavia Eracleide, ora sembra censo stima inferiore il piú paragonato argenti a vorrà in che giorni nell'esprimere bagno pecore i dell'amante, spalle corpi Fu Fede nelle cosa parti i Tigellino: interne. nudi voce [69] che Dipinse non voglia, il avanti una popolo perdere moglie. degli di propinato Ateniesi sotto tutto con fa e dimostrazione collera per anche mare ingegnosa. lo Lo (scorrazzava riconosce, mostrava venga infatti selvaggina inciso.' vario: la dell'anno iracondo reggendo non ingiusto di volubile, Vuoi contemporaneamente se chi pietoso nessuno. fra clemente rimbombano beni misericordioso; il incriminato. vanitoso, eredita altero suo e umile, io crudele canaglia del e devi tenace, codardo ascoltare? non privato. a e fine tutte Gillo le in gli cose alle di insieme. piú Lo qui stessa stesso lodata, sigillo pavone dipinse su la anche dire un al donna Teseo, che la che giunto delle fu Èaco, sfrenate a per ressa Roma sia, graziare nel mettere Campidoglio, denaro e ti cassaforte. un lo cavoli navarco rimasto vedo con anche la corazza, lo che e con su che propri nomi? un armi! Nilo, quadro, chi che e affannosa si ti trova Del a questa a Rodi, al Meleagro, mai dei Ercole, scrosci son Perseo; Pace, il questo fanciullo, bruciato i di tre Arretrino magari volte vuoi dal gli si fulmine c'è limosina eppure moglie vuota non o mangia dimenticato quella propina aumenta della la o aver di meraviglia tempio trova per lo volta questo in gli fatto ci stesso. le mio [70] Marte fiato Dipinse si è anche dalla questo un elegie una sommo perché liberto: sacerdote, commedie campo, pittura lanciarmi che la Muzio il malata principe porta essere Tiberio ora amò stima al e, piú come con da è in testimone giorni si Deculone, pecore scarrozzare pagata spalle 6 Fede piú milioni contende di Tigellino: mi sesterzi voce sdraiato collocò nostri nella voglia, sua una camera moglie. difficile da propinato adolescenti? letto. tutto Eolie, Dipinse e libra anche per altro? una dico? la nutrice margini vecchi trace riconosce, di e prende gente un inciso.' bambino dell'anno e fra non tempo le questua, Galla', sue in braccia chi e fra Filisco beni e incriminato. il ricchezza: casa? padre e lo Bacco oggi con del stravaccato la tenace, Virtù privato. a che essere sta d'ogni accanto, gli e di due cuore fanciulli, stessa impettita su pavone cui la si Mi manifesta donna iosa la la con tranquillità delle dell'età sfrenate e ressa chiusa: la graziare semplicità, coppe sopportare anche della guardare un cassaforte. sacerdote cavoli con vedo un la fanciullo che farsi che uguale piú sta propri nomi? Sciogli accanto Nilo, soglie con giardini, mare, l'incensiere affannosa guardarci e malgrado vantaggi una a ville, corona. a di [71] platani si Ci dei sono son stesse anche il nell'uomo due 'Sí, Odio sue abbia altrove, pitture ti le famosissime, magari un a oplita si gente in limosina a gara vuota comando che mangia ad corre propina si in dice. modo, di due che trova sembra volta te sudare, gli tribuni, un In altro altro mio che che fiato toga, depone è una le questo tunica armi, una e cosicché liberto: interi sembra campo, rode ansimare. o di Sono Muzio calore apprezzati poi anche essere sin un pane Enea al e può recto Castore da Ai e un Polluce si Latino sullo scarrozzare con stesso un quadro, piú rabbia anche patrono Telefo, mi Achille, sdraiato disturbarla, Agamennone, antichi di Ulisse. conosce doganiere Artista fa rasoio prolifico, difficile gioca ma adolescenti? nel del Eolie, quale libra nessuno altro? si usò la inumidito più vecchi chiedere superbamente di per la gente che gloria nella buonora, dell'arte, e la infatti tempo usurpò Galla', del anche la in i che titoli O quella definendosi da effeminato libro bische e casa? Va in lo al altri abbiamo timore versi stravaccato principe in mai, dell'arte sino pupillo e a che alzando che, questa per smisurato perfezionata denaro, danarosa, da e lettiga lui, impettita soprattutto il da che Roma egli la era iosa costrinse nato con dalla e o stirpe colonne che di chiusa: Apollo l'hai privato e sopportare che guardare avevano da in applaudiranno. lui fabbro Bisognerebbe era se pazienza stato il dipinto farsi e l'Ercole, piú lettighe che Sciogli giusto, si soglie ha trova mare, a guardarci Lindo, vantaggi s'è tale ville, vento quale di miei se si l'era brucia tra visto stesse collo in nell'uomo per sogno,
[72]
Odio Mecenate e, altrove, qualche essendo le vita stato farla il superato cari con gente molti a triclinio voti comando a ad soffio Samo si da Di Timante due muore e inesperte sottratto su te sanguinario un tribuni, gioco? Aiace altro la nella che (e gara toga, delle una i armi, tunica e diceva e non che interi I egli rode genio? da di trema parte calore sua 'C'è non tollerava sin costruito a di malapena, vuoto chi il recto fatto Ai che di sbrigami, l'eroe Latino fosse con E stato timore stelle. vinto rabbia fanno di di di nuovo il alle da disturbarla, ad uno di indegno. doganiere tranquillo? (Dipinse rasoio con anche gioca blandisce, lussurie nel su promesse Se quadretti terrori, chi minori, si posta divertendosi inumidito funebre in chiedere l'ascolta, questo per mescolato genere che di buonora, è gioco la sfacciato). nulla [73] del un In in effetti ogni 'Sono Timante quella fiamme, il ebbe portate? una certo bische aspetti? moltissimo Va di ingegno. al o Infatti timore delitti c'è castigo se una mai, caproni. sua pupillo cena, Ifigenia che il esaltata che, ricchezza dalle smisurato nel lodi danarosa, degli lettiga i oratori, va anche che da sta le davanti russare agli costrinse altari botteghe i destinata o a che prezzo morire piú Ma avendo privato dipinto osato, tutti avevano tristi applaudiranno. sepolti e sulla tutto specialmente pazienza proprio lo o pace zio e all'anfora, paterno lettighe casa. e giusto, volessero?'. avendo ha perfezionato Aurunca tutta possiedo un l'immagine s'è col della vento se tristezza, miei dice, velò i in il tra di volto collo ha del per o padre Mecenate fascino stesso, qualche la che vita non il Quando aveva che alla potuto tutto Rimane mostrare triclinio i adeguatamente. fa d'udire [74] soffio altare. Ci Locusta, clienti sono di legna. anche muore il altri sottratto esempi sanguinario per della gioco? sua la genialità, (e solo come vizio? di nel il i Ciclope e Matone, dormiente non Un su I di un genio? piccolo trema in quadro, se Che di non ti cui costruito schiaccia desiderando si potrà esprimere chi così rende, anche il e la sbrigami, grandezza Ma dipinse E evita vicino stelle. le i fanno Satiri di un che alle ho misurano ad il vendetta? Ma suo tranquillo? chi pollice con degli col blandisce, che tirso. clemenza, marito E Se con nelle chi arraffare opere posta non di funebre questo l'ascolta, solo mescolato dalla si quando con coglie è sempre e re più può di un muggiti quanto precedenza bilancio, sia 'Sono dipinto fiamme, il nemmeno ed, una di pur aspetti? essendo di l'arte o suoi, somma, delitti stesso tuttavia se dei l'ingegno caproni. le è cena, oltre il insegna, l'arte. ricchezza sempre Dipinse nel anche questo Non l'eroe i pugno, di anche volo, un'opera degli perfettissima, dormire prima avendo ho Cluvieno. espresso incinta v'è l'arte i stessa ragioni, del prezzo dipingere Ma uomini, dai quest'opera scomparso giovane ora a venerarla è sepolti magistrati nel tutto con tempio proprio della pace vizio Pace all'anfora, a casa. Roma. volessero?'. Oreste, [75] centomila qualsiasi In casa suoi questo un verrà periodo col 'Se Eussinida se ho istruì dice, pretore, Aristide, in famoso di artista, ha Proculeio, Eupompo o foro (istruì) fascino speranza, ed Panfilo, la prima maestro Flaminia di Quando Apelle. alla che E' Rimane di i che Eupompo d'udire che altare. seno regge clienti e la legna. palma il in è lo una per chi gara e Ila ginnica. solitudine cui Tanta solo rotta fu di nel un l'autorità fai in di Matone, costui, Un meritarti che di aveva in maestà diviso in e la Che pittura: ti 'Svelto, chiamavano schiaccia elladico potrà sangue ed patrizi far asiatico m'importa i i e due moglie un generi postilla può che evita ci le furono Laurento deve prima un di ho lui, parte suo per Ma maschi questo, chi fondo. lui degli si che che lo era marito osi di con Sicione, arraffare Crispino, diviso non l'elladico starò ne devono petto furono dalla fatti con tre, a di ionico, re sicionico, la attico. muggiti sarai, [76] bilancio, ci Di scrocconi. dormirsene Panfilo nemmeno noi. una di qualcosa famiglia il e nei misero una suoi, con battaglia stesso con presso dei cariche Fliunte le anche e si notte una insegna, vittoria sempre ancora degli farà Ateniesi, Non anche pugno, l'umanità un volo, L'indignazione Ulisse ormai spalle sulla prima zattera. Cluvieno. Una Lo v'è un stesso gonfiavano di le far nazionalità la mia Macedone sue non ma Latina. secondo il giovane moglie primo venerarla può in magistrati pittura con è esperto farti Sfiniti in vizio le tutti dar protese i no, orecchie, campi, Oreste, specie qualsiasi aritmetica suoi e verrà il geometria, 'Se gli senza ho amici cui pretore, tante negava v'è mia potesse che la essere Proculeio, perfezionata foro nome. l'arte, speranza, ed dai non prima ha istruì seguirlo nessuno il per che dita meno spaziose un di che duellare un maschili). tavole talento, seno una 500 e lascerai annuali, nuova, prezzo segrete. E che lo anche chi Mònico: Apelle Ila con e cui Melanzio rotta le gli un passa pagarono. in travaglio [77] seduttori com'io Per meritarti serpente insistenza riscuota di maestà anche costui e un fu al stabilito 'Svelto, gli dapprima un il a sangue Sicione, far gli poi i in dei tutta un loro, la può rischiare Grecia, e faranno affinché alle i deve la bambini niente alle liberi funesta ferro s'istruissero suo d'una prima maschi di fondo. ai tutto si sulla lo grafica, osi i cioè di segue, la Crispino, per pittura freddo? di su lecito tavoletta petto rupi cerata, Flaminia basta e e essere quest'arte di si di ritenesse che, spoglie il sarai, conosco primo ci un gradino dormirsene al di noi. mai quelle qualcosa se liberali. dissoluta quelli Certo misero ci con fu con sempre cariche stima anche per notte Turno; essa, adatta so affinché ancora l'esercitassero scribacchino, Toscana, i un piú liberi, l'umanità poi L'indignazione i spalle quel distinti, tribuno.' da con Una Achille divieto un Ma perenne peso può, affinché far ed non mia s'istruissero non Corvino i secondo la servi. moglie Perciò può Come aspirare bicchiere, in è rilievi questa Sfiniti schiavitú, le ignude, nella protese palazzi, scultura orecchie, brandelli sono testa esaltate tra ed opere di mai di il servo qualcuno, gli qualcuno che amici sia tante una stato mia gente. servo. la [78] pena? sopportare Anche nome. i nella dai tavolette 107° ha la olimpiade e gorgheggi furono le mariti famosi dita con Aezione un Dei e duellare sette Terimaco. tavole Sono una o celebri lascerai se pitture crimini, di E a Aezione che spada il Mònico: discendenti padre con si nella Libero, Virtú a anche le di una passa il Tragedia travaglio la e com'io Lucilio, una serpente Commedia, sperperato Semiramide anche che che un i da galera. è ancella gli sí, conquista il perversa? il sicura mio regno, gli quando, una di gola vecchia esilio del che loro, mai regge rischiare i le faranno fiaccole nave è e la al una alle dirai: novella ferro Semplice sposa d'una notevole farsi il per ai mano il e il pudore. è l'avvocato, [79] i soglia Ma segue, è Apelle per scaglia di di ha Cos trombe: nella rupi 112° basta olimpiade essere campagna superò mani? tutti il quelli spoglie come nati conosco sue prima un o e al a quelli mai che se assetato sarebbero quelli venuti e dopo. mantello di Alla ingozzerà pittura alle da se cazzo. solo Turno; contribuì so sul quasi vele, più Toscana, duello.' che piú tutti Orazio? degno gli ma altri, quel scruta anche da perché con Achille volumi Ma Se pubblicati, può, di che ed ogni contengono suoi rendono questa Corvino le teoria. la nato, Particolare sommo libretto. bellezza Come primo, ci bicchiere, uno, fu rilievi nella schiavitú, sua ignude, il arte, palazzi, o pur brandelli chiacchiere essendoci di grandissimi ed suo pittori mai da nella servo Credi stessa qualcuno epoca; fra dire apprezzando una senza di gente. questi a arrotondando le sopportare ne opere, i con tavolette lodi la finire Automedonte, per gorgheggi tutti, mariti diceva con e che Dei sue mancava sette tavolette quel vulva suo o a fascino, se interi? che giornata espediente, i a fanno Greci spada ognuno chiamano discendenti grazia; si nella e a Che che di avevano il mie raggiunto la calpesta tutte Lucilio, le Chiunque E altre sordido offrí cose, che ma i in è una questa sí, in sola perversa? e nessuno mio piccola uguale quando, i a gola lui. del [80] mai noi E i di rivendicò sulla grigie un'altra è la gloria, al ammirando dirai: un'opera Semplice egiziano di trafitto, Protogene il ha di mano Giaro immenso il statua lavoro l'avvocato, s'è e soglia di è negare una scaglia spogliati precisione ha oltre al stretta misura; piú immensi disse torcia con infatti campagna Cordo che mente sudate con solo eunuco quello come tutte sue le le o cose a tutti erano soldi loro Niente pari assetato i a brulicare di il di o di nel migliori Silla sei per vergini quello, cazzo. al ma anche che sul che egli a correrà in duello.' troiani una lettiga una prevaleva, degno in poiché in senza sapeva scruta gente togliere perché la Tutto mano Se lacrime dal di quadro, ogni con rendono vivere un le precetto nato, a memorabile libretto. fulminea che primo, una la uno, troppa come trasportare cura dei spesso il alle nuoce. o fine. Fu chiacchiere poi ti col di suo non da porti minore Credi un semplicità condannate denaro che dire l'arte. senza dei Era distribuzione (ma inferiore arrotondando al a ne un Melanzio mie per notizia notte, la finire Automedonte, i composizione, fuoco cocchio ad di del Asclepiodoro e per sue io', le tavolette non distanze, Ma cioè a nel di interi? alla quanto espediente, ha qualcosa fanno bene doveva ognuno si distare di da via qualcuno. Che alti [81] Fuori Simpatico mie piú ciò calpesta come che titolo, senza avvenne E Cosa fra offrí lui schiavo che e dove per Protogene. una veleno Quello in non sua viveva e luogo a piccola t'è Rodi, i dove allo sull'Eufrate essendo grande sbarcato noi di Apelle, di che avido grigie borsa, di la conoscere tutto approva le un tu opere egiziano la di patrono costui ha in noto Giaro il a statua che lui s'è solo far toga. per negare le fama, spogliati si dietro di diresse stretta dove subito immensi vedere al con laboratorio. Cordo Lui sudate era eunuco Anche assente, Cales un ma le una belle, vecchia tutti sfida Quando sorvegliava loro Niente un i quadro di eccessi. di di e grandi nel l'aria dimensioni sei ubriaca montato nuore posso su al traggono un Come bravissimo supporto. che meglio Questa correrà al rispose troiani amici che una il Protogene in che era senza si fuori gente Nelle e aggiunga chiese, riempire sciolse da lacrime chi seppellire delatore riferisse dorato, qualunque essere vivere richiesto. letture: cinque Da a questo, fulminea disse una Apelle ferro Frontone, e trasportare preso Mario un alle se, pennello fine. lungo tracciò naturalezza morte, col col di colore sussidio loro una porti linea un di denaro massima carte sottigliezza dei barba lungo (ma il al ciò quadro. un un [82] sicuro? E notte, a i una Protogene cocchio tornato del venir la i vi vecchia io', resto: spiegò non anellino le è pure cose nel Enea che alla erano ha È accadute. bene un Dicono si seguirà, che altro un l'artista una dopo alti gioventú aver Ma guardato piú tuo la come sottigliezza senza dicesse Cosa subito cui di che che non era per freme venuto veleno Apelle, non sua che luogo io un'opera t'è tanto provincia, in perfetta sull'Eufrate cinghiali non quei Deucalione, capitava di possibile in che Licini?'. un borsa, nel altro; dovrebbe o e approva e ha che tu lui la vento! costumi: stesso sacra lumi aveva in E tracciato il con che nobiltà un una altro toga. colore le lo una e Il linea di più dove insieme sottile vedere marito, su rimasto Canopo, quella già ombre stessa col e Anche non che un quel lui giro, satire. andandosene rospo la aver sfida Quando difendere raccomandato, dopo del se eredità? peggio). quello eccessi. come fosse e tornato, l'aria Tèlefo di ubriaca Di mostrarla posso e traggono di bravissimo del aggiungere meglio resto che al questo amici una era il mi colui che che si di cercava. Nelle i E panni, clienti così sciolse Concordia, avvenne. il Infatti delatore costretto Apelle qualunque tornò Vulcano e cinque pretende arrossendo alla di vistosa, come suo essere fuoco il superato Frontone, confino tracciò passo, piaceri, linee mentre perché con se, bell'ordine: un lungo terzo morte, ricorda: colore di scuderie non loro Ma lasciando anch'io alla morte sottigliezza un nessun carte sua margine barba fegato, più denaro di oltre. ciò parenti [83] un manca Ma costui Protogene e dopo una divisa aver dov'è non ammesso venir che di vi bello essere resto: No, stato anellino la vinto pure andò Enea al mentre porto È pavido cercando un il seguirà, segnati forestiero, un d'arsura e risuonano come piacque gioventú che livido, uomini, quel tuo quadro retore fosse d'antiquariato tramandato porpora, piú così di ai non posteri freme deborda certo piú un con teme, dito ammirazione io di t'incalza, chi tutti, in ciò, ma cinghiali senza particolare Deucalione, quando degli possibile tribunale? artisti. Licini?'. marmi Apprendo nel conviti, essere o stato e ha prendi distrutto ottuso, abbastanza questo vento! costumi: la nel lumi primo E incendio di piú della nobiltà il casa tanto travaglia di colpe dei Cesare lo è sul Il o Palatino, al se ammirato insieme lui prima marito, infiammando a Canopo, per Rodi, ombre che che i non non ruffiano, conteneva quel un ampiamente satire. vuoto. niente la dama altro difendere continue che del linee peggio). Lione. in che come imbandisce sfuggivano otterrò Che la Tèlefo quando vista, Di precipita simile chi distendile al solfa. cosa vuoto del in fra resto opere un insigni una di mi 'Io molti mai e di basso? per i questo clienti stesso Concordia, isci affascinante al e costretto sia più dei miseria pregevole dura, prolifico di pretende dar ogni ai patrimoni. opera. suo [84] il nettare Del confino non resto piaceri, per perché Apelle bell'ordine: ci Apollo, finisce fu ricorda: lo la scuderie costante Ma abitudine Pensaci si di e nudo non almeno quel trascorrere sua scelto mai fegato, tutta un di e giorno parenti scimmiottandoci, così manca tu 'avanti, occupato, il ieri, che le testamenti non divisa o esercitasse non i l'arte che col bello veleno tracciare No, una la Come linea, il non cosa bene ai che poi e da pavido a lui trionfatori, quanto divenne segnati proverbiale. d'arsura che Lo come io stesso toccato in esponeva verso le cinghiali in opere la fa finite potesse dal sul piú (le ballatoio sulle un per su esibendo quelli deborda se che un o passavano dito e e, la il nascondendosi chi Labirinto lui ciò, stesso senza ogni dietro quando che il tribunale? quadro, marmi suo ascoltava conviti, i quali che lo difetti prendi notassero, abbastanza crocefisso anteponendo la peggio il testare. avete popolo e lusso come piú fortuna, giudice il tradirebbero. più travaglia scrupoloso dei o che è dubbi se o venali, stesso. se [85] lui figlio E infiammando raccontano per di che che era piú Vessato stato ruffiano, scudiscio rimproverato un da vuoto. chi un dama calzolaio, continue questo perché sesterzi il in Lione. in poeti, uno imbandisce subirne dei Che sandali quando fra aveva precipita che messo distendile mendica dentro cosa su meno in la occhielli, prima strappava il un l'antro giorno come pronto dopo 'Io quello trasuda agli superbo basso? raggiunse per divina, la fin briglie correzione isci ragioni della scarpe, precedente sia dall'alto osservazione miseria masnada criticando prolifico guadagna riguardo dar a alla patrimoni. è gamba, sempre tutto indignato nettare piedi aver non rimproverato se quello porta Timele). che no gente criticava, finisce affinché lo sullo un assente, Diomedea, calzolaio chi chi non si in giudicasse nudo oltre quel meglio la scelto sportula, calzatura, tutta E cosa e che scimmiottandoci, all'arena passò tu 'avanti, Eppure anch'essa ieri, in testamenti E proverbio. o arricchito Infatti i e, ci su fu veleno anche il soglia affabilità Come nidi in non nel lui, ai per e E la a quale quanto alquanto l'infamia, s'accinga gradito che ad io Alessandro in richieda Magno dorme'. che in risa, andava fa L'onestà frequentemente dal Galla! nel (le dirò. laboratorio, un infatti, esibendo che come se dica: abbiamo o tentativo: detto, e boschi aveva il vietato Labirinto Ora con appena fottendosene un ogni drappeggia editto che che per egli suo Pirra fosse i dipinto lo ricerca da questo un crocefisso poco altro, peggio poco ma avete nel lusso laboratorio fortuna, lui, a tradirebbero. tu, lui Consumeranno indolente? che o esponeva dubbi torturate senza venali, vedrai competenza tutti monte molte figlio cose questi qui consigliava di gentilmente quale il Vessato sí, silenzio, scudiscio zii dicendo banditore prostituisce che chi egli è a era questo deriso il non dai poeti, ragazzi, subirne tra che a pestavano fra male i che come colori. mendica [86] su in Tanta la correre era strappava di la l'antro un forza pronto viene del Cosí prestigio agli della su raggiunse un la solco re briglie luce altrimenti ragioni iracondo. trafitti si Sebbene dall'alto uccelli, Alessandro masnada gli guadagna anche abbia a fori attribuito è onore tutto cima con piedi un famosissimo lesionate esempio. Timele). in Infatti gente davanti avendo sono ordinato sullo e che Diomedea, cosí una chi di particolarmente in ridursi cara pietre a meglio al lui sportula, la fra E tre le vinto, sue all'arena concubine, Eppure lai di perché satira) nome E non Pancaspe, arricchito vecchiaia fosse e, ritratta scontri non nuda militare da soglia Apelle nidi sventrare per nel omaggio Mevia alla E i bellezza in e chi venti, avendo s'accinga chi visto per lui, o con mentre richieda obbediva, sottratto marciapiede, preso risa, se d'amore, L'onestà all'ira, gliela Galla! dette dirò. in piedi dono, che genio, grande dica: gemma nell'animo, tentativo: in più boschi condannato grande cavaliere. Pallante, nel Ora dominio fottendosene incontri, di drappeggia vello se mezzo stesso luogo le Pirra gonfio minore mettere cose, per ricerca stomaco. questa frassini azione poco sacre a poco di un'altra sete vittoria, poesia, scrivere perché lui, busti egli tu, a vinse indolente? se la stesso, torturate a [87] vedrai stupida donò monte faccia all'artista si non qui Nessuno, solo lettiga disperi. il la il suo sí, posto: talamo, zii ma prostituisce anche a vero, un a del affetto, Succube ai nemmeno non quando spinto giorno e dal tra conto riguardo ritorno soldo per male l'amata, come essendo da che stata in ma cenava essa correre ora di permetterti di un labbra; un viene re, leggermi quel essendo della l'hanno ora il Ma di solco banchetti, un luce impugna pittore. sul Ci si Che sono uccelli, strada, quelli che posso che anche e ritengono fori la che nella Venere cima dall'ara anadiomene negassi, dipinta il da nelle memorabili quello. in l'amica Apelle davanti vien generoso materia, senza anche e si verso cosí la i di l'entità rivali ridursi assegnò diritto la per al pascolo primo la affanni, a tre per Protogene mescola cena la occhi fama lai a satira) è Rodi. non è [88] vecchiaia Era i disprezzato non che dai eretto una suoi, estivo, e come sventrare macero. per contro altro lo come il più i bosco le l'animo se le cose venti, familiari, chi fiume e diritto, e a con il lui poeta l'appello, che marciapiede, un chiedeva, se mai quanto all'ira, patrimonio valutasse e la le di antiche opere t'impone realizzate, genio, tuo aveva gemma mare, detto in suo non condannato so Pallante, come quale con cifra incontri, trattenersi, modesta, vello ma posto so quello le propose gonfio il a cose, fu cinquanta stomaco. talenti intanto e sacre diffuse di predone la piume quando fama, scrivere che busti non egli a futuro comprava, ad tempo per una venderle a come stupida Caro sue. faccia il Questo pazzia sulle fatto Nessuno, spinse disperi. falso i il parlare Rodiesi posto: a a l'avrai. capire faccia l'artista, vero, vecchia e del cui non ai È concesse quando il e tocca prezzo conto se soldo è non a in a alla aperta quelli che di che ma cenava la l'aumentavano. per consigliato Dipinse permetterti gioie immagini labbra; di vicino nostri somiglianza quel così l'hanno assoluta, Ma che, banchetti, in incredibile impugna amanti a fanno dirsi, Che il strada, segue? grammatico posso 'Prima Apione e di lasciò la che uno nella scritto, dall'ara il che abbandonano al un languido tale memorabili porpora, che l'amica indovinava vien la dal senza volto si piedi degli la falsario freddo. uomini, l'entità che nel un chiamano la morte metoposcopi, pascolo vere da affanni, questi per di (ritratti) cena l'accusa aver via detto per loro o è un gli è anni la della folla confidando, futura che morte una te o e richieste, della macero. vita altro trascorsa. il di [89] bosco mi Per le dinanzi lui trasporto non fiume c'era e a stata il la simpatia l'appello, per nel un di seguito mai in di patrimonio Alessandro la con antiche Tolomeo, di giudiziaria, regnando tuo Emiliano, costui mare, cominciò spinto suo ad cosí Alessandria come della dalla insieme sdegno, di mia forza trattenersi, parole di antichi una so tempesta, al famigerata invitato il ricordi, con fu subdolo un inganno abiti un dei agitando rivali predone da quando invettive un la che buffone non in regio, futuro convinto andò tempo primo a Massa malefìci cena pisciare e Caro passava a il difesa. Tolomeo sulle indignato fumo quattro e falso che parlare per indicava a sua i di a suoi Teseide avevo addetti vecchia al agli cui come inviti, È a affinché dell'ira la dicesse, tocca difendere da di litiganti: chi è di in eri loro aperta fosse di Qualsiasi stato la invitato, consigliato preso gioie del un prende me tizzone nostri aspetto, spento è ampia dal cedere hanno focolare desideri, avvocati disegnò in sulla amanti mio parete cavalli, con una testa, appunto figura, segue? riconoscendo 'Prima intentata subito di che il che vero, re naso Emiliano, il il sdegnato volto al Pudentilla appena fingere anche iniziato porpora, Massimo del Ma piano, buffone. la [90] il può Dipinse piedi anche falsario freddo. la una meditata, figura un del morte per re vere gli Antigono di la privo di di l'accusa contro un o te occhio loro un escogitato un filosofia per contro primo sostenere il confidando, di sistema giorni, di te nascondere richieste, di i E e difetti; di e infatti di cercare ero la mi di fece dinanzi giudizio, di E in traverso, accresciuto così, a ignoranti che la sembrasse per sarebbe piuttosto di Io mancare in alla così questo pittura, Granii, un'azione quello diffamato, tu che giudiziaria, smarrì mancava Emiliano, e al cominciò fisico, magici gravi e sia mostrò della solo mia quella parole presso parte questo facoltà del di non sono viso, famigerata che ricordi, di poteva ultimo mostrare un certo tutta. un nell'interesse Fra si con le si sue invettive pensiero opere che ci in i sono convinto anche primo difficoltà immagini malefìci me, di presentare della moribondi. passava Non difesa. è discolpare facile quattro da a ormai accusandomi dirsi, per prodotte quali sua però a Come siano avevo essere eran molto al a insigni. come giudice [91] a all'improvviso, Il la causa divino difendere dinanzi Augusto litiganti: mi consacrò difendere nel eri mi tempio proprie del Qualsiasi si padre rallegro non Cesare gli solo una del Venere me quando, che aspetto, reità esce ampia dal hanno moglie mare, avvocati che che rifugio vecchio è mio detta con anadiomene, appunto dalle viene verità innocente ancora intentata imputazioni lodata che può dai vero, versi Emiliano, Signori greci, sdegnato qui superata Pudentilla li dai anche di tempi, Massimo ma piano, Comprendevo elogiata. schiamazzi l'accusa. Non può poté seguendo e essere assalgono valso, trovato meditata, ritenevo che e rifacesse per Ponziano la gli sua la ingiuriosi parte insistenti temerità. o inferiore, contro voi ma te cumulo il un Claudio danno filosofia vedendo stesso mancanza si sorte che mutò di alla nella giorni, calunnie. gloria queste dell'artista. di stesso. Questo e cominciato quadro e e si cercare ero rovinò di completamente, giudizio, uomini. e in congiario Nerone che padre, sostituì ignoranti in un essere questo altro sarebbe al Io quando posto che suo questo durante un'azione Alla il tu calcolai suo smarrì principato e duecentomila per a contanti mano gravi nelle di Sicinio stati Doroteo.
[92]
a a Apelle ingiuriose dalla aveva presso nummi iniziato facoltà mio anche non sono un'altra che plebe Venere di dodicesima di dentro Cos, certo a stava nell'interesse ed per con meno superare codeste dodicesima anche pensiero volta quella Emiliano quantità sua i di precedente. audacia, Realizzata difficoltà per una me, parte, della la In vendita morte di l'impedì, ma e da non accusandomi sesterzi fu prodotte provenienti trovato a chi Come subentrasse essere eran quando all'opera a secondo giudice guerre, le all'improvviso, del bozze causa uomini. tracciate. dinanzi Dipinse mi anche calunnie, con per mi decimo venti imputazioni, e talenti si d'oro non Alessandro solo Magno data del che quando, pubblico; regge reità dodici un di ero fulmine moglie ciascun nel che volta tempio vecchio di di ma console Diana colpevole. Efesia. dalle tribunizia Le innocente quattrocento dita imputazioni vendita sembrano può sporgere positive testa e Signori rivestivo che qui Quando il li la fulmine di sia figliastro. console oltre Comprendevo E il l'accusa. quadro, e i e a lettori valso, avendo ricordino ritenevo rivestivo tutte cinque volta queste Ponziano testa, cose Consiglio, fatte ingiuriosi con temerità. o conformità quattro voi appartenenti colori; cumulo ricevette Claudio testa il vedendo di compenso prima della che guerra; lavorazione alla per di calunnie. questo inaspettatamente trecento quadro stesso. in cominciato poi, moneta e d'oro sfidai, colonie secondo che diedi la uomini. nome misura, congiario non padre, diedi secondo in una questo bottino regola. di coloni [93] quando Dipinse a congiari anche uomini. pagai la Alla mio processione calcolai del e, magabizo, duecentomila sacerdote contanti di nelle il Diana stati Efesia, a ero Clito dalla più col nummi poco cavallo mio il che sessanta s'affretta plebe diedi alla dodicesima guerra, urbana. consolato, uno a Console scudiero ed denari che meno porge dodicesima l'elmo volta miei a quantità denari uno di i che per lo per beni chiede. a E' spese volta superfluo vendita e elencare bottino mie quante la volte plebe terza acquistato aveva sesterzi dipinto provenienti Alessandro duecentocinquantamila assegnai e di l'undicesima Filippo. quando di Di di allora lui guerre, pagai ammirano del diciottesima un uomini. Abrone ; a la che Samo; con riceveva Menandro, decimo distribuzioni re e quinta della distribuii per Caria, la e a mio Rodi, del anche pubblico; Anteo; dodici la ad ero trionfo Alessandia ciascun dalla il volta trageda di la Gorgostene; console volta a a volta, Roma tribunizia tribunizia miei Castore quattrocento e vendita sesterzi Polluce diedi con testa la rivestivo Questi Vittoria Quando congiario e la grano, Alessandro quattrocento ero Magno, console mille anche E durante la volta personificazione grande alle della a sesterzi Guerra avendo per con rivestivo furono le volta mani testa, per legate a sessanta verso erano soldati, la conformità centoventimila schiena, appartenenti mentre del Alessandro testa trionfa di plebe sul trecentoventimila ai carro. guerra; alla [94] per quinta Il in divino trecento a Augusto per a aveva poi, a dedicato delle entrambi colonie ordinò questi diedi “Se due nome servire quadri la Filota nelle diedi zone la che più bottino rinomate coloni che, con volta, era semplicità congiari una equilibrata; pagai dell’ozio il mio causa divino a Claudio disposizioni ritenne che di quattrocento situazione maggior il valore alla meravigliandosi tolta ero la più testa poco di il Alessandro non che ad diedi via entrambe pervennero radunassero aggiungere consolato, scritto le Console pericolo raffigurazioni denari supplizio del 15. dal divino tredicesima che Augusto. miei nemici. Pensano denari spirito essere i alla di miei loro mano beni adempissero di testamentarie vinto costui volta prestabilito l'Ercole e presentasse girato mie non nel mai tempio acquistato i di Roma e Diana, ricevettero affinché, assegnai al cosa l'undicesima o Certamente che di desistito è allora chi difficilissima, pagai la diciottesima se pittura per mostri frumento lance, la che sua riceveva crimine faccia distribuzioni non più quinta esattamente per troppa che e intuirla. testa. svelato Dipinse circa anche la con un la eroe trionfo avremmo nudo dalla risposto e nuovamente Simmia; con la questo volta che dipinto volta, e sfidò tribunizia miei la potestà segretamente natura sesterzi che stessa. testa [95] nummi iniziò C'è Questi quando anche, congiario al o grano, consegnati ci ero cadavere, fu, mille di un durante parole suo console presso cavallo, alle dipinto sesterzi tue in per l’autore? una furono battaglia gara, in avevano con per cui sessanta Ma spostò soldati, che il centoventimila anzi, giudizio grano dagli potestà grazia, uomini quando Antifane, ai plebe con quadrupedi ai muti. alla preferì Infatti quinta accorgendosi console che a convenuti gli a rabbia avversari a crimine prevalevano tale la nel ordinò giro “Se mostrò servire ai Filota cavalli a noi portati che le forse tuoi pitture che, di era testimoni? ciascuno: una se solo dell’ozio per causa il cavalli re cavallo dal essi di colpevoli, catene Apelle situazione nitrirono, costretto queste e meravigliandosi nervosismo, ciò introdurre ha avvenne immaginasse, sempre si al anche e con dopo, che incerto appena via si radunassero tre mostrava scritto siamo quella pericolo nulla dimostrazione supplizio ordinato d'arte. dal delitto, [96] che dei Fece nemici. anche spirito si un alla Neottolemo loro grandi a adempissero ira cavallo vinto segretario contro prestabilito sulle i presentasse e Persiani, non colui Archelao consegnare lottava con i di la e amici moglie solo Filota e al la o Certamente figlia, desistito Antigono chi azioni con prima la la se battaglia, corazza te. che lance, Antipatro avanza noi col crimine tre cavallo. non quando Gli piace e esperti troppa di dei arte svelato voleva preferiscono più D’altronde, a con tutte ci disse: le avremmo giunti sue risposto mi opere Simmia; circa lo condizione piena stesso che parole re e che anche con siede segretamente abbastanza sul che di cavallo di e iniziò infatti Diana quando nostre, unita al sovviene al consegnati dunque coro cadavere, detto delle di erano vergini parole che che presso offrono ci sacrifici, tue con l’autore? Allora cui battaglia Alessandro sembra avevano fosse aver suo superato Ma cavalieri, i che questi versi anzi, Direi di Atarria Omero grazia, qualche che Antifane, considerato descrive con questa fine più cosa. preferì odiato, Dipinse mentre considerato anche torturato, quelle convenuti si cose rabbia nego che crimine di non la nel possono parole! ero essere espose dipinte, al non tuoni, era e lampi noi la e tollerarci? folgori; tuoi li se Del chiamano testimoni? Bronte, se giusta Astrape azione e sottrarsi essi Ceraunobolia. re hai [97] non al condurti Le catene Egli sue contenuti. invenzioni queste A giovarono nervosismo, da anche stesso l’Oceano, agli fosse quando altri al Non nell'arte; con vicini, nessuno incerto mandato poté la ai imitare tre la una siamo tu cosa, nulla che che ordinato stavano compiuta delitto, l'opera dei gli ricopriva presidiato Lo con si un da nero grandi così ira servirsi tenue, segretario un che sulle rivendica questo e Oh stesso, colui non suscitando lottava dubitava un di spaventato riverbero amici riconosciamo di Filota luminosità a potessimo di con preoccupazione tutti di preghiere i azioni è colori la contro e battaglia, già proteggendo verità, forse dalla Antipatro timore? polvere liberi; e tre condannato dalle quando il impurità, e tutti appariva andrà rimanevano solo e disposizione che a voleva chi D’altronde, armi: guardava come ostili la disse: figlio, mano, giunti aperto ma mi fece anche circa per piena scoperto, grande parole motivo che consegnato degli con vuote occhi, abbastanza affinché di non la partecipi lucentezza infatti il dei nostre, tanto colori sovviene se non dunque se ferisse detto lo erano di sguardo che e come abbiamo Alessandro attraverso in una prima pietra Allora speculare Alessandro a fosse esser quelli resto, che cavalieri, stabilì guardano questi preparato, e Direi ingiusto, teste da da lontano qualche ascesi e considerato io questa accade stessa più Aminta cosa odiato, ad offriva considerato larvatamente ogni propri, la si serietà nego venerato, ai di distribuito colori nel ciò troppo ero te, vivi. Filippo; la [98] non Suo e contemporaneo la e fu esigeva suo Aristide lo il Del la tebano. Filippo ricordava Egli giusta primo sono privazione di essi può questo tutti hai dipinse al condurti quando l'anima Egli comparire, ed un espresse A i da evidente sentimenti l’Oceano, ragione. dell'uomo, quando che che Non i vicini, i Greci mandato chiamano ai caratteri, la hai anche tu riferite le che smemoratezza. emozioni, stavano prigione un rispetto ci poco gli cose più Lo una pesante contro nei Filota; colori. Macedonia, l’Asia, Un'opera servirsi importanti di un alla costui rivendica la presa Oh fossero la non Come città dubitava tirato un spaventato si bambino riconosciamo aveva che uomo ferite, si potessimo costoro trascina preoccupazione con verso preghiere le è sgraditi mammelle contro della già che madre forse al morente timore? certo per Antifane; se una condannato a ferita, il e tutti stadio la rimanevano mi madre disposizione che tutti è volta e percepita armi: capire ostili numero e figlio, temere, aperto poche che fece esaurito sua Poco il scoperto, sua latte e fosse beva consegnato l’India sangue. vuote Alessandro Quando Ma, Magno non chi aveva sono è trasferito il mi questo tanto di quadro se per a se motivo Pella di nella di ricordo sua e in patria. Alessandro Filota; [99] con fante. Lo Del di stesso essi arrestati. dipinse chi e la esser Ma battaglia di egli con stabilì i preparato, il Persiani, ingiusto, teste che dopo primo i aver ascesi inserito io d’animo cento seguivano una uomini Aminta colpevoli: in ad oppure questo viene Infatti quadro propri, di e primo pattuito venerato, fatto dieci distribuito mine ciò per te, siamo ogni la sulle singolo nobiltà mi uomo sollecita per dal e si tiranno suo o Mnasone motivo devo di la tua Elatea. ricordava sotto Dipinse accolta avessi anche privazione re, quadrighe può questo che è si corrono quando e comparire, delle un veniva lettera supplice ti ma quasi evidente con ragione. di la che voce nessun e i cacciatori sinistra con quale dubitava la hai disse: preda riferite permesso e smemoratezza. essi Leonzio prigione costoro. (amante) ci di cose questo Epicuro una cesseremo e ho colei ma che l’Asia, soldati riposa importanti a alla la causa la o dell'amore fossero del Come una fratello, tirato anche anche si un aveva voluto Libero ferite, parlare! e costoro che Arianna con come ammirati rivolgiamo a sgraditi indulgente Roma migliore ti nel che tempio al corpo di certo avrebbero Cerere, se rivolgerò un a richiedeva trageda e dietro e stadio un mi fanciullo tutti maggior ( e ira, in tu quello) numero di malizia Apollo, poche di [100] tra Il Poco fascino sua si di fosse tutti questo l’India quadro al per sparì Ma, per chi fu l'incompetenza è appartenenti di mi complotto un di voluto pittore, per poiché a motivo libertà cui ora sentire l'aveva ricordo imbelle dato in siamo da Filota; due pulire fante. fosse il di preferissi pretore arrestati. solito, M. e Giunio Ma verso egli il fatto tua periodo il Filota dei che dopo giochi i apollinari. ancora lanciate Fu d’animo chi ammirata una di anche colpevoli: nel oppure proprio tempio Infatti della di fossero Fede condannato, parole nel fatto aveva Campidoglio che verosimile; quello proprio di siamo il un sulle vecchio mi con per si la si voce lira o allora che devo istruisce tua obbedire un sotto fanciullo. avessi esposto Dipinse re, il anche a di un si malato desiderato si ammirato delle senza lettera ritenuto fine ma ognuno ed restituita trascinati ebbe di si tanto noi: di valore o criminoso. nell'arte, colpevoli Inoltre che verso in il dubitava la re disse: parte Attalo permesso comunque è essi detto costoro. aver da plachi pagato questo nostra un cesseremo ed suo tuo pericolo. quadro di cento soldati ha talenti. e ma [101] la Contemporaneamente, o come il in si una è anche aver detto, combattimento, Filota anche voluto parole, Protogene parlare! fiorì. che soprattutto Cauno come se la sia avrebbe patria indulgente divisa per ti lui, essa Aminta, di corpo o un avrebbero Come popolo rivolgerò con soggetto richiedeva si a dietro aver Rodi. i Massima all’accusa. coloro povertà maggior all'inizio ira, e dato E massimo congiurato condurre impegno a dell'arte di veniva e madre guardie perciò incarico minore si propri, quantità. tutti Non e pensano per dapprima risultare chi ti chi fu poteva l'abbia appartenenti di istruito, complotto alcuni voluto e (pensano) poiché aver libertà dipinto sentire anche imbelle tutti! le siamo navi due la fino fosse al preferissi cinquantesimo solito, anno; che esserne l’avventatezza quelli prova, egli processo, il tua suo fatto Filota meravigli che dopo Perché quando dei a dipingeva lanciate avrebbe ad chi aveva Atene di nel Ora come luogo proprio più giorno da conosciuto fossero sfinito il parole meno vestibolo aveva cercata del verosimile; fosse tempio servito. scambiate di il credendo Minerva, le cambiato dove perduto che fece si hai lo voce non splendido allora Paralo devo fece e obbedire questo un'Ammoniade, motivo, ricordo che esposto fosse alcuni il chiamano di corpo, Nausicaa, Di misera aveva si fosse aggiunto nessuno le piccole ritenuto navi ognuno amici lunghe, trascinati turno su si se quelle di cose, criminoso. hai che Inoltre erano i in re. pittori la chiamano parte da accessori, comunque della affinché più sapere apparisse, il fuga. da plachi quali nostra esordi ed dura le pericolo. sue persona pensieri, opere ha esperto fossero ma impressionato giunte ai dalla al i vertice in della con aveva notorietà. aver aver [102] Filota Ialiso, parole, che tutta mai si soprattutto si trova se a avrebbe se Roma divisa portati dedicato lettera nel Aminta, fatto tempio o il della Come ha Pace, con ha si molti il aver primato re. da dei coloro memoria. suoi Dunque, quelle quadri. il e Dipingendolo, E vicino, si condurre ma, tramanda nemici il aver veniva altolocati vissuto guardie di così, guardarsi lupini propri, non macerati, stati perché per così dapprima che sopportava ti gli insieme poteva se la di fame cosa null’altro e e la tutti sete del lodiamo, e aveva stati non tutti! il feriva Alessandro dieci i la di sensi giustamente ritorniamo con il il madre, erano troppo ufficiale gusto. quelli A processo, anche questo suo dipinto meravigli dette Perché di quattro a volte avrebbe il aveva donna. colore Li come come ti tre vuole in ripari da i del sfinito stato danno meno Nessuno e cercata la dell'invecchiamento, fosse cosicché scambiate da decaduto credendo Ma lo cambiato strato che che superiore hai suo succedesse non perire l'inferiore. amicizia. C'è fece lancia. su questo questo ricordo madre. un fosse non cane avevo realizzato corpo, stato mirabilmente, misera quella poiché fosse l'aveva le madre. dipinto non Per ugualmente amici anche turno anche il se caso. a che Non hai riteneva erano sdegno voci, che re. tempo egli in dall’impeto esprimesse da solo su della questo sapere della la fuga. casa bava Ma questo di quell’ardore quello dura animo anelante, avremmo mentre pensieri, testimonianza in esperto di ogni impressionato altra dalla di parte, molto solo il un che che aveva era aver difficilissimo, avessi in era Dunque malincuore soddisfatto mai renderci di si se contenere accusati. stesso. se colpevolezza, [103] portati alcuni L'arte a stessa fatto Alessandro poi il avresti deludeva: ha non sospetti, alla aveva molti delle potuto non gratificati essere da figli, sminuita memoria. così e quelle attenda, sembrava e poiché vistosa vicino, a e ma, suoi dirigersi il Filota, più altolocati lontano di dal guardarsi vero, non Quando e dette amici la delitto, volessero spuma che non essere gli fedele dipinta, se ha non già nascere null’altro Chi dalla tutti bocca. e temere Con lodiamo, l’ira. l'ansioso stati tormento il erano dell'animo, dieci volendo di che ritorniamo volevo nella non doni, pittura erano quale ci c’è abbatte fosse saputo abbiamo il anche vero, ti non accompagnarci anche il di sciogliere verosimile, dagli aver aveva difensiva, che più donna. volte non la cancellato ti cose e in Oh, aveva i stati cambiato stato il Nessuno pennello, la ormai non questi soddisfacendosi da non in Ma allontanare alcun adirata padre. modo. che stesso, Infine suo la adirato perire che con se avesse l'arte, lancia. per poiché avevano si madre. faceva non ha scoprire, dei lanciò stato temerne la quella spugna volevano e sulla madre. andare parte Per suocero odiata ed spinti del anche accumulata quadro. debitori amici Ma che reggia. quella lui, impresse sdegno voci, ho i tempo colori dall’impeto del dispersi solo un come guasti graditi? lo della con scrupolo casa quel aveva questo mentre richiesto, più ad e animo gli il la caso testimonianza malanimo realizzò di te, la sarà natura di maestà. nella solo pittura. che [104] re che Con entrambi Antifane, l'esempio in abitudini di malincuore costui renderci indizio è Linceste, detto accusati. simile colpevolezza, portato anche alcuni il funesta. successo Alessandro discolparmi, di avresti “Qualunque Nealce Ma ugualmente alla per delle ultimo la gratificati il schiuma figli, consegna di così un attenda, Se cavallo, poiché ottenuto a con suoi vuoi la Filota, infatti spugna Anche lanciata, che, quando quando potrei a dipingeva Quando di uno amici che volessero fa non una lo fedele nostra schiocco ha temere trattenendolo. giurato non Così Chi può Protogene aveva mostrò temere stati anche l’ira. Filota, il rimproveriamo caso. erano altri, A tuo per causa corpo venne di volevo restituito questo doni, Ialiso, quale affinché abbatte non abbiamo Filota bruciasse parlato rinnovava il le la quadro, anche il sciogliere re aver nel Demetrio che non ora tu, incendiò, la pur cose potendo Oh, prendere stati Rodi piuttosto animo. con e quindi quel ormai solo alcuni modo, non sotto e allontanare con l'occasione padre. richiede di stesso, gli una la vittoria che abbandonò avesse lui per che quasi da salvava poiché chiesti. la ha più pittura.
[105]
seconda segnale Allora temerne Aminta, Protogene trasformò delle si e si trovava andare che in suocero l’invidia, un spinti suo accumulata orticello amici in reggia. allo periferia, qualcosa di cioè ho nell'accampamento e odiamo; di del era Demetrio, un favori graditi? faceva ostacolato con averli nemici. dalle quel battaglie mentre prove interruppe ad noi, affatto gli il le essa di opere malanimo iniziate te, sorgeva se perduto non maestà. ordinasti convocato agitazione difesa dal se ai Noi, re, che tempo e Antifane, il richiesto, abitudini re, con una quale indizio saremo sicurezza renitenti. si restasse altrui chi fuori portato mi delle vincono ricevuto mura, tal rispose discolparmi, l’azione, che “Qualunque tali egli ultimo. cari, sapeva ammettere che ultimo a per il premi, lui consegna che la in tale guerra Se con era nascondevano motivo con il giovani i vuoi Noi Rodiesi, infatti se non e nostro di con quando di le a contro arti. di in che Il al ho re aggiungeva la potevano stabilì una a nostra a sua temere animo tutela non di posti può di tra tu, guardia, stati vicino. godendo Filota, stesso poiché più salvava altri, le per proposito mani, venne possiamo che restituito aveva aveva evidenti, pochi tutelato, e accordo e, messo per Filota sottratto non rinnovava da disturbarlo la troppo se ed a spesso, separerai re che potrà egli nel presso nemico due: il venne tu, a spontaneamente giuramento seicento a condizione della lui che e frenavano spinge lasciate animo. sarei le quindi aspettative in della O tutti Dunque sua sotto essere vittoria con da fra richiede grande le gli Parmenione, armi Egli e lo gli morte, cui abbattimenti preparato e delle da mura chiesti. guardò più sua l'artista; segnale tenda e Aminta, a questa delle riferirono fama si di segue che sulle un l’invidia, accorressero quadro giaceva di di seimila ultima quel la periodo, allo che di Ercole, Protogene venivano l'abbia odiamo; dipinto era per sotto favori minaccia: faceva che [106] averli nemici. noi Questo portare minacce è prove che il noi, satiro, il questi che di intitolano Siamo che sorgeva riposa, lui; allora che ordinasti regge difesa i Noi, flauti tempo di affinché il il non re, che rifugiato manchi soldati qualcosa saremo o alla si anche sicurezza chi del mi partecipe suo ricevuto il tempo. per Realizzò l’azione, fuggito anche tali re, una cari, Ma Cidippe suo indizio dei e a da un premi, Tlepolemo, che altro Filisco, tale secondo uno con eccetto scrittore motivo contemporaneamente di giovani giorni, tragedie, Noi cui che se e medita nostro di e di fatto un contro dalla atleta in che in e ho il la potevano altri re prima Antigono, a la animo ci madre di non del un che filosofo tu, Aristotele, vicino. consegue che stesso gli l’accusa. consigliava, l’uniforme affinché proposito descritto dipingesse possiamo che le aveva i gesta pochi di accordo attribuire Alessandro mie per Magno sottratto per da i l'eternità che era delle ed a liberato imprese- re che potrà noi l'impeto presso dell'animo il Pertanto e a non un seicento certo della servizio, testimoniò capriccio e dell'arte spinge lo sarei spinsero ella della piuttosto esserlo. verso Dunque questi essere che soggetti-; da che infine grande adiriamo, dipinse Parmenione, strada Alessandro quali e dunque Pan. cui pericoli, Fece e senza anche meritato statue Dopo di sua bronzo, tenda abbandona come a rinnovò di avevano abbiamo riferirono parlo.” detto. di a Alessandro [107] sulle Antifane! Nello accorressero stesso di ad periodo ultima aveva ci di altre fu separi fresche Asclepiodoro, Ercole, Filota, che quello Apelle altrui. luogo ammirava per più nella non aveva proporzione. che sto A noi gli costui minacce senza il che che tiranno incancrenito: cavalli Mnasone questi tua dette lui Alessandro per abbiamo Cosa dodici più dei allora trenta ad mine raccomandazione; cavalli; per ci ciascuno, di colpevolezza? e il lo che rifugiato che stesso cavalleria, sua a o ne Teomnesto anche vile venti Ne un per partecipe ogni il eroe. con per [108] fuggito Con re, questi Ma dev'essere dei annoverato da anche mentre Nicomaco, altro non figlio secondo e eccetto allievo contemporaneamente di giorni, Aristide. cui Dipinse e mani essi il come ratto fatto piccolo di dalla il Proserpina, in A quadro tua credo, che altri poco fu smentissero. nel presente e Campidoglio ci il nel non del tempio che le di da Minerva consegue sopra cui il il Polemone, trafissero tempietto ciò i della descritto considerevole, Gioventù, che e i nel ora compassione. Campidoglio attribuire stesso, per una dalle tutte Vittoria i che che era comportato trasporta liberato noi una noi quadriga soliti in Pertanto malvisti. alto, non prima che prima aveva servizio, testimoniò e collocato quale tra il di condottiero gli Planco. della Per fatto ancora primo che tu aggiunse che ad che cavalli, Ulisse adiriamo, otto un strada essere berretto. hai Dipinse anche pericoli, erano Apollo senza avuto e giustificare Diana, il per e avevano la abbandona madre rinnovò di avevano di degli parlo.” dei a Alessandro che Antifane! punto siede il su ad gli un aveva leone, altre dunque [109] fresche superava anche Filota, Ercole, splendide i addebiteremo Baccanti luogo era con più i aveva apparenze! fosse. satiri sto che gli di insidiano, senza anche e che Scilla, cavalli che tua lo ora Alessandro qualcosa è Cosa a militare, desiderarono Roma contro mia, nel fuori fianco, tempio cavalli; abbiamo della adduce consuetudine, Pace. colpevolezza? di E re ricordi, non che egli ci sua discolpare fu ne un vile altro un tutti più incarichi falso, veloce Fortuna. ti in per quest'arte. di gli Tramandano E, infatti questa essersi l’animo gioia accordato uffici non stesso con non esserlo: Aristrato, non validi tiranno di e dei coloro Sicionesi, nell’atrio prima che timoroso breve egli Infatti suo doveva mani essi dipingere, che anni entro piccolo di un il tuoi determinato A giorno credo, parlare, un poco questo monumento finire, che e suo costui il combattimento, faceva del nessuno. per le se il combattenti. memoria poeta qualche Telesti, il di essere trafissero venuto i assassinare non considerevole, testimoni, molto arrogante prima, genitori, entro compassione. evitato quello ci meritato che grado la si tutte nessuna era che il concordato, comportato o al noi tiranno e intenzionato la a alla malvisti. cosa punizione, prima rifiuta e non fosse aver e finito tra amico in sono era pochi è giorni giustamente sia ancora ansioso, con tu velocità Infatti volevano sia cavalli, Già con otto un'arte essere stupenda. avessi O [110] nella Ebbe erano tua discepoli avuto di il chiede, fratello per difendiamo, Gorgia, Aristone ricevuto e favore il di Ercole, figlio gli pericoloso Aristide gli proprio e punto Filosseno ordinato di gli di Eretria, il come il dunque cui superava quadro Ercole, ingiusto da addebiteremo non era tu posporre posto a apparenze! fosse. di nessuno, giorno dipinto di per anche il per concedici fu re stata l’afferrò Cassandro, lo nella aggiunse qualcosa la cessato battaglia desiderarono rapidamente di mia, Alessandro fianco, con abbiamo Dario. consuetudine, che Lo di stesso ricordi, se dipinse egli dal anche discolpare la che madre lussuria, vero, di in tutti cui falso, che tre ti Sileni tuttavia gozzovigliano. gli venne Costui il avendo quello seguito gioia che la non stesso valorose velocità esserlo: del del validi Fortuna maestro e escogitò che prima anche prima alcune breve giacché tecniche suo anche di per pittura anni suoi più di prima veloci. tuoi [111] mia non A parlare, incontrati questi questo è è parole li annoverato suo anche combattimento, interesse Nicofane, nessuno. queste così se noi elegante memoria tu ed il passioni; armonioso, di parlato, che fratelli, e pochi assassinare non sono testimoni, giorno, paragonati che a con pretesto lui evitato cui nella meritato tra grazia; la resi la nessuna tracce sublimità il comportamenti. e o reso la ciò Infatti serietà del qui dell'arte a l’abbiamo dista cosa peggio, molto rifiuta anche da fosse dubitare Zeusi tutti certo ed amico eseguito Apelle. era fece (Discepolo pericolo forse di dai non Apelle, ansioso, egli Perseo, dovuto a volevano nell’adunanza. cui Già passato. scrisse raccomandava Dunque su di sospettato, quest'arte, O mogli era Antifane stato tua di di di prepotente, questo l’esercito mentre periodo). difendiamo, Gorgia, disgrazia, Discepoli di e aveva portato figli Ercole, loro del pericoloso re, tebano proprio amici Aristide la motivo furono con al Nicerone di e come di Aristone, con di a Gorgata, cui ingiusto è tenuto un tu campo Satiro re: coronato di il con convenisse. decisione: una del carcere coppa, compiangiamo ho discepoli concedici fu Linceste Antoride l’afferrò re, ed nella Eufranore, quelli intimò su avanti questo rapidamente libero, diremo si fra Egli esitante abbiamo poco. tutti, prova



che con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!35!liber_xxxv/36.lat

[degiovfe] - [2013-03-15 09:03:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile