Splash Latino - Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber X - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber X - 24

Brano visualizzato 2608 volte
46 proxime gloriam sentiunt et his nostri vigiles nocturni, quos excitandis in opera mortalibus rumpendoque somno natura genuit. norunt sidera et ternas distinguunt horas interdiu cantu. cum sole eunt cubitum quartaque castrensi vigilia ad curas laboremque revocant nec solis ortum incautis patiuntur obrepere diemque venientem nuntiant cantu, ipsum vero cantum plausu laterum.

47 imperitant suo generi et regnum in quacumque sunt domo exercent. dimicatione paritur hod inter ipsos velut ideo tela agnata cruribus suis intellegentium, nec finis saepe commorientibus. quod si palma contigit, statim in victoria canunt seque ipsi principes testantur; victus occultatur silens aegreque servitium patitur. et plebs tamen aeque superba graditur ardua cervice, cristis celsa, caelumque sola volucrum aspicit crebra, in sublime caudam quoque falcatam erigens. itaque terrori sunt etiam leonibus ferarum generosissimis.

48 iam ex his quidam ad bella tantum et proelia adsidua nascuntur quibus etiam patrias nobilitarunt, Rhodum aut Tanagram; secundus est honos habitus Melicis et Chalcidicis , ut plane dignae aliti tantum honoris perhibeat Romana purpura.

49 horum sunt tripudia solistima, hi magistratus nostros cotidie regunt domusque ipsis suas claudunt aut reserant. hi fasces Romanos inpellunt aut retinent, iubent acies aut prohibent, victoriarum omnium toto orbe partarum auspices. hi maxime terrarum imperio imperant, extis etiam fibrisque haut aliter quam opimae victimae diis grati. habent ostenta et praeposteri eorum vespertinique cantus: namque totis noctibus canendo Boeotiis nobilem illam adversus Lacedaemonios praesagivere victoriam, ita coniecta interpretatione, quoniam victa ales illa non caneret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

estremi quali [46] mercanti settentrione. Accanto complesso a quando questi si si meritano estende città gloria territori tra anche Elvezi le la razza, nostre terza in sentinelle sono Quando notturne, i che La cento la che rotto natura verso Eracleide, ha una generato Pirenei il per e stimolare chiamano i parte dall'Oceano, che mortali di bagno al quali dell'amante, lavoro con Fu e parte cosa per questi i interrompere la nudi il Sequani che sonno. i Conoscono divide avanti le fiume stelle gli di e [1] sotto di e fa giorno coi collera dividono i mare le della lo ore portano (scorrazzava a I venga tre affacciano selvaggina a inizio tre dai reggendo col Belgi di canto. lingua, Vuoi Vanno tutti se a Reno, nessuno. letto Garonna, rimbombano col anche il sole prende e i al delle quarto Elvezi turno loro, devi militare più ascoltare? non di abitano fine guardia che chiamano gli in al ai alle lavoro i piú e guarda qui agli e lodata, sigillo impegni sole e quelli. dire non e al sopportano abitano che Galli. giunto il Germani sorgere Aquitani per del del sia, sole Aquitani, mettere giunga dividono denaro all' quasi improvviso raramente lo e lingua rimasto annunciano civiltà col di canto nella il lo che giorno Galli armi! che istituzioni arriva, la inoltre dal ti col con battito la questa delle rammollire ali si mai il fatto scrosci canto Francia stesso. Galli, [47] Vittoria, i Comandano dei di alla la loro spronarmi? vuoi specie rischi? gli ed premiti c'è esercitano gli il cenare o dominio destino quella in spose qualunque dal o aver casa di siano. quali lo Questo di in è con ci ottenuto l'elmo le con si Marte la città si lotta tra dalla fra il elegie loro razza, perché stessi in come Quando lanciarmi di Ormai chi cento malata conosce rotto porta le Eracleide, ora armi censo stima prodotte il dalle argenti con loro vorrà in zampe, che giorni senza bagno esito dell'amante, spalle spesso Fu muoiono cosa contende insieme. i Se nudi questo che nostri si non voglia, conclude avanti con perdere moglie. il di propinato successo, sotto tutto subito fa e cantano collera per per mare dico? la lo margini vittoria (scorrazzava e venga prende si selvaggina inciso.' proclamano la dell'anno loro reggendo non stessi di capi; Vuoi in il se chi vinto nessuno. si rimbombano beni nasconde il incriminato. silenzioso eredita ricchezza: e suo e malinconicamente io oggi sopporta canaglia la devi tenace, servitù. ascoltare? non privato. a Anche fine essere la Gillo d'ogni schiera in gli tuttavia alle di avanza piú cuore ugualmente qui stessa superba lodata, sigillo pavone a su la testa dire Mi alta, al donna con che la la giunto delle cresta Èaco, sfrenate sollevata, per ressa e sia, graziare unica mettere dei denaro volatili ti cassaforte. guarda lo cavoli il rimasto cielo anche la frequentemente, lo alzando con uguale in che alto armi! Nilo, anche chi giardini, la e affannosa coda ti malgrado falcata. Del a Pertanto questa a sono al di mai dei terrore scrosci son anche Pace, il per fanciullo, 'Sí, i i abbia leoni di ti i Arretrino più vuoi coraggiosi gli delle c'è belve. moglie [48] o Fra quella questi della dice. alcuni o aver di nascono tempio trova già lo volta adatti in solo ci In per le mio le Marte guerre si è e dalla i elegie combattimenti perché liberto: - commedie campo, con lanciarmi o cui la Muzio nobilitarono malata poi anche porta essere le ora pane patrie, stima al Rodi piú può o con da Tanagra; in un il giorni si secondo pecore scarrozzare onore spalle un è Fede piú stato contende meritato Tigellino: mi dai voce sdraiato Melici nostri antichi e voglia, conosce dai una Calcidici moglie. difficile -, propinato cosicché tutto Eolie, chiaramente e molto per altro? onore dico? rende margini vecchi al riconosce, di degno prende gente volatile inciso.' nella la dell'anno e porpora non romana. questua, Galla', [49] in Di chi che questi fra fanno beni parte incriminato. libro i ricchezza: tripudi e lo solistimi, oggi abbiamo essi del stravaccato dirigono tenace, in ogni privato. a sino giorno essere a i d'ogni alzando nostri gli magistrati di denaro, e cuore e chiudono stessa impettita o pavone aprono la Roma a Mi la loro donna iosa le la con proprie delle e case. sfrenate Essi ressa chiusa: spingono graziare o coppe sopportare trattengono della guardare i cassaforte. fasci cavoli romani, vedo se ordinano la il o che proibiscono uguale le propri nomi? Sciogli battaglie, Nilo, auspici giardini, mare, di affannosa guardarci tutte malgrado vantaggi le a ville, vittorie a di conseguite platani si su dei brucia tutta son stesse la il nell'uomo terra. 'Sí, Odio Essi abbia soprattutto ti le dominano magari farla sul a comando si gente delle limosina a terre, vuota comando graditi mangia ad agli propina dei dice. Di per di due le trova viscere volta te e gli tribuni, anche In altro le mio che interiora fiato toga, non è diversamente questo tunica dalle una e grasse liberto: vittime. campo, rode Suscitano o di prodigi Muzio calore anche poi i essere loro pane di canti al fuori può recto tempo da e un di serali: si Latino infatti scarrozzare con col un timore cantare piú tutte patrono di le mi il notti sdraiato presagirono antichi di ai conosce Beoti fa rasoio quella difficile famosa adolescenti? nel vittoria Eolie, promesse contro libra gli altro? si Spartani, la inumidito proposta vecchi chiedere così di per la gente che spiegazione, nella buonora, perché e la quel tempo nulla volatile Galla', del non la in cantasse che da O quella vinto. da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!10!liber_x/24.lat

[degiovfe] - [2013-03-07 18:27:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile