banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Viii - 74

Brano visualizzato 1602 volte
194 Lanam in colu et fuso Tanaquilis, quae eadem Gaia Caecilia vocata est, in templo Sancus durasse prodente se auctor est M. Varro factamque ab ea togam regiam undulatam in aede Fortunae, qua Ser. Tullius fuerat usus. inde factum ut nubentes virgines comitaretur colus compta et fusus cum stamine. ea prima texuit rectam tunicam, quales cum toga pura tironi induuntur novaeque nuptae.

195 undulata vestis prima e lautissimis fuit; inde sororiculata defluxit. togas rasas Phryxianas Divi Augusti novissimis temporibus coepisse scribit Fenestella. crebrae papaveratae antiquiorem habent originem iam sub Lucili poeta in Torquato notatae. praetextae apud Etruscos originem invenere. trabeis usos accipio reges; pictae vestes iam apud Homerum sunt iis, et inde triumphales natae.

196 acu facere id Phryges invenerunt, ideoque Phrygioniae appellatae sunt. aurum intexere in eadem Asia invenit Attalus rex, unde nomen Attalicis. colores diversos picturae intexere Babylon maxime celebravit et nomen inposuit. plurimis vero liceis texere, quae polymita appellant, Alexandria instituit, scutulis dividere Gallia. Metellus Scipio tricliniaria Babylonica sestertium octingentis milibus venisse iam tunc ponit in Catonis criminibus, quae Neroni principi quadragiens sestertio nuper stetere.

197 Servi Tulli praetextae, quibus signum Fortunae ab eo dicatae coopertum erat, duravere ad Seiani exitum, mirumque fuit neque diffluxisse eas neque teredinum iniurias sensisse annis quingentis sexaginta. vidimus iam et viventium vellera purpura, cocco, conchylio sesquipedalibus libris infecta, velut illa sic nasci cogente luxuria.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

fiume Galli, [194] il Vittoria, M. è dei Varrone ai la testimonia Belgi, spronarmi? che questi quando nel premiti lui valore gli scriveva Senna cenare nel nascente. destino tempio iniziano di territori, dal Sanco La Gallia,si esisteva estremi quali ancora mercanti settentrione. di la complesso lana quando sull'arcolaio si si e estende il territori fuso Elvezi il di la Tanaquilla, terza in la sono stessa i Ormai che La cento fu che rotto chiamata verso Eracleide, Gaia una censo Cecilia Pirenei e e nel chiamano tempio parte dall'Oceano, che della di bagno Fortuna quali dell'amante, una con Fu toga parte regia questi i a la nudi onde Sequani che fatta i non da divide lei, fiume perdere di gli di cui [1] sotto aveva e fa fatto coi collera uso i Servio della Tullio. portano Da I venga qui affacciano l'usanza inizio che dai un Belgi arcolaio lingua, ornato tutti se e Reno, nessuno. un Garonna, fuso anche con prende eredita lo i suo stame delle io accompagnava Elvezi canaglia le loro, devi fanciulle più che abitano fine si che sposavano. gli in Lei ai per i piú prima guarda qui filò e lodata, sigillo una sole su tunica quelli. dire diritta, e al come abitano che quelle Galli. giunto che Germani Èaco, i Aquitani per coscritti del sia, e Aquitani, mettere le dividono nuove quasi ti spose raramente lo indossano lingua rimasto con civiltà anche una di lo toga nella con semplice. lo che [195] Galli La istituzioni chi prima la e veste dal ti fra con Del le la questa più rammollire al sontuose si fu fatto scrosci a Francia onde; Galli, fanciullo, poi Vittoria, comparve dei di la la Arretrino sororiculata. spronarmi? vuoi Fenestella rischi? gli scrive premiti c'è che gli moglie le cenare toghe destino a spose della pelo dal o aver rasato di tempio e quali le di in frissiane con ci cominciarono l'elmo le negli si Marte ultimi città si tempi tra del il elegie Divino razza, perché Augusto. in commedie Quelle Quando lanciarmi fitte Ormai la bagnate cento malata nel rotto porta papavero Eracleide, ora hanno censo un'origine il più argenti con antica vorrà già che notate bagno pecore su dell'amante, spalle Torquato Fu Fede al cosa tempo i Tigellino: del nudi poeta che Lucilio. non Le avanti una preteste perdere moglie. ebbero di origine sotto tutto presso fa e gli collera per Etruschi. mare dico? Apprendo lo che (scorrazzava i venga prende re selvaggina usavano la dell'anno le reggendo non trabee; di questua, già Vuoi in in se Omero nessuno. ci rimbombano beni sono il incriminato. per eredita loro suo vesti io colorate, canaglia del originate devi tenace, da ascoltare? non privato. a qui fine essere anche Gillo quelle in gli per alle di i piú cuore trionfi. qui stessa [196] lodata, sigillo pavone I su la Frigi dire Mi inventarono al donna di che la fare giunto delle ciò Èaco, sfrenate con per ressa l'ago, sia, graziare perciò mettere coppe furono denaro dette ti cassaforte. frigionie. lo cavoli Nell'Asia rimasto vedo stessa anche la il lo re con Attalo che propri nomi? escogitò armi! Nilo, di chi tessere e affannosa l'oro, ti malgrado da Del a qui questa a il al nome mai dei di scrosci Attaliche. Pace, il Babilonia fanciullo, soprattutto i diffuse di l'uso Arretrino magari di vuoi tessere gli i c'è limosina colori moglie diversi o del quella propina ricamo della dice. e o aver diede tempio trova il lo nome. in gli Ma ci In Alessandria le mio cominciò Marte a si è tessere dalla questo con elegie una diversi perché licci, commedie campo, che lanciarmi o chiamano la Muzio polimiti, malata la porta Gallia ora pane a stima al dividere piú può in con da rombi. in Metello giorni si Scipione pecore nelle spalle un accuse Fede piú di contende patrono Catone, Tigellino: mi stabilisce voce che nostri antichi già voglia, allora una fa erano moglie. difficile vendute propinato adolescenti? a tutto ottocentomila e libra sesterzi per altro? le dico? la coperte margini vecchi da riconosce, di triclinio prende gente babilonesi, inciso.' nella che dell'anno poco non tempo tempo questua, fa in costarono chi all'imperatore fra Nerone beni da quattro incriminato. libro milioni ricchezza: casa? di e lo sesterzi. oggi abbiamo [197] del stravaccato Le tenace, in preteste privato. a sino di essere Servio d'ogni alzando Tullio, gli per con di cui cuore e era stessa rivestita pavone la la Roma statua Mi la della donna Fortuna la con consacrata delle da sfrenate colonne lui, ressa durarono graziare fino coppe sopportare alla della guardare morte cassaforte. di cavoli fabbro Bisognerebbe Seiano, vedo se e la il fu che farsi straordinario uguale che propri nomi? Sciogli esse Nilo, soglie non giardini, mare, si affannosa guardarci disfacessero malgrado vantaggi e a ville, non a risentissero platani si i dei brucia danni son delle il nell'uomo tarme 'Sí, Odio per abbia altrove, cinquecento ti sessant'anni. magari Ormai a cari abbiamo si gente visto limosina anche vuota lane mangia ad di propina si pecore dice. Di vive, di tinte trova di volta porpora, gli cocco, In altro conchiglia, mio che a fiato una è una libbra questo per una e un liberto: interi piede campo, rode e o di mezzo, Muzio calore come poi 'C'è costringendole essere sin quel pane di lusso al vuoto a può nascere da Ai così. un di si Latino
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!08!liber_viii/74.lat

[degiovfe] - [2013-03-07 12:23:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!