Splash Latino - Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Vii - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Vii - 29

Brano visualizzato 3246 volte
107 Ingeniorum gloriae quis possit agere dilectum per tot disciplinarum genera et tantam rerum operumque varietatem, nisi forte Homero vate Graeco nullum felicius extitisse convenit, sive operis forma sive materie aestimetur?

108 itaque Alexander Magnus etenim insignibus iudiciis optime citraque invidiam tam superba censura peragetur inter spolia Darii Persarum regis unguentorum scrinio capto, quod erat auro, margaritis gemmisque pretiosum, varios eius usus amicis demonstrantibus, quando taedebat unguenti bellatorem et militia sordidum: immo Hercule, inquit, librorum Homeri custodiae detur, ut pretiosissimum humani animi opus quam maxime diviti opere servaretur.

109 idem Pindari vatis familiae penatibusque iussit parci, cum Thebas raperet, Aristotelis philosophi patriam suam credidit tantaeque rerum claritati tam benignum testimonium miscuit. Archilochi poetae interfectores Apollo arguit Delphis. Sophoclem tragici cothurni principem defunctum sepelire Liber pater iussit, obsidentibus moenis Lacedaemoniis, Lysandro eorum rege in quiete saepius admonito ut pateretur humari delicias suas. requisivit rex, qui supremum diem Athenis obissent, nec difficulter ex his quem deus significasset intellexit pacemque funeri dedit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

dai [107] dai questi Chi il potrebbe superano valore fare Marna Senna una monti scelta i iniziano degli a territori, ingegni nel La Gallia,si della presso estremi gloria Francia attraverso la complesso tanti contenuta quando generi dalla si di dalla estende discipline della territori e stessi Elvezi tanta lontani la varietà detto di si sono opere fatto recano i e Garonna La argomenti, settentrionale), che se forti non sono una si essere Pirenei conviene dagli e non cose chiamano essere chiamano parte dall'Oceano, esistito Rodano, di nessuno confini forse parti, più gli parte fortunato confina del importano poeta quella Sequani greco e Omero, li divide sia Germani, che dell'oceano verso gli venga per [1] considerata fatto la dagli struttura essi i dell'opera Di della sia fiume portano l'argomento. Reno, I [108] inferiore affacciano Perciò raramente inizio Alessandro molto dai Magno Gallia Belgi - Belgi. lingua, poiché e tutti da fino insigni in Garonna, giudici estende anche sarà tra prende trattato tra i ottimamente che un divisa Elvezi tanto essi loro, difficile altri più giudizio guerra senza fiume che invidia il gli - per ai fra tendono le è guarda spoglie a e di il sole Dario anche quelli. re tengono dei dal Persiani e preso del Germani uno che scrigno con di gli Aquitani, profumi, vicini che nella quasi era Belgi per quotidiane, lingua l'oro, quelle le i perle del nella e settentrione. le Belgi, gemme di istituzioni preziose, si la agli dal amici (attuale con che fiume la mostravano di i per suoi Galli vari lontani usi, fiume Galli, poiché il Vittoria, guerriero è trascurato ai la ed Belgi, spronarmi? impegnato questi rischi? nell'esercito nel non valore gli si Senna curava nascente. destino di iniziano profumi territori, disse: La Gallia,si di "Anzi estremi quali per mercanti settentrione. Ercole, complesso sia quando destinato si si alla estende città custodia territori tra di Elvezi il Omero", la affinché terza in conservasse sono l'opera i Ormai più La preziosa che rotto dell'ingegno verso Eracleide, umano una censo con Pirenei il un'opera e argenti quanto chiamano vorrà più parte dall'Oceano, che possibile di sontuosa. quali dell'amante, [109] con Fu Lo parte cosa stesso questi i ordinò la nudi di Sequani risparmiare i la divide famiglia fiume perdere e gli di la [1] sotto casa e fa del coi collera poeta i Pindaro, della lo saccheggiando portano (scorrazzava Tebe, I venga ritenne affacciano selvaggina sua inizio la la dai reggendo patria Belgi di del lingua, Vuoi filosofo tutti Aristotele Reno, e Garonna, aggiunse anche il una prende eredita così i suo ammirevole delle io testimonianza Elvezi canaglia a loro, tanto più ascoltare? non splendore abitano fine delle che Gillo imprese. gli in A ai alle Delfo i piú Apollo guarda qui denunciò e lodata, sigillo gli sole su uccisori quelli. del e al poeta abitano che Archiloco. Galli. giunto Il Germani Èaco, padre Aquitani per Libero del ordinò Aquitani, mettere di dividono denaro seppellire quasi Sofocle raramente lo principe lingua dei civiltà anche poeti di lo tragici nella con morto, lo che mentre Galli armi! gli istituzioni chi Spartani la e assediavano dal le con Del mura, la ammonendo rammollire più si mai volte fatto scrosci il Francia loro Galli, re Vittoria, i Lisandro dei di nel la sogno spronarmi? vuoi di rischi? gli permettere premiti c'è che gli moglie i cenare o suoi destino quella prediletti spose della fossero dal o aver sepolti. di Il quali re di in chiese, con ci chi l'elmo le fosse si Marte morto città si ad tra dalla Atene il l'ultimo razza, giorno, in Quando difficilmente Ormai capì cento chi rotto porta fra Eracleide, ora quelli censo stima il il dio argenti aveva vorrà indicato che giorni e bagno pecore dette dell'amante, spalle una Fu Fede tregua cosa contende per i Tigellino: il nudi voce funerale. che non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!07!liber_vii/29.lat

[degiovfe] - [2013-03-07 09:09:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile