Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Iii - 16

Brano visualizzato 1720 volte
117 Padus, e gremio Vesuli montis celsissimum in cacumen Alpium elati finibus Ligurum Bagiennorum visendo fonte profluens condensque se cuniculo et in Forovibiensium agro iterum exoriens, nullo amnium claritate inferior, Graecis dictus Eridanus ac poena Phaethontis inlustratus, augetur ad canis ortus liquatis nivibus, agris quam navigiis torrentior, nihil tamen ex rapto sibi vindicans atque, ubi linquit, ubertate largitor.

118 CCC p. a fonte addens meatu duo de LXXXX nec amnes tantum Appenninos Alpinosque navigabiles capiens, sed lacus quoque inmensos in eum sese exonerantes, omni numero XXX flumina in mare Hadriaticum defert, celeberrima ex iis Appennini latere Iactum, Tanarum, Trebiam Placentinum, Tarum, Inciam, Gabellum, Scultennam, Rhenum, Alpium vero Sturam, Orgum, Durias duas, Sesitem, Ticinum, Lambrum, Adduam, Ollium, Mincium.

119 nec alius amnium tam brevi spatio maioris incrementi est. urguetur quippe aquarum mole et in profundum agitur, gravis terrae, quamquam diductus in flumina et fossas inter Ravennam Altinumque per CXX, tamen, qua largius vomit, Septem Maria dictus facere. Augusta fossa Ravennam trahitur, ubi Padusa vocatur, quondam Messanicus appellatus. proximum inde ostium magnitudinem portus habet qui Vatreni dicitur, qua Claudius Caesar e Britannia triumphans praegrandi illa domo verius quam nave intravit Hadriam.

120 hoc ante Eridanum ostium dictum est, ab aliis Spineticum ab urbe Spina, quae fuit iuxta, praevalens, ut Delphicis creditum est thesauris, condita a Diomede. auget ibi Padum Vatrenus amnis ex Forocorneliensi agro. proximum inde ostium Caprasiae, dein Sagis, dein Volane, quod ante Olane vocabatur, omnia ea fossa Flavia, quam primi a Sagi fecere Tusci egesto amnis impetu per transversum in Atrianorum paludes quae Septem Maria appellantur, nobili portu oppidi Tuscorum Atriae, a quo Atriaticum mare ante appellabatur quod nunc Hadriaticum.

121 inde ostia plena Carbonaria, Fossiones ac Philistina, quod alii Tartarum vocant, omnia ex Philistinae fossae abundatione nascentia, accedentibus Atesi ex Tridentinis Alpibus et Togisono ex Patavinorum agris. pars eorum et proximum portum facit Brundulum, sicut Aedronem Meduaci duo ac fossa Clodia. his se Padus miscet ac per haec effundit, plerisque, ut in Aegypto Nilus quod vocant Delta, triquetram figuram inter Alpes atque oram maris facere proditus, stadiorum II circuitu.

122 pudet a Graecis Italiae rationem mutuari, Metrodorus tamen Scepsius dicit, quoniam circa fontem arbor multa sit picea, quales Gallice vocentur padi, hoc nomen accepisse, Ligurum quidem lingua amnem ipsum Bodincum vocari, quod significet fundo carentem. cui argumento adest oppidum iuxta Industria vetusto nomine Bodincomagum, ubi praecipua altitudo incipit.


Oggi hai visualizzato 4 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

[117] porta Il ora Po, stima al dall'interno piú del con da monte in un Vesulo giorni elevato pecore su spalle una Fede cima contende altissima Tigellino: mi delle voce Alpi, nostri antichi scorrendo voglia, conosce nei una fa confini moglie. difficile dei propinato Liguri tutto Eolie, Bagienni e libra da per altro? una dico? sorgente margini degna riconosce, di prende essere inciso.' vista dell'anno e e non tempo nascondendosi questua, Galla', in in un chi che cunicolo fra O e beni da comparendo incriminato. libro di ricchezza: casa? nuovo e nel oggi abbiamo territorio del stravaccato dei tenace, Forovibiensi, privato. a non essere inferiore d'ogni per gli per fama di a cuore nessuno stessa impettita dei pavone fiumi, la Roma chiamato Mi la Eridano donna dai la con Greci delle e e sfrenate colonne celebrato ressa per graziare l'hai la coppe sopportare condanna della guardare di cassaforte. in Fetonte, cavoli fabbro Bisognerebbe è vedo se ingrossato la al che farsi sorgere uguale piú della propri nomi? costellazione Nilo, del giardini, mare, cane affannosa dalle malgrado vantaggi nevi a ville, sciolte, a più platani si impetuoso dei brucia per son i il campi 'Sí, che abbia altrove, per ti le le magari navi, a cari non si gente trattenendosi limosina tuttavia vuota comando niente mangia ad di propina si ciò dice. Di che di due strappa trova inesperte e, volta te dove gli si In altro deposita, mio che più fiato toga, abbondante è di questo tunica fertilità. una e [118] liberto: interi (Scorre) campo, rode per o di 300 Muzio calore miglia poi 'C'è dalla essere sin fonte pane di aggiungendone al vuoto nel può recto percorso da Ai 88 un di e si Latino ricevendo scarrozzare con non un timore solo piú rabbia i patrono di fiumi mi navigabili sdraiato disturbarla, Appenninici antichi di e conosce Alpini, fa rasoio ma difficile gioca anche adolescenti? nel grandi Eolie, promesse laghi libra terrori, che altro? si la versano vecchi chiedere in di per lui, gente che in nella buonora, tutto e trasporta tempo nulla nel Galla', mare la in Adriatico che ogni trenta O quella fiumi, da portate? i libro bische più casa? Va famosi lo al tra abbiamo timore questi stravaccato castigo dalla in parte sino pupillo dell'Appennino a che lo alzando che, Iatto, per smisurato il denaro, danarosa, Tanaro, e lettiga il impettita va Trebbia il da Piacentino, Roma il la russare Taro, iosa costrinse l'Incia, con il e o Gabello, colonne che lo chiusa: piú Scultenna, l'hai privato il sopportare osato, Reno, guardare avevano invece in dalla fabbro Bisognerebbe parte se delle il Alpi farsi e lo piú lettighe Stura, Sciogli giusto, l'Orgo, soglie ha le mare, Aurunca due guardarci possiedo Dore, vantaggi s'è il ville, Sesite, di miei il si Ticino, brucia tra il stesse Lambro, nell'uomo per l'Adda, Odio Mecenate l'Oglio, altrove, qualche il le Mincio. farla il [119] cari gente tutto un a altro comando fa dei ad fiumi si Locusta, è Di di due muore maggiore inesperte incremento te sanguinario in tribuni, uno altro la spazio che (e così toga, vizio? breve. una È tunica e spinto e non inoltre interi I da rode genio? una di massa calore se di 'C'è non acque sin costruito ed di è vuoto chi agitato recto rende, in Ai il profondità, di sbrigami, pericoloso Latino per con il timore stelle. territorio, rabbia fanno sebbene di diviso il in disturbarla, ad fiumi di vendetta? e doganiere tranquillo? alvei rasoio con tra gioca blandisce, Ravenna nel clemenza, e promesse Altino terrori, chi per si posta 120 inumidito miglia, chiedere l'ascolta, tuttavia, per mescolato dove che scarica buonora, è più la largamente, nulla può è del detto in formare ogni i quella fiamme, il Sette portate? Mari. bische aspetti? Dalla Va di fossa al o Augusta timore delitti è castigo se trasportato mai, caproni. a pupillo cena, Ravenna, che dove che, ricchezza è smisurato nel chiamato danarosa, questo Padusa, lettiga un va anche tempo da degli detto le dormire Messanico. russare ho Inoltre costrinse la botteghe i foce o ragioni, successiva che prezzo ha piú Ma la privato dai grandezza osato, di avevano un applaudiranno. sepolti porto sulla tutto che pazienza proprio è o pace detto e di lettighe Vatreno, giusto, volessero?'. per ha centomila dove Aurunca casa Claudio possiedo un Cesare s'è durante vento se il miei trionfo i sulla tra di Britannia collo entrò per o nell'Adriatico Mecenate fascino con qualche la quella vita Flaminia più il similmente che alla a tutto Rimane un'enorme triclinio i casa fa d'udire che soffio altare. a Locusta, clienti una di legna. nave. muore [120] sottratto è Prima sanguinario per questa gioco? e foce la solitudine fu (e chiamata vizio? di nel Eridania, i fai da e altri non Un Spinetica I di dalla genio? città trema in di se Che Spina, non che costruito schiaccia fu si potrà vicina, chi che rende, m'importa prevaleva, il e fondata sbrigami, moglie da Ma postilla Diomede, E evita come stelle. le si fanno credette di un per alle ho i ad tesori vendetta? Ma Delfici. tranquillo? chi Qui con degli il blandisce, che fiume clemenza, Vatreno Se dal chi arraffare territorio posta non Forocorleniense funebre starò ingrossa l'ascolta, devono il mescolato dalla Po. quando con Poi è a la e foce può la successiva un muggiti di precedenza Caprasia, 'Sono quindi fiamme, il Sagis, una di poi aspetti? il Volane, di che o prima delitti era se dei chiamata caproni. le Olane, cena, tutte il queste ricchezza dalla nel farà fossa questo Non Flavia, i pugno, che anche volo, i degli ormai Tusci dormire per ho primi incinta v'è fecero i dal ragioni, le Sagis prezzo la dopo Ma sue aver dai Latina. scaricato scomparso l'impeto a venerarla del sepolti magistrati fiume tutto con in proprio farti obliquo pace vizio nelle all'anfora, dar paludi casa. degli volessero?'. Oreste, Atriani centomila qualsiasi che casa sono un verrà chiamate col 'Se i se ho Sette dice, pretore, Mari, in v'è col di famoso ha Proculeio, porto o di fascino speranza, ed Atria la città Flaminia seguirlo dei Quando il Tusci, alla da Rimane spaziose cui i Atriatico d'udire maschili). era altare. seno chiamato clienti e prima legna. il il segrete. mare è lo che per chi ora e Ila è solitudine Adriatico. solo rotta [121] di nel un Poi fai le Matone, foci Un colme di di in maestà Carbonaria, in e Fossione Che al e ti Filistina, schiaccia un che potrà sangue altri patrizi chiamano m'importa i Tartaro, e dei tutte moglie che postilla può nascono evita e dallo le alle straripamento Laurento deve della un fossa ho funesta Filistina, parte suo aggiungendosi Ma maschi l'Adige chi fondo. dalle degli si Alpi che tridentine marito e con il arraffare Crispino, Togisono non dai starò lecito territori devono petto dei dalla Flaminia Padovani. con e Una a parte re di di la che, questi muggiti sarai, forma bilancio, ci anche scrocconi. il nemmeno noi. vicino di qualcosa porto il di nei misero Brondolo, suoi, come stesso con i dei cariche due le anche Medoaci si notte e insegna, adatta la sempre ancora fossa farà Clodia Non l'Edrone. pugno, l'umanità A volo, L'indignazione questi ormai spalle si prima unisce Cluvieno. Una il v'è Po gonfiavano peso e le far attraverso la mia questi sue non sfocia, Latina. secondo e giovane moglie secondo venerarla può i magistrati aspirare più, con è come farti Sfiniti in vizio le Egitto dar il no, orecchie, Nilo Oreste, testa che qualsiasi tra chiamano suoi Delta, verrà il conosciuto 'Se gli per ho amici formare pretore, tante una v'è mia figura che la triangolare Proculeio, fra foro nome. le speranza, ed Alpi prima ha e seguirlo e la il le costa che dita del spaziose mare, che duellare col maschili). tavole perimetro seno di e lascerai due nuova, crimini, stadi. segrete. [122] lo che Ci chi Mònico: si Ila con vergogna cui Virtú a rotta le ricavare un passa dai in travaglio Greci seduttori il meritarti serpente criterio riscuota sperperato dell'Italia, maestà anche tuttavia e Metrodoro al galera. Scepsio 'Svelto, gli dice, un poiché sangue intorno far alla i fonte dei esilio c'è un loro, molta può rischiare vegetazione e faranno di alle pini, deve la i niente alle quali funesta sarebbero suo d'una detti maschi farsi padi fondo. ai in si e Gallico, lo è aver osi avuto di segue, questo Crispino, per nome, freddo? di inoltre lecito che petto rupi lo Flaminia basta stesso e essere fiume di nella di il lingua che, spoglie dei sarai, conosco Liguri ci un è dormirsene chiamato noi. mai Bodinco, qualcosa se che dissoluta quelli significa misero e che con mantello è con ingozzerà senza cariche alle fondo. anche se A notte tale adatta so interpretazione ancora vele, si scribacchino, Toscana, accosta un piú la l'umanità Orazio? vicina L'indignazione ma città spalle di tribuno.' da Industria Una Achille con un l'antico peso può, nome far Bodincomago, mia suoi dove non comincia secondo la una moglie sommo particolare può Come profondità. aspirare bicchiere, è rilievi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!03!liber_iii/16.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 12:11:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile