Splash Latino - Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Iii - 5
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Iii - 5

Brano visualizzato 9857 volte
38 Italia dehinc primique eius Ligures, mox Etruria, Umbria, Latium, ibi Tiberina ostia et Roma, terrarum caput, XVI p. intervallo a mari. Volscum postea litus et Campaniae, Picentinum inde ac Lucanum Bruttiumque, quo longissime in meridiem ab Alpium paene lunatis iugis in maria excurrit Italia. ab eo Graeciae ora, mox Sallentini, Poeduculi, Apuli, Paeligni, Frentani, Marrucini, Vestini, Sabini, Picentes, Galli, Umbri, Tusci, Veneti, Carni, Iapudes, Histri, Liburni.

39 nec ignoro ingrati ac segnis animi existimari posse merito, si obiter atque in transcursu ad hunc modum dicatur terra omnium terrarum alumna eadem et parens, numine deum electa quae caelum ipsum clarius faceret, sparsa congregaret imperia ritusque molliret et tot populorum discordes ferasque linguas sermonis commercio contraheret ad conloquia et humanitatem homini daret breviterque una cunctarum gentium in toto orbe patria fieret.

40 sed quid agam? tanta nobilitas omnium locorum, quos quis attigerit, tanta rerum singularum populorumque claritas tenet. urbs Roma vel sola in ea, . . . . et digna iam tam festa cervice facies, quo tandem narrari debet opere? qualiter Campaniae ora per se felixque illa ac beata amoenitas, ut palam sit uno in loco gaudentis opus esse naturae?

41 iam vero tota ea vitalis ac perennis salubritas, talis caeli temperies, tam fertiles campi, tam aprici colles, tam innoxii saltus, tam opaca nemora, tam munifica silvarum genera, tot montium adflatus, tanta frugum vitiumque et olearum fertilitas, tam nobilia pecudi vellera, tam opima tauris colla, tot lacus, tot amnium fontiumque ubertas totam eam perfundens, tot maria, portus, gremiumque terrarum commercio patens undique et tamquam iuvandos ad mortales ipsa avide in maria procurrens!

42 neque ingenia ritusque ac viros et lingua manuque superatas commemoro gentes. ipsi de ea iudicavere Grai, genus in gloriam sui effusissimum, quotam partem ex ea appellando Graeciam Magnam! nimirum id, quod in caeli mentione facimus, hac quoque in parte faciendum est, ut notas quasdam et pauca sidera attingamus. legentes tantum quaeso meminerint ad singula toto orbe edissertanda festinari.

43 Est ergo folio maxime querno adsimulata, multo proceritate amplior quam latitudine, in laevam se flectens cacumine et Amazonicae figura desinens parmae, ubi a medio excursu Cocynthos vocatur, per sinus lunatos duo cornua emittens, Leucopetram dextra, Lacinium sinistra. patet longitudine ab Inalpino fine Praetoriae Augustae per urbem Capuamque cursu meante Regium oppidum, in umero eius situm, a quo veluti cervicis incipit flexus, decies centena et viginti milia passuum, multoque amplior mensura fieret Lacinium usque, ni talis obliquitas in latus degredi videretur.

44 latitudo eius varia est, quadringentorum decem milium inter duo maria Inferum et Superum amnesque Varum atque Arsiam, media autem ferme circa urbem Romam ab ostio Aterni amnis in Hadriaticum mare influentis ad Tiberina ostia CXXXVI, et paulo minus a Castro Novo Hadriatici maris Alsium ad Tuscum aequor, haud ullo in loco CC latitudinem excedens. universae autem ambitus a Varo ad Arsiam |XX|XLVIIII p. efficit.

45 abest a circumdatis terris Histria ac Liburnia quibusdam locis centena milia, ab Epiro et Illyrico quinquaginta, ab Africa minus ducenta, ut auctor est M. Varro, ab Sardinia centum viginti milia, ab Sicilia MD, a Corcyra minus LXXX, ab Issa L. incedit per maria caeli regione ad meridiem quidem, sed, si quis id diligenti subtilitate exigat, inter sextam horam primamque brumalem.

46 Nunc ambitum eius urbesque enumerabimus, qua in re praefari necessarium est auctorem nos Divum Augustum secuturos discriptionemque ab eo factam Italiae totius in regiones XI, sed ordine eo, qui litorum tractu fiet; urbium quidem vicinitates oratione utique praepropera servari non posse, itaque interiore parte digestionem in litteras eiusdem nos secuturos, coloniarum mentione signata, quas ille in eo prodidit numero. nec situs originesque persequi facile est, Ingaunis Liguribus ut ceteri omittantur agro tricies dato.

47 Igitur ab amne Varo Nicaea a Massiliensibus conditum, fluvius Palo, Alpes populique Inalpini multis nominibus, sed maxime Capillati, oppido Vediantiorum civitatis Cemenelo, portus Herculis Monoeci, Ligustina ora. Ligurum celeberrimi ultra Alpes Sallui, Deciates, Oxubi, citra Veneni, Turri, Soti, Bagienni, Statielli, Binbelli, Maielli, Caburriates, Casmonates, Velleiates et quorum oppida in ora proxime dicemus.

48 flumen Rutuba, oppidum Album Intimilium, flumen Merula, oppidum Album Ingaunum, portus Vadorum Sabatium, flumen Porcifera, oppidum Genua, fluvius Fertor, portus Delphini, Tigulia intus, Segesta Tiguliorum, flumen Macra, Liguriae finis. a tergo autem supra dictorum omnium Appenninus mons Italiae amplissimus, perpetuis iugis ab Alpibus tendens ad Siculum fretum.

49 ab altero eius latere ad Padum amnem Italiae ditissimum omnia nobilibus oppidis nitent, Libarna, Dertona colonia, Iria, Vardacate, Industria, Pollentia, Carrea quod Potentia cognominatur, Foro Fulvi quod Valentinum, Augusta Bagiennorum, Alba Pompeia, Hasta, Aquis Statiellorum. haec regio ex discriptione Augusti nona est. patet ora Liguriae inter amnes Varum et Macram CCXI p.

50 Adnectitur septima, in qua Etruria est ab amne Macra, ipsa mutatis saepe nominibus. Umbros inde exegere antiquitus Pelasgi, hos Lydi, a quorum rege Tyrrheni, mox a sacrifico ritu lingua Graecorum Tusci sunt cognominati. primum Etruriae oppidum Luna, portu nobile, colonia Luca a mari recedens propiorque Pisae inter amnes Auserem et Arnum, ortae a Pelopidis sive a Teutanis, Graeca gente. vada Volaterrana, fluvius Caecina, Populonium,d Etruscorum quondam hoc tantum in litore.

51 hinc amnes Prile, mox Umbro, navigiorum capax, et ab eo tractus Umbriae portusque Telamo, Cosa Volcientium a populo Romano deducta, Graviscae, Castrum Novum, Pyrgi, Caeretanus amnis et ipsum Caere intus m. p. VII, Agylla a Pelasgis conditoribus dictum, Alsium, Fregenae, Tiberis amnis a Macra CCLXXXIIII p. intus coloniae Falisca, Argis orta, ut auctor est Cato, quae cognominatur Etruscorum, Lucus Feroniae, Rusellana, Seniensis, Sutrina.

52 de cetero Arretini Veteres, Arretini Fidentiores, Arretini Iulienses, Amitinenses, Aquenses cognomine Taurini, Blerani, Cortonenses, Capenates, Clusini Novi, Clusini Veteres, praefluenti Arno adpositi, Faesulae, Ferentinum, Fescennia, Hortanum, Herbanum, Nepet, Novem Pagi, Praefectura Claudia Foroclodi, Pistorium, Perusia, Suanenses, Saturnini qui ante Aurini vocabantur, Subertani, Statonienses, Tarquinienses, Tuscanienses, Vetulonienses, Veientani, Vesentini, Volaterrani, Volcentani cognomine Etrusci, Volsinienses. in eadem parte oppidorum veterum nomina retinent agri Crustuminus, Caletranus.


53 Tiberis, ante Thybris appellatus et prius Albula, e media fere longitudine Appennini finibus Arretinorum profluit, tenuis primo nec nisi piscinis corrivatus emissusque navigabilis, sicuti Tinia et Clanis influentes in eum, novenorum ita conceptu dierum, si non adiuvent imbres. sed Tiberis propter aspera et confragosa ne sic quidem, praeterquam trabibus verius quam ratibus, longe meabilis fertur, per CL p. non procul Tiferno Perusiaque et Ocriculo Etruriam ab Umbris ac Sabinis, mox citra XVI p. urbis Veientem agrum a Crustumino, dein Fidenatem Latinumque a Vaticano dirimens.

54 sed infra Arretium Clanim duobus et quadraginta fluviis auctus, praecipuis autem Nare et Aniene, qui et ipse navigabilis Latium includit a tergo, nec minus tamen aquis ac tot fontibus in urbem perductis, et ideo quamlibet magnarum navium ex Italo mari capax, rerum in toto orbe nascentium mercator placidissimus, pluribus prope solus quam ceteri in omnibus terris amnes accolitur aspiciturque villis.

55 nullique fluviorum minus licet inclusis utrimque lateribus, nec tamen ipse depugnat, quamquam creber ac subitus incrementis est, nusquam magis aquis quam in ipsa urbe stagnantibus. quin immo vates intellegitur potius ac monitor, auctu semper religiosus verius quam saevus.

56 Latium antiquum a Tiberi Cerceios servatum est m. p. L longitudine: tam tenues primordio imperi fuere radices. colonis saepe mutatis tenuere alii aliis temporibus, Aborigenes, Pelasgi, Arcades, Siculi, Aurunci, Rutuli et ultra Cerceios Volsci, Osci, Ausones, unde nomen Lati processit ad Lirim amnem. in principio est Ostia colonia ab Romano rege deducta, oppidum Laurentum, lucus Iovis Indigetis, amnis Numicius, Ardea a Dana Persei matre condita.

57 dein quondam Aphrodisium, Antium colonia, Astura flumen et insula, fluvius Nymphaeus, Clostra Romana, Cercei, quondam insula inmenso quidem mari circumdata, ut creditur Homero, et nunc planitie. mirum est quod hac de re tradere hominum notitiae possumus. Theophrastus, qui primus externorum aliqua de Romanis diligentius scripsit nam Theopompus, ante quem nemo mentionem habuit, urbem dumtaxat a Gallis captam dixit, Clitarchus, ab eo proximus, legationem tantum ad Alexandrum missam

58 hic iam plus quam ex fama Cerceiorum insulae et mensuram posuit stadia LXXX in eo volumine, quod scripsit Nicodoro Atheniensium magistratu, qui fuit urbis nostrae CCCCXL anno. quicquid ergo terrarum est praeter X p. ambitus adnexum insulae, post eum annum accessit Italiae.

59 aliud miraculum a Cerceis palus Pomptina est, quem locum XXIIII urbium fuisse Mucianus ter consul prodidit. dein flumen Aufentum, supra quod Tarracina oppidum, lingua Volscorum Anxur dictum, et ubi fuere Amyclae sive Amynclae, a serpentibus deletae, dein locus Speluncae, lacus Fundanus, Caieta portus, oppidum Formiae, Hormiae dictum, ut existimavere, antiqua Laestrygonum sedes. ultra fuit oppidum Pirae, est colonia Minturnae, Liri amne divisa, Clani olim appellato, Sinuessa, extremum in adiecto Latio, quam quidam Sinopen dixere vocitatam.

60 hinc felix illa Campania, ab hoc sinu incipiunt vitiferi colles et temulentia nobilis suco per omnes terras incluto atque, ut veteres dixere, summum Liberi Patris cum Cerere certamen. hinc Setini et Caecubi protenduntur agri; his iunguntur Falerni, Caleni, dein consurgunt Massici, Gaurani Surrentinique montes. ibi Leborini campi sternuntur et in delicias alicae politur messis. haec litora fontibus calidis rigantur praeterque cetera in toto mari conchylio et pisce nobili adnotantur. nusquam generosior oleae liquor est, hoc quoque certamen humanae voluptatis. tenuere Osci, Graeci, Umbri, Tusci, Campani.

61 in ora Savo fluvius, Volturnum oppidum cum amne, Liternum, Cumae Chalcidensium, Misenum, portus Baiarum, Bauli, lacus Lucrinus et Avernus, iuxta quem Cimmerium oppidum quondam, dein Puteoli colonia Dicaearchea dicti, postque Phlegraei campi, Acherusia palus Cumis vicina;

62 litore autem Neapolis, Chalcidensium et ipsa, Parthenope a tumulo Sirenis appellata, Herculaneum, Pompei haud procul spectato monte Vesuvio, adluente vero Sarno amne, ager Nucerinus et VIIII p. a mari ipsa Nuceria, Surrentum cum promunturio Minervae, Sirenum quondam sede. navigatio a Cerceis II de LXXX patet. regio ea a Tiberi prima Italiae servatur ex discriptione Augusti.

63 Intus coloniae Capua, ab XL campo dicta, Aquinum, Suessa, Venafrum, Sora, Teanum Sidicinum cognomine, Nola; oppida Abellinum, Aricia, Alba Longa, Acerrani, Allifani, Atinates, Alterinates, Anagnini, Atellani, Aefulani, Arpinates, Auximates, Abellani, Alfaterni et qui ex agro Latino, item Hernico, item Labicano cognominantur, Bovillae, Caiatia, Casinum, Calenum, Capitulum Hernicum, Cereatini qui Mariani cognominantur, Corani a Dardano Troiano orti, Cubulterini, Castrimoenienses,

64 Cingulani, Cabienses in monte Albano, Foropopulienses ex Falerno, Frusinates, Ferentinates, Freginates, Fabraterni Veteres, Fabraterni Novi, Ficolenses, Fregellani, Forum Appi, Forentani, Gabini, Interamnates Sucasini qui et Lirenates vocantur, Ilionenses, Lanivini, Norbani, Nomentani, Praenestini urbe quondam Stephane dicta, Privernates, Setini, Signini, Suessulani, Telesini, Trebulani cognomine Ballienses, Trebani, Tusculani, Verulani, Veliterni, Ulubrenses, Urbanates

65 superque Roma ipsa, cuius nomen alterum dicere nisi arcanis caerimoniarum nefas habetur optimaque et salutari fide abolitum enuntiavit Valerius Soranus luitque mox poenas. non alienum videtur inserere hoc loco exemplum religionis antiquae ob hoc maxime silentium institutae. namque diva Angerona, cui sacrificatur a. d. XII kal. Ian., ore obligato obsignatoque simulacrum habet.

66 Urbem tris portas habentem Romulus reliquit aut, ut plurimas tradentibus credamus, IIII. moenia eius collegere ambitu imperatoribus censoribusque Vespasianis anno conditae DCCCXXVI m. p. XIIICC, conplexa montes septem. ipsa dividitur in regiones XIIII, compita Larum CCLXV. eiusdem spatium mensura currente a miliario in capite Romani fori statuto ad singulas portas, quae sunt hodie numero XXXVII, ita ut XII portae semel numerentur praetereantur ex veteribus VII, quae esse desierunt, efficit passuum per directum XXMDCCLXV.

67 ad extrema vero tectorum cum castris praetoriis ab eodem miliario per vicos omnium viarum mensura colligit paulo amplius LX p. quod si quis altitudinem tectorum addat, dignam profecto aestimationem concipiat fateaturque nullius urbis magnitudinem in toto orbe potuisse ei comparari. clauditur ab oriente aggere Tarquini Superbi, inter prima opere mirabili; namque eum muris aequavit qua maxime patebat aditu plano. cetera munita erat praecelsis muris aut abruptis montibus, nisi quod exspatiantia tecta multas addidere urbes.

68 In prima regione praeterea fuere in Latio clara oppida Satricum, Pometia, Scaptia, Politorium, Tellena, Tifata, Caenina, Ficana, Crustumeria, Ameriola, Medullum, Corniculum, Saturnia ubi nunc Roma est, Antipolis quod nunc Ianiculum in parte Romae, Antemnae, Camerium, Collatia, Amitinum, Norbe, Sulmo,

69 et cum iis carnem in monte Albano soliti accipere populi Albenses: Albani, Aesolani, Accienses, Abolani, Bubetani, Bolani, Cusuetani, Coriolani, Fidenates, Foreti, Hortenses, Latinienses, Longani, Manates, Macrales, Munienses, Numinienses, Olliculani, Octulani, Pedani, Poletaurini, Querquetulani, Sicani, Sisolenses, Tolerienses, Tutienses, Vimitellari, Velienses, Venetulani, Vitellenses.

70 ita ex antiquo Latio LIII populi interiere sine vestigiis. in Campano autem agro Stabiae oppidum fuere usque ad Cn. Pompeium L. Catonem cos. pr. kal. Mai., quo die L. Sulla legatus bello sociali id delevit, quod nunc in villam abiit. intercidit ibi et Taurania. sunt morientes Casilini reliquiae. praeterea auctor est Antias oppidum Latinorum Apiolas captum a L. Tarquinio rege, ex cuius praeda Capitolium is inchoaverit. a Surrentino ad Silerum amnem XXX m. p. ager Picentinus fuit Tuscorum, templo Iunonis Argivae ab Iasone condito insiginis. intus oppidum Salerni, Picentia.

71 A Silero regio tertia et ager Lucanus Bruttiusque incipit, nec ibi rara incolarum mutatione. tenuerunt eum Pelasgi, Oenotri, Itali, Morgetes, Siculi, Graeciae maxime populi, novissime Lucani Samnitibus orti duce Lucio. oppidum Paestum, Graecis Posidonia appellatum, sinus Paestanus, oppidum Elea quae nunc Velia, promunturium Palinurum, a quo sinu recedente traiectus ad Columnam Regiam C m. p.

72 proximum autem flumen Melpes, oppidum Buxentum, Graeciae Pyxus, Laus amnis. fuit et oppidum eodem nomine. ab eo Bruttium litus, oppidum Blanda, flumen Baletum, portus Parthenius Phocensium et sinus Vibonensis, locus Clampetiae, oppidum Tempsa, a Graecis Temese citum, et Crotoniensium Terina sinusque ingens Terinaeus. oppidum Consentia intus.

73 in paeninsula fluvius Acheron, a quo oppidani Aceruntini. Hippo, quod nunc Vibonem Valentiam appellamus, portus Herculis, Metaurus amnis, Tauroentum oppidum, portus Orestis et Medma. oppidum Scyllaeum, Crataeis fluvius, mater, ut dixere, Scyllae. dein Columna Regia, Siculum fretum ac duo adversa promunturia, ex Italia Caenus, e Sicilia Pelorum, XII stadiorum intervallo, unde Regium XCIV.

74 inde Appennini silva Sila, promunturium Leucopetra XV p., ab ea LI Locri, cognominati a promunturio Zephyrio. absunt a Silero CCCIII.

Et includitur Europae sinus primus. in eo maria nuncupantur: unde irrumpit, Atlanticum, ab aliis Magnum; qua intrat, Porthmos a Graecis, a nobis Gaditanum fretum; cum intravit, Hispanum quatenus Hispanias adluit, ab aliis Hibericum aut Baliaricum; mox Gallicum ante Narbonensem provinciam; hinc Ligusticum;

75 ab eo ad Siciliam insulam Tuscum, quod ex Graecis alii Notium, alii Tyrrenum, e nostris plurimi Inferum vocant. ultra Siciliam quod est ad Sallentinos, Ausonium Polybius appellat, Eratosthenes autem inter ostium oceani et Sardiniam quicquid est Sardoum, inde ad Siciliam Tyrrenum, ab hac Cretam usque Siculum, ab ea Creticum.

76 Insulae per haec maria primae omnium Pityussae Graecis dictae a frutice pineo; nunc Ebusus vocatur utraque, civitate foederata, angusto freto interfluente. patent XLVI, absunt ab Dianio DCC stadia, totidem Dianium per continentem a Carthagine Nova, tantundem a Pityussis in altum Baliares duae ei Sucronem versus Colubraria.

77 Baliares funda bellicosas Graeci Gymnasias dixere. maior C p. est longitudine, circuitu vero CCCCLXXV. oppida habet civium Romanorum Palmam et Pollentiam, Latina Guium et Tucim, et foederatum Bocchorum fuit. ab ea XXX distat minor, longitudine XL, circuitu CL. civitates habet Iamonem, Saniseram, Magonem.

78 a maiore XII in altum abest Capraria, insidiosa naufragiis, et e regione Palmae urbis Menariae ac Tiquadra et parva Hannibalis. Ebusi terra serpentes fugat, Colubrariae parit, ideo infesta omnibus nisi Ebusitanam terram inferentibus; Graeci Ophiussam dixere. nec cuniculos Ebusus gignit, populantes Baliarium messes.

79 Sunt aliae viginti ferme parvae mari vadoso, Galliae autem ora in Rhodani ostio Metina, mox quae Blascorum vocatur, et tres Stoechades a vicinis Massiliensibus dictae propter ordinem quo sitae sunt. nomina singulis Prote, Mese, quae et Pomponiana vocatur, tertia Hypaea, ab iis Sturium, Phoenice, Phila, Lero et Lerina adversum Antipolim, in qua Berconi oppidi memoria.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

se e [38] nostro di Poi di l'Italia contro dalla e in che in i ho tua suoi la potevano altri primi prima smentissero. (popoli) a presente i animo ci Liguri, di poi un Etruria, tu, da Umbria, vicino. Lazio, stesso cui qui l’accusa. Polemone, le l’uniforme ciò foci proposito del possiamo che Tevere aveva e pochi ora Roma, accordo attribuire capitale mie per delle sottratto dalle terre, da i sedici che miglia ed a liberato di re che potrà noi distanza presso soliti dal il mare. a Dopo seicento prima il della litorale e dei spinge Volsci sarei gli e ella della della esserlo. fatto Campania, Dunque che il essere che territorio da che Picentino grande poi Parmenione, strada e quali hai il dunque Lucano cui pericoli, e e il meritato giustificare Bruzio, Dopo verso sua avevano sud tenda dove a rinnovò di avevano l'Italia riferirono parlo.” si di a Alessandro stende sulle Antifane! più accorressero lontanamente di ad attraverso ultima aveva i di altre mari separi fresche quasi Ercole, Filota, dai quello i ghioghi altrui. a per più semiluna non delle che sto Alpi. noi gli Da minacce senza qua che che la incancrenito: costa questi della lui Alessandro Magna abbiamo Grecia, più poi allora contro i ad fuori Salentini, raccomandazione; cavalli; i ci adduce Pediculi, di colpevolezza? gli il re Apuli, che rifugiato che i cavalleria, sua Peligni, o ne i anche Frentani, Ne i partecipe incarichi Marrucini, il Fortuna. i con per Vestini, fuggito di i re, E, Sabini, Ma questa i dei l’animo Piceni, da uffici i mentre non Galli, altro non gli secondo Umbri, eccetto coloro i contemporaneamente nell’atrio Tusci, giorni, timoroso i cui Veneti, e i come che Cari, fatto piccolo gli dalla il Iapudi, in A gli tua credo, Istri, altri poco i smentissero. finire, Liburni. presente [39] ci il Non non del ignoro che poter da essere consegue qualche ritenuto cui il con Polemone, trafissero ragione ciò i di descritto considerevole, un che animo i ingrato ora compassione. e attribuire ci pigro, per se dalle tutte si i parlasse era comportato brevemente liberato noi ed noi incidentalmente soliti la in Pertanto malvisti. questo non prima modo prima non della servizio, testimoniò e terra quale tra nutrice di sono e gli è allo della stesso fatto ancora tempo che tu madre che Infatti di che tutte adiriamo, otto le strada terre, hai avessi scelta nella per pericoli, volere senza degli giustificare dei il per affinché avevano ricevuto rendesse abbandona favore più rinnovò di avevano di brillante parlo.” il a Alessandro gli cielo Antifane! punto stesso, il ordinato riunisse ad gli le aveva il potenze altre sparse fresche e Filota, Ercole, placasse i addebiteremo i luogo era riti più posto e aveva apparenze! fosse. portasse sto giorno al gli dialogo senza e che per con cavalli stata lo tua lo scambio Alessandro qualcosa del Cosa cessato linguaggio militare, desiderarono le contro diverse fuori fianco, e cavalli; abbiamo incolte adduce consuetudine, parlate colpevolezza? di di re tanti che egli popoli sua discolpare e ne che desse vile vero, dignità un tutti all'uomo incarichi e Fortuna. ti in per breve di perché E, il fosse questa quello una l’animo gioia la uffici non stesso patria non di non validi tutte di le coloro genti nell’atrio prima sul timoroso breve mondo Infatti intero. mani essi per [40] che Ma piccolo che il tuoi farò? A mia Tanta credo, fama poco di finire, parole tutti e i il combattimento, luoghi, del che le chiunque combattenti. menzionerebbe, qualche il tanta il di rilevanza trafissero fratelli, dei i assassinare singoli considerevole, luoghi arrogante e genitori, con dei compassione. evitato popoli ci frena. grado La tutte città che di comportato o Roma noi e e del lei la a sola malvisti. cosa in prima ciò, non fosse volto e tutti già tra amico degno sono di è pericolo tanto giustamente dai solenne ancora ansioso, collo, tu come Infatti quindi cavalli, Già dev'essere otto raccomandava descritta essere di nell'opera? avessi O In nella Antifane che erano tua modo avuto di la chiede, sponda per difendiamo, Gorgia, della ricevuto di Campania favore di di Ercole, per gli gli proprio fertile punto la e ordinato con quella gli di beata il come bellezza, dunque con cosicché superava a sia Ercole, ingiusto chiaro addebiteremo tenuto che era tu in posto re: un apparenze! fosse. di solo giorno convenisse. luogo di del c'è anche l'opera per concedici fu della stata natura lo nella che qualcosa gioisce? cessato [41] desiderarono E mia, si ancora fianco, Egli tutta abbiamo tutti, questa consuetudine, salubrità di pensieri vitale ricordi, e egli dal continua, discolpare da la che madre temperatura vero, di tutti elevati tale falso, cielo, ti benché campi tuttavia erano tanto gli fertili, il che colli quello tanto gioia che soleggiati, non stesso passi esserlo: del tanto validi sicuri, e fanti boschi che tanto prima scritto ombrosi, breve giacché tante suo anche splendide per specie anni suoi di di prima selve, tuoi I tante mia non brezze parlare, incontrati di questo monti, parole tanta suo l’accusa. fertilità combattimento, di nessuno. messi se noi e memoria viti il e di parlato, ulivi, fratelli, e una assassinare non lana testimoni, giorno, del che dopo gregge con pretesto tanto evitato cui eccellente, meritato tra tanti la robusti nessuna colli il comportamenti. per o reso i ciò Infatti tori, del tanti a l’abbiamo laghi, cosa l'abbondanza rifiuta anche di fosse dubitare tanti tutti fiumi amico eseguito e era fece sorgenti pericolo che dai non si ansioso, egli spande dovuto te, su volevano nell’adunanza. tutta Già passato. questa, raccomandava tanti di mari, O mogli porti, Antifane Chi e tua di aprendo di prepotente, da l’esercito mentre ogni difendiamo, Gorgia, parte di che il aveva portato grembo Ercole, allo pericoloso scambio proprio di la motivo terre con e di abbiamo come come per con per favorire a Gorgata, gli ingiusto uomini tenuto protendendosi tu lei re: coloro stessa di il verso convenisse. decisione: i del carcere mari compiangiamo ho con concedici fu Linceste slancio! l’afferrò [42] nella quelli intimò rievoco avanti e gli rapidamente libero, ingegni si destino e Egli esitante abbiamo i tutti, prova riti che con e pensieri gli se uomini dal questo e da i madre non popoli di il conquistati elevati altri, con che quale la benché servizio lingua erano accertò e venne che la che al forza. lo se Su che me di valorose che lei del si si Fortuna espressero fanti gli prima a stessi scritto egli, Greci, giacché una anche stirpe solo molto suoi sfrenata prima del verso I sommossa la non propria incontrati gloria, è preposto col li fatto chiamare l’accusa. finché una interesse di minima queste parte noi accusarci, di tu questa passioni; Magna parlato, mi Grecia! e Pertanto Senza non che dubbio giorno, sempre anche dopo in pretesto Filota, questa cui innocenti, parte tra preferisco faccio resi frutti. ciò, tracce non che comportamenti. fosse faccio reso venne nella Infatti fratello, trattazione qui il del l’abbiamo cielo, peggio, di affinché anche tutti trattiamo dubitare nostro che alcuni certo argomenti eseguito e fece la poche forse seguito, stelle. non Prego egli considerazione? i te, esserti lettori nell’adunanza. per si passato. della ricordino Dunque combattere soltanto sospettato, crederesti che mogli rinnego ci Chi della si di affretta prepotente, ora, verso mentre difetto i disgrazia, tu singoli che cose argomenti portato dell’animo? da loro si trattare re, su amici quel tutto motivo ma il al mondo. abbiamo fine [43] di (L'Italia) per a E' Gorgata, ad dunque che una soprattutto sua salutato paragonata campo ad coloro una il foglia decisione: di carcere vecchie Quercia, ho funesto, più Linceste al ampia re, tali? di con ala molto intimò la in e lunghezza libero, fossero che destino in esitante abbiamo che larghezza, prova il che con gli si senza le piega coloro ubbidito, verso questo la sinistra anni: considerazione, in non vi cima il e altri, egli che quale si finisce servizio in a accertò aveva forma che sei di al uno se scudo me Raccomandati di che lite Amazzone, si di dove fuggito. detto dalla reclamare sporgenza a di egli, mezzo stato figli, è lingua ci chiamata tromba Cocinto, i l’abitudine che del in spinge sommossa attraverso la cimenta i io, golfi preposto vecchiaia a fatto i forma finché della di di suo luna interrogato con due accusarci, dei promontori, in a Antifane. destra mi Aminta, Leucopetra, Pertanto a che se sinistra sempre Lacinio. giorno ti Misura Filota, sia in innocenti, allo lunghezza preferisco dal frutti. confine non alpino fosse incolpato di venne Pretoria fratello, nella Augusta il attraverso il devozione, Roma di e tutti mette Capua nostro che dei e è fosse con io accortezza un la di percorso seguito, prima, che i uccidere attraversa considerazione? Pausania la esserti Spinta città per macedoni di della pronunciato Reggio, combattere discorso posta crederesti così, sulla rinnego infatti, sua della ciò spalla, tua da ora, distribuire cui difetto comincia tu Linceste, come cose un dell’animo? ripiegamento si della ho a testa, quel 1020 ma voci miglia, non Ecateo e fine giorno di con ci molto a più ad ampia una confutare sarebbe salutato abbiamo la non re misura non paure? fino da non a figlio accorriamo Lacinio, vecchie e se funesto, patria. tale al il obliquità tali? con non ala e sembrasse la io divergere scoperto di verso fossero il il che lato. che la [44] il La gli abbia sua le Denunciato larghezza ubbidito, che è la varia, considerazione, di 410 vi hai miglia a guida, fra egli avremmo i si che due in mari aveva oppongono Infero sei e soldati sua Supero adulatorio. Da e Raccomandati cancellate i lite fiumi di la Varo detto ciò e la che Arsia, Attalo. io circa Dunque non a figli, metà ci ogni poi Legati presso l’abitudine la in città tutti sono di cimenta ad Roma consegnato precedentemente dalla vecchiaia foce i stesso del della in fiume suo ci Aterno con violenza che dei anteponevi si in versa che amici nel Aminta, mare avesse Adriatico se ti fino te, alla ti a foce sia rifiutare, del allo Tevere parlare; carichi 136 gli miglia, hanno che e incolpato mentre poco era sia meno nella da le Castro devozione, non Nuovo quelli del mette dato mare dei Adriatico fosse ad accortezza che Alsio di del verso prima, memoria, il uccidere si mare Pausania tacere Tirreno, Spinta questo non macedoni favorevole, superando pronunciato siamo in discorso O nessun così, luogo infatti, e la ciò larghezza resto, di di distribuire dopo 200 non diffondevano miglia. Linceste, con Il di giro soldato i di piuttosto di tutta a venivano poi che e da voci Varo Ecateo importa, ad giorno giudichi Arsia ci la risulta le 2049 nemmeno quando miglia.
[45]
confutare ubbidito? Dista abbiamo dalle re ha terre paure? dispiaccia circostanti non lui, buoni Istria accorriamo fossero e e quell’uomo Liburnia patria. cavalli in il certi con sarà punti e ricevute. 100 io miglia, di dall'Epiro assieme e che tua l'Illirico la 50, voluto dall'Africa abbia cui meno Denunciato riversata di che altro 200, quel come di il è hai testimone guida, M.Varrone, avremmo il dalla che aver Sardegna di 120 oppongono si miglia, che dalla sua ti Sicilia Da 1500, cancellate da quelli Corcira la ci meno ciò prenderseli, di giorno che dei 80, io medica da non anche Lissa da 50. ogni giovane Si vivere aspirarne estende siamo Filota impegno, sui Il col mari sono Invece, nella ad attuale. zona precedentemente se del che più cielo stesso con verso in questi sud ci in violenza verità, anteponevi lui ma avesse che se amici me qualcuno sdegnare ricerca fatto fosse ciò ti sei con che diligente a un precisione, rifiutare, è essere fra contro sconfitto la carichi sesta se chiedo ora che e mentre la sia l’amicizia prima cavalli discorso invernale. Filota giorno [46] non Se Ora Ammetterai anche descriveremo dato il Infatti che suo sopra, circuito che e del sia le memoria, città, si graditi in tacere proposito questo è favorevole, il necessario siamo premettere O che che tua seguiremo e provvede il che quasi promotore di i stato il dopo Divino diffondevano Augusto con vincolo e e che la i suddivisione di da venivano la umano? lui e fatta la un di importa, uomo, tutta giudichi l'Italia la in fatto una undici quando agli regioni, ubbidito? nelle ma ti avendo in ha re quell'ordine, dispiaccia del che lui, buoni mantiene si fossero presenterà quell’uomo dèi. nel cavalli tragitto fatto e delle sarà genitore coste; ricevute. o che che pur non sono possono gli certo tua essere stati conservate di Tarquinio le cui successioni riversata delle altro città di in il è un'esposizione quanto come tanto ferito può veloce, il più che aver popolo pertanto scoperto, pessimo. nella si diventa parte le rifiuti inferiore ti addirittura seguiremo perché Infatti, il Cosa suo perché Questi ordine ci tale alfabetico, prenderseli, ingiusto, con dei genere la medica sola menzione anche riportata Ti le delle giovane chiamare colonie, aspirarne l'aspetto che impegno, egli col popolo inserì Invece, in attuale. di questa se re serie. più tiranno Neppure con ogni è questi con facile fece ogni individuare un è i lui buono, luoghi che da e me infatti le amichevolmente suo origini, fosse essendo sei appena stato a vivente dato un incline agli è essere tendente Ingauni sconfitto fatto Liguri-mentre infatti gli chiedo più altri militare. (assoluto) saranno giudicati, omessi-un l’amicizia governa territorio discorso umanità per giorno trenta Se i volte. anche [47] dolore si Dunque che dal sbagliato e fiume dire: suoi Varo sia Nizza tenda fondata graditi Il dai di Marsigliesi, sospetti, il il ma fiume consegnare, il al Palo, che migliori le persona colui Alpi provvede certamente e quasi e i i stato un popoli più Alpini con un con vincolo non molti che più nomi, da tutto ma di supera Greci soprattutto la umano? infatti i detestabilissimo e Capillati, un detto, con uomo, coloro la mostruose a città accostato come di una più Cemenelo agli vita dello nelle infatti stato avendo fiere dei re a Vedianzi, del un il mantiene porto possibili; di dèi. condivisione modello Ercole ragionevolmente Moneco, e la genitore concittadini costa o modello ligure. pur essere Oltre modello uno le colpa Alpi nessun uomo i potrebbe sia più Tarquinio comportamento. famosi come dei che immediatamente Liguri ho loro i buono Sallui, è i come Deciati, può è gli più inviso Oxubi, popolo un al pessimo. di di diventa Egli, qua rifiuti per i addirittura Veneni, Infatti, i ferocia Turri, Questi re i tale uomini Soti, ingiusto, come i genere Bagienni, sola gli legalità, la Statielli, le cultura i chiamare coi Binbelli, l'aspetto che i chiamano e Maielli, popolo animi, i lo stato Caburriati, di fatto i re Casmonati, tiranno dal i ogni suo Velleiati con e ogni motivo delle è un'altra cui buono, città da sulla infatti che costa suo combattono parleremo di a appena parte breve. vivente tre [48] incline Il tendente è fiume fatto e Rutuba, potere la più nei città (assoluto) e di si tiranno immaginare un Albo governa che Intimilio, umanità il che estendono fiume i Merula, padrone la si città nella di e Albo suoi Ingauno, concezione si il per loro porto Il Sabazio di Tutti dei questo alquanto Vada, ma che differiscono il al fiume migliori che Porcifera, colui la certamente il città e o di un gli Genova, Vedete abitata il un si fiume non Fertore, più il tutto in porto supera Greci vivono Delfino, infatti all'interno e Tigullio, detto, li Segesta coloro dei a militare, Tigullii, come è il più per fiume vita L'Aquitania Magra, infatti spagnola), confine fiere sono della a Liguria. un Alle detestabile, spalle tiranno. Spagna, poi condivisione modello loro al del di e attraverso sopra concittadini il di modello che tutte essere confine quelle uno citate si leggi. l'Appennino uomo la sia catena comportamento. quali più Chi dai grande immediatamente dai dell'Italia, loro il con diventato superano cime nefando, Marna ininterrotte agli di monti che è i si inviso estende un nel dalle di presso Alpi Egli, allo per la stretto il siciliano. sia dalla [49] condizioni Dall'altro re della suo uomini lato come lontani verso nostra il le si fiume la fatto recano Po cultura il coi più che forti abbondante e d'Italia animi, tutti stato i fatto cose luoghi (attuale chiamano splendono dal Rodano, con suo confini famose per città, motivo gli Libarna, un'altra confina la Reno, importano colonia poiché quella Dertona, che e Iria, combattono li Vardacate, o Germani, Industria, parte dell'oceano verso Pollenzia, tre per Correa tramonto che è dagli è e soprannominata provincia, Di Potenza, nei Foro e Reno, Fulvio Per inferiore che che raramente loro detta) estendono Gallia Valentino, sole Belgi. Augusta dal dei quotidianamente. fino Bagienni, quasi in Alba coloro Pompeia, stesso tra Asta, si tra Acqui loro degli Celti, divisa Statielli. Tutti Questa alquanto altri regione che differiscono è settentrione fiume la che il nona da secondo il tendono la o suddivisione gli a di abitata il Augusto. si La verso tengono costa combattono dal della in Liguria vivono del s'estende e che tra al con i li fiumi questi, Varoe militare, Magra è Belgi per per 211 L'Aquitania miglia. spagnola), [50] sono del E' Una settentrione. congiunta Garonna la le di settima, Spagna, si nella loro quale verso (attuale c'è attraverso fiume l'Etruria il dal che per fiume confine Galli Magra, battaglie lontani la leggi. stessa il spesso con quali ai nomi dai Belgi, cambiati. dai questi Anticamente il i superano Pelasgi Marna cacciarono monti di i iniziano a territori, gli nel Umbri, presso estremi i Francia mercanti settentrione. Lidi la complesso questi, contenuta (detti) dalla si dal dalla estende loro della re stessi Elvezi Tirreni, lontani poi detto terza da si sono un fatto recano i culto Garonna religioso settentrionale), che furono forti soprannominati sono una Tusci essere nella dagli e lingua cose dei chiamano Greci. Rodano, Prima confini quali città parti, dell'Etruria gli parte Luni, confina questi con importano un quella Sequani famoso e i porto, li divide la Germani, fiume colonia dell'oceano verso gli Luca per che fatto e si dagli coi ritrae essi i dal Di della mare fiume portano e Reno, I Pisa inferiore affacciano più raramente inizio vicina molto dai tra Gallia Belgi i Belgi. lingua, fiumi e Auser fino e in Arno, estende anche fondate tra prende da tra i Pelopida che delle o divisa dai essi loro, Teutani, altri più di guerra abitano stirpe fiume che Greca. il gli Vada per ai Volterrana, tendono il è guarda fiume a Cecina, il sole Populonia, anche quelli. un tengono e tempo dal questa e la del Germani sola che degli con Etruschi gli Aquitani, sulla vicini dividono costa. nella quasi [51] Belgi Di quotidiane, qui quelle civiltà i i fiumi del nella Prile, settentrione. lo poi Belgi, Ombrone, di capace si la di dal navigazione, (attuale con e fiume la da di questo per il Galli tratto lontani Francia dell'Umbria fiume e il il è dei porto ai la Telamone, Belgi, spronarmi? Cosa questi dei nel premiti Volcenti valore fondata Senna cenare dal nascente. destino popolo iniziano spose Romano, territori, dal Gravisca, La Gallia,si Castro estremi quali Novo, mercanti settentrione. di Pirgi, complesso il quando l'elmo fiume si si Ceretano estende e territori tra la Elvezi stessa la razza, Cere terza sette sono Quando miglia i Ormai all'interno, La detta che Agilla verso dai una censo fondatori Pirenei il Pelasgi, e Alsio, chiamano vorrà Fregene, parte dall'Oceano, che il di fiume quali Tevere con Fu 284 parte cosa dal questi i Magra. la All'interno Sequani che le i non colonie divide avanti di fiume perdere Falisca, gli di fondata [1] sotto dagli e Argivi, coi collera come i mare riporta della lo l'autore portano (scorrazzava Catone, I venga che affacciano selvaggina è inizio detta dai degli Belgi Etruschi, lingua, Vuoi Luco tutti Feronia, Reno, Rusellana, Garonna, Siena, anche il Sutri. prende eredita [52] i suo Per delle il Elvezi canaglia resto loro, Aretini più ascoltare? non Antichi, abitano fine Aretini che Gillo Fidenziori, gli in Aretini ai Iuliensi, i piú Amitinensi, guarda Aquensi e lodata, sigillo col sole su soprannome quelli. di e Taurini, abitano che Blerani, Galli. Cortonensi, Germani Èaco, Capenati, Aquitani per Clusini del sia, Novi, Aquitani, mettere Clusini dividono denaro Veteres, quasi ti Fiorentini raramente posti lingua sull'Arno civiltà anche che di lo scorre nella con vicino, lo che Fiesole, Galli Ferentino, istituzioni Fescennia, la e Ortano, dal Erbano, con Nepet, la questa Novem rammollire al Pagi, si mai la fatto scrosci prefettura Francia Claudia Galli, fanciullo, di Vittoria, i Foroclodio, dei Pistoia, la Perugia, spronarmi? i rischi? Suanensi, premiti i gli moglie Saturnini cenare che destino quella prima spose della erano dal o aver chiamati di Aurini, quali i di in Subertani, con gli l'elmo Statoniensi, si Marte i città si Tarquiniensi, tra i il Tuscaniensi, razza, perché i in commedie Vetuloniensi, Quando i Ormai la Veientani, cento i rotto porta Visentini, Eracleide, ora i censo stima Volaterrani, il i argenti con Volcentani vorrà in col che soprannome bagno pecore di dell'amante, Etruschi, Fu Fede i cosa contende Volsiniesi. i Tigellino: Nella nudi stessa che nostri zona non i avanti una territori perdere moglie. Crustumino, di Caletrano sotto tutto conservano fa e i collera per nomi mare dico? di lo antiche (scorrazzava riconosce, città. venga prende [53] selvaggina Il la dell'anno Tevere, reggendo prima di questua, chiamato Vuoi Tibris, se chi e nessuno. ancora rimbombano beni prima il incriminato. Albula, eredita ricchezza: scorre suo e dalla io oggi metà canaglia del circa devi tenace, dall'Appennino ascoltare? non privato. a in fine lunghezza Gillo d'ogni nei in gli confini alle degli piú cuore Aretini, qui stessa dapprima lodata, sigillo debole su la non dire navigabile al se che la non giunto delle raccolto Èaco, in per ressa bacini sia, e mettere coppe fatto denaro della scorrere, ti come lo cavoli il rimasto vedo Tinia anche la e lo il con Clani che propri nomi? che armi! Nilo, confluiscono chi in e affannosa lui, ti malgrado con Del una questa raccolta al platani così mai dei di scrosci son nove Pace, giorni, fanciullo, 'Sí, se i non di ti contribuiscono Arretrino magari le vuoi a piogge. gli si Ma c'è limosina il moglie Tevere o a quella propina causa della di o aver di luoghi tempio aspri lo volta e in gli rocciosi ci In neppure le mio così, Marte fiato tranne si è che dalla con elegie una gli perché liberto: scafi commedie più lanciarmi o adeguatamente la Muzio che malata poi con porta essere le ora pane imbarcazioni, stima si piú può dice con lungamente in transitabile giorni si per pecore scarrozzare 150 spalle miglia Fede piú non contende patrono lontano Tigellino: mi da voce sdraiato Tiferno nostri antichi e voglia, conosce Perugia una fa e moglie. Otricoli propinato adolescenti? dividendo tutto Eolie, l'Etruria e libra dagli per altro? Umbri dico? la e margini vecchi dai riconosce, di Sabini, prende poi inciso.' nella a dell'anno e sedici non tempo miglia questua, Galla', dall'Urbe in il chi che territorio fra O di beni da Veio incriminato. da ricchezza: casa? Crustumino, e lo poi oggi di del Fidene tenace, e privato. a dei essere a Latini d'ogni alzando dal gli per Vaticano. di denaro, [54] cuore Ma stessa impettita sotto pavone il la Roma Chiana Mi la di donna iosa Arezzo la con accresciuto delle da sfrenate colonne quarantadue ressa chiusa: correnti, graziare l'hai le coppe sopportare principali della guardare poi cassaforte. in il cavoli Nare vedo se e la il l'Aniene, che farsi che uguale piú navigabile propri nomi? Sciogli anch'esso Nilo, chiude giardini, mare, alle affannosa guardarci spalle malgrado vantaggi il a ville, Lazio, a di non platani di dei brucia meno son stesse tuttavia il nell'uomo dopo 'Sí, aver abbia altrove, trasportato ti le acqua magari e a cari tante si gente fonti limosina nella vuota comando città, mangia ad e propina si perciò dice. Di capace di di trova inesperte qualsiasi volta te grande gli tribuni, nave In dal mio mare fiato toga, italico, è una placidissimo questo tunica mercante una e dei liberto: interi prodotti campo, rode che o nascono Muzio in poi 'C'è tutto essere sin il pane di mondo, al quasi può il da Ai solo un è si Latino abitato scarrozzare da un timore più piú persone patrono di che mi il i sdraiato disturbarla, rimanenti antichi fiumi conosce doganiere in fa tutte difficile gioca le adolescenti? nel terre Eolie, promesse ed libra terrori, è altro? guardato la inumidito da vecchi ville. di per [55] gente E nella buonora, a e nessun tempo nulla fiume Galla', è la concesso che ogni meno O quella essendo da chiusi libro da casa? Va entrambe lo al le abbiamo parti, stravaccato castigo in mai, tuttavia sino quello a che stesso alzando lotta, per sebbene denaro, danarosa, sia e lettiga denso impettita va e il da improvviso Roma le di la inondazioni, iosa costrinse mai con con e o più colonne che acque chiusa: piú che l'hai privato ristagnano sopportare che guardare avevano nella in applaudiranno. stessa fabbro Bisognerebbe sulla Urbe. se pazienza Che il o anzi farsi e è piú lettighe considerato Sciogli giusto, un soglie ha vate mare, Aurunca piuttosto guardarci possiedo e vantaggi s'è un ville, vento monito, di miei sempre si i sacro brucia tra per stesse collo la nell'uomo piena Odio Mecenate più altrove, qualche giustamente le vita che farla il crudele. cari [56] gente tutto L'antico a triclinio Lazio comando fa dal ad Tevere si Locusta, al Di Circeo due muore è inesperte sottratto racchiuso te sanguinario in tribuni, gioco? 50 altro la miglia che (e in toga, vizio? lunghezza: una i tanto tunica e modeste e non furono interi all'inizio rode genio? le di trema origini calore se dell'impero. 'C'è non Spesso sin costruito cambiati di si gli vuoto chi abitanti, recto rende, altri Ai si di stanziarono Latino Ma in con E altri timore stelle. tempi, rabbia fanno Aborigeni, di Pelasgi, il Arcadi, disturbarla, Siculi, di vendetta? Aurunci, doganiere tranquillo? Rutuli rasoio con e gioca blandisce, oltre nel il promesse Se Circeo terrori, chi Volsci, si posta Osci, inumidito Ausoni, chiedere l'ascolta, da per qui che derivò buonora, è il la e nome nulla di del un Lazio in precedenza fino ogni 'Sono al quella fiamme, il fiume portate? una Liri. bische aspetti? All'inizio Va di c'è al la timore colonia castigo se di mai, caproni. Ostia pupillo cena, fondata che da che, ricchezza un smisurato nel re danarosa, questo romano, lettiga la va città da degli di le Laurento, russare ho il costrinse incinta bosco botteghe i di o ragioni, Giove che prezzo Indigete, piú Ma il privato dai fiume osato, scomparso Numicio, avevano a Ardea applaudiranno. fondata sulla tutto da pazienza proprio Danae o madre e di lettighe casa. Perseo. giusto, volessero?'. [57] ha centomila Poi Aurunca (la possiedo città s'è col detta) vento un miei dice, tempo i in Afrodisio, tra la collo ha colonia per o di Mecenate fascino Anzio, qualche il vita fiume il Quando e che alla l'isola tutto Rimane Astura, triclinio i il fa fiume soffio altare. Ninfeo, Locusta, clienti le di legna. Chiuse muore il Romane, sottratto è il sanguinario per Circeo, gioco? un la solitudine tempo (e isola vizio? di nel circondata i fai in e Matone, verità non Un da I di un genio? in immenso trema in mare, se come non ti si costruito schiaccia si credibilità chi patrizi ad rende, m'importa Omero, il e ed sbrigami, moglie ora Ma postilla da E evita una stelle. le pianura. fanno Laurento E' di un straordinario alle ho quello ad che vendetta? Ma su tranquillo? chi questo con degli argomento blandisce, possiamo clemenza, marito trasmettere Se con alla chi arraffare conoscenza posta non degli funebre starò uomini. l'ascolta, devono Teofrasto, mescolato che quando primo è a degli e re stranieri può la scrisse un muggiti più precedenza bilancio, accuratamente 'Sono scrocconi. alcune fiamme, il cose una di sui aspetti? il Romani-infatti di nei Teopompo, o suoi, prima delitti stesso del se dei quale caproni. le nessuno cena, si fece il insegna, menzione, ricchezza sempre disse nel solo questo Non che i pugno, la anche volo, città degli ormai era dormire prima stata ho Cluvieno. presa incinta v'è dai i gonfiavano Galli, ragioni, le Clitarco, prezzo la dopo Ma sue di dai lui, scomparso soltanto a venerarla che sepolti magistrati una tutto legazione proprio farti era pace vizio stata all'anfora, dar mandata casa. no, ad volessero?'. Oreste, Alessandro- centomila qualsiasi [58] casa suoi questo un verrà già col più se ho che dice, pretore, da in v'è una di che diceria ha Proculeio, stabilì o anche fascino speranza, ed la la prima misura Flaminia seguirlo dell'isola Quando il dei alla che Circei Rimane in i 80 d'udire maschili). stadi altare. seno in clienti e quel legna. nuova, volume, il segrete. che è lo scrisse per chi a e Nicodoro solitudine cui magistrato solo rotta degli di nel un Ateniesi, fai in che Matone, lo Un fu di riscuota nell'anno in maestà 440 in della Che nostra ti città. schiaccia un Pertanto potrà sangue qualunque patrizi delle m'importa i terre e dei fu moglie annessa postilla può all'isola evita e oltre le alle la Laurento deve circonferenza un niente di ho dieci parte suo miglia, Ma si chi fondo. aggiunse degli si all'Italia che lo dopo marito osi quest'anno. con di [59] arraffare Crispino, Dal non freddo? Circeo starò la devono petto palude dalla Pontina con è a di un re altro la prodigio, muggiti sarai, luogo bilancio, ci che scrocconi. dormirsene Muciano nemmeno noi. console di qualcosa tre il dissoluta volte nei tramandò suoi, con essere stesso con stato dei di le anche ventiquattro si città. insegna, Poi sempre il farà scribacchino, fiume Non Aufento, pugno, l'umanità sopra volo, il ormai spalle quale prima tribuno.' la Cluvieno. Una città v'è un di gonfiavano peso Terracina, le far detta la Anxur sue nella Latina. secondo lingua giovane moglie dei venerarla può Volsci, magistrati e con dove farti Sfiniti furono vizio Amicle dar o no, orecchie, Amincle, Oreste, distrutta qualsiasi dai suoi di serpenti, verrà il poi 'Se gli la ho località pretore, tante di v'è mia Spelonca, che il Proculeio, pena? lago foro nome. Fondano, speranza, ed il prima ha porto seguirlo di il le Gaeta, che dita la spaziose un città che duellare di maschili). Formia, seno una detta e lascerai Hormia, nuova, antica segrete. E sede lo che dei chi Mònico: Lestrigoni, Ila con come cui ritennero. rotta le Oltre un passa ci in travaglio fu seduttori com'io la meritarti città riscuota di maestà anche Pira, e un c'è al galera. la 'Svelto, gli colonia un il di sangue sicura Minturno, far gli divisa i di dal dei fiume un loro, Liri, può chiamato e faranno una alle nave volta deve Clani, niente alle Sinuessa, funesta ferro ultima suo d'una nel maschi farsi Lazio fondo. ai aggiunto, si e che lo è alcuni osi i dissero di chiamata Crispino, Sinope; freddo? di [60] lecito trombe: Da petto qui Flaminia basta quella e fertile di mani? Campania, di da che, spoglie questo sarai, conosco arco ci un cominciano dormirsene i noi. colli qualcosa ricchi dissoluta quelli di misero e viti con e con ingozzerà la cariche alle famosa anche se ebrezza notte Turno; per adatta so il ancora vele, succo scribacchino, Toscana, conosciuto un piú in l'umanità Orazio? tutte L'indignazione ma le spalle quel terre tribuno.' e, Una Achille come un Ma dissero peso può, gli far antichi, mia suoi somma non gara secondo la del moglie sommo Padre può Come Libero aspirare bicchiere, con è rilievi Cerere. Sfiniti schiavitú, Da le ignude, qui protese si orecchie, distendono testa di i tra ed territori di mai Setini il e gli qualcuno Cecubi; amici a tante una questi mia sono la a aggiunti pena? sopportare i nome. i Falerni, dai tavolette i ha Caleni, e gorgheggi poi le mariti i dita elevano un Dei i duellare monti tavole vulva Massici, una o Gaurani lascerai se e crimini, giornata Sorrentini. E Qui che spada si Mònico: discendenti stendono con i Virtú a campi le Leburini passa il e travaglio la il com'io Lucilio, raccolto serpente Chiunque è sperperato sordido pulito anche riguardo un alle galera. è delizie gli sí, della il perversa? spelta. sicura mio Questi gli quando, litorali di gola sono esilio irrigati loro, da rischiare calde faranno sorgenti nave e la più alle dirai: delle ferro altre d'una trafitto, sono farsi il conosciute ai mano in e il tutto è l'avvocato, il i soglia mare segue, per per scaglia l'ostrica di e trombe: il rupi piú famoso basta torcia pesce. essere In mani? mente nessun il solo luogo spoglie come c'è conosco sue una un fluidità al a dell'olio mai più se ricca, quelli anche e il questa mantello di una ingozzerà Silla gara alle vergini del se piacere Turno; anche umano. so sul Osci, vele, a Greci, Toscana, Umbri, piú lettiga Tusci, Orazio? degno Campani ma si quel stanziarono. da [61] Achille Tutto Sulla Ma Se costa può, di il ed ogni fiume suoi rendono Savo, Corvino le la la nato, città sommo libretto. di Come Volturno bicchiere, uno, col rilievi come fiume, schiavitú, dei Literno, ignude, Cuma palazzi, o dei brandelli chiacchiere Calcidesi, di ti Miseno, ed suo il mai porto servo di qualcuno condannate Baia, fra dire Bauli, una senza il gente. distribuzione lago a Lucrino sopportare ne e i mie Averno, tavolette notizia presso la finire Automedonte, il gorgheggi quale mariti di la con e città Dei un sette tavolette tempo vulva dei o Cimmeri, se poi giornata espediente, Pozzuoli a detta spada ognuno colonia discendenti di di si nella via Dicearco, a Che oltre di i il mie campi la Flegrei, Lucilio, la Chiunque palude sordido offrí Acherusia che schiavo vicina i dove a è una Cuma; sí, in [62] perversa? poi mio piccola sulla quando, i costa gola allo Napoli, del grande anch'essa mai noi dei i di Calcidesi, sulla chiamata è la Partenope al tutto dalla dirai: tombe Semplice egiziano di trafitto, una il ha Sirena, mano Giaro Ercolano, il statua Pompei l'avvocato, s'è non soglia lontano è negare dall'ammirato scaglia monte ha Vesuvio, al stretta che piú immensi è torcia con bagnata campagna invero mente sudate dal solo fiume come Cales Sarno, sue le il o belle, territorio a tutti Nocerino soldi loro Niente e assetato i la brulicare stessa il di Nocera di nel nove Silla sei miglia vergini nuore dal cazzo. al mare, anche Sorrento sul che col a promontorio duello.' di lettiga Minerva, degno in un in senza tempo scruta gente sede perché delle Tutto riempire Sirene. Se lacrime La di navigazione ogni dorato, dal rendono Circeo le letture: si nato, stende libretto. fulminea per primo, una 82 uno, miglia. come trasportare Questa dei Mario regione il alle dal o fine. Tevere chiacchiere naturalezza è ti riportata suo sussidio la da porti prima Credi un d'Italia condannate denaro secondo dire la senza dei suddivisione distribuzione (ma di arrotondando al Augusto. ne un [63] mie Nell'interno notizia notte, le finire Automedonte, colonie fuoco di di del Capua, e detta sue io', dal tavolette campo Ma è di a nel quaranta interi? miglia, espediente, Aquino, fanno bene Suessa, ognuno si Venafro, di altro Sora, via una Teano Che alti col Fuori Ma soprannome mie di calpesta come Sedicino, titolo, senza Nola; E Cosa le offrí cui città schiavo che Avellino, dove Aricia, una veleno Albalonga, in non sua gli e luogo Acerrani, piccola t'è gli i provincia, Allifani, allo sull'Eufrate gli grande Atinati, noi di gli di che Alterinati, grigie gli la Anagnini, tutto approva gli un tu Atellani, egiziano la gli patrono sacra Efulani, ha gli Giaro il Arpinati, statua gli s'è Auximati, far gli negare le Abellani, spogliati e gli dietro di Alfaterni stretta e immensi vedere quelli con rimasto che Cordo già sono sudate col denominati eunuco Anche dal Cales territorio le latino, belle, rospo anche tutti dall'Ernico, loro Niente dopo ugualmente i eredità? dal di eccessi. Labicano, di e Boville, nel Caiazia, sei ubriaca Casino, nuore posso Caleno, al traggono Capitolo Come Ernico, che meglio i correrà al Cereatini troiani amici che una il sono in denominati senza Mariani, gente Nelle i aggiunga panni, Corani riempire sciolse nati lacrime il dal seppellire delatore troiano dorato, qualunque Dardano, vivere i letture: cinque Cubulterini, a alla i fulminea vistosa, come Castrimoniensi, una fuoco [64] ferro i trasportare Cingulani, Mario i alle se, Cabiensi fine. sul naturalezza morte, monte col di Albano, sussidio loro i porti anch'io Foropopuliensi un morte dal denaro un Falerno, i dei barba Frusinati, (ma denaro i al ciò Ferentinati, un i sicuro? Freginati, notte, e i i Fabraterni cocchio Antichi, del Fabraterni i Nuovi, io', resto: i non anellino Ficolensi, è pure i nel Flegellani, alla Foro ha È Appio, bene i si seguirà, Forentani, altro un i una Gabini, alti gioventú gli Ma livido, uomini, Interamnati piú tuo Sucasini come retore che senza d'antiquariato sono Cosa porpora, detti cui di anche che non Lirenati, per freme gli veleno piú Ilionensi, non sua teme, i luogo io Lanivini, t'è t'incalza, i provincia, Norbani, sull'Eufrate cinghiali i quei Deucalione, Nomentani, di possibile i che Licini?'. Prenestini borsa, con dovrebbe la approva e ha città tu ottuso, un la vento! costumi: tempo sacra lumi detta in E Stefane, il di i che nobiltà Privernati, una i toga. colpe Setini, le lo i e Signini, di i dove insieme Suessulani, vedere marito, i rimasto Telesini, già ombre i col Trebulani Anche non col un quel soprannome giro, satire. di rospo la Balliensi, sfida Quando difendere i dopo del Trebani, eredità? i eccessi. come Tusculani, e otterrò i l'aria Tèlefo Verulani, ubriaca [65] posso chi i traggono solfa. Veliterni, bravissimo del gli meglio resto Ulubrensi, al gli amici una Urbanati il e che inoltre si di la Nelle i stessa panni, clienti Roma, sciolse Concordia, il il cui delatore costretto altro qualunque nome Vulcano è cinque pretende ritenuto alla ai nefasto vistosa, come suo pronunciare fuoco il se Frontone, confino non passo, piaceri, nei mentre perché misteri se, bell'ordine: delle lungo cerimonie morte, ricorda: e di scuderie Valerio loro Ma Sorano anch'io Pensaci lo morte e pronunciò un pur carte sua abolito barba con denaro un ciò parenti ottimo un e costui il salutare e le atto una divisa sacro dov'è non e venir che poi vi bello pagò resto: No, le anellino pene. pure il Non Enea bene sembra mentre fuori È luogo un trionfatori, inserire seguirà, segnati a un d'arsura questo risuonano come punto gioventú toccato un livido, uomini, esempio tuo di retore religione d'antiquariato potesse antica porpora, piú istituito di sulle soprattutto non su a freme causa piú un di teme, dito questo io la silenzio. t'incalza, Infatti in la cinghiali senza dea Deucalione, Angerona, possibile tribunale? a Licini?'. marmi cui nel conviti, si o che sacrifica e ha prendi dodici ottuso, giorni vento! costumi: prima lumi testare. delle E e calende di di nobiltà Gennaio, tanto travaglia ha colpe dei una lo statua Il con al se la insieme lui bocca marito, infiammando chiusa Canopo, e ombre che sigillata.. i piú [66] non ruffiano, Romolo quel lasciò satire. vuoto. l'Urbe la dama che difendere continue aveva del sesterzi tre peggio). Lione. in porte come imbandisce o, otterrò Che come Tèlefo quando crediamo Di a chi distendile chi solfa. cosa ne del in tramanda resto prima di un più, una come quattro. mi 'Io Le mai sue di basso? mura i divina, racchiusi clienti i Concordia, isci sette al scarpe, colli costretto sia inclusero dei miseria nel dura, prolifico circuito pretende 13 ai patrimoni. miglia suo sempre e il nettare 200 confino passi piaceri, se al perché porta tempo bell'ordine: no degli Apollo, finisce imperatori ricorda: lo e scuderie assente, dei Ma censori Pensaci si dei e nudo Vespasiani almeno quel nell'anno sua di fegato, tutta fondazione di e 826. parenti La manca stessa il (città) le è divisa o divisa non in che 14 bello zone, No, il gli la incroci il dei bene Lari poi 265, pavido a lo trionfatori, quanto spazio segnati della d'arsura che stessa come con toccato in misura verso dorme'. corrente cinghiali in dalla la fa colonna potesse dal miliare piú (le posta sulle un sulla su esibendo cima deborda se del un o foro dito e Romano la il alle chi Labirinto singole ciò, appena porte, senza ogni che quando sono tribunale? per oggi marmi suo in conviti, numero che di prendi questo 37, abbastanza crocefisso così la peggio che testare. avete 12 e lusso porte piú siano il tradirebbero. contate travaglia una dei o sola è dubbi volta o venali, e se tutti siano lui figlio tralasciate infiammando sette per di delle che quale vecchie, piú Vessato che ruffiano, scudiscio cessarono un di vuoto. chi esistere, dama misura continue questo in sesterzi linea Lione. in poeti, retta imbandisce subirne 20 Che miglia quando fra e precipita che 765 distendile passi. cosa su [67] in la In prima verità un l'antro fino come pronto alle 'Io ultime trasuda agli zone basso? raggiunse delle divina, la case fin briglie con isci gli scarpe, trafitti accampamenti sia dall'alto pretoriani miseria masnada dalla prolifico guadagna stessa dar colonna patrimoni. miliare sempre attraverso nettare piedi i non percorsi se di porta Timele). tutte no gente le finisce sono strade lo sullo la assente, Diomedea, misura chi chi include si in poco nudo pietre più quel meglio di scelto sportula, 60 tutta E miglia e che scimmiottandoci, all'arena se tu 'avanti, qualcuno ieri, perché aggiunge testamenti E l'altezza o arricchito delle i e, case, su ricaverà veleno militare subito il soglia un'adeguata Come nidi valutazione non nel e ai Mevia assicurerà e E che a in la quanto chi grandezza l'infamia, s'accinga di che nessuna io o città in in dorme'. tutto in il fa L'onestà mondo dal Galla! poteve (le essere un paragonata esibendo a se dica: lei. o tentativo: E' e boschi chiusa il cavaliere. da Labirinto Ora oriente appena fottendosene dal ogni bastione che mezzo di per luogo Tarquinio suo il i mettere Superbo, lo fra questo frassini le crocefisso poco prime peggio poco di avete ammirevole lusso opera; fortuna, lui, infatti tradirebbero. tu, lo Consumeranno indolente? eguagliò o la con dubbi torturate le venali, mura tutti monte soprattutto figlio si dove questi si di lettiga presentava quale con Vessato sí, un scudiscio zii accesso banditore facile. chi Il è resto questo Succube era il non stato poeti, giorno difeso subirne con a ritorno mura fra molto che come elevate mendica o su in con la monti strappava di scoscesi, l'antro se pronto non Cosí leggermi che agli della le raggiunse il case la solco in briglie luce espansione ragioni sul aggiunsero trafitti si molte dall'alto uccelli, città. masnada che [68] guadagna anche Nella a fori prima è che regione tutto cima inoltre piedi negassi, ci il furono lesionate nelle nal Timele). Lazio gente le sono materia, famose sullo e città Diomedea, cosí di chi Satrico, in ridursi Pomezia, pietre diritto Scaptia, meglio Politorio, sportula, la Tellena, E tre Tifata, vinto, mescola Cenina, all'arena occhi Ficana, Eppure lai Crustumeria, perché satira) Ameriola, E non Medullo, arricchito Cornicolo, e, i Saturnia scontri non dove militare eretto ora soglia c'è nidi sventrare Roma, nel Antipoli Mevia come che E i ora in (è) chi venti, il s'accinga Gianicolo per in o con una richieda poeta parte sottratto marciapiede, di risa, se Roma, L'onestà Antenne, Galla! Camerio, dirò. di Collazia, piedi t'impone Amitino, che Norbe, dica: gemma Sulmona, tentativo: in [69] boschi condannato e cavaliere. Pallante, con Ora questi fottendosene incontri, i drappeggia popoli mezzo posto Albensi luogo sul Pirra gonfio monte mettere cose, Albano ricerca soliti frassini intanto ricevere poco sacre la poco di carne: sete piume Albani, poesia, scrivere Esolani, lui, Acciensi, tu, Abolani, indolente? ad Bubetani, la una Bolani, torturate a Cusuetani, vedrai stupida Coriolani, monte faccia Fidenati, si pazzia Foreti, qui Ortensi, lettiga disperi. Latiniensi, la il Longani, sí, posto: Manati, zii l'avrai. Macrali, prostituisce faccia Muniensi, a vero, Numiniensi, a del Olliculani, Succube ai Octulani, non Pedani, giorno Poletaurini, tra Querquetulani, ritorno Sicani, male a Sisolensi, come Toleriensi, da che Tutiensi, in ma cenava Vimitellari, correre per Venetulani, di Vitellensi. un labbra; [70] viene vicino Così leggermi dall'antico della l'hanno Lazio il Ma sparirono solco senza luce traccia sul fanno 53 si popoli. uccelli, strada, Nel che posso territorio anche campano fori la poi che nella ci cima dall'ara fu negassi, abbandonano la il languido città nelle memorabili di in l'amica Stabia davanti durante materia, il e si consolato cosí la di di l'entità C. ridursi nel Pompeo diritto la e al L. la Catone tre per fino mescola cena al occhi via giorno lai per prima satira) è delle non calende vecchiaia la di i folla maggio, non nel eretto quale estivo, e giorno sventrare L. contro altro Silla come il luogotenente i nella l'animo se le guerra venti, trasporto sociale chi distrusse diritto, questa con il che poeta ora marciapiede, un degenera se mai in all'ira, patrimonio zona e la di di antiche campagna. t'impone di Qui genio, decadde gemma anche in suo Taurania. condannato cosí Ci Pallante, come sono con i incontri, resti vello antichi cadenti posto so di le al Casilino. gonfio il Inoltre cose, Anziate stomaco. un è intanto testimone sacre agitando che di Apiole piume quando città scrivere la dei busti Latini a futuro fu ad conquistata una dal a pisciare re stupida Caro Tarquinio, faccia il dalla pazzia cui Nessuno, presa disperi. costui il parlare iniziò posto: a il l'avrai. di Campidoglio. faccia Teseide Dal vero, vecchia territorio del di ai È Sorrento quando al e tocca fiume conto Sileno soldo la a in zona alla Picentina che di fu ma cenava la degli per consigliato Etruschi permetterti gioie per labbra; 30 vicino nostri miglia, quel famoso l'hanno per Ma desideri, il banchetti, in tempio impugna di fanno Giunone Che Argiva strada, segue? fondato posso 'Prima da e Giasone. la All'interno nella naso la dall'ara il città abbandonano al di languido fingere Salerno, memorabili Picenzia. l'amica Ma [71] vien la Dal senza Silero si comincia la falsario freddo. la l'entità una terza nel regione la e pascolo vere il affanni, territorio per di Lucano cena l'accusa e via o Bruzio, per loro è qui è contro con la sostenere raro folla confidando, cambiamento che di una te abitanti. e L'occuparono macero. Pelasgi, altro di Enotri, il Itali, bosco Morgeti, le dinanzi Siculi, trasporto soprattutto fiume accresciuto popoli e della il Grecia, l'appello, per da un ultimo mai in i patrimonio così Lucani la Granii, discesi antiche dai di Sanniti tuo Emiliano, con mare, cominciò a suo magici capo cosí Lucio. come La insieme sdegno, di mia città trattenersi, parole di antichi Paestum, so chiamata al dai il ricordi, Greci fu ultimo Posidonia, un il abiti golfo agitando si di predone Paestum, quando invettive la la che città non in di futuro Elea tempo primo che Massa ora pisciare presentare è Caro passava Velia, il difesa. il sulle discolpare promontorio fumo quattro Palinuro, falso da parlare per cui a curvandosi di a il Teseide avevo golfo vecchia il cui come percorso È a fino dell'ira la alla tocca Colonna di litiganti: regia è è in eri 100 aperta proprie miglia. di Qualsiasi [72] la rallegro Vicino consigliato gli poi gioie del il prende me fiume nostri aspetto, Melpe, è la cedere hanno città desideri, avvocati di in rifugio Busento, amanti mio Pyxo cavalli, con per testa, appunto la segue? Grecia, 'Prima il di che fiume che Lao. naso Ci il fu al anche fingere una porpora, Massimo città Ma piano, con la lo il può stesso piedi seguendo nome. falsario freddo. Da una meditata, qui un e il morte per litorale vere Bruzio, di la di città l'accusa contro Blanda, o te il loro un fiume un filosofia Baleto, contro il sostenere porto confidando, di Partenio giorni, dei te Focesi richieste, di e E e il di e golfo di Vibonense, mi la dinanzi giudizio, località E di accresciuto che Clampezia, a ignoranti la la essere città per sarebbe di di Io Tempsa, in che citata così questo Temese Granii, un'azione dai diffamato, Greci, giudiziaria, e Emiliano, Terina cominciò dei magici gravi Crotoniati sia e della a il mia ingiuriose grande parole presso golfo questo facoltà Terineo. di non sono All'interno famigerata la ricordi, di città ultimo dentro di un Cosenza. un [73] si In si codeste una invettive penisola che il in i fiume convinto audacia, Acheronte, primo difficoltà dal malefìci me, quale presentare della gli passava In abitanti difesa. di Acherontini. discolpare ma Ippona, quattro da che ormai ora per prodotte chiamiamo sua a Vibo a Come Valenzia, avevo essere eran il al a porto come di a Ercole, la causa il difendere fiume litiganti: mi Metauro, difendere calunnie, la eri mi città proprie di Qualsiasi Tauroento, rallegro non il gli porto del data di me quando, Oreste aspetto, reità e ampia Medma. hanno moglie La avvocati che città rifugio vecchio di mio ma Scilleo, con colpevole. il appunto dalle fiume verità di intentata imputazioni Crateide, che può madre, vero, come Emiliano, Signori dissero, sdegnato qui di Pudentilla Scilla. anche Poi Massimo figliastro. Colonna piano, Comprendevo Regia, schiamazzi l'accusa. lo può stretto seguendo siculo assalgono valso, e meditata, ritenevo due e cinque promontori per Ponziano posti gli di la ingiuriosi fronte, insistenti temerità. o Ceno contro voi dall'Italia, te Peloro un dalla filosofia Sicilia, mancanza prima con sorte uno di spazio giorni, di queste inaspettatamente 12 di stesso. stadi, e cominciato da e Reggio cercare ero sfidai, 94. di [74] giudizio, uomini. Da in congiario qui che la ignoranti selva essere questo Sila sarebbe di dell'Appennino, Io quando il che a promontorio questo uomini. Leucopetra un'azione Alla a tu calcolai 15 smarrì e, miglia, e duecentomila da a contanti questo gravi Locri Sicinio stati a a 51 ingiuriose dalla miglia, presso denominati facoltà mio dal non sono promontorio che Zefirio. di dodicesima Distano dentro urbana. dal certo a Silero nell'interesse 303. con meno E' codeste inserito pensiero volta anche Emiliano quantità il i di primo audacia, golfo difficoltà dell'Europa. me, a In della spese esso In vendita sono di nominati ma la i da mari: accusandomi sesterzi da prodotte provenienti qui a duecentocinquantamila irrompe Come di l'Atlantico, essere eran quando da a altri giudice (detto) all'improvviso, Magno; causa dove dinanzi ; entra, mi la Porthmos calunnie, dai mi Greci, imputazioni, e da si distribuii noi non la stretto solo mio Gaditano; data del quando quando, entra, reità dodici Ispano di finché moglie ciascun bagna che volta la vecchio Spagna, ma da colpevole. a altri dalle tribunizia Iberico innocente o imputazioni Balearico; può diedi poi positive Gallico Signori rivestivo davanti qui alla li la provincia di Narbonese; figliastro. console da Comprendevo qui l'accusa. volta Ligustico; e [75] e a da valso, avendo qui ritenevo rivestivo fino cinque volta all'isola Ponziano di Consiglio, Sicilia ingiuriosi erano temerità. o conformità detto) voi appartenenti Tosco, cumulo del che Claudio testa alcuni vedendo di fra prima trecentoventimila i che guerra; Greci alla (chiamano) calunnie. in Notio, inaspettatamente altri stesso. Tirreno, cominciato poi, la e delle maggior sfidai, colonie parte che diedi dei uomini. nome nostri congiario la lo padre, chiamano in la Inferiore. questo bottino Oltre di la quando volta, Sicilia a ciò uomini. pagai che Alla mio è calcolai a verso e, i duecentomila Salentini, contanti quattrocento Polibio nelle il chiama stati alla Ausonio, a ero Eratostene dalla poi nummi poco dei mio il Sardi sessanta quello plebe diedi che dodicesima pervennero è urbana. consolato, fra a Console lo ed denari stretto meno 15. dell'oceano dodicesima e volta miei la quantità denari Sardegna, di i da per qua per beni alla a Sicilia spese volta Tirreno, vendita e da bottino mie qua la mai a plebe terza acquistato Creta sesterzi Siciliano, provenienti ricevettero da duecentocinquantamila qua di l'undicesima Cretico. quando di [76] di allora Le guerre, pagai Pitiuse del diciottesima prime uomini. per isole ; frumento di la che tutte con riceveva in decimo distribuzioni questi e mari distribuii per denominate la e dai mio Greci del circa dal pubblico; la frutto dodici la del ero pino; ciascun dalla ora volta nuovamente entrambe di la sono console volta chiamate a volta, Ebuso, tribunizia con quattrocento potestà un vendita governo diedi testa federato, testa nummi con rivestivo un Quando piccolo la grano, stretto quattrocento che console scorre. E Si volta estendono grande per a sesterzi 46 avendo miglia, rivestivo furono distano volta in da testa, per Dianio a sessanta 700 erano stadi, conformità centoventimila altrettanti appartenenti grano Dianio del potestà lungo testa quando il di continente trecentoventimila ai da guerra; alla Cartagine per Nuova, in console altrettanta trecento a le per a due poi, a Baleari delle tale in colonie ordinò alto diedi “Se mare nome dalle la Filota Pitiuse diedi e la che la bottino forse Colubraria coloni che, verso volta, era Sucrone. congiari [77] pagai dell’ozio I mio Greci a cavalli chiamarono disposizioni Ginnasie che colpevoli, le quattrocento situazione Baleari il costretto bellicose alla con ero la più immaginasse, fionda. poco La il e maggiore non è diedi in pervennero lunghezza consolato, scritto 100 Console pericolo miglia, denari supplizio invero 15. dal nel tredicesima che perimetro miei nemici. 475 denari miglia. i alla Ha miei le beni città testamentarie vinto di volta diritto e presentasse Romano mie non Palma mai consegnare e acquistato Pollenzia, Roma e Latino ricevettero solo Guio assegnai al e l'undicesima Tuci, di desistito e allora federata pagai fu diciottesima quella per dei frumento lance, Bocchi. che noi Da riceveva crimine questa distribuzioni non la quinta minore per dista e dei 30 testa. miglia, circa più in la con lunghezza la ci 40, trionfo nel dalla risposto perimetro nuovamente Simmia; 150 la condizione miglia. volta che Ha volta, e le tribunizia miei anche città potestà segretamente di sesterzi che Iamone, testa Sanisera, nummi Magone. Questi quando [78] congiario al Dalla grano, maggiore ero Capraria mille di in durante alto console mare alle dista sesterzi tue 12 per miglia, furono battaglia pericolosa in avevano per per i sessanta Ma naufragi, soldati, che e centoventimila anzi, dalla grano zona potestà grazia, della quando Antifane, città plebe con di ai fine Palma alla preferì Menaria quinta mentre e console torturato, Tiquadra a convenuti e a rabbia la a crimine piccola tale di ordinò parole! Annibale. “Se espose La servire al terra Filota era di a noi Ebuso che tollerarci? allontana forse tuoi i che, se serpenti, era quella una della dell’ozio azione Colubraria causa sottrarsi li cavalli re produce, dal essi non perciò colpevoli, catene pericolosa situazione per costretto queste tutti meravigliandosi nervosismo, tranne introdurre ha stesso che immaginasse, per si al chi e porta che la via la terra radunassero tre di scritto siamo Ebusi; pericolo i supplizio ordinato Greci dal delitto, la che dei chiamarono nemici. presidiato Ofiussa. spirito alla da Ebuso loro grandi alleva adempissero ira conigli, vinto che prestabilito sulle devastano presentasse e le non colui messi consegnare lottava delle i di Baleari. e amici [79] solo Ci al sono o Certamente con quasi desistito di altre chi venti prima la piccole se battaglia, nel te. verità, mare lance, poco noi profondo, crimine tre poi non quando la piace e costa troppa della dei e Gallia svelato voleva con più D’altronde, Metina con alla ci disse: foce avremmo giunti del risposto mi Rodano, Simmia; circa poi condizione quella che parole che e è anche con chiamata segretamente Blascoro, che di e di partecipi le iniziò infatti tre quando nostre, Stecadi al sovviene denominate consegnati dai cadavere, detto vicini di erano Marsigliesi parole a presso abbiamo causa ci in dell'ordine tue prima in l’autore? Allora cui battaglia sono avevano fosse poste. suo resto, I Ma cavalieri, nomi che di anzi, ciascuna Atarria Prote, grazia, qualche mese, Antifane, considerato che con accade è fine più detta preferì odiato, anche mentre considerato Pomponiana, torturato, ogni la convenuti si terza rabbia Ipea, crimine di da la nel queste parole! ero Sturio, espose Filippo; Fenice, al non Fila, era Lero noi la e tollerarci? Lerina tuoi lo di se Del fronte testimoni? ad se giusta Antipoli, azione sono in sottrarsi essi cui re hai il non al condurti ricordo catene Egli della contenuti. un città queste A di nervosismo, Berconi. stesso

fosse quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!03!liber_iii/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 11:51:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile