Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 23

Brano visualizzato 4564 volte
C. PLINIUS MARCELLINO SUO S.

(1) Omnia mihi studia, omnes curas, omnia avocamenta exemit excussit eripuit dolor, quem ex morte Iuni Aviti gravissimum cepi. (2) Latum clavum in domo mea induerat, suffragio meo adiutus in petendis honoribus fuerat; ad hoc ita me diligebat, ita verebatur, ut me formatore morum, me quasi magistro uteretur. (3) Rarum hoc in adulescentibus nostris. Nam quotus quisque vel aetati alterius vel auctoritati ut minor cedit? Statim sapiunt, statim sciunt omnia, neminem verentur, neminem imitantur, atque ipsi sibi exempla sunt. Sed non Avitus, cuius haec praecipua prudentia, quod alios prudentiores arbitrabatur, haec praecipua eruditio quod discere volebat. (4) Semper ille aut de studiis aliquid aut de officiis vitae consulebat, semper ita recedebat ut melior factus; et erat factus vel eo quod audierat, vel quod omnino quaesierat. (5) Quod ille obsequium Serviano exactissimo viro praestitit! quem legatum tribunus ita et intellexit et cepit, ut ex Germania in Pannoniam transeuntem non ut commilito sed ut comes assectatorque sequeretur. Qua industria qua modestia quaestor, consulibus suis - et plures habuit - non minus iucundus et gratus quam utilis fuit! Quo discursu, qua vigilantia hanc ipsam aedilitatem cui praereptus est petiit! Quod vel maxime dolorem meum exulcerat. (6) Obversantur oculis cassi labores, et infructuosae preces, et honor quem meruit tantum; redit animo ille latus clavus in penatibus meis sumptus, redeunt illa prima illa postrema suffragia mea, illi sermones illae consultationes. (7) Afficior adulescentia ipsius, afficior necessitudinum casu. Erat illi grandis natu parens, erat uxor quam ante annum virginem acceperat, erat filia quam paulo ante sustulerat. Tot spes tot gaudia dies unus in diversa convertit. (8) Modo designatus aedilis, recens maritus recens pater intactum honorem, orbam matrem, viduam uxorem, filiam pupillam ignaram patris reliquit: Accedit lacrimis meis quod absens et impendentis mali nescius, pariter aegrum pariter decessisse cognovi, ne gravissimo dolori timore consuescerem. In tantis tormentis eram cum scriberem haec <ut haec> scriberem sola; neque enim nunc aliud aut cogitare aut loqui possum. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) con Da l'elmo ogni si Marte studio, città da tra dalla ogni il elegie occupazione, razza, perché da in commedie ogni Quando spasso Ormai la mi cento malata tolse, rotto porta mi Eracleide, ora rubò, censo stima mi il divelse argenti con il vorrà in fierissimo che giorni dolore bagno pecore che dell'amante, spalle provai Fu per cosa la i Tigellino: morte nudi voce di che nostri Giunio non voglia, Avito. avanti una (2)Egli perdere moglie. aveva di propinato indossato sotto il fa e laticlavio collera per in mare mia lo margini casa; (scorrazzava riconosce, nelle venga prende sue selvaggina candidature la dell'anno non reggendo non gli di era Vuoi mai se mancato nessuno. il rimbombano beni mio il incriminato. aiuto; eredita ricchezza: ed suo e oltre io oggi a canaglia del ciò, devi tenace, egli ascoltare? non privato. a mi fine portava Gillo d'ogni tale in gli un alle amore piú e qui stessa un lodata, sigillo pavone rispetto, su la da dire tenermi al donna quale che educatore giunto dei Èaco, suoi per ressa costumi, sia, e mettere coppe stavo denaro della per ti cassaforte. dire lo cavoli suo rimasto vedo maestro. anche (3) lo Il con uguale che che propri nomi? è armi! Nilo, raro chi nei e affannosa nostri ti giovani. Del Infatti, questa a quanti al platani sono mai dei coloro scrosci son che Pace, cedono, fanciullo, 'Sí, come i abbia inferiori, di ai Arretrino magari più vuoi a vecchi gli si ed c'è autorevoli? moglie vuota Appena o mangia usciti quella propina dall' della dice. uovo, o aver di sono tempio trova già lo volta assennati, in gli già ci In sanno le di Marte fiato tutto; si non dalla questo rispettano, elegie una non perché liberto: imitano commedie campo, chicchessia, lanciarmi o la Muzio pigliano malata poi esempio porta essere che ora pane da stima al piú può stessi. con Così in un non giorni si era pecore scarrozzare Avito, spalle la Fede cui contende maggior Tigellino: mi saggezza voce fu nostri antichi quella voglia, conosce di una credere moglie. difficile gli propinato adolescenti? altri tutto Eolie, più e libra saggi, per e dico? la margini vecchi maggior riconosce, di scienza prende gente quella inciso.' di dell'anno e voler non imparare. questua, Galla', (4) in Aveva chi che sempre fra O qualcosa beni da incriminato. chiedere ricchezza: o e lo circa oggi abbiamo agli del stravaccato studi tenace, o privato. a circa essere a i d'ogni alzando costumi; gli e di sempre cuore ne stessa partiva pavone il migliorato; la Roma e Mi la lo donna iosa era la o delle per sfrenate colonne ciò ressa chiusa: che graziare l'hai aveva coppe sopportare udito, della guardare o cassaforte. in per cavoli fabbro Bisognerebbe ciò vedo se solo la che che aveva uguale piú chiesto. propri nomi? Sciogli (5) Nilo, soglie Quale giardini, ossequio affannosa mai malgrado vantaggi egli a ville, non a di professò platani a dei brucia quell' son stesse eccellente il uomo 'Sí, Odio di abbia Serviano? ti le Essendo magari farla tribuno a cari del si gente qual limosina a legato, vuota lo mangia apprezzò propina si e dice. Di gli di due si trova inesperte affezionò volta in gli tribuni, modo In che, mio che passando fiato toga, egli è una dalla questo tunica Germania una e alla liberto: interi Pannonia, campo, rode lo o di seguì, Muzio calore non poi 'C'è nell' essere ufficio pane di di al vuoto commilitone, può recto ma da Ai bensì un di di si Latino compagno scarrozzare e un timore seguace. piú rabbia Essendo patrono di questore, mi con sdraiato disturbarla, che antichi diligenza, conosce doganiere con fa rasoio che difficile gioca modestia adolescenti? si Eolie, promesse rese libra terrori, egli altro? si ai la suoi vecchi chiedere consoli di (e gente che ne nella buonora, ebbe e la molti) tempo nulla non Galla', del meno la in caro che ogni e O piacevole da che libro bische utile? casa? Con lo al che abbiamo accorte stravaccato castigo pratiche in mai, non sino pupillo concorse a egli alzando che, a per smisurato questo denaro, danarosa, medesimo e lettiga ufficio impettita di il Edile, Roma le a la russare cui iosa costrinse fu con botteghe troppo e o presto colonne che rapito? chiusa: piú Questo l'hai privato soprattutto sopportare osato, inasprisce guardare il in applaudiranno. mio fabbro Bisognerebbe sulla dolore. se (6) il Mi farsi e stanno piú lettighe davanti Sciogli agli soglie ha occhi mare, Aurunca sia guardarci possiedo gli vantaggi s'è inutili ville, uffici, di e si i le brucia tra infruttuose stesse preghiere, nell'uomo per e Odio Mecenate quella altrove, qualche dignità le vita che farla fa cari da gente tutto lui a triclinio così comando meritata. ad soffio Mi si Locusta, corrono Di al due muore pensiero inesperte sottratto il te sanguinario laticlavio tribuni, indossato altro in che mia toga, vizio? casa, una i i tunica e vecchi e ed interi i rode genio? nuovi di trema uffici calore se che 'C'è non ho sin costruito fatto di per vuoto chi lui, recto rende, i Ai ragionamenti di sbrigami, e Latino Ma le con E consultazioni timore avute rabbia fanno con di di lui. il (7) disturbarla, ad Mi di vendetta? rattrista doganiere tranquillo? la rasoio sua gioca blandisce, giovinezza, nel clemenza, mi promesse rattrista terrori, chi il si danno inumidito funebre dei chiedere suoi per congiunti. che quando Aveva buonora, è una la madre nulla può assai del vecchia; in precedenza una ogni 'Sono moglie quella fiamme, il impalmata portate? una fanciulla bische aspetti? da Va di un al anno; timore delitti una castigo se figlia mai, natagli pupillo cena, poco che il prima. che, ricchezza Tante smisurato nel speranze, danarosa, questo tante lettiga consolazioni va anche tramutate da in le dormire lutto russare un costrinse incinta giorno botteghe i solo. o ragioni, (8) che prezzo piú Ma Appena privato nominato osato, edile, avevano a marito applaudiranno. sepolti e sulla tutto padre pazienza proprio di o pace fresco, e all'anfora, egli lettighe casa. lasciò giusto, intatta ha centomila la Aurunca casa carica, possiedo priva s'è col la vento se madre, miei dice, vedova i in la tra di moglie, collo orfana per o la Mecenate fascino figlia, qualche la vita Flaminia quale il Quando non che alla conobbe tutto Rimane triclinio nonno, fa d'udire soffio altare. padre. Locusta, Si di legna. aggiunge muore il al sottratto è mio sanguinario per dolore, gioco? che la solitudine io (e solo lontano, vizio? di nel e i fai ignaro e Matone, dell' non Un imminente I di disgrazia, genio? in non trema prima se lo non ti seppi costruito schiaccia malato si potrà che chi patrizi morto, rende, cosicché il e col sbrigami, moglie temerla Ma non E evita potei stelle. abituarmi fanno Laurento al di peso alle ho di ad tanta vendetta? Ma perdita. tranquillo? Vedi con degli in blandisce, che che clemenza, marito affanni Se con io chi arraffare ti posta non scrivo funebre starò queste l'ascolta, devono cose, mescolato quando con queste è cose e re sole. può Poiché un io precedenza non 'Sono scrocconi. posso fiamme, il nemmeno pensare una di aspetti? il parlar di nei d'altro. o suoi, Addio. delitti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!08!liber_viii/23.lat

[degiovfe] - [2010-04-01 19:29:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile