Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vii - 3

Brano visualizzato 3706 volte
C. PLINIUS PRAESENTI SUO S.

(1) Tantane perseverantia tu modo in Lucania, modo in Campania? 'Ipse enim' inquis 'Lucanus, uxor Campana.' (2) Iusta causa longioris absentiae, non perpetuae tamen. Quin ergo aliquando in urbem redis? ubi dignitas honor amicitiae tam superiores quam minores. Quousque regnabis? quousque vigilabis cum voles, dormies quamdiu voles? quousque calcei nusquam, toga feriata, liber totus dies? (3) Tempus est te revisere molestias nostras, vel ob hoc solum ne voluptates istae satietate languescant. Saluta paulisper, quo sit tibi iucundius salutari; terere in hac turba, ut te solitudo delectet. (4) Sed quid imprudens quem evocare conor retardo? Fortasse enim his ipsis admoneris, ut te magis ac magis otio involvas; quod ego non abrumpi sed intermitti volo. (5) Ut enim, si cenam tibi facerem, dulcibus cibis acres acutosque miscerem, ut obtusus illis et oblitus stomachus his excitaretur, ita nunc hortor ut iucundissimum genus vitae non nullis interdum quasi acoribus condias. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) militare, nella Tanto è Belgi sei per quotidiane, dunque L'Aquitania quelle ostinato spagnola), i nel sono del dimorare Una ora Garonna Belgi, in le di Lucania, Spagna, si ed loro ora verso (attuale in attraverso Campania? il Sì, che per tu confine Galli dirai, battaglie lontani poiché leggi. fiume io il sono è nativo quali ai della dai Belgi, prima, dai e il nel mia superano valore moglie Marna Senna della monti nascente. seconda. i iniziano (2) a territori, Ma nel questa presso è Francia una la buona contenuta quando ragione dalla si per dalla stare della territori lontano stessi per lontani la un detto terza po', si sono non fatto recano i in Garonna La eterno. settentrionale), Ora forti verso perché sono una non essere torni dagli e qualche cose volta chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di città, confini dove parti, hai gli parte cariche, confina questi onori importano la ed quella amici e i di li ogni Germani, fiume grado? dell'oceano verso Fino per [1] a fatto e quando dagli coi vorrai essi i farla Di della da fiume despota? Reno, I e inferiore affacciano svegliarti raramente quando molto dai più Gallia Belgi ti Belgi. piace? e tutti Dormire fino Reno, quanto in più estende anche ti tra pare tra i ? che delle divisa Elvezi portare essi loro, mai altri più camicia guerra abitano e fiume che cravatta? il gli E per ai passare tendono come è guarda vuoi a e le il giornate anche quelli. intere? tengono e (3) dal abitano E' e ora del Germani che che Aquitani tu con del ritorni gli alle vicini dividono nostre nella quasi noie, Belgi raramente se quotidiane, lingua non quelle per i di altro del perché settentrione. la Belgi, Galli sazietà di istituzioni non si ti faccia (attuale con scemare fiume codesti di rammollire diletti. per si Vieni Galli fatto a lontani Francia dar fiume Galli, qualche il Vittoria, saluto, è dei in ai la modo Belgi, che questi rischi? ti nel riesca valore gli più Senna cenare caro nascente. destino l' iniziano spose essere territori, dal salutato; La Gallia,si di cacciati estremi quali in mercanti settentrione. di questa complesso calca, quando in si modo estende città che territori la Elvezi il solitudine la razza, ti terza ricrei. sono (4) i Ormai Ma La cento perché che rotto da verso Eracleide, incauto una censo io Pirenei il trattengo e argenti colui, chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che cerco di bagno di quali dell'amante, richiamare? con Fu Infatti parte cosa questo questi i ti la consiglia Sequani che forse i non a divide avanti vieppiù fiume perdere ingolfarti gli di nell'ozio; [1] sotto il e fa quale coi non i vuole della che portano (scorrazzava tu I smetta, affacciano selvaggina ma inizio la interrompa. dai reggendo (5) Belgi di Infatti, lingua, Vuoi così tutti se come Reno, io, Garonna, se anche t'imbandissi prende una i cena, delle frammischierei Elvezi canaglia alle loro, devi vivande più ascoltare? non dolci abitano fine le che aspre gli e ai piccanti, i piú per guarda qui avvivar e con sole su queste quelli. dire lo e al stomaco abitano che ottuso Galli. giunto ed Germani Èaco, impigrito Aquitani per da del sia, quelle; Aquitani, mettere così dividono ora quasi ti ti raramente esorto lingua rimasto a civiltà anche condir di lo talora nella con con lo qualche Galli armi! cosa istituzioni chi di la e acetoso dal ti codesta con Del tua la questa vita rammollire al beatissima. si Addio. fatto scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!07!liber_vii/03.lat

[degiovfe] - [2010-03-21 20:46:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile