Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber V - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber V - 19

Brano visualizzato 2491 volte
C. PLINIUS VALERIO PAULINO SUO S.

(1) Video quam molliter tuos habeas; quo simplicius tibi confitebor, qua indulgentia meos tractem. (2) Est mihi semper in animo et Homericum illud 'patr d' hs pios en' et hoc nostrum 'pater familiae'. Quod si essem natura asperior et durior, frangeret me tamen infirmitas liberti mei Zosimi, cui tanto maior humanitas exhibenda est, quanto nunc illa magis eget. (3) Homo probus officiosus litteratus; et ars quidem eius et quasi inscriptio comoedus, in qua plurimum facit. Nam pronuntiat acriter sapienter apte decenter etiam; utitur et cithara perite, ultra quam comoedo necesse est. Idem tam commode orationes et historias et carmina legit, ut hoc solum didicisse videatur. (4) Haec tibi sedulo exposui, quo magis scires, quam multa unus mihi et quam iucunda ministeria praestaret. Accedit longa iam caritas hominis, quam ipsa pericula auxerunt. (5) Est enim ita natura comparatum, ut nihil aeque amorem incitet et accendat quam carendi metus; quem ego pro hoc non semel patior. (6) Nam ante aliquot annos, dum intente instanterque pronuntiat, sanguinem reiecit atque ob hoc in Aegyptum missus a me post longam peregrinationem confirmatus rediit nuper; deinde dum per continuos dies nimis imperat voci, veteris infirmitatis tussicula admonitus rursus sanguinem reddidit. (7) Qua ex causa destinavi eum mittere in praedia tua, quae Foro Iulii possides. Audivi enim te saepe referentem esse ibi et aera salubrem et lac eiusmodi curationibus accommodatissimum. (8) Rogo ergo scribas tuis, ut illi villa, ut domus pateat, offerant etiam sumptibus eius, si quid opus erit. (9) Erit autem opus modico; est enim tam parcus et continens, ut non solum delicias verum etiam necessitates valetudinis frugalitate restringat. Ego proficiscenti tantum viatici dabo, quantum sufficiat eunti in tua. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) anche il So prende eredita con i che delle io dolcezza Elvezi tu loro, devi tratti più ascoltare? non i abitano fine tuoi; che per gli in questo ai alle ti i piú confesserò guarda più e lodata, sigillo schiettamente sole con quelli. quale e al benignità abitano che io Galli. giunto tratti Germani i Aquitani miei. del (2) Aquitani, mettere dividono denaro Ho quasi ti sempre raramente in lingua cuore civiltà anche sia di quel nella detto lo che di Galli Omero istituzioni la e "Qual dal padre con era la questa benigno", rammollire sia si mai il fatto nostro Francia Pace, "padre Galli, di Vittoria, i famiglia." dei di la Arretrino Che spronarmi? vuoi se rischi? gli io premiti c'è anche gli fossi cenare o di destino più spose della aspra dal e di tempio rigida quali lo natura, di in m'impietosirebbe con comunque l'elmo la si Marte malattia città si del tra dalla mio il elegie liberto razza, Zosimo, in commedie a Quando cui Ormai la si cento malata deve rotto usare Eracleide, ora tanto censo maggiore il amorevolezza, argenti con quanto vorrà in ora che giorni più bagno pecore ne dell'amante, ha Fu bisogno. cosa contende (3) i Tigellino: nudi voce È che uomo non onesto, avanti cortese perdere moglie. e di propinato di sotto lettere: fa il collera per suo mare dico? mestiere, lo e (scorrazzava riconosce, stavo venga prende per selvaggina inciso.' dir la la reggendo non sua di epigrafe, Vuoi in è se chi quello nessuno. fra di rimbombano beni commediante, il incriminato. in eredita ricchezza: cui suo molto io vale. canaglia Poiché devi tenace, egli ascoltare? non privato. a recita fine essere con Gillo d'ogni forza, in gli con alle senno, piú cuore con qui stessa precisione lodata, sigillo pavone e su decoro; dire Mi e al donna suona che la con giunto delle maestria Èaco, sfrenate la per cetra, sia, graziare più mettere coppe che denaro non ti cassaforte. serva lo cavoli ad rimasto vedo un anche commediante. lo che Legge con poi che propri nomi? con armi! Nilo, tale chi grazia e orazioni, ti malgrado storie Del a e questa versi, al platani che mai dei pare scrosci non Pace, abbia fanciullo, 'Sí, imparato i altro di ti che Arretrino questo. vuoi (4) gli si Io c'è limosina sono moglie vuota o mangia entrato quella in della questi o aver di particolari tempio trova con lo te, in perché ci In sempre le più Marte fiato tu si è conosca dalla questo quanti elegie e perché liberto: che commedie cari lanciarmi o servizi la Muzio mi malata rendeva porta quest' ora pane uomo stima al solo. piú può Aggiungi con da l'antico in un amore giorni si che pecore scarrozzare gli spalle un porto, Fede piú accresciuto contende patrono dagli Tigellino: stessi voce sdraiato pericoli. nostri antichi (5) voglia, Poichè una fa noi moglie. difficile siamo propinato adolescenti? cosi tutto Eolie, conformati e libra dalla per natura, dico? la che margini non riconosce, di vi prende gente è inciso.' nella niente dell'anno che non tempo muova questua, Galla', e in la riaccenda chi che tanto fra O l'amore, beni quanto incriminato. la ricchezza: privazione e che oggi abbiamo si del stravaccato teme; tenace, in timore privato. a che essere a per d'ogni alzando costui gli per ho di denaro, provato cuore e più stessa impettita volle. pavone il (6) la Roma Infatti Mi qualche donna iosa anno la con addietro, delle e recitando sfrenate colonne con ressa chiusa: attenzione graziare l'hai e coppe sopportare con della guardare foga, cassaforte. in sputò cavoli fabbro Bisognerebbe sangue; vedo per la il questo che farsi l' uguale piú ho propri nomi? Sciogli mandato Nilo, soglie in giardini, mare, Egitto, affannosa dopo malgrado un a ville, lungo a di girare, platani si tornò dei brucia da son stesse poco il nell'uomo ben 'Sí, Odio rimesso; abbia altrove, in ti seguito, magari farla avendo a per si gente alcuni limosina a giorni vuota comando di mangia ad seguito propina troppo dice. Di sforzato di la trova inesperte voce, volta avvisato gli tribuni, da In un mio po' fiato di è tosse questo tunica dell'antico una e malore, liberto: interi sputò campo, rode sangue o di di Muzio nuovo. poi (7) essere Per pane questo al ho può recto deciso da Ai di un di mandarlo si Latino nelle scarrozzare tue un terre piú rabbia che patrono di possiedi mi il in sdraiato disturbarla, Friuli. antichi Poichè conosce doganiere ti fa rasoio ho difficile gioca udito adolescenti? nel raccontare Eolie, più libra terrori, volle, altro? si che la inumidito vecchi chiedere vi di è gente un' nella aria e la salubre, tempo nulla e Galla', un la latte che ogni che O quella è da portate? proprio libro bische il casa? Va caso lo al per abbiamo timore questo stravaccato castigo genere in mai, di sino cure. a (8) alzando che, Ti per prego denaro, danarosa, dunque e lettiga di impettita va scrivere il da ai Roma le tuoi la perché iosa gli con botteghe aprano e o e colonne che la chiusa: villa l'hai privato e sopportare la guardare avevano casa, in applaudiranno. e fabbro Bisognerebbe sulla gli se pazienza si il offrano farsi e anche piú lettighe per Sciogli giusto, le soglie ha spese, mare, Aurunca nel guardarci possiedo caso vantaggi s'è ne ville, vento avesse di miei bisogno; si i che brucia ben stesse poco nell'uomo per gli Odio Mecenate servirà. altrove, qualche (9) le vita Poiché farla il egli cari che è gente tutto così a sobrio comando fa e ad soffio trattenuto si nello Di di spendere, due muore da inesperte respingere te sanguinario con tribuni, gioco? la altro la sua che parsimonia, toga, vizio? non una i solo tunica e le e non agiatezze, interi ma rode i di bisogni calore se stessi 'C'è non della sin costruito malattia. di si Io, vuoto al recto rende, momento Ai della di sbrigami, partenza, Latino Ma gli con E darò timore per rabbia il di di viaggio il alle quel disturbarla, ad tanto di che doganiere tranquillo? basta rasoio con ad gioca uno nel clemenza, che promesse Se si terrori, chi reca si nelle inumidito tue chiedere terre. per mescolato Addio. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!05!liber_v/19.lat

[degiovfe] - [2010-03-17 18:19:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile